L’ultima disperata resistenza

Modifica Articolo 138 Costituzione Paolo Becchi

Vorrei dire qualcosa a proposito del disegno di legge costituzionale n. 1359 sull’istituzione del Comitato parlamentare per le riforme costituzionali ed elettorali, di cui si riprende l’esame in questi giorni. Ci sono tre aspetti su cui è necessario riflettere, e che devono essere considerati attentamente.

1° ASPETTO: IL PROCEDIMENTO

Anzitutto, il procedimento. Bisogna qui fare una premessa generale, ma che credo sia comunque utile. L’ art. 138 della Costituzione prevede, per la revisione costituzionale, una procedura del tutto particolare, incentrata sui poteri del Parlamento. La revisione, si legge all’articolo 138, è adottata da ciascuna Camera con due successive deliberazioni ad intervallo non minore di tre mesi ed è approvata a «maggioranza assoluta dei componenti di ciascuna Camera nella seconda votazione».

Non è previsto il referendum confermativo se la revisione è approvata con la maggioranza dei due terzi. Se invece la modifica è approvata a maggioranza assoluta, si procede a referendum nel caso in cui lo richiedano o un quinto dei membri dell’una o dell’altra Camera o cinquecentomila elettori, o cinque Consigli regionali. La revisione sottoposta a referendum non è promulgata «se non viene approvata dalla maggioranza dei voti validi». Nel caso di referendum confermativo, a differenza di quello abrogativo, è sufficiente la maggioranza dei voti validi espressi, mentre non è necessario che alla votazione abbia partecipato la maggioranza degli aventi diritto.

Il meccanismo delineato è chiaro: il parlamento modifica la costituzione e il popolo (eventualmente) decide in ultima istanza su tali modifiche. Questo Parlamento, tuttavia, sta violando apertamente questa procedura, sia sotto il profilo formale che sotto quello sostanziale. Parlo anzitutto dell’aspetto formale:

  1. Il Governo ha nominato, in qualità di consulenti esterni, una commissione di 35 «saggi» a cui si sono aggiunti 7 esperti, che avranno il compito di redigere il testo elaborato dai primi. Ora: dove è previsto questo “passaggio” preliminare alla votazione in Assemblea? Da nessuna parte! C’è dell’altro, però…
  2. A questi 35+7 se ne aggiungeranno altri 40, perché dopo che i primi avranno scritto il testo della nuova Costituzione, un comitato di 20 deputati e 20 senatori scelti all’interno delle commissioni Affari costituzionali dovrà valutarlo. Il comitato trasmetterà, a sua volta, il testo definitivo alle Camere. Alle quali non resterà che approvare. O, ancor meglio, semplicemente ratificare un testo già perfezionato ed approvato. Un Parlamento che si limita a ratificare una legge costituzionale scritta, discussa e decisa da altri, siano essi dei “tecnici” o dei commissari, non è esattamente quel Parlamento di cui parla la Costituzione. Senza contare il fatto che in questo modo si azzerano i rapporti tra le maggioranze e le minoranze, modificando così invariabilmente gli equilibri tra le forze politiche del Paese. Quello che mi chiedo, di cui non riesco a capacitarmi, è come professori di diritto costituzionali nominati dal Governo (almeno quelli) non si siano vergognati di accettare un incarico che li chiama a far parte di un procedimento di revisione costituzionale non previsto in alcun modo dal nostro ordinamento.

Passo ora al profilo sostanziale. Vorrei discutere con voi questa domanda: l’art. 138, il procedimento di revisione disciplinato dalla Costituzione, ha senso con questo attuale sistema elettorale? Sembrano due questioni completamente diverse, ma non lo sono affatto. Con il sistema elettorale vigente all’epoca dell’introduzione della Costituzione, ossia un sistema rigidamente proporzionale, non era semplice mutare la Costituzione sulla base dell’art. 138. Conseguire la maggioranza assoluta (e tanto più quella dei due terzi) senza il concorso della minoranza era piuttosto difficile, considerato che il sistema proporzionale fa emergere un Parlamento relativamente frammentato. L’art. 138 era stato pertanto formulato con questo presupposto di fondo: che modificare la Costituzione non era un diritto della maggioranza, ma richiedeva un accordo con le minoranze parlamentari. Con un sistema elettorale come quello attuale, peraltro sospetto di incostituzionalità, le cose cambiano. C’è, oggi, un premio di maggioranza che fa sì che la Costituzione sia nelle mani della maggioranza di Governo e Pdl e Pd-L possano, se trovano tra loro un accordo, cambiare quello che vogliono. Basta che entrambi raggiungano la metà più uno dei voti.

