Leoni o volpi

Le élite sono leoni o volpi

Robert Michels è stato un sociologo e politilogo tedesco, noto per la formulazione della ferrea legge dell’oligarchia”. Secondo questa legge, “tutti i partiti politici si evolvano da una struttura democratica aperta alla base, in una struttura dominata da una oligarchia, ovvero da un numero ristretto di dirigenti“.  Prima di lui, anche Moisei Ostrogorski, uno dei fondatori della sociologia politica, dopo avere studiato a lungo la nascita e l’evoluzione dei partiti politici (al di là delle loro idee e scopi originari) aveva teorizzato che essi si evolvono tutti nel senso di ridurre la democazia interna e di ridurre l’autonomia dei rappresentanti eletti, i quali da portavoce dei cittadini sono come forzati a diventare funzionari di partito. Dirà: “Non appena un partito, anche se creato per il più nobile oggetto, si sforza di perpetuare se stesso, tende alla degenerazione oligarchica“.

La ferrea legge dell’oligarchia si può sintetizzare in quattro concetti fondamentali:

  1. La democrazia non è concepibile senza una qualche organizzazione;
  2. L’organizzazione genera una solida struttura di potere che finisce per dividere qualsiasi partito o sindacato in una minoranza che ha il compito di dirigere e una maggioranza diretta dalla prima;
  3. Lo sviluppo di un’organizzazione produce burocratizzazione e centralizzazione, che creano una leadership stabile, che col tempo si trasforma in una casta chiusa e inamovibile;
  4. L’insorgenza dell’oligarchia deriva anche da fattori psicologici, in particolare la “naturale sete di potere” di chi fa politica e il “bisogno” delle persone di essere comandate;

In particolare, il “bisogno” delle persone di essere comandate porta alla teoria che descrive il fenomeno dell’elitismo: le masse sono “confuse, disperse, incapaci di organizzarsi” (ricordate “The Crisi of Democracy“, uno dei primi studi prodotti dalla Commissione Trilaterale, di cui Mario Monti fu triumviro a lungo?). Su questo presupposto si fonda la forza dell’élite, che invece esprime queste attitudini. La sfiducia nella democrazia di Michels deriva anche dalla constatazione che anche nei momenti in cui il popolo si organizza, il risultato è in ogni caso la presa del potere da parte di una nuova élite. Non a caso dirà: “io di rivoluzioni ne ho viste tante, di democrazie mai“, perché chi guida i movimenti popolari “parte incendiario e arriva pompiere“, finendo per essere assorbito e amalgamandosi alla classe politica che governa. Una classe politica che secondo Gateano Mosca, studioso italiano fondatore della teoria dell’elitismo, funziona secondo il criterio delle tre C:

  • Consapevolezza: i membri della classe politica sono consapevoli dello stato frammentato della massa e dei loro comuni interessi;
  • Coesione: i membri della classe politica si alleano e si organizzano, differentemente dalle masse;
  • Cospirazione: l’esistenza di una élite al potere viene mascherata alle masse, dissimulando il loro governo;

Secondo Vilfredo Pareto le élite si distinguono in leoni, cioè quelli che usano la forza e la coercizione per governare, e in volpi, che viceversa usano la persuasione e il mascheramento e sono quelle che per tale motivo sono destinate a perdurare. Forse le élite del “Ce lo chiede l’Europa”, direbbe Pareto, con la loro costante influenza sui media e sull’opinione pubblica, si possono catalogare come “élite di volpi”, che a loro volta però tirano la volata alle “élite di leoni”, quelle che armano la Troika e invadono le sovranità nazionali.

Ostrogorski era meno pessimista di Michels sull’illusorietà della democrazia, a patto tuttavia che i partiti politici fossero “temporanei”, dichiarassero cioè scopi e obiettivi che una volta raggiunti ne determinassero lo scioglimento (ndr: la restituzione del 100% dei cittadini alla politica, per esempio, è uno di questi, anche se essendo irraggiungibile nel concreto, forse non si può considerare valido). La democrazia diretta, con la sua capacità di svincolare l’esercizio del potere dalle élite monopoliste, rappresenta una buona soluzione ma richiede un livello di coscienza politica e sociale non sempre disponibile, mentre secondo Ostrogorsky « La funzione delle masse in democrazia non è quella di governare, ma di intimidire i governanti», perché « la dove i cittadini si manifestano in generale incapaci di affermare la loro personalità, i governanti li dirigono a modo loro come fossero marionette o li considerano come strumenti a loro disposizione ». L’attività dei “gruppi di pressione” rappresenta allora la forma di influenza e condizionamento delle élite più efficace.

