Lo storico svizzero: in Ucraina un false flag. Gli Usa lavorano per dividerci

Intervista a Daniel Gansen, storico svizzero, presidente della “Association for the Study of Peak Oil and Gas” (ASPO), direttore dello  “Swiss Institute for Peace and Energy Research” (SIPER), In collaborazione col “Dipartimento Federale degli Affari Esteri” svizzero (FDFA) ha studiato l’impatto della globalizzazione sui processi di guerre e pace e come le multinazionali sostengano e traggano profitto dalle guerre.

Aiutami a continuare a fare informazione libera

Il punto più importante da capire è che è la Russia che viene accerchiata dall’occidente, cioè da noi. Questa paura nei confronti della Russia, in maniera più o meno diretta, viene fomentata. Si schiaccia il bottoncino e si dice “guardate che i russi mangiano i bambini“, oppure “Se indugiamo ancora una settimana Berlino, Berna e Parigi saranno occupate dai russi“, o cose del genere… Sono sciocchezze!

Per capire cosa è veramente successo, dobbiamo tornare indietro nella storia. Chi studia la storia ha maggiore comprensione di questi processi. Nel 1990, quando si parlava della riunificazione della Germania, la Germania Ovest era membro della Nato, mentre la Germania Est era membro del Patto di Varsavia. C’erano quindi un’alleanza capitalistica e un’alleanza militaristica. Assieme non andavano affatto bene. Dopo la fusione ci sarebbe stato il problema di cosa fare. Le opzioni erano: che la Germania divenisse neutrale (secondo me la preferibile, ma non venne fatto); che la Germania entrasse completamente o nel Patto di Varsavia; che la Germania entrasse completamente nella Nato. Si scelse l’ultima. Tuttavia, c’era bisogno che Gorbaciov acconsentisse a che la DDR si staccasse dal Patto di Varsavia. Una cosa gigantesca! Ma fu fatto. Si trattò, diciamo, di un regalo dei russi ai tedeschi, anche per guarire una vecchia ferita. Io credo che sia stato giusto che la Germania sia stata riunificata.

I russi pretesero però che la Nato non si espandesse ulteriormente. Gli americani lo promisero. Il presidente Bush, che contemporaneamente tramava la bugia delle incubatrici per la guerra del Kuwait, promise ai russi che certamente non si sarebbero estesi. Ma era appunto una bugia, perché la Nato si espanse. La Polonia entrò nella Nato, l’Estonia, la Lettonia, la Lituania… sono tutti stati che sono molto vicini alla Russia. Poi entrarono anche la Romania, la Bulgaria, la Repubblica Ceca, la Slovacchia. Bisogna essere in grado di comprendere anche i punti di vista degli altri. Per la Nato questo processo veniva giustificato perché “la gente lo vuole“. Anche se, certamente, il fatto che la gente lo volesse o meno non aveva nessuna importanza. Piuttosto, avvenne grazie alla complicità dei governi. Per i russi, al contrario, si trattò di una minaccia. La Russia lo ha sempre detto: “se la Nato prova a prendere anche l’Ucraina, se cioè anche lì fa cadere il Governo e fa insediare qualcuno che caldeggia l’ingresso nella Nato, noi non potremo tollerarlo“.

L’Ucraina è uno stato cuscinetto, come la Bielorussia o la Georgia, una zona che non si può tollerare cada sotto l’influenza della Nato. Pensate se ad allargarsi fosse stato il Patto di Varsavia, invece della Nato. Pensate se la Francia fosse entrata nel Patto di Varsavia, e poi la Spagna, la Germania, i Paesi Bassi… se tutti fossero entrati e poi a un certo punto avessero detto “serve anche il Messico“. Gli americani lo avrebbero considerato inammissibile! Significa che la lotta tra USA, Russia e Cina non è finita. Queste superpotenze lottano sempre per l’influenza. Gli americani, nel campo euroasiatico (l’Europa e l’Asia assieme), perseguono la strategia di dividere i diversi attori gli uni dagli altri. Cioè operano affinché i tedeschi e i russi non si piacciano, affinché l’Iran e l’Iraq siano in guerra, affinché in Ucraina i diversi gruppi siano divisi, perché se si unissero avrebbero molto potere economico e molte risorse. Le risorse si trovano nel continente euroasiatico, non in America. E il fracking non cambia la situazione: le risorse rimangono nel Golfo Persico.

