Il giallo della bozza di offerta alla Grecia ritirata all’ultimo minuto

Nuovi leaks emergono sull’ultimatum di una settimana che i creditori, riuniti ieri all’Eurogruppo di Bruxelles, hanno dato alla Grecia per aderire al rinnovo del piano della Troika. Fino a ieri mattina, il francese Pierre Moscovici (commissario Ue per l’Euro) era pronto a far firmare una bozza di documento a Yanis Varoufakis, ministro delle finanze greco, che a sua volta era disponibile a siglare il patto.

La bozza, che vi mostro qui, recita testualmente: “Le considerazioni sopra espresse rappresentano le premesse per un’estensione dell’attuale programma di credito, che può avere la forma di un programma intermedio di quattro mesi, come piano di transizione verso un nuovo contratto di crescita per la Grecia, il quale verrà deliberato e concluso in questo periodo“.

Aiutami a continuare a fare informazione libera
Dunque, a seguito di un intero weekend di trattative off the records, la Grecia avrebbe ottenuto quanto aveva chiesto (un prestito ponto di 4/6 mesi e poi un nuovo piano) e tutto sembrava risolto. Poi, misteriosamente, poco prima della riunione dell’Eurogruppo (la riunione dei ministri dell’economia della zona Euro, più Moscovici in rappresentanza della Commissione Europea e Mario Draghi in rappresentanza della Bce – e guarda un po’, ieri c’era anche Christine Lagarde in rappresentanza del Fondo Monetario Internazionale), Moscovici ha ritirato la bozza. Durante la riunione, quello che è stato proposto alla Grecia è stato invece di firmare questo documento, dove si legge: “Le autorità greche rinnovano il loro impegno inequivocabile ad onorare le loro obbligazioni finanziarie verso tutti i loro creditori“. E ancora: “Le autorità greche hanno indicato che intendono concludere il programma con successo […] e in questo contesto intendiamo fare l’uso migliore della flessibilità possibile all’interno del programma stesso“. E ancora: “Siamo anche d’accordo che il Fondo Monetario Internazionale continuerà a ricoprire il suo ruolo nel nuovo corso. A queste condizioni, l’Eurogruppo è disposto favorevolmente nei confronti delle autorità greche“. Ovviamente Varoufakis ha riufiutato di firmare.

Perché la Commissione Europea, nella persona di Moscovici, era disposta a concedere il prestito ponte ad Atene, ma il consesso dei ministri no? Voci parlano di un rifiuto a prestare il consenso di Wolfgang Schäuble, il ministro delle finanze tedesco. Basta guardare l’esposizione al debito greco degli Stati membri dell’Eurozona per avere una lettura realistica. In testa ai creditori c’è proprio la Germania, con 56 miliardi di euro. Poi viene la Francia con 42, l’Italia con 37, la Spagna con 24 e via di seguito. Nel complesso, il debito di Atene nei confronti delle istituzioni dell’Eurozona ammonta a 213 miliardi di euro, in massima parte rappresentati da impegni contratti attraverso il Fondo Salva Stati (EFSF e MES) e da 20 miliardi di bond nelle mani di Mario Draghi. E poi ci sono i quasi 33 miliardi che la Grecia deve al FMI.

Dunque è chiaro: la Commissione Europea è sostanzialmente un gruppo di lavoro tecnico che non ha un interesse economico diretto nella vicenda, ma quando a sedersi intorno al tavolo sono Schäuble, Draghi e la Lagarde, il confronto si trasforma in un rapporto creditore – debitore. Potete quindi immaginare chi ha messo il veto sulla proposta Moscovici e ha sbattuto sul tavolo l’accordo cotto e mangiato che la Grecia avrebbe dovuto firmare seduta stante.

Ma non l’ha fatto. Ora Atene ha una settimana di tempo per decidere se rinnovare il piano di aiuti della Troika oppure no (ma a quel punto dovrebbe solo uscire dall’euro). Varoufakis si dice ottimista, sostenendo che in 48 ore si dovrebbe venire a capo della situazione, ma nel contempo avverte: “Sarebbe disonesto promettere di continuare con un programma di aiuti cui siamo stati eletti per opporci“.