Un gruppo di pressione si compone di cittadini che non hanno nessun ruolo politico, ma che uniscono le loro forze al fine di applicare una forza alle élite di governo ed ottenere provvedimenti coerenti con il loro interesse specifico. Oggi li chiameremmo “lobby” (che deriva dal termine “loggia”, ovvero “tribuna parlamentare”). E in effetti, stando alla ricerca pubblicata quest’anno dalla Sunlight Foundation, i grandi gruppi di pressione organizzati sono in grado di ottenere buoni risultati politici, mentre l’opinione pubblica disorganizzata non ha nessuna capacità di realizzare le sue aspirazioni.

Attraverso gli studi di Ostrogorski, Michels, Mosca, Pareto ed altri, si possono leggere i mutamenti degli scenari politici che hanno attraversato il nostro Paese in questi ultimi anni, si può meglio comprendere le dinamiche occorse e gli strumenti che sono stati applicati per scatenarle, ed anche ricavare valide osservazioni atte ad evitare i processi degenerativi cui fisiologicamente si rischia di andare incontro.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

38 risposte a Leoni o volpi

  • 16
    gennaro

    D’accordo con l’articolo. Tuttavia di queste questioni ne ha ampiamente ed esaustivamente parlato Platone 2400 anni orsono, nel LIBRO OTTAVO dedicato alla Democrazia: invito, chi volesse approfondire l’argomento, di leggere un libretto, curato da Franco Ferrari per le Edizioni “pillole BUR” dal titolo “CONTRO LA DEMOCRAZIA”. Buona Lettura.

  • 15
    first em

    Pareto si rifa, cannibalizzandolo, al buon vecchio Machiavelli, quando il fiorentino dice che il Principe deve saper usare anche la forza del leone e la furbizia della volpe. Ma, appunto, anche; l’uomo politico di levatura sa che per governare non bastano le leggi perché gli uomini sono inaffidabili e occorre integrarle con una parte animalesca (che sa gestire) rappresentata dalle attitudini dei due animali di cui sopra.
    Consapevolezza e progetto, tutto lì; è a seconda di dove tendono e verso dove vengono piegate queste due qualità che si generano quadri sociali e quindi politici diversi. Se prevale il modello della corsa sfrenata all’accapparramento di beni e all’affermazione personale si determina la formazione di oligarchie chiuse perchè il potere si concentra inevitabilmente in poche mani, quelle degli intoccabili e dei predestinati che si fanno forti di nascita,mezzi ed entrature. Al contrario se si ha come bussola anche il bene comune e e si ha la forza, quando serve, di fare anche passi indietro.
    Non può esistere una fisiologica naturale della democrazia per cui ci sono, a un certo punto, inevitabili declini; chi lo dice lo fa appunto strumentalmente per avallarli e dare la sua spallatina. Non può esistere inoltre anche perché, fino a prova contraria, i regimi a democrazia diffusa sono a tutt’oggi un esperimento estemporaneo nella storia dell’umanità e quindi non può esistere una casistica; stiamo vivendo oggi la coda del “trentennio glorioso”, spazzato dal ritorno di una nuova versione del liberismo, con in mano lacerti sempre più sbrindellati di welfare e di tutele. è da queste presenze sempre più fragili e da questa consavolezza che si dovrebbe ripartire.

  • 14
    Clesippo Geganio

    @ Giorgio Fiandrino, commento 5.3

    concordo pienamente, mai prestare soccorso ai vincitori in questa politica di bestie e belve, non essendoci domatori tanto meno cacciatori l’unico modo per eliminarle è evitare di portare denaro nelle casse delle banche, contemporaneamente chiudere i conticorrenti e quelle belve che dilaniano la società civile morirebbero di fame in meno di una settimana.

    Per questo concordo con l’espulsione dal M5S di chi non rispetta le regole, finchè il movimento rimarrà coeso forte dei propri principi non avrà nulla da temere, anzi acquisterà forza e verrà temuto, la prova di ciò è che da mesi (in politica da sempre) chi sta al Governo come in natura il predatore individua la preda debole=elementi al M5S allettandoli con le lusinghe del potere, è quella fine certa di chi entra nella gabbia degli sciacalli avvoltoi diventando a sua volta carogna.

  • 13
    Clesippo Geganio

    il M5S è un progetto work in progress!

    Quelli che dall’interno lo giudicano negativamente sono degli ingrati o peggio infami gli altri dall’esterno hanno interessi specifici affinché muoia.

    Il M5S è un evento storico politico e culturale straordinario nel panorama italiano degli ultima 50 anni, esempio di civiltà e partecipazione spontanea alla vita sociale di un intera nazione, per questo motivo viene temuto, per lo stesso motivo chi sta al Governo cerca di scardinarlo corrompendo gli esponenti eletti con l’aiuto infame e delinquenziale del mainstream mediatico.

