Le Sex Workers paghino le tasse!

Ieri sera La Gabbia ha mandato in onda un servizio all’interno del quale, tra l’altro, c’era una lunga intervista a una escort milanese. La sex worker dichiarava di guadagnare intorno ai 30mila euro al mese per non più di due incontri al giorno e, addirittura, sperava di raddoppiare a 60mila grazie all’Expo. Non mancava una critica alla normativa che limita l’utilizzo del contante, da lei giudicato un freno per l’economia.

Aiutami a continuare a fare informazione libera

Le escort sono, almeno nominalmente, “accompagnatrici di lusso”, reclutabili per cene, piccole vacanze o eventi particolari, che possono spingersi fino a fare sesso con i loro clienti, ma anche no. Ovviamente va da sé che spesso e volentieri si dice escort ma si legge prostituta, o meglio “sex worker” (il termine “prostituta” porta con sé un retaggio culturale oggetto di distorsioni culturali e pregiudizi che ostacolano una lucida comprensione del fenomeno).

Così, senza farla tanto complicata, ho lanciato un sondaggio lampo tra tutti i frequentatori dei circuiti social di Byoblu. Prevedeva una sola domanda e due risposte possibile: “Alessandra, e le escort in genere, devono pagare le tasse?“.

  1. Sì, è necessaria una legge che regolarizzi la prostituzione e faccia pagare le tasse anche alle escort.
  2. No, la prostituzione non può essere considerata un’attività e quindi non si può tassare.

In sostanza, il sondaggio lampo aveva lo scopo di cogliere il vostro orientamento generale circa due dei tre approcci adottati dai paesi nei confronti della prostituzione: l’abolizionismo, il proibizionismo e il regolamentarismo.

Il modello proibizionista considera illegale l’attività della prostituzione e punisce tutti, dalle sex worker ai clienti. Il modello abolizionista sostanzialmente punisce solo lo sfruttamento, l’adescamento e l’induzione alla prostituzione, ma lascia libere le sex worker di erogare le loro prestazioni e i loro clienti di acquistarle, ma si disinteressa nella fattispecie di adottare normative al riguardo, lasciando la polvere sotto al tappeto. Il modello regolamentarista considera la prostituzione un’attività lecita e dunque tassabile, inquadrabile in un’ottica lavorativa che consenta di garantire tutele, dal luogo di lavoro alla sicurezza generale, e condanna solo il trafficking, cioè lo sfruttamento e la coercizione delle sex worker. In questo senso si muove anche il protocollo delle Nazioni Unite sulla persecuzione, soppressione e persecuzione del traffico di esseri umani, in particolar modo donne e bambini.

In Italia siamo sostanzialmente abolizionisti: non è reato prostituirsi, purché lo si faccia lontano dagli occhi (e lontano dal cuore). Lo Stato non chiede tasse alle prostitute ma non è in grado tuttavia né di tutelare le stesse rispetto alle situazioni (la stragrande maggioranza) di trafficking, né di garantire la sicurezza e il decoro dei luoghi pubblici. Basta farsi un giro la notte per i viali delle città per rendersene conto.

L’approccio regolamentarista è invece adottato di frequente nei paesi del nord Europa. L’immaginario comune vola ad Amsterdam, ma sono moltissime le città tedesche, austriache, belga, danesi, olandesi, perfino svizzere che ospitano uno o più Red Light District, dove le sex worker godono di spazi appropriati, sicuri, controllati dalla polizia e ben regolamentati nei quali offrire le loro prestazioni. Il rapporto cliente-prostituta diventa così meno oscuro, anche dal punto fiscale: è frequente che le transazioni economiche avvengano anche mediante bancomat e carte di credito.

Ma non è tutt’oro quello che luccica. Il trafficking spesso non è un’operazione così smaccatamente violenta nel senso più cinematografico del termine (papponi che menano le prostitute e altri luoghi comuni). Molto più spesso, le ragazze che fanno questo mestiere vengono da paesi poveri, nei quali sentono di avere delle responsabilità nei confronti sia della loro famiglia di origine, sia di personaggi che spesso le trovano poco più che bambine, le riempiono di favori, regali, si rendono indispensabili anche per le questioni di vita pratica, per poi chiedere all’improvviso tutto indietro, ma lasciando intorno a sé l’alone del benefattore e un senso di colpa tale per cui la ragazza si sente in dovere di onorare il suo debito verso chi le ha dato molto.

In questo senso è chiaro che un Red Light District può garantire le sex workers rispetto ai casi di violenza conclamata, ma molto difficilmente potrà andare a giudicare rispetto alle reali motivazioni che spingono ogni singola ragazza a prostituirsi, a meno che di non scavare nel suo passato, nei suoi legami familiari, nella ristretta cerchia delle sue conoscenze, in sinergia con le forze dell’ordine e con gli assistenti sociali del paese di origine.

