La Sovranità? Pubblicità ingannevole!

UE divora sovranità

Evocare la Sovranità Repubblicana Nazionale concepita nel secolo scorso, quale facile soluzione al groviglio di problemi che attanagliano il Paese, è un azzardo da valutare con serietà e forse da evitare. Evocare la Sovranità significa infatti lasciar credere al Popolo che il nostro Stato e il nostro futuro Governo possano “ancora” esercitare libere scelte sul proprio territorio. Io, purtroppo, non credo che ciò sia vero. E pertanto lo ritengo un problema che si va ad aggiungere agli esistenti.

Ogni giorno ascolto Qualcuno che beotamente recita il mantra consolatorio : “la Sovranità appartiene al Popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione (art. 1 – comma II)” . Ebbene, io credo che questa meravigliosa affermazione sia come quelle leggi della Fisica newtoniana che fanno riferimento allo zero assoluto o alla la velocità della luce, oppure sia come quel terno secco “Libertà-Eguaglianza-Fratellanza”, che è uscito una volta sulla ruota di Parigi nel 1789 e poi mai più. Si tratta di postulati teorici, verso i quali giustamente si tende senza però mai raggiungerli, di slogan colmi di speranze che si infrangono contro le cronache.

I limiti a quel sogno di Sovranità – a causa di una serie di accelerazioni e mutazioni della geopolitica che i Media mainstream chiamano “Globalizzazione”- si sono rafforzati ed estesi al punto di mutare l’idea guida originaria di Sovranità formulata nel secolo scorso. In dettaglio: si sono rafforzati i limiti di fatto e i limiti di diritto. I primi, in Italia, sono riassumibili nella quasi impossibilità di organizzare e controllare in modo soddisfacente i vari aspetti della vita della nazione (finanziario, economico, valutario, di approvvigionamento energetico, fiscale, etc…). I secondi sono quelli derivanti dall’ordinamento e dai trattati internazionali sottoscritti, a torto o a ragione, nel corso degli ultimi 60 anni dai Governi Italiani (UE, Nato, WTO, FMI , Codex Alimentarius della FAO/OMS, norme sui flussi migratorii, etc…). Al riguardo, occorre ricordare che, nella Costituzione italiana, l’ipotesi dei limiti è espressamente contemplata nella norma dell’art. 11: “L’Italia … consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di Sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni”. Decidete voi se le condizioni di “parità” , “pace” e “giustizia” siano state sempre soddisfatte .

In definitiva la Sovranità, anche secondo il Diritto Costituzionale e Internazionale, non può essere nè statica né assoluta, ma è funzione:

  1. della facoltà di esercizio del potere supremo nell’ambito di uno Stato
  2. dell’indipendenza di un soggetto /entità nei rapporti internazionali.

La prima, oltre a essere da sempre una facoltà azzoppata a causa della perversa partita tra Stato e Poteri Forti e Occulti, è ormai in via di delega progressiva ad alcune istituzioni dell’Unione Europea a causa del Trattato di Lisbona, del Fiscal Compact, del MES, etc… L’indipendenza nei rapporti internazionali poi, ritengo, che si sia manifestata in Italia solo a bassa caratura e in rare occasioni e che invece, in casi eclatanti, sia tesa a zero. Alcuni esempi : il caso Mattei, la strage di Ustica a bordo del DC 9 Itavia, gli incontri sul Britannia… credo che bastino.
Non si possono dimenticare inoltre le vergognose valutazioni pilotate che Fitch, Standard&Poor e Moody’s, le 3 Sibille del rating mondiale, si arrogano la facoltà di esprimere sull’affidabilità dell’Italia (e non solo) e che costituiscono uno dei maggiori oltraggi alla Sovranità. Oltraggi che rimangono impuniti perchè di fatto non c’è modo di punirli.

Vorrei essere chiaro: tutto ciò non è un film dell’horror (anche se talvolta può sembrarlo), si chiama Storia degli Umani in via di evoluzione sul Pianeta Terra. E dunque mi sembra corretto porre la questione alle menti più evolute, lucide e generose : evocare la Sovranità ombrello che non c’è, che non c’è più, che non c’è mai stata, che non potrà esserci così come è stata sognata, è un problema! E’ un problema perchè la semplice evocazione, senza chiarire che è un ombrello colabrodo, seduce e rassicura maldestramente l’anima collettiva. E’ una specie di pubblicità ingannevole, perchè promuove aspettative irreali, perchè l’eventuale battaglia e la stessa organizzazione delle forze vitali per il ritorno a “quella Sovranità” conduce su un binario morto della geopolitica. La Sovranità repubblicana italiana e i suoi annessi e connessi sono pericolosi perchè “finti”: un teatrino con protagonisti reali, eroiche imprese e martiri ma con registi e impresari indefiniti, mascherati.

Evocare la Sovranità tout court dunque, senza considerare e far considerare che si trattava di una Sovranità Ltd., concessa a una nazione che aveva perduto la Guerra dalle truppe angloamericane che tornavano a casa, è pericoloso. Negli anni, fra l’altro, tale Sovranità Ltd. è entrata a far parte del grande sogno collettivo oggi abortito dalle democrazie costituzionali occidentali, che dopo aver promesso welfare e progresso senza limiti, da 4-5 anni fanno i conti con i limiti strutturali del Pianeta terra e con le piaghe delle crisi finanziarie non risolte .

