Tecno-fascismi e purghe staliniane

Tecno-fascismo purghe staliniane

Nelle comunità primitive, l’appartenenza al gruppo era fortissima. C’era un motivo. Dalla coesione e dall’unità di intenti del gruppo dipendeva la sopravvivenza dei suoi stessi individui. Quando qualcuno la metteva in pericolo, la sua sorte era segnata. Una delle punizioni più severe era l’espulsione dalla comunità. In una ambiente primitivo e ostile, essere cacciati dal gruppo significava andare incontro a morte certa. Nel gruppo si viveva. Fuori dal gruppo, no.

Qualcosa di simile avveniva nelle comunità più avanzate. Romeo fu cacciato da Verona perché aveva assassinato Tebaldo e venne esiliato (il fatto che si tratti di una tragedia di Shakespeare non rende l’esempio meno realistico). Certo, le conseguenze di un esilio erano meno traumatiche. Ma non del tutto indolori. In un mondo fortemente diviso per fazioni arrivare in un nuovo villaggio, un nuovo feudo, una nuova cittadella da esule, da forestiero, senza la protezione del gruppo, o addirittura provare a mettersi al seguito dell’esercito nemico, poteva avere le stesse tragiche conseguenze dell’espulsione da una comunità tribale.

Tra le espulsioni traumatiche c’è sicuramente quella messa in atto da una corte marziale, il tradimento della gerarchia e della fedeltà a un corpo militare, che in tempi di guerra costa frequentemente la morte. Analogamente (per intransigenza e per spietatezza), perdere la fiducia del gruppo in una organizzazione criminale significa andare incontro a una esecuzione. E incontro a morte certa andavano anche coloro che venivano giudicati cospiratori, anche semplici cittadini, che nella Russia di Stalin subivano esecuzioni sommarie (le Grandi Purghe), o i dissidenti sudamericani (i desaparecidos gettati in mare dagli aerei ad alta quota), o coloro che non si allineavano nel periodo fascista. La punizione era sempre la stessa: la reclusione o la morte. Spesso tra le due condizioni ve n’era una terza intermedia: la tortura.

Potremmo andare avanti a lungo, ma sono sicuro che ci siamo capiti. Perché vi racconto queste cose? Perché non è infrequente che alcuni commentatori in mala fede, su media compiacenti, si riferiscano alle espulsioni dal Movimento 5 Stelle come a episodi di tecno-fascismo, a purghe staliniane e così via, con l’unico limite dell’attitudine individuale al solipsismo verbale acrobatico (masturbazioni linguistico-paranoidi in cui il raggiungimento del piacere è legato all’invenzione dell’associazione di idee il più indecente e indecoroso possibile).

E’ utile disperdere la cortina di fumo sollevata ad arte e recuperare la giusta lucidità. Le democrazie moderne hanno superato il rito dell’espulsione fisica, codificando e sublimando la legittima necessità di preservare l’identità di gruppo attraverso una nutrita filiera di ordinamenti giuridici. L’arbitro che espelle un giocatore dal campo non lo condanna a morte, ma sanziona solo un comportamento scorretto rispetto alle regole scritte (come, immagino, il divieto di insultare il ruolo di chi svolge funzioni di garante rispetto al regolare svolgimento della partita) o non scritte ma semplicemente lapalissiane. E’ la giustizia sportiva. Allo stesso modo, un’assemblea condominiale può “espellere” un condomino per morosità, e una qualsiasi associazione privata può fissare le proprie regole e decidere, a maggioranza, sulla permanenza di un membro nel gruppo.

Non è un caso che un gruppo parlamentare sia, di fatto, una associazione privata e abbia uno statuto (o un “non statuto”). Inoltre, il carattere distintivo che lega un parlamentare al suo gruppo è di natura prevalentemente fiduciaria. Sono le regole delle quali la nostra democrazia si è dotata per sostanziarsi in istituzioni che tutelino sia i diritti inalienabili del singolo, sia quelli giuridici dei singoli che si costituiscono in gruppo e che hanno parimenti “diritto” a preservarne le intenzioni, lo spirito, l’attitudine. Cosa resterebbe di una cellula se i suoi mitocondri si mettessero ognuno a divorare ogni giorno un pezzo di dna a piacere?

I gruppi parlamentari sono solo organizzazioni, interne al Parlamento, nate per semplificare e razionalizzare l’appartenenza degli eletti secondo i tratti distintivi comuni. L’eletto, essendo libero da vincoli di mandato, secondo il “regolamento condominiale” chiamato Costituzione (passatemela) è libero di passare da un gruppo all’altro, a seconda di quale sia quello nei cui valori si identifica maggiormente. Se non ne trova uno adatto, può continuare il suo percorso istituzionale nel Gruppo Misto. Allo stesso modo, se un gruppo ritiene che uno dei suoi membri non condivida più i tratti distintivi fondamentali condivisi dalla maggioranza, può decretarne l’esclusione al fine di preservare una chiara identità. E l’identità è tutto, sia nella psicologia individuale come, a maggior ragione, nella dinamica sociologico-politica. Tanto più se parliamo del Movimento 5 Stelle, che si picca di fare della coerenza uno dei suoi punti di forza.

Il Movimento 5 Stelle, nelle sue declinazioni parlamentari, è attraversato da opinioni estremamente diverse, e questo gli conferisce valore e costituisce la rappresentazione plastica degli ideali di democrazia partecipata che persegue. Quando tuttavia queste opinioni minano alle fondamenta la sua stabilità, i suoi valori chiave, i suoi punti di riferimento, rischiando di svuotarlo dall’interno e, soprattutto, di farlo avvitare su se stesso, disperdendo l’energia politica in interminabili discussioni di metafisica istituzionale e spezzando quel legame, quel patto di responsabilità politica basato sui programmi che lega l’elettore ai suoi portavoce, allora è legittimo che il gruppo decida, convergendo a maggioranza, di autopreservarsi, e in questo modo preservare le speranze e le intenzioni dei cittadini che lo hanno votato.

Un senatore o un deputato “espulso” da un gruppo parlamentare non va incontro a un destino orribile: perde solo il diritto di parlare a nome di quel gruppo che non si riconosce più nelle sue opinioni o nei suoi comportamenti, ma continua a portare avanti la sua attività politica nelle stesse aule, spesso senza cambiare neanche di posto (Mastrangeli molto di frequente siede vicino ai parlamentari M5S e chiede a loro come e cosa votare). Di contro, chi non riconosce a un gruppo il diritto di decidere a maggioranza su quali contenuti, valori e forme veicolare, disconosce la Costituzione repubblicana e il senso stesso della politica. E anche, francamente, il senso del ridicolo, visto che le espulsioni (per motivi ben più gravi come l’avere denunciato attività illecite dei propri capi di partito) sono all’ordine del giorno nelle grosse formazioni politiche.

