Finalmente le cose come stanno

Silvio Berlusconi

Al contrario dell’editoriale di Antonio Polito, sul Corriere di oggi, ricco di tanti luoghi comuni, cattiverie strumentali e anche di macroscopiche topiche (“Ago della bilancia è stata la senatrice Lanzillotta, che alla fine ha sostenuto il voto palese. Se al suo posto ci fosse stato un altro senatore eletto nella sua stessa lista, per esempio Casini, molto probabilmente avrebbe vinto la scelta opposta. Vuol dire che la libertà di formarsi un convincimento indipendentemente dal partito cui si appartiene è davvero condizione di libertà del Parlamento.“: già peccato che la Lanzillotta abbia esercitato la sua libertà proprio con il voto palese, altrimenti non lo avrebbe saputo neppure Polito), su La Stampa di questa mattina appare un editoriale che ha il coraggio di avere un pensiero finalmente non ipocrita, ben argomentato e ragionevole, a firma di Luigi La Spina. Eccolo.

UNA FORZATURA CHE SERVE A FARE CHIAREZZA
di Luigi La Spina

Mai, come in questo caso, la famosa battuta di Flaiano sull’Italia «patria del diritto e del rovescio» si può applicare alla perfezione e mai, come in questo caso, appaiono inutili, tanto sono strumentali, disquisizioni su leggi, regolamenti, procedure, prassi. Allora, è meglio evitare di inoltrarsi nel mare di ipocrisia che, in queste ore, cerca di giustificare o di condannare la decisione del voto palese sulla decadenza da senatore di Berlusconi con più o meno arzigogolate considerazioni giuridiche e affrontare la vera questione, quella dell’opportunità politica.

L’adozione del voto segreto, con il pretesto di salvaguardare la libertà di coscienza del parlamentare, tradisce un’ammissione di viltà da parte di coloro che rappresentano i cittadini alle Camere e oscura quella trasparenza della condotta pubblica che dovrebbe essere la regola prima di una democrazia. La libertà di coscienza non si può affermare senza la responsabilità dei propri atti, perché le due condizioni sono indissolubilmente connesse. Le procedure che prevedono voti segreti, in tutti i campi e non solo in quello politico, dovrebbero essere limitate a casi del tutto particolari, a meno che non si debba vivere in regimi dittatoriali.

Cambiare sistema, però, proprio adesso, proprio nei confronti di un Berlusconi accusato per due decenni di far approvare «leggi ad personam», solo per favorirlo, sia in campo giudiziario sia in quello economico, appare certamente una scelta che si presta alla facile accusa di persecuzione personale, una decisione, appunto, «contra personam».

Aiutami a continuare a fare informazione libera
Si tratta, perciò, di una forzatura indubbiamente intempestiva e con molte controindicazioni polemiche, ma che, negli attuali momenti della discussione pubblica in Italia, si potrebbe giudicare come una forzatura di chiarezza. Perché mira a scacciare l’arrivo di un altro di quei fantasmi che, da anni, si aggirano sulla nostra politica, personaggi tenebrosi che non permettono mai che si sciolgano eterni sospetti sulle più importanti vicende del nostro Paese.

Tarli di complotti inesplicabili si insinuano sui giornali, in tv, nelle reti e nei corridoi parlamentari tra accuse senza prove e difese d’ufficio: chi, ad esempio, ha davvero deciso la caduta del governo Prodi e chi, nella folta compagnia di altri cento voti segreti, ha stroncato l’ascesa dello stesso Prodi al Quirinale? È troppo facile immaginare i fantasmi che avrebbero avvelenato la nostra Italia se, sotto quei catafalchi che proteggono da occhi indiscreti il verdetto dei senatori, fosse spuntato un risultato contrastante con le indicazioni ufficiali dei partiti. Si sarebbe gridato al «patto scellerato» che, pur di garantire la stabilità del governo, alcuni parlamentari del Pd avrebbero stipulato con il centrodestra, salvando Berlusconi dalla decadenza. Un’accusa che avrebbe fatto implodere un partito democratico già abbastanza fibrillante per conto suo. Oppure, un verdetto contro la sua permanenza in Senato più ampio del previsto avrebbe imputato ai «diversamente berlusconiani» l’onta del tradimento, pur di mantenere le poltrone ministeriali.