Io piuttosto muterei così l’art. 1 – comma II della Costituzione Italiana : “la Nuova Sovranità apparterrà al Popolo quando i suoi Rappresentanti riusciranno a difenderla e ad esercitarla nelle forme e nei limiti di una Costituzione in progress armonizzata con la Globalizzazione attiva e non subita” .

di Glauco Benigni

Leggi il follow-up ai commenti di questo articolo: “Più vi incazzate, e più io so di aver fatto un buon lavoro!“.


Supporta adesso il progetto Europaleaks. Abbiamo raggiunto il 7,8%. Aiuta Europaleaks a completare la raccolta e diffondi a tutti i tuoi conoscenti l’iniziativa.
Clicca sull’immagine qui sotto per saperne di più.

EUROPALEAKS - DONA ORA

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

35 risposte a La Sovranità? Pubblicità ingannevole!

  • 13
    psychok9

    Articolo inutilmente fastidioso, perché distorce il pensiero sovranista e sembra quasi spingere all’arrendevolezza. Già bastano i media mainstream per quello, per la teologia fatalista del “va come deve andare”, “oggi c’è la cina, la globalizzazione, ecc”
    …e Giove… dove lo mettiamo Giove?!
    Come se uno non avesse studiato neanche un pochino la Storia no? Come se non sapesse che ci sono SEMPRE state influenze e ingerenze straniere, e che l’Italia fu persino creata e plasmata da una di esse…!

    Comunque lascio rispondere più approfonditamente Lorenzo Fraioli con un pezzo del suo articolo (http://egodellarete.blogspot.it/2015/03/untitled_30.html):

    …La sostanza della narrazione veicolata è che ci sono forze contro le quali combattere è non solo inutile, ma addirittura pericoloso, e che occorre rassegnarsi al fatto che il perseguimento dell’interesse nazionale altro non sia che «un teatrino con protagonisti reali, eroiche imprese e martiri ma con registi e impresari indefiniti, mascherati». E dunque che i sovranisti sono manovrati! Magari inconsapevolmente, aggiungo provando ad interpretare più a fondo il benigni-pensiero, ma comunque manovrati, in definitiva degli utili idioti.

    Mi corre l’obbligo di ricordare al Benigni che questa idea ingenua di sovranità non alligna nel campo sovranista. Noi sappiamo benissimo che la sovranità è un valore relativo, condizionato dai rapporti di forza reali, e dunque che essa deve essere intesa come una tensione spirituale e politica costante, non come un dato digitale on/off. Neppure la potenza dominante, gli USA, sono pienamente “sovrani” nel senso on/off veicolato dalle argomentazioni del Benigni. Eppure, mentre gli Stati Uniti non cessano di perseguire l’interesse nazionale, e guai a quel politico che osasse mettere in dubbio tale diritto, qui da noi ci si fa belli nel sostenere che questo è un comportamento inutile, pericoloso, e che addirittura chi ha a cuore l’interesse nazionale in realtà lavora per il re di Prussia!

    Il finale dell’articolo del Benigni chiarisce altri aspetti del suo pensiero: «Negli anni, fra l’altro, tale Sovranità Ltd. è entrata a far parte del grande sogno collettivo oggi abortito dalle democrazie costituzionali occidentali, che dopo aver promesso welfare e progresso senza limiti, da 4-5 anni fanno i conti con i limiti strutturali del Pianeta terra e con le piaghe delle crisi finanziarie non risolte.».

    Dunque, per il Benigni, la crisi del sogno di sovranità delle democrazie occidentali si sarebbe infranto contro il muro dei “limiti strutturali del pianeta terra e con le piaghe delle crisi finanziarie non risolte”. E questa è una tesi veramente fantastica. Lo è perché la crisi che stiamo vivendo non è una crisi da mancanza di risorse bensì da sovrapproduzione, che solo in Europa non è stata superata perché qui i rapporti di debito/credito hanno come principali titolari soprattutto gli Stati nazionali, uniti da una moneta disfunzionale ma divisi, eccome se divisi! dal fatto di aver mantenuto, ognuno di essi, una propria contabilità nazionale.

    Aggiungo che le cosiddette “crisi finanziarie”, almeno momentaneamente risolte (negli USA e in UK) o non risolte (in Europa) traggono tutte la loro origine nel fatto che, da almeno trent’anni, è stato interrotto il meccanismo redistributivo verso il basso degli aumenti di produttività; e che ciò è avvenuto per il mutamento degli equilibri politici negli USA che le altre nazioni dell’occidente hanno dovuto (o voluto, ad opera delle loro classi dominanti) supinamente subire proprio a causa di un “deficit di sovranità”. Nella sostanza quello che è accaduto è che ciò che va bene agli Stati Uniti deve andar bene per tutte le altre nazioni. Si chiama “Washington consensus”…

  • 12
    gios

    Per me la sovranità sta al popolo come la maturità al singolo individuo, restare eterni adolescenti è una possibilità, non un obbligo.

  • 11

    Lettera aperta a Byoblu e ai suoi lettori/commentatori.
    Non posso che ringraziare ancora Claudio Messora. Non l’ho mai incontrato in vita mia . Non gli ho mai parlato. La prima volta in cui si sono incontrati i nostri nomi è stato qualche giorno fa in occasione della condivisione sul suo blog del mio articolo di due anni fa .
    L’articolo, al tempo della sua prima comparsa, venne inviato ad alcuni deputati del M5S. Nessuno rispose. In quella stagione il dibattito sulla Sovranità non aveva assunto con chiarezza i toni e i contorni contemporanei . Soprattutto non era evidente che la Costituzione Italiana subordinava la Sovranità ai Trattati Internazionali. Io credo che questo aspetto sia quello sul quale bisogna riflettere . Non credo che i commenti del tipo “Benigni urla o non urla di dolore o Benigni invita ad arrendersi” siano riferibili alle mie affermazioni . Non credo che Messora – come qualcuno insinua- abbia voluto utilizzare il mio articolo per colpire il progetto sovranista del M5S.

