Un piano del terrore: la ‘ndrangheta dietro a Preiti?

Luigi Preiti

di Valerio Valentini

“Francamente, a me la storia di Preiti, così come ce l’hanno raccontata, non ha mai convinto. Un disadattato che decide di fare un atto eclatante in segno di disperazione? No, non mi sembra proprio”. Parla convinto Luigi Bonaventura, ex ‘ndranghetista di spicco, reggente del clan Vrenna-Bonaventura di Crotone, che dal 2006 ha deciso di collaborare con la giustizia. Parla convinto, eppure nella sua voce non c’è arroganza: “Sia chiaro – precisa subito – che tutto quello che dirò non lo dirò per volermi sostituire agli investigatori, che fanno egregiamente il loro mestiere. Il collaboratore di giustizia non è un mago che risolve i casi, o un professore che arriva a spiegare come sono andate le cose. Il punto è che quando hai vissuto in una determinata mentalità criminale fin dalla nascita, quando hai sparato e ordinato di sparare, quando hai avuto a che fare per anni con dei corpi riservati e azioni del genere le hai pianificate ed eseguite, certe anomalie ti risultano più evidenti. Le annusi subito”.

Aiutami a continuare a fare informazione libera

Corpi riservati?

La ‘ndrangheta se ne serve moltissimo. Sono criminali non necessariamente affiliati o organici all’organizzazione. Persone che possono essere reclutate all’occorrenza per commettere attentati, e che di solito sono pronti a morire nel corso di queste missioni. Persone spesso disperate, ma molto preparate. Dei kamikaze, insomma. Ecco, a me Preiti sembra rispondere perfettamente a questo identikit. E di certo le sue origini potrebbero essere un’ulteriore conferma di questa teoria.

E perché?

Innanzitutto, so per certo che la famiglia Preiti è vicino ad ambienti legati alla ‘ndrangheta. E poi non dimentichiamoci che a Rosarno c’è da sempre una situazione un po’ particolare.

Si spieghi meglio.

Da sempre a Rosarno ci sono dei clan molto propensi a ricorrere alla violenza e ad atti eclatanti. Clan che agiscono spesso autonomamente, senza il consenso di tutta l’organizzazione. Diciamo che non sono stati molto inquadrati. Però stavolta la cosa sembra diversa, e non a caso Preiti non è partito dalla stazione di Rosarno, ma da quella di Gioia Tauro.

Un segnale? O voleva semplicemente farsi riprendere dalla videocamera di sorveglianza?

Sicuramente lui sapeva che alla stazione di Gioia Tauro sarebbe stato ripreso da quella videocamera. Ma qui il messaggio è un altro, e ben più importante. Se io da Rosarno devo raggiungere Roma in treno, non ha alcun senso che io vada in auto fino alla stazione di Gioia Tauro. Il fatto che Preiti lo abbia fatto, significa che si voleva far sapere a tutti che il suo gesto folle non era stato deciso solo dai clan di Rosarno, ma aveva il consenso di tutta la mamma [nel gergo ‘ndranghetistico, l’organo di controllo supremo dell’organizzazione criminale, ndr]. Gioia Tauro è il centro del mandamento della Piana: aver lasciato la macchina lì equivale ad affermare che il vertice assoluto della ‘ndrangheta ha approvato.

Questo significherebbe che la ‘ndrangheta ha intenzione di inaugurare una stagione di destabilizzazione? C’è un progetto preciso?

Più volte, dopo esser diventato collaboratore di giustizia, ho avuto incontri con finti pentiti che descrivevano prospettive inquietanti. In particolare, nel 2011, fui abbordato due volte da esponenti della cosca De Stefano-Tegano, [le ‘ndrine che controllano Reggio Calabria, ndr], che cercavano di reclutarmi e di corrompermi. Mi parlarono di un piano del terrore che sarebbe stato messo in atto, un piano contro magistrati e forze dell’ordine, teso a destabilizzare. E si vantarono di avere a disposizione truppe di criminali pronte ad ammazzare e a farsi ammazzare. Ecco, quando ho appreso dell’attentato di Preiti, non ho potuto non ripensare a quegli incontri.