La stabilità del governo Letta può essere utile, sì, ma non può essere pagata al prezzo del sospetto, di un confuso intrigo di convenienze intrecciate, senza che i parlamentari abbiano il coraggio, meglio l’onestà intellettuale e morale, di prendere una posizione trasparente e responsabile di fronte all’opinione pubblica, sia sul caso Berlusconi, sia sulla permanenza dell’esecutivo. Sarebbe davvero auspicabile che quella libertà di coscienza che deputati e senatori invocano per ricorrere al voto segreto, la manifestassero, invece, nel voto palese, magari dissociandosi dalle indicazioni del loro partito. Così si ricorderebbero e ricorderebbero agli italiani quell’articolo 67 della nostra Carta costituzionale che li libera dal vincolo di mandato, poiché ogni membro del Parlamento rappresenta la nazione.

I frutti delle «larghe intese» possono essere giudicati positivamente per contribuire all’uscita della Repubblica italiana dalla più grave crisi economica della sua storia, oppure possono essere valutati come insufficienti e iniqui, ma le conseguenze devono essere figlie dei fatti e non dei fantasmi.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

20 risposte a Finalmente le cose come stanno

  • 11
    clausola

    “La libertà di coscienza non si può affermare senza la responsabilità dei propri atti.”

    Sono sempre stato favorevole al divieto di mandato imperativo (che è assicurato dall’art. 67 Cost. Grazie a questo divieto, se un rappresentante del popolo vota in dissenso dal suo partito o dalla base nessuno lo può cacciare dal Parlamento prima della scadenza dalla legislatura. Se e quando si ricandidasse, quello sarebbe il momento del “redde rationem” con gli elettori (che potrebbero negarli la rielezione).

    Tuttavia essere libero di votare secondo coscienza incontra un limite esterno, altrimenti si cade nella possibilità di voto “secondo convenienza e capriccio”.
    Tale limite esterno è quello di permettere ad altri di poterti giudicare -almeno ogni 5 anni; questo implica necessariamente il dovere di assumersi pubblicamente la responsabilità dei propri voti, responsabilità in mancanza della quale un giudizio individualizzato è impossibile.

    Per questo, richiamare la segretezza del voto a protezione del mandato imperativo è improprio ed ultroneo. Serve solo a chi ha la coscienza sporca.
    La segretezza del voto è invece ragionevole ed anzi necessaria quando sussista il rischio di una compressione della libertà del parlamentare mediante ritorsione violenta da parte di suoi oppositori politici.
    Al di là di quest’ipotesi trovo che la segretezza sia del tutto ingiustificata.

  • 10

    Ho fatto un errore… avevo creduto che il testo fosse scritto da Claudio Messora. A rileggere bene invece l’autore è Luigi La Spina. Quindi viene meno la mia “contestazione” di qualche commento prima.

  • 9
    stefano

    Gli itagliani se ne fottono del vincolo di mandato. L’unico mandato che vogliono rispettato è quello del paraculismo. Conoscete qualche elettore di sel che si sia minimamente scandalizzato del giochetto di quel partitino che ha permesso al pd di prendere il premio di maggioranza salvo poi passare all’ “opposizione” per prendersi le presidenze delle commissioni parlamentari? A me sembra di vivere un incubo, tipo film di fantascienza. Le persone che ci stanno accanto sono completamente pazze. E’ così labile il loro spirito critico da far supporre una qualche forma di pazzìa. Viviamo in un manicomio e il bello è che i matti decidono per tutti

  • 8
    Pietro La Rosa

    voto palese si voto palese no. Il punto è la trasparenza, l’onestà intellettuale. Come dice Grillo in questo paese deve andare di moda la legalità, la trasparenza. Tutti i politici devono imparare ad assumersi le proprie responsabilità con la trasparenza assoluta!!!

