Un Paese che dovrebbe uscire dall’euro

COME SI ESCE DALLEURO-Blog-VideoIcon

di Valerio Valentini
“Ebbene sì: questo Paese dovrebbe uscire dall’euro. Immediatamente. La ragione è molto semplice: restare nell’euro comporta una depressione incredibilmente aspra, che durerà per molti anni e vanificherà qualunque sforzo di ricostruire il settore delle esportazioni. Abbandonare l’euro, invece, e svalutare in modo sensibile la nuova moneta, accelererebbe notevolmente quel processo di ricostruzione.

Aiutami a continuare a fare informazione libera

 

Se si analizzano i dati relativi al commercio del Paese, risulta evidente quanto è grande il danno che esso sta per subire. Si tratta di un mercato estremamente aperto il cui unico settore davvero attraente per l’estero, o almeno l’unico rimasto ancora in piedi, è il turismo. Ora, gli organismi internazionali (UE, BCE, FMI), continuano ad imporre nuove misure di austerità, anche se il Paese ha un saldo primario (cioè senza contare gli interessi sul debito) attivo, con un surplus che ammonta a 15,6 miliardi per il 2011. Non mi sorprenderebbe, però, se a furia di austerità il Pil reale crollasse del 20%.

Qual è, dunque, la strada da seguire? Questo Paese ha bisogno di un vero e proprio boom del turismo, insieme ad una rapida crescita delle esportazioni, utilizzando come settore trainante quello dell’agricoltura, che deve essere rivitalizzato. L’unica soluzione per far ciò è una forte svalutazione; questo contribuirebbe con ogni probabilità ad attrarre turisti ed investitori stranieri. Se invece si volessero ottenere gli stessi risultati ricorrendo al taglio drastico degli stipendi pubblici e del welfare, il processo sarebbe molto più lungo, e causerebbe molti più danni, sia in termini sociali sia in termini economici. Stabilito questo, si potrebbe discutere su come praticamente attuare queste soluzioni, cioè attraverso una temporanea chiusura della banche e un controllo del flusso dei capitali; e anche per quanto riguarda il contante, si potrebbe intanto ricorrere a degli appositi bancomat, senza dover per forza aspettare che qualcuno corra a stampare le nuove banconote.

È vero: tutto suona dannatamente disperato ed improvvisato. Ma la situazione in cui ci troviamo è, appunto, disperata! Se rifiutassimo questa strategia, ci ritroveremmo ad accettare le stesse misure di austerità che stanno devastando la Grecia, o forse anche peggiori. Ma sono sicuro che nulla di tutto quello che ho proposto accadrà. E questo perché le istituzioni del Paese temono il salto nel buio rappresentato dall’uscita dall’euro, e preferiscono invece la certezza dello sfacelo che deriva dal rimanere all’intero della moneta unica. Come ho già detto, io sono convinto che abbandonare l’euro sia adesso la cosa migliore da fare.”

A pronunciare queste parole – al netto di qualche trascurabile differenza – è stato non un antieuropeista, disfattista e irresponsabile, ma il premio nobel per l’economia Paul Krugman. Però potete tranquillizzarvi: Krugman si riferiva a Cipro, non all’Italia.

 

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

249 risposte a Un Paese che dovrebbe uscire dall’euro

  • 91
    Grigio

    Spero proprio che si sbagli, ma se questo conosciuto blogger non si sbaglia, ammettendo di aver solo delirato, allora le cose cominceranno a prendere una piega molto molto brutta…

    http://www.rischiocalcolato.it/2013/04/allarme-monti-convoca-il-consiglio-dei-ministri-nel-week-end-patrimoniale-controllo-dei-capitali-fallimento-di-una-grande-banca-oppure.html

    • 91.1
      che.caspita

      A proposito di storia da studiare, neanche la piu’ recente ci insegna qualcosa

      Su Rischiocalcolato il blog di Riecho ” le 4 lezioni di Cipro”. Buona fortuna a tutti!

    • 91.2
      novecento

      C****zo è inquietante questo post!

      grazie amico

  • 90
    james62

    A proposito di euro, vi linko un post che ho trovato sul blog di Grillo, che non vede cosi’ facile un’uscita unilaterale dell’Italia dall’euro:

     

    http://www.tzetze.it/2013/04/lallegra_banda_del_torniamo_alla_lira_e_tutto_si_aggiuster_purtroppo_non_capisce_una_cippa_di_mercat/index.html

     

    Tutto sommato le argomentazioni di questo signore non mi sembrano del tutto campate in aria e la sua conclusione e’ che, se proprio dobbiamo uscire dall’euro, sarebbe meglio creare due aree euro, con un’area sud che comprende anche la Francia.

    Anche se non  fa mai il nome, credo che quando parla di economisti che non sanno una cippa di mercati finanziari pensasse (anche) a Bagnai. Infatti cita esplicitamente il riferimento alla svaluatzione della lira del 1992, a cui Bagnai si attacca spesso per dimostrare i suoi ragionamenti. Ma, a detta dell’autore, il contesto globale del 1992 era completamente diverso da quello di oggi, per cui svaluatre oggi una moneta nazionale in Italia e’ molto piu’ rischioso, perche’ piu’ esposti all’attaco speculativo.

    • 90.1
      Andrea90

      Questa è l’ economia: è difficile trovare economisti concordi sui problemi, a maggior ragione per quanto riguarda le soluzioni.

      Comunque il prof Bagnai sul suo blog dice chiaramente che il problema dell’ unione monetaria europea sta nell’ aver unito economie troppo diverse fra di loro, per questo incompatibili, al contrario ad esempio degli USA.

      Per attuare un’ unione monetaria devono essere soddisfatti alcuni parametri da parte degli stati, non ho il post sottomano ma c’ era anche un termine del prof. Bagnai che indicava gli stati adatti a implementare un’ unione monetaria solida, il problema è che l’ unione europea non soddisfa tali parametri. Se vuoi prova a chiedere lumi, forse un’ unione monetaria tra paesi del sud Europa sarebbe fattibile senza sortire le stesse conseguenze (mi pare che anche in matematica per risolvere un’ equazione a volte si debba restringere il campo delle soluzioni ad un sottoinsieme numerico :-))

      Se trovo il post in cui lo spiega lo linko.

    • 90.2
      Andrea90

      Questa è l’ economia: è difficile trovare economisti concordi sui problemi, a maggior ragione per quanto riguarda le soluzioni.