    • 13.1
      CalimanDino

      Penso sia chiaro che questa è una grande partita a scacchi/politica.Oltre a 5S vi sono altri gruppi-intelettuali o imprenditori o quadri- che vorrebbero la difficile DD. Non avendo avuto maggiori voti- colpa degli astenuti che non hanno riposto fiducia- Abbiamo dovuto accettare l’ibrido della DD+Delega. Questa a fatto proseguire il deleterio politichese.Certi giudizi espressi in merito ai 4 – considerati in grado di dialogare col PD- per questo non coerenti con certi ns principi- non tengono conto della necessità di poter contare maggiormente viste le prossime scadenze. La 1a l’elez.del Presid. Quello che conta è quanto si vorrà veramente la DD.,Quanti non votanti capiranno l’evoluzione che essa comporta, Quanti di essi professionalmente validi verranno riconosciuti degni di essere ascoltati nell’interesse delle problematiche governative distribuite da gestire.Non bastano le tensioni ideali visto che abbiamo a che fare con persone abituate al libero gioco degli individui nell’attuale società.

  • 12
    stefano

    Il M5S perde perché gli italiani non vogliono la moralizzazione della vita pubblica

  • 11
    daniela fraddanno

    Cristina, io penso che la mente” lineare logica” non sia un obiettivo di vita ma solo uno strumento, un ottimo mezzo , se la utilizzassimo pero’! Anzi io eliminerei “ lineare e logica” e direi :LA MENTE ! il resto è implicito-
    La capacità di ragionare ,questo enorme vantaggio che madre natura ci ha donato e che ci differenzia dalle altre specie di questo pianeta e’ davvero il nostro unico BENE PREZIOSO .La maggior parte di noi pero’ ne fraintende il senso.
    I piu’ credono di “ pensare “ solo perché tra le azioni del nostro quotidiano come : dormire, mangiare,,lavorare, viaggiare , scopare etc etc elaborano qualche riflessione : niente altro , pero’,che comunicazioni di servizio per la nostra sopravvivenza-
    Altri , invece ,tra i piu “colti, ne fanno un uso smodato , beandosi della loro erudizione con inutili e noiosi virtuosismi intellettuali , vanificando tutto il loro grosso potenziale, rimestando sui soliti concetti stantii-
    Questo vantaggio ( il pensiero) che ai molti sembra scontato è invece una grossa responsabilità che ci dobbiamo assumere – è la nostra forza è la chiave che ci permette di sperimentarci in nuovi percorsi , nuove conoscenze e che permette la nostra evoluzione e che ad altre specie non è concesso- e la possediamo tutti!! Sembra invece che nella nostra società ci siano solo alcune categorie che possano PENSARE e tutti gli altri no!
    Ognuno di noi possiede delle potenzialità che ha il dovere di riconoscersi, ognuno di noi ha un suo proprio significato , un’identità e una strada che ancora non conosce e non se la riconosce come “diritto” e”dovere” di seguire. Una propria AUTONOMIA! Dobbiamo smettere di sentirci al servizio di una società che ci rende schiavi con dogmi sociali e religiosi per evitare che ci sia un pensiero libero, individuale -La storia ci insegna che i progressi dell’uomo sono avvenuti per il contributo di alcuni, con il loro sforzo , impegno, determinazione e spesso pagando con la vita. L’hanno persa , PARADOSSALMENTE , solo per uscire fuori da quella pozzanghera che noi crediamo sia oceano! Hanno pagato solo perché hanno CONCRETIZZATO il loro PENSIERO .Hanno creato degli squarci di cui noi tutti abbiamo beneficiato! Impiegando quelle forze che NOI TUTTI POSSEDIAMO e che non ci riconosciamo! Si parla di democrazia , di diritti dell’uomo ormai da troppo tempo: centinaia di anni e siamo sempre allo stesso punto! I tecnicismi non servono, le regole anche se giuste non sono mai applicate. MA NON VI SIETE ROTTI??
    La nostra possibilità è IL PENSIERO, LA RAGIONE! Questi non sono obiettivi di vita, ma strumenti che ci permettono di valutare la realtà e anche i danni subiti e con un’attenta e rigorosa autocritica eliminare aspetti contaminati del nostro essere , cercare le correzioni. Un po’ come “ resettare “il PC .Nascerà allora in noi una nuova coscienza, ricca di quel coraggio che serve per attuare i progetti nuovi e desiderosa di sperimentare se stessa in nuovi spazzi-
    Un esempio di fallimento è il movimento 5 Stelle – Era nato ,sembrava , con la forza che genera il r risveglio delle coscienze . Poi si è spappolato! Perché non basta essere cittadini di buona volontà per opporsi al sistema .Ci vogliono persone che incarnino gli ideali che il movimento propone con la coerenza di chi di QUESTE COSE LE VIVE DA SEMPRE ed allora sì che persone di questa qualità , con quel tipo di solida impostazione avrebbero avuto LA POTENZA per opporsi e non essere travolti e assorbiti dal sistema come è accaduto al movimento 5 stelle .Persone di questa levatura non si formano dall’oggi al domani , non ci si puo’ improvvisare o travestire da quello che non si è! come invece credono di poter fare i vari squallidi politici , vecchi e giovani, di tutte le FAZIONI , che dimostrano solo la loro grande fatiscenza morale, la pochezza di se stessi e l’inadeguatezza del loro ruolo-