Questa questione venne discussa, in realtà, già nei primi anni Novanta, con la fine del sistema proporzionale e l’introduzione del maggioritario. Allora si discusse, per un certo periodo, la necessità di modificare l’art. 138 Cost. (con un innalzamento delle maggioranze previste, ad esempio) per evitare il rischio che il sistema elettorale maggioritario consegnasse la revisione della Costituzione alla maggioranza parlamentare. Di tutto ciò si è ormai persa la traccia perché per la prima volta nella storia Pdl e Pd-L sono alleati, ed insieme non solo controllano il funzionamento del Parlamento ma hanno la possibilità di modificare a loro piacimento la Costituzione. Non è un caso, del resto, che dei 35+7 nessuno può essere in qualche modo riconducibile all’opposizione presente in Parlamento. Non esistono “saggi” che non facciano parte della maggioranza Pdl – Pd-l.

Dunque, riassumendo, direi:

  • che il presente procedimento di revisione costituzionale è del tutto atipico, non previsto dall’ordinamento e talmente complicato da impedire al Parlamento ogni decisione reale su un testo che gli verrà presentato già discusso ed approvato dai “saggi” e dai commissari Pdl – Pd-l;
  • che, con questa legge elettorale, ogni revisione o modifica della Costituzione verrà facilmente controllata dalla maggioranza parlamentare, senza alcun rispetto dei diritti delle minoranze.

2° ASPETTO: LA LEGGE ELETTORALE

Il secondo aspetto è direttamente connesso con il primo. Nell’art. 2 del disegno di legge (Competenze e lavori del Comitato) viene detto che il Comitato esaminerà i progetti di «legge ordinaria di riforma dei sistemi elettorali». La domanda è la seguente: perché nella revisione costituzionale si discuterà della legge elettorale, che è però una legge ordinaria? Esiste a onor del vero una spiegazione immediata: la legge elettorale dovrà rispecchiare le modifiche costituzionali eventualmente approvate: se per esempio andassimo verso una repubblica presidenziale, dovremmo avere una legge elettorale coerente. Abbiamo comunque, pur sempre, una procedura di revisione costituzionale che al suo interno prevede la modifica di una legge ordinaria come quella elettorale. Credo che l’effetto collaterale sia chiaro a tutti: spostando in modo artificioso la questione della legge elettorale all’interno della «revisione» della Costituzione, si blocca ogni iniziativa di riforma elettorale immediata. In altre parole: i partiti, al momento delle redazione del disegno di legge, non intendevano affatto cambiare subito il Porcellum, perché non ne avevano alcun interesse. Anzi per evitare che il M5S potesse sostenere l’opposizione ad esso in Parlamento, presentando proposte alternative, si è deciso, con un colpo di mano, di obbligare a rinviare ogni discussione sulla legge elettorale al Comitato di revisione della Costituzione. L’episodio della mozione Giacchetti va spiegata in questo contesto. I partiti hanno “bloccato” ogni possibilità di modificare la legge elettorale, che è una legge di livello ordinario, attribuendo un’esclusiva competenza su di essa ad un Comitato incaricato, in realtà, di elaborare progetti di livello costituzionale. Così la questione è risolta: quando si dirà ai partiti che non vogliono cambiare la legge elettorale, loro potranno sempre rispondere che non è colpa loro, perché la materia, ormai, è oggetto di revisione costituzionale, con i tempi dettati dalla Costituzione stessa.

Ora, però, sembrerebbe che con i venti di elezioni anticipate i partiti intendano tornare parlare di legge elettorale. Ed ecco la bella pensata: approvare una piccola legge-ponte. Insomma, non una legge elettorale definitiva ma una provvisoria, destinata nel giro di pochi mesi ad essere rifatta per adeguarla alla nuova Costituzione. Come dire: i partiti non sono stati capaci di fare una legge elettorale in otto anni e adesso ne vogliono fare due in quindici mesi.

3° ASPETTO: IL COLPO DI STATO DEFINITIVO

Sarebbe quasi comico parlarne, se non fosse tragicamente reale. Vorrei che si prestasse ancora attenzione all’articolo 2 del disegno di legge, nella parte in cui si legge che la «revisione costituzione» sarà relativa agli articoli ai titoli della parte seconda della Costituzione «afferenti alle materie della forma di Stato, della forma di Governo e del bicameralismo». Si modificherà la Costituzione, in altri termini, sia nelle disposizioni riguardanti la forma di Governo sia in quelle concernenti la forma di Stato. L’articolo 139 della Costituzione dice, però, chiaramente: «La forma repubblicana non può essere oggetto di revisione costituzionale». Ora, mi domando: si tratta di un errore materiale, di una svista? O il Governo Letta ha realmente intenzione di modificare la forma di Stato, oltre che quella di Governo? Non saremo più una Repubblica, ma una Monarchia? O forse si intende il passaggio ad una Repubblica federale, e non più «una e indivisibile», come vuole l’art. 5 della Costituzione, anch’esso ritenuto però immodificabile dalla Corte Costituzionale?