      Comunque il prof Bagnai sul suo blog dice chiaramente che il problema dell’ unione monetaria europea sta nell’ aver unito economie troppo diverse fra di loro, per questo incompatibili, al contrario ad esempio degli USA.

      Per attuare un’ unione monetaria devono essere soddisfatti alcuni parametri da parte degli stati, non ho il post sottomano ma c’ era anche un termine del prof. Bagnai che indicava gli stati adatti a implementare un’ unione monetaria solida, il problema è che l’ unione europea non soddisfa tali parametri. Se vuoi prova a chiedere lumi, forse un’ unione monetaria tra paesi del sud Europa sarebbe fattibile senza sortire le stesse conseguenze (mi pare che anche in matematica per risolvere un’ equazione a volte si debba restringere il campo delle soluzioni ad un sottoinsieme numerico :-))

      Se trovo il post in cui lo spiega lo linko.

    • 90.3
      Andrea90

      Questa è l’ economia: è difficile trovare economisti concordi sui problemi, a maggior ragione per quanto riguarda le soluzioni.

      Comunque il prof Bagnai sul suo blog dice chiaramente che il problema dell’ unione monetaria europea sta nell’ aver unito economie troppo diverse fra di loro, per questo incompatibili, al contrario ad esempio degli USA.

      Per attuare un’ unione monetaria devono essere soddisfatti alcuni parametri da parte degli stati, non ho il post sottomano ma c’ era anche un termine del prof. Bagnai che indicava gli stati adatti a implementare un’ unione monetaria solida, il problema è che l’ unione europea non soddisfa tali parametri. Se vuoi prova a chiedere lumi, forse un’ unione monetaria tra paesi del sud Europa sarebbe fattibile senza sortire le stesse conseguenze (mi pare che anche in matematica per risolvere un’ equazione a volte si debba restringere il campo delle soluzioni ad un sottoinsieme numerico :-))

      Se trovo il post in cui lo spiega lo linko.

    • 90.4
      Andrea90

      Vero, anche il prof Valerio Valentini ammette le difficoltà dell’ uscita dall’ euro, infatti mantiene un atteggiamento prudente, da buon economista e non da santone con la verità in tasca (comunque dichiara che per l’ Italia sarebbe più facile l’ uscita dall’ eurozona al contrario della Grecia). Certo con il governo che ci troviamo ora non credo verranno fatte grandi discussioni in questo senso, spero di sbagliarmi ma la sensazione è questa.

      Questo vuol dire che comunque l’uscita non e’ una passeggiata e bisogna esserne consapevoli, tutto qua

      Spiacente con la divulgazione e l’ informazione (su media tradizionali) che abbiamo in Italia temo che il massimo della divulgazione che sentiremo saranno i 10 minuti a testa a Servizio pubblico o l’ ultima parola; aggiungi il fatto che molti cittadini non prenderebbero in mano un libro di economia di base manco se costasse loro il plotone d’ esecuzione e capirai che molto probabilmente dovremo ancora affidarci a qualche guru o teoria preconfezionata (senza magari capirla), mi spiace davvero dirlo.

      Non vorrei sembrare quello che contesta tutto quello che viene detto su questo blog, perche’ non e’ cosi’

      Se siamo arrivati al punto che un utente quasi si debba scusare per i commenti che posta forse è il caso di farsi qualche domanda,ci si deve chiedere il perchè, e come mai l’atmosfera sia diventata così tesa i questo blog. Che io ricordi questo sito è di Claudio Messora, se non ti ha bannato o moderato lui non vedo perchè dovresti scusarti con alcunchè.

      Saluti

    • 90.5
      james62

      Non vorrei sembrare quello che contesta tutto quello che viene detto su questo blog, perche’ non e’ cosi’.  Sull’euro sono tra i sostenitori dell’uscita, ma ho l’abitudine di non affrontare le cose con l’entusiamo di un adolescente, che e’ l’atteggiamento prevalente tra i NO Euro. Tra l’altro anche l’autore del post che ho linkato non e’ un sostenitore dell’euro. Quello che non si puo’ non notare e’ che mentre e’ molto elevato il numero di economisti che ritengono sia stato un colossale errore essere entrati nell’euro, il numero di economisti che sono pronti a uscire domani, cosi’ su due piedi, e’ molto piu’ basso. Questo vuol dire che comunque l’uscita non e’ una passeggiata e bisogna esserne consapevoli, tutto qua. Se poi si riesce a trovare anche una via di uscita non drastica, come la creazione di due euro, anche solo come step intermedio, penso sia giusto parlarne. Se poi ad uscire per prima dall’euro fosse la Germania, credo che il tutto sarebbe piu’ semplice per noi.

    • 90.6
      Euroleso

      O si stampa moneta sovrana o si muore! (imprenditori a parte; quelli che si suicidano).

      Attenzione! lo dico io che non capisco un mazzo. Ma anche se sono completamente folle e presuntuoso, qualche dubbio vi verrà.

  • 89
    supergulp

    Se usciamo dall’euro in due mesi stiamo peggio dell’albania.

    Ma tanto il muro sta già venebndo giù http://www.orticalab.it/La-prima-breccia

  • 88
    Mario Capuozzo

    Credo che uscire dall’Euro e svalutare la Lira non risolverebbe molto nei confronti dell’Europa in quanto gli altri stati rimasti applicherebbero dei dazi doganali di ingresso delle merci prodotte in italia pari almeno al valore della svalutazione effettuata, con gli USA, Cina Giappone i dazi già ci sono !!!!
    Se fosse così facile perché allora la Grecia non è uscita ? Perché il Portogallo non è uscito ?

    • 88.1
      00288400

      L’inghilterra non ha l’euro, ma non ha di questi problemi….

      Con una moneta sovrana non sono più le esportazioni che generano ricchezza, ma sono le importazioni a generarla!  Perchè esporti? Vendi all’esterno beni e servizi per acquisire moneta da reinvestire nella attività produttive. Ma se tu puoi emettere moneta al tuo interno, che ti serve acquisire moneta dall’esterno?

      Spendere a deficit positivo è la ricchezza di un paese che può creare così debito pubblico, CIOE’ RICCHEZZA per i cittadini, fino al limite delle risorse disponibili e della piena occupazione.

      Solo in questa ipotesi di piena occupazione si può pensare di diminuire la massa monetaria con il prelievo fiscale o con l’emissione di titoli del debito per contrastare l’inflazione.