  • 7
    gios

    Esisterebbe una interessante proposta di soluzione al problema del vincolo di mandato, si chiama gestione “conto corrente consenso” dell’eletto, è stata discussa e approvata su http://www.airesis.it

    http://www.airesis.it/proposals/714-gestione-conto-corrente-consenso-dell-eletto

  • 6
    PAOLO CARBONI

    I dati diffusi oggi sulla disoccupazione in Italia sono devastanti. Il tasso di disoccupazione italiano a settembre era al 12,5%, in aumento dell’1,6% rispetto all’anno scorso. La disoccupazione giovanile è salita al 40,4%. Le persone son sempre più scoraggiate. Il governo, i partiti, i sindacati non offrono nessuna risposta e sono incapaci di agire. La verità è che un modello economico e di sviluppo è al declino e il lavoro va completamente ripensato. L’economista Serge Latouche spiega come si è giunti all’apice della crisi, svela il falso mito della produttività e indica il suo percorso per una nuova economia a servizio delle persone e dei popoli.

    “E’ un paradosso affermare che siamo in crisi. Nel 1972 c’era una crisi ecologica, prima ancora nel maggio 1968 c’era stata una crisi culturale e i giovani sono ancora oggi in questo tipo di crisi. Venne il tempo della Thatcher e di Ronald Regan, una controrivoluzione neoliberista che ci ha portato a questa situazione. Siamo in una crisi sociale e, con il fallimento della Lehman Brothers, dal 15 settembre 2008 ci troviamo in una crisi economica. Tutte queste crisi si mescolano e generano una crisi di civiltà, la crisi della civiltà occidentale. Siamo solo all’inizio, la situazione peggiorerà nei prossimi mesi e anni.
    Aveva ragione il vecchio Marx, non Karl, ma Groucho Marx, che diceva: “un bambino di 5 anni lo capirebbe già!”. Sicuramente i nostri governi avrebbero bisogno di un bambino di 5 anni, perché capirebbe immediatamente che una crescita infinita è incompatibile con un pianeta finito. Un bambino lo capisce, ma noi no. In Francia, nel 2007, il nostro Presidente si è fatto eleggere con questo mantra: “lavorare di più per guadagnare di più”. Questo slogan è di una stupidità totale! È totalmente contrario alla logica elementare e economica. Per tutti gli economisti la legge sacrosanta è la legge del mercato, dell’offerta e domanda, e allora se si lavora di più si fa aumentare l’offerta del lavoro e, siccome la domanda non è abbastanza forte, questo fa crollare il prezzo del lavoro, che si chiama stipendio. Non si dice di guadagnare di più, ma si dice che si deve lavorare di più! E l’Unione Europea chiede alla Francia di spostare l’età della pensione e il risultato è che lo stipendio è sempre più basso. Al contrario si potrebbe dire “lavorare di meno per guadagnare di più”, ed effettivamente molti periodi nella storia sono stati così. Nel XIV secolo, dopo la peste nera, il numero di operai è crollato e gli stipendi sono aumentati notevolmente. Oggi ci sono milioni e milioni di disoccupati. Viviamo in un mondo (che qualcuno chiamava “l’Assurdistan”) dove milioni di lavoratori lavorano sempre di più, troppo, impazziscono, si stressano, si suicidano, e altri milioni di persone invece non lavorano affatto. Lavorare meno è una delle misure per risolvere la disoccupazione, ma non è l’unica. Altre sono la rilocalizzazione e la riconversione ecologica, ma allora immediatamente l’economista dirà “ma come produrre”? Oggi la parola sacra nella Unione Europea, è “produttività” perché la nostra produttività è troppo bassa di fronte alla concorrenza cinese. “Dobbiamo congelare la concorrenza cinese” direbbe il bambino di 5 anni, purtroppo non abbiamo al governo un bambino di 5 anni. Userò una parola che fa scandalo sempre in Italia, ma che dobbiamo usare perché siamo in crisi, la parola è: “protezionismo”. Dobbiamo essere protezionisti in modo intelligente: un protezionismo sociale per permettere a tutti di lavorare, un protezionismo ecologico, per salvare il pianeta, un protezionismo anche fiscale. Mettere la concorrenza, il libero scambio, è una forma di protezionismo, ma è il protezionismo più feroce dei predatori. Dobbiamo proteggere i deboli, il popolo! Non i predatori, non gli speculatori, non i finanzieri, non le banche, ma il popolo! E poveri imprenditori! Soprattutto in Italia, dove ogni settimana alcuni si uccidono perché sono strangolati e se fanno un lavoro eticamente corretto sono ancora più strangolati!
    La crisi può essere il momento di opportunità per portare avanti un progetto alternativo. La sinistra, come è istituzionalizzata non ha più nessuna speranza. Sono sempre stato un uomo di sinistra, ma penso che soltanto un movimento dal basso può reinventare la politica, che non ci si può salvare con questi partiti corrotti e che non si sa se la politica di domani dovrà passare attraverso dei partiti.
    La cosa importante è avere un orizzonte di senso e l’orizzonte di senso deve essere uscire dall’economia e introdurre lo spirito del dono.” Serge Latouche

