E’ la sovranità popolare, bellezza

ByobluInOnda-Blog

Qualcuno fa notare che tra i nomi finiti in nomination per il referendum di domani sul nuovo Presidente della Repubblica vi sono anche alcuni europeisti (o euristi) convinti. Su tutti, Romano Prodi, che dell’ingresso dell’Italia nell’euro è stato artefice (nonostante perfino i tedeschi sapessero che non avevamo le carte in regola per entrare). Ma anche Emma Bonino, grande amica di Mario Monti, con il quale ha condiviso lunghi anni alla Commissione Europea (e anche qualche guaio giudiziario).

Non voglio ripetere qui le considerazioni che hanno spinto questo blog a dare voce, sin dal giorno successivo al “Golpe morbido”, alle critiche e alle perplessità sulla natura del nuovo corso intrapreso dalle istituzioni, eterodirette da un giano bifronte dove la parte economico-finanziaria era diventata prevalente rispetto alla volontà popolare. Non era semplice, quando tutti inneggiavano al “fate presto” o restavano annichiliti di fronte all’ineluttabilità degli eventi (che avevano portato un burocrate, sconosciuto ai più, ad essere investito del titolo di senatore a vita e, nel giro di 48 ore, di presidente del consiglio, in concomitanza con la Grecia), andare in televisione a prenderti del complottista solo perché chiedevi se fosse giusto che la finanza si fosse mangiata la politica, con tutti i dubbi che ti attraversavano, non avendo ancora ben metabolizzato qualcosa che tuttavia sentivi di non poter accettare (prendendoti per di più gli sberleffi da chi – si sarebbe visto in seguito – stava millantando addirittura i suoi pomposi titoli di studio). Non era semplice, ma la semplicità o la convenienza non sono stati mai criteri che hanno guidato le mie azioni. Nel tempo avrei trovato illustri compagni di strada, che avrei aiutato ad esprimere con argomentazioni più tecniche (Borghi, Bagnai, Napoleoni, Undiemi e tanti altri) o più filosofiche (Becchi ed altri) quella inquietudine diffusa che non aveva diritto di rappresentanza nel Paese.

Ora, in virtù di quelle stesse considerazioni, ormai acquisite e ben metabolizzate da molti, c’è chi lamenta la presenza di alcuni nomi “impresentabili” nella lista uscita fuori dalle “Quirinarie”. Legittimo e comprensibile. Tuttavia è necessario conservare appieno la capacità di dividere metodi e processi (che sono il vero sale della convivenza civile, innegabilmente alla base di quel pensiero scientifico che ci ha portato fuori dai secoli bui) dai risultati che producono. Se sono convinto che una piuma precipiti al suolo a una velocità differente rispetto a un’incudine di ferro, ma i test di laboratorio in assenza di atmosfera mostrano inequivocabilmente che l’accelerazione di gravità li trascina in basso nello stesso identico tempo, non posso prendermela con gli orologi di precisione usati per effettuare le misurazioni, né tantomeno con il metodo sperimentale che ha prodotto tale evidenza.
Cosa c’entra questo con il Movimento Cinque Stelle? Ecco cosa scrivevo il 21 aprile 2012 – un anno fa – in un post intitolato “Se osservi il Movimento Cinque Stelle, lo cambi”:

” Per come la vedo io, il Movimento Cinque Stelle è un metodo, non un prodotto. Siamo abituati a venditori di pentole che si presentano con una serie di casseruole fatte e finite e cercano di spillarti soldi. Subito dopo averle comprate, ti rendi conto che ti hanno fregato. Il rappresentante del Movimento Cinque Stelle ideale, invece, suona alla porta con un tablet in mano, ti mostra come collegarti a tutti quelli che, come te, hanno bisogno di una pentola, poi a tutti i costruttori di pentole, poi ai fornitori di materiali e poi ti insegna a cercare tutti insieme la soluzione giusta. Quando avete finito, vi arriva la pentola a casa, ma l’avrete costruita da soli, come piace a voi. “

