ESCLUSIVO Putin: la mia verità sul colpo di stato in Ucraina

Ci sono narrazioni e contronarrazioni. I media agiscono nel contesto del proprio frame. C’è il frame Ue-Nato e c’è il frame sovietico. Un blog serve a farvi fare un salto, un cambio di frame, oppure non serve.

Questo è un estratto del documentario appena uscito in Russia, nel quale Vladimir Putin racconta dei tragici giorni del colpo di stato ucraino, e di come avrebbe salvato la vita del presidente deposto Viktor Yanukovych.

Ecco il testo, tradotto per voi da Anya Stepanova e Ivan Setta.

PARLA PUTIN: COSA SUCCESSE DURANTE IL COLPO DI STATO DI KIEV
Putin: “Ho invitato al Cremlino i dirigenti delle nostre forze speciali, il ministero della difesa, dando un ordine ben preciso. Voglio essere sincero: salvare la vita del presidente Ucraino”.

Aiutami a continuare a fare informazione libera
Nella notte tra il 22 e il 23 febbraio è stata messa in atto un’operazione che non trova alcun precedente nella storia moderna. Per ordine del capo di stato della Russia è stato evacuato il presidente in carica di un altro stato, l’Ucraina, da un paese che stava precipitando nel caos.

Putin: “I nostri servizi di ricerca radio-elettronica hanno coperto la via di fuga del suo convoglio. Per noi era evidente il fatto che il convoglio di Yanukovich a brave si sarebbe imbattuto in una trappola. Lo avrebbero eliminato fisicamenteIl presidente legittimo Ucraino ha chiesto di essere aiutato a salvarsi la vita. Tutti i dettagli riguardanti questa operazione sono stati classificati come TOP SECRET per un anno. Gli unici che ne erano a conoscenza erano il Presidente e il personale direttamente coinvolto nell’operazione”.

Giornalista: “Mi faccia capire bene. Lei ha diretto personalmente questa operazione per una notte intera?”.

Putin: “Si, è così. Stiamo parlando della notte a cavallo tra il 22 e ill 23. Abbiamo finito attorno alle 7 del mattino e salutandoci – questa la devo dire – ho detto a tutti i miei colleghi (erano in 4): ‘La situazione in Ucraina sta prendendo una brutta piega, perciò mi vedo costretto di annunciarvi che dovremmo far partire un’operazione che assicurerebbe il ritorno della Crimea in Russia. Non possiamo lasciare la popolazione della penisola in mano a nazionalisti’. Così ho rilasciato direttive da seguire, ma ho sottolineato il fatto che la riannessione della Crimea avrebbe avuto luogo solo nel momento in cui la popolazione stessa lo avrebbe voluto. Il punto fondamentale era dare alle persone la possibilità di esprimersi e di palesare la propria scelta. Ve lo dico con la più assoluta sincerità. Tra me e me pensavo: ‘Se invece vorranno fare parte dell’Ucraina, così sarà. Magari avranno più autonomia, diritti speciali. Ma il loro volere verrà rispettato. Però se vorranno ritornare in Russia, noi non abbiamo il diritto di abbandonarli’”.

La situazione a Kiev peggiora drasticamente il 18 febbraio alle 13.30, quando viene sparato il primo colpo. Però ad essere uccisi sono 5 poliziotti degli interni, feriti alla gola. I nazionalisti della destra assaltano l’ufficio del partito regionale. Uno degli addetti viene bruciato vivo. Il giorno dopo nel centro di Kiev vengono uccise altre 25 persone. Il 20 febbraio i cecchini aprono il fuoco in piazza. Sparano su entrambi le fazioni e uccidono circa 100 persone tra golpisti e polizia.

Giornalista: “Tutto cambia rapidamente. La situazione sfugge di mano. Partono i primi colpi d’arma da fuoco. Scorre il sangue a Majdan (la Piazza di Kiev). Come si stava comportando Janukovich? Sicuramente l’avrà chiamato: ha forse chiesto di essere ricevuto?”.

Putin: “Sì, sì. Mi chiamò il 21 sera. Mi disse che sarebbe partito per Harkov per partecipare ad una conferenza regionale. Non voglio nascondervi nulla: gli ho consigliato di non lasciare la capitale, in un clima del genere. Mi ha risposto che mi avrebbe richiamato più tardi”.

In quel momento drammatico, quando vengono uccise delle persone in piazza da parte di cecchini di cui ancora oggi non sappiamo nulla, Viktor Janukovich torna a dormire a casa sua per un’ultima volta.