    Io credo che il concetto astratto di Sovranità, così come venne proposto dai Padri Costituzionali 60 anni fa , DEBBA essere ripensato, ridisegnato e riscritto. La Sovranità del 2015 è un puzzle molto complesso in cui confluiscono diverse Sovranità : militare, politica, monetaria, commerciale, economica, territoriale, energetica, digitale e così via. Ognuno di questi aspetti – che lo si voglia o no – interreagisce in modo fortemente dinamico con gli altri, dando vita ad un bipolo caos/ordine che non ha NIENTE A CHE FARE con la Sovranità di cui si parla abitualmente in Rete, in italiano.

    Non voglio spegnere entusiasmo alcuno. Per difendere la Sovranità oggi bisogna RIVEDERE I TRATTATI INTERNAZIONALI . Questa banale e semplice affermazione, che purtroppo è una pratica complicatissima, è sostenuta da ogni agglomerato democratico e popolare del Pianeta, da ogni dissenso consapevole e da ogni Individuo pensante che ha letto (anche se distrattamente) tali Trattati .
    La nostra Costituzione attuale vincola la Sovranità e ammette che sia limitata dai Trattati. Il mio forse è un grido di dolore perchè gli Onesti , quelli di Buona Volontà e moltissimi aderenti, sostenitori, banchettisti del M5S, NON HANNO LETTO I TRATTATI . Pensano, sognano, auspicano che si possa uscire dalla Nato in allegria, che si possa stracciare il Trattato di Lisbona e tutti gli altri Trattati capestro fondativi della UE con un referendum, credono che l’uscita dall’Euro e dalla UE non equivalga ad una guerra civile pilotata da Poteri Occulti di diverse nazioni ostili alla libertà dei Popoli.
    Io incito allo studio, metto in campo il dibattito sulla Governance Globale di Internet che è a oggi l’unica area dove si può ancora ottenere una regolamentazione scritta ANCHE dalla Società Civile . Però mi confronto da anni con imbarazzanti ignoranze, emozioni da operetta, scontri adolescenziali che fanno comodo solo alle Elites Planetarie. Non so cosa ne pensano Coloro che potrebbero pilotare il Dissenso sulle corsie giuste. Vedo che ci si aggroviglia in un dibattito “locale”, da Condominio che non si rende conto che il Piano regolatore lo stanno facendo altrove. Questa battaglia non si vince (solo) nel Parlamento Italiano. Questa battaglia va combattuta in diverse lingue nell’arena contemporanea della politica internazionale.
    Quindi : viva le Onorevoli M5S al Parlamento Europeo, Rosa D’Amato e Daniela Aiuto e la loro battaglia contro il TTIP (per ora apparentemente) vincente. Un abbraccio fraterno a tutti.

    • 11.1
      Clesippo Geganio

      è fuor di dubbio che la nostra Costituzione necessiti di un aggiornamento in alcune parti tecniche relative ai meccanismi istituzionali-governativi, certamente non come quelle demenziali proposte per il Senato le Province e sistema elettorale, come è fuor di dubbio che molte altre parti relative ai diritti e doveri, principi e valori legati alla vita sociale, culturale, economica e politica di ogni cittadino italiano debbano rimanere inviolabili.
      Ciò comporta notevoli difficoltà in virtù della complessa articolazione riferita a significati legati a più Titoli in quanto propedeutici alla corretta applicazione dei 139 articoli costituenti, il rischio più o meno calcolato nel modificare o eliminare parti tecniche “dell’architettura” istituzionale potrebbe limitare o vanificare alcuni principi inalienabili sanciti in altri Titoli.
      Alla luce delle vicende scandalose governative-istituzionali e politiche succedute in 20 anni e più di repubblica dare mandato per la modifica della Costituzione a uomini come Renzi giunto al Governo senza regolari elezioni politiche come sancite nella stessa Costituzione Repubblicana, che arbitrariamente in separata sede (nazareno) concorda con Berlusconi condannato per reato di frode fiscale contro lo Stato e Verdini plurindagato dalla Magistratura per reati amministrativi, fiscali e penali mi sembra al quanto folle se non addirittura eversivo o sovversivo l’ordine giuridico-legislativo dello Stato italiano, se poi aggiungiamo che ulteriori richieste di modifica della Carta Costituzionale ci vengono imposte dall’estero, allora noi italiani non meritiamo nulla se non andare a f***ulo tutti.

      Dov’è la coscienza civica popolare? E’ quella del massimo garante della Costituzione?

    • 11.2
      Mr. Age

      Salve sig. Benigni, la ringrazio per il chiarimento e concordo con gran parte delle sue analisi ma continuo a non essere d’accordo con le sue conclusioni.
      Non mi faccio illusioni sulla difficoltà nell’uscire dai trattati internazionali (che ho in parte letto!), ma non posso accettare di vivere in paese colonia.
      Se la scelta deve essere fra vivere da schiavo in pace o da uomo libero in guerra non ho dubbi e la mia risposta sarà la stessa che hanno dato gli antichi privernesi ai romani occupanti.
      “Si bonam dederitis – inquit – pacem, perpetuam habituri estis, si malam non diuturnam”

      Proprio per questo non sono un fan della nostra costituzione che come ben sa è stata scritta da un paese sconfitto e occupato da forze militari straniere erroneamente chiamate “alleate”.