Quali che siano le intenzioni del Governo Letta, il mutamento della forma di Stato non costituisce una forma di «revisione» costituzionale, ma l’instaurazione di un nuovo ordine costituzionale nascosto dietro una formale modifica della Costituzione precedente. È il potere costituito che, in modo illegittimo, diviene potere costituente.

CHE FARE?

Ora io mi chiedo: che mezzi può avere il M5S per difendere non tanto se stesso, quanto la Costituzione democratica di questo Paese? I mezzi, purtroppo, non sembrano molti. C’è l’ostruzionismo parlamentare, è vero, ma, viste le maggioranze di cui dispone il Governo Letta, sembra destinato ad una sconfitta, per quanto essa possa essere rimandata in avanti. E in ogni caso mi chiedo: è sufficiente l’ostruzionismo parlamentare di fronte alla aperta rottura e violazione della Costituzione da parte del Governo?

È davvero un peccato che la nostra Costituzione non preveda, come quella tedesca (art. 20), il diritto di resistenza, da parte di ciascun cittadino, «contro chiunque si appresti a sopprimere il regime costituzionale vigente, se non sia possibile alcun altro rimedio». Siamo in una situazione in cui il Governo sta sopprimendo la Costituzione senza neppure che, apparentemente, vi siano mezzi possibili per fermarlo. In realtà, però, il diritto di resistenza non è un diritto come gli altri, che esiste soltanto se previsto espressamente dal legislatore o dal testo costituzionale.
Esso, infatti, è quel diritto che fonda la stessa Costituzione e che la Costituzione stessa presuppone fin nel suo primo articolo, quando proclama che la sovranità appartiene al popolo. Scriveva John Locke, nel suo Secondo Trattato sul Governo:

Laddove è possibile un appello alla legge e ai giudici costituiti, ma il rimedio è negato da un manifesto pervertimento della giustizia e da una sfacciata distorsione della legge intese a proteggere o incoraggiare la violenza o le offese di alcuni uomini o partiti, qui è difficile immaginare altra cosa da uno stato di guerra. Poiché ogniqualvolta si usi violenza o si arrechi offesa, anche se viene dalle mani di chi è designato ad amministrare la giustizia, è sempre violenza o offesa, per quanto dissimulata sotto il nome, le vesti o le forme della legge il cui fine è proteggere e rendere giustizia all’innocente mediante un’imparziale applicazione a tutti coloro che a quella legge sono soggetti.

Oggi il M5S deve fare appello alla resistenza del popolo italiano. Resistenza non significa necessariamente violenza o qualcosa di simile. Significa, diversamente, la volontà dei cittadini di far sentire la loro voce, la loro protesta. Resistere non significa nient’altro che restituire la sovranità al popolo. Significa rispettare, cioè, quella Costituzione che questo disegno di legge vuole fare a pezzi. Soltanto un grande movimento di massa, pacifico, in difesa della Costituzione, potrà impedire che questo Paese venga distrutto. Al M5S spetta il compito di mettere i cittadini in contatto tra loro, di dare a ciascuno di noi la possibilità concreta di partecipare, di esserci. Noi ci siamo: dobbiamo manifestare, mobilitarci, essere presenti nelle città e nelle piazze per fermare tutto questo.

Giù le mani dalla Costituzione:


Costituzione modifica 138 M5SSe vuoi andare in piazza ad informarti su come intendono cambiare la forma di Stato e la forma di Governo, senza usare il metodo previsto dalla Costituzione, clicca qui per vedere in quante piazze italiane, da oggi in poi, troverai banchetti informativi.

A questo link, invece, potrai scaricare materiali utili come volantini, petizioni, spiegazioni ed altre cose.

 

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

39 risposte a L’ultima disperata resistenza

  • Pingback: RESISTENZA !!!!! | Paese in MoVimento

  • Pingback: Altrimenti ci arrabbiamo! | Byoblu.com

  • 21
    vascolabile

    Mi spiegate questa parte? :Non è previsto il referendum confermativo se la revisione è approvata con la maggioranza dei due terzi. Se invece la modifica è approvata a maggioranza assoluta, si procede a referendum nel caso in cui lo richiedano o un quinto dei membri dell’una o dell’altra Camera o cinquecentomila elettori, o cinque Consigli regionali. La revisione sottoposta a referendum non è promulgata «se non viene approvata dalla maggioranza dei voti validi». Nel caso di referendum confermativo, a differenza di quello abrogativo, è sufficiente la maggioranza dei voti validi espressi, mentre non è necessario che alla votazione abbia partecipato la maggioranza degli aventi diritto.