    • 11.1
      CalimanDino

      Analisi notevole. Non disperare, sono la maggioranza coloro le cui aspettative corrispondono al tipo di persone con una loro AUTONOMIA. Presenti in MU Italiani ed esteri, in vari altri blog che si ponevano domande o esponevano i paradossi di qualche azione ma continuavano a partecipare non essendoci altra alternativa. Sono in attesa di evoluzioni e pronti ad esercitare la loro sovranità appena qualche altra deriva si dimostri irreversibile e non una semplice tattica politica tendente a modificare l’attuale sistema per facilitare l’introduzione della DD. serve solo il tempo che emergano le ulteriori nuova coscienze da te citate.

  • 10
    baradel

    Si si, volpi, leoni, come ieri querce e ulivi….continuiamo a pettinare le bambole….
    i risultati (peraltro già facilmente vaticinati) si vedono….
    http://www.corriere.it/politica/14_dicembre_01/fiducia-renzi-cale-sotto-50percento-sale-salvini-grillo-ora-ultimo-c99f3938-791b-11e4-abc3-1c132dc377f5.shtml

    • 10.1
      CalimanDino

      Si considerino i dati dei soli votanti, quel 50% corrisponde solo al 20% del suffragio universale.Possiamo ben capire che ci sia un 20% di Italiani che ha bisogno di essere protetto, non vive l’ottica di accettare la sfida mettendo in discussione le sue capacità di realizzare lavori produttivi il reddito necessario a lui e di conseguenza alla società.Gli altri hanno saputo gestire situazioni di paura verso stranieri e verso il mezzo monetario fatto assurgere a prodotto. Grillo è sotto osservazione per alcune contraddizioni derivanti dal gestire una modalità Democratica Diretta in un sistema formalizzato nelle deleghe. Situazione simile a combattere una guerra moderna con le armi del passato, Per le analisi di questi considerati errori vedere MeetUp Parlamento 5S proposte…., su FB Cittadini Costituenti, Sovranità Popolare ecc

  • 9
    stefano

    La democrazia, qualcuno ha scritto, non è quella cosa che una volta raggiunta dura per sempre autoalimentandosi. Forse non è neanche mai iniziata ma è certo che non abbiamo fatto nulla per alimentare quel germoglio. Le grandi aristocrazie sprofondarono quando il proprio livello di dissolutezza raggiunse vette non più sopportabili da parte della operosa borghesia. Paradossalmente, oggi, è la classe meno abbiente che è sprofondata ad un livello di dissolutezza che sta erodendo tutte le conquiste del passato.

    • 9.1
      CalimanDino

      Da 3 siamo arrivati a 2 livelli. Forse è iniziato quando hanno eliminato la 2a classe sui treni. Il sistema tende a far sparire la borghesia, anello culturalmente importante per lo sviluppo e ideale possibile da raggiungere per i meno abbienti con spirito propositivo ed apertura mentale aperta all’apprendimento ed all’empirismo.

  • 8

    La democrazia non esiste. Può esistere solo la giustizia. Strutturare una società giusta è possibile. !!

    • 8.1
      CalimanDino

      La D.è un sistema. Attualmente è incorniciata-Frame-in una società-Louis Dumont- dove è permesso il libero gioco degli individui.La storia sembra muoversi come un pendolo, oggi sento sempre più parlare di desiderio di nuovo fascismo.Grazie alla teleinformatica, stiamo scoprendo la possibilità di poter gestire la Democrazia nella nuova forma della DD. Attualmente stiamo assistendo alla DD+Delega, è un ibrido che permette ancora il politichese che ci frastorna..Dobbiamo maturare il concetto utile dell dirigismo risultato di leggi compartecipate e da rispettare. Queste nell’ambito di tutte le produzioni generanti reddito utile al sostentamento della società.Vanno solo traslate su SW che incorniciano l’inserimento senza eccezzioni di tutti i ns dati inerenti alle ns produzioni manifatturiere e di servizi. Tutte le altre leggi che riguardano le ns azioni individuali sottoposte ai ns sentimenti se vengono disattese subentrerà la giustizia penale.Viste le attuali situazioni da noi maturate,siamo pronti per questa esperinza di nuova modalità democratica?