E ancora:

” Un eletto del Movimento Cinque Stelle siede su una poltrona ma non conta niente e non decide niente: si limita a chiedere al Movimento qual è la sua posizione e attende. Il Movimento usa la rete, consulta le intelligenze al suo interno e formula la sua proposta. L’eletto esegue. “

Ecco. Il referendum online è uno dei metodi: i nomi sono il risultato. Il Movimento Cinque Stelle ha chiesto alla sua base, utilizzando un processo che implica l’accettazione di alcune regole (può votare chi ha certificato la sua identità al 31 dicembre 2012 e così via), quali fossero i candidati da mandare in “nomination” e che sarebbero stati successivamente votati. La base, certificata, ha prodotto una serie di proposte. Il “metodo” ha selezionato, tra gli altri, Romano Prodi ed Emma Bonino, ma anche la Gabanelli, Gino Strada, Rodotà, Zagrebelsky, il giudice Caselli, il premio nobel Dario Fo, Grillo e il magistrato Imposimato (che è quello, per inciso, che ritiene che dietro alle strategia della tensione ci sia il Gruppo Bilderberg, lo stesso frequentato da Monti, dalla Bonino e da Prodi).

Gli eletti del Movimento Cinque Stelle sono sempre stati “portavoce” dei cittadini, in una nuova dimensione concettuale che capovolge la poltrona e vi fa sedere sopra gli elettori, con gli eletti sotto a reggerla sulle spalle e seguire la rotta impartita. Questo è il “metodo”. Ora, il metodo ha prodotto questo o quel nome, non a tutti gradito, ma potrebbe l’eletto contestarlo o rifiutarsi di votarlo? La Costituzione glielo consente, certo, ma il contratto politico che ha assunto con la base no. Chi pensava di andare in Parlamento a ribaltare un’altra volta la poltrona, per mettercisi comodo sopra a dissertare sui massimi sistemi, ha probabilmente sbagliato parte politica, o non ha capito niente. E niente ha capito chi ha sostenuto il Movimento fino ad oggi nella legittima speranza che le sue convinzioni prevalessero, ma con la segreta pretesa che, una volta eletti, i candidati avrebbero poi sostenuto autonomamente questa o quella posizione ideologica, fregandosene del metodo e scilipotando in base all’aria che tira o alla propria “coscienza” (giustificazione che vien sempre bene). L’unico, vero tradimento che un parlamentare a Cinque Stelle può fare è tradire il mandato continuo e costante che la sua base gli conferisce, peraltro reso ancora imperfetto dall’assenza della tanto sospirata piattaforma di democrazia liquida (so che c’è una squadra di ragazzi che ci lavora giorno e notte, senza sosta). E chi parla di “tradimento”, così come chi sorride credendo di avere dimostrato che il Movimento avrebbe dato prova di una presunta incoerenza o malafede, è indietro cento anni luce rispetto all’unica dimensione ideologica che davvero sottende questo grande esperimento di trasformazione democratica: restituire la parola ai cittadini e lasciarli liberi di scegliere, ispirandosi ai principi della democrazia diretta, del loro proprio destino. Qualunque sia la loro scelta.

Altrimenti, sarebbe come se in uno Stato che prevede la possibilità di svolgere libere elezioni, i funzionari ministeriali decidessero di mettersi a contestare i risultati degli equilibri politici, definendoli prima sgraditi e poi dichiarando di non rispettarne le conseguenze. Sarebbe possibile una cosa del genere, senza uscire contemporaneamente dalla storia e trasformarsi in una tirannide, in una dittatura o in un sistema completamente caotico?