Ma perché l’idea che Preiti possa semplicemente essere un disoccupato, magari anche mentalmente instabile, non riesce proprio a convincerti?

In realtà è proprio se penso a Preiti come un disperato che i conti non tornano. Se io non avessi un lavoro e non riuscissi ad arrivare a fine mese, perché dovrei partire il giorno prima dell’attentato e pagare un pernottamento in hotel, anziché prendere il treno la mattina stessa? E poi c’è la pistola: se fossi in condizioni economiche così disastrate, la prima cosa che farei sarebbe andare a rivendere una pistola, comprata al mercato nero, che vale da sola almeno 1200 o 1300 euro. Senza contare che quella non è una pistola qualunque. Si tratta di una 7 e 65 Pietro Beretta, modello A 35, usata già nella Seconda Guerra Mondiale, e spesso data in dotazione alle forze dell’ordine. La canna è facilmente estraibile: basta aprire il carrello, e con un colpo la si fa uscire; ed è per questo che è comoda anche da sostituire, ad esempio con una calibro 9 corto. È l’arma preferita dalla ‘ndrangheta, che infatti quando vuole lasciare una firma, spara sempre con quel modello lì, anche perché di fatto non si inceppa mai. Ha un solo difetto: non è molto precisa. E questo la dice lunga sulle capacità di questo Preiti, che va bersaglio quattro volte sparando sette colpi. Un’efficienza incredibile: io con quell’arma ho sparato decine di volte, e le assicuro che non è facile andare a bersaglio con tanta precisione, soprattutto in una situazione così concitata come quella, e soprattutto per uno che dice di aver mai sparato prima.

Poco credibile, in effetti.

E non solo: Preiti sapeva perfettamente che doveva sparare da vicino, perché quel modello di Beretta non è precisa a grande distanza. E sapeva anche, o almeno sospettava, che i carabinieri dovevano avere una qualche protezione al torace, magari un giubbotto antiproiettile. E guarda caso lui ne colpisce uno al collo e uno alla gamba. Una freddezza pazzesca. Viene da chiedersi dove abbia imparato a sparare così bene. Una cosa è indubbia: se vivi a Rosarno, non puoi certo metterti ad esercitarti al tiro al bersaglio, perché è praticamente impossibile non richiamare l’attenzione di chi, su quel territorio, ha il controllo assoluto. E poi, ancora, perché, se sono incensurato, devo comprare un’arma al mercato nero, con una matricola abrasa?

Ecco, perché?

Per un solo motivo: perché so già, fin dal giorno in cui la acquisto, che quell’arma mi servirà per uccidere. Altrimenti non ha alcun senso: Preiti era incensurato, poteva benissimo ottenere il porto d’armi e comprare regolarmente una pistola, se davvero intendesse usarla per difesa personale. Anche perché niente gli avrebbe vietato di utilizzarla, un domani, per fare una rapina. I disperati fanno così. Non comprano una pistola al mercato nero, tra l’altro con la matricola abrasa.

Possibile che l’abbia cancellata Preiti stesso, la matricola, magari con la punta di trapano che è stata ritrovata nel suo borsello?

Lo escludo. Non ci si inventa autodidatti per certe cose: punzonare un’arma è un lavoro da professionisti. Soprattutto per fare in modo che, come in questo caso, a distanza di settimane gli inquirenti non riescano a risalire alla matricola originale: per lavori del genere si usano liquidi speciali, ci servono attrezzature apposite e una certa manualità. Impossibile farlo soltanto con una punta di trapano. Secondo me, ma questa è una mia ipotesi, quella punta di trapano è stata messa lì per confondere le acque, per sviare le indagini.

Nel borsello è stato trovato anche un cellulare.