      Ci tengo anche a precisare che non sono un attivista del M5S e anzi sono stato molto spesso critico in questo stesso blog sul “progetto sovranista del M5S” che a mio avviso è troppo morbido e spesso poco chiaro.

      Credo invece che abbia ragione quando dice che questa guerra dovrà essere combattuta su più fronti esterni ed interni e in più lingue.

      Sovranità! No€!

  • 10
    Clesippo Geganio

    facciamo i conti senza l’oste cari webnauti!
    Purtroppo quell’oste di nome Disonestà ha sembianze multiformi create appositamente per raggiungere sempre e comunque lo stesso obiettivo la ricchezza, che lo faccia adoperando la corruzione, o schiavizzando di lavoro gli altri per arricchirsi o ammazzando di proposito il prossimo per fare soldi o cambiare sembianze per ottenere consensi popolari il risultato nefasto non cambia.

    “Le repubbliche vengono create dalla virtù, dallo spirito pubblico e dall’intelligenza dei cittadini. Esse falliscono quando i saggi vengono banditi dai consigli pubblici, perché osano essere onesti, e gli sconsiderati vengono premiati, perché adulano la gente, in modo da poterla tradire.”

    • 10.1
      Corrado Farris

      Se questo è un uomo …
      pensi possa esserci di meglio? oppure al peggio non c’è mai fine?

    • 10.2
      Clesippo Geganio

      il peggio è modificare la Costituzione Repubblicana il meglio consiste nell’applicarla!

      Se lasciamo modificare i principi fondativi della nostra giovane democrazia da un condannato per il reato di frode fiscale contro lo Stato coadiuvato da un plurindagato per reati amministrativi, fiscali e penali, è sicuro che al peggio non ci sarà mai fine.

  • 9
    Corrado Farris

    Claudio, il fatto che l’articolo sia firmato G. Benigni non dice che tu non lo condivida. Il fatto che sia uno spunto di riflessione ci può stare ma è un fatto che tu non l’hai colto, lo spunto, dandoci la tua versione su queste riflessioni. Personalmente credo che finché esisteranno stati Nazione, ciascuna non può prescindere dalla propria sovranità all’interno dei propri confini e che, quindi, essa sia legittimata a prescindere dalle relazioni geopolitiche e internazionali, ad esercitare la propria sovranità (popolare è un sinonimo di delega, ovviamente) sulla vita dei suoi abitanti e degli “ospiti” che vi risiedono o solo ne calpestano il suolo. In quanto ai trattati e accordi intercorsi dalla fine della seconda guerra mondiale ad oggi, il piano Marshall e quindi la concessione di un beneficio di fiducia da parte degli anglo-americani: viviamo un mondo senza isolamenti, sempre più interconnessi e anche, aggiungo, dipendenti in quanto a energia, ricerca scientifica, commerci. Questo significa che non abbiamo diritto alla nostra sovranità? In merito poi agli interventi militari che da 70 anni l’Italia concede (!) a livello internazionale per missione di controllo, sostegno e peace keeping (!?!) mostrano, a mio parere, quanto siamo lontani dalla cosiddetta sovranità, che è invece stata ceduta proprio in base a quegli accordi e trattati che hanno travalicato la ragion di Stato a favore della ragion di convenienza. Noi, come Stato sovrano, dovremmo uscire da quegli accordi e trattati che tendono a limitare la nostra autonomia nazionale. E questo non è affatto impossibile anche se può avere conseguenze non del tutto indolori. Ma se parliamo del principio di sovranità come illusione, allora anche il principio di libero arbitrio personale e individuale diventa un illusione. Allora assolviamo chiunque risponda a degli ”ordini” (per quanto folli) solo perché, è così che va il mondo? Suvvia, non siamo ne beoti ne eroi; siamo esseri umani che abbiamo qualcosa di più che segatura nella zucca e riteniamo che, quando si parla di sovranità, si stia dalla parte giusta; perché vedi, chiunque può accollarsi la paternità politica della “patria” ma nessuno poi si accolla la maternità umanistica di realizzarla. Allora, finiamola con i disfattisti dei buoni principi; l’essere realisti più del re ci sta costando la vita, se non ce ne siamo accorti! Sognare una terra giusta non ha nulla di illusorio anzi, è lo scopo per cui dovremmo vivere, almeno sulla nostra terra!

    • 9.1

      Il post di Glauco Benigni è un grido di dolore estremo, una dichiarazione di amore per la sovranità di un popolo, e si capisce benissimo anche dalla chiusura. Per il resto, si chiama libera informazione e libero scambio di idee. Nessuna notte dei cristalli please.

    • 9.2
      Corrado Farris

      Beato te che lo capisci, soprattutto dalla chiusura! Comunque devo dire che resto abbastanza perplesso dai tuoi toni di sufficienza nei confronti di chi fa commenti e solleva dubbi. Se intendi andare avanti su questa linea, credo di dovermi pentire di aver contribuito al tuo €urpaleaks. Mi immaginavo prima di tutto di trovare una persona aperta anche alle critiche e secondo non mi immaginavo di incontrare una persona saccente che degli altri ha poca o nulla stima solo perché intende il proprio (ma che su questo post oggettivamente non hai ancora condiviso con chi ti legge, e questo è un altro segnale eloquente di presunzione) punto di vista ineccepibile. A parte dire che il post di G. Benigni è un grido di dolore ma qual’è la tua opinione in merito, ce lo vuoi comunicare o sei lì in agguato al solo scopo di rinfacciare i commenti?

