Yalla Yalla: paperelle ai confini del mondo

Yalla Yalla - Paperelle ai confini del mondo

Si parla sempre di crisi e di aziende in difficoltà, eppure ci sono realtà che in Italia ancora riescono a funzionare e a crescere. Una di queste è Yalla Yalla, agenzia di viaggi online tutta italiana nata nel luglio 2010, che in meno di 5 anni ha attirato oltre 38 milioni di utenti unici e mandato in vacanza più di 112mila passeggeri. Sfatando il mito tutto italiano dei nepotismi e dei familismi, a Yalla Yalla lavorano 34 persone, con un’età media di 29 anni, di cui l’80% è composto da donne, tra cui molti neolaureati. Con l’attuale tasso di disoccupazione giovanile, sicuramente una società che si muove in controtendenza. Con un fatturato di 10 milioni di euro nel 2011 e uno di 30 milioni circa nel 2014, Yalla Yalla è sicuramente una “buona notizia” nel mare di pessimismo che quotidianamente dipingiamo da queste pagine.

Il loro simbolo è la paperella. C’è un motivo: nel lontano 1992, nell’oceano Pacifico, un cargo cinese disperde in mare un carico di 30.000 finte paperelle finte che iniziano a vagare senza una meta. Le paperelle diventano ben presto una fonte preziosissima per gli studiosi oceanografici che hanno così modo di individuare lo sviluppo delle correnti intorno al pianeta. Ma soprattutto, raggiugono tutti gli angoli del pianeta, sfatando il mito di chi le vuole costrette a navigare solamente nelle vasche da bagno. Il concept di Yalla Yalla è partito da qui: viaggiare è meglio che starsene in una vasca da bagno.

Li ho intervistati per voi.

Sono anni di crisi, dove i paesi del sud Europa sono costantemente a rischio e vivono una flessione dell’economia con ricadute superiori a quelle della grande depressione del ’29. Yalla Yalla opera in un settore che potremmo definire del lusso. Si potrebbe cioè pensare che il settore del turismo sia il primo a pagare le conseguenze della disoccupazione, dell’incertezza, della stagnazione e del calo della domanda interna. E’ effettivamente così? Come incide la crisi sui tour operator?

Negli ultimi anni le vacanze sono diventate una necessità e non vengono più considerate un privilegio per pochi. YallaYalla si rivolge ad un pubblico variegato offrendo una vasta gamma di vacanze per tutte le tasche. Dal weekend in Italia fino ai viaggi di nozze nei paradisi tropicali: l’obiettivo è soddisfare tutti i tipi di richiesta. La crisi socio politica dei paesi nord africani ha sicuramente influito nella tipologia di richiesta di vacanze degli ultimi anni, non nella quantità. A cambiare infatti sono le mete scelte dai viaggiatori ma non la voglia di partire in vacanza!

E’ risaputo che il nostro paese è tra gli ultimi nelle classifiche che riguardano la diffusione della banda larga, la propensione ad usare sistemi di pagamento elettronici e l’analfabetismo informatico. Yalla Yalla opera in rete, consente a chi cerca una vacanza di comporre la sua offerta interamente online e offre 7 metodi di pagamento diversi. Avete quindi sicuramente una vasta statistica: come valutate i fattori di cui sopra?

Essendo uno dei principali siti di vacanze in Italia a lavorare esclusivamente online, abbiamo la forte percezione di una notevole crescita di fiducia nei confronti del web e degli acquisti online. Il web è senza dubbio un canale in forte espansione a cui il tempo darà ragione. Nel nostro caso dopo 5 anni dalla nascita, abbiamo risultati e dati tangibili di questo fenomeno. Anche in Italia, dove tutto sembra arrivare con più lentezza, il futuro è online. Per facilitare questo processo di creazione di fiducia siamo costantemente impegnati a rendere il processo di acquisto su YallaYalla più immediato, veloce, intuitivo e chiaro possibile.

Il nostro Paese ha bellezze artistiche, paesaggistiche e risorse naturali che lo collocherebbero tra le mete più ambite di tutto il pianeta. Ciononostante, tali caratteristiche non vengono sfruttate adeguatamente e, anzi, spesso si sprecano milioni di euro per costruire portali web governativi che poi deludono le aspettative e raccolgono solo critiche. Cosa si potrebbe fare per rilanciare l’Italia nel turismo internazionale? Cosa farebbe Yalla Yalla se avesse la possibilità di costruire una nuova politica di incentivazione del turismo?

E’ necessario definire gli attori coinvolti nel processo di promozione del turismo in Italia. C’è urgenza di un lavoro sistemico, che sia in grado di far convergere in maniera unitaria le risorse esistenti, verso una progetto condiviso. L’Italia, in questo senso, gode di un importante vantaggio competitivo legato alla ricchezza intrinseca dell’offerta turistica dovuta ad un territorio costituito da un mosaico di comuni che hanno culture e tradizioni, e, dunque, patrimoni culturali molto diversi. Internet, appare il mezzo ideale per favorire il recupero della competitività del turismo in Italia e i tempi sembrano maturi per puntare sull’online in maniera chiara, veloce e affidabile per proporre un sistema integrato di offerta.

La situazione geopolitica è incandescente. Ci sono aree del mondo dove la sicurezza dei cittadini e dei viaggiatori non sempre può essere garantita. Come affronta Yalla Yalla questo aspetto, nel mettere in catalogo le sue offerte? Quali consigli date ai viaggiatori per non incorrere in situazioni dove la propria incolumità può essere messa a repentaglio? Ci sono zone che esplicitamente sconsigliereste, di questi tempi?

