CHI SA FARE FA. CHI NON SA FARE… FA ALDO GRASSO.

Aldo Grasso

Sono finito in prima pagina sul Corriere. Il mondo va a ferro e fuoco, ma il Corriere si occupa di me. Fa niente: me lo meritavo! Del resto, col mio blog indipendente ho denunciato anni prima dei giornaloni i guai che avrebbe commesso Mario Monti, le nefaste conseguenze delle politiche di austerity, lo scempio del Mes, del Fiscal Compact e così via. Ringrazio dunque Aldo Grasso dello spazio di cui finalmente, anche se in ritardo, mi ha omaggiato.

Ovviamente scherzo: Grasso non sa niente di me. In prima pagina però mi ci ha messo. Perché? Perché sono il portavoce di un movimento che lui odia, come si capisce dai pensierini che mette nero su bianco, uno in fila all’altro, di settimana in settimana, di mese in mese, con metodica, maniacale, ossessiva puntualità. Grasso non sa nulla di quello che ho prodotto col mio blog, a mie spese e senza la copertura di quei banchieri che a lui invece pagano lo stipendio come editori del Corriere. Grasso scrive per sentito dire. Già, perché se si fosse informato o fosse andato a vederlo davvero, il mio blog, si sarebbe accorto che io non ho mai scritto (né pensato) che l’Aids non esiste. Ho solo linkato (verbo troppo moderno per il polveroso Grasso) un documentario che poneva interrogativi scientifici e in cui si mettevano in dubbio alcune mosse ispirate dalla forza mediatica di Big Pharma. Una libertà che solo la Rete si può permettere di avere visto che Big Pharma, oltre ad essere un grande cliente pubblicitario della stampa, sponsorizza pure il testo del Giuramento di Ippocrate. Ma questo Grasso mica può dirlo! Così come tace vergognosamente sull’ennesimo regalo alle banche, avvenuto attraverso la ricapitalizzazione di Bankitalia: lui i banchieri ce li ha come editori.

Aldo Grasso scrive per demolire l’onda del 5 Stelle, per denigrarli. Lo fa su mandato del direttore.

Avevano ragione i nostri nonni a dire che “Chi sa fare fa. Chi non sa fare insegna all’università”. Lui scrive di radio, di tv e di comunicazione. Di comunicazione al passato remoto. C’è stata una stagione in cui Grasso diresse RadioRai. Era l’epoca dei Professori. Una stagione, per molti, fallimentare. Chi lo mise? La Divina Provvidenza. Infatti è un miracolato.

Come critico tv ne capisce così tanto che se parla bene di un programma, si può avere la certezza matematica che quel programma immancabilmente lo vedano in quattro gatti. Cioè tanti quanti sono i lettori del Corriere della Sera (che gli assegna una rubrica fatta apposta per far crollare ulteriormente le vendite). Un esempio? Solo pochi giorni fa elogiava il talk serio e composto di Salvo Sottile, “Linea Gialla”, su La7. Alla puntata successiva, Cairo l’ha fatto fuori: ascolti troppo bassi.

Chi sa fare fa. Chi non sa fare… fa Aldo Grasso.

Aggiornamento: la mia risposta ad Aldo Grasso sul Corriere del 9 marzo 2014, pag. 35
Replica ad Aldo Grasso su AIDS - 9 marzo 2014 - pag 35

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

25 risposte a CHI SA FARE FA. CHI NON SA FARE… FA ALDO GRASSO.

  • 19
    mariorox42

    Purtroppo ce ne sono tanti di “aldo grassi”in Italia!

  • 18
    elia domenico

    Ciao Claudio, ciao tutti, mi affianco a te difronte a questi atti denigratori e discreditanti ormai troppo palesi per non essere riconosciuti tali. Hai l’appoggio di tutti noi, e di questi insulti e personaggi che li compiono non parliamone nemmeno, non meritano nemmeno l’articolazione di parole, tanto chiaro è ormai che povere persone sono.

  • 17
    Bolgaroni Maurizio

    Caro Claudio hai sempre avuto la mia stima e dopo aver letto l’articolo di Grasso ce l’ho ancora di piu’. Riguardo poi alle critiche che ricevi, da certe persone, per il fatto che tu sia diventato il responsabile della comunicazione del M5S al senato, non farci caso, ci possono stare. Ma io come te sono d’accordo sul fatto che oggi, piu’ che mai, e’ arrivato il momento, da parte di ognuno di noi, di decidere da che parte stare e di assumerci senza timore le nostre responsabilita’, rispondendo solamente alla propria coscienza. Da parte mia un grazie per il lavoro che stai svolgendo.

