La balla dello Stato palloso e del mercato rivoluzionario – Mariana Mazzucato

[fvplayer src=”s://www.youtube.com/watch?v=RswSicP3gnc” width=”480″ height=”270″ splash=”http://www.byoblu.com/wp-content/uploads/2015/08/LaBallaDelloStatoPesanteEDelMercatoRivoluzionario-YT.png”]

Intervento di Mariana Mazzucato,
professore di Economia dell’innovazione alla Science Policy Research Unit dell’Università del Sussex, autrice di “Lo stato innovatore“.

Anche se siamo ormai nel ventunesimo secolo, continuiamo ad avere l’idea che lo stato sia contro il mercato e viceversa. L’idea cioè che in qualche modo, dietro al successo di posti come la Silicon Valley, ci sia l’iniziativa privata, ovvero un venture capital dinamico in grado di fornire capitali ad alto rischio ad aziende innovative, mettendole in grado di introdurre grandi invenzioni: i loro prodotti. Viene usato un linguaggio diverso, una narrazione, un discorso, immagini, cose come “il settore privato è molto più innovativo perché è in grado di pensare fuori dagli schemi“. Pensate al discorso ispiratore di Steve Jobs alla classe del 2005 che si stava laureando a Stanford: siate affamati, siate folli“. Questi personaggi vengono dipinti come affamati, folli, vivaci. Al contrario, in Europa veniamo dipinti come equilibrati, magari anche meglio vestiti o con una cucina migliore rispetto agli Stati Uniti, ma il problema è che abbiamo questo maledetto settore pubblico. E’ troppo grande e non ha permesso a realtà come il capitalismo di ventura dinamico di essere produttivo come avrebbe potuto. E anche giornali molto blasonati descrivono lo Stato come fosse un Leviatano. Questo mostro con enormi tentacoli. Editoriali molto espliciti, che sostengono cose come: “Lo stato è necessario per risolvere i problemi di base, ma la prossima grande rivoluzione dopo internet (eco-sostenibilità, nanotecnologie) sarò possibile solo se lo stato si limiterà ad occuparsi delle cose fondamentali: scuole, regole chiare, infrastrutture, ricerca di base in cui le aziende private non vogliono investire. Il resto va lasciato ai rivoluzionari“. I rivoluzionari, quei pensatori vivaci, fuori dagli schemi di cui sopra. Viene spesso chiamato “bricolage da garage” perché alcuni di loro avrebbero creato le loro attività in garage, Anche se questo, in parte, è un mito. E’ una contrapposizione molto seria: ha enormi implicazioni che vanno al di là della politica dell’innovazione. Per esempio incide sulle scelte riguardo a dove, quando e perché dovremmo tagliare la spesa pubblica, appaltando al settore privato sempre più servizi. Sentiamo dire che “abbiamo bisogno di un’istruzione privata per avere una scuola più innovativa, che non sia gravata dalla pesante incombenza del programma statale“. E argomentazioni di questo tipo sono utilizzate ovunque, in tutti i contesti. Ma pensate adesso ad alcune delle cose più intelligenti e rivoluzionarie che avete in tasca: il vostro iPhone.

Aiutami a continuare a fare informazione libera
Chiedetevi: chi ha finanziato effettivamente le cose davvero rivoluzionarie, fuori dagli schemi, contenute in un iPhone? In sostanza, cos’è che rende il vostro telefonino uno smartphone, invece di uno stupido telefono?

  • Internet, con cui potete navigare sul web ovunque vi troviate nel mondo;
  • Il Gps, con cui potete sapere dove vi trovate nel mondo, ovunque voi siate;
  • Lo schermo touchscreen, che rende il telefonino molto semplice da usare per chiunque.

Queste sono le cose molto intelligenti e rivoluzionarie di uno smartphone. E sono tutte finanziate dal governo!