Detto questo, io personalmente mi auguro che il referendum finale di domani indichi nominativi diversi da quelli contestati. Ma se così non dovesse essere, non parlerò di “tradimento”, ma di successo di un metodo che finalmente restituisce la parola ai cittadini (e che dimostra che il Movimento Cinque Stelle ha tanti “capi” quanti sono gli elettori che scelgono di certificarsi, e tanti “dipendenti” quanti sono gli eletti). La sovranità popolare, concetto di cui molti si riempiono la bocca ma di cui evidentemente non sono pronti a rispettare le estreme conseguenze, è questa cosa qui.

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

129 risposte a E’ la sovranità popolare, bellezza

  • Pingback: INDIPEDIA – CLAUDIO MESSORA A IN ONDA CON LUCA TELESE, NICOLA PORRO E DARIO VERGASSOLA

  • Pingback: E’ la sovranità popolare, bellezza | FiascoJob Blog

  • 84
    Ronnie

    Questa non è democrazia: è ignoranza! Se sei ignorante non voti. Devi essere informato, o ti prendi la briga di andare ad informarti, che oggi i mezzi ci sono, altrimenti continueremo a credere che Mangano era un eroe; Mattei è morto per un incidente; Andreotti “santo subito”; Moro lo hanno ucciso le brigate rosse; Kissinger il nobel per la pace (che ha avuto) e via di questo passo. Un paese è il frutto della sua intelligenza (come un essere umano), che si alimenta con la cultura. Diversamente ci becchiamo come nuovo Rodotà e Prodi o Marini o…… Ma per favore! Che delusione.

  • 83

    il problema del non successo del movimento ,sono i midia , che fanno quotidianamente diffamazione, nei confronti del movimento, perchè e lunica forza politica , che vuole togliere i finanziamenti pubblici ai midia, e vuole eliminare l’ordine dei giornalisti, per cui per difenderci, dobbiamo contrattaccare il sistema, tramite l’uso dei nostri canali in rete,grazie a messora per tutto quello che stai facendo per salvare l’italia, un giorno il popolo onesto ti ringrazierà, anche se non ci sono parole.ciao da un tuo ammiratore.

  • Pingback: CLAUDIO MESSORA A IN ONDA CON LUCA TELESE, NICOLA PORRO E DARIO VERGASSOLA | VIDEOBOX

  • 82
    maciu_62

    Premessa: sono un attivista del M5S, sono uno di quelli che non ha votato per protesta ma per CONVINZIONE. E continuerà convintamente a votare M5S !

    Voglio però manifestare il mio fermo disappunto per queste goffe ed inutili quirinarie che metteranno in difficoltà i ns rappresentanti in parlamento.

    Uno vale uno, voto via web, tutto perfetto ma mi chiedo che senso ha aver votato persone che declinerebbero per limiti di età (Dario Fo), persone come Beppe Grillo che non sono eleggibili per statuto del M5S stesso oppure che siano risultati tra i 10 papabili personaggi come Romano Prodi membro del Clu Bilderberg o Emma Bonino in Parlamento da 8 legislature ?!?!?

    Questi 48.000 elettori sembrano aver attinto le loro info dai soli Tg e dalla carta stampata.

    Questi 10 nomi NON rappresentano affatto le intenzioni del MoVimento. Vi prego di credermi perchè ho parlato con decine di altri attivisti che hanno un passato politico di sinistra, di destra, di centro o dell Lega.

    A mio modo di vedere NESSUNO dei 10 nomi rappresenta la filosofia del M5S, ripeto NESSUNO.

    Penso e mi auguro che il M5S impari da questo scivolone ben più grave di quello dei 13 voti che hanno permesso l’elezione di Grasso come Presidente del Senato.

    A mio modo di vedere la cosa corretta da fare era da parte dei “vertici” del M5S di promuovere una rosa di candidati ampia che fosse disposta, se eletta, a svolgere il ruolo di Capo dello Stato.

    Voglio fare qualche nome: Paolo Becchi, Loretta Napoleoni, Marcello Foa o comunque persone che conoscano a fondo come funzionano (malissimo) i media in Italia e soprattutto fossero dei fini economisti.