    • 9.3

      Non credo che l’intento dell’autore fosse quello di lanciare un “grido di dolore”. Del resto, chi ha scritto l’articolo non è Leopardi o Foscolo e questo, fino a prova contraria, non è un blog letterario.

      L’ho già scritto e lo ribadisco: sul piano della comunicazione concettuale, il solo messaggio chiaro e inequivocabile veicolato dal “pezzo” è il seguente: “non date retta agli stralunati che operano per un ritorno alla sovranità nazionale e, seppur turandovi il naso, accettate rassegnati l’esistente”.

    • 9.4

      Condivido in pieno la tua analisi, l’articolo rappresenta un opinione di un uomo e secondo questa cosa dovremo fare? rassegnarci a soccombere? almeno l’illusione di poter lottare contro chi ci vuole schiavi, di alzare la voce e di non essere considerati solo dei numeri, personalmente non ci sto! i trattati se contro gli interessi della collettività, possono essere ritrattati è un nostro diritto, non è indolore? e che ci frega, il dolore è vedere i figli studiare, diplomarsi e poi vederli depressi perchè non trovano un lavoro, il dolore è vedersi diplomato, fare l’operaio e restare a casa perchè non c’è lavoro. Un abbraccio Luigi

    • 9.5
      Michele

      A mio parere, non credo che Claudio debba fornire una sua opinione personale, “politica”. Non capisco perché vi irritate se viene pubblicato un articolo che apparentemente contrasta con il parere diffuso del ritorno alla sovranità. Non è forse un blog di scambio d’idee? Non è forse più opportuno discutere del merito delle argomentazioni?
      Non che
      Ad esempio: si parla del riconoscimento da parte dei giudici supremi di un concetto di “sovranità dinamica”. Non è questo un fatto rivoluzionario, che costringe a rivedere l’approccio di aggiustamento, della rotta?

    • 9.6
      Paolo

      a mio pare fa bene Claudio Messora a postare anche articoli del genere (perché no???..è una considerazione quella del Benigni…poi la si può condividere o meno…)

      Detto questo: articolo subdolo..(sempre mia opinione )…che non capisco cosa voglia dire….cosa propone? e dopo ..cosa bisognerebbe fare…? ne faccia un altro e ci dica cosa dovremo fare …(cosi ci rendiamo conto di dove vuol andare a parare anche se penso già di aver capito…)

      In “questa ” globalizzazione…ci sguazzano TUTTI gli stati del mondo e TUTTI con una loro Sovranità Monetaria…(alcuni ci si muovono anche discretamente bene )…ECCETTO 18 Stati con un sistema monetario assurdo ..cioè una moneta che non ha le caratteristiche di una moneta vera e propria ma solo un blocco dei cambi a favore di un solo Stato : la Germania e di altri pochissimi Stati satelliti simili come struttura economica…un Marco camuffato da Euro….pensato e concepito per disintegrare gli altri stati dell’eurozona (e sotto gli occhi di tutti )..con una BCE anche essa anomala che non ha simili con tutte le altre Banche Centrali del mondo di oggi e di ieri ( minimo dovrebbe funzionare come la FED ..) ..che sta li “ha controllare la “stabilità dei prezzi ” …e di fatto a prendere poi decisioni di politica economica che non gli competono..

      Quindi noi dovremo tenerci sta ANOMALIA di una NON MONETA (non lo è…lo ripeto..perché non ne ha le caratteristiche…non c’è una realtà statuale dietro..una BC normale. è questa architettura monetaria NON E’ STATA CONCEPITA IN QUESTO MODO ASSURDO “A CASO ” MA PER UN MOTIVO BEN PRECISO…che tutti conosciamo…)..non c’è una e dico UNA pubblicazione di carattere scientifico /economico..che la supporti…al contrario di tante pubblicazioni di “livello” critiche sulla sue caratteristiche..in sintesi viene condannata ovunque. Perché voler perpetuare l’errore..??? perché ???

      Come mai l’Eurozona è la cenerentola mondiale..come situazione economica??? come mai i restanti Stati dell’UE a sovranità monetaria non hanno subito la devastazione , gli squilibri e le asimmetrie dei Paesi.dell’Eurozona..pur operando nel medesimo mondo globalizzato con tutti gli annessi e connessi..??? anzi alcuni di questi Stati vanno piuttosto bene ….

      Perché la Corea del Sud…con una struttura simile a quella Italiana…incuneata tra la Cina il Giappone e l’India come posizione geoeconomica…funziona bene con una sua moneta senza essere agganciata a nessuna altra macro area economica.

      concordo con cio che hanno detto il Farris e altri forumisti.

      articolo subdolo /eurista…e della peggior specie.

      Si può e si DEVE tornare alla propria sovranità nazionale.

      Paolo
      (rete mmt )

      Il Benigni..faccia un altro articolo..e ci dica quindi cosa secondo lui dovremo fare (cosi tanto per capire )…

    • 9.7
      Paolo

      In sintesi l’articolo del Benigni…con un “grido di dolore ” (non so quanto genuino ) ci invita ad accettare lo “status quo” che si è venuto a creare ed a limite muoverci per degli “aggiustamenti ” ……se ci crede illuso lui….e più facile uscirne quantunque problematico sia.