Putin: “Dopo mi richiamò, dicendomi che aveva deciso di partire. L’unica consiglio che gli ho dato al momento era quello di non aumentare il numero delle forze dell’ordine nella piazza. Lui allora mi disse: ‘Si,certo,lo capisco benissimo’. Partendo, ordinò a tutte le forze dell’ordine di andarsene”.

Il 21 febbraio, alle 9.17 del mattino, uscendo dalla residenza del Mezhigorja, Viktor Janukovich si ferma per un attimo come per fare un ultimo saluto. Non vi avrebbe più fatto ritorno. Ma nutriva ancora qualche speranza per un lieto fine, dopo aver accettato una serie di ultimatum che gli sono stati imposti dall’opposizione e dall’Unione Europea.

Putin: “E invece, come ben sappiamo, l’opposizione ha preso con la forza l’apparato amministrativo del presidente Ucraino e il parlamento. Il 22, Janukovich mi chiama ancora dicendomi che si trova a Harkov e che mi avrebbe voluto incontrare per parlare della situazione attuale. Naturalmente accettai subito”.

Quel giorno il colpo di stato anticostituzionale porta al potere Alexander Turchinov, deponendo Viktor Janukovich. Il presidente Janukovich prende la parola da Harkov nella rete televisiva nazionale e dice: “Non sono disposto a rinunciare al mio incarico di legittimo presidente Ucraino. Ciò a cui oggi assistiamo è un vero è proprio colpo di stato ed un atto di vandalismo”.

Appena Janukovich lascia Kiev, gli emissari della commissione dell’Unione Europea (Radoslav Sikorsky, Olivie Boi, Dali Griboutskaje), uno dietro l’altro, iniziano a dichiarare che l’adesione dell’Ucraina all’Unione Europea verrà comunque firmata con il nuovo governo. Il presidente legittimo Janukovich diviene una figura per loro molto scomoda.

Putin: “Le nostri fonti dicevano che le persone coinvolte in questo colpo di stato non solo erano pronte a incarcerare Janukovich, ma erano disposte persino ad eliminarlo fisicamente, poiché quest’ultimo era una figura molto scomoda per loro. Come diceva un famoso personaggio storico: ‘Non c’è persona, non c’è problema‘. (La frase che lo scrittore Rybakov nel suo libro “I figli dell’Arbat” attribuisce alla figura di Stalin). Poi abbiamo avuto delle conferme sul fatto che ciò avrebbe sicuramente avuto luogo. Se Janukovich fosse morto, l’opposizione sarebbe riuscita più facilmente a risolvere una serie di problemi sorti successivamente“.

Il 22 febbraio Janukovich lascia la città di Harkov spostandosi a Donezk, da dove contatta Putin chiedendo un incontro.

Putin: “Gli avevo fatto una proposta. Gli avevo detto: ‘Ci vediamo a Rostov (Russia), così non perderai tempo nello spostamento via aerea. Posso venire io di persona’. Fu allora che un’altra telefonata da parte degli addetti alla sicurezza personale di Janukovich ci informò di avere avuto grossi problemi all’aeroporto. Impossibile usare l’aereo. Avevo intuito che stava accadendo qualcosa fuori dal comune. Più tardi abbiamo scoperto che il corteo di Janukovich era stato assaltato e preso a colpi di fucile. Anche il corteo del procuratore generale Pshonke fu assaltato e uno degli addetti alla sicurezza ferito. In parole povere, il colpo di stato era già avvenuto ed era partita l’operazione che avrebbe dovuto eliminare fisicamente Janukovich“.

I responsabili delle 4 strutture della difesa Russa ebbero l’ordine da Putin di salvare la vita del presidente Ucraino. Nel frattempo i servizi speciali Ucraini ebbero ordini opposti: quelli di eliminare il Janukovich. Avrebbero dovuto prenderlo ancora nell’aeroporto di Donezk, ma dopo la fuga aerea fallita, il convoglio di Janukovich sparisce nel nulla, tra le pianure dell’est dell’Ucraina.

Giornalista: “E’ riuscito a scappare da Donezk ma senza sapere dove andare”.

Putin: “Ha pensato di andare in Crimea. Però quando mi fecero vedere la mappa dei suoi spostamenti…”.

Giornalista: “Lei è riuscito a rintracciare i suoi movimenti?”.