    Abbiamo fatto autogol, NON difendiamo l’indifendibile. Questo eccesso di democrazia dal basso questa volta ha prodotto un aborto: Romano Prodi !

    Riflettiamo e facciano tesoro degli errori.

    Sempre con voi

    Massimo Sereno – cambiano (TO)

     

    • 82.1
      james62

      Il problema e’ che i 48000 elettori hanno votato assolutamente in ordine sparso e i 10 nomi che sono usciti hanno avuto tutti insieme si e no il 5% del totale, il che vuol dire che sono stati eletti da una sparuta minoranza, che e’ proprio quella piu’ allineata al sistema o che si e’ affidata a nomi molto noti, presenti da settimane su tutti i giornali. Infatti, molti di questi 10 nomi coincidono con quelli usciti dai vari sondaggi online fatti dai vari quotidiani. Secondo me andava introdotto un turno in piu’, per scegliere una rosa iniziale molto piu’ ampia, tipo 30-40 nomi e poi su questa rosa effettuare le due votazioni successive.

  • 81
    emar

    Complimenti Claudio anzichè rispondere alle domande del mio commento di ieri delle 13.44 lo hai cancellato. Ottimo esempio di trasparenza e democrazia diretta potevi semplicemente ignorarlo però visto che ponevo dei quesiti scomodi ma leciti come del resto Gianni Lannes stà facendo da mesi hai preferito farlo sparire. Chi lo ha letto potrà verificare da solo.L’unica risposta possibile è che siete tutti al servizipo delle lobbyes massoniche per tenere sotto controllo l’onda di protesta nascente ovvero dei comuni gatekeeper ma tanto non ci riuscirete ancora per molto ormai il popolo si è svegliato ed ha imparato ad usare la rete quindi avete solo rinviato di poco il crollo dei vostri padroni siete solo dei falsi oppositori.

    • 81.1
      emar

      Che strano la stessa cosa la dicevano a Paolo Barnard e a Claudio.Dormite dormite che intanto loro per “democrazia vi porteranno la Bonino o Prodi al quirinale state sereni e’ tutto a posto.

    • 81.2
      Andrea90

      Non preoccuparti, la paranoia è curabilissima.

      Saluta da parte mia il grande architetto quando lo vedi nella prossima seduta :-)

  • 80
    Mr. Age

    Dopo lo Tzunami tour e il ” Mandiamoli a casa” le nomination per il quirinale sono letteralmente IMBARAZZANTI!

    Claudio sai meglio di me che la sovranità popolare senza sovranità monetaria è una scatola vuota!

    Devo amaramente riconoscere che se questi sono il meglio dei nomi che il M5S sa tirare fuori, ho sbagliato il mio voto!

    P.S. quando vedremo Galloni parlare di signoraggio bancario.

  • 79
    Mauro M.

    La democrazia in se non è  e non lo sarà mai, un sitema che da la felicità a tutte le persone. Se il 50% + 1 decide che il blu è il colore del demonio e quindi reso fuori legge da una decreto a maggioranza, lo stesso Claudio non potrà più avere la sua bella parete di quel colore che a lui tanto lo rilassa. Lo stesso Barabba venne scelto al posto di Gesù dal popolo con metodo democratico per non essere crocifisso.

    L’unanimità è il vero, reale e supremo traguardo che una società dovrebbe raggiungere per essere felice e questo, purtroppo, non è possibile in una società come la nostra dove ogni maggioranza ha il diritto di legiferare secondo i propri principi anteponendoli ad ogni altra volontà, magari facendo prevalere quegli interessi particolari che inevitabilmente danneggierebbero la minoranza.

    Le guerre nascono, anche da un eccesso di democrazia.

  • 78

    Caro Messora a quanto pare  è stato smentito dalla Lombardi che ha dichiarato che i gruppi voteranno fino alla fine un solo candidato senza convergere neppure su uno dei 10 votati in prima istanza. Allucinante. 