Ma nessuno ne parla. E, soprattutto, nessuno usa termini come “tecno-fascismo” o “purghe staliniane”. E’ più fascista chi usa strumenti istituzionali per cercare di preservare la coerenza del patto elettorale, o chi sui media accusa di fascismo il legittimo utilizzo di una normale pratica codificata dai regolamenti parlamentari, omettendo sistematicamente di guardare alla trave negli occhi dei suoi referenti politici?

Non so se sia giusta l’espulsione individuale di questo o quel parlamentare, ma una cosa è certa: le dichiarazioni che alcuni di loro costantemente rilasciano in televisione e sulla carta stampata, spesso con un tempismo fenomenale, oscurano costantemente l’attività politica di chi alle lamentele e alle luci della ribalta preferisce i lavori delle commissioni e l’attività dell’aula. E questo, con la complicità dei media che si disinteressano dei contenuti (dichiarandolo apertamente, come ha fatto Corrado Formigli durante l’intervista a Nicola Morra) per sollevare cortine fumogene basate esclusivamente sul gossip metapolitico, rappresenta il vero cancro di questo paese.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

207 risposte a Tecno-fascismi e purghe staliniane

  • 97
    NeroLucente

    @ luca

    Nessun volo pindarico, la risposta è semplicemente andata fuori dal suo posto per via del adblocker.
    E tu o fai finta di non capire o la tua stupidità è superiore alla mia.

    Perchè bisogna essere ingenui e molto stupidi per non vedere come l’intento dei giornalisti sia trovare ogni piccolo appiglio per dimostrare che il M5S è peggio di qualsiasi partito mai esistito. Poi mi spieghi quando e dove farebbero interviste “CATTIVE” ai politici, che di solito è tutto un assist quando non una vera e propria maggiordomeria, fatte le dovute e rare eccezioni di pochi, per non dire unici, casi in cui c’è un giornalista indipendente a fare le domande, se ci riesce…

    E che a questo comportamento esistono più spiegazioni tra cui il legame che vede direttori di giornali e telegiornali direttamente collegati in primis a Pd e Pdl ma anche ai partiti minori che lottizzano da sempre tutta l’informazione tradizionale, i cui CDA sono infestati da persone di fiducia, o dai diretti interessati, che con molta gratitudine restituiscono tutti i vantaggi che ricevono dal loro ruolo prestigioso sotto forma di articoli su misura, che spesso servono ad infangare l’avversario politico, inutile negare che fuori dagli schemi il M5S è l’avversario di tutti e rispetto ai partiti .

    E chi sta scrivendo è un astensionista, che non ha interesse a difendere il M5S, in quanto ritiene il M5S non risolutivo della crisi macroeconomica che viviamo. E quindi puoi pure risparmiarti di attribuirmi parlamentari o etichette, grazie.

    E per chiudere, quella che tu chiami impropriamente CENSURA è invece una divergenza di pensiero e nessuno ti obbliga a rimanere in un movimento che non si lega più al tuo modo di vedere, se qualcosa non ti piace non è affatto necessario.

    E visto che sembra che le mie parole non rimangono visibili mi ripeterò fino alla nausea, PERCHE’ LA GAMBARO SI LAMENTA DI GRILLO, PUR SAPENDO CHE DA SEMPRE BEPPE ATTACCA TUTTI SENZA PELI SULLA LINGUA?

    Quella non è una critica, è la richiesta di un cambiamento, la Gambaro chide a Grillo di smetterla di usare la linea dura e di criticare perfino il parlamento. E allora perchè non lamentarsi direttamente con Grillo? Quella della Gambaro bene che vada sembra una richiesta di cambiamento della linea comunicativa, che equivale a ragionare in termini di assecondare le necessità di apparire piuttosto che di essere.

    Se hai letto tutto ti invito a non rispondere, perchè so benissimo che non ne usciamo, la tua è una visione immutabile quanto la mia.

  • 96
    NeroLucente

    @ Luca

    Sebbene risponderti significa ammettere di essere un pò idiota, perchè la risposta alle tue domande è già scritta sopra, per maggior chiarezza lo ribadisco.

    Se un giornalista ti chiede il perchè della debacle elettorale, la risposta più sensata non è fornire ad uno che non ha la minima intenzione di spendere mezza parola positiva per te ulteriori armi per distruggerti mediaticamente, perchè altrimenti significa che sta cercando di aiutare la stampa piuttosto che il movimento del quale fai parte.

    Quello che non ti va di Grillo, che urla o che attacca perchè ti andava bene prima?
    La linea è quella è conosciuta, se non ti piaceva perchè sei entrata nel movimento?

    Insomma qui c’è una coerenza estrema da un lato e molto ma molta voglia di fare STRATEGIA a seconda degli umori dell’elettore.

    Insomma la vecchia mentalità dei politici di inseguire gli umori del popolo, ma non per esaudire i loro bisogni, ma per sfruttarli al fine di continuare a stare piantati in parlamento.

    • 96.1
      luca

      Stai facendo voli pindarici..(sopra non c’è nessuna risposta a riguardo se non altri voli pindarici o superc**zole )

      ” la risposta più sensata non è fornire ad uno che non ha la minima intenzione di spendere mezza parola positiva per te ulteriori armi per distruggerti mediaticamente”

      cosa c’entra lo spendere “mezza parola positiva per te” ??
      Il ruolo del giornalista è fare le domande (anche cattive e maliziose ) non spendere parole positive. La gambaro doveva rispondere ( o meno ) , ed è proprio la risposta della gambaro che ha fatto scalpore, non c’è stata nessuna interpretazione delle sue parole, hanno semplicemente trasmesso in video o trascritto le sue parole testuali.
      Ritorniamo all’ obbligo di censura dei vostri parlamentari come ho detto prima.

  • 95
    Andrea

    In Italia si è sempre trattata la politica con un buonismo che non è proprio di nessun’altra realtà.

    Se tu sei l’allenatore di una squadra e la tua squadra non vince, il presidente cambia allenatore, se sei il manager di una azienda e la tua azienda non fa utili, vieni licenziato e viene assunto un altro manager, e non me ne frega niente se tua moglie è stata male, se la concorrenza era sleale, se l’anno prossimo ti impegnerai di più o qualsiasi altra scusa, io voglio che fai utili, se non fai utili… “avanti il prossimo!”

    In politica invece è 20 anni che si continua a giustificare nei modi più disparati i protagonisti della politica dicendo che era colpa dell’opposizione, del presidente della repubblica, del governo che c’era prima, dei traditori, dei magistrati che comunque non ti hanno ancora condannato definitivamente… Basta! O “fai utili” o vai a casa!