Con una carta SIM intestata ad un extracomunitario. Gli appartenenti alle organizzazioni criminali sono soliti ricorrere a questo sistema, per rimanere invisibili e non lasciare tracce, mentre discutono di traffici e di progetti.

Nelle interviste che hanno rilasciato, i familiari sembravano sinceramente sconvolti. Erano molto lontani dall’immaginario comune della tipica famiglia ‘ndranghetista.

Vero. Ma molto spesso, mi creda, quando fai quel mestiere lì, i tuoi familiari non ti conoscono affatto. Soprattutto se sei un corpo riservato. Tra l’altro sembra che lui sia uscito di casa senza il borsello con cui poi è stato ritrovato davanti a Palazzo Chigi. Dove lo ha preso? Chi glielo ha dato? Anche questo, a mio avviso, potrebbe essere un indizio importante. E poi c’è la questione della cocaina. Se davvero Preiti aveva quel vizio, è impossibile che non fosse in contatto con ambienti criminali, specialmente se pensiamo che a Rosarno le ‘ndrine controllano anche lo spaccio in maniera capillare.

In molti potrebbero accusarti di alimentare, con questa sua lettura dei fatti, il luogo comune, un po’ meschino, per cui tutti i calabresi, in un modo o nell’altro, hanno a che fare con la ‘ndrangheta.

Non è assolutamente vero. La Calabria è piena di persone per bene, onesti lavoratori. E lo stesso vale per Rosarno. Ma il punto è proprio questo: nessuna persona per bene, nessuna persona che non sappia di godere della protezione della ‘ndrangheta potrebbe anche solo pensare di partire da Rosarno e fare un atto del genere. Significherebbe condannare a morte non solo se stessi, ma anche la propria famiglia.

Ma qual è il segnale che voleva lanciare la ‘ndrangheta, allora?

Difficile dirlo. Però sicuramente un messaggio è arrivato chiaro: il fatto che Preiti, subito dopo esser stato immobilizzato, ha dichiarato che aveva intenzione di far fuori un uomo delle istituzioni, significa che la ‘ndrangheta ha lanciato un segnale a tutta la politica. Secondo me, Preiti è andato diritto contro il bersaglio che aveva designato: lui voleva ammazzare i carabinieri, quella mattina. Ma è evidente che non era un segnale di odio contro le forze dell’ordine; è alla politica che era diretto, quel segnale.

Un attentato politico, quindi?

Be’, certamente dei risultati li ha ottenuti subito, visto che molti giornali hanno immediatamente collegato quell’atto col clima di odio fomentato ad arte da un certo movimentismo politico. Ma preferisco comunque non entrare direttamente in questi risvolti.

Quest’attentato arriva poche settimane dopo la lettera inviata a Nino De Matteo, nella quale si dice chiaramente che non si può mettere il Paese in mano a comici e froci. Potrebbe essere il segnale che la ‘ndrangheta, e le altre organizzazioni criminali, vogliono ottenere qualcosa dallo Stato?

Guarda, quando la ‘ndrangheta alza il tiro è sempre perché vuole arrivare ad aprire una trattativa. Che ormai è una parola abusata. Quando si parla di trattativa si pensa spesso, perché così ci hanno abituato a fare, ad un grande tavolo in cui tutti si riuniscono per prendere chissà quali accordi. In Italia la trattativa si vive ogni giorno, tra lo Stato e le mafie: è fatta spesso più di silenzi che di parole, si regge su taciti accordi. Quando si spara, di solito, è perché si vuole arrivare ad una rinegoziazione.

Intervista realizzata il 15 maggio 2013

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

63 risposte a Un piano del terrore: la ‘ndrangheta dietro a Preiti?