YallaYalla è in costante allerta e comunicazione con il sito della Farnesina. In qualsiasi momento possa verificarsi una situazione di crisi provvediamo tempestivamente a bloccare le partenze per le mete in oggetto e ad offrire soluzioni alternative. Nel catalogo delle nostre offerte non avremo mai mete dove la Farnesina sconsiglia di recarsi. L’unica cosa che sconsigliamo sempre è di partire per qualsiasi paese non informati sulla situazione in loco e senza spirito di scoperta.

La giungla dei tour operator online è vasta e intricata. Al crescere delle offerte, cresce anche la possibilità per gli incauti viaggiatori di incappare in situazioni indesiderate, dalle strutture ricettive/servizi non in linea con le aspettative dichiarate, passando per trasferimenti più faticosi del previsto fino ad arrivare a vere e proprie truffe. Qual è, secondo voi, il decalogo da rispettare per chi si appresta a cercare la propria vacanza online, per non farsi fregare?

  1. Acquistare solo su siti ad alto standard protetti da sistemi di sicurezza internazionali come SSL e SET, riconoscibili dalla certificazione e dal lucchetto chiuso;
  2. Verificare l’identità della controparte e del sito e-commerce;
  3. Confrontare i prezzi e le condizioni generali di vendita;
  4. Controllare il prezzo finale del prodotto o servizio e altri costi aggiuntivi;
  5. Fare attenzione alle facili “occasioni”;
  6. Avere la possibilità di contattare il venditore;
  7. Assicurare gli acquisti;
  8. Stampare una copia dell’ordine e della pagina contenente l’offerta;
  9. Fare attenzione ai messaggi di posta elettronica sospetti o ai tentativi di pishing;
  10. Inoltre è sempre opportuno che sul computer sia installato un antivirus aggiornato ed un firewall che possano bloccare eventuali furti di informazioni in caso si capitasse nel sito sbagliato.
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

Una risposta a Yalla Yalla: paperelle ai confini del mondo

  • 1
    Clesippo Geganio

    O.T. ma non troppo…

    nemmeno due righe sul fatto che la Procura ha chiesto l’archiviazione per motivi procedurali sulle indagini dell’ex presidente provincia FI poi sindaco di FI, oltre all’archiviazione de presunto reato per fallimento della soc. Chil della famiglia del premier?

    sembra off topic ma spiega come questa italietta dei furbetti è destinata a morire di sotterfugi ad ogni costo per tutelare i propri individuali interessi anche stracciando la Costituzione della Repubblica.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Vota Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Mancano poche ore! Hai votato!?

macchianera internet awards 2016 vota byblu Vuoi contribuire in qualche modo a far conoscere questo blog? Ci sono tre giorni di tempo per votare Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Votate per almeno 10 categorie e usate un vostro indirizzo email reale, altrimenti il vostro voto sarà nullo. Byoblu si trova nella categoria "30....--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Renzi vs Gruber: volata finale sul Referendum

Renzi Gruber Referendum Otto e 1/2 Sintesi dell'intervento di Matteo Renzi, questa sera, a Otto e Mezzo, per la volata finale sul Referendum Costituzionale....GUARDA

La Santanché furiosa sui pallisti Pd diventa una bestia

la santanche furiosa sui pallisti pd diventa una bestia Daniela Santanché si infuria a Coffee Break sul voto di Forza Italia alla Camera sulla Riforma Costituzionale, e chiede il fact checking. Guarda anche: ...GUARDA

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì Le cojonate di Franceschini e Poletti, ministri della cultura e del lavoro, a Tribuna Politica di Semprini, nel tentativo imbarazzante di difendere le ragioni del sì al Referendum Costituzionale, fanno sembrare le forziste Laura Ravetto e Anna Maria Bernini due emerite costituzionaliste. Tante fesserie tutte insieme...GUARDA

Scontro Berlusconi Berlinguer sul Referendum: “Qualcos’altro da aggiungere?”. “Sì: sarebbe un regime!”

Berlusconi Berlinguer Referendum Scontro tra Silvio Berlusconi e Bianca Berlinguer, che non gli permette di elencare le ragioni del No al Referendum Costituzionale. - "Ha qualcos'altro da aggiungere?". - "Sì... Sarebbe un regime!"....GUARDA

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi Diego Fusaro: "Se al Referendum Costituzionale vince il sì, come vogliono le élite, distruggono la Costituzione, desovranizzano lo Stato e impongono l'Unione Europea come Banca Centrale che decide per tutti. Se vince il no l'élite ha pensato anche al piano B, perché il popolo si sta...GUARDA

MELONI A RENZI: SCIOCCATA DA QUANTO SEI BUGIARDO!

giorgia meloni vs matteo renzi sei un bugiardo Giorgia Meloni si scontra violentemente con Matteo Renzi, durante la campagna per il referendum costituzionale, sul Porcellum e sulle liste bloccate, che Renzi sostiene di avere tolto dall'Italicum....GUARDA

Silvio Berlusconi su Beppe Grillo: “Non posso parlarne bene”.

Berlusconi su GrilloSilvio Berlusconi su Beppe Grillo a Matrix: "Mi piace parlare delle persone quando posso parlarne bene. Quando devo parlarne malissimo, ...evito". ...GUARDA

Nino Galloni mena schiaffoni anche alla Presidenza del Consiglio

galloni marattin Nino Galloni si scontra con Luigi Marattin, consigliere economico della Presidenza del Consiglio di Matteo Renzi, su banche, Referendum, privatizzazioni, debito pubblico, mercati e scenari catastrofici....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>