Se la leggiamo con questa lente, è sbagliato interpretare la caduta di Janukovic, avvenuta nel 2014 in Ucraina, come una presa di potere (da parte di Poroshenko) avvenuta in seguito a una rivolta popolare contro un capo corrotto. C’erano dei paramilitari che agivano. In piazza Maidan, la piazza centrale di Kiev, nel giorno decisivo del febbraio 2014 c’erano cecchini che sparavano giù dai tetti e colpivano sia poliziotti che manifestanti. E questo, per uno storico, è un avvenimento strano, che porta a chiedersi: “Aspetta, hanno sparato a poliziotti e manifestanti, quindi non sono amici dei poliziotti, altrimenti non gli sparerebbero. Ora, i poliziotti sono espressione del Governo Janukovic, quindi se i cecchini sparano sui poliziotti è improbabile che siano dello stesso gruppo“. Ovviamente non ci sono prove, ma è evidente che il risultato finale è la generazione del caos. E se torniamo indietro al 1953, in Iran, Mossadeq è stato fatto cadere allo stesso modo. Furono i servizi segreti inglesi e quelli americani hanno a far cadere il Governo, un governo democratico. Tutte quelle chiacchiere sulla democrazia, ma alla fine volevano solo le materie prime. L’Iran aveva nazionalizzato il petrolio, ma l’Iranian Oil diceva “Hey, ragazzi, questo è il nostro petrolio. Saremo inglesi, ma il petrolio è nostro“. A quei tempi si chiamava Iranian Oil, oggi si chiama BP. Gli inglesi volevano il petrolio dell’Iran. Poi arrivarono gli americani e dissero: “Vi aiutiamo a far cadere l’Iran, ma vogliamo una parte del petrolio“. Per chi studia le guerre economiche è una cosa più che evidente.

Comunque, a quei tempi nella capitale dell’Iran, Teheran, vennero inscenati attacchi terroristici. Adesso abbiamo la versione ufficiale della CIA sulla caduta del governo nel 1953. E c’è scritto che la stessa CIA travestì agenti segreti da musulmani che compirono attentati terroristici. Questa si chiama “Flase Flag Strategy of Tension“, cioè “Aumento della Tensione sotto Falsa Bandiera“. E’ molto probabile che ciò sia successo anche in Ucraina. Doveva essere insediato qualcuno, Poroshenko, che nel lungo termine avrebbe legato l’Ucraina all’occidente, portandola nella Nato. Dall’altra parte i russi avrebbero cercato, col taglio degli approvvigionamenti di gas, di far cadere il regime di Poroshenko. Questo, secondo me, è un classico esempio di guerra per le risorse, combinata con la geostrategia. La Nato si espande verso la Russia, la quale taglia gli approvvigionamenti di gas, oppure prende la Crimea o l’Ucraina orientale. Diciamo che cercherà di portare i pezzi dalla sua parte della scacchiera.

E i media? Le analisi che vedo fare da giornali come “Der Spiegel“, “The Guardian“, “Faz” o “Sz” mi deludono. Questa immagine demonizzata di “Putin il cattivo” viene usata migliaia di volte e nessuno mostra una cartina dove ci sono da da una parte i territori della Nato nel 1990 e dall’altra i territori della NATO nel 2014, magari con un ingrandimento sull’Ucraina, il pomo della discordia. Non la troverete, se non facendo qualche ricerca su internet. Allora ci si accorgerà che “Oh, guarda! Ma è la Nato ad essersi espansa“. La seconda cosa che sarebbe importante è che si mostrassero i gasdotti e che si spiegasse la dipendenza dell’Europa dal combustibile fossile, mostrando cosa abbiamo fatto finora nel campo delle energie alternative. Ma questo non si fa. Piuttosto si dà un’altra mazzata a Putin. Questa, in un certo senso, è un’offesa all’intelligenza: la gente viene trattata come se fosse molto stupida. Ci trattano come se avessimo poco cervello.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

7 risposte a Lo storico svizzero: in Ucraina un false flag. Gli Usa lavorano per dividerci