Il punto è che internet è stata fondata dal Darpa, il Dipartimento della Difesa americano. Il Gps è stato finanziato dal programma militare Navstar. Persino Siri è stata finanziata dal Darpa. Lo schermo touchscreen è stato finanziato da due donazioni pubbliche della CIA e dell’NSF a due ricercatori universitari dell’Università del Delaware. Voi direte: “Beh, ha menzionato la parola ‘difesa’ e ‘forze armate’ tante volte“. E quello che è davvero interessante è che tutto questo è vero in tutti i settori e in tutti i dipartimenti. Prendete l’industria farmaceutica. Ad esempio le nuove entità molecolari prioritarie sono i nuovi farmaci rivoluzionari. Bene, un buon 75% di queste entità sono finanziate nei noiosi e kafkiani laboratori del settore pubblico. Questo non significa che Big Pharma non stia investendo sull’innovazione, lo fa. Spendono soldi per fare marketing, spendono soldi sul lato dello “sviluppo” nella “Ricerca e Sviluppo”, spendono tanti soldi per ricomprare le loro azioni. Il che è abbastanza problematico: aziende come Pfizer e Amgen di recente hanno speso più soldi per ricomprare le loro azioni, per dare una spinta al loro valore, piuttosto che per investimenti in Ricerca e Sviluppo.

Lo stato, in tutti questi esempi, faceva molto di più che risolvere semplicemente problemi di mercato. Lo stato stava creando mercati e dando loro forma. Lo stato stava finanziando non solo la ricerca di base, ma anche la ricerca applicata. E aveva anche il ruolo – Dio non lo voglia – di venture capitalist. I programmi SBIR e SDTR, che finanziano le piccole aziende nella loro fase iniziale, non hanno solamente avuto un’enorme importanza rispetto al capitale di ventura privato, ma hanno anche acquisito maggiore importanza. Perchè? Perché, come molti di voi sanno, il venture capital è un finanziamento a breve termine: si aspettano ritorni in un tempo che varia tra i tre e i cinque anni. L’innovazione ha bisogno di molto più tempo: dai 15 ai 20 anni. Quindi: chi finanzia effettivamente la parte più difficile? Ovviamente non è solo lo Stato: il settore privato dà un grosso contributo. Ma la storia che abbiamo sempre sentito è che lo Stato è importante per le regole ma poi non fornisce quel pensiero di rischio, rivoluzionario e fuori dagli schemi. Invece in tutti i settori, dal finanziamento di internet alla spesa, ma anche nella visione strategica, gli investimenti provenivano in realtà dallo Stato. Il settore delle nanotecnologie è davvero affascinante, da questo punto di vista, perché la parola stessa, “nanotecnologia“, è stata creata dal governo.

Aiuta il blog a rimanere aperto anche ad agosto:
http://www.byoblu.com/sostienimi

Non è questione di essere “all’antica”, di pensare cioè allo “Stato” contro al “Mercato”. Quello di cui abbiamo veramente bisogno è di avere una collaborazione dinamica tra il settore pubblico e quello privato. Ma il punto è che descrivendo sempre lo stato come una parte necessaria ma in realtà – uff – un po’ noiosa, se non addirittura pericolosa, come un Leviatano, abbiamo annullato le possibilità di creare queste collaborazioni. Spesso ci si riferisce al ruolo dello Stato come a quello che deve contenere il rischio. In realtà lo Stato ha fatto molto di più che contenere il rischio. Lo ha preso sulle sue spalle. In realtà è lo Stato che ha pensato fuori dagli schemi. Eppure, certo, tutti avete avuto a che fare con quelle forme di governo locale, regionale e nazionale che ricordano la tipica burocrazia kafkiana. Questa tuttavia non è nient’altro che una profezia che si autorealizza. E’ proprio parlando dello Stato come quasi irrilevante e noioso che diamo quella forma a queste organizzazioni. Quello che dobbiamo fare è creare organizzazioni imprenditoriali statali.