  • 94
    NeroLucente

    Io ho ben altri motivi per cui lamentarmi del M5S.

    E continuo a ritenere molto più stupida la dichiarazione della Gambaro data in pasto ai media pronti a sbranare il M5S che la decisione di Grillo di metterla fuori tramite votazione.

    Perchè io ho provato a mettermi al posto della Gambaro e se mi fosse venuto in mente di crticare Beppe non avrei di certo fatto l’errore di contribuire alla missione infamante dei pennivendoli. Avrei preso l’occasione del microfono per spiegare ancora una volta agli italiani che la contaminazione dei partiti è la denaturazione di un movimento antipartitico.

    Nella lotta contro tutti i media che non spendono mezza parola positiva per il M5S, mentre i partiti vengono trattati con i guanti di velluto, quello della Gambaro non è stato un errore ma un imboscata.

    Detto ciò un moveimento che vuol cambiare le abitudini di questo paese, NON HA BISOGNO DI VOTI E VITTORIE, perchè il vero traguardo è rendere l’elettore IMMUNE ALLE LOGICHE CHE VOGLIONO IDEOLOGIE CONTRAPPOSTE, UNITE PER SALVARE IL PAESE, e con la paura del baratro e del fate presto continuare quella vecchia politica di spartizione di posti e poltrone, lasciando immutati antichi privilegi, grandi congflitti d’interesse, pieno supporto a lobby e gruppi di potere.

    • 94.1
      Dr. Manhattan

      Analisi assolutamente condivisibile.
      È del tutto inutile inseguire voti e consensi, per poi ricomporre lo schieramento di regime.
      Siamo in emergenza economica da decenni: il pretesto per ogni nefando consociativismo è sempre buono e attuale. Per la serie: “avevamo l’occasione di…”.
      Il cambiamento può essere solo qualitativo: è inutile perseguire il 51% se poi, in nome della ragion di stato, ci si laica tappare la bocca e si diventa complici, oppure (se non ci si sta) si viene additati come responsabili della crisi.
      Oppure vogliamo diventare come il PD? Quanti lo hanno votato illudendosi che significasse davvero cambiamento e tutela dei cittadini?

    • 94.2
      luca

      Quindi se fai parte del M5S e un giornalista ti domanda quali sono le ragioni della debacle elettorale…anche se pensi che la colpa è dei toni di beppe grillo, non devi rispondere ??
      Si parla tanto di mettersi nei panni della gambaro, fatelo pensateci almeno.
      State semplicemente giustificando la censura. Legittimo percarità, ma una rettifica al regolamento dovreste farla, perchè non mi sembra una cosa normale e moderna imporre il silenzio stampa. La teoria della gambaro espulsa per aver offuscato lavori parlamentari fa acqua da tutte le parti. (se i media sono i vostri peggiori nemici di quale “danno” stiamo parlando ? )
      Poi se il problema sono i media , come ho detto altrove, non sarebbe più intelligente lavorare sui media piuttosto che sul bavaglio da mettere ai vostri parlamentari ??

  • 93

    Credo che le analisi di Claudio e di altri che sono intervenuti nei commenti (mi riferisco soprattutto al commento n.24 di Simone Garbuglia) debbano efficacemente essere messe insieme per riprogrammare le strategie di lotta: il carisma e i toni di Grillo hanno funzionato egregiamente in campagna elettorale ma ora il sistema dei mass-media sta rispondendo con identica moneta, giocando più sulla forma che sui contenuti.
    I gruppi Mediaset e Espresso-Repubblica hanno tutti gli interessi a giocare contro Grillo per recuperare i voti che PDL e PD-L hanno perso a favore del M5S e lo fanno come hanno sempre fatto (e come Simone sottolineava), niente di nuovo sotto il sole…
    Ma l’aspetto “X” su cui stiamo perdendo la battaglia, non la guerra, è sull’elettorato inesperto che conquistato dal carisma di Grillo inizialmente adesso fa fatica (diciamolo così, fa fatica) ad andarsi a vedere via web i contenuti che l’M5S sta mettendo in campo con l’attività parlamentare: elettorato che fa ugualmente fatica a capire che in una ipotetica alleanza con Bersani il PD avrebbe fatto in modo di far rimanere l’M5S col cerino in mano (ed ho il sospetto di sapere anche quando sarebbe successo: quando gli avrebbe chiesto di rimandare la riforma elettorale a data da destinarsi).
    Evidentemente una grossa parte dell’elettorato che ha contribuito al successo, è ancora televisivo/stampato, ed è su questi media che va a prendersi le informazioni per il suo fabbisogno rapido quotidiano.
    Forse siamo stati troppo frettolosi nello scaricare completamente le apparizioni televisive (non avendo grossa carta stampata alle spalle tranne Il Fatto e parte di Micromega) a favore solo del web. E ribadisco: è stata una scelta coraggiosa che mi sentirei di riseguire, ma forse dobbiamo ammettere che è stata strategicamente avanguardistica per questo paese.

  • 92
    novecento

    @ Messora vaff***ulo (…..sapere chi c**zo sei?? almeno quando ti vediamo sul blog giriamo alla larga, ……devi essere contagioso piu’ dell’HIV).
    Pensavo che la sottospecie di neanderthal fosse una razza superata. Evidenzio un sentimento di vergogna correlato all’evidente presenza di soggetti “mente captum” che faticano a tenere a bada l’unica cellula cerebrale attiva nel deserto sconsolato e arido di una inutile scatola cranica(?) che il Signore Dio ha arbitrariamente deciso di creare senza precauzione alcuna.
    E’ difficile sentirsi Italiano quando scopri che l’italia è afflitta dalla presenza di personaggi squallidi come te. Il Prof. Alzheimer non avrebbe saputo qualificarti, ti avrebbe inserito fra le patologie rare monocellulari permianti soggetto di razza sconosciuta con sistema circolatorio a secrezione sierosa: …..si, tu non hai sangue nelle vene, ma liquame. “ora riesci a dormire la notte pensando a quello che stai facendo?”: Messora è in guerra come tutti noi contro un sistema di persone ampiamente e ben rappresentati da te. Forse siamo anche un po’ fessi se pensiamo che il frutto dei sacrifici immani come quelli che facciamo possano provocare beneficio anche alle amebe monocellulari affette da malattie del delirio.
    “un tempo eri una persona perbene”: Messora è una persona come tutti, ho invece seri dubbi che tu possa avere sembianze umane, da quello che scrivi è improcastinabile immaginare il reflusso da una fonte piuttosto rumorosa, un orifizio circolare con apertura anatomica posta forzosamente all’esterno e gestita da muscoli involontari che non riescono a fermare scorie tossiche prodotte dagli scarti di quell’unica cellula maligna e solitaria affetta da swine flu.
    Certo pernsare che in giro ci sono persone come te è difficile dormire la notte, io ho avrei gli incubi.