    Ma chi decide la Lombardi o la base? Stiamo affondando senmpre più.

  • 77

    Le primarie del “centrosinistra” con 5 mesi di ritardo! Dunque il M5S è €uroPiddinoSellato dentro.

    Non vedo l’ora che avvenga il referendum sull’€uro. Sarà un capolavoro!

    A Berlino, Francoforte e Bruxelles possono dormire sonni tranquilli.

    Quindi, tutte le speranze sono riposte nei Francesi (http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/04/10/francia-noyer-bdf-tagli-per-40-miliardi-per-ridurre-deficit/558531) o nel neonato partito tedesco anti€uro.

    Vi lascio con Prodi e la sua prosperità:

    Prodi annuncia l’euro.

    http://www.youtube.com/watch?v=5t9SEVUfAtw&feature=youtu.be

    p.s.Precisazione per quelli de sinistra, anche 1816 è parte del p.u.d.€.

  • 76
    trisixnine

    Una bella arrampicata sugli specchi!

    Se un movimento si e’ schierato contro la politica di sempre, non vedo come abbia potuto fare il nome di Prodi e compagnia cantando.

    I nomi non sono usciti da un urna, ma da un URiNAtoio.

  • 75
    gabriella

    Forse qualcuno ha già fatto questo commento (chiedo scusa, non ho tempo di legggere tutti i commenti) ma io ero una assidua frequentratrice del blog di Grillo, ma a un certo punto mi è parso che fosse infiltrato da disinformatori e “sotto controllo”, così mi limitavo a leggere i post e non i commenti. Quello che voglio dire è che questo sistema di votazione è particolarmente esposto a infiltrati, sarei stupita se non ce ne fossero, vista l’importanza del movimento.

    Prodi e Bonino sono nomi troppo “strani” per chi segue il movimento da tempo e si contro-informa…

    • 75.1
      roby67

      Sbagliato, cara Gabriella,

      il nome di Prodi e’ venuto fuori direttamente da Casaleggio e da Grillo!!!!!

      e’ da dieci giorni che circolava la notizia,poi purtroppo confermata, dalle quirinarie!!

      cominciamo a mettere  i puntini sulle i, e magari unirli…

    • 75.2
      gabriella

      caro puntini sugli i, non so dove ha letto questa notizia, so solo che lo sbalordimento nei commenti nel blog di Grillo per l’uscita del nome di Prodi, nonchè Bonino,  mi fa credere che, oltre a lei, la sapessero in ben pochi…

  • 74

    Caro Messora a quanto pare  è stato smentito dalla Lombardi che ha dichiarato che i gruppi voteranno fino alla fine un solo candidato senza convergere neppure su uno dei 10 votati in prima istanza. Allucinante. 

    Ma chi decide la Lombardi o la base? Stiamo affondando senmpre più.

  • 73
    Grigio

    Il dibattito è aperto e l’importante è non equivocare.

    Le “quirinarie” non sono un referendum per indicare se un tal personaggio piaccia o meno.

    Non è corretto dire che siccome Prodi o la Bonino hanno preso molti voti essi sono i candidati dei pentastellati.

    Questa espressione di democrazia on-line ha solo il compito di delineare una traccia, predisporre una lista di nomi su cui i parlamentari del M5S dovranno effettuare una valutazione politica e sicuramente, in virtù dell’esperienza che stanno lentamente maturando, maggiormente realistica e consapevole rispetto alla base dei votanti.

    D’altronde è comprensibile, ma non accettabile quando si tratterà di confutare le considerazioni finali, riconoscere che la “pancia” dei votanti abbia avuto un ruolo determinante rispetto alla valutazione analitica dei singoli candidati. Appare ovvio che Prodi ha ricevuto molti voti in quanto espressione lampante dell’anti-berlusconismo (ma è questo il vero problema?), così come è lampante che la stessa Bonino ne ha ricevuti altrettanti in virtù di quelle battaglie radicali che i media hanno enfatizzato (oltre ad essere una delle poche  rappresentanti del mondo femminile), trascurando però di sottolineare i particolari, non di poco conto, che ha giustamente ricordato Claudio.