      Se vuoi approfondire l’argomento puoi leggere quì: 

      http://memmt.info/site/programma/

       

       

       

       

       

  • 87
    mauriard

    Ho letto i commenti di questo post e posso cocludere che ne sapete molto di economia politica. Vorrei proporvi una provocazione: cosa ne pensate di far uscire la Germania dall’Europa?

    • 87.1
      mauriard

      Basta spostare il punto di vista per mettere in crisi anche le menti più illuminate.

    • 87.2
      Euroleso

      A cannonate, o a calci nel sedere?

    • 87.3
      00288400

      La Germania uscirà dall’eurozona ancor prima dell’Italia e noi rimarremo gli ultimi baluardi a difendere un’europa che non è esistita fin’ora e non esisterà mai su queste basi!

      La Germania saprà uscirne al momento giusto, quando per tutti gli altri sarà ormai troppo tardi….!

  • 86
    bakib62

    A me interessano solo i risultati non il come,se facciamo i puri e non otteniamo niente o se facciamo l’accordo e non otteniamo nientesarà comunque una delusione feroce.Quindi spero solo che chi ne ha la possibilità abbia la capacità di portare a casa almeno qualcuno dei punti per i quali ci siamo trovati dalla stessa parte della barricata.Viceversa sarà stato un fallimento e per quel che mi riguarda fine della storia.

  • 85
    jozz

    Sono un “attivista” che ha votato il mcs mi sento, quindi di chiosare sulla diatriba sull’euro: dal mio punto di vista il peccato originale è stato il tasso di conversione, prodi e co hanno accettato un tasso che, di fatto ha dimezzato il valore dei risparmi degli italiani come pure il controvalore di salari e stipendi. Un tasso accettabile sarebbe stato intorno alle1200 lire per euro tenendo conto del livello di indebitamento del paese.

    Altro peccato è stato non saper sfruttare (come invece hanno fatto i tedeschi e altri ) i finanziamenti europei allo sviluppo (FARS) CUI CONTRIBUIAMO PER più del 20 % e che utilizziamo per meno del 5 %  e questo peccato ca interamente accollato a Politica del malaffare e Burocrazia connivente e rapace.

    A questo punto, la soluzione non è uscire dall’euro ma RINEGOZIARE IL DEBITO : ai creditori istituzionale  va rimborsato in tempi lunghi (quelli consentiti dall’andamento della crisi)   e al tasso pari a quello che la BCE applica per le banche (1%)

    i creditori privati vanno salvaguardati aggiungendo al suddetto tasso un incremento pari al tasso d’inflazione.

    Questo metodo consentirebbe di spostare risorse sulle attività produttive e sulla salvaguardia dell’ambiente e dei beni cultura

    Jozz
    • 85.1
      carlettob72

      Ciao Luxor,

      è chiaro che per egemonia si intende anche quello che dici tu…fanno pesare la loro forza economica…forse anche troppo…ricordo che la crisi dello spread italiano è nata nel momento in cui loro hanno cominciato a vendere i btp…quindi gli interessi se li sono già ripresi….

      Per forza, comunque, si intende anche la forza del PIL tedesco, del basso debito pubblico in rapporto al PIL…del fatto che essendo quelli messi meglio per i salvataggi sono quelli che tirano fuori più soldi….però è anche vero che ai tedeschi l’europa e l’euro così com’è conviene troppo…e si opporranno a qualsiasi cambiamento che possa essere anche minimamente di riequilibrio…

      Quindi siamo d’accordo…come si fa a fare un’unione con gente che concepisce l’euro e l’unione europea solo come vantaggio proprio???

      E’ possibile che si arrivi all’ipotesi della spaccatura tra i paesi periferici e i paesi forti…

      Ciao

    • 85.2
      luxor

      lasciamo perdere il “peccato originale” che e’ frutto di una mela avvelenata e che comunque e’ il risultato di una media tecnicamente difficile da comprendere per i profani della materia, vorrei ricordarti che quando si dice rinegoziare il debito  si dice una cosa alquanto impossibile:

      chi si presenta a rinegoziarlo? Grillo? Monti? Bersani? Berlusconi?Alfano? Renzi?

      capisci anche te che ci vorrebbe un governo forte, con l’appoggio di un’intera nazione. 

      Lasciamo perdere l’aspetto politico e concentriamoci sull’aspetto tecnico:

      il problema non e’ solo italiano ma di tutti i paesi denominati PIIGS con l’aggiunta di Cipro e tra pochissimo della Slovenia, poi c’e’ la virtuosa Olanda che scricchiola ed infine la Francia che e’ messa male.

      e la domanda ti deve sorgere spontanea: MA ALLORA COSA C’ENTRA IL DEBITO QUANDO HANNO PROBLEMI STATI DIVERSI CON DEBITI DIVERSI MA CHE HANNO IN COMUNE LA MONETA?

       

    • 85.3
      luxor

      scusa Carletto, ma e’ meglio se ci capiamo.

      cosa si intende per EGEMONIA della Germania?

      che sono alti, biondi e vogliono sottometterci per spirito imperialistico?

      assolutamente no. si intende egemonia della Germania semplicemente perche’ ci hanno invaso di una valanga di soldi e merci, quindi loro sono CREDITORI E NOI SIAMO DEBITORI nei loro confronti. loro esigono solamente indietro i loro investimenti con congrui interessi. di conseguenza COMANDANO sulle nostre teste, alla faccia dell’Europa Unita. per questo motivo si dice che ci stiamo avvicinando al fallimento del mercato, perche’ ci sono troppi squilibri tra i diversi paesi della stessa unione monetaria.

      e qui e’ il limite dell’europa: non si collabora tra creditori e debitori.dimenticandosi che se io sono esposto verso di te con enormi debiti il problema e’ anche tuo, perche’ non sai se vedrai indietro quello che mi hai dato.