  • 91
    Clesippo Geganio

    questi accordi USA-Italia ed altri Paesi non sono soltanto di natura economica e finanziaria, ma assumono valenze di strategie geopolitiche internazionali, far sapere al mondo che l’occidente ricco ed opulento costruisce armamenti sofisticati e costosi nonostante la crisi economica significa incutere negli altri Paesi amici ed ostili attenzione, considerazione e rispetto.
    Purtroppo ancora nel terzo millennio mostrare i muscoli rende e funziona perchè propedeuitico all’applicazione della supremazia.

  • 90
    emar

    Comunque vorrei complimentarmi Con Grillo e’ propio un grande stratega della comunicazione.Se non avesse risposto e chiesto pubblicamente l’espulzione della Gambaro ma magari avesse chiaritole cose in privato dopo un giorno tutti si sarebbero dimenticati della cosa cosi’ invece i tg ne hanno parlato per giorni e giorni ed ora con la sua espulzione il caso Gambaro il movimento se lo portera dietro mesi o addirittura anni.Complimenti Beppe la tua opera di distruzione dell’unico movimento che poteva dare una speranza al paese procede molto bene per le prossime elezioni probabilmente sarai riuscito ad ultimare il lavoro.Dimmi Beppe di recente hai fatto visita ad ambasciatori americani? e Casaleggio quanto tempo e’ che non incontra Enrico Sassoon?.

    • 90.1
      Andrea

      L’alternativa è “chiudere un occhio”, permettendo così hai portavoce di diventare dei politici che operano solo su idee personali e non sulle idee degli attivisti e dei cittadini (il commento della Gambaro era puramente personale, non da portavoce).

  • 89
    Clesippo Geganio

    ci sono persone che non sono in grado di gestire cariche istituzionali, tantomeno lo stress relativo alle responsabilità che comporta, quindi succede che sfoghino il nervosismo come accaduto alla Gambaro, evidenziando di non essere all’altezza dell’incarico per la mancanza di furbizia (ammesso avesse ragione) di aver contrastato pubblicamente il leader, quando poteva farlo in privato lontano da occhi ed orecchie indiscrete di chi gode ed utilizza questi errori a proprio vantaggio per delegittimare il M5S, la Gambaro purtroppo ha concesso un clamoroso “assist” ai giornalisti stercorari e politici di cacca per screditare il MoVimento.
    In politica questi Orrori costano caro.

  • 88
    marco

    Non sarebbe ora di pensare ad altro? Quando una manifestazione di piazza contro l’acquisto degli F35? In Brasile un milione di persone scende in piazza perchè non vogliono buttare 30 miliardi nella Coppa del Mondo di Calcio del 2014 mentre il paese ha il 10% di analfabeti e il 21% di poveri. Quando ci sarà qualcuno che lancerà campagne di lotta politica anche fuori dal Parlamento sugli F35 e tanti altri sprechi ingiustificabili?

    • 88.1
      Virus

      @marco

      I servizi e i corpi militari dello stato non aspettano altro.
      Almeno che non parti dal presupposto che lo “stato” siamo noi…

      Tra poco ci saranno pure le milizie europee che avranno ancora meno remore a spaccare i denti di donne, vecchi e bambini.

      I greci e gli spagnoli cosa hanno ottenuto scendendo in piazza?

      I rentier sono tornati allo scoperto da molto oramai ed è quindi evidente che non temono più niente e nessuno. E di servi se ne sono comprati tanti.

      Bisogna usare l’intelligenza.

      E’ impensabile di opporsi in piazza ad una macchina bellica globale: o pensi veramente che sia Letta a decidere le linee guida di politica economica italiana? E’ vero che quando li senti parlare sembrano delle bestie immonde ma neanche un microcefalo accetterebbe di suicidarsi aumentando l’IVA.

      E’ necessario che la piccola borghesia e la classe lavoratorice, con l’aiuto di parte dell’intelligentia “illuminata”, ritrovi la propria identità di classe e che si riconosca in un tuttuno complementare (il terzo stato?) che deve opporre resistenza alla classe parassitaria dei rentier, all’aristocrazia attuale e futura. Chi CREA VALORE contro chi se ne appropria e lo brucia per mantenere ingiustificati privilegi (o meglio, giustificati dal sangue sparso dai loro padri).

      Deve essere riscoperto il senso di LOTTA di CLASSE.

    • 88.2
      Virus

      Questo non è però sufficiente che accada solo in Italia: deve accadere in TUTTI i maggiori paesi occidentali.

      Si deve creare un network come il M5S transnazionale, ANONIMO che rappresenti politicamente e PUBBLICAMENTE una rivolta di piazza collettiva in tutto l’occidente, con l’occupazione simultanea di TUTTI i parlamenti delegittimati e dei maggiori media.

      Dovremo essere un tutt’uno non solo a livello di classi produttive, ma anche a livello di identità culturali.

      L’unità del terzo stato deve partire comprendendo quella verità umana per cui sono le DIFFERENZE che UNISCONO, per quella complementarietà intrinseca della nostra natura: ovvero, l’OPPOSTO dei DISVALORI globalizzanti.

      Solo in quel caso il sangue versato potrà essere fonte del futuro che i nostri padri hanno sperato per le generazioni future.

  • 87

    CONCORDO PERFETTAMENTE. IL TUTTO NASCE ANCHE DAL FATTO DI ACCENTRARE TROPPO LA DECISIONALITA’ SUL DUO GRILLO-CASALEGGIO. OCCORRE PREPARARE I PARLAMENTARI PER GLI INCONTRI TV. IN ITALIA IL PENSIERO POLITICO PASSA ANCORA IN MANIERA IMPORTANTE DA Lì. GRAZIE
    STEFANO

  • 86
    novecento

    Ciao amico mio,
    do subito un ‘occhiata al tuo link, che come sempre sarà interessnte. In quanto alla tua proposta su Emergency……forse meglio di no, gli invalidi made in Italy sono superiori al made in Italy e questi soggetti sicuramente tornerebbero in patria privi di braccia e gambe, accessori utilissimi nel nostro paese visto che molti nascono con una scatola cranica precaria di materia grigia.