In questa partita, dove noi siamo apparenti spettatori, ci stiamo giocando in realtà l’ultima possibilità di riequilibrare il rapporto malato tra l’ossessione tecnocratico-finanziaria e il principio democratico di autodeterminazione di un popolo. Se Atene cede, corriamo il rischio di sgonfiare come un soufflé gli entusiasmi politici dei cittadini che ancora credono nella politica come strumento di confronto. E contemporaneamente, però, corriamo il rischio simmetrico di aprire nuovi scenari che viaggiano su binari che con la diplomazia non hanno niente a che fare.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

10 risposte a Il giallo della bozza di offerta alla Grecia ritirata all’ultimo minuto

  • 6
    Clesippo Geganio

    perdonatemi un pizzico di cinismo, ma della questione Grecia m’interessa poco o niente salvo le condizioni disumane nelle quali versano milioni di greci a causa delle politiche naziste dell’U.E. e di quei tedeschi che arrogantemente dettano regole agli altri Paesi, quando alcuni anni fa si presentarono alla Comunità Europea con il cappello in mano per avere tempo quindi denaro per riunificare le due germanie, per cui vale il detto latino mors tua vita mea…. alla faccia dei principi comunitari!

    Detto questo sarebbe il caso di fare delle analisi a problemi prettamente nazionali tipicamente italioti che passano inosservati o “silenziati” da una stampa cinica e mercenaria al soldo della politica (finanziamenti pubblici) in merito al conflitto d’interessi che pochi giorni fa ha consentito ad alcuni furbetti un incremento del 62% di valore delle quote azionarie di alcune banche popolari tra cui la ministra Boschi in possesso di 1500 azioni (quanto valevano prima e dopo la legge da lei presentata e firmata?) emesse dalla banca dove il padre è/era vicepresidente.
    Che indaghi la Magistratura mi interessa relativamente visti i tempi biblici e le scappatoie giuridiche ad personam, è interessante constatare invece quanto i conflitti d’interessi siano sempre stati questione di tutti i partiti presenti nell’arco costituzionale è mai risolto dal CDX e CSX per chiari netti interessi personali a scapito della nazione, nel caso delle banche popolari trasformate in SpA voi pensate impossibile che la ministra Boschi durante un pranzo in famiglia o in altre circostanze favorevoli non abbia parlato con il papà che a breve in parlamento avrebbero approvato quella legge?
    Allora una domanda sciocca ma pertinente: in un Paese normale FR, E, D, UK e USA che piacciono tanto a Renzi un ministro in quella situazione parossistica che fine farebbe?

    Questo modello di sviluppo culturale ed economico-finanziario imposto dalla classe politica e dirigente italiana da tempi lontani si chiama corruzione etica e morale che lentamente si propaga in metastasi di illegalità che ci sta uccidendo nel peggiore dei modi.

    • 6.1

      sono d’accordissimo!

    • 6.2
      Alessio

      Che ci sia conflitto di interesse è innegabile…ma di certo non sarà per le quote di proprietà delle Boschi:
      Il 12 gennaio Pop Etruria valeva 0.3584 euro (0.3584×1500= 537.euro)
      Il 26 gennaio Pop Etruria valeva 0.6130 euro (0.6130×1500= 919 euro)
      Il guadagno su 1500 azioni è si 382 euretti….mmhmmmm.

      Una ministra che si porta a casa decine di migliaia di euro se ne frega di 382 euro di guadagni su qualche azione in portafoglio…

    • 6.3
      Clesippo Geganio

      per Alessio, nel caso Boschi non è il valore economico ma nominale per entrare e pesare nel consiglio di amministrazione della Banca dove si decidono strategie ed altro….
      Sarebbe da sciocche sprovvedute acquisire molte quote e poi ipervalutarle per se stessi con una legge ad personam.

      Il giochetto si è fatto per altri, poi chi siano gli altri dovrebbe essere la Magistratura ad indagare, ma non è nemmeno tanto difficile immaginarlo, difficile sarà argomentare l’eventuale reato di delazione di informazioni private (insider trading) o più difficile il conflitto d’interessi visto che in Italia tale reato non è contemplato esaustivamente dalla giurisprudenza.