Putin: “Quando ci ha chiamati, i nostri servizi di intelligence lo hanno subito individuato e hanno seguito il suo convoglio. Ogni volta riuscivamo a stabilire la sua posizione. Però quando mi fecero vedere la mappa, fu subito chiaro che Janukovich stava andando verso una trappola. Le dico di più: i nostri servizi segreti ci informarono che il convoglio di Janukovich si sarebbe scontrato con mitragliatori pesanti che avrebbero dovuto… beh… insomma… Non si sarebbero persi troppo in chiacchiere”.

Giornalista: “Sta dicendo che non lo avrebbero fermato per arrestarlo?”.

Putin: “Abbiamo tutti i motivi per pensare che lo avrebbero eliminato subito senza nemmeno fermarlo. La sua scorta ha ricevuto informazioni al riguardo. Non potevano proseguire nella direzione prestabilita. Sono stati momenti strani, perché le conversazioni erano aperte. Usavano una linea non codificata e noi usavamo questo a nostro vantaggio per seguire la sua posizione. Ma prima non sapevamo dove fosse, perciò eravamo pronti a prelevarlo direttamente da Donezk via aerea, via terra o via acqua”.

Giornalista: “Vuole dire che vi siete preparati a prelevare Janukovich in qualsiasi modo?”.

Putin: “Si… Si era allontanato ormai troppo da Donezk. Le navi avrebbero impiegato troppo tempo per prelevarlo. Avrebbero avuto bisogno di circa cinque o sei ore per avvicinarsi alla riva”.

Giornalista: “Lo avete consigliato di avvicinarsi alla riva? Lo avete avvisato del pericolo che lo attendeva sulla strada?”.

Putin: “Sì, il convoglio cambiò subito direzione, mentre noi suggerivamo la direzione da prendere. Abbiamo consigliato al convoglio di avvicinarsi alla riva, dove avrebbero dovuto incontrare una squadra di elicotteri con forze speciali a bordo”.

Le ricerche durarono per quasi 2 ore. Ma nessuna squadra di elicotteri riuscì a individuare il convoglio. I piloti non avevano alcun modo di comunicare con Janukovich, mentre il suo portaborse continuava a chiamare il Cremlino.

Putin: “A un certo punto divenne evidente che gli elicotteri non sarebbero riusciti a trovare il convoglio, mentre i serbatoi si stavano svuotando. Avrebbero dovuto a breve ritornare indietroGli elicotteri si erano ormai preparati per rientrare alla base, quando uno dei piloti all’improvviso nota un bagliore in lontananza. Le macchine del corteo di Janukovich, dopo aver sentito il rumore delle pale, avevano acceso contemporaneamente i fari delle loro macchine segnalando così la loro presenza”.

Giornalista: “Come hanno fatto a capire che dovevano comportarsi in questo modo?”.

Putin: “Li abbiamo consigliati noi, diciamo così…”.

Giornalista: “Avete consigliato voi a dei vostri colleghi di comportarsi così?”.

Putin: “Sì, certo, sono stati individuati e prelevati all’istante”.

Putin: “Naturalmente la cosa non finì lì. Janukovich non volle trasferirsi in Russia e chiese espressamente di essere trasferito in Crimea. Andò in Crimea dunque. Perciò nei giorni successivi rimase sempre in Crimea, e cioè sul suolo del territorio Ucraino di allora. Però dopo qualche giorno, quando ormai la città di Kiev era stata perduta e non vi era più rimasto nessuno con cui trattare, mi chiese di essere trasferito in Russia”.

Giornalista: “Quando le è stato comunicato che Janukovich era in salvo, cos’ha provato?”.

Putin: “Abbiamo salvato la sua vita e quella dei suoi famigliari. Penso che salvare vite umane sia una cosa giusta e nobile, aldilà di come le azioni di questa persona possano essere percepite dagli altri. Mi ha detto che non era riuscito a prendere la decisione di firmare l’ordine che avrebbe permesso alla polizia di usare le armi da fuoco. Non mi sento in diritto di incolparlo per questa decisione, di certo non facile. É stato un bene o è stato un male? Una cosa è evidente: la noncuranza e la debolezza personale hanno portato ad un risultato finale piuttosto drammatico”.


Supporta adesso il progetto Europaleaks. Abbiamo raggiunto il 7,8%. Aiuta Europaleaks a completare la raccolta e diffondi a tutti i tuoi conoscenti l’iniziativa.
Clicca sull’immagine qui sotto per saperne di più.
EUROPALEAKS - DONA ORA

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

4 risposte a ESCLUSIVO Putin: la mia verità sul colpo di stato in Ucraina

  • 4
    Nico

    La Crimea é pro-Russia perché ai tempi dell’unione sovietica ci mandarono a vivere molti russi, peró non sono gli Ucraini ad amare la russia. Gli abitanti della Crimea si sono accorti della situazione solo quando si sono trovati con le bombe sulla testa, loro non hanno neanche la televisione e poi non conoscono le alternative al comunismo, come possono scegliere? Non credo al racconto del pullman, gli ucraini sono persone molto educate e civili e non attaccherebbero mai altri civili. Questa guerra non é tra civili, é tra esercito ucraino e mercenari russi, i civili sono quelli che si beccano le bombe e basta.