  • 20
    PG LoD

    Caro Paolo questi cleptocrati ci hanno abituati all’ipocrisia più sfrenata, senza più nemmeno il rispetto delle forme, è il momento della verità ed abbiamo il preciso dovere di coinvolgere/sollecitare tutti gli italiani, anche io sono convinto che la strada maestra sia quella della partecipazione di massa, ma in questo caso la comunicazione dovrà essere ancora più coordinata, iniziamo con il chiedere agli italiani di voler esporre un telo bianco dalla propria abitazione in segno di protesta alla modifica della costituzione in atto e per dire no alla guerra che gli Usa si apprestano ad intraprendere in Siria, cominciamo noi del movimento a farlo ad oltranza, gli altri seguiranno. Ad maiora

  • Pingback: Altrimenti ci arrabbiamo! | spettatorimaipiu

  • 19
    Osvaldo

    Paolo Becchi afferma che è necessaria una resistenza pacifica per evitare uno stravolgimento della Costituzione. Forse scrive in questo modo per paura di essere incriminato altrimenti per istigazione all’odio e alla violenza (legge quanto mai funzionale al potere costituito per zittire ogni forma di dissenso).
    Ma la storia ci insegna che mai chi ha il potere vi rinuncia spontaneamente, sull’onda di una qualsiasi protesta popolare, perché ha tutti i mezzi e le risorse necessarie e sufficienti a reprimere il dissenso e disinformare e manipolare la popolazione.
    Purtroppo mi sembra una strada senza uscita, almeno fino a quando buona parte dei cittadini non prenderanno coscienza del regime illiberale a cui siamo assoggettati e saranno allora disposti anche a dare la vita per abbattere il regime.
    Fino a quel momento sarà solo una resistenza disperata, cioé senza speranza.

  • 18
    Clesippo Geganio

    infatti Claudio M. butteranno del fumo agli occhi degli italiani creduloni del PDPDL dicendo che semplificheranno il lavoro bicamerale, ridurranno deputati e menzogne varie per coprire qualche altra schifezza al fine di consolidare la partitocrazia delle cricche.

    La scusante di rendere più veloce l’iter tra i rami del Parlamento è una fandonia, i diversi governi berlusconi son riusciti in un solo mese passando dal parlamento al senato ad approvare Leggi pro domo sua, ora perchè vogliono cambiare l’art.138? FACILITAZIONI PRO DOMO LORO?

    Tutto ciò per non cambiare l’attuale legge elettorale porcellum e non consegnare il potere politico alla democrazia popolare.

  • 17
    Claudio M

    Ma se DAVVERO vogliono fare la rep. Presidenziale:
    1- Santoro è vendutissimo (ricordate lo smaronamento martellante di cacciari ospite in collegamento fisso e molto ‘attivo’?)
    2- Una riforma epocale (prob la più importante dal ’45) e NESSUNO DICE NIENTE. Ma che fine ha fatto la gente, i cittadini, i diritti all’informazione, alla formazione di un opinione, il dibattito a più voci, il coinvolgimento del paese per quello che sarebbe necessariamente un grande passo?
    (ma non ci voglio ancora credere, è un sistema che ha bisogno di una riforma talmente profonda dei rapporti di potere tra le istituzioni che non possono farla come se fosse un secret cocktail party)
    3- Questo modo di far politica non partecipata elitaria ed autoritaria (simil-TAV) provoca inevitabili tensioni sociali, perchè da sole presuppongono l’esistenza di classi culturali e morali. Come se non bastassero quelle provocate dall’economia.
    @dodomagagninich

  • 16
    Clesippo Geganio

    @ Shardan, smettila di trollare fai del male a te stesso!

    Non ho mai sostenuto che in UE siano onesti santi verginelle ecc… dovresti sapere che nella città di Bruxelles come a Strasburgo e Lussenburgo nei pressi dei palazzi del potere UE ci sono sedi non governative di molte holding multinazionali che non stanno li per caso ma per influire e condizionare la politica europea.

    Trattasi del medesimo problema italiano non possiamo pretendere che dei pregiudicati riuniti in cricche presenti in senato e parlamento varino Leggi per autoescludersi dal potere e finire in galera! E’ chiaro il concetto? Quindi se mandiamo in UE sta gentaglia non faranno altro che perpetuare loro stessi e gli sporchi affari all’infinito!

    Per rivoluzionare civilmente il “sistema” il M5S unica realtà politica in grado di sovvertire quella corruttela deve acquisire conquistare democraticamente il potere politico e GOVERNATIVO in Italia per poi minacciare la UE.

    Ahooo sveglia!!! Questa è una guerra e come tutte le guerre si vincono con tattica intelligente e strategia consolidata.

    Invito gentilmente il webmaster C. Messora a pubblicare anche in sintesi (in questo blog e non solo) la notevole mole di lavoro compiuto dal M5S in questi 5 mesi tra Senato e Parlamento per fare propaganda elettorale cioè tattica e strategia politica per informare ed acquisire consensi senza i quali non si va da nessuna parte.