    • 85.4
      carlettob72

      La questione dell’euro non è ben posta secondo me….l’unica cosa certa sull’argomento è che l’euro e l’europa così com’è non funzionano e bisogna trovare il modo di farli funzionare. Mi interrogherei piuttosto su questo e su come risolvere il problema che la Germania non vorrà rinunciare facilemente alla attuale Egemonia…

      Aggiungo che non esiste nemmeno una unione europea se non sulla carta…ogni stato ragiona a sè e con i suoi egoismi…quindi in realtà l’europa non esiste e la moneta così comè ci sta strangolando…

      Io più che chiedermi se uscire o no dall’euro mi chiederei come riorganizzare i paesi cosiddetti periferici per evitare che siano Sottomessi dai paesi come la Germania…come uniformare l’intera europa…

      Eventualmente per i PIIGS sarebbe meglio far uscire la Germania dall’euro che uscire noi uno ad uno…

      L’esperimento di uscita dall’euro probabilmente lo proveranno prima con Cipro…ma ripeto, io butterei fuori la Germania…

       

  • 84
    bakib62

    Ciao ho letto sulla mmt sul sito di Barnard, poi ho dato uno sguardo in giro sulla rete e come al solito ci sono un sacco di blog che la smontano pezzo su pezzo con altrettanto forbite argomentazioni.

    http://irradiazioni.wordpress.com/2013/03/11/bagnai-bisin-barnard-e-la-fuffa-delluscita-dalleuro/

    Tutte queste ipotesi se non vengono verificate alla prova dei fatti hanno il sapore delle previsioni del tempo fatte una settimana prima.

    A chi credere a meteo.it, al contadino che gli fa male il callo …

    00288400 ha scritto :
    L’inghilterra non ha l’euro, ma non ha di questi problemi…. Con una moneta sovrana non sono più le esportazioni che generano ricchezza, ma sono le importazioni a generarla!  Perchè esporti? Vendi all’esterno beni e servizi per acquisire moneta da reinvestire nella attività produttive. Ma se tu puoi emettere moneta al tuo interno, che ti serve acquisire moneta dall’esterno? Spendere a deficit positivo è la ricchezza di un paese che può creare così debito pubblico, CIOE’ RICCHEZZA per i cittadini, fino al limite delle risorse disponibili e della piena occupazione. Solo in questa ipotesi di piena occupazione si può pensare di diminuire la massa monetaria con il prelievo fiscale o con l’emissione di titoli del debito per contrastare l’inflazione. Se vuoi approfondire l’argomento puoi leggere quì:  http://memmt.info/site/programma/          

    • 84.1
      Euroleso

      Forse leggere qualcosa di Joseph Stiglitz  e Paul Krugman e le loro opinioni sull’uscita dall’Euro ti potrà essere d’aiuto.

  • 83
    novecento

    Laionart79 ha scritto :
    Grande Maestro Euroleso, posso chiederle l’onore di argomentare, spiegare a noi poveri mortali che ci stiamo sforzando di capire cose di cui non ci eravamo occupati prima d’ora, in spirito Cinque Stelle che agevola la partecipazione attiva, oppure Le stiamo chiedendo troppo rischiando di oscurare la sua abbagliante luce? Stiamo chiedendo lumi, ci sentiamo rispondere con insulti e prese in giro.

    Si Laionart, hai ragione, piuttosto che mettere in comune le proprie conoscenza per aiutarci reciprocamente a capire, c’e’ sempre qualcuno che vuole pisciare piu’ lontano di tutti. Voglio ricordare che solo l’esercizio della modestia è sinonimo d’intelletto. Cercare di capire e districarsi fra gli insulti e l’arroganza è faticoso, un po’ come pulirsi il c**o con i coriandoli.

    • 83.1
      Euroleso

      @novecento

      Questa manfrina non l’ho capita. Anche perché a Laionart79 non ho proferito né insulti né prese in giro. Tra l’altro gli ho già risposto. Cioè, uno sbuca dal nulla (Laionart79) e mi si rivolge altezzoso come se gli avessi insultato la madre. Io avevo detto a bakib62 che non mi sembrava che facesse ragionamenti da ingegnere, visto che mi risulta che i laureati in questo genere di discipline si documentano sempre prima di parlare. Quindi l’uscita di Laionart79 è stata, nei miei confronti, completamente gratuita. O devo pensare che c’è dell’altro? Ho punzecchiato per caso qualche prima donna del teatrino politico? Se mi rispondi te ne sarei grato. Anche perché io, considerata l’età che porto, non riesco a tirarla lontano, e quasi quasi mi piscio sulle scarpe.

  • 82
    Euroleso

    Il PD fa sistematicamente mistificazione sull’Europa. Non perde mai occasione. Anche il discorso d’insediamento della Boldrini alla Camera, conteneva parole altisonanti sull’Europa dei popoli, di cui sino ad oggi non se n’è vista neanche l’ombra. Ma la verità qual’è? Nell’estate del 2012 il governo approva Fiscal Compact, MES, pareggio di bilancio, con relativa modifica della costituzione (cioè calpestandola per il salvataggio dell’Euro). Più avanti il giullare di corte Benigni fa una trasmissione sulla costituzione “La più bella”; ma non si capisce se si riferisce a quella originaria o a quella modificata. Ci prendono pure in giro. Mario Monti finanzia con 3,5 miliardi di Euro Monte Paschi Siena, nota banca di maneggio PD. Concludendo: Il motivo per cui il PD è europeista dell’Europa dell’Euro e non di quella dei popoli ci sarà, o no?

     

    E c’è ancora qualcuno che dubita se bisogna uscire dall’Euro …

  • 81
    novecento

    Smanettando un po’  su youtube ho trovato questa cosa pubblicata da messora a giugno dell’anno scorso. Non l’avevo mai vista e sono rimasto pietrificato. Se fa una cosa del genere Berlusconi diventa l’eroe italiano che salvo’ l’europa, gli faranno i monumenti in tutto il mondo. Sarà un po’ come padre Pio.