      Ma voi ci credete che i restanti 10 Stati facenti parte dell’UE in primis Inghilterra..dopo il tragico spettacolo dell’eurozona a conduzione Merkel..con una Non/Moneta…entrino in futuro nel sistema Euro?? io no….quindi l’UE è condannata ad una situazione permanentemente asimmetrica…tutti sotto il trattato di Mastrich e di Lisbona ..ma dieci con Sovranità Monetaria e altri 18 senza. quindi non solo con i noti squilibri all’interno dell’Eurozona..ma con degli squilibri nel complesso di tutta l’area UE..con 10 Stati che potranno fare una loro politica economica indipendente e altri 18 no. Ma è un assurdità.

      E perché mai una volta che si è entrati nell’Euro (non moneta ma blocco dei cambi a favore del Marco/Euro )..dovremo accettare di NON USCIRNE ..perché a sentir loro “processo irreversibile ” e dovremo però accettare che gli altri 10 Stati siano liberi di non entrarci ???…l’impianto geopolitico/economico UE (dai trattati alla moneta (non moneta) …è una assurdità totale e le argomentazioni del caro Glauco..non hanno nessun fondamento …se non questa si..PUBBLICITA’ INGANNEVOLE.

      Per poter stare in una moneta unica con aree valutarie totalmente differenti…in equilibrio la fascia sud europea compresa in parte la Francia..dovrebbe essere sussidiata permanentemente dalla Germania. Ma li immaginate voi i tedeschi che rinunciano al 10 o 15 % del loro PIL per sussidiare i “neo terroni ” Francia compresa ???…e se ci fosse pure questo trasferimento dal nord al sud (analogo al trasferimento nord /sud in Italia )…questo creerebbe equilibrio si ..ma condannerebbe in via permanente tutta l’Italia ,nord italiano compreso e forse anche la Francia più tutti gli altri Stati cosiddetti deboli (secondo me impropriamente..almeno per quanto riguarda Francia e Italia ) ad una perenne cosiddetta “meridionalizzazione ” area di consumo e di non sviluppo…perché è ormai dimostrato che in tutto il mondo le aree deboli sussidiate (anche negli Stati Uniti..vedasi Alabama, Louisiana , Missouri etc etc )..ma tanto per non andare lontano oltre al nostro sud anche la Germania Est ex comunista (in condizioni peggiori del nostro sud…anche se generalmente gli italiani non lo sanno..per scarsa informazione )…vivacchiano e fungono da serbatoio di consumo ma non si sviluppano mai…(il nostro caro sud…non si è sviluppato perché la moneta unica Lira è troppo forte nell’area meridionale rispetto alla medesima Lira dell’area settentrionale…è lo stesso identico meccansimo attuale con Euro sottovalutato nella fascia nord europea e sopravalutato nella fascia sud…tutto a vantaggio della fascia nord…)

      Quindi nella migliore delle ipotesi…finiremo sottosviluppati vita natural durante…e disprezzati dai Germanici che ci rinfaceranno di “mantenerci ” …(detto e premesso che i sussidi non li daranno mai…e meglio cosi..tra parentesi ).

      Comunque l’Eurosistema farà crash..ad un certo punto…i Sovranisti continuino a far la loro battaglia…e non ascoltino certe “vocine ” alla Glauco…sono fuorvianti (e mi auguro che non siano in mala fede ).

      Faccio parlare non un Keynesiano o uno di sinistra (quella sana che non esiste più ) ma un illustre Premio Nobel..Padre di quella disgraziata ideologia economica omicida chiamata Neoliberismo: Milton Friedman…in un intervista di circa 15 anni fa:

      Milton Friedman, 1998

      D. Una domanda finale: qual è la sua opinione sul progetto di creare una moneta comune in Europa ? lei è ottimista sul suo successo ?

      R. Penso che sia un grosso azzardo e non sono ottimista. Sfortunamente, il Mercato Comune Europeo non ha le caratteristiche richieste per un’area valutaria comune. Gli USA hanno queste caratteristiche: lingua comune, libero movimento delle persone in tutta l’area, notevole flessibilità di prezzi e salari. Infine, c’è un governo centrale molto più grande di quelli locali e quindi la possibilità di trasferire fondi alle aree influenzate da particolari situazioni negative. L’Europa non ha nessuna di queste caratteristiche: paesi diversi, lingue diverse, scarsa mobilità delle persone, governi locali molto più grandi rispetto a Bruxelles, restrizioni e controlli su prezzi e salari. I cambi flessibili tra le varie valute forniscono un meccanismo per assorbire shock ed eventi economici che influiscono in modo diverso sulle varie nazioni. Introducendo l’euro, si getta via il meccanismo. Che cosa lo sostituirà ?

      Forse saranno fortunati. Magari gli eventi economici dei prossimi 10 o 20 anni non produrranno effetti asimmetrici tra i vari paesi, e ci sarà il tempo per superare le restrizioni, per rendere il sistema flessibile. Ma è molto più probabile che non sarà così. Come unico meccanismo di aggiustamento, rimarrà la pressione sui prezzi, sui salari, sull’occupazione. Immagini che l’Italia abbia dei problemi, come esce dal sistema euro ? Auguro ogni bene alla futura area euro, è nell’interesse degli USA che l’esperimento abbia successo. Ma sono molto preoccupato e penso che ci siano veramente grandi elementi di incertezza.