Tralasciando comunque questo livello di approfondimento, che risulta eccessivo rispetto alla questione sollevata dal sondaggio (ci possiamo tornare sopra in articoli successivi, se c’è interesse), alla domanda “Alessandra, e le escort in genere, devono pagare le tasse?” avete risposto in maniera piuttosto secca: oltre il 93% di sì, contro il 6% di no.

Sondaggio Escort tasse 1

Sondaggio Escort tasse 2

Direi un risultato che auspica l’introduzione di un modello regolamentarista anche in Italia.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

5 risposte a Le Sex Workers paghino le tasse!

  • 5
    Clesippo Geganio

    i proventi illeciti derivanti dalla prostituzione libera entrano di prepotenza nel nostro modello di vita e sviluppo economico sotto forma di investimenti immobiliari e finanziari, traffici illeciti di stupefacenti, tratta delle donne, armi, non ché finanziare campagne elettorali di politici che garantiranno al sistema illegale di continuare indisturbato a rubare la vita di decine di milioni di altri esseri umani.

    Determinati problemi come la prostituzione non potranno mai essere risolti del tutto ma si possono limitare mitigandone i danni provocati.

  • 4
    pippospano

    Leggo commenti fuori di testa.
    Un muratore durante la sua vita lavorativa consuma il suo corpo molto piu’ di una prostituta. I danni sono inimmaginabili.Il salario invece e’inversamente proporzionale ai danni fisici ed i pericoli a cui e’ sottoposto.
    Il muratore e’ un esempio fra i tanti mestieri che protratti nel tempo danneggiano la slaute delle persone.
    Se le tasse che gli italiani pagano vengono rubate, sperperate ,male utilizzate questo e’ un’ altro problema.
    La regolarizzazione della prostituzione potrebbe essere proprio la soluzione allo sfruttamento delle donne in questo settore e non l’esatto contrario come qualcuno vorrebbe far credere!!

    PS: Comunque il problema primario non sono le escort… sono i papponi della politica italiana e coloro che ne tirano le fila!!
    Eliminiamo quelli e poi pensiamo al resto!

  • 3
    Luca M.

    Tasse, tasse, tasse, tasse………..vogliamo che pure i proventi della prostituzione – pardon, sex working – vengano divorati dai politicanti e dai loro lacchè???

    Basta tasse!

  • 2

    è ORA DI SMETTERE DI far pagare tasse per ogni cosa è vergognoso pensare di lucrare sulle disgrazie altrui ,per che è una vera disgrazia forse la peggiore fare la prostituta …e poi bisogna dire che le persone devono essere padrone di fare del proprio corpo ciò che si vuole senza per questo far mangiare i suoi simili compressi i parassiti che intascano le tasse..è già sufficientemente vergognoso dover fare la prostituta per poi essere anche ulteriormente sfruttata come si dice oltre il danno anche la beffa …vergognatevi al solo pensiero di vivere e mangiare su queste cose ..per me sono soldi sporchi !!

  • 1

    Rimini anche le prostitute pagano le tasse
    Agenzia Entrate Rimini fa aprire partita IVA a prostitute
    http://bit.ly/1bu7cOi via @newsrimini

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

#SUM01 Paolo Magri (Ispi e Commissione Trilaterale): perché ci vuole più Europa.

Paolo Magri - Ispi e Commissione Trilaterale - SUM01 - PlayL'intervento di Paolo Magri, presidente ISPI e direttore italiano della Commissione Trilaterale (per anni presieduta in occidente da Mario Monti), all'evento #SUM01 organizzato dall'Associazione Gianroberto Casaleggio. p.s. non serve che io, da queste pagine, esprima la mia opinione sul suo discorso. Mi limito solo a ricordare a...--> LEGGI TUTTO

#SUM01 Marco Travaglio – L’informazione ha un costo.

Marco Travaglio . l'informazione ha un costo - Play#SUM01 - Intervento di Marco Travaglio sulla professionalità e le risorse necessarie a fare buona informazione, e sulle vecchie balle improvvisamente ribattezzate "Fake News". ...--> LEGGI TUTTO

#SUM01 – Massimi Fini: il Futuro è dietro di noi!

Massimo Fini - il Futuro è dietro di noi - Play L'intervento di Massimo Fini a #Sum01, il primo evento dell'Associazione Gianroberto Casaleggio....--> LEGGI TUTTO

#SUM01 – Paragone contro Monica Maggioni, presidente Rai e presidente Commissione Trilaterale Italia

Gianluigi Paragone vs Monica Maggioni - Presidente Commissione Trilaterale#SUM01 - Associazione Gianroberto Casaleggio - Intervento di Gianluigi Paragone sullo stato dell'informazione in Italia. Paragone parte subito contestando Monica Maggioni per la sua doppia carica di presidente Rai e contemporaneamente di Presidente Commissione Trilaterale Italia. ...--> LEGGI TUTTO

#SUM01 – I veri numeri dei giornali, Pier Luca Santoro (Datamediahub)

Pierluca Santoro Datamediahub - playI veri numeri dei giornali e della rete, nell'intervento di Pier Luca Santoro, Datamediahub, a #SUM01, il primo evento organizzato dall'Associazione Gianroberto Casaleggio. ...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

L’ideologo di Putin: in Europa sarà presto caos, guerra civile, distruzione.