    Guardate ragazzi e per favore esprimete il vostro parere

    https://www.youtube.com/watch?v=cSsF7vpYgd0

     

  • 80
    00288400

     Interessante sintesi:

    10 motivi per tornare alla lira

    di Dario De Angelis
    1. tornando alla lira il governo italiano potrà abbassare le tasse subito. Il dramma dell’euro risiede nel fatto che la sua adozione costringe a politiche pro-cicliche; significa che in un periodo di crisi il governo deve aumentare le tasse, peggiorando cosi la situazione della gente. Via l’IVA, decremento del costo del lavoro subito;
    2. tornando alla lira l’Italia potrà agire, attraverso incentivi/disincentivi o investimenti diretti, per migliorare la situazione ambientale del Paese. Sarà in grado di adottare quelle politiche di cui beneficia l’ambiente, quindi noi. Lo Stato deve essere in grado di agire nelle aree dove il privato latita perché non vede nessun profitto immediato;
    3. sarà possibile pagare immediatamente, sottolineo subito, i debiti che la pubblica amministrazione ha con le aziende. Dare loro respiro, ora;
    4. sarà ridotto il prezzo dei carburanti. Con la lira le accise diverranno inutili poiché uno Stato a moneta sovrana non si finanzia con le tasse. I soldi non vengono dal tuo portafoglio poiché li crea autonomamente lo Stato. Con l’euro, lo Stato italiano deve prendere in prestito denaro presso le banche come se fosse un qualsiasi privato, e per questo non può essere l’àncora di salvezza nei periodi di crisi. Oggi un cittadino in difficoltà è lasciato solo, a meno che non trovi assistenza all’interno del nucleo familiare;
    5. perché l’Unione Europea preleverà parte dei nostri risparmi, è questione di tempo. Ora ha eseguito un test a Cipro per valutare la fattibilità. Hanno visto che si può fare, i prossimi potremmo essere noi;
    6. sarà possibile adottare programmi di piena occupazione verso chiunque sia disposto a lavorare, uomo, donna, disabile, a un reddito lievemente inferiore a quello previsto per la stessa mansione nel settore privato;
    7. l’Italia, abbandonando l’euro, e potendo acquistare tutto ciò che è prezzato nella valuta che emette, potrà programmare miglioramenti infrastrutturali significativi, in grado di incrementare il benessere di tutti: sistemi fognari e distribuzione idrica, strade, ponti, marciapiedi, inoltre, trasporto pubblico, insegnanti, dottorandi, aule scolastiche, lampioni a efficienza energetica, attrezzature sanitarie, pulizia, sicurezza pubblica, cancellerie dei tribunali, ecc.ecc;
    8. diremo addio alla perniciosa strategia neomercantilista dell’export. Il guadagno reale è dato da tutto ciò che produciamo noi (fino alla piena occupazione) più quello che producono molto meglio soggetti esteri. Adottare la nuova lira è necessario per rigettare il piano dell’elite europee che prevede per i lavoratori europei condizioni di lavoro neo-feudali;
    9. lo Stato deve tornare ad adempiere all’unico compito per cui esiste: garantire ai cittadini la sicurezza del futuro, deve rappresentare la base per eliminare quell’ansia per cui domani potrebbe caderci il mondo addosso. I cittadini devono esigere questo e controllare il corretto funzionamento della macchina statale;
    10. tornare alla nuova lira perché dobbiamo tornare Italia, perché l’Europa e nessun altro continente merita questo scempio. L’Unione Europea non ce lo permetterà mai.

    http://memmt.info/site/10-motivi-per-tornare-alla-lira/

    • 80.1
      Euroleso

      Questo articolo vuole rappresentare una proposta su cui riflettere. Ha avuto inizio un attacco durissimo per screditare chi sostiene un ritorno al benessere e alla prosperità, che passa esclusivamente attraverso il recupero della sovranità monetaria. Non c’è altra strada.

      Ti sei dimenticato questo. E naturalmente molti detrattori non saranno d’accordo.

  • 79
    00288400

    novecento ha scritto :
    https://www.youtube.com/watch?v=cSsF7vpYgd0

     

    Avevo già visto questo video di Messora ed avevo sperato anche io…  Poi appena i mercati si sono accorti delle intenzioni di Berlusconi hanno iniziato ad aggredire le sue aziende con le speculazioni scientifiche e mirate a far crollare le sue aziende e lui per non perdere tutto è ritornato tra le fila allineato con la coda tra le gambe!

    Berlusconi sa bene che uscire dall’euro è la nostra unica e sola via di salvezza, ma è anche imprenditore con tanti interessi e tanti affari a 360° per cui un uomo ricattabile e che ha MOLTO DA PERDERE se si mette contro le fortissime lobby bancarie e finanziarie. La cosa è più grande di lui!

    Questa è una manovra politica che possiamo fare NOI cittadini se mai saremo al governo, (il M5S ce ne sta dando la possibilità) perchè noi non abbiamo nulla da perdere, noi non siamo ricattabili, noi non rispondiamo a nessuno se non a noi stessi cittadini!

    • 79.1
      novecento

      Grazie mille 002…..

      Grazie per la velocità. Effettivamente non ci avevo pensato a questa cosa della ricattabilità di Berlusconi. In effetti adesso che me lo hai fatto notare, ricordo che è stato proprio per questo che ha lasciato il posto a Monti senza discutere. Mi viene anche in mente che in quel periodo aveva perso il 15% dell’intero fatturato Mediaset….e che goldman sachs aveva fatto in modo che lo spred salisse quasi a 700 punti….Grazie per avermelo ricordato.

  • 78
    paola f

    Penso che questo sia il miglior parlamento degli ultimi 60 anni. Da elettrice vorrei poter esprimere al movimento che ho votato la mia preferenza in fatto di alleanze di governo per porre fine a questi sofismi politici che non capisco, essendo immersa in realtà quotidiane di sofferenze. Allora avanti con le commissioni, introduciamo i referendum consultativi e si chiudano le diatribe lasciando la parola ai cittadini in modo democratico. buon lavoro

  • 77
    Tdk200

    Salve a voi tutti del blog, Ciao Claudio Messora.
    Volevo portarvi all’attenzione delle mie domande ad amici economisti che hanno studiato alla Bocconi e alla Cattolica di Milano.
    Parlando con questi miei amici, alcuni già laureati altri in dirittura d’arrivo per la laurea, ho chiesto loro qual’era la migliore cosa da fare per migliorare la situazione economica in Italia.
    Facendo questa domanda, ho proposto loro di dare uno sguardo al sito Simec.org di un gruppo di follower del prof. Giacinto Auriti.
    I miei amici mi hanno risposto che l’Italia non deve uscire dall’euro perchè sarebbe un disastro per la nazione, e per loro è normalissimo che la nostra Italia resti succube del sistema anche rischiando di divenire colonia di qualche privato.
    Comunque per quanto riguarda invece il simec, non mi hanno dato la gioia di poter arrivare ad un dibattito sulla questione, hanno totalmente assecondato la mia richiesta di andare a dare un occhiata, facendo in modo di farmi capire che sono muniti di paraocchi simili a quelli di cavalli che permettono di guardare solo in una direzione.
    Tutto ciò che io gli ho fatto notare, per loro risulta soltanto essere frutto di scemenze e cose senza senso accantonate da parte senza poter verificarle assieme.
    Io sono rimasto basito dal loro comportamento.