  • 72
    MaxP.

    Sono d’accordo con te Claudio, il M5S è un metodo e non un fine, per quello che mi inc**zo tanto quando Grillo e Casaleggio dettano la linea, e guai A CHI NON LA SEGUE, e tutti gli altri cosa sono celebrolesi? non possono ragionare e reagire con la loro testa? indipendentemente poi dalle proprie scelte.

    E’ giusto far partecipare i cittadini alle scelte, con il rischio che le persone scelte poi non siano perfettamente in grado di svolgere il compito assegnato, ma è giustissimo in una democrazia che ognuno abbia anche la possibilità di esporre il proprio pensiero, anche sbagliando, ma alla fine che vinca la maggioranza!

    Se poi il candidato eletto non è in grado di svogliere il ruolo assegnato  che intervenga un meccanismo di sfiducia e si torni nuovamente a ricercare un altro sostituto, naturamente sempre consultando le persone.

    Altro punto fondamentare, utilizzare il mezzo televisivo per raggiungere più cittadini Italiani possibili!

    Non è vero che la televisione sia uno strumento di morte! dipende a chi la si dà in mano, e chi si manda a rispondere.

    Bisogna cementare il collegamento tra cittadini eletti e cittadini elettori, e in questo momento che la APP di collegamento non è ancora pronta la situazione risulta ancora più delicata, quindi serve maggiore COMUNICAZIONE.

    Grillo non deve intestardirsi a mo di DESPOTA per IMPORRE il suo DIKTAT, ma deve collaborare per creare un sistema che sia condiviso tra i cittadini, solo così alle prossime elezioni porteremo a casa il 38% dei consensi.

    Personalmente NESSUNO dei rappresentanti scelti mi convince nel ruolo di presidente della repubblica, tra i parassiti di stato, i politicanti, quelli ottimi come persone ma con nessuna esperienza dal punto di vista politico, alla fine non c’è molto, questo ci fà capire in che PESSIME e PENOSE condizioni si trovi adesso la nostra classe dirigente.

    Avrei scelto la Gabanelli, se non fosse pre la sua linea “anti contante” che premia solo le banche, trasformando tutti i cittadini da DETENTORI di denaro a dei miseri UTILIZZATORI di denaro, revocandogli il potere di avere in tasca soldi, a vantaggio delle banche che così avrrebbero diritto di morte e miracoli sui loro correntisti COSTRETTI ad ogni pagamento a chiedere LA FIDUCIA agli istituti di credito, anche per poter andare a comprarsi il pane!

    Comunque Claudio voglio vederti di più in TV, sempre sereno e pacato come questa volta, continua così e resta critico sia con atteggiamento “esterni” che male fanno al movimento sia ad atteggiamenti “interni” troppo il linea con UN SOLO modo di pensare e valutare le cose.

     

     

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Tutti gli statuti del Movimento 5 Stelle

ma-quanti-statuti-ha-il-movimento-5-stelledi Paolo Becchi Mentre la stampa è occupata dal gossip a 5 stelle su telefonate in punto di morte tra l’Ayatollah e il guru e dalla kermesse che si è aperta a Palermo per la quale oggi è annunciata l’esibizione di Raggi-o di luce che canterà "Io...--> LEGGI TUTTO

Come mai Jp Morgan, proprio adesso, vuole più deficit?