  • 7
    barbara

    purtroppo temo che per lobby, in realtà, si debba intendere solo gruppi di interesse che con il cittadino o cittadini non hanno nulla a che vedere.
    Altrimenti, in Italia la lobby dei disoccupati o dei suicidati per crisi sarebbe la più influente ma ottiene solo calci in c….

  • 6
    daniela fraddanno

    Volpi , leoni , pareri di eminenti studiosi ,trattati di politologi,sociologi ed altri esperti hanno espresso le loro approfondite valutazioni . Ma davvero hanno centrato il problema??
    IL mio punto di vista è che il nostro sistema e’ improntato su “l denaro e sul potere “ . Cose che di per se non producono evoluzione .Le persone sono storicamente mantenute in una condizione di ignoranza ,che è l’elemento cardine di cui si alimenta il sistema ,e che genera quella schiavitu’ che li rende funzionali alla sopravvivenza del sistema stesso-. Ora in questa realtà cosi’ rozzamente strutturata , una qualunque idea di “ presa di coscienza”, di libertà,di nuova identità dell’individuo è ovvio che venga soffocata, combattuta :Il sistema si ribella! sarebbe la sua morte se cambiassero le condizioni- in una società così da sempre devastata e involuta è naturale che le persone cerchino un riferimento e non certo perché amino essere “ comandate”da un’ ‘” elite” ma perché non hanno nessuna”” consapevolezza di se stesse “”non sanno chi sono !!- Non siamo educati a riflettere su noi stessi per imparare a conoscerci, per capire in cosa vogliamo impegnarci nella vita e operare delle scelte. La nostra società non ci fornisce gli strumenti – Siamo catapultati in una realtà di “ sopravvivenza” che ci impone solo di rappresentare dei ruoli nei quali poi finiamo con l’identificarci! E questo accade a tutti i livelli . Dalle classi sociali piu’ elementari a quelle cosi’ dette “ colte” che credono , illusoriamente, di esserne esenti- Viviamo da sempre un “ plagio” e non ne siamo consapevoli! è un serpente che si morde la coda! –

    • 6.1
      Cristina

      concordo.

      L’articolo ha ottimi spunti e considerazioni, di natura razionale e intellettuale ; tuttavia solo con la mente lineare logica, non troveremo alternative,perchè essa non conosce la natura della realtà che crea il problema.

      Finchè lasciamo le soluzioni (e la politica) solo alla mente lineare, il focus non sarà mai sull’individuo e la sua “felicità” e “vita”, ma sul suo controllo e sfruttamento, appunto da parte di pochi.

      Anche serve smettere di volere (e delegare a) “salvatori” ed “eroi”.

      E’ il concetto di partito in sè che sa ormai di fregatura e ipocrisia, nella migliore delle ipotesi. Nella peggiore… connettersi al presente fuori e dentro casa. Da bene l’idea del peggio che puo’ diventare.

      qui uno spunto meno di “mente lineare”, sul potere e quali i luoghi chiave dove viene esercitato http://thelivingspirits.net/david-icke-in-ita/con-david-icke-per-le-vie-di-londra-si-luoghi-del-potere.html

    • 6.2
      CalimanDino

      E’ possibile conoscere quanti hanno ricevuto questa Email?

      • daniela fraddanno

        questo è il mio commento sul tema “leoni e volpi” .
        Non capisco il senso della tua domanda. puoi spiegarmelo ?

      • CalimanDino

        Mi sono sempre occupato di MKTG DM ed ora ricerche motivazionali. Mi serve per capire l’universo dei lettori. Se sono tutti i 5S certificati o solo una piccola parte. Mi permette di stabilire il peso di eventuali mie risposte, mirate od universali. Potrà recuperare i miei interventi in merito a due petizioni, variazioni sul tema, eliminare gli abusi di potere alle PMI. Propedeutiche alla futura DD,il primo passo è la sincronozzazione di tutti gli Enti dello Stato. Iniziativa utilizzata da Cuperlo ma subito abbandonata, non interessa la trasparenza. Verrebbe a mancare lo spazio a Libera e Riparte il futuro. Un saluto Dino Caliman

    • 6.3
      stefano

      @ CalimanDino
      Pochi, molto pochi, per questo le lasciano circolare certe idee. E poi ognuno estrapola dal post le frasi che avvalorano i propri personali concetti, cosicchè rimarremo comunque divisi. Paolo Barnard tempo fa scrisse un articolo in cui imputava tale comportamento ad una specie di “imprinting” che riceviamo quando raggiunta una certa età cominciamo ad interessarci a certi argomenti e scegliamo il partito o parte politica che continueremo a votare per tutta la vita. E’ come quando da piccoli si sceglie la squadra del cuore (sic).