  • 15
    Clesippo Geganio

    @ Virus,
    forse non mi sono espresso bene ma se rileggi attentamente capirai.
    Come ho già scritto e riscritto innumerevoli volte, non possiamo permetterci di dettare regole alla UE se prima non mettiamo in ordine casa nostra:
    1- non abbiamo una politica degna, autorevole e credibile,
    2- non esiste più legalità in tutti i livelli istituzionli ed amministrativi,
    3- abbiamo partiti e leaders che tramano contro la nazione che governano,
    4- abbiamo pregiudicati eletti nelle massime istituzioni dello Stato,
    5- abbiamo la classe politica e dirigente che UCCIDE ogni tentativo di rinnovamento e ringiovanimento di se stessa,

    e la lista degli orrori italici sarebbe lunga e atroce!

    Se non l’avete capito siamo nel caos assoluto, la Repubblica italiana NON ESISTE PIU’!!!

    Virus, è ovvio ed acclarato che dobbiamo uscire da questa moneta unica e rivedere radicalmente i trattati UE, ma non possiamo presentarci ai tavoli delle trattative internazionali con zokkole corrotti/corruttori e pregiudicati!

    Per il M5S è tatticamente sbagliato aprire più fronti in “guerra” rischia di perdere tutte le battaglie per inesperienza e dispersione delle energie, innazitutto deve concentrare le forze per conquistare il potere POLITICO NAZIONALE senza il quale non possiamo mandare a f***ulo la partitocrazia italiana poi eventualmente la UE.

    Virus scusa se insisto e senza offesa provo a spiegarlo così, l’Italia è stramalata contemporaneamente di cancro, HIV e SLA e pretendiamo di andare a guarire l’Europa malata di sclerosi multipla?

    • 15.1
      Shardan

      Clesippo
      Virus, è ovvio ed acclarato che dobbiamo uscire da questa moneta unica e rivedere radicalmente i trattati UE, ma non possiamo presentarci ai tavoli delle trattative internazionali con zokkole corrotti/corruttori e pregiudicati

      Cit.

      Ma se Bruxelles….è il centro di potere …più corrotto d’ Europa!!!

      ma Clesì….che dici?

      Sembra quasi dica che dobbiamo rifarci una verginità adamantina…per poterci poi presentare ..con dignità e autorevolezza….ad una istituzione europea che rappresenta la limpidezza e l’onestà per eccellenza!!

      caro Clesì….tu non hai capito nulla.

    • 15.2
      Virus

      @Clesippo Geganio

      Perdona, ma credo che sia tu che non abbia compreso appieno il mio contributo.

      Io NON ho parlato di pubbliche crociate contro l’UE. Non riusciamo a fermare neanche lo smantellamento della Costituzione….

      Io ho parlato di ANALISI SBAGLIATA, che presuppone soluzioni reazionarie e restauratrici. Punto.

      E visto che il PRIMO influencer del MoVimento, backend o frontend che sia, insiste con analisi che NON si trovano su NESSUNA ricerca accademica ma, purtroppo, su OGNI canale di propaganda main stream, permettimi di essere molto, MOLTO preoccupato.

      E’dal ’92 che viene stuprata la nostra Costituzione e viene attentato al nostro benessere economico e culturale. Di cosa stiamo parlando? Di come perderemo GLORIOSAMENTE la nostra battaglia contro i mulini a vento?

  • 14
    Shardan

    Il Trattato di Lisbona…a a pugni con la nostra Costituzione..(cioè di fatto …la Costituzione dell UE…firmata senza consultare i Popoli Europei… quasi di nascosto…un 15 agosto…quando il “popolo bue” in vacanza è piuttosto distratto….anche se a dire il vero..distratto lo è 365 gg l’anno…anche quando è attento…”lor signori” ciò che vogliono fare lo fanno ugualmente …. )…f

    Stanno semplicemente armonizzando il tutto.

    avanti tutta con la dittatura UE/Euro…(ma è un problema secondario…c’è tempo….per ridiscutere il tutto…non bisogna essere impulsivi direbbe il Grillo….vedremo …vedremo…..chi va piano va lontano…)….prima facciamo vedere a “quelli di Cernobbio” che abbiamo palle….con la “democrazia diretta”……..con la nostra relazione rigorosamente filmata…gli spaventeremmo a morte …ehhh….qui non si scherzaaa…ehhhh…..

    a stoltiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii !!!!

    a sterilizzatiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii !!!!!

    a pseudo rivoluzionari vacuiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!!!!

    c e da dire una cosa: ottima l’opposizione che sta facendo il M5s…contro sto smantellamento costituzionale.