  • Pingback: Orientalismo all’italiana. Una genealogia del razzismo antimeridionale al tempo della crisi – I parte | Informare per Resistere

  • Pingback: Orientalismo all’italiana. Una genealogia del razzismo antimeridionale al tempo della crisi - I parte - Carmilla on line ®

  • 49

    Puzza tanto di vecchia strategia della tensione…

  • Pingback: Il caso Luigi Preiti | Il Sistema

  • 48
    Hip

    La Ndrangheta fa già ottimi affari con l’ordine costituito,non avrebbe senso un suo piano di destabilizzazione fatto in maniera tanto plateale.

  • 47
    Tiziano

    Suggerisco un modesto ritorno alla realtà
    Il M5S è stato votato da moltissime persone per affrontare i problemi del paese e risolverli.

    • 47.1

      … dovevano usare la bacchetta magica se volevano che fossero gli altri a risolverli, non la matita copiativa !!
      Non va bene neanche come giustificazione.
      Il ritorno alla realtà, invece, se fosse praticato, sarebbe un ottimo rimedio …

    • 47.2
      Umberto

      Sottoscrivo pienamente il suggerimento.
      Qui non è nemmeno dietrologia, siamo oltre!

  • 46
    andrea

    può anche essere credibile la storia nel suo complesso ma la ricostruzione che fa questo signore non è credibile. Una pistola con matricola abrasa in alcune realtà (vedi Calabria) non costa 1200 ma 300 euro, aggiungo che la vita di un uomo non costa 1200 ma 500 euro. Non fai tutta la trafila legale perchè ti costerebbe il quintuplo tra porto d’armi, certificati e arma “regolare”. Se è vero che Rosarno è luogo di importanti famiglie è anche vero che suddette famiglie arrivano ai politici , anche per minacciarli, in tutt’altri modi. Poi la storia che è in pericolo la tua famiglia per una cosa del genere non sta proprio in piedi. Al massimo ti elogiano e ti vengono a cercare in carcere per “complimentarsi” visto che hai colpito uno “sbirro”. è plausibile che sia rimasto indebitato in certi ambienti e quindi costretto a fare alcune cose, ma più che vedere un’attentato politico io vedo una grande scusa per aumentare le protezioni ai nostri esimi rappresentanti istituzionali. Bisognerebbe capire che se la ‘ndrangheta volesse alzare il tiro avrebbe dei mezzi molto più convincenti da usare che questa manfrina ,che se pur tragica per il carabiniere, non è così terribile. Provate ad immaginare se i capitali della ‘ndrangheta, che tengono in vita questa nostra ridicola economia italiana , iniziassero a non confluire più in determinate attività che fanno comodo ai nostri politici per creare consenso. Sarebbe o no una minaccia ben più grave?

  • 45
    Christian

    Non mi risulta che la stampa abbia incolpato il M5S dell’attentato di Palazzo Chigi.
    Forse qualche giornalista avrà anche fatto il collegamento in un primo momento, ma poi gli sarà stato fatto presente che su cose così gravi bisogna essere molto cauti e che non vanno assolutamente strumentalizzate.
    E quale occasione sarebbe stata più facile per attaccare il Movimento di quell’attentato ? Ma non è successo, e questo è un dato di fatto.
    La stampa critica il M5S quando merita di essere criticato, ma non lo incolpa di colpe che non ha, perché la stampa non è nemica del Movimento, fa solo il suo lavoro.
    Questo atteggiamento paranoico dei capi del M5S, che vede complotti ovunque, parlamentari comprati, infiltrati, e ora anche il tentato omicidio dei Carabinieri per incolpare il M5S, non aiuta affatto, e anzi rende sempre più patetico e ridicolo tutto il Movimento.
    E poi che razza di discorso sarebbe dire che prima si prendono la briga di pianificare e realizzare un attentato così grave a due Carabinieri e poi non lo usano mediaticamente contro il M5S ? Pur avendo il controllo della stampa ? Delle due l’una: o c’era il complotto contro il M5S, e allora andavano fino in fondo con l’attacco mediatico, oppure il complotto non c’era nella realtà, ma solo nella mente di Messora.

  • 44
    cloc3

    splendida intervista.
    grazie.