    • 6.1
      PAOLO CRUUBOON

      !?

    • 6.2
      Shardan

      Carboni:
      “E’ un paradosso affermare che siamo in crisi. Nel 1972 c’era una crisi ecologica, prima ancora nel maggio 1968 c’era stata una crisi culturale e i giovani sono ancora oggi in questo tipo di crisi. Venne il tempo della Thatcher e di Ronald Regan, una controrivoluzione neoliberista che ci ha portato a questa situazione. Siamo in una crisi sociale e, con il fallimento della Lehman Brothers, dal 15 settembre 2008 ci troviamo in una crisi economica. Tutte queste crisi si mescolano e generano una crisi di civiltà, la crisi della civiltà occidentale. Siamo solo all’inizio, la situazione peggiorerà nei prossimi mesi e anni.

      Cit.

      Il discorso generale che fa Latouche.e le sue soluzioni..non mi convincono molto…ne condivido alcune cose altre decisamente no. Su Latouche…bisognerebbe fare tutto un discorso.

      ma queste son parole veritiere…..verissimo: siamo solo all’inizio del disastro….e tanti , troppi non se ne rendono conto.La civiltà occidentale è al capolinea. I prossimi anni saranno dolorosi…molto dolorosi……

    • 6.3
      Shardan

      siamo solo all’inizio del disastro….e tanti , troppi non se ne rendono conto.

      Cit

      Tanti altri invece se ne rendono conto…ma quasi “forse” per un inconscia paura…rimuovono il tutto facendo finta di non capire. Con un particolare: la realtà…non tiene conto delle inconsce paure umane….e ci presenterà il conto. Piaccia o non piaccia.

      ciao

    • 6.4
      beppe

      un libro stampato non avrebbe affermato quello che hai detto tu…fa piacere sentire che una persona che ieri era di sinistra oggi ribalta la posizione della sinistra e affermando che con questi partiti non si va da nessuna parte…a – che non ci si affidi ad un movimento…bello e vero… congratulazioni…il contenuto della tua lettera è chiarissimo!!!