  • 5

    E’ inutile, questa non è l’Europa dei popoli, ma della finanza e delle banche. E’ stato ridotto tutto ad un discorso monetario e di sudditanza. Si fanno fallire gli stati per mantenerli succubi del rigore e dell’austerità a tutto vantaggio di una Germania che nel cuore dell’Europa è potente. Ma a preoccupare è anche quel fondo monetario internazionale e lo zampino di un’America che sta creando zone di guerra ovunque. L’unico modo per uscire dalle acque stagnanti è tirare dentro una guerra anche quest’europa che non ha uno straccio di politica internazionale. L’unico linguaggio che conosce è quello dei soldi ed in questa deriva siamo finiti tutti. In fondo se il Mercato è diventato il dio onnipotente dell’occidente i forti riusciranno a prevalere sui deboli e la diseguaglianza sociale l’unica strategia per strozzare le società ormai sfilacciate prive di diritti e democrazia. Ho l’impressione che svuotare l’Africa e zone di guerra in Asia, convenga a chi ha bisogno di terre sgombre considerate come una materia prima da lavorare e trasformare in profitto. Siamo seduti su una polveriera che sta esplodendo.

  • 4

    spero che la Grecia non si pieghi

  • 3

    non sono gli Stati ad essere esposti al debito della Grecia semmai le loro banche private, loro, si fa per dire, il più delle volte colossi come DB e BNP Paribas, tutt’al più misto pubblico privato, almeno per quest’ultima
    Quindi sarebbe più corretto scoprire quali banche esattamente sono esposte e per quale percentuale. Nel caso dell’Italia invece mi sa proprio che se è nell’ambito del fondo salva Stati è proprio lo Stato italiano ad essere esposto, cioé noi…

  • 2
    licia

    Buongiorno Messora,
    grazie per tutto quello che fai.
    Non so in che rapporti sei con Grillo, ma sarebbe bellissimo lanciare una sottoscrizione a livello europeo per raccogliere fondi e bonificarli direttamente al Governo Greco. Servirebbe anche, penso, a dare uno schiaffone morale a tutte/i questi/e cialtroni.
    Buon lavoro

  • 1

    Stanno mettendo la Grecia fuori dall’ Euro? E se si cosa succederà dopo?

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Miracolo della Boldrini: riesce a farmi dare ragione a Pierluigi Battista

Pierluigi Battista - Fake News - Fake What di Pierluigi Battista Peccato, che delusione. Questo dibattito sulla «post-verità», sulle fake news , sul mare di bufale che si amplificano sulla Rete ha preso una brutta piega, persino un po’ paranoica. Peccato, perché da interessante discussione sul valore e la qualità dell’informazione, il nuovo...--> LEGGI TUTTO

Gianluca Ferrara: Trump? Non cambierà niente. Ecco perché.

Trump Gianluca Ferrara - Play di Gianluca Ferrara 26.172, sono il numero di bombe che gli USA hanno sganciato soltanto nel 2016 su sette paesi. Una media spaventosa di 3 ordigni ogni ora. E Dinnanzi a questa ipocrisia che ruotava intorno al Premio Nobel per la pace Barack...--> LEGGI TUTTO

Quando non paghi nulla per l’informazione, ricorda che la merce sei tu!

Valerio Lo Monaco - Se per il tuo media non paghi nulla, la merce sei tu Quanto accaduto a Claudio Messora e al suo sito Byoblu di informazione indipendente è la prova provata di due cose importanti. Google ha deciso unilateralmente e irrevocabilmente di rimuovere tutte le procedure di monetizzazione attraverso gli annunci ADSense sul sito di Byoblu, sistema utilizzato da Byoblu...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Oggi attaccano Byoblu.com. Ma sarà presto un attacco contro tutti i dissidenti.

di Pino Cabras su MegaChip Fa molto bene Claudio Messora a sottolineare che il vero obiettivo della campagna contro le 'fake news' non erano certo quei cialtroni che infestano il web di notizie false, razziste e irresponsabili per acchiappare clic, che pure ci sono e da chissà...--> LEGGI TUTTO

Anche il ministro del Tesoro UK, contro la Brexit, adesso passa tra i grandi speculatori