Darpa, che ha finanziato internet e Siri, ha riflettuto a lungo su come accettare il fallimento, perché il fallimento ci sarà. Con l’innovazione, arriva il fallimento. Solo uno di 10 esperimenti ha successo. E i venture capitalist lo sanno. Ma sono anche in grado di finanziare le altre perdite con quell’unico successo. Ora, se lo Stato non ha solo il mero ruolo di regolatore del mercato, ma come abbiamo visto può anche a crearlo, e se facendo questo si carica di un grande rischio, allora dov’è la sua ricompensa? Dov’è la ricompensa per lo Stato per avere corso questi rischi enormi ed essere stato abbastanza folle da avere creato internet? Il caso di internet è stato pazzesco. Le probabilità di un fallimento erano enormi. Dovevano essere fuori di testa per tentare una cosa del genere. E per fortuna, lo erano davvero.

Gli economisti pensano che la ricompensa per lo Stato siano le tasse. Le aziende pagano le tasse. I posti di lavoro che si verranno a creare contribuiranno alla crescita, così la gente avrà più lavoro, più soldi e questi soldi ritorneranno allo Stato attraverso il meccanismo delle tasse. Sfortunatamente questo non è vero. Non è vero perché molti di quei posti di lavoro che si verranno a creare andranno all’estero. Si chiama globalizzazione. E va bene, non dovremmo essere nazionalisti: lasciamo che i posti di lavoro vadano dove devono andare. Ma queste aziende che hanno avuto benefici enormi dallo Stato (Apple è un esempio perfetto: ha avuto 500 mila dollari dallo Stato oltre alle tecnologie di cui abbiamo parlato prima) pagano poche tasse. Ci dovrebbe essere un meccanismo di ritorno molto più diretto delle tasse. Potrebbe accadere attraverso il capitale sociale. La Finlandia e la Scandinavia ci stanno pensando, ma anche la Cina e il Brasile, e stanno conservando il capitale sociale in questi investimenti. Sitra (un’agenzia di finanziamento pubblico in Finalandia) ha finanziato Nokia. Ha conservato il capitale sociale, ha fatto un sacco di soldi  e in seguito ha finanziato anche il giro seguente di Nokia. La Brazilian Development Bank, che oggi sta erogando finanziamenti enormi alle tecnologie pulite, ha appena annunciato un programma da 56 miliardi per il loro futuro e si sta tenendo il capitale sociale. A voler essere provocatori, se il governo degli Stati Uniti ci avesse pensato e avesse costituito un fondo per l’innovazione che si fosse tenuto il capitale sociale, allora sarebbe bastato lo 0.05% dei guadagni prodotti da internet per avere molti più soldi da spendere oggi in tecnologie pulite e per altri settori chiave della spesa pubblica.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

5 risposte a La balla dello Stato palloso e del mercato rivoluzionario – Mariana Mazzucato

  • 5
    Clesippo Geganio

    forse è o.t. ma non troppo per capire come funziona lo “Stato” nelle mani di questi che sembrano degli ignoranti incapaci ma poi leggendo questo articolo si comprende tra le righe del perché abbiano scelto quel sito a rischio inondazione.

    http://www.iltempo.it/politica/2015/08/19/libri-e-mobili-il-tesoro-della-camera-va-al-macero-1.1449146

  • 4

    Senza lo Stato saremmo morti da parecchio tempo, statene sicuri.

  • 3
    alessio

    Grande spunto, grazie Claudio.

  • 2
    Clesippo Geganio

    rimanendo a casa nostra in ITALIA tutto il settore dei trasporti merci e persone è stato finanziato con i soldi pubblici, Autostrade, FS, Alitalia, grande cantieristica navale, perfino la FIAT è stata beneficiata dai fondi pubblici per creare infrastrutture e pagare per decenni la cassa integrazione quando gli affari della famiglia non andavano bene, riversando sullo Stato italiano le perdite e privatizzando gli utili.
    Questo immenso settore produttivo è finito o sta finendo nelle mani dei privati che si arricchiscono con il patrimonio pubblico grazie a quella politica infame che negli ultimi 20 anni ha scientemente distrutto la ricchezza di questo Paese.