  • 5
    alfrhaed

    Claudio, io ti apprezzo da molto tempo e sei uno dei pochi che ha parlato del vero potere, di cose come il Mes.. ma in questo post c’è un passaggio che non mi spiego, non mi spiego da parte tua.. ovvero.. “La stabilità del governo Letta può essere utile, sì, ma non può essere pagata al prezzo del sospetto,”.. che vuoi dire che la stabilità del governo Letta può essere utile? Ma se lo sai meglio di me che Letta non fa altro che continuare Monti, che è anche lui ex Bilderberg, Aspen Institute e compagnia massonica e tecnocratica cantante. Lo sai anche tu che sta lì per proseguire lo smantellamento della sovranità nazionale. Che è uno di quelli che hanno applaudito al Mes di cui ti sei tanto occupato. Che vuol dire che la stabilità di questo ennesimo governo criminale può essere utile? Un saluto

    • 5.1

      La parte del post che hai citato è di Luigi la Spina, non l’ho scritta io. Il suo articolo è in generale un’ottima riflessione per quanto riguarda la questione del voto palese, per questo l’ho riportato. Chiaro che non si può condividere ogni singolo riferimento al suo interno. Sul punto in questione, io ho certamente un’opinione molto diversa (e anche tu).

  • 4
    occhiodifalco

    Claudio, ti ringrazio per la precisazione.
    a me premeva ribadire che e’ una forzatura.
    prendo atto che in questo (bruttissimo) periodo di discussione politica le forzature servono a fare chiarezza.
    speriamo che non ci siano piu’ forzature e che finisca il berlusconismo così finisce anche l’antiberlusconismo, che secondo me ha fatto piu’ danni del Berlusconi stesso.
    ciao

    • 4.1
      Clesippo Geganio

      più che Occhiodifalco mi sembri cieco come una Talpa!
      non hai visto 20 anni di conflitti d’interessi di commistioni intrallazzi illegalità tra pseudo politica economia e finanza?
      Forse sei pure sordo, mai sentito niente dei ménage politici poi diventate orge dove godevano urlando di piacere mentre truffavano il popolo italiano?

      Ehii ti regalo una notizia, l’antiberlusconismo non è mai esistito!

  • 3

    Liberarsi dal vincolo di mandato è molto semplice senza prestare il fianco a sospetti di tradimenti palesi o presunti: Ci si dimette dal partito e quindi dal programma per cui s’è stati eletti, punto. L’impegno di portare a compimento un programma politico non più condiviso anche dopo i necessari dibattiti assembleari, può ovviamente essere abbandonato in piena libertà di coscienza, ma la libertà ha un costo, ed è giusto che lo abbia e pure molto alto, proprio perché non può essere merce di scambio. Ma neppure il Gruppo Misto, che a mio avviso dovrebbe essere abolito, può continuare ad essere il contenitore anonimo di “rifugiati politici” senza arte né parte, perché costoro semplicemente non possono continuare a percepire emolumenti pubblici per le loro personali opinioni o travagli interiori. La politica nella sua accezione più pura è l’espressione della volontà popolare con obblighi precisi e ineludibili nei confronti dei propri elettori e ciò esige uno schieramento altrettanto preciso e ben individuabile dallo stesso elettore. Se uno schieramento poi a sua volta cambia rotta in navigazione dovrà vedersela pure lui, giunto al primo porto con nuove elezioni. C’est la vie, limpida e cristallina, tutto il resto è fuffa opportunistica.

    • 3.1
      enica

      infatti, questa abberrazione del vincolo di mandato (una delle poche cose sbagliate della nostra costituzione) è usata contro la volontà dei cittadini

    • 3.2
      Wedhro

      Parlo da elettore che ha contribuito a mandare in Parlamento e poi al gruppo misto Adele Gambaro: la cosa che mi scoccia di più non è il suo comportamento (che comunque mi ha lasciato basito) ma il fatto che ha fatto carta straccia degli impegni presi e che non posso fare niente per correggere la situazione. La mancanza di riguardo per la mia volontà di elettore mi manda in bestia, a prescindere dalle elaborate giustificazioni che mi è toccato sentire.

      Comunque più che introduzione del vincolo di mandato che presuppone l’appartenenza a strutture politiche (mentre io vorrei vedere anche candidati indipendenti), preferirei un meccanismo tipo il recall: tu parlamentare fai pure come meglio credi, poi saremo noi elettori a decidere se ti meriti ancora il posto o no.