      • CalimanDino

        Chi capisce che la DD merita di essere esplorata per arrivare a poterla esercitare abbandona il concetto noi loro. I problemi sono nostri. Dobbiamo accordarci sulle soluzioni per risolverli. Non è più questione di tifo da stadio, Stanno diminuendo chi si innamora dei partiti,gli altri devono metabolizzare questa nuova modalità democratica la più razionale e la più difficile. Non vi è più la possibilità di scaricare le colpe sugli altri con il buon senso diventa facile, si è costretti ad andare al nocciolo di ogni singolo problema,le linee semplici non baroccheggianti. Un esempio di una soluzione da integrare nel sistema della DD. http://www.facebook.com/l.php?u=http%3A%2F%2Fchn.ge%2F1lDUDDq&h=bAQG8YnS5
        Chi deve fare pressione affichè sia adottata? Ora chiunque ne verrà a conoscenza avrà di che pensare e rimodellare le sue convinzioni o il suo imprinting. Tutto quello che cè attorno è filosofia o politichese.

  • 5

    La democrazia è come la felicità, sono solo attimi sporadici.
    L’autogoverno non può esistere per un semplicissimo fatto: siamo tutti diversi con inclinazioni diverse, impossibile che 50.000.000 di individui si governino da se con una forma di governo orizzontale, cioè senza “capi”. Se proprio vogliamo essere ottimisti e immaginare che possa esistere una democrazia di tal tipo, bisogna capire che essa ha bisogno di un presupposto per funzionare: la capacità dei cittadini di accettare e capire le decisioni di una maggioranza, oppure contestare le decisioni con argomentazioni ragionevoli e fondate. Questo presupposto richiede un grado di cultura alto, viste le complesse argomentazioni in cui i cittadini possono imbattersi, dare giudizi o contestare senza i mezzi per capire a fondo i problemi è inutile e pericoloso ed è la motivazione principale che innesca la trasformazione della “democrazia” in una forma di governo “meno democratica” in quanto il politico conscio dell’incapacità della maggioranza dei cittadini di capire la problematica la trasforma in qualcosa di comprensibile o tende a prendere decisioni in autonomia. Perciò dico che ogni popolo ha la democrazia che si merita, qui, oggi, con il tasso di egocentrismo e menefreghismo direi inconsapevole dei cittadini ci dobbiamo accontentare di una deriva verso un RE che pensa a tutto. Una speranza c’è, il m5s, ma c’è d stare attenti a non cadere nel bisogno di surclassare i cittadini a causa della loro idiozia. Scusate cittadini, ovviamente non siamo tutto idioti. ma parecchi si.

    • 5.1

      Praticamente hai detto in parole più comprensibile e meno tecniche quello che dice il post.
      Siamo una massa di persone ignoranti che si assoggettano passivamente a un capo qualunque esso sia purchè “dica” (e non faccia).
      Che parli alla pancia del popolino
      La storia lo conferma, grandi trascinatori di folle che hanno portato allo stremo la popolazione con il loro benestare
      evviva! non ci riusciremo mai !

    • 5.2

      Purtroppo è impossibile non scavalcare il cittadino finchè non ci sarà un livello di cultura adeguato alle decisioni da prendere in una società dove la tecnica fa da padrona e l’economia, materia in cui tutti si credono grandi esperti, è in realtà un sistema marcio che a prima vista a tutti sembra l’unico possibile. Finisco dicendo questo: Il sistema non si combatte attraverso il sistema ma tirandosi fuori, se così non si fa prima o poi si diventa sistema.

    • 5.3

      Metaforizzando: se devi uccidere il leone e tu sei disarmato e impotente è inutile che entri nella gabbia con lui, è più utile che stai fuori e non gli dai più da mangiare.

    • 5.4
      PIPPOSPANO

      Non condivido il dare dell’idiota in maniera cosi semplicistica.

      L’essere umano non e’perfetto, l’udito , l’olfatto, la vista , il tatto ecc.. sono segnali che vengono elaborati attraverso il cervello in una determinata maniera.
      Lo studio di questo processo ha portato alla scoperta di molti punti deboli nell’essere umano.Punti deboli ai quali anche le menti piu’ razionali a volte non riescono a difendersi.
      L’utilizzo di queste conoscenze attraverso i mezzi di comunicazione di massa e’ uno dei sistemi piu’ utilizzati per manovrare la “democrazia”.
      Molti di quelli che tu chiami “ïdioti” sono inconsapevolmente manovrati.
      Sono d’accordo che un livello culturale piu’elevato puo’ determinare una minore sensibilita’ alla manipolazione, ma e’ anche vero che il sistema in cui viviamo e’ imperniato nel rendere sistematicamente dificoltoso il processo di acculturarizzazione , il sistema e’ creato per trasformare la maggior parte delle persone in “Idioti”.