  • 85
    novecento

    I TONI DI GRILLO:
    Beppe Grillo è stato ed è uno dei massimi conoscitori (direi al mondo) di comunicazione. E’ nel gergo detto un leone del palcoscenico e lo calpesta da circa 40 anni. Prima di criticare i TONI che usa bisognerebbe analizzare effetto e cause di azioni e reazioni che un sentimento interno fatto di sensazioni e sesto senso ti suggeriscono in tempo reale prevedendo in un decimo di secondo cosa dirai fra mezzo secondo e cosa si percepirà nell’ascoltatore nel restante mezzo secondo. Non so se sono in grado di far capire come funziona un palcoscenico e quali siano le elettricità che l’interlocuzione provoca e che il leone sa captare un po’ come fanno anche gli squali con il sangue. In ogni caso la velocità di pensiero e la percezione elaborata da un sesto senso sono i fattori determinanti diun successo o insuccesso. Naturalmente il discorso o la scena o la musica che si propone deve avere una certa validità altrimenti cade tutto e ti fischiano.
    Ecco: Beppe è questo con un programma valido, anzi eccellente.
    In mezzo a 63 milioni di persone è certo che ci sarà qualcuno che quel sentimento sconosciuto che arriva da dentro l’anima lo interpreta in maniera opposta anzi a folte fastidiosa e riluttante. Questo dimostra che il carisma (molti lo chiamano approssimativamente cosi’ ma si tratta di intelligenza preparazione e interpretazione in tempo reale della massa) di Grillo rappresenta uno dei pilastri fondamentali del movimento insieme al programma e alla volontà popolare. Le urla di Grillo spesso sono seguite da pianissimi, poi da espressività, poi dalla battuta, poi dal grido del sentimento trasversale del popolo, poi dalla ghignatina satirica ecc. Grillo è un eccellente direttore dell’orchestra sinfonica e difficilmente Puccini puo’ essere interpretato da un direttore tedesco o francese o austriaco o di qualsiasi altro paese al mondo. La conclusione è come dice la canzone “era già tutto previsto” e chi fa finta di non sapere o è ingenuo o è amico di Scajola.

  • 84
    giovanni greco

    mah, io non capisco, le tue parole più che confutare confermano le accuse di tecnofascismo e purghe staliniane, una visione così chiusa di gruppo, in cui ogni dissenso non trova spazio, ma addirittura viene eliminato è proprio di quei sistemi. il fondamento di una democrazia, e quindi ancora di più di una democrazia liquida è il dare spazio a opinioni e interessi di minoranza, che pur non determinando l’ azione(in questo caso politica) proprio perchè di minoranza, hanno comunque diritto a trovare spazio, a potersi esprimere e financo a esercitare una certa influenza, una democrazia liquida in cui il dissenso viene sistematicamente decapitato, diventa una dittatura liquida. e come aggravante aggiungo che, comunque la si voglia mettere, il motivo è stato la critica all’ Uno che vale più di uno. Ti ricordo anche, visto che hai tirato in ballo le questioni, che storicamente parlando le società di successo sono state quelle che sono riuscite a inglobare opinioni e esigenze differenti da quelle del gruppo dominante, e non quelle che hanno eliminato fisicamente e politicamente il dissenso; e che nei tanto vituperati partiti politici esistono comunque delle opinioni di minoranza, cosa che nel m5s pare sia vietato. Certo come dici tu l’ anarchia, dove ognuno può fare e dire quello che vuole è ugualmente distruttiva per un gruppo, ma il concetto di democrazia liquida, per come lo avevo capito io, avrebbe preferito il rischio di anarchia che quello di pensiero unico.

    • 84.1
      Sarah Cinti

      Piano.
      E’ una questione di termini.
      La Gambaro non ha CRITICATO.
      Non ha semplicemente “ESPRESSO DISSENSO”
      Bensi’ ha MISTIFICATO.

      E la cosa e’ profondamente diversa: tutto il tuo ragionamento si fonda sul fatto che la Gambaro abbia espresso un sano dissenso.
      Invece ha scientemente mentito.

      La Gambaro quando accusa Grillo di attaccare il Parlamento, non e’ assolutamente credibile.

      Chi mai – oltretutto facente parte del M5S – potrebbe pensare che Grillo abbia attaccato il Parlamento come istituzione?
      Sappiamo tutti benissino che Grillo, attaccando i parlamentari corrotti e ladri, ha voluto difendere il Parlamento.
      Quindi la Gambaro non ha criticato,
      bensi’ ha MISTIFICATO.

      MISTIFICAZIONE: Distorsione, per lo più deliberata, della verità e realtà dei fatti, che ha come effetto la diffusione di opinioni erronee o giudizî tendenziosi, sia in campo ideologico sia, per es., nel settore del commercio e della pubblicità, al fine di trarre vantaggio dalla credulità altrui.

  • 83
    dario

    Ho visto i post di precisazione del commento. Beh qui entriamo in questioni psicologiche. La tensione e frustrazione c’e’ da parte di tutti. A me interessa il programma: e la storia dell’espulsione ha tenuto banco e oscurato i lavori parlamentari molto di piu’ delle critiche della senatrice.
    Altre espulsioni cosi e il gruppo comunicazione si becca il tapiro d’oro per capacita comunicativa.
    Cercate di mantenere lucidita’ e pensare alle conseguenze delle azioni.
    E in merito al concetto di espulsione; capita che scappi lo scapaccione se tuo figlo la combina grossa, ma prima di cacciarlo di casa ce ne vuole. E i parlamentari del movimento politicamente e mediaticamente sono molto giovani.

  • 82
    dario

    MI spiace caro Messora, non ci siamo con le metafore. Quando penso a quello che e’ accaduto mi viene in mente il Bounty. Quello che si e’ rischiato era la dissoluzione del movimento provocata anche dalla cosidetta maggioranza. Mettila come vuoi ma il 50% non ha votato e il 15% voleva mantenere la senatrice nel gruppo. Mi pare piu’ un ammutinamento del gruppo che una scelta del gruppo. Per fortuna Grillo si e’ rinsavito. La critica va combattuta ma la persona va inclusa. Solo in casi di manifestata malafede si ricorre all’espulsione. capisco che sia difficile per grillo, ma deve sopportare anche gli sfoghi per poter far crescere il gruppo. Le regole si rispettano, ma la regola piu’ importante e’ fidarsi e aiutarsi l’un l’altro anche nell’errore ripetuto. E questa regola e’ stata disattesa da molti. Morra sta per fortuna mettendoci una pezza. Da ora basta espulsioni e invece inclusioni. Dobbiamo realizzare un programma. E da soli non si ottiene nulla.