    Un esempio eclatante della politica nefasta, vi ricordate G. Cimoli?

    •Nel 1996 il 1° Governo Prodi lo sceglie come risanatore delle Ferrovie dello Stato, i risultati della sua amministrazione sono deleteri e portano le Ferrovie Italiane al disastro economico e ad una totale inefficienza del servizio, lascia FS nel 2004 con un premio di buona uscita di 6 milioni e 700.000 euro.
    •Nel 2005 viene nominato dal Governo Berlusconi al vertice della compagnia Alitalia.
    •Nel febbraio 2007 il 2° Governo Prodi constata la crisi dell’Alitalia prossima al fallimento per la gestione Cimoli che non raggiunse alcuno degli obiettivi prefissati, ma nella compagnia di bandiera in profondo rosso desta particolare scalpore la seconda buonuscita (dopo quella delle FS) di quasi 3 milioni di euro.
    Non entro in merito alle specifiche capacità manageriali di G. Cimoli, però si comprende come la politica governativa di CDX & CSX abbia scelto la persona meno indicata per raggiungere lo scopo di distruggere il patrimonio pubblico, per di più ricompensandolo dopo aver causato danni erariali e patrimoniali a due settori produttivi e strategici nazionali.

    Traetene voi le giuste considerazioni senza confondere le cause con gli effetti, pensando che tale sistema di portare al fallimento le aziende pubbliche per sottrarre la ricchezza pubblica ai cittadini è ancora vigente negli attuali partiti al Governo.

  • 1
    Alessandro M.

    Bellissimo questo video. Grande M.M.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Miracolo della Boldrini: riesce a farmi dare ragione a Pierluigi Battista

Pierluigi Battista - Fake News - Fake What di Pierluigi Battista Peccato, che delusione. Questo dibattito sulla «post-verità», sulle fake news , sul mare di bufale che si amplificano sulla Rete ha preso una brutta piega, persino un po’ paranoica. Peccato, perché da interessante discussione sul valore e la qualità dell’informazione, il nuovo...--> LEGGI TUTTO

Gianluca Ferrara: Trump? Non cambierà niente. Ecco perché.

Trump Gianluca Ferrara - Play di Gianluca Ferrara 26.172, sono il numero di bombe che gli USA hanno sganciato soltanto nel 2016 su sette paesi. Una media spaventosa di 3 ordigni ogni ora. E Dinnanzi a questa ipocrisia che ruotava intorno al Premio Nobel per la pace Barack...--> LEGGI TUTTO

Quando non paghi nulla per l’informazione, ricorda che la merce sei tu!

Valerio Lo Monaco - Se per il tuo media non paghi nulla, la merce sei tu Quanto accaduto a Claudio Messora e al suo sito Byoblu di informazione indipendente è la prova provata di due cose importanti. Google ha deciso unilateralmente e irrevocabilmente di rimuovere tutte le procedure di monetizzazione attraverso gli annunci ADSense sul sito di Byoblu, sistema utilizzato da Byoblu...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Oggi attaccano Byoblu.com. Ma sarà presto un attacco contro tutti i dissidenti.

di Pino Cabras su MegaChip Fa molto bene Claudio Messora a sottolineare che il vero obiettivo della campagna contro le 'fake news' non erano certo quei cialtroni che infestano il web di notizie false, razziste e irresponsabili per acchiappare clic, che pure ci sono e da chissà...--> LEGGI TUTTO

Anche il ministro del Tesoro UK, contro la Brexit, adesso passa tra i grandi speculatori

Ministro del Tesoro UK - Non voleva la Brexit - Ora passa in BlackRock Un altro leader politico europeo (cfr: "E Barroso passa a Goldman Sachs! Taaaaac!") imbocca la cosiddetta “porta girevole” dell’alta finanza. George Osborne, per sei anni ministro del Tesoro britannico fino al referendum sull’Unione Europea del giugno scorso, ha accettato un’offerta della BlackRock per diventare consulente del...--> LEGGI TUTTO