  • 16
    TheQ.

    Previo che quando fai complottismo non mi piaci per niente (ma questo già lo sai dalle email sul radon), forse era meglio insistere sulla poltrona garantita di Grasso, a differenza di giornalisti e non giornalisti, blogger e non blogger che invece hanno subito la politica liberista-riformista dei partiti che difende Grasso da 10-20 anni… quella politica che porta milioni di italiani che non comprano il Corriere della Sera, a cambiare mille lavori nella vita in uno stato di precarietà perenne, cambiando mille lavori ed avendo quindi “mille biografie diverse”. Un vero e proprio universo parallelo ed ispiegabile per chi ha la poltrona garantita a vita.
    E l’aspetto che fa più inc**zare è che i raccomandati (ed un po’ anche i referenziati) non si rendono conto che ci sono milioni di persone che cambiano 5-6 lavori nella loro vita per raggiungere solo un briciolo di quella “bella vita” che fanno gli amici di partito nell’universo parallelo.
    E’ curioso che Hollywood di recente stia premendo spesso su questa tematica (gli USA sono il paradiso di tale deformazione economica-sociale). Si veda per esempio Hunger games.

  • 15
    novecento

    GRASSO è uno stato mentale, è una malattia generata dal tedio e dall’insapienza, dall’ingordigia e dall’amore per gli agi e per il danaro, è una consapevolezza di valere talmente poco che è meglio pensare con la testa di un altro, diciamo che è una forma di codardia degenerante progressiva.

  • 14
    clausola

    Caro Claudio,
    non vorrei dirtelo per l’amicizia e il rispetto che ho per te sul piano personale ma devo per onorare verità e giustizia.

    La tua attuale posizione di informatore monocliente è in macroscopico conflitto di interessi con quella di blogger che fa ‘informazione libera’.
    Diciamo che sei passato dal servire il lettore disinformato (avevi iniziato con dei bellissimi servizi per i ‘dummies’) al servire una prospettiva di verità ‘politicamente orientata’ – che è quella propria di colui che ti passa la pagnotta e che te la può levare in qualsiasi momento – verità forzatamente orientata suscettibile di potenziale conflitto con una verità libera da preconcetti. Se puoi smentirmi, ti prego di farlo.
    Chi non riconosce tale conflitto combatte partigianamente una guerra (alla quale tu stesso hai invitato nel tuo post precedente) che gli impedisce di giudicare serenamente ed obbiettivamente i fatti.

    Personalmente ritengo che tu valga enormemente di più come blogger libero.

    Quel blogger avrebbe infallibilmente acceso i riflettori sul processo-farsa politico – con annessa istigazione all’odio ed al linciaggio di una piazza informatica che ne ha piene le palle di qualsiasi sospettabile – che ha epurato 4 dissidenti di un Movimento che si proclama democratico ma non lo è affatto – come certamente saprai meglio di me – a partire da una leadership carismatica in tutto simile a quella berlusconiana (compreso lo status di pregiudicato di chi la incarna).
    Quel blogger avrebbe, chiesto conto dei numerosi vizi di legittimità e procedurali di questa espulsione: mancanza di un chiaro capo di imputazione disciplinare PRIMA del processo, assenza di prove (le stanno ancora cercando, credo inutilmente) ed assenza di precisa riferibilità a qualsiasi norma o regolamento o codice di comportamento scritto DURANTE (e perfino DOPO).
    Quel blogger avrebbe stroncato sul nascere qualsiasi tentativo di far apparire democratico e persino civile quel processo sul piano della pubblicità, semplicemente denunciando all’opinione pubblica la palmare mancanza di trasparenza ed anzi l’oscuramento dei fatti stante la pessima qualità dello streaming (interrotto guarda caso nei momenti chiave quali la difesa di Francesco Campanella), l’irreperibilità di una registrazione video dell’assemblea sul blog del movimento e persino sul web, come pure l’assenza di uno straccio di verbale (non si sa nemmeno se un verbale sia stato redatto).

    Sappiamo tutti e due che hanno applicato un codice rosso e credo che, per quanto da te propugnato sempre nel precedente articolo, sarai d’accordo.

    Quel blogger prodigioso purtroppo è un lusso che tu oggi non puoi permetterti perché ‘primum vivere’ e nel caso sotto la nostra osservazione il conflitto di interesse tra pane e verità da potenziale è diventato verosimilmente attuale. Come potrei chiederti di parlar male del tuo padrone? E come potrei chiederti di difendere proprio coloro che tra le ragioni del loro dissidio, lamentano le indebite ingerenze di ruolo del Sig. Messora (cioè minacciano quei tuoi privati interessi anche economici ai quali hai deciso di sacrificare perfino una libertà dell’informazione, ma “povera”)?