    • 82.1
      Sarah Cinti

      Tu giustamente dici: ” Solo in casi di manifestata malafede si ricorre all’espulsione”.
      E questo e’ proprio il caso della Gambaro.
      Ti sembra possibile, soprattutto per una appartenente al M5S, che abbia creduto che Grillo avesse attaccato il Parlamento?
      Nel senso dell’istituzione Parlamento.
      Perche’ lo scandalo consiste nel fatto che Grillo abbia attaccato il Parlamento come istituzione.
      Quando invece sappiamo tutti benissimo che Grillo, attaccando i parlamentari corrotti e ladri, ha voluto difendere il Parlamento.
      Quindi la Gambaro non ha criticato,
      bensi’ ha MISTIFICATO.
      Questa e’ manifesta malafede.

      MISTIFICAZIONE: Distorsione, per lo più deliberata, della verità e realtà dei fatti, che ha come effetto la diffusione di opinioni erronee o giudizî tendenziosi, sia in campo ideologico sia, per es., nel settore del commercio e della pubblicità, al fine di trarre vantaggio dalla credulità altrui.

  • 81
    pippospano

    La sparata della Gambaro e’ cosi’ assurda che non sembra quasi vera!!
    La cosa ancora piu’ sconvolgente e’ il nummero dei senatori che hanno votato in favore della non espulsione!!

    Sulla base di questi fatti vorrei consigliare a Messora come responsabile del gruppo di comunicazione del M5S la visione del film “Runaway jury (2003) con John Cusack | Gene Hackman | Dustin Hoffman

    Sicuramente qualcuno ci avra’ gia’ pensato , comunque io la butto li!!!

    Saluti

  • 80

    Mi domando come la Gambaro sia arrivata in Parlamento ?, parla come se avesse visto , sentito e vissuto Beppe Grillo per la prima volta, come se Grillo non avesse da sempre usato lo stesso tono sia nei post che nei comizi, come se non conoscesse il traguardo del M5S, come se la sua nomina a parlamentare non fosse mai stata maturata in seno al gruppo del Movimento, nato e cresciuto nella condivisione dei “post , dei VaffaDay , TsunamiTour e dei comizi” di Beppe Grillo
    Ma se non era d’accordo sul “carattere e sull’arte oratoria” di Beppe Grillo perché lo ha seguito fino alla “poltrona” per poi vigliaccamente “pugnalarlo”.
    L’unica spiegazione è che “ha usato Grillo e il M5S per arrivare alla poltrona ed ha trovato lo stratagemma di spruzzare m**da per non dover rinunciare ai SOLDI della CASTA” .
    Non credo sia stupida e ingenua penso invece che la Gambero, sia calcolatrice e perfida, ha sicuramente fatto i “suoi conti personali” , nel M5S deve rinunciare ad una parte dello stipendio e dei rimborsi e per di più limitarsi a due soli mandati, quindi male che vada, meglio fare un mandato solo con rimborsi, stipendi e privilegi da CASTA e poi …chissà che in seno ad altri gruppi possa trasformarsi in una carriera politica permanente, anziché due soli mandati da “poveraccia”.
    Praticamente l’opposto di quanto il M5S si è sempre ripromesso di smantellare per l’ interesse della collettività.
    Così facendo la Gambaro raggiunge due obiettivi, primo “entrare a far parte della CASTA” e secondo andar a ” rafforzare (mantenendo in vita il morente) la logica e la presenza dei partiti “necessari” per foraggiare la CASTA”.

    • 80.1
      Sarah Cinti

      Direi che il tuo ragionamento e’ ineccepibile.
      La Gambaro quando accusa Grillo di attaccare il Parlamento, non e’ assolutamente credibile.
      Chi mai – oltretutto facente parte del M5S – potrebbe pensare che Grillo abbia attaccato il Parlamento come istituzione?
      Grillo ha difeso il Parlamento attaccando i parlamentari corrotti e ladri.
      Quindi la Gambaro non ha criticato,
      bensi’ ha MISTIFICATO.

      MISTIFICAZIONE: Distorsione, per lo più deliberata, della verità e realtà dei fatti, che ha come effetto la diffusione di opinioni erronee o giudizî tendenziosi, sia in campo ideologico sia, per es., nel settore del commercio e della pubblicità, al fine di trarre vantaggio dalla credulità altrui.

  • 79
    emar

    Qualcuno vorrebbe gentilmente spiegarmi quale parte del codice di comportamento avrebbe trasghedito visto che lei ha criticato i post del sito personale di Beppe ( visto che gli introiti pubblicitari vanno in tasca a Beppe e non al movimento il sito e’ un sito privato)il regolamento prevede che il sito ufficiale del movimento e’ movimento5stelle.it e Grillo quando si esprime sul suo blog lo fa’ a titolo personale quindi la Gambaro da regolamento poteva criticarlo inquanto sul suo blog e solo un privato cittadino oppure se invece parla a nome del movimento deve per regolamento farlo sul sito ufficiale del movimento ed allora e’ lui che ha violato le regole.
    http://www.beppegrillo.it/movimento/codice_comportamento_parlamentare.php

    • 79.1
      Dr. Manhattan

      Ancora con la storia degli introiti pubblicitari???
      Qui c’è gente che soffre!

    • 79.2

      Ecco bravo @Emar, finalmente si comincia a vedere qualche link nei tuoi commenti (mi raccomando non più di 1 alla volta sennò finisci nello spam), ora devo dirti un’altra cosa … siamo al commento # 79, se avessi seguito il discorso, non dico dall’inizio ma almeno qualche passetto indietro, avresti risparmiato a te ed agli altri una domanda del tutto inutile.

      Bastava aver seguito dal commento # 51, dove Claudio spiega a @Gaetano :

      http://www.byoblu.com/post/2013/06/19/tecno-fascismi-e-purghe-staliniane.aspx/comment-page-2#comment-63032

      Soddisfatto, è coerente per te o devi trovare ancora il pelo dentro l’uovo ??

      Però io mi sto stufando, alla terza pagina di commenti di cominciare daccapo, occhio che alla prossima ti interrogo !!

      Non ce l’ho con te, ma con l’idioma che rappresenti …

    • 79.3
      emar

      se tu avessi seguito tutti i commenti avresti visto che io ho replicato a quel commento di Claudio ma il punto non e’ questo il punto e’ che la Gambaro non ha infranto nessun regolamento perche’ per essere passiva di espulzione doveva rilasciare dichiarazioni lesive del movimento 5 stelle mentre lei ha espresso giudizi sui i post e sui toni che Beppe ha tenuto sul suo blog privato e quindi nella veste di libero e privato cittadino.Solo il sito movimento5stelle.it puo’ ritenersi il sito ufficiale del movimento.Ma che ci parlo a fare siete diventati una setta religiosa che segue il suo Guru acriticamente nonostante in 3 mesi abbia praticamente fatto
      dimezzare i consensi al movimento.Per quanto mi riguarda concordo con quanto Barnard dice nel link da me postato.