  • 13
    angelo verderio

    MUSSOLINI 1.0
    MUSSOLINI 2.0: BERLUSCONI
    MUSSOLINI 3.0: GRILLO

    • 13.1
      Shardan

      manca qualcosa all’appello:

      lo completo io:

      MUSSOLINI 1,0 + 2.0+3,0 = Fascisti rosso sbiadito PD (PCI+DS+PD) cioè= i più fascisti di tutti e tre da te elencati messi insieme.

      o no???

      grave e imperdonabile dimenticanza.(o sei uno di loro? )

    • 13.2
      Fabio

      Quanta ignoranza…

  • 12
    rg3

    È certo che vedere 12 (numero simbolico?) parlamentari M5S sul tetto di Montecitorio mi riconcilia molto col Movimento. Anche l’autoprodotto filmato di Di Battista in cui esprime tutte le sue giustificate ansie per il blitz è da applausi a scena aperta.
    Forza e coraggio ragazzi, non vi lasceremo soli!

  • 11
    lelamedispadaccinonero.blogspot.it

    la c o s t i t u z i o n e non ha più valore dopo aver aderito al trattato di lisbona per cui l’effimera sovranità rimasta potrebbe benissimo andar via dato che siamo completamente nelle mani di banche, hedge founds e corporation in generale ringraziando gli schifosi europeisti (spesso di sinistra) che ci hanno portato nel letame e che continuano a definirsi tali nonostante le loro idee si siano rivelate palesemente fallimentari (per noi ma non per loro)

    per cui caro m5s fino a quando sarai europeista io non sarò dalla tua parte

    p.s. mi asterrò al voto fino a che non ci sarà un partito VERAMENTE ANTI EU

    lelamedispadaccinonero.blogspot.it

  • 10

    Ormai siamo abituati a far passare tutto

  • 9
    Antonio Marchesi

    se riescono con queste porcate dobbiamo prendere le ARMI IN MANO noi visto che i carabinieri, polizia ed esercito fanno gli gnorri…..

  • 8
    Virus

    Sarebbe interessante trovare una certa sinergia:

    http://www.aldogiannuli.it/2013/07/colpo-di-stato-bianco/

  • 7
    emar

    Basta semplicemente richiedere il referendum popolare e poi sara’ il popolo a decidere se accettare le modifiche o meno non vedo dove sia il problema.

    • 7.1

      Se una modifica così importante te la fanno sono il naso senza dirti niente il problema c’è eccome!

    • 7.2

      non puoi ‘richiedere’ il referendum, questo è possibile solo con maggioranza parlamentare inferiore 2/3. Visto che Monti Pd Pdl la superano faranno tutto loro. Non si potrà neanche chiedere referendum abrogativo perchè non sarà legge ordinaria.
      C’è solo una cosa. Votare M5S e mandarli tutti ….
      Certo è che ci vorrà tempo. Soprattutto se continuano a rimandare le elezioni!!

  • 6
    baradel

    QUESTO NON E’ UN GOVERNO BENSI’ UN REGIME, UNO DEI PEGGIORI. ANCHE LE NOSTRE GENERAZIONI, OGGI COME IERI, SONO CHIAMATE A LOTTARE CONTRO I TOPI DI FOGNA PARLAMENTARI, CONTRO GLI PSICOPATICI FINANZIARI, CONTRO I BUGIARDI PROFESSIONISTI EUFEMISTICAMENTE CHIAMATI GIORNALISTI. MA NON DOBBIAMO USARE LA VIOLENZA: IL REGIME NON ASPETTA ALTRO PRETESTO PER REPRIMERCI E CRIMINALIZZARCI.
    LA RIVOLUZIONE, IN QUESTO PAESE DI m**dA, LA FAREMO CON L’ORGANIZZAZIONE, CON LA COMUNICAZIONE, CON LA DISOBBEDIENZA CIVILE E FISCALE, COL BOICOTTAGGIO DELLA BUROCRAZIA DI REGIME, CON L’AUTORGANIZZAZIONE.
    DOBBIAMO PENSARE NUOVE FORME DI LOTTA, PENSARE UN NUOVO MONDO, UN NUOVO UNIVERSO….CIO’ CHE STA PROVANDO A FARE IL M5S.
    ORA BISOGNA RADICALIZZARE IL CONFLITTO, DIRE CHI E’ IL NEMICO, TRACCIARE UNA LINEA TRA NOI E LORO. PERCHE’ SIAMO IN GUERRA, PRIMA LO CAPIAMO E MEGLIO E’ PER TUTTI.
    QUESTI BASTARDI INFAMI CHE OSANO FARSI CHIAMARE ONOREVOLI SPUTANO SULLA COSTITUZIONE DEI CALAMANDREI, DEGLI AMENDOLA, DEGLI EINAUDI.
    QUESTI POLITICI E QUESTI BANCHIERI VANNO PROCESSATI E IMPICCATI AL LORO STESSO ALBERO DEI FRUTTI AVVELENATI CHE VORREBBERO FARCI MANGIARE.
    IL PROGETTO NEOLIBERALE, IL SUO FIGLIO BASTARDO (L’EURO), LA SUA SCIA DI DISPERAZIONE DEVONO ESSERE STRONCATI DA UNA NUOVA CITTADINANZA ATTIVA CHE DICA “ORA BASTA!!!”.
    E QUEL MOMENTO E’ ARRIVATO.
    W LA COSTITUZIONE ANTIFASCISTA. ORA E SEMPRE!
    MORTE A TRADITORI, CRIMINALI E USURAI.
    PS.
    PER CASALEGGIO:
    ROMPIGLI IL c**o A QUEI FIGLI DI p****nA IN DOPPIO PETTO DI CERNOBBIO!!