    Con queste premesse ti lascio intendere quanto poco sto seguendo e seguirò questo blog. Almeno fino a quando tornerai ad essere una persona veramente libera.

    Ti aspetto con ansia e con immutata amicizia,

    Claudio Solarino

    • 14.1
      spili

      CAro Claudio, non posso che concordare su ogni parola, virgola, pausa che (spero mi concedi il lusso di darti del tu) hai scritto!!! non posso che aggiungere Peccato per il Mess…ora! ciao

    • 14.2

      ciao Claudio,
      lieto di risentirti. Una domanda per te: non ti salta in mente che 1) io abbia sempre sposato il principio alla base del Movimento Cinque Stelle, e che dunque io sia esattamente lo stesso di prima, senza nessuna discontinuità nel merito delle mie convinzioni? Ma soprattutto: 2) visto che io leggo le dinamiche dall’interno e conosco bene le problematiche in oggetto (essendo i 4 portavoce al Senato), non credi che forse io con quelle espulsioni potrei essere d’accordo (e se vuoi ti spiego perché davanti a una birra)?

    • 14.3
      clausola

      Caro Claudio,
      rispondo brevemente alle tue domande.
      1) esaminare una tua eventuale sintonia o affinità con le idee del M5S mi è ininfluente. Mi interessa – come credevo di aver chiaramente fatto intendere – il tema centrale che ho posto, cioè il tuo conflitto di interessi.
      L’informazione “libera” è tale se non limitata da nessuno e potenzialmente capace di parlar male di tuti. Cosa che evidentemente oggi ti è comunque preclusa. Sto dicendo che tu non sei oggettivamente credibile in quanto se tu volessi mai dissentire da Grillo (cosa che capiterà prima o poi, se non è già capitata), un secondo dopo ti ritroveresti fuori dal movimento e senza uno stipendio.
      2) per quanto detto al punto 1 il tuo parere sull’espulsione dei 4 mi è indifferente in quanto strutturalmente non libero e non credibile per i due motivi già detti. Mi interessa però sottolineare che ai sensi del nostro ordinamento giuridico ed in particolare costituzionale, in quanto nominato a compiti di comunicazione, tu (come pure Grillo che non ha una leadership democratica) non hai nessun mandato elettorale idoneo a permetterti di occuparti di decisioni politiche nè interne né esterne che spettano esclusivamente ai senatori ai sensi dell’art. 57 Cost. – ferme inoltre le garanzie costituzionali di libertà dei 4 che sono state manifestamente violate (anche col tuo avallo, come mi confermi) del diritto di opinione (art. 21 Cost.), di rispetto delle minoranze dissenzienti e del pluralismo democratico interno (diritto a creare correnti) – art. 49 Cost.) di rispetto della libertà da vincoli di mandato nell’interesse nazionale (art. 67 Cost.).
      Se poi volessi davvero dare rilevo al tuo essere accordo (o esserlo sempre stato) con i modi sommari e militareschi del M5S per motivi POLITICI (siete in guerra e in guerra non si osservano le regole legali, lo dice anche Di Battista – sbagliando perché in guerrra si osservano le regole del codice minlitare di guerra) che giustificano tutte le predette violazioni costituzionali unite alle gravissime omissioni che hanno riguardato la procedura di espulsione che già ti ho esposto in precedenza (omissioni che vedo non hai neppure menzionato e quindi reputi accettabili) farei una scoperta estremamente deludente. Infatti tu non saresti più un critico nella legalità (parametro che ti ho visto lungamente utilizzare nelle tue analisi) ma fuori da essa – e io questo non l’ho mai sospettato. Saresti come Craxi o Berlusconi. Un fuorilegge che ha trovato una buona ragione per fare quello che non si può fare per nessuna ragione al mondo.

      • “Sto dicendo che tu non sei oggettivamente credibile in quanto se tu volessi mai dissentire da Grillo (cosa che capiterà prima o poi, se non è già capitata), un secondo dopo ti ritroveresti fuori dal movimento e senza uno stipendio.”

        Ne sei così sicuro? Sei così sicuro che io abbia bisogno di questo stipendio e che quello precedente fosse inferiore?

        Per quanto riguarda i tuoi parallelismi con Craxi, sorvolo: sono evidente frutto della rigidità esasperata con la quale pretendi di classificare quasi maniacalmente perfino le categorie dello spirito.