  • 6
    Clesippo Geganio

    siamo tra l’incudine ed il martello!
    Non esiste una politica estera UE, ogni nazione della 28 se la fa per conto suo addirittura fottendo gli interessi delle altre vedi caso Libia/Gheddafi oppure con disposizioni normative commerciali e trattati interni alla comunità che non valgono per tutti, dunque l’UE essendo nata con gravi difetti ma solo abbozzata economicamente non può avere nessun peso geopolitico nello scacchiere internazionale, anzi appare agli occhi della politica USA e Russa come un condominio litigioso dove ogni proprietario si fa i ca…i suoi, lasciando libero ingresso alle potenze straniere che si inseriscono acquisendo “quote condominiali” per poi amministrarla del tutto, vedi trattato TTIP, approvvigionamenti energetici, NATO, e quel coacervo di interessi economici condotti dalle banche speculative e FMI ecc…

    Mentre noi italiani, francesi, tedeschi e inglesi discutiamo di cosa fare con l’immigrazione creata ad hoc dalle scellerate politiche americane in medioriente e Africa, Russia e Usa si contendono l’Europa prima che arrivino Cina e India.

    Figuriamoci quel venditore televisivo di pentole e padelle che risponde al nome di M. Renzi cosa possa fare se non vendere pezzo a pezzo la nostra sovranità nazionale facendo saldi con il mercato produttivo interno appetibile da USA, Russia, Cina, India ed anche dai diretti soci UE francesi, tedeschi e inglesi, perchè il “nostro” Premier di politica interna e internazionale non ci capisce nulla essendo un ignorante anche dei peggiori in quanto presuntuoso arrogante, tendente all’egocentrismo.

  • 5
    Roberto Rizzardi

    E’ tutto vero, e sulle motivazioni effettive della vasta manovra geopolitica statunitense non vi sono dubbi di alcun tipo.
    L’unica cosa che posso dire è che dal ’44 in avanti l’URSS ha conquistato, militarmente prima, e mediante l’imposizione di regimi “amici” poi, tutta l’Europa Orientale, bloccando successivamente ogni dinamica inerente all’autodeterminazione delle nazioni entrate a far parte della sfera d’influenza sovietica. Questa sfera, poi, è stata mantenuta mediante una presa saldissima e, in un paio di occasioni, Ungheria e Cecoslovacchia, anche con interventi militari massicci. Mi si può obiettare che, seppure con modalità meno soffocanti, anche gli USA hanno mantenuto un controllo ferreo sulla “loro” parte di Europa, non disdegnando terrorismo e minacce golpiste per raggiungere lo scopo, ma non è questo il punto.
    Il punto è che non si può stigmatizzare il cinismo americano e poi dipingere la Russia come una vittima sacrificale, perché tra le due potenze, sul piano geopolitico, non vi sono differenze degne di nota.
    Dopo la caduta del muro molte nazioni hanno deciso autonomamente, pur ben sostenute dagli USA, di “saltare la siepe” e allontanarsi dalla soffocante tutela sovietica, in quel momento comatosa. Ora, anzi già da tempo, la Russia ha intrapreso un lungo e paziente cammino di ristabilimento della sua sfera d’influenza e, nel farlo, non è meno laida e pragmatica di chi la contrasta.
    Dunque? Dunque niente. Questa è un’altra delle situazioni dove cercare torti e ragioni è esercizio assai difficoltoso e se si vuole discutere di quanto sia pericoloso per l’Europa avere in seno situazioni di crisi come quella Ucraina, allora va bene, ma in linea di massima credo che abbiamo semplicemente a che fare con i due più grossi figli di p****na del circondario, e siccome nessuno dei due mi è parente o amico, tutta la loro propaganda da un’orecchio mi entra, e da quell’altro mi esce.

    • 5.1
      luca

      eh no ..così non va bene..mandi in crisi assoluta il popolo grillin movimento 5 stellista, obblighi a sviluppare una coscienza critica descrivendo una realtà composta da sfumature , ma stai scherzando ? La parola d’ordine era: se la kasta racconta balle l’unica risposta adeguata è costruire una propaganda diametralmente opposta.
      Ritira quello che hai detto, anzi dimentichiamoci pure che il caso ucraino è completamente diverso da quello iraniano.
      (e che lo storico svizzero è il primo ad insultare l’intelligenza altrui raccontando fandonie). In Ucraina, l’attuale governo di poroshenko ha una legittimità democratica frutto di elezioni assolutamente regolari riconosciute pure ufficialmente da putin e dal governo russo, in Iran dopo la deposizione di mossadeq instaurarono una monarchia (ovvero una dittatura). Dimentichiamo che l’ucraina esce da 30 anni di governi filosovietici ultra corrotti che han lasciato la popolazione stremata e alla fame, dimentichiamo i milioni di ucraini che vogliono affrancarsi dalla russia e che non sopportano più le ingerenze dell’oligarca più ricco e potente del mondo (il compagno putin, che magicamente con uno stipendio da presidente russo può comprarsi proprietà milionarie in giro per il mondo.. mistero chissà come fa).
      In definitiva compagno, la parola d’ordine è: Nato , USA , europa assassini, e chiunque è loro nemico è nostro amico e dobbiamo fargli una propaganda coi fiocchi.
      Se non ti piace taci , stai fuori e vota pd. Traditore della patria.