Ministro del Tesoro UK - Non voleva la Brexit - Ora passa in BlackRock Un altro leader politico europeo (cfr: "E Barroso passa a Goldman Sachs! Taaaaac!") imbocca la cosiddetta “porta girevole” dell’alta finanza. George Osborne, per sei anni ministro del Tesoro britannico fino al referendum sull’Unione Europea del giugno scorso, ha accettato un’offerta della BlackRock per diventare consulente del...--> LEGGI TUTTO

Le fake news su Trump di Repubblica e la post-verità di Michele Serra

di Massimo Mazza L’amaca di Michele Serra è finita in cima alla prima pagina di Repubblica, ma questo non ha evidentemente incentivato il giornalista a migliorare la qualità della sua striscia quotidiana, che oggi registra l’ennesimo scivolone figlio d’approssimazione e ignoranza dei temi...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Beppe Grillo a Sanremo 1989 – Le penali se dico che i socialisti rubano

Beppe Grillo Sanremo 1989 play Beppe Grillo a San Remo 1989, comunica il suo compenso in diretta e legge le penali previste dal contratto se dice che i socialisti che rubano....GUARDA

Fake news e post-verità: a chi conviene?

fake news post-verità icon play Fake news e post-verità: ormai non parlano d'altro. In Germania, dove presto ci saranno le elezioni, Facebook incarica una organizzazione (finanziata tra gli altri da George Soros) di marchiare a fuoco le notizie ritenute inattendibili. Ma "Fake news", "post-verità" e "debunker" sono solo neologismi, è la neolingua per...GUARDA

Sovranità vs Inflazione – Scontro plastico tra Marco Mori e Salvo Cozzolino

Mori Vs Cuzzolino - Sovranità vs InflazioneMarco Mori vs Salvo Cozzolino è uno scontro che mette in scena il classico campionario degli argomenti contro la sovranità monetaria: inflazione, debito, helicopter money e tutto il resto. Solo una precisazione aggiuntiva per Cozzolino: qualcuno gli dica che dal 1946 al 1970 l'economia andava bene, anche in condizioni di...GUARDA

Lupi ai Cinque Stelle: il referendum sull’euro non lo farete mai. Solo demagogia!

Maurizio Lupi, durante le dichiarazioni di voto per la fiducia alla Camera sul Governo Gentiloni, si rivolge ai Cinque Stelle accusandoli di demagogia, e spiega perché il referendum sull'Euro non si può fare....GUARDA

CARLO SIBILIA: LA PSICOSI DEL MOVIMENTO 5 STELLE

"Io questa psicosi non la capisco: volere necessariamente addossare delle responsabilità al Movimento 5 Stelle, che ce le ha, se le stra prendendo, sta lavorando, abbiamo già fatto delle cose nel Comune di Roma e saranno i cittadini, quelli che sono deputati a decidere. È chiaro che noi...GUARDA

E PERFINO IL DIRETTORE DE L’ESPRESSO, TOMMASO CERNO, DIFENDE M5S: SOVRANITÀ AL POPOLO!

Tommaso Cerno, direttore de L'Espresso, si accalora e sostiene con passione la causa della sovranità popolare e del diritto dei cittadini di esercitarla attraverso il voto, e difende anche la posizione del Movimento 5 Stelle rispetto alla lotta che sta conducendo dentro e fuori dal Parlamento...GUARDA

TUTTI GLI UOMINI DEL PRESIDENTE… DEL PRESIDENTE PRECEDENTE – Walter Rizzetto alla Camera

Il discorso di Walter Rizzetto a Paolo Gentiloni per la fiducia del Governo Gentiloni alla Camera: "Il Partito Democratico incarica il Partito Democratico di formare un nuovo Governo del Partito Democratico, dopo le dimissioni del Governo del Partito Democratico per il referendum del Partito Democratico. Tutti...GUARDA

Come salveranno MPS passo passo, fino al decreto Gentiloni, spiegato da Dino Pesole del Sole24Ore

MPS Pesole Mes Come salveranno MPS e (probabilmente) invocheranno il Fondo Salva Stati (MES) con la scusa di mettere una pezza ai bilanci delle banche, spiegato da Dino Pesole del Sole 24 Ore.  (altro…)...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>