    • 6.1
      Fort

      Ma perchè andare in piazza, questi non ci vedono e non ci sentono quindi non ci cagano come al solito. Basterebbe una semplice mossa sincronizzata, lasciando ferme in mezzo alla strada le nostre auto per soli dieci minuti per vedere l’effetto che fà……..

    • 6.2
      Shardan

      baradel
      PER CASALEGGIO:
      ROMPIGLI IL c**o A QUEI FIGLI DI p****nA IN DOPPIO PETTO DI CERNOBBIO!!
      Citazione

      …ma che dici ?…io ho l’impressione che con “quel mondo”……..a umma umma..ci sia sempre stato un discreto buon feeling…….ora il mini Bilderberg…..a quando il maxi Bilderberg???….(sempre in buona fede ovviamente….solo per far una relazione filmata e stenografata…per far vedere “loro”…che il lavoro…contro di loro è ha buon punto….ovviamente….e già ….)

      Se la mia impressione è errata….tanto ma tanto meglio……ma l’ombroso ed enigmatico guru…con il look alla Robert Plant…mi ha sempre lasciato perplesso.

      Però non bisogna dirlo….perchè altrimenti si è troll…..quindi mi taccio ;-))

      non “oso” dire che è una quasi certezza…è solo un impressione…..

      certo che un movimento con pretese rivoluzionarie…con due fette di salame negli occhi………

      movimento di protesta incanalato e sterilizzato.

      secondo me la cosidetta “democrazia diretta” a lor signori…forse forse (sempre forse )….non dispiace….poi cosi tanto.

      LA RELAZIONE LA PUO FARE TRANQUILLAMENTE SENZA ANDARE DA “LOR SIGNORI”…..BASTA UN SEMPLICE COMUNE POST NEL BLOG…..

    • 6.3
      Shardan

      il lavoro…contro di loro è ha buon punto….ovviamente….

      CIT.

      ha…senza la H….ignurant di uno Shardan (ce e c’è …e ed è permettendo ;-)…scusate digitazione veloce senza rilettura ….i miei ditini vanno per i c**zi loro….nella tastiera

    • 6.4
      Shardan

      shardan
      LA RELAZIONE LA PUO FARE TRANQUILLAMENTE SENZA ANDARE DA “LOR SIGNORI”…..BASTA UN SEMPLICE COMUNE POST NEL BLOG…..

      Cit

      altrimenti non capisco perchè nessuno del M5s…tassativamente non possa rilasciare interviste…partecipare ai talk show politici televisivi….per non mischiarsi con la “melma” del cosidetto sistema….e poi se non erro sotto invito ….si accetta di far una relazione….nella sede di “quelli là” (che sono il coacerbo per eccellenza..di quello che si vorrebbe combattere ) ….ma che senso ha??….bohh,,,,,

      (capisco…ad esempio che i due “guru/padri padroni del movimento” …vadano dal Presidente della Reppublica…o da un altro rappresentante delle Istituzioni….ma a Cernobbio……suona male….piuttosto male…)

      vedremo cosa ne esce fuori………(se strategicamente ha un senso…..io sinceramente non lo capisco …forse è una questione di visuale soggettiva…non so….)

    • 6.5
      Shardan

      Io penso invece che da un consesso del genere….bisogna sempre e comunque prendere le distanze…..per marcare la differenza .

      Si va dal “nemico per eccellenza” (si fa per dire,,,) in un meeting non istituzionale ….. a fare le relazioncine….;-))

      su…dai…;-))

    • 6.6
      Shardan

      baradel

      son tutti in agitazione a Cernobbio….adesso che arriva Casaleggio…tremano….il panico la fa da padrone…è arrivata la resa dei conti ……..la relazioncina gli sconvolgerà ….

  • 5
    Clesippo Geganio

    scusate ma a cosa dovevano servire quei 40 saggi se non per cambiare le carte in tavola riducendo ai minimi termini la democrazia e spiazzare il M5S definitivamente?