  • 4
    guido monferrà

    Vediamo le prossime “mosse” da entrambe le parti ed interpretiamole come fosse una partita di scacchi geopolitica: la storia, come Daniel Gansen evidenzia, ha molte variabili e tante verità indiscusse. Sperare è bene, l’agire corretto della gente, nella conoscenza, è invece indispensabile.

  • 3
    Clesippo Geganio

    gli USA da anni cercano in tutti i modi di far entrare la Turchia nella UE per tutelare i loro interessi economici e geopolitici, oltre ad avere le “basi” militari nello scacchiere mediorientale (il m.u.o.s. in Sicilia è propedeutico), in oltre dalla Turchia passerà il gasdotto USA che approvvigionerà l’Europa, si comprende la motivazione della guerra in Ucraina, escludere il gasdotto russo e pagare il gas alle multinazionali americane.

  • 2
    Clesippo Geganio

    perchè secondo voi Renzi lo strakazzaro cosa è andato a fare in USA da Obama? A vendere un altro pezzo della nostra sovranità.

  • 1

    Sono costernata dal comportamento degli USA che più che ha di fatto colonizzato l’Europa, soprattutto l’Italia. Gli yanki vogliono prendere per se tutte le risorse del pianeta altro che esportare la democrazia, non foss’altro che la democrazia l’hanno inventata i Greci e per ora nessuno ci ha aggiunto niente.Bravo DANIEL GANSEN

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

#SUM01 Paolo Magri (Ispi e Commissione Trilaterale): perché ci vuole più Europa.

Paolo Magri - Ispi e Commissione Trilaterale - SUM01 - PlayL'intervento di Paolo Magri, presidente ISPI e direttore italiano della Commissione Trilaterale (per anni presieduta in occidente da Mario Monti), all'evento #SUM01 organizzato dall'Associazione Gianroberto Casaleggio. p.s. non serve che io, da queste pagine, esprima la mia opinione sul suo discorso. Mi limito solo a ricordare a...--> LEGGI TUTTO

#SUM01 Marco Travaglio – L’informazione ha un costo.

Marco Travaglio . l'informazione ha un costo - Play#SUM01 - Intervento di Marco Travaglio sulla professionalità e le risorse necessarie a fare buona informazione, e sulle vecchie balle improvvisamente ribattezzate "Fake News". ...--> LEGGI TUTTO

#SUM01 – Massimi Fini: il Futuro è dietro di noi!

Massimo Fini - il Futuro è dietro di noi - Play L'intervento di Massimo Fini a #Sum01, il primo evento dell'Associazione Gianroberto Casaleggio....--> LEGGI TUTTO

#SUM01 – Paragone contro Monica Maggioni, presidente Rai e presidente Commissione Trilaterale Italia

Gianluigi Paragone vs Monica Maggioni - Presidente Commissione Trilaterale#SUM01 - Associazione Gianroberto Casaleggio - Intervento di Gianluigi Paragone sullo stato dell'informazione in Italia. Paragone parte subito contestando Monica Maggioni per la sua doppia carica di presidente Rai e contemporaneamente di Presidente Commissione Trilaterale Italia. ...--> LEGGI TUTTO

#SUM01 – I veri numeri dei giornali, Pier Luca Santoro (Datamediahub)

Pierluca Santoro Datamediahub - playI veri numeri dei giornali e della rete, nell'intervento di Pier Luca Santoro, Datamediahub, a #SUM01, il primo evento organizzato dall'Associazione Gianroberto Casaleggio. ...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

L’ideologo di Putin: in Europa sarà presto caos, guerra civile, distruzione.