Dugin ideologo Putindi Giulio Meotti Roma. Europa e Stati Uniti hanno spesso ricambiato il favore ad Aleksandr Dugin. Un anno fa, il famoso politologo russo è stato messo alla porta in Grecia. Accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill per una conferenza sul Monte Athos, Dugin...--> LEGGI TUTTO

Il TG1 censura la Raggi. Scatenate uno #ShareStorm

Molti dei lettori di questo blog trasaliranno ascoltando alcune frasi fatte del discorso che oggi Virginia Raggi ha tenuto di fronte ai leader europei. L'Europa come "progetto visionario", come "eredità gioiosa e impegnativa", che "dobbiamo realizzare noi" perché "non poteva realizzarsi in un giorno". ...--> LEGGI TUTTO

Oggi attaccano Byoblu.com. Ma sarà presto un attacco contro tutti i dissidenti.

di Pino Cabras su MegaChip Fa molto bene Claudio Messora a sottolineare che il vero obiettivo della campagna contro le 'fake news' non erano certo quei cialtroni che infestano il web di notizie false, razziste e irresponsabili per acchiappare clic, che pure ci sono e da chissà...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Fusaro Vs Friedman – L’immigrazione è deportazione di massa: nuovi schiavi contro vecchi schiavi.

Fusaro Vs Friedman Diego Fusaro: "La storia delle ONG che vanno a prendere i poveri migranti che rischiano di annegare è la grande narrazione edulcorante con cui si mettono in pace le coscenze. Il compito della filosofia però è pensare altrimenti e criticare l'esistente, rovesciando le mappe dominanti. Continuiamo...GUARDA

Sgarbi vs Telese: Io non me ne vado, te ne vai tu!

Sgarbi Vs TeleseVittorio Sgarbi manda a quel paese la Costamagna e Luca Telese, e all'invito a lasciare lo studio risponde al conduttore di andarsene lui. Il tema è quello della legittima difesa dagli intrusori in ambito domestico. ...GUARDA

Becchi: la prova che la Germania ha creato l’euro per metterla in quel posto a noi

BECCHI PROVE EURO GERMANIA Paolo Becchi esibisce le prove in diretta tv del fatto che la Germania sapeva che grazie all'Euro "lo avrebbe messo in culo agli italiani". Potremmo svalutare la nostra moneta, e dunque tornare ad essere competitivi, ma ecco pronta la replica: svalutando crescerà l' inflazione. Vale...GUARDA

Diego Fusaro: ma quale new economy? Si chiama lavorare per niente!

Fusaro Diego Fusaro sulla cosiddetta "new economy". Dal caso Amazon in poi, è chiaro che si tratta di un nuovo sistema di sfruttamento dei lavoratori. Il lavoro prevede che ci siano dei diritti e che il lavoratore venga considerato alla stregua di un essere umano portatore di dignità e...GUARDA

Beppe Grillo a Sanremo 1989 – Le penali se dico che i socialisti rubano

Beppe Grillo Sanremo 1989 play Beppe Grillo a San Remo 1989, comunica il suo compenso in diretta e legge le penali previste dal contratto se dice che i socialisti che rubano....GUARDA

Fake news e post-verità: a chi conviene?

fake news post-verità icon play Fake news e post-verità: ormai non parlano d'altro. In Germania, dove presto ci saranno le elezioni, Facebook incarica una organizzazione (finanziata tra gli altri da George Soros) di marchiare a fuoco le notizie ritenute inattendibili. Ma "Fake news", "post-verità" e "debunker" sono solo neologismi, è la neolingua per...GUARDA

Sovranità vs Inflazione – Scontro plastico tra Marco Mori e Salvo Cozzolino

Mori Vs Cuzzolino - Sovranità vs InflazioneMarco Mori vs Salvo Cozzolino è uno scontro che mette in scena il classico campionario degli argomenti contro la sovranità monetaria: inflazione, debito, helicopter money e tutto il resto. Solo una precisazione aggiuntiva per Cozzolino: qualcuno gli dica che dal 1946 al 1970 l'economia andava bene, anche in condizioni di...GUARDA

Lupi ai Cinque Stelle: il referendum sull’euro non lo farete mai. Solo demagogia!

Maurizio Lupi, durante le dichiarazioni di voto per la fiducia alla Camera sul Governo Gentiloni, si rivolge ai Cinque Stelle accusandoli di demagogia, e spiega perché il referendum sull'Euro non si può fare....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>