Le fake news su Trump di Repubblica e la post-verità di Michele Serra

di Massimo Mazza L’amaca di Michele Serra è finita in cima alla prima pagina di Repubblica, ma questo non ha evidentemente incentivato il giornalista a migliorare la qualità della sua striscia quotidiana, che oggi registra l’ennesimo scivolone figlio d’approssimazione e ignoranza dei temi...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Beppe Grillo a Sanremo 1989 – Le penali se dico che i socialisti rubano

Beppe Grillo Sanremo 1989 play Beppe Grillo a San Remo 1989, comunica il suo compenso in diretta e legge le penali previste dal contratto se dice che i socialisti che rubano....GUARDA

Fake news e post-verità: a chi conviene?

fake news post-verità icon play Fake news e post-verità: ormai non parlano d'altro. In Germania, dove presto ci saranno le elezioni, Facebook incarica una organizzazione (finanziata tra gli altri da George Soros) di marchiare a fuoco le notizie ritenute inattendibili. Ma "Fake news", "post-verità" e "debunker" sono solo neologismi, è la neolingua per...GUARDA

Sovranità vs Inflazione – Scontro plastico tra Marco Mori e Salvo Cozzolino

Mori Vs Cuzzolino - Sovranità vs InflazioneMarco Mori vs Salvo Cozzolino è uno scontro che mette in scena il classico campionario degli argomenti contro la sovranità monetaria: inflazione, debito, helicopter money e tutto il resto. Solo una precisazione aggiuntiva per Cozzolino: qualcuno gli dica che dal 1946 al 1970 l'economia andava bene, anche in condizioni di...GUARDA

Lupi ai Cinque Stelle: il referendum sull’euro non lo farete mai. Solo demagogia!

Maurizio Lupi, durante le dichiarazioni di voto per la fiducia alla Camera sul Governo Gentiloni, si rivolge ai Cinque Stelle accusandoli di demagogia, e spiega perché il referendum sull'Euro non si può fare....GUARDA

CARLO SIBILIA: LA PSICOSI DEL MOVIMENTO 5 STELLE

"Io questa psicosi non la capisco: volere necessariamente addossare delle responsabilità al Movimento 5 Stelle, che ce le ha, se le stra prendendo, sta lavorando, abbiamo già fatto delle cose nel Comune di Roma e saranno i cittadini, quelli che sono deputati a decidere. È chiaro che noi...GUARDA

E PERFINO IL DIRETTORE DE L’ESPRESSO, TOMMASO CERNO, DIFENDE M5S: SOVRANITÀ AL POPOLO!

Tommaso Cerno, direttore de L'Espresso, si accalora e sostiene con passione la causa della sovranità popolare e del diritto dei cittadini di esercitarla attraverso il voto, e difende anche la posizione del Movimento 5 Stelle rispetto alla lotta che sta conducendo dentro e fuori dal Parlamento...GUARDA

TUTTI GLI UOMINI DEL PRESIDENTE… DEL PRESIDENTE PRECEDENTE – Walter Rizzetto alla Camera

Il discorso di Walter Rizzetto a Paolo Gentiloni per la fiducia del Governo Gentiloni alla Camera: "Il Partito Democratico incarica il Partito Democratico di formare un nuovo Governo del Partito Democratico, dopo le dimissioni del Governo del Partito Democratico per il referendum del Partito Democratico. Tutti...GUARDA

Come salveranno MPS passo passo, fino al decreto Gentiloni, spiegato da Dino Pesole del Sole24Ore

MPS Pesole Mes Come salveranno MPS e (probabilmente) invocheranno il Fondo Salva Stati (MES) con la scusa di mettere una pezza ai bilanci delle banche, spiegato da Dino Pesole del Sole 24 Ore.  (altro…)...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>