      Paolo ::: —->>>dico io: aveva ragione? aveva visto giusto ?…

      Caro Glauco…un neoliberista eccellente Padre di quell’orrore ideologico/economico chiamato appunto NEOLIBERISMO (paradossalmente punto di riferimento della krikka Troika/Fmi/Bce/Merkel )….ragiona meglio di te….

      il tuo “grido di dolore” non mi ha convinto manco poco poco…ma puo convincere gli ingenui ad accettare “lo status quo” per paura,scoraggiamento o altro. Non va bene.

      Cio che è oggettivamente “male” “dannoso” ..va combattuto .Punto.

  • 8
    Ser

    Sovranità dello Stato o sovranità del Popolo, non è la stessa cosa e non si può fare confusione! Non sono la stessa cosa e non lo sono mai stati! Dapprima lo stato era un territorio totalmente comandato da un re, un monarca e tutti ne erano sudditi! Dopo, lo stato repubblicano, illusione ulteriore, è rimasto una entità costruita, condizionata, gestita e controllata, prodotta dalla spartizione avvenuta a fine della seconda guerra mondiale.E tutt’ora, quasi nulla è cambiato. Solo l’aggiunta e l’espansione delle sempre più floride e potenti multinazionali a cui lo stato, in combutta, ha lasciato tutto lo spazio voluto nell’ambito produttivo, economico e finanziario.

  • 7

    Messora, quando riporti un articolo come questo e dici che non e’ tuo, cosa vuoi fare? Spaventare la gente, farla discutere, dare un parere? Se vogliamo fae una analisi politica facciamola e mettiamoci dentro pero’ tutti gli ingredienti per poter dare al lettore una chiave. Altrimenti sembra solo un post anti m5s.

    • 7.1

      E io che pensavo che la questione della sovranità riguardasse 60 milioni di persone e fosse di pertinenza dei popoli. Ora invece scopro che è un marchio M5S. Non si smette mai di imparare…

    • 7.2
      Corrado Farris

      Hai ragione da vendere che non si smette mai di imparare … forse era una cosa che ti mancava; se i feedback che ricevi sono più o meno tutti sullo stesso tono, non ti viene in mente che forse c’è qualcosa da correggere nella tua comunicazione, nella modalità? perfino nella sostanza, direi. Se la sovranità riguarda sessanta milioni di persone, renditi conto che questa discussione riguarda una percentuale effimera di quei sessanta milioni, quindi tiratela di meno e sii più concreto.

    • 7.3
      psychok9

      @Alessandro Ginesi
      Cosa c’entra il m5s con il sovranismo? ;-)

  • 6

    L’articolo non ha nè testa nè coda. Non si capisce quale sia la “morale della favola” . Chi parla di ritorno alla sovranità viene equiparato a un povero deficente ma, nel contempo, si dipingono (apparentemente) a tinte fosche i processi storico-politici che hanno portato allo svuotamento di contenuto della Costituzione repubblicana attraverso le cessioni di sovranità nazionale avvenute in via di fatto e di diritto.

    L’assunto dell’autore è essenzialmente questo: è sbagliato tanto invocare un ritorno alla sovranità nazionale quanto caldeggiare lo status quo. Tuttavia, non si indica nessuna “terza via” percorribile.

    All’apparenza si tratta di considerazioni scettico-nichilistiche sui destini dell’Italia fini a se stesse; in raltà, il senso dell’articolo sta nell’effetto che produce nel lettore non particolarmente accorto e provveduto, ossia quello di fargli apparire velleitario ogni progetto di ritorno alla effettività della nostra Costituzione e ridicoli coloro che caldeggiano un ritorno alla sovranità nazionale in linea con la Costituzione stessa.

    “Meditate gente…meditate”.

    • 6.1

      L’assunto dell’autore, a mio parere, è indicare i motivi per cui la sovranità popolare in Italia è sempre stata illusoria, e allo stesso tempo augurarsi, seppure con un po’ di cinismo, che li popolo se ne riappropri. Basta leggere la frase finale.

  • 5
    Clesippo Geganio

    il tutto dipende dalla classe politica e dirigente rappresentante la nazione, paragonandoli agli esponenti di altre nazioni simili all’Italia per sistema o modello di sviluppo i politici nostrani (tranne il M5S) risultano i peggiori in assoluto per corruttela ed incoscienza istituzionale capaci di generare anche a norma di legge illegalità diffusa mandando in crash il sistema Paese, indifferentemente sia il modello politico/governativo liberale o statalista l’esito nefasto è sotto gli occhi di tutti.

    Ora con questi rappresentanti politici miserabili inverecondi come possiamo essere parte integrante cooperante e credibile nei consessi internazionali dove si trattano assetti geopolitici interessi economici, finanziari e industriali vitali per la nazione facendo rispettare i nostri diritti e valere le nostre ragioni?

    Rammento che all’estero riscuotiamo attenzione rispetto e invidia per le capacità imprenditoriali produttive nonostante la crisi, ma zero assoluto per quella politica governativa in quanto cialtrona.

  • 4
    mauro

    Io mi ripeto come Mr. Age, la tua analisi non fa’ una grinza, ma cio’ non deve essere un presupposto per un facile arrendevolismo.

  • 3

    Io direi che la sovranità apparterrà al popolo quando is singolo la smetterà di delegare e soprattutto credere nelle finzioni giuridiche!
    Io esisto e sono uno “stato d’essere”, lo stato Italia e tutto il resto NO! <3

  • 2
    Graziella

    ma dopo la guerra abbiamo avuto la nostra sovranità e c’è stato uno sviluppo incredibile !!!! allora cosa ne pensa ?