    • 5.5
      PIPPOSPANO

      scusate gli errori grammaticali

    • 5.6

      Non conosco un modo complicato per dare dell’idiota, hai ragione sul fatto che sia una cosa brutta da dire e che nasconde un mio un’eccessivo egocentrismo. In realtà non so se siamo in tanti ad essere idioti e non potrò mai saperlo ne io ne altri. Mi baso solo sulle evidenze storiche e attuali, un paese che si vende per 80 euro (solo per dirne una) non può essere un granché sveglio, un paese che non va a votare per protesta, anzi perchè ha meglio da fare non può essere un granché sveglio, un paese dove gli operai dell’Ilva gridano di voler continuare a lavorare all’Ilva consapevole che ciò provoca malattie gravi anche ai loro figli non può essere un paese di persone sveglie. Mi spiace ma siamo un paese di poveri idioti sempre pronti a raccogliere una presunta convenienza al portafoglio, un paese dove vige il motto vita morte tua vita mea. Questa è la realtà globale che vedo senza badar alle belle parole di solidarietà che tutti sono pronti a dire quando discorrono.

    • 5.7
      pippospano

      Perche’ “siamo un paese di poveri idioti sempre pronti a raccogliere una presunta convenienza al portafoglio, un paese dove vige il motto vita morte tua vita mea”.

      Nascono gli esseri umani con queste caratteristiche che tu hai descritto?!?!?
      Se uno e’ nato schiavo , se per tutta la tua vita ha vissuto come schiavo, rimarra schiavo anche senza le catene!!

  • 4

    Tempo sarà per correre tra verdi praterie, ed il giorno si sveglierà dipinto dal rosa dell’alba, e dell’azzurro di un cielo limpido, raggiante di sole. Corri anima e non fermarti, attraversa le onde di nuvole che rotolano felici nell’universo, sii libera del tuo vagare tra notti stellate e lune dormienti su cuscini di colline che dalla terra si elevano fin dove lo sguardo arriva. Non ci sarà tristezza, nè pensieri, soffocati da lingue di invidia pronte a divorare meschinamente ogni goccia di speranza. Il sorriso abbaglierà i cuori. Tra cielo e terra, lo spirito del mare aleggerà per riportare i profumi di alghe e di sale e lambire le bianche spiagge luminose e splendenti. Veleggeranno le emozioni, trasformando il pianto in gioie, ed ogni sofferenza bandita dall’esistenza di uomini, stanchi di portare dietro il proprio fardello si dolore. I respiri del firmamento saranno aneliti di libertà, aria frizzante della sera che inalerà nelle narici il soffio della speranza perduta. Sparge la terra i suoi frutti, madre ,donna che nel suo grembo accoglie i semi , pronti a trasformarsi in germogli di grano. Donna, non piangere, sei tu l’angelo che intessendo la tela con i fili dell’amore farà di questo tempo la culla del bene.

  • 3
    Maciknight

    Sono concetti persino banali che un buon osservatore dotato di esperienza e capacità minimamente analitiche dovrebbe conoscere, seppur senza citare gli autori. Ma nel nostro paese dove numerose ricerche da Tullio De Mauro in poi hanno rivelato o meglio confermato la gravissima ignoranza degli italiani, pari al meno al 70 per cento della popolazione semianalfabeta, incapace di leggere alcunché di minimamente impegnativo che non siano titoli e didascalie, e che si nutre di televisione demenziale, anche questi concetti da semplici diventano complessi ed inafferrabili, per cui l’élite oligarchica al potere rimarrà finché morte non li separi …

    • 3.1
      Cristina

      Guarda bastasse la cultura… certo non nuoce, ma cio che manca ormai totalmente anche tra “gli acculturati” è la capicità di “connect the dots” come dicono gli anglosassoni…mettere insieme i puntini, i dati gli eventi e i fatti. correlare..Il cervello è sotto attacco da milel veleni , altra ragione per cui la gente non sa “mettere insieme “. Tutto viene compartimentato nella educazione del sistema, dalla primissima età.
      Il sistema fa pensare di essere “separati”, come i vari partiti in parlamento destra…sinistra.,.centro.. ma sono tutti uguali e hanno tutti lo stesso padrone, ma le persone sono state ingannate dalla “diversità” del vestito e … ci hanno creduto.
      L’elite sa come funziona il cervello umano e usa i copmandi per …la macchina. E’ solo l’individuo che puo’ cambiare, non sarà mai un metodo proposto dal sistema. Anzi, diffidare…

  • 2
    Morris Vincent

    Grazie

  • 1

    Non aiuta la regola (che deve essere marchiata a fuoco sulla pelle di ogni attivista) dei due mandati al massimo?