    • 3.3
      Clesippo Geganio

      @ Rinaldo,
      sono trascorsi decenni di politica e giornalismo infame verso il popolo e la Costituzione della Repubblica prima che arrivasse il M5S per fare corretta informazione e divulgazione in merito al VINCOLO DI MANDATO e VOTAZIONE PALESE, (e tanto altro) ma dov’erano i giornalisti professionisti i politici onesti prima di oggi? Forse erano intenti a costruire una realtà fittizia per ingannare il popolo elettore che fornisce ai loro partiti rimborsi elettorali milionari, stessi partiti che hanno elargito secondo legge finanziamenti milionari alle testate giornalistiche compiacenti?

      Comunque da parte dell’establishment governativo e politico italiano è in atto un boicottaggio sistematico del M5S che ha modalità inconsuete, scopre le carte, cambia le regole e sopratutto spiazza la concorrenza con la correttezza, alla quale la vecchia politica non è avvezza.

  • 2

    non ne posso piu’, e’ da vent’anni che se accendo la tv non fanno altro che parlare di quel delinquente di berlusconi.cosa bisogna fare per liberarcene? Neanche adesso che si e’ riusciti a dimostrare che e’ un delinquente incallito, dobbiamo continuare a sopportarlo?

  • 1

    Condivido pienamente. Oggi nessun politico si dimetterebbe per “questioni d’onore” e questo paradossalmente li rende ancora più liberi di anteporre i propri interessi personali: c’è infatti un primato dei politici sulla politica e della politica sui cittadini. Il voto palese ripropone giustamente la “questione d’onore”!!!

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Miracolo della Boldrini: riesce a farmi dare ragione a Pierluigi Battista

Pierluigi Battista - Fake News - Fake What di Pierluigi Battista Peccato, che delusione. Questo dibattito sulla «post-verità», sulle fake news , sul mare di bufale che si amplificano sulla Rete ha preso una brutta piega, persino un po’ paranoica. Peccato, perché da interessante discussione sul valore e la qualità dell’informazione, il nuovo...--> LEGGI TUTTO

Gianluca Ferrara: Trump? Non cambierà niente. Ecco perché.

Trump Gianluca Ferrara - Play di Gianluca Ferrara 26.172, sono il numero di bombe che gli USA hanno sganciato soltanto nel 2016 su sette paesi. Una media spaventosa di 3 ordigni ogni ora. E Dinnanzi a questa ipocrisia che ruotava intorno al Premio Nobel per la pace Barack...--> LEGGI TUTTO

Quando non paghi nulla per l’informazione, ricorda che la merce sei tu!

Valerio Lo Monaco - Se per il tuo media non paghi nulla, la merce sei tu Quanto accaduto a Claudio Messora e al suo sito Byoblu di informazione indipendente è la prova provata di due cose importanti. Google ha deciso unilateralmente e irrevocabilmente di rimuovere tutte le procedure di monetizzazione attraverso gli annunci ADSense sul sito di Byoblu, sistema utilizzato da Byoblu...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Oggi attaccano Byoblu.com. Ma sarà presto un attacco contro tutti i dissidenti.

di Pino Cabras su MegaChip Fa molto bene Claudio Messora a sottolineare che il vero obiettivo della campagna contro le 'fake news' non erano certo quei cialtroni che infestano il web di notizie false, razziste e irresponsabili per acchiappare clic, che pure ci sono e da chissà...--> LEGGI TUTTO

Anche il ministro del Tesoro UK, contro la Brexit, adesso passa tra i grandi speculatori

Ministro del Tesoro UK - Non voleva la Brexit - Ora passa in BlackRock Un altro leader politico europeo (cfr: "E Barroso passa a Goldman Sachs! Taaaaac!") imbocca la cosiddetta “porta girevole” dell’alta finanza. George Osborne, per sei anni ministro del Tesoro britannico fino al referendum sull’Unione Europea del giugno scorso, ha accettato un’offerta della BlackRock per diventare consulente del...--> LEGGI TUTTO