  • 43
    novecento

    Effettivamente Virus ha ragione nel porre la domanda “siete per caso piddini?”
    Distogliere l’attenzione con un articolo come questo, assomiglia molto alla filosofia el luogocomunita che Bagnai descrive sul suo libro il tramonto dell’euro. Parlare di un fatto come questo e in questi termini puo’ far pensare di voler distoglie gli elettori dal principale e fondamentale problema che affligge l’italia e la periferia europea PIIGS: USCIRE DALL’EURO. Questo è il punto cruciale. Comincio ad essere leggermente inc**zato, perch’ non sento piu’ parlare di questa cosa: dov’è il M5S che ha raccolto il 26% dei voti, dov’è la cultura insegnataci da monia benini, barnard, bagnai, borghi, ioppolo, galloni, e tanti altri??
    La cronaca nera italiana ed europea è colma di soggetti sofferenti e allo stremo come Preiti, il quale si differenzia dagli altri solo perchè ha sparato ai carabinieri e non si è suicidato come tutti i morti che hanno preferito sottrarsi al dictat nazista dell’europa uscendo drammaticamente dalla scena orrenda operata dall’organizzazione criminale collettiva di goldman sachs, monti,trilaterale,troika,bildelberg, MES, FMI, e soprattutto dalla casta stomachevole, vomitevole, nauseante, riluttante, impostore: I GIORNALISTI – TUTTI – . Appena Becchi dice la verità sul perchè qualcuno spara a se stesso o ad altri al posto di analizzare il perchè seriamente si copre di fango la verità come fosse menzogna.
    Voglio sentir parlare dell’euro! voglio sentire parlare di come eliminare la casta dei giornalisti che coprono l’italia di vergogna. Voglio sentire parlare del reddito di cittadinanza affinchè chi è sull’orlo del suicidio possa avere una speranza per la sua vita e quella dei suoi figli. Voglio sentire parlare di come abolire l’obrobrio della legge fornero, di eliminare ogni contratto di lavoro tipico degli schiavi cinesi. Voghlio sentire parlare di come processare monti, draghi, napolitano, berlusconi, letta, brunetta, e tutta la casta che si è adoperata per schiavizzarci (con ottimi risultati). Voglio senire parlare di come ridare valore alla costituzione italiana e di come fare a punire con l’ergastolo chi è accusato di alto tradimento ai danni del popolo. Voglio sentire parlare di come licenziare la magistratura che promuove un lavoro da Burundi e sostituirla con giovani magistrati non collusi con la politica e la mafia. Voglio sentire parlare di banca nazionale d’italia sovrana ed il suo relativo sistema monetario sovrano. TUTTO CIO’ CHE E’ FUORI DA QUESTI SCHEMI E’ PROPAGANDA DA LUOGOCOMUNISTI E IO NON CI STO’

  • 42
    Cesare

    Non bisogna escludere l’Ipotesi del Complotto. È in ogni Caso Gravissimo per la Repubblica. I miei Genitori sono Calabresi. E quindi lo sono anch’io, anche se nasco altrove. Conosco Me Stesso ed interpreto Loro. Attendo da Sempre il Riscatto, della Gente che mi somiglia.
    LEGGI OBIETTIVO CONTRO il Crimine Organizzato Eversivo.
    CERCHIAMO però anche i MANDANTI. NOTABILI, OCCULTI, VIGLIACCHI

  • 41

    Il musicista Messora ha capito tutto dalla vita…come campare prendendo tutto il mondo per il c**o. Esiste la cultura al mondo, se le cose sembrano complesse esistono le università. Propaganda pura.