    • 77.1
      che.caspita

      Guarda! non chiedergli piu’ niente. in Italia ci sono piu’ economisti che formiche e come dire, siamo tutti allenatori di calcio

  • 76
    bakib62

    Grazie 00288400 il confronto con Voi per me è comunque un’arricchimento e non smetteró di riflettere sulle vostre argomentazioni leggendo (tempo permettendo) quello che mi proponte.

  • 75
    bakib62

    Io per esempio ho questa:Brighi illustra una bella Teoria/percorso però piazza qua e la qualche ipotesi e non approfondisce piu di tanto cosa succederebbe se alla prova dei fatti fossero sbagliate (non c’è niente di male può succedere).Bene invece in quel caso molti sostengono che sarebbe una catastrofe peggiore della situazione attuale. Se vuoi è un po come il discorso sul nucleare in assenza di tsunami e scorie sarebbe un discorso perfetto peccsto che …

    • 75.1
      Euroleso

      Alla fine, uno capisce tutto … e soprattutto capisce che le discussioni si fanno inutili; c’è molta ostinazione nei tuoi discorsi. Rilassati, non ne vale la pena.

  • 74
    00288400

    Bakib, è apprezzabile il tuo sforzo di conoscenza e per questo hai tutta la mia stima!  Leggere contemporaneamente delle tesi contrapposte non deve generare nella tua mente confusione, perchè tu hai una mente pensante e capacità critica di giudizio.  Non ti affidare a corpo morto alle teorie ma ragiona con la tua testa e vedrai che la logica ti porterà alla giusta conclusione. Non mi sento di doverti convincere assolutamente perchè rispetto la tua intelligenza!

    Come ti ho detto tu non hai sovrastrutture, come i laureati in economia alla Bocconi o alla Sapienza a cui è stato fatto il lavaggio del cervello fina da quando erano matricole! Loro hanno perso qualsiasi capacità critica di analisi oggettiva e la capacità di mettere in discussione le loro belle tesi fatte con il relatore di turno su argomenti su base sempre e comunque di economia liberista! 

    Se a valle di tutte le tue ricerche e letture avrai maturato una tua idea logica ed argomentata allora sarai nelle migliori condizioni per esprimere il giusto voto al referendum sull’euro. Qualunque esso sia se espresso in buona fede! Per concludere io posso solo dirti che la realtà aiuta più di tutte le teorie, perchè la verità sta sempre nei fatti.  Fai un parallelo tra la tua condizione di dieci anni fà e raffrontala a quella di adesso, considerando anche le prospettive che ti si pongono di fronte.  E’ comunque un piacere averti incrociato!

     

     

  • 73
    supergulp

    Se usciamo dall’euro in due mesi stiamo peggio dell’albania.

    Ma tanto il muro sta già venebndo giù http://www.prticalab.it/La-prima-breccia

  • 72
    MAXIMUS

    Quella dell’euro è una storia di passaggio dalla democrazia alla plutocrazia.

    Abbiamo rinunciato alla nostra sovranità monetaria, importante e sostanziale quanto i tre poteri democratici classici (legislativo, esecutivo, giurisdizionale), per costruire un gigantesco sistema studiato per garantire una rendita “reale” sicura per i mercati.

    I mercati sono la nuova divinità di riferimento per gente come Monti, Napolitano, Prodi, Amato & c., ma cosa sono?

    Sono banche d’affari, banche commerciali, hedge fund, fondi pensione, assicurazioni, fondi speculativi che investono capitali…

    Se riprendessimo la nostra sovranità monetaria, riacquisiremmo la possibilità di emettere moneta per l’interesse pubblico, pubblicizzando il signoraggio monetario, riducendo enormemente quel drenaggio annuale di interessi, che ci sottrae ricchezza a vantaggio della finanza.

    Potremmo riattivare la spesa pubblica riparando le scuole, rifacendo le strade e le ferovie, abbattendo le liste di attesa nella sanità e tutte le altre cose fondamentali per la vita dei cittadini.

    Via dall’Unione Plutocratica Europea (UPE)!!!

  • 71
    bakib62

    Ragazzi continuate a rimbalzarmi su leggi questo e leggi quello ed Io in buona fede ci provo, ma forse dovreste leggerle bene anche Voi le referenze che mi date perche` non e` che siano cosi` allineate.

    Per esempio il manifesto dei 700 Economisti non e` che sostiene spada tratta l’uscita dall’Euro, ma solo come estrema ratio se non si riescono a rilassare i vincoli di bilancio che ci sono imposti.

    Poi ci sono quelli che dicono che l’adozione dell’Euro e` stata una iattura ma che l’uscita sarebbe peggio o comunque un bagno di sangue (tra cui mi pare lo stesso Krugman che Tu citi)

    Se poi Ti sposti dalla serie di opinioni (PRO uscita) che si autoreferenziano in qualche modo a quelle che invece dissentono (tra cui anche quelle citate da james62) trovi un’infinita varieta` di altre opinioni da leggere.

     

    Sta storia di leggere trova il tempo che trova ! Un cristiano che dice ad un’ateo leggi la Bibbia per credere, Il musulmano gli dice leggi il Corano e via cantando

    ed Io penso sempre parole parole parole, non avendo tonnellate di altre cose concrete da fare perdere tempo cosi` andrebbe bene ma ….

    Euroleso ha scritto :
    Forse leggere qualcosa di Joseph Stiglitz  e Paul Krugman e le loro opinioni sull’uscita dall’Euro ti potrà essere d’aiuto.

     

    • 71.1
      Euroleso

      Tu non ti devi convincere per forza. Nè io mi devo prodigare per farlo. Ma neanche puoi pensare che io cambi le mie opinioni, che si sono formate su molta letteratura. Borghi dice: Datemi una sola argomentazione valida per restare nell’Euro. Io mi sono arrovellato e non l’ho ancora trovata.

  • 70
    leonardo15

    magari si potesse uscire da questa trappola chiamata euro ormai ci hanno incastrati e ci tengono dalle palle. quando c’è ne renderemo conto della truffa in cui siamo caduti sarà troppo tardi. sveglia popolo, meglio una così detta svalutazione del 30% per ripartire più forti di prima che una vita di miseria a cui ci apprestiamo a fare. meglio alzarsi e morire che inginocchiarsi e vivere da cani.