  • 13
    Salvatore

    ..vabbè, dai…Uno che titola la propria rubrica “Granc*****ne d’Italia”…o no? ;) Finchè a denigrarti saranno ‘sti soggetti…onore e vanto, caro Claudio, onore e vanto!!

  • 12
    Massimo

    Copio e incollo il commento di Luca, perche’ potrebbe essere il mio:

    Caro Claudio Messora

    mi fa piacere cogliere l’occasione per farle le mie congratulazioni, i suoi articoli e le sue interviste sono state molto preziose per la mia formazione.

    Questo attacco da parte di un’agenzia della disinformazione è una meritatissima medaglia.

    Grazie e buon lavoro

  • 11
    Luca

    Caro Claudio Messora

    mi fa piacere cogliere l’occasione per farle le mie congratulazioni, i suoi articoli e le sue interviste sono state molto preziose per la mia formazione.

    Questo attacco da parte di un’agenzia della disinformazione è una meritatissima medaglia.

    Grazie e buon lavoro

  • 10
    Clesippo Geganio

    è una stampa cinica e mercenaria!

    Invece d’occuparsi dei problemi veri e seri che appestano e distruggono l’Italia si indaga (per quale motivo) su persone che nel sistema politico economico e mediatico hanno posizioni marginali, rispetto a quelle truppe cammellate di giornalisti prime firme e mezzi busti presenti in tutte le trasmissioni tv, pagati in parte con i soldi pubblici dai signori dell’editoria nazionale in totale conflitto d’interessi economici e politici, a differenza Messora è degno di rispetto e considerazione per aver preso posizioni politiche avverse a quel sistema politico-mediatico corrotto e correo del declino del Paese.

    Grasso dovrebbe occuparsi di Putin della dichiarazione di guerra del probabile conflitto bellico aperto in Europa, delle eventuali ripercussioni politico-economiche che l’Italia potrebbe subire visti i cospicui interessi ed investimenti per miliardi di euro compiuti dalle aziende di Stato, invece cosa fanno i giornalisti come lui? Perdono tempo a scrivere e parlare di tutto e di più e di incredibile sul M5S mostrando e spostando l’attenzione dei lettori di riferimento su una realtà fittizia ed artefatta.

  • 9
    rg3

    Grasso chi?!?

  • 8
    Giovanni

    Grasso…….sei un poveraccio! ah aha ha

  • 7
    jeanpatrick

    perchè aspettare un articolo di grasso che parla male di te per scrivere anche tu un articolo su grasso? ma non lo sapevi chi era grasso? e allora, non aspettiamo di essere toccato personalmente per scrivere qualcosa su qualcuno che sa scrivere solo odio!

  • 6

    Grande ClAudio!!

  • 5
    Anas

    Secondo me bisogna essere un pò cauti quando si dice ” Informazione LIBERA” … il Blog faceva informazione libera finche Claudio non facesse il porta voca del M5S e prima che percepisse la diara. Era informazione LIBERA quando ogni fine anno chiedeva di sostenere il Blog e pubblicava il bilancio dell’anno e un riassunto di tutti i post fatti … insomma fino a al 2012…Quando si parlava di tutto e di tutti … !!! Erano bei tempi Claudio !!! Ti RICORDI ? ERA informazione LIBERA !!!

  • 4
    roberto p.
    roberto

    “Volevate smacchiare il giaguaro e invece avete ridipinto il gattopardo.”
    A tutti quelli che ancora la menano con “avete perso l’occasione di trattare con Renzi”, la frase di Paola Taverna sintetizza in maniera magistrale quello che è accaduto.
    Se fai un accordo elettorale col pregiudicato Berlusconi, se un giorno dici una cosa e il giorno dopo fai l’opposto, sai già come ti risponderanno quelli del M5S, prima ancora di convocarli per le consultazioni.
    D’altra parte, capisco.
    In un Paese, all’occorrenza, fascista, democristiano, berlusconiano, montiano, lettiano, renziano, e Dio solo sa che altro ci aspetta, parlare di coerenza provoca allergie.
    A tutti, belli e brutti.

  • 3
    lucianoc

    Stamattina dopo aver letto, il pezzo di Grasso, sul Corriere.it, gli ho scritto un commento di rimprovero, che ovviamente non hanno pubblicato.
    Questo succede spesso anche nel blog di Grillo. Quello di censurare commenti un po’ critici o non omologati è una brutta abitudine di molti.