    • 79.4

      @Emar, ecco vedi ci sei caduto di nuovo, ancora statistiche senza citare la fonte …

      Per quanto riguarda “siete diventati una setta religiosa che segue il suo Guru acriticamente” … mi sembra che tu non sia da meno, e comunque rimane una tua esternazione, io tra i post di commenti critici ne leggo tanti, ma non col tuo nick !!

    • 79.5
      Sarah Cinti

      Piano.
      E’ una questione di termini.
      La Gambaro non ha CRITICATO.
      Ha MISTIFICATO.

      La Gambaro quando accusa Grillo di attaccare il Parlamento, non e’ assolutamente credibile.

      Ha scientemente mentito.

      Chi mai – oltretutto facente parte del M5S – potrebbe pensare che Grillo abbia attaccato il Parlamento come istituzione?
      Sappiamo tutti benissino che Grillo, attaccando i parlamentari corrotti e ladri, ha voluto difendere il Parlamento.
      Quindi la Gambaro non ha criticato,
      bensi’ ha MISTIFICATO.

      MISTIFICAZIONE: Distorsione, per lo più deliberata, della verità e realtà dei fatti, che ha come effetto la diffusione di opinioni erronee o giudizî tendenziosi, sia in campo ideologico sia, per es., nel settore del commercio e della pubblicità, al fine di trarre vantaggio dalla credulità altrui.

    • 79.6
      emar

      Scusa quintavalle ma di che statistiche stai parlando?comunque visto che non capisci ci provero’ per l’ultima volta poi getto la spugna.Il regolamento dice testualmente:
      Lo strumento ufficiale per la divulgazione delle informazioni e la partecipazione dei cittadini è il sito http://www.movimento5stelle.it, lo puoi verificare nel link che ho postato.quindi Beppegrillo.it e’ il sito privato di Beppe e la conferma viene dalla risposta che Beppe ha dato sul suo blog rispondendo alla domanda della Gabanelli che chiedeva a chi andassero gli introiti pubblicitari ha risposto che vanno a lui perche’ quel sito e’ suo e’ non del movimento quindi la critica della Gambaro e’ stata fatta ad un sito privato ed ai toni usati da beppe nel suo sito privato quindi non ha eventualmente leso il movimento ma solo un privato cittadino di Nome Beppe Grillo a meno che tu non voglia dirmi che uno vale uno e’ stato solo uno slogan elettorale per accaparrarsi voti e poi invece dopo ci dite che Grillo e’ il movimento e lui non vale uno e quindi criticare lui e le sue uscite sul suo sito personale equivalga a criticare tutto il movimento in tal caso io e milioni di altri elettori siamo stati raggirati con false promesse elettorali ne piu’ ne meno che nello stesso modo che i partiti tradizionali hanno fatto per anni ed infatti stiamo ancora aspettando la democrazia liquida diretta oppure non mi vorrai dire che far votare solo chi e’ iscritto al sito al 12/2012 circa ventimila persone su nove milioni di votanti tu la chiami democrazia diretta?inoltre solo in poche ore in orario di lavoro per cui molti non hanno potuto votare tu la chiami democrazia diretta?.Se non hai capito questa volta ti faccio un disegnino.In Giurispudenza un cittadino che parla sul suo sito privato rappresenta solo se stesso e chiaro il concetto?.

    • 79.7

      @Emar, non ti preoccupare, sono io a gettare la spugna per primo.

      Comunque solo per coerenza con chi avrà seguito questo sterile “botta e risposta”, quando ti “accusavo” di divulgare statistiche senza citare la fonte, mi riferivo a :

      “nonostante in 3 mesi abbia praticamente fatto
      dimezzare i consensi al movimento.”

      Questo è quanto.

      Perchè non ti rileggi un pò di risposte di utenti che hanno criticato le tue posizioni ??

      Errare è umano, difendere i propri principi è sacrosanto, ma venire qui a spammare le proprie teorie, mi sembra quantomeno maleducato !!

      Atteniamoci al post, senza OT, e costruiamo un percorso di ragionamento coerente … sennò “fonda un partito e vediamo quanti voti prendi”

      Bye

  • 78

    Perchè perdere tempo con le c**zate alla Gambaro, cominciamo a fare quelle cosette promesse in campagna elettorale cominciando ad alzare la voce, organizzando manifestazioni:visto che il conflitto non si è esaurito con l’entrata nel palazzo del Movimento e mi risulta che ancora siamo in guerra con coloro che hanno causato questo disastro. Cerchiamo di riflettere sul comportamento di altri paesi molto più seri e concreti che per molto meno scendono in piazza a migliaia: aumento del biglietto del tram o l’abbattimento di una zona verde in centro città. Quì, invece, qualcuno ha necessità a tenerci buoni con qualche post indignato che ci faccia discutere per giorni sul niente e intanto il paese è in coma profondo prossimo alla morte.

  • 77

    A titolo personale posso dire di non essere d’accordo con le dichiarazioni della Senatrice quando critica erronamente Grillo definendolo causa della dèbacle del M5S alle amministrative. Devo anche dire, però, che averla espulsa per questo mi sembra un’enormità. Detesto lo sproloquio dei tanti che attaccano chiunque osi criticare la decisione di mettere fuori dal Movimento una cittadina che ha sicuramente sbagliato i modi ma che è pur sempre un parlamentare eletto da tanti di noi. E’ pur vero che l’elettorato del Movimento sia estremamente eterogeneo: delusi del centrosinistra, pentiti del centrodestra e forse anche qualcuno che in passato militava tra le fila dei razzisti padani ed oggi, trovandosi tra noi, utilizza gli stessi metodi e lo stesso linguaggio da camicia verde. Avventurarsi nella critica a Messora, che ultimamente per difendere la linea del Movimento si arrampica sugli specchi con commenti alla superc**zola, o peggio dire che Grillo può e deve essere criticato, si rischia la lapidazione in diretta. Quindi si può sapere qual è la differenza tra la vecchia partitocrazia del pensiero unico e il rivoluzionario M5S? Qualcuno rifletta sui motivi che ci stanno spingendo a discutere di queste che in fondo sono cavolate evitando di dialogare tra di noi sui veri motivi di cambiamento che dovrebbe adottare il blocco degli eletti nel Movimento. Stiamo a scannarci tra di noi per queste min***ate che ci distraggono dai veri problemi che dovrebbero impegnare i Parlamentari pentastellati.

  • 76
    Beatrice

    approvo in pieno!!!

  • 75
    Virus

    Ragazzi, è agghiacciante quello che stanno mettendo allo scoperto i nostri parlamentari pentastellati.

    Il Parlamento è completamento bloccato. Le conquiste di un secolo di lotte bruciate e fumate.

    Siamo tornati agli anni 30 e gli italiani non lo sanno.