  • 69
    00288400

    supergulp ha scritto :

    Se usciamo dall’euro in due mesi stiamo peggio dell’albania.

     

    Non credo proprio! 

    Ci sono centinaia di studi che DIMOSTRANO, con dati certi, che ciò che tu SOSTIENI non è vero! 

    Ti invito a fare indagini più approfondite prima di affermare con tale assolutezza.

    • 69.1
      novecento

      lascia perdere 0288

      quando uno ti scrive se usciamo dall’euro diventiamo come l’Albania è un troll sicuramente. E’ come se un muto dice ad un sordo che il monco ha dato fuoco all’acqua.

  • 68
    00288400

    Mario Capuozzo ha scritto :
    Se fosse così facile perché allora la Grecia non è uscita ? Perché il Portogallo non è uscito?

     

    Semplicemente perchè la TROIKA non ha permesso che uscissero dall’eurozona! Hai idea degli interessi che ci stanno dietro? Le lobby finanziarie e bancarie tengono le fila di tutto. Questo sistema euro consegna il welfare pubblico nelle mani dei privati il cui fine ultimo (come insegna l’economia) è sempre e comunque il PROFITTO!  Come fate a non capire?

    Si esce dall’euro quando si è ancora forti e relativamente indipendenti come ancora relativamente lo siamo noi Italia (ma ancora per poco). Chi ha chiesto aiuti al fondo salva stati è ormai sottomesso e deve sottostare a tutte le condizione come uno stato che ha perso una guerra.

    Mi meraviglio le leggere ancora commenti come questo perchè denotano che ancora siamo molto lontani dal potere realizzare un fronte comune per la salvezza di tutti noi….

  • 67
    Euroleso

    La forza del PUDE è grande!

    Ma noi facciamo parte dell’alleanza ribelle.

  • 66
    james62

    Un altro link interessante (non sull’euro, ma sul M5S), che esprime quasi esattamente le mie idee (ma le sa argomentare meglio):

     

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/04/05/m5s-chi-ha-ragione-tra-gli-ortodossi-e-i-dissidenti/552240/

     

    E’ molto illuminante (per chi lo vuol capire) l’esempio dell’elezione del presidente della Repubblica, che smonta la tesi dei “puristi” del movimento, che non conoscono altro termine che la “coerenza”. Ma la logica no, eh?

    Va bene votare il presidente che sceglieranno online gli iscritti, ma solo alle prime votazioni. Speriamo che all’ultima votazione i nostri eletti useranno la logica invece della coerenza: davvero non mi vorrei trovare come presidente un D’Alema o un Amato, per soddisfare la sete di coerenza dei “decorticati” del movimento.

    Meditate, gente, meditate…

    • 66.1
      james62

      Caro luxor, io sono tra quelli che nei giorni scorsi ha spinto per la fiducia, soprattutto perche’ temevo l’isolamento del Movimento. Ma se l’atteggiamento intransigente dovesse avere come esito la spaccatura del PD e magari anche l’assegnazione dell’incarico al M5S, sarei il primo ad applaudire a Grillo. Sarei molto meno contento se questo dovesse avere come esito l’inciucio conclamato PD-PDL o, peggio ancora, le elezioni subito, con la vittoria del caimano.

      Inoltre sono realmente preoccupato per l’elezione del PdR, perche’ in questo caso non possiamo cavarcela dicendo che noi siamo coerenti e quindi votiamo il nostro candidato e basta. No, non ci sto. Noi abbiamo i numeri per incidere e se alla fine si arriva ad una sorta di ballottaggio tra due personaggi, tra cui non e’ compreso il nostro candidato, vorrei che prevalesse il buon senso tra i nostri eletti e concentrassero i voti su uno dei due.

      L’idea che tutte le risposte sul da farsi siano gia’ scritte nel programma e quindi basta essere “coerenti” la trovo quanto meno “ingenua”. Le cose si evolvono giorno per giorno e bisogna avere l’elasticita’ mentale per poter adeguare le scelte al momento.

      In ultimo, non accetto la definizione di “collaborazionista”, completamente fuori luogo.

    • 66.2
      luxor

      carissimo James, come sai io sto dalla parte degli ortodossi e ne condivido al 100% le motivazioni ben argomentate. come sono ben argomentate anche quelle dei “collaborazionisti”. pero’ quello che non riesce a convincermi e’ il fattore fiducia o appoggio che dir si voglia, e l’argomento non viene trattato neppure dal giornalista mentre e’ il problema di fondo. 

      la preoccupazione principale e’ che se appoggi un partito come il PD, poi come puoi liberarti se quelli ti piazzano due o tre leggine o emendamenti che non ti trovano perfettamente d’accordo e magari sono in antitesi con le tue idee di fondo?

      cosa fai?  fai cadere il governo? quelli hanno giornali, televisioni, insomma ti fanno ricadere la colpa su di te. immagina anche uno spread in aumento e cosa gli dici dopo : “scusa abbiamo sbagliato, avevano ragione gli ortodossi”?

       

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Deficit Strutturale? Avevo ragione: nient’altro che numeri arbitrari.

Gutgeld - Deficit Strutturale parametro arbitrario Il 17 gennaio, durante un'intervista rilasciata a Giulietto Chiesa, vi raccontavo di come funziona quella particolare branca della disciplina economica che attraverso la Commissione Europea ci impone regole severe e inappellabili. Si tratta di assiomi (principi veri a priori, dogmi ritenuti religiosamente inoppugnabili) che la corte dei...--> LEGGI TUTTO

Che cos’è il sovranismo? – di Paolo Becchi

bandiera italiana di Paolo Becchi Il “ritorno” degli Stati-nazione. Si dice che dopo Donald Trump il mondo sia destinato a cambiare. Ma il mondo, in realtà, è già cambiato. Se lui, infatti, è diventato il Presidente degli Stati Uniti d’America non è...--> LEGGI TUTTO

Borrelli (M5S): incentivare lavori meno stabili.