JP MORGAN AUSTERITY VS SPESA PUBBLICAGli economisti di JP Morgan, la grande banca d’affari Usa, segnalano che per la prima volta dal 2009 tutti i bilanci pubblici dei governi nelle zone industrializzate, Europa, Usa, Giappone e Regno Unito, daranno un contributo positivo alla crescita globale. Merito, secondo loro, di un aumento della spesa pubblica in tutte...--> LEGGI TUTTO

Sgarbi condannato a 5 mesi di reclusione per i fatti dell’Expo

Vittorio Sgarbi - 5 mesi di prigione per i fatti di Expo Ve lo ricordate Sgarbi che, il 22 maggio 2015 all'Expo, litiga violentemente con i carabinieri che vogliono verificare il suo permesso di accedere con l'auto?  Doveva presenziare a una mostra da lui curata, ma si presentò senza accredito su una Citroen C5, per di più contromano....--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Come fare soldi con un blog

Innanzitutto, come "non" fare soldi con un blog Se vuoi fare soldi con un blog, non aprire un blog di informazione. Tantomeno libera. Se poi vuoi fare un blog di informazione indipendente, inizia a cercarti su AirB&B un paio di metri quadri ancora disponibili, a prezzi stracciati, sotto a qualunque ponte...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Donald Trump Vs Hillary Clinton – Il primo confronto TV Integrale

Donald Trump Vs Hillary Clinton - Il primo confronto TV IntegraleDonald Trump e Hillary Clinton si sono sfidati questa notte nel primo confronto tv delle presidenziali Usa 2016. Ecco il video integrale. ...GUARDA

Di Battista e Di Maio vs Lucia Annunziata al Foro Italico di Palermo

Di Battista e Di Maio vs Lucia Annunziata al Foro Italico di Palermo L'intervista di Lucia Annunziata, a In Mezz'ora, dal Foro Italico di Palermo, ad Alessandro Di Battista e Luigi Di Maio....GUARDA

Sgarbi caga sulla Swiss Air

Vittorio Sgarbi caga sulla Swiss Air Sgarbi "caga" sulla Swiss Air, le hostess gli chiedono di uscire a metà: quello è un bagno di prima classe. Immaginate il seguito (la questione nasconde una discussione sui diritti sottostante: di fronte alle emergenze, è possibile che valga la distinzione "prima classe/seconda classe"?):...GUARDA

USA: la polizia fredda un altro afroamericano, Terence Crutcher

terence-crutcher omicidio polizia USA In Oklahoma la polizia ha ucciso un altro afromericano. Una lunga sequela di uccisioni che dal 2015 porta a 400 l'elenco delle vittime. Gente freddata spesso senza alcuna ragione apparente. (altro…)...GUARDA

Becchi: la stampa contro al M5S? Ma se il blog di Grillo ormai è il Corriere della Sera!

BECCHI: STAMPA CONTRO AL M5S!? MA SE IL BLOG DI GRILLO ORMAI È IL CORRIERE DELLA SERA!Paolo Becchi a Checkpoint parla del grande colpo di stato dell'Euro, dei rapporti tra la stampa e il M5S e del grande spettacolo politico della Casaleggio Associati. ...GUARDA

Roma: Nino Galloni assessore al Bilancio nella giunta Raggi?

Nino Galloni - Io assessore al Bilancio del Comune di Roma, nella giunta di Virginia Raggi? Nino Galloni, ospite a Tagadà su LA7, risponde alle domande sulla sua candidatura ad Assessore al Bilancio e al Patrimonio del Comune di Roma, nella giunta di Virginia Raggi. (altro…)...GUARDA

Matteo Renzi sfotte Paola Taverna: “complotto su Roma”.

matteo renzi sfotte paola taverna su roma complotto Matteo Renzi sfotte Paola Taverna: "ci fanno il complotto su Roma"....GUARDA

Euro: la prima banconota senza anima!

Diego Fusaro Il filosofo Diego Fusaro spiega perché l'Euro è una moneta priva di ogni relazione con la storia e la cultura d'Europa. Vi siete mai chiesti perché sulle banconote in Euro non ci sono quei volti noti, quegli artisti, quei pensatori che hanno dato lustro alle grandi...GUARDA

Film, libri e Dvd

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>