    Adesso vorrei sapere a titolo di curiosità tutti quei troll che c**zeggiano contro il M5S preoccupandosi soltanto d’uscire dalla UE a chi rivolgeranno le loro istanze per non far stuprare la Costituzione al PDPDL & soci in affari?

    • 5.1
      Virus

      @Clesippo Geganio

      Tu non capisci perché gli attivisti si inkazzano quando sentono le analisi demenziali sulla situazione economica perché sei il primo a non voler accettare CHI sono i “mandanti” di questo colpo di stato e, SOPRATTUTTO, con CHE MEZZI lo impongono a sti mezzi uomini e mezze zokkole che disonorano il Parlamento.

      Io me ne frego dei complottisti di sta fava che trollano e generano confusione all’interno del MoVimento: è inutile arringare una Resistenza quando fai un’analisi strategica degna di un collaborazionista doppio giochista!

      Ma siamo o no figli dei nostri padri? A vedere come è ridotta la stirpe italica fanno bene gli ebrei a sottolineare alla latina che solo “mater semper certa est”…

  • 4
    mogi

    Claudio,
    Sono seriamente preoccupato della partecipazione di Casaleggio al meeting di Cernobbio (dopo essermi esaltato piu volte con gli interventi di Sibilia).

    Le cose sono due:
    – o non ci va
    – o ci va e poi porta fuori quel che generalmente fuori non arriva, ovvero di cosa e chi hanno parlato.

    Mi farebbe piacere sapere il tuo punto di vista.
    Ripeto, per le battaglie che abbiamo condiciso fin’ora (Bilderberg, Trilateral, etc..), sono preoccupato.

    grazie
    ciao

  • Pingback: L’ultima disperata resistenza | PoliticFeed.it

  • Pingback: L’ultima disperata resistenza | NUTesla | The Informant

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Vota Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Mancano poche ore! Hai votato!?

macchianera internet awards 2016 vota byblu Vuoi contribuire in qualche modo a far conoscere questo blog? Ci sono tre giorni di tempo per votare Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Votate per almeno 10 categorie e usate un vostro indirizzo email reale, altrimenti il vostro voto sarà nullo. Byoblu si trova nella categoria "30....--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Renzi vs Gruber: volata finale sul Referendum

Renzi Gruber Referendum Otto e 1/2 Sintesi dell'intervento di Matteo Renzi, questa sera, a Otto e Mezzo, per la volata finale sul Referendum Costituzionale....GUARDA

La Santanché furiosa sui pallisti Pd diventa una bestia

la santanche furiosa sui pallisti pd diventa una bestia Daniela Santanché si infuria a Coffee Break sul voto di Forza Italia alla Camera sulla Riforma Costituzionale, e chiede il fact checking. Guarda anche: ...GUARDA

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì Le cojonate di Franceschini e Poletti, ministri della cultura e del lavoro, a Tribuna Politica di Semprini, nel tentativo imbarazzante di difendere le ragioni del sì al Referendum Costituzionale, fanno sembrare le forziste Laura Ravetto e Anna Maria Bernini due emerite costituzionaliste. Tante fesserie tutte insieme...GUARDA

Scontro Berlusconi Berlinguer sul Referendum: “Qualcos’altro da aggiungere?”. “Sì: sarebbe un regime!”

Berlusconi Berlinguer Referendum Scontro tra Silvio Berlusconi e Bianca Berlinguer, che non gli permette di elencare le ragioni del No al Referendum Costituzionale. - "Ha qualcos'altro da aggiungere?". - "Sì... Sarebbe un regime!"....GUARDA

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi Diego Fusaro: "Se al Referendum Costituzionale vince il sì, come vogliono le élite, distruggono la Costituzione, desovranizzano lo Stato e impongono l'Unione Europea come Banca Centrale che decide per tutti. Se vince il no l'élite ha pensato anche al piano B, perché il popolo si sta...GUARDA

MELONI A RENZI: SCIOCCATA DA QUANTO SEI BUGIARDO!

giorgia meloni vs matteo renzi sei un bugiardo Giorgia Meloni si scontra violentemente con Matteo Renzi, durante la campagna per il referendum costituzionale, sul Porcellum e sulle liste bloccate, che Renzi sostiene di avere tolto dall'Italicum....GUARDA

Silvio Berlusconi su Beppe Grillo: “Non posso parlarne bene”.

Berlusconi su GrilloSilvio Berlusconi su Beppe Grillo a Matrix: "Mi piace parlare delle persone quando posso parlarne bene. Quando devo parlarne malissimo, ...evito". ...GUARDA

Nino Galloni mena schiaffoni anche alla Presidenza del Consiglio

galloni marattin Nino Galloni si scontra con Luigi Marattin, consigliere economico della Presidenza del Consiglio di Matteo Renzi, su banche, Referendum, privatizzazioni, debito pubblico, mercati e scenari catastrofici....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>