Borrelli Incentivare popolazione a svolgere lavori meno stabili Qual era il mantra dei neoliberisti in salsa JP Morgan all'attacco della Costituzione e delle libertà fondamentali dei cittadini? Semplice: abbattere l'articolo 1 che dice che l'Italia è una Repubblica fondata sul lavoro, magari aggiungendo l'aggettivo "precario" o "saltuario" in coda. Ci hanno provato, riuscendoci, negli...--> LEGGI TUTTO

Equacoin? Parliamone – Mirko Da Corte, DigiCanDo

MIRKO DA CORTE - EQUACOIN PARLIAMONE - Play Marco Saba ha presentato sabato 28 ottobre, su questo blog, il suo progetto di moneta democratica e decentralizzata: Equacoin. Oggi Mirko Da Corte, esperto di criptovalute e cofondatore di DigiCanDo, raccoglie in questo video una serie di domande e di critiche costruttive con...--> LEGGI TUTTO

Sovranità Perduta for Dummies – Live domande e risposte Con Marco Mori

Sovranità perduta for dummies - Marco Mori - Play La registrazione del lungo e interessante live andato in onda oggi, alle 14:30, sulla sovranità svenduta, sul decreto del Tribunale di Cassino e su quello che si può fare da qui in avanti. Ospite di Claudio Messora, l'avvocato di Rapallo Marco Mori, che insieme a Niki...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Gli esperti di diritto sulla Catalogna? Sono dei pirla.

Catalogna Governo centrale di Paolo Becchi Eccoli alla carica sui giornaloni gli esperti del diritto, e più sono esperti e più sono dei pirla. Fantozzi docet. Il referendum per l’indipendenza della Catalogna è «illegale». Sì, lo è: è contro la Costituzione spagnola, contro l’«unità indissolubile» dello...--> LEGGI TUTTO

Due piantine di Cannabis per lenire dolori atroci: in prigione a 63 anni!

prigione malato cannabisTRENTO. Il ricorso in Cassazione è stato rigettato. L'uomo di 63 anni che a Trento era stato trovato in possesso di due piante di marijuana che coltivava per uso personale, per lenire i dolori atroci della sua malattia, è stato giudicato colpevole in via definitiva. Andrà in prigione. ...--> LEGGI TUTTO

L’ideologo di Putin: in Europa sarà presto caos, guerra civile, distruzione.

Dugin ideologo Putindi Giulio Meotti Roma. Europa e Stati Uniti hanno spesso ricambiato il favore ad Aleksandr Dugin. Un anno fa, il famoso politologo russo è stato messo alla porta in Grecia. Accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill per una conferenza sul Monte Athos, Dugin...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Guest post

Realizzata la prima video chiamata quantistica intercontinentale al mondo

Chiamata quantisticaIl satellite cinese Micius torna a far parlare di sé e stabilisce un nuovo record, quello della prima videochiamata quantistica della storia tra Vienna e Pechino. Circa tre settimane è avvenuto un evento eccezionale che modificherà totalmente il sistema di comunicazioni come lo...--> LEGGI TUTTO

Il Messico a meno di 40 euro al giorno!

Messico Amo il Messico. E' pieno di vibrazioni, è un paese meraviglioso, pieno di gente amichevole, con una energia speciale che vi fa riscoprire l'amore per la vita, con un'architettura spettacolare, con una storia che affonda le radici nelle profondità dei millenni e... con un cibo davvero...--> LEGGI TUTTO

Negli Uffizi dei Medici: itinerario mediceo all’interno della Galleria più famosa di Firenze.

Scoprire Firenze La Galleria degli Uffizi è il sito museale più famoso di Firenze, nonché uno dei più frequentati d’Italia: quelli che riescono a superarlo per visitatori, infatti, si contano sulle dita di una mano. Gran parte dei turisti scelgono un hotel su portali come expedia proprio per...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Antonio Ingroia: “Fuori dai trattati, costi quel che costi”.

INGROIA - FUORI DAI TRATTATI - 1280 Per Byoblu, da Roma, Eugenio Miccoli Oggi alla Camera dei Deputati, Antonio Ingroia e Giulietto Chiesa hanno presentato “Lista Del Popolo”, un’alleanza della società civile per il ripristino della sovranità nazionale, l’attuazione della Costituzione, la rinegoziazione o lo stralcio dei trattati europei, l’abolizione del Fiscal...GUARDA

Giulietto Chiesa: “La Mossa del Cavallo”

GIULIETTO CHIESA - LA MOSSA DEL CAVALLO Per Byoblu, da Roma, Eugenio Miccoli Oggi alla Camera dei Deputati, Giulietto Chiesa ha presentato "Lista Del Popolo", un'alleanza della società civile per il ripristino della sovranità nazionale, l'attuazione della Costituzione, la rinegoziazione o lo stralcio dei trattati europei, l'abolizione del Fiscal Compact,...GUARDA

Capocciate e Generali

Pappalardo Giornalisti OstiaGiornalisti che si prendono le capocciate dai capetti di Ostia... E Generali dell'Arma che se la prendono con i giornalisti che si prendono le capocciate... ...GUARDA

“Stretta di Putin sulla rete!”, ma i media non vi dicono che…

Stretta di Putin sulla rete Tutti i media denunciano la stretta di Putin sulla rete, ma di quello che varerà lunedì la Camera non vi dicono niente... (altro…)...GUARDA

Ecco chi sono gli europeisti “de coccio”, che vogliono gli Stati Uniti d’Europa subito.

STATI UNITI D EUROPA Ecco chi sono gli europeisti de coccio, che ancora adesso, ancora e sempre, nonostante tutto, e anche a queste condizioni attuali, continuano a volere a tutti costi gli Stati Uniti d'Europa. Le prossime elezioni politiche si giocheranno su questa battaglia esiziale. Mi piacerebbe...GUARDA

Il Generale Pappalardo contro tutti, anche in Tv.

pappalardo Dalla Vostra Parte Rete4 Il Generale Pappalardo contro tutti a "Dalla Vostra Parte", di Maurizio Belpietro, andato in onda stasera su Rete4....GUARDA

Rimozione forzata. La libera rete chiude!

Rimozione forzata - la libera rete chiude - Play ORE 19. Live su Salvo 5.0, con Claudio Messora, Antonio Rinaldi, Tommaso Minniti e Salvo Mandarà....GUARDA

Becchi: è l’era delle piccole patrie. Me ne batto il ca@@o di quanti hanno votato al referendum catalano.

Becchi Referendum Catalogna Matrix Becchi a Matrix perde le staffe sul referendum in Catalogna. "Al di sopra di ogni Costituzione ci sono due diritti fondamentali. Il diritto di resistenza e il diritto di secedere. Non sappiamo come andrà a finire, ma la responsabilità di una guerra civile...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>