    Ok l’idea di un partito o movimento “a termine” una volta raggiunto l’obiettivo ma l’obiettivo che ci siamo posti ha tempi di realizzazione tendenti a infinito (cambiare la società formando cittadini consapevoli, attivi e partecipi) dunque l’evitare la trasformazione in oligarchia si basa sul rispetto della regola dei due mandati.

    • 1.1
      CalimanDino

      E’ anche questo un primo passo intermedio per arrivare alla DD. R. a Pippospano, Dicono che non si può mangiare un elefante in un colpo solo, un panino al gg.si. Immagina che i panini siano distribuiti sui territori. Per tutti la possibilità equa di poter metabolizzare,gustare facendo lo sforzo di masticare- responsabilità ed esperienza gestionale-.Es. All’inizio vi era l’informatica centralizzata ora in 20anni esiste la distribuita. Si tratta di volere la democrazia distribuita. Di comune il linguaggio Italiano per ora. Tra qualche anno i discriminati saranno coloro che non hanno voluto apprendere l’Inglese.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

In India schedature biometriche di massa ed eliminazione del cash oltre le 500 rupie.

india schedatura di massa e via i contanti La demonetarizzazione dell'India Lo scorso 8 novembre il nuovo primo ministro indiano Narendra Modi dichiarava fuori corso le banconote da 500 e 1000 Rupie, responsabili di circa l'85% del cash in circolazione in India. Sarebbe come se in Europa venissero eliminate in poche ore le banconote da...--> LEGGI TUTTO

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Il terribile errore: “È il momento più pericoloso per l’umanità: le élite imparino ad essere umili”. Stephen Hawking

stephen hawkings attente elite di Stephen Hawking, fisico teorico e scrittore Essendo un fisico teorico che vive a Cambridge, ho vissuto la mia vita in una bolla di eccezionale privilegio. Cambridge è una città insolita, tutta incentrata su una delle grandi università del pianeta. All'interno di questa...--> LEGGI TUTTO

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Rosi Bindi: sono i Cinque Stelle a volere il vitalizio!

Rosi Bindi Rosi Bindi: sono i Cinque Stelle che vogliono il vitalizio!...GUARDA

Roberto Fico (M5S): basta con gli uomini soli al comando!

Roberto FicoRoberto Fico, deputato M5S a capo della Commissione di Vigilanza Rai, risponde sulla questione della legge elettorale e sulle voci di una sua candidatura alla guida di un possibile Governo a 5 Stelle. ...GUARDA

Renzi si è dimesso: il video dell’annuncio in diretta dal Quirinale

renzi-dimissioni-quirinale Matteo Renzi ha dato le dimissioni. Aperta la crisi di Governo. L'annuncio in diretta dal Quirinale, dopo il colloquio con Sergio Mattarella. Da domani alle 18 partono le consultazioni. Il calendario sarà reso disponibile dall'ufficio stampa del Quirinale....GUARDA

Referendum: vinta una battaglia, ma la guerra continua – Diego Fusaro

fusaro-vinta-la-battaglia-ma-non-la-guerra "L'élite mondialista tornerà presto o tardi ad attaccare la Costituzione e lo Stato sovrano nazionale. Il suo obiettivo è quello della distruzione degli stati sovrani nazionali, che dopo il 1989 sono i soli ancora a resistono come luoghi del primato della politica sull'economia. La battaglia è...GUARDA

Attenzione: ecco come vogliono ribaltare l’esito del referendum

come-ti-ribalto-il-referendumATTENZIONE: ieri sera ho fatto questo video. E stamattina... zac: La Stampa conferma tutto: Padoan vuole chiedere aiuti all'ESM. Sapete cosa significa? Significa RIBALTARE IL NO AL REFERENDUM e prendersi in casa la Troika. QUESTO NON DEVE ACCADERE. Non c'è nessun Governo legittimo attualmente nel Paese, e qualunque decreto legge...GUARDA

La vittoria dell’informazione e i pericoli del dopo Renzi

claudio messora Il No al referendum costituzionale è la vittoria dell'informazione contro chi pensava che per convincere gli italiani a votare basta una comunicazione semplificata, comprensibile a un bambino delle scuole medie. La sconfitta di Renzi passa anche per una ipersemplificazione della Comunicazione che non ha convinto e...GUARDA

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>