    E non c’è neanche la scusante dell’analfabetismo.

  • 74
    novecento

    Alle prossime elezioni allora la Gambaro e tutti quelli che ne prendono le difese prendessero il camper e facessero loro la campagna elettorale.
    Prima di giudicare bisogna mettersi nei panni di chi ha seriamente lavorato a questo progetto peraltro perdendo lauti incassi ampiamente rivelati fino a due anni prima.
    Grillo è il riferimento del movimento ed è il rappresentate piu’ carismatico. A quella età ha rischiato la salute per il movimento. Provate un po’ a prendere un camper e senza fermarsi mai con le sue modalità, senza risparmiarsi un secondo…..provate a vedere se si riesce a recuperare dal niente un 26% – 9 milioni di voti. Poi mettetevi davanti a un PC e dopo quello che avete fatto provate ad ascoltare le dichiarazioni della Gambaro e di altre….(non andiamo tanto per il sottile sulle indagini): cosa fareste??
    Io mi sentirei di commentare con una sola parola: Vaff***ulo!
    Movimento libero e democratico…….il movimento è libero e democratico fino a quando non vincoli la libertà degli altri attraverso quello che tu pensia sia libero per te.
    Le dichiarazioni della Gambaro sono offensive e lesive del movimento, nonchè costituiscono alimento prelibato per giornali e TV una delle piaghe peggiori del nostro momento storico, un lazzaretto della peste distribuito su tutto il paese. Consapevole dei risvolti di una dichiarazione come quella che la Gambaro ha fatto, equivale a voler collaborare insieme ai media e ai politici marci affinchè si destabilizzi un movimento appena nato e sul quale molti italiani vedono un barlume di luce. Non era necessario nessun referendum sulla rete: chi si comporta cosi’ va cacciato a calci in c**o.

    • 74.1
      Dr. Manhattan

      Quoto.
      L’essenza della “loro” “democrazia” è questo: il potere si fa i caxxi suoi (vedi espulsioni a raffica nel PD).
      Ma il disgusto peggiore me lo provocano i commenti demenziali dei troll che ormai infestano (indisturbati) anche questo blog. Motivo che mi ha fatto smettere di leggere il FQ: superamento della soglia del disgusto.
      Ribadisco: il valore della democrazia è ascoltare le idee degli altri, non dover sopportare un cretino che abbaia.
      Adesso il troll ribatteranno: “la stabilisci tu la differenza tra l’uno e l’altro?”.
      Risposta: Beh, se si sente abbaiare… ( con tutto il rispetto per il nobile idioma dei cani, che saranno tanto saggi da non offendersi per essere accostati ai troll piddini).

  • 73
    emar

    Quindi il movimento 5 stelle è uguale ai vecchi partiti.Ovvero lo hanno fatto loro allora possiamo farlo anche noi quindi dove sarebbe la differenza rispetto al vecchio.Craxi quando scoppio tangentopoli disse che tutti i partiti facevano così quindi era la regola sentirlo dire oggi da un 5 stelle è veramente il colmo votandolo pensavamo di votare un movimento diverso dai partiti tradizionali.da oggi vi chiamerò M5L movimento delle 5 libertà e cioè un partito con un capo che fà e disfà quello che vuole senza dover rendere conto a nessuno.Una curiosità Grillo prima di pubblicare i post li sottopone agli eletti per far votare a maggioranza o no oppure soltamnto gli altri devono sottostare alle decisioni dell’assemblea degli eletti mentre lui ne è esentato?e se si questo è scritto nello statuto? se è così Silvio al confronto diventa un campione di democrazia visto che un giorno si e uno no viene criticato anche dai suoi senza che però vengano espulsi se invece non è scritto nel regloamento Grillo va espulso perchè ha violato il patto elettorale con gli elettori ovvero la promessa uno vale uno e visto che io ero a piazza San Giovanni non l’ho sentito aggiungere tutti valgono uno meno io che facciò quello che mi pare

    • 73.1
      Antonio

      Infatti stavolta non sono proprio d’accordo con Claudio, ed evidentemente il suo attuale ruolo esalta ulteriormente quell’attitudine a stare con Grillo senza se e senza ma, della militanza vecchio stampo che cominciava da tempo a profilarsi.
      L’equivalenza del criticare la strategia comunicativa di grillo= insultare = violare un patto elettorale non si può davvero sentire.
      E poi il post su Nigel Farage, così neutrale, a chi vuole strizzare l’occhio, visto che a differenza (spero) di M5s parliamo di un nazionalista?
      Spesso i media esagerano, però non si deve approfittare di questo fatto indubbio per far passare ogni autoritarismo, i fatti sono fatti.

  • 72

    Sarebbe forse meglio espellere tutti i politici dal parlamento!

  • 71

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

La vittoria dell’informazione e i pericoli del dopo Renzi

claudio messora Il No al referendum costituzionale è la vittoria dell'informazione contro chi pensava che per convincere gli italiani a votare basta una comunicazione semplificata, comprensibile a un bambino delle scuole medie. La sconfitta di Renzi passa anche per una ipersemplificazione della Comunicazione che non ha convinto e...GUARDA

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Massimo D’Alema: è grazie a noi se M5S non ha vinto da solo!

Massimo D'Alema Massimo D'Alema fa la sua analisi del voto del referendum. Parla sarcasticamente delle rottamazioni di Matteo Renzi e afferma che se non ci fossero stati loro, il M5S avrebbe vinto da solo. ...GUARDA

I Cinque Stelle alla stampa: ora elezioni subito!

m5s-conferenza-stampa-iconaLa conferenza stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati dopo la vittoria del No al Referendum Costituzionale. Davanti ai giornalisti, a tarda ora, dopo le dimissioni di Matteo Renzi, si sono presentati Vito Crimi, Danilo Toninelli, Alessandro Di Battista e Giulia Grillo, per dire al Presidente della Repubblica...GUARDA

Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!

Renato Brunetta Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!...GUARDA

Galloni e Rinaldi al Quirinale: ora Mattarella stralci il Pareggio di Bilancio

Galloni Rinaldi Quirinale Nino Galloni e Antonio Rinaldi salgono al Quirinale per chiedere simbolicamente a Mattarella che ora rispetti la volontà del popolo e si adoperi per rispettare la Costituzione italiana, stralciando subito il Pareggio di Bilancio ora Mattarella stralci Pareggio di Bilancio...GUARDA

Salvini – Vittoria del popolo contro i poteri forti di tutto il mondo

Salvini referendum La prima dichiarazione dopo gli Exit Poll che danno la vittoria del No a 55%-59% è di Matteo Salvini, che parla testualmente di "una vittoria del popolo contro i poteri forti di gran parte del mondo"....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>