  • 3
    Rosa Anna

    Era un cattivo presidente ma eletto con votazioni riconosciute regolari
    Se gli ucraini volevano destituirlo dovevano farlo democraticamente
    Certo che la regione è ora crogiolo di fondamentalismi pericolosissimi e fa comodo a tutti
    Quello che sconcerta che l’Europa non prenda distanze da chi porta sui berretti la croce uncinata

  • 2

    Sicuramente Janukovich non è un grande politico come Salvatore Allende, ma se questa è la verità! Salvare la propria vita e quella dei familiari, è la cosa più importante.

  • 1
    Clesippo Geganio

    in questi casi (ambiti geo-economici-politici) la verità è sempre quella che fa comodo a qualcuno che interessi maggiori di altri, quindi non la sapremo mai dalla voce di costoro.

    Sappiamo perchè come e quando ma non abbiamo le prove.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Gianluigi Paragone si toglie qualche sassolino dopo la chiusura de La Gabbia

Gianluigi Paragone Andrea Salerno Intendiamoci: La Gabbia era pur sempre una trasmissione televisiva. E come tutte le trasmissioni televisive, ne rispettava il linguaggio, i tempi, le liturgie e i limiti. Quelli che internet era nata per travalicare. Tuttavia, tra tutte le trasmissioni televisive era certamente la più libera. E Paragone,...--> LEGGI TUTTO

Giulietto Chiesa: siamo stati formattati

Giulietto Chiesa - Siamo Stati Formattati - Play Intervento di Giulietto Chiesa al primo congresso fondativo di "Attuare la Costituzione", tenutosi a Napoli. Giulietto parla di come l'informazione sia la prima battaglia da combattere per rientrare in una democrazia compiuta.  (altro…)...--> LEGGI TUTTO

La Glaxo nel 2015 ha dato 11 milioni di euro a medici e ricercatori italiani

Glaxxo La EFPIA (European Federation of Pharmaceutical Industries and Associations) è una associazione delle industrie farmaceutiche che incoraggia i propri affiliati alla trasparenza. Per ottemperare alle sue richieste, la Glaxo-Smith-Kline ha reso pubblici, fra le altre cose, anche gli elenchi dei medici italiani che nel 2015 hanno ricevuto finanziamenti...--> LEGGI TUTTO

Cedere sovranità è reato! A dirlo finalmente è un tribunale.

Marco Mori - Cedere sovranità è reato - Play Marco Mori, avvocato di Genova, spiega un decreto del Tribunale di Cassino che afferma finalmente a chiare lettere che cedere sovranità è reato! Sulla base di questo decreto si aprono praterie giuridiche, e soprattutto si potranno chiamare criminali coloro che, a qualunque titolo, hanno invocato, invocano o...--> LEGGI TUTTO

La crisi della sinistra, spiegata dal grande vecchio socialdemocratico, Klaus von Dohnanyi.

La crisi della sinistra europea klaus Von Dohnanyi è un giurista nonché uno storico membro dell'SPD. Dal 1971 al 1974 è stato ministro della cultura, nonché parlamentare tra il 1969 e il 1981, poi sindaco di Amburgo dal 1981 al 1988. È stato uno dei protagonisti della vita politica tedesca nel periodo...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Gli esperti di diritto sulla Catalogna? Sono dei pirla.

Catalogna Governo centrale di Paolo Becchi Eccoli alla carica sui giornaloni gli esperti del diritto, e più sono esperti e più sono dei pirla. Fantozzi docet. Il referendum per l’indipendenza della Catalogna è «illegale». Sì, lo è: è contro la Costituzione spagnola, contro l’«unità indissolubile» dello...--> LEGGI TUTTO

Due piantine di Cannabis per lenire dolori atroci: in prigione a 63 anni!

prigione malato cannabisTRENTO. Il ricorso in Cassazione è stato rigettato. L'uomo di 63 anni che a Trento era stato trovato in possesso di due piante di marijuana che coltivava per uso personale, per lenire i dolori atroci della sua malattia, è stato giudicato colpevole in via definitiva. Andrà in prigione. ...--> LEGGI TUTTO

L’ideologo di Putin: in Europa sarà presto caos, guerra civile, distruzione.