  • Pingback: Il grillino Messora: l'attentato a Palazzo Chigi ordinato dalla 'ndrangheta (per danneggiare il M5S) | La Voce

  • 40

    vedi anche tutti i dubbi già avanzati dal corriere della sera (fiorenza sarzanini):

    http://www.corriere.it/cronache/13_aprile_29/preiti-verbali-confessione_bb109918-b08e-11e2-b358-bbf7f1303dce.shtml

    http://www.corriere.it/cronache/13_aprile_30/i-tre-indizi-che-mettono-in-dubbio-il-suo-racconto-fiorenza-sarzanini_599c71f4-b14f-11e2-9053-334578a33cff.shtml

    http://roma.corriere.it/roma/notizie/cronaca/13_maggio_22/preiti-sparatoria-inchiesta-chiusa-2221260891872.shtml

    “La difesa appare orientata a fare in fretta, tanto da aver rinunciato anche al ricorso al tribunale del Riesame contro l’ordinanza di custodia cautelare. L’accusa mette insieme i pezzi, ma proprio la decisione di arrivare subito in aula sembra escludere l’eventualità che l’indagine si allarghi a chi potrebbe aver aiutato, o quantomeno sollecitato l’uomo a colpire”

    e oggi – coincidenza! – grande diffusione dell’audio di Preiti…

    quel gesto sembra sempre di più una lettera, inviata al governo Letta (che in quel momento stava giurando); come un sms lasciato nel cellulare, che dice: “ehi, ti ricordi di me? sono qui, chiamami, ti devo dire una cosa”.

  • 39

    hhaahaha piano della ndangheta si come no! ammazzatevi!

  • 38
    gianni

    mi sto “scervellando” nel domandarmi come mai a distanza di un giorno che Valentini posta questa intervista in questo blog ,oggi, tutte le testate giornalistiche italiane pubblicano ciò che disse Preiti subito dopo l’arresto!????
    anzi,!! a pensarci bene non gli hanno dato tutta questa importanza neanche il giorno degli spari. Confido in una anche minima risposta da Claudio M.

«12

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Miracolo della Boldrini: riesce a farmi dare ragione a Pierluigi Battista

Pierluigi Battista - Fake News - Fake What di Pierluigi Battista Peccato, che delusione. Questo dibattito sulla «post-verità», sulle fake news , sul mare di bufale che si amplificano sulla Rete ha preso una brutta piega, persino un po’ paranoica. Peccato, perché da interessante discussione sul valore e la qualità dell’informazione, il nuovo...--> LEGGI TUTTO

Gianluca Ferrara: Trump? Non cambierà niente. Ecco perché.

Trump Gianluca Ferrara - Play di Gianluca Ferrara 26.172, sono il numero di bombe che gli USA hanno sganciato soltanto nel 2016 su sette paesi. Una media spaventosa di 3 ordigni ogni ora. E Dinnanzi a questa ipocrisia che ruotava intorno al Premio Nobel per la pace Barack...--> LEGGI TUTTO

Quando non paghi nulla per l’informazione, ricorda che la merce sei tu!

Valerio Lo Monaco - Se per il tuo media non paghi nulla, la merce sei tu Quanto accaduto a Claudio Messora e al suo sito Byoblu di informazione indipendente è la prova provata di due cose importanti. Google ha deciso unilateralmente e irrevocabilmente di rimuovere tutte le procedure di monetizzazione attraverso gli annunci ADSense sul sito di Byoblu, sistema utilizzato da Byoblu...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Oggi attaccano Byoblu.com. Ma sarà presto un attacco contro tutti i dissidenti.

di Pino Cabras su MegaChip Fa molto bene Claudio Messora a sottolineare che il vero obiettivo della campagna contro le 'fake news' non erano certo quei cialtroni che infestano il web di notizie false, razziste e irresponsabili per acchiappare clic, che pure ci sono e da chissà...--> LEGGI TUTTO

Anche il ministro del Tesoro UK, contro la Brexit, adesso passa tra i grandi speculatori

Ministro del Tesoro UK - Non voleva la Brexit - Ora passa in BlackRock Un altro leader politico europeo (cfr: "E Barroso passa a Goldman Sachs! Taaaaac!") imbocca la cosiddetta “porta girevole” dell’alta finanza. George Osborne, per sei anni ministro del Tesoro britannico fino al referendum sull’Unione Europea del giugno scorso, ha accettato un’offerta della BlackRock per diventare consulente del...--> LEGGI TUTTO