    • 2.1
      Michele

      io dico che lo volevano “loro”

    • 2.2
      Carlo

      Sicchè si deduce che siccome l’hanno voluto loro significa che il singolo individuo italiano non è in grado di fare niente di testa sua?

    • 2.3
      Michele

      si deduce che non si attuano politiche che loro non gradiscono a prescindere dal genio del singolo individuo italiano. Prima cosa che mi viene in mente: referendum sull’acqua. Non è una clamorosa violazione di un diritto inviolabile?

  • 1
    Mr. Age

    Forse sono un beota o un idealista, ma per quanto mi riguarda non ho intenzione di arrendermi. Ho imparato a mie spese che “l’ unica battaglia persa è quella che non si combatte”, per questo motivo mi trovo totalmente in disaccordo con l’articolo che hai scritto.

    • 1.1

      l’articolo non è mio. Guarda la firma in fondo. E’ comunque uno spunto interessante per chiarire di cosa stiamo parlando quando parliamo di sovranità, e comunque se lo leggi bene è un grido di dolore, non un invito ad arrendersi.

    • 1.2
      Mr. Age

      Mi scuso perchè non avevo letto la firma.

      ” Ogni giorno ascolto Qualcuno che beotamente recita il mantra consolatorio : “la Sovranità appartiene al Popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione (art. 1 – comma II)”
      Questo non sembra proprio un urlo di dolore.

      Non mi trovo neanche molto d’accordo col giudizio sulla rivoluzione francese come “terno vincente”, anzi credo che la rivoluzione francese sia l’inizio della truffa monetaria. Con il paravento della democrazia si è tolto la sovranità monetaria che era di uno stato (se pur non democratico) per darla alle banche private. Più o meno quello che succede tutt’ora quando si esporta la democrazia!

      Per questa stessa ragione invece mi trovo d’accordo quando dice:
      “Sovranità Ltd., concessa a una nazione che aveva perduto la Guerra dalle truppe angloamericane”

      L’italia è sempre stata una nazione a Sovranità limitata, forse è l’ora di smettere di gridare di dolore e iniziare ad urlare per la rabbia!

      Sovranità! No€

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

In India schedature biometriche di massa ed eliminazione del cash oltre le 500 rupie.

india schedatura di massa e via i contanti La demonetarizzazione dell'India Lo scorso 8 novembre il nuovo primo ministro indiano Narendra Modi dichiarava fuori corso le banconote da 500 e 1000 Rupie, responsabili di circa l'85% del cash in circolazione in India. Sarebbe come se in Europa venissero eliminate in poche ore le banconote da...--> LEGGI TUTTO

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Il terribile errore: “È il momento più pericoloso per l’umanità: le élite imparino ad essere umili”. Stephen Hawking

stephen hawkings attente elite di Stephen Hawking, fisico teorico e scrittore Essendo un fisico teorico che vive a Cambridge, ho vissuto la mia vita in una bolla di eccezionale privilegio. Cambridge è una città insolita, tutta incentrata su una delle grandi università del pianeta. All'interno di questa...--> LEGGI TUTTO

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Rosi Bindi: sono i Cinque Stelle a volere il vitalizio!

Rosi Bindi Rosi Bindi: sono i Cinque Stelle che vogliono il vitalizio!...GUARDA

Roberto Fico (M5S): basta con gli uomini soli al comando!

Roberto FicoRoberto Fico, deputato M5S a capo della Commissione di Vigilanza Rai, risponde sulla questione della legge elettorale e sulle voci di una sua candidatura alla guida di un possibile Governo a 5 Stelle. ...GUARDA

Renzi si è dimesso: il video dell’annuncio in diretta dal Quirinale

renzi-dimissioni-quirinale Matteo Renzi ha dato le dimissioni. Aperta la crisi di Governo. L'annuncio in diretta dal Quirinale, dopo il colloquio con Sergio Mattarella. Da domani alle 18 partono le consultazioni. Il calendario sarà reso disponibile dall'ufficio stampa del Quirinale....GUARDA

Referendum: vinta una battaglia, ma la guerra continua – Diego Fusaro

fusaro-vinta-la-battaglia-ma-non-la-guerra "L'élite mondialista tornerà presto o tardi ad attaccare la Costituzione e lo Stato sovrano nazionale. Il suo obiettivo è quello della distruzione degli stati sovrani nazionali, che dopo il 1989 sono i soli ancora a resistono come luoghi del primato della politica sull'economia. La battaglia è...GUARDA

Attenzione: ecco come vogliono ribaltare l’esito del referendum

come-ti-ribalto-il-referendumATTENZIONE: ieri sera ho fatto questo video. E stamattina... zac: La Stampa conferma tutto: Padoan vuole chiedere aiuti all'ESM. Sapete cosa significa? Significa RIBALTARE IL NO AL REFERENDUM e prendersi in casa la Troika. QUESTO NON DEVE ACCADERE. Non c'è nessun Governo legittimo attualmente nel Paese, e qualunque decreto legge...GUARDA

La vittoria dell’informazione e i pericoli del dopo Renzi

claudio messora Il No al referendum costituzionale è la vittoria dell'informazione contro chi pensava che per convincere gli italiani a votare basta una comunicazione semplificata, comprensibile a un bambino delle scuole medie. La sconfitta di Renzi passa anche per una ipersemplificazione della Comunicazione che non ha convinto e...GUARDA

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>