Dugin ideologo Putindi Giulio Meotti Roma. Europa e Stati Uniti hanno spesso ricambiato il favore ad Aleksandr Dugin. Un anno fa, il famoso politologo russo è stato messo alla porta in Grecia. Accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill per una conferenza sul Monte Athos, Dugin...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Guest post

Realizzata la prima video chiamata quantistica intercontinentale al mondo

Chiamata quantisticaIl satellite cinese Micius torna a far parlare di sé e stabilisce un nuovo record, quello della prima videochiamata quantistica della storia tra Vienna e Pechino. Circa tre settimane è avvenuto un evento eccezionale che modificherà totalmente il sistema di comunicazioni come lo...--> LEGGI TUTTO

Il Messico a meno di 40 euro al giorno!

Messico Amo il Messico. E' pieno di vibrazioni, è un paese meraviglioso, pieno di gente amichevole, con una energia speciale che vi fa riscoprire l'amore per la vita, con un'architettura spettacolare, con una storia che affonda le radici nelle profondità dei millenni e... con un cibo davvero...--> LEGGI TUTTO

Negli Uffizi dei Medici: itinerario mediceo all’interno della Galleria più famosa di Firenze.

Scoprire Firenze La Galleria degli Uffizi è il sito museale più famoso di Firenze, nonché uno dei più frequentati d’Italia: quelli che riescono a superarlo per visitatori, infatti, si contano sulle dita di una mano. Gran parte dei turisti scelgono un hotel su portali come expedia proprio per...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Rimozione forzata. La libera rete chiude!

Rimozione forzata - la libera rete chiude - Play ORE 19. Live su Salvo 5.0, con Claudio Messora, Antonio Rinaldi, Tommaso Minniti e Salvo Mandarà....GUARDA

Becchi: è l’era delle piccole patrie. Me ne batto il ca@@o di quanti hanno votato al referendum catalano.

Becchi Referendum Catalogna Matrix Becchi a Matrix perde le staffe sul referendum in Catalogna. "Al di sopra di ogni Costituzione ci sono due diritti fondamentali. Il diritto di resistenza e il diritto di secedere. Non sappiamo come andrà a finire, ma la responsabilità di una guerra civile...GUARDA

Il giorno in cui la democrazia in UE gettò la maschera

Il vero volto della democrazia nell'Unione Europea Il giorno in cui la democrazia in UE gettò la maschera, e apparve finalmente a tutti, solare, radioso, il suo vero volto....GUARDA

E dopo le “primarie” M5S, il PD torna in testa: 1,2 punti in meno.

Sondaggio M5S 25 settembre - play Sorpresa: dopo le "primarie" del Movimento 5 Stelle, Di Maio perde subito 1,2 punti percentuali e torna in testa il PD. A darne notizia, Mentana al TG7. Il calo, e il sorpasso del Partito Democratico, vengono attribuiti al modo in cui le cosiddette primarie sono state...GUARDA

Becchi: e adesso in Parlamento arriva CasaPound

Becchi - Movimento 5 Stelle - CasaPound A Omnibus (LA7) questa mattina, Di Pietro spiega che, secondo lui, il Movimento 5 Stelle in realtà non vuole affatto governare, perché non gli conviene, e Becchi prevede che, grazie all'abbandono della critica forte su Euro, Europa e finanza, e al rigetto dell'etichetta di "populismo", avremo...GUARDA

Pigi Battista a Paragone: i bambini non sono proprietà dei genitori.

Paragone Pigi Battista Nell'annoso dibattito sui vaccini, ci sono i Free Vax, i No Vax, e poi i Pigi Battista. Quelli che "i bambini non sono di proprietà dei genitori". Certamente non sono una proprietà, così come si intende un oggetto acquistato e privo di diritti. Ma il sottinteso...GUARDA

Rula Jebreal a Porro: tu, uomo bianco sessista!

PORRO VS RULA Scontro tra Rula Jebreal e Nicola Porro: "tu uomo bianco sessista che punti il dito contro una come me"....GUARDA

Barbara Lezzi maltratta Luigi Marattin a Omnibus

Barbara Lezzi Luigi Marattin Barbara Lezzi (M5S) si confronta duramente con Luigi Marattin, consigliere economico della Presidenza del Consiglio, sui dati della disoccupazione che vede l'Italia, nonostante la "cura Renzi", aumentare il distacco rispetto alla media europea. Ricordati di VOTARE Byoblu ai Macchianera Internet Awards...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>