Le fake news su Trump di Repubblica e la post-verità di Michele Serra

di Massimo Mazza L’amaca di Michele Serra è finita in cima alla prima pagina di Repubblica, ma questo non ha evidentemente incentivato il giornalista a migliorare la qualità della sua striscia quotidiana, che oggi registra l’ennesimo scivolone figlio d’approssimazione e ignoranza dei temi...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Beppe Grillo a Sanremo 1989 – Le penali se dico che i socialisti rubano

Beppe Grillo Sanremo 1989 play Beppe Grillo a San Remo 1989, comunica il suo compenso in diretta e legge le penali previste dal contratto se dice che i socialisti che rubano....GUARDA

Fake news e post-verità: a chi conviene?

fake news post-verità icon play Fake news e post-verità: ormai non parlano d'altro. In Germania, dove presto ci saranno le elezioni, Facebook incarica una organizzazione (finanziata tra gli altri da George Soros) di marchiare a fuoco le notizie ritenute inattendibili. Ma "Fake news", "post-verità" e "debunker" sono solo neologismi, è la neolingua per...GUARDA

Sovranità vs Inflazione – Scontro plastico tra Marco Mori e Salvo Cozzolino

Mori Vs Cuzzolino - Sovranità vs InflazioneMarco Mori vs Salvo Cozzolino è uno scontro che mette in scena il classico campionario degli argomenti contro la sovranità monetaria: inflazione, debito, helicopter money e tutto il resto. Solo una precisazione aggiuntiva per Cozzolino: qualcuno gli dica che dal 1946 al 1970 l'economia andava bene, anche in condizioni di...GUARDA

Lupi ai Cinque Stelle: il referendum sull’euro non lo farete mai. Solo demagogia!

Maurizio Lupi, durante le dichiarazioni di voto per la fiducia alla Camera sul Governo Gentiloni, si rivolge ai Cinque Stelle accusandoli di demagogia, e spiega perché il referendum sull'Euro non si può fare....GUARDA

CARLO SIBILIA: LA PSICOSI DEL MOVIMENTO 5 STELLE

"Io questa psicosi non la capisco: volere necessariamente addossare delle responsabilità al Movimento 5 Stelle, che ce le ha, se le stra prendendo, sta lavorando, abbiamo già fatto delle cose nel Comune di Roma e saranno i cittadini, quelli che sono deputati a decidere. È chiaro che noi...GUARDA

E PERFINO IL DIRETTORE DE L’ESPRESSO, TOMMASO CERNO, DIFENDE M5S: SOVRANITÀ AL POPOLO!

Tommaso Cerno, direttore de L'Espresso, si accalora e sostiene con passione la causa della sovranità popolare e del diritto dei cittadini di esercitarla attraverso il voto, e difende anche la posizione del Movimento 5 Stelle rispetto alla lotta che sta conducendo dentro e fuori dal Parlamento...GUARDA

TUTTI GLI UOMINI DEL PRESIDENTE… DEL PRESIDENTE PRECEDENTE – Walter Rizzetto alla Camera

Il discorso di Walter Rizzetto a Paolo Gentiloni per la fiducia del Governo Gentiloni alla Camera: "Il Partito Democratico incarica il Partito Democratico di formare un nuovo Governo del Partito Democratico, dopo le dimissioni del Governo del Partito Democratico per il referendum del Partito Democratico. Tutti...GUARDA

Come salveranno MPS passo passo, fino al decreto Gentiloni, spiegato da Dino Pesole del Sole24Ore

MPS Pesole Mes Come salveranno MPS e (probabilmente) invocheranno il Fondo Salva Stati (MES) con la scusa di mettere una pezza ai bilanci delle banche, spiegato da Dino Pesole del Sole 24 Ore.  (altro…)...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>