    • 3.1

      ma ancora parlate di questo signore che ha rotto le balle parla sempre male di chi non le va bene un altro che non ha fatto mai un c**zo il mio paese ne e pieno non esiste non dategli soddisfazione non esiste e come una scoreggia puzza

  • 2
    andrea

    Ti seguo spesso Claudio. Ti stimo e di certo le ultime polemiche che ti vedono interessato non bastano per far mancare tale stima. Spero tu non commetta altri errori come la battuta sulla Boldrini. Buon lavoro

  • 1

    Ecco il mio commento su Corriere.it: “Dispiace che Grasso abbia perso lucidità e sia diventato, non il recensore di trasmissioni televisive, ma il censore delle persone e delle loro vite. Messora, come tutte le persone libere, ha cercato la sua strada non attraverso le raccomandazioni, ma usando il suo blog, facendo ottima informazione libera, documentata e più corretta di quanto abbiano fatto tanti giornalisti schierati. Pare di intuire che al Grasso dia fastidio che Messora si sia fatto da solo, che abbia contribuito col suo blog ad un pensiero in contrasto con il pensiero unico dei media, a quella controinformazione che é importantissima per dare un secondo punto di vista alle persone. Caro Aldo Grasso, a lei piacerebbe cancellare trasmissioni come quella di Paragone e i blogger intelligenti che fanno controinformazione come Messora, si chieda a che sinistro passato rimandano tale forme di silenziamento del pensiero che va controcorrente e offre una diversa prospettiva sulle cose, ma soprattutto prima di scagliare la prima pietra si guardi allo specchio e vedrà proprio quello che sta biasimando e di cui si indigna”

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Vota Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Mancano poche ore! Hai votato!?

macchianera internet awards 2016 vota byblu Vuoi contribuire in qualche modo a far conoscere questo blog? Ci sono tre giorni di tempo per votare Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Votate per almeno 10 categorie e usate un vostro indirizzo email reale, altrimenti il vostro voto sarà nullo. Byoblu si trova nella categoria "30....--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Renzi vs Gruber: volata finale sul Referendum

Renzi Gruber Referendum Otto e 1/2 Sintesi dell'intervento di Matteo Renzi, questa sera, a Otto e Mezzo, per la volata finale sul Referendum Costituzionale....GUARDA

La Santanché furiosa sui pallisti Pd diventa una bestia

la santanche furiosa sui pallisti pd diventa una bestia Daniela Santanché si infuria a Coffee Break sul voto di Forza Italia alla Camera sulla Riforma Costituzionale, e chiede il fact checking. Guarda anche: ...GUARDA

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì Le cojonate di Franceschini e Poletti, ministri della cultura e del lavoro, a Tribuna Politica di Semprini, nel tentativo imbarazzante di difendere le ragioni del sì al Referendum Costituzionale, fanno sembrare le forziste Laura Ravetto e Anna Maria Bernini due emerite costituzionaliste. Tante fesserie tutte insieme...GUARDA

Scontro Berlusconi Berlinguer sul Referendum: “Qualcos’altro da aggiungere?”. “Sì: sarebbe un regime!”

Berlusconi Berlinguer Referendum Scontro tra Silvio Berlusconi e Bianca Berlinguer, che non gli permette di elencare le ragioni del No al Referendum Costituzionale. - "Ha qualcos'altro da aggiungere?". - "Sì... Sarebbe un regime!"....GUARDA

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi Diego Fusaro: "Se al Referendum Costituzionale vince il sì, come vogliono le élite, distruggono la Costituzione, desovranizzano lo Stato e impongono l'Unione Europea come Banca Centrale che decide per tutti. Se vince il no l'élite ha pensato anche al piano B, perché il popolo si sta...GUARDA

MELONI A RENZI: SCIOCCATA DA QUANTO SEI BUGIARDO!

giorgia meloni vs matteo renzi sei un bugiardo Giorgia Meloni si scontra violentemente con Matteo Renzi, durante la campagna per il referendum costituzionale, sul Porcellum e sulle liste bloccate, che Renzi sostiene di avere tolto dall'Italicum....GUARDA

Silvio Berlusconi su Beppe Grillo: “Non posso parlarne bene”.

Berlusconi su GrilloSilvio Berlusconi su Beppe Grillo a Matrix: "Mi piace parlare delle persone quando posso parlarne bene. Quando devo parlarne malissimo, ...evito". ...GUARDA

Nino Galloni mena schiaffoni anche alla Presidenza del Consiglio

galloni marattin Nino Galloni si scontra con Luigi Marattin, consigliere economico della Presidenza del Consiglio di Matteo Renzi, su banche, Referendum, privatizzazioni, debito pubblico, mercati e scenari catastrofici....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>