Dugin ideologo Putindi Giulio Meotti Roma. Europa e Stati Uniti hanno spesso ricambiato il favore ad Aleksandr Dugin. Un anno fa, il famoso politologo russo è stato messo alla porta in Grecia. Accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill per una conferenza sul Monte Athos, Dugin...--> LEGGI TUTTO

Il TG1 censura la Raggi. Scatenate uno #ShareStorm

Molti dei lettori di questo blog trasaliranno ascoltando alcune frasi fatte del discorso che oggi Virginia Raggi ha tenuto di fronte ai leader europei. L'Europa come "progetto visionario", come "eredità gioiosa e impegnativa", che "dobbiamo realizzare noi" perché "non poteva realizzarsi in un giorno". ...--> LEGGI TUTTO

Oggi attaccano Byoblu.com. Ma sarà presto un attacco contro tutti i dissidenti.

di Pino Cabras su MegaChip Fa molto bene Claudio Messora a sottolineare che il vero obiettivo della campagna contro le 'fake news' non erano certo quei cialtroni che infestano il web di notizie false, razziste e irresponsabili per acchiappare clic, che pure ci sono e da chissà...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Fusaro Vs Friedman – L’immigrazione è deportazione di massa: nuovi schiavi contro vecchi schiavi.

Fusaro Vs Friedman Diego Fusaro: "La storia delle ONG che vanno a prendere i poveri migranti che rischiano di annegare è la grande narrazione edulcorante con cui si mettono in pace le coscenze. Il compito della filosofia però è pensare altrimenti e criticare l'esistente, rovesciando le mappe dominanti. Continuiamo...GUARDA

Sgarbi vs Telese: Io non me ne vado, te ne vai tu!

Sgarbi Vs TeleseVittorio Sgarbi manda a quel paese la Costamagna e Luca Telese, e all'invito a lasciare lo studio risponde al conduttore di andarsene lui. Il tema è quello della legittima difesa dagli intrusori in ambito domestico. ...GUARDA

Becchi: la prova che la Germania ha creato l’euro per metterla in quel posto a noi

BECCHI PROVE EURO GERMANIA Paolo Becchi esibisce le prove in diretta tv del fatto che la Germania sapeva che grazie all'Euro "lo avrebbe messo in culo agli italiani". Potremmo svalutare la nostra moneta, e dunque tornare ad essere competitivi, ma ecco pronta la replica: svalutando crescerà l' inflazione. Vale...GUARDA

Diego Fusaro: ma quale new economy? Si chiama lavorare per niente!

Fusaro Diego Fusaro sulla cosiddetta "new economy". Dal caso Amazon in poi, è chiaro che si tratta di un nuovo sistema di sfruttamento dei lavoratori. Il lavoro prevede che ci siano dei diritti e che il lavoratore venga considerato alla stregua di un essere umano portatore di dignità e...GUARDA

Beppe Grillo a Sanremo 1989 – Le penali se dico che i socialisti rubano

Beppe Grillo Sanremo 1989 play Beppe Grillo a San Remo 1989, comunica il suo compenso in diretta e legge le penali previste dal contratto se dice che i socialisti che rubano....GUARDA

Fake news e post-verità: a chi conviene?

fake news post-verità icon play Fake news e post-verità: ormai non parlano d'altro. In Germania, dove presto ci saranno le elezioni, Facebook incarica una organizzazione (finanziata tra gli altri da George Soros) di marchiare a fuoco le notizie ritenute inattendibili. Ma "Fake news", "post-verità" e "debunker" sono solo neologismi, è la neolingua per...GUARDA

Sovranità vs Inflazione – Scontro plastico tra Marco Mori e Salvo Cozzolino

Mori Vs Cuzzolino - Sovranità vs InflazioneMarco Mori vs Salvo Cozzolino è uno scontro che mette in scena il classico campionario degli argomenti contro la sovranità monetaria: inflazione, debito, helicopter money e tutto il resto. Solo una precisazione aggiuntiva per Cozzolino: qualcuno gli dica che dal 1946 al 1970 l'economia andava bene, anche in condizioni di...GUARDA

Lupi ai Cinque Stelle: il referendum sull’euro non lo farete mai. Solo demagogia!

Maurizio Lupi, durante le dichiarazioni di voto per la fiducia alla Camera sul Governo Gentiloni, si rivolge ai Cinque Stelle accusandoli di demagogia, e spiega perché il referendum sull'Euro non si può fare....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>