Le fake news su Trump di Repubblica e la post-verità di Michele Serra

di Massimo Mazza L’amaca di Michele Serra è finita in cima alla prima pagina di Repubblica, ma questo non ha evidentemente incentivato il giornalista a migliorare la qualità della sua striscia quotidiana, che oggi registra l’ennesimo scivolone figlio d’approssimazione e ignoranza dei temi...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Beppe Grillo a Sanremo 1989 – Le penali se dico che i socialisti rubano

Beppe Grillo Sanremo 1989 play Beppe Grillo a San Remo 1989, comunica il suo compenso in diretta e legge le penali previste dal contratto se dice che i socialisti che rubano....GUARDA

Fake news e post-verità: a chi conviene?

fake news post-verità icon play Fake news e post-verità: ormai non parlano d'altro. In Germania, dove presto ci saranno le elezioni, Facebook incarica una organizzazione (finanziata tra gli altri da George Soros) di marchiare a fuoco le notizie ritenute inattendibili. Ma "Fake news", "post-verità" e "debunker" sono solo neologismi, è la neolingua per...GUARDA

Sovranità vs Inflazione – Scontro plastico tra Marco Mori e Salvo Cozzolino

Mori Vs Cuzzolino - Sovranità vs InflazioneMarco Mori vs Salvo Cozzolino è uno scontro che mette in scena il classico campionario degli argomenti contro la sovranità monetaria: inflazione, debito, helicopter money e tutto il resto. Solo una precisazione aggiuntiva per Cozzolino: qualcuno gli dica che dal 1946 al 1970 l'economia andava bene, anche in condizioni di...GUARDA

Lupi ai Cinque Stelle: il referendum sull’euro non lo farete mai. Solo demagogia!

Maurizio Lupi, durante le dichiarazioni di voto per la fiducia alla Camera sul Governo Gentiloni, si rivolge ai Cinque Stelle accusandoli di demagogia, e spiega perché il referendum sull'Euro non si può fare....GUARDA

CARLO SIBILIA: LA PSICOSI DEL MOVIMENTO 5 STELLE

"Io questa psicosi non la capisco: volere necessariamente addossare delle responsabilità al Movimento 5 Stelle, che ce le ha, se le stra prendendo, sta lavorando, abbiamo già fatto delle cose nel Comune di Roma e saranno i cittadini, quelli che sono deputati a decidere. È chiaro che noi...GUARDA

E PERFINO IL DIRETTORE DE L’ESPRESSO, TOMMASO CERNO, DIFENDE M5S: SOVRANITÀ AL POPOLO!

Tommaso Cerno, direttore de L'Espresso, si accalora e sostiene con passione la causa della sovranità popolare e del diritto dei cittadini di esercitarla attraverso il voto, e difende anche la posizione del Movimento 5 Stelle rispetto alla lotta che sta conducendo dentro e fuori dal Parlamento...GUARDA

TUTTI GLI UOMINI DEL PRESIDENTE… DEL PRESIDENTE PRECEDENTE – Walter Rizzetto alla Camera

Il discorso di Walter Rizzetto a Paolo Gentiloni per la fiducia del Governo Gentiloni alla Camera: "Il Partito Democratico incarica il Partito Democratico di formare un nuovo Governo del Partito Democratico, dopo le dimissioni del Governo del Partito Democratico per il referendum del Partito Democratico. Tutti...GUARDA

Come salveranno MPS passo passo, fino al decreto Gentiloni, spiegato da Dino Pesole del Sole24Ore

MPS Pesole Mes Come salveranno MPS e (probabilmente) invocheranno il Fondo Salva Stati (MES) con la scusa di mettere una pezza ai bilanci delle banche, spiegato da Dino Pesole del Sole 24 Ore.  (altro…)...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>