L’Isis risponde alle direttive di Washington: “Cargo Usa paracadutano armi, munizioni e cibo”, secondo un rapporto dell’intelligence iraqena.

ISIS AEREI USA

di Paolo Becchi e Cesare Sacchetti

A Damasco il tempo è sangue. Potrebbe essere questo il pensiero che ha attraversato la mente di Putin nel teso colloquio di qualche settimana fa con l’ambasciatore turco a Mosca. Stando alle cronache trapelate dall’incontro, c’è stato un duro scambio di vedute tra il presidente russo e l’ambasciatore sul ruolo della Turchia in Siria, dopo aver permesso agli Stati Uniti di usare le basi aeree sul suolo turco per lanciare offensive contro l’ISIS. In realtà, né Erdogan né Washington sembrano nutrire alcuna seria intenzione di debellare la minaccia dello Stato Islamico, il primo perché più interessato ad arginare le manovre dei guerriglieri curdi e i secondi perché non possono spegnere la loro creatura capace di destabilizzare gli Stati considerati nemici e di instaurare al loro posto governanti compiacenti. La conferma che la creazione delle cellule terroristiche siano opera di una strategia destabilizzante del Dipartimento di Stato USA è giunta ufficialmente dai documenti declassificati della DIA, che descrivono il costante supporto logistico e finanziario di Washington agli estremisti salafiti, necessari per rovesciare Bashar Al Assad e precludere la sfera geopolitica di Teheran.

Ma la vera notizia che sembra incrinare la strategia unilaterale degli USA è lo scetticismo che corre tra le cancellerie europee, che sembrano sempre meno convinte della reale efficacia della politica americana in Medio Oriente e iniziano a invocare un ripensamento sugli obiettivi da perseguire; su questo da segnalare per la prima volta la possibilità di creare un fronte anti-ISIS che veda la partecipazione di Assad come ha dichiarato il Ministro degli Esteri austriaco Kurz, che non crede più alla possibilità di sconfiggere lo Stato Islamico senza “la partecipazione di potenze come Russia e Iran” necessarie per uno sforzo solidale che “veda coinvolto anche il governo di Assad nella lotta all’organizzazione terroristica”.

Una posizione lontana da quella degli USA e del Regno Unito di Cameron, che ha tenuto a ribadire la sua assoluta contrarietà a intraprendere dei colloqui con il governo di Assad, da esautorare con un “nuovo governo che inauguri una nuova transizione lontana da Assad” e si dichiara pronto ad appoggiare un intervento armato britannico in Siria, nonostante la contrarietà del nuovo leader laburista Jeremy Corbyn, fermo oppositore delle ipotesi di bombardamenti aerei sulla Siria.

Cameron sembra ignorare che un nuovo governo in Siria significherebbe la definitiva ascesa al potere da parte della minaccia terrorista di matrice islamica. Ciò porterebbe alla somalizzazione della Siria, una strada sulla quale sembra avviata la Libia, preda delle bande armate e dominata dal caos. Il gioco delle potenze occidentali a questo punto appare smascherato in tutta la sua contraddittorietà e fallacia, quando esse non mostrano alcun reale interesse a contrastare la minaccia dell’ISIS, ma sono più preoccupate a rovesciare un governo legittimo come quello di Assad che ha solamente l’anno scorso vinto le ultime elezioni con un largo consenso. Da qui le crepe nel blocco occidentale, che da ultimo hanno portato anche la Spagna a invocare un cambio di rotta, per bocca del suo ministro degli Esteri Garcia Margallo che ha sottolineato la necessità di negoziazioni con Assad.

Dopo oltre quattro anni di guerra il bilancio del conflitto è devastante e i profughi rovesciati sui confini dell’Europa, priva di una qualsiasi strategia unitaria nell’affrontare questa emergenza, non possono non portare a una nuova direzione che non sia quella stabilita dai falchi di Washington. L’emergenza dei profughi siriani è solo uno degli effetti più drammatici che ha prodotto la strategia americana in Medio Oriente, sul quale il mainstream mediatico tace e sorvola, dando così l’impressione che i flussi di profughi siriani siano spontanei e non indotti dal costante finanziamento di cui gode lo Stato Islamico.

Chi provvede dunque al sostentamento delle cellule terroristiche che sembrano godere di costanti rifornimenti? Secondo i servizi di intelligence dell’Iraqaerei cargo militari degli Stati Uniti avrebbero paracadutato casse di armamenti e munizioni per resistere all’assedio delle forze militari irachene”. La stessa fonte sostiene che questo tipo di munizioni, da 2000$ al pezzo, siano date in dotazione esclusivamente a chi collabora con il Pentagono, e ciò sarebbe la prova che l’ISIS risponde alle direttive di Washington. Come si può debellare il terrorismo con dei raid aerei non autorizzati dalla comunità internazionale, quando allo stesso tempo se ne favorisce la riproduzione? Sarebbe sufficiente interrompere questi rifornimenti per consentire alla guerra di finire, ma questo manderebbe in fumo i piani di sovvertimento del governo Assad, vero obbiettivo del Dipartimento di Stato USA. Da qui scaturisce il disappunto per l’intervento di Putin che manda a monte la possibilità di un intervento militare diretto americano in Siria, sulla scorta del pretesto di arginare l’esodo dei profughi.

Il presidente russo farà di tutto per impedire la caduta di Damasco, ed è pronto a trasformare la capitale siriana nella Stalingrado del Medio Oriente. Sa bene che qualora si verificasse questa eventualità, il terrorismo islamico divamperebbe ancora di più in tutta l’area e niente probabilmente riuscirebbe più ad arrestarlo. Il rilancio di Putin è venuto proprio dalla proposta di costituire un’alleanza internazionale per abbattere l’ISIS, alla quale Assad ha prontamente espresso la sua adesione, ma che per il momento è caduta nel vuoto. La reale volontà di contrastare la minaccia del terrorismo è ripetuta in dichiarazioni verbali da tutti i governi occidentali, ma nelle sue manifestazioni pratiche è puntualmente contraddetta. Qualsiasi governo che abbia serie intenzioni in Siria di ostacolare l’ISIS, non può non prescindere dalla legittima collaborazione con il governo di Assad, che lotta su quel fronte da quattro anni. Fino al momento in cui non esisterà questa intenzione, lo Stato Islamico avrà il suo migliore alleato in quei governi che di fatto ne permettono l’esistenza.

Guarda l’esclusiva videointervista al veterano dei Marines:

ISIS: ECCO PERCHÉ CI ODIANO“.


 

Leggi anche: “I profughi sono colpa vostra. Sostenete e coprite i terroristi”.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

2 risposte a L’Isis risponde alle direttive di Washington: “Cargo Usa paracadutano armi, munizioni e cibo”, secondo un rapporto dell’intelligence iraqena.

  • 2
    Adriano Hadriam Bertolin Bartalan

    Il più delle volte, quello che prende forma nei piani alti, di vari Paesi, a noi del popolo, anche quello superiore alla media, è molto difficile decifrare, conoscere tutti i meandri che, la storia con relative guerre, quelle attuali e con tutta certezza domani hanno una strategia! Quale? …… Non abbiamo la sfera di cristallo, la grande massa è manovrata o manovrabile? Fino a che punto? Gli interessi economici hanno il loro punto debole, come le Nazioni indebitate che a tal punto devono solo subire: ci può stare?

  • 1
    Red

    Claudio, riesci a fare un report sulla propaganda occidentale, ovvero la complicità dei media in Usa e in EU? C’è molto materiale a supporto. Non so se hai visto questo: https://www.youtube.com/watch?v=BFtBobYFoJI Secondo me c’è da farci un articolone che se indirizzato bene può diventare un caso mediatico.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Vota Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Mancano poche ore! Hai votato!?

macchianera internet awards 2016 vota byblu Vuoi contribuire in qualche modo a far conoscere questo blog? Ci sono tre giorni di tempo per votare Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Votate per almeno 10 categorie e usate un vostro indirizzo email reale, altrimenti il vostro voto sarà nullo. Byoblu si trova nella categoria "30....--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Renzi vs Gruber: volata finale sul Referendum

Renzi Gruber Referendum Otto e 1/2 Sintesi dell'intervento di Matteo Renzi, questa sera, a Otto e Mezzo, per la volata finale sul Referendum Costituzionale....GUARDA

La Santanché furiosa sui pallisti Pd diventa una bestia

la santanche furiosa sui pallisti pd diventa una bestia Daniela Santanché si infuria a Coffee Break sul voto di Forza Italia alla Camera sulla Riforma Costituzionale, e chiede il fact checking. Guarda anche: ...GUARDA

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì Le cojonate di Franceschini e Poletti, ministri della cultura e del lavoro, a Tribuna Politica di Semprini, nel tentativo imbarazzante di difendere le ragioni del sì al Referendum Costituzionale, fanno sembrare le forziste Laura Ravetto e Anna Maria Bernini due emerite costituzionaliste. Tante fesserie tutte insieme...GUARDA

Scontro Berlusconi Berlinguer sul Referendum: “Qualcos’altro da aggiungere?”. “Sì: sarebbe un regime!”

Berlusconi Berlinguer Referendum Scontro tra Silvio Berlusconi e Bianca Berlinguer, che non gli permette di elencare le ragioni del No al Referendum Costituzionale. - "Ha qualcos'altro da aggiungere?". - "Sì... Sarebbe un regime!"....GUARDA

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi Diego Fusaro: "Se al Referendum Costituzionale vince il sì, come vogliono le élite, distruggono la Costituzione, desovranizzano lo Stato e impongono l'Unione Europea come Banca Centrale che decide per tutti. Se vince il no l'élite ha pensato anche al piano B, perché il popolo si sta...GUARDA

MELONI A RENZI: SCIOCCATA DA QUANTO SEI BUGIARDO!

giorgia meloni vs matteo renzi sei un bugiardo Giorgia Meloni si scontra violentemente con Matteo Renzi, durante la campagna per il referendum costituzionale, sul Porcellum e sulle liste bloccate, che Renzi sostiene di avere tolto dall'Italicum....GUARDA

Silvio Berlusconi su Beppe Grillo: “Non posso parlarne bene”.

Berlusconi su GrilloSilvio Berlusconi su Beppe Grillo a Matrix: "Mi piace parlare delle persone quando posso parlarne bene. Quando devo parlarne malissimo, ...evito". ...GUARDA

Nino Galloni mena schiaffoni anche alla Presidenza del Consiglio

galloni marattin Nino Galloni si scontra con Luigi Marattin, consigliere economico della Presidenza del Consiglio di Matteo Renzi, su banche, Referendum, privatizzazioni, debito pubblico, mercati e scenari catastrofici....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>