Quello che Paolo Mieli non dice sui vaccini

Quello che Paolo Mieli non dice sui vaccini

Paolo Mieli ha pubblicato un pezzo sul Corriere dove attribuisce a Beppe Grillo e al Movimento 5 Stelle la responsabilità di avere danneggiato il processo di vaccinazione infantile. Per meglio sostenere le ragioni delle industrie farmaceutiche e del Ministero della Salute, sciorina l’abbecedario del piccolo debunker (a partire dal profluvio di termini come “complotti“, “complottomani” e via di seguito), esibendosi in tutto l’immaginario utile allo scopo (“scie chimiche“, “nuovo ordine mondiale“, “JP Morgan“, “l’esistenza delle sirene“, “il microchip sotto pelle“) per poi terminare con una citazione del “grano saraceno” che c’entra come i cavoli a merenda. Mancava Grillo che spacca i computer sul palco e poi la fiera degli addebiti strumentali sarebbe stata completa.

Operando come opera lui, verrebbe da tirargli fuori di nuovo la firma sull’appello de L’Espresso contro il commissario Luigi Calabresi, che poi venne ammazzato. O ancora, saltando di palo in frasca come fa nel suo pezzo, la causa per diffamazione persa contro il Presidente dell’Argentina Cristina Kirchner. O magari di essere partito da “Potere Operaio” e, dopo avere lavorato al fianco di Renzo De Felice (uno dei più grandi revisionisti della storia del fascismo), essere diventato l’abile cerchiobottista che ora tutti conosciamo. Ma usare lo stesso sistema, cioè tirare fuori argomenti passati dai quali magari nel tempo ci si è perfino dissociati, non è un buon metodo di critica.

Invece, mi corre l’obbligo di ricordare a Mieli cosa egli stesso dichiarava di intendere per “metodo storico“, così come riportato da una tesi in sociologia discussa nel 2004 sulla sua persona, e conseguentemente, su sua stessa ammissione, anche per “metodo giornalistico“, dato che per Mieli “il giornalista deve applicare il metodo storiografico nella redazione dei propri articoli“.

“si tratta di prendere la versione ufficiale dei fatti e di andare a vederne quanto meno i risvolti, i conti che non tornano, e poi porsi delle domande. Se le cose non fossero andate davvero così? Se quelli che vengono considerati i “buoni”, fossero un po’ meno buoni di quanto ci appaiono? E i cattivi fossero stati meno cattivi di quanto ci è stato fatto credere? Queste domande fondamentali sul capovolgimento hanno ispirato sempre i miei interessi e hanno portato a risultati molto curiosi nel rifare la storia.”

Ecco: bene avrebbe fatto a ricordarsi queste sue stesse parole, Paolo Mieli, nella stesura di un pezzo completamente adagiato su posizioni che non prendono in considerazione la voce sofferente e le evidenze di tantissimi genitori che hanno viste distrutte le loro vite, in conseguenza di qualche faciloneria di troppo nella somministrazione di farmaci che, in taluni casi, hanno reso invalidi permanenti, quando non addirittura ucciso, i loro figli.

Se il suo “metodo” è sempre valido, allora avrebbe dovuto pubblicare una lettera come questa, rivolta ai parlamentari di tutti gli schieramenti, nella quale i genitori dei bambini non vaccinati, o con danni da vaccino (i quali assicurano di non battersi né a favore né contro i vaccini, ma per la libertà di scelta cui hanno diritto tutti i cittadini di un paese democratico, sottolineando che in Europa l’obbligo vaccinale è inversamente proporzionale al livello del sistema di welfare) chiedono, argomentando in maniera sobria e rispettabile, che i diritti fondamentali loro e dei loro figli vengano tutelati.

Gentili Onorevoli,

Siamo qui oggi per sottoporvi il nostro parere ed i nostri timori, più che giustificati, in merito ad una questione che ci tange personalmente. Parliamo delle vaccinazioni, in questo particolare caso di quelle pediatriche, e della proposta di legge avanzata dal deputato Filippo Crimì in data 14 ottobre 2015.

Il tema delle vaccinazioni è stato trattato negli ultimi anni con troppa superficialità, sia da parte dei medici, dei genitori, degli organi di stampa e delle istituzioni stesse. Parliamo di un atto medico, di un farmaco, che comporta sia dei benefici ma anche dei rischi. Parliamo di un atto medico preventivo, a cui non possono essere sottoposti tutti indifferentemente. Parliamo di un farmaco, e come tale ha controindicazioni, effetti collaterali, anche gravi.

I danni provocati dalle vaccinazioni pediatriche e non, sono una realtà quotidiana per molte, troppe famiglie italiane. Siamo qui per far sentire la nostra voce poiché molti di questi danni si sarebbero potuti evitare se fossero state fornite informazioni non tendenziose e corrette alle famiglie, quello che purtroppo ancora troppi addetti del sistema sanitario rifiutano di ammettere poiché hanno paura delle possibili conseguenze sulla loro carriera.

Siamo qui per rispondere alla proposta del deputato Crimì. il quale nella stessa avanza la richiesta di abrogare il DPR 355 del 1999 e ripristinare il DPR 1517 del 1967. Questo significa negare l’accesso non solo al sistema scolastico pubblico, ma anche di accedere agli esami di Stato. Significa che dovremmo sottoporre tutte le persone alla vaccinoprofilassi, delegando il tutto nelle mani dello Stato, significa che l’individuo affida la propria vita o quella dei propri figli nelle mani dello Stato.

In Italia abbiamo una Costituzione. Una Costituzione che ci dà dei diritti, come singoli e come società. Una Costituzione scritta e pensata anche per situazioni come questa. Chi non vaccina o segue uno schema personalizzato, qualsiasi siano le sue motivazioni, non deve e non può essere ritenuto irresponsabile ed escluso dalla vita quotidiana o dalla frequenza scolastica. La nostra libertà di crescere figli sani e di inserirli in comunità scolastiche, non può essere decisa sulla base di ideologie o, cosa ancora più grave, su interessi economici.

Chiediamo che i vaccini rimangano non discriminatori per l’accesso alle strutture scolastiche così come avviene in altri paesi per garantire ai nostri figli un futuro migliore ed una istruzione.

Chiediamo che la vaccinoprofilassi rimanga allo stato attuale, comprendendo quanto possa essere difficile abolire totalmente questo obbligo, anche se non coercitivo.

Vogliamo ricordare che il diritto allo studio è inalienabile e non prevaricabile. Per quanto riguarda il Diritto Internazionale, ricordo:

– La Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, art. 26 concernente il diritto all’istruzione e il diritto dei genitori di decidere in merito al tipo di formazione da dare ai propri figli (10.12.1948);

– Il Patto internazionale sui diritti economici del 19.12.1966 concernente il diritto di ciascuno all’istruzione;

Convenzione internazionale dell’UNESCO contro la discriminazione nel campo dell’educazione, artt. 4 e 5 (14.12.1960); Per quanto concerne le Convenzioni ed i Diritti garantiti dagli organi dell’Unione Europea, ricordiamo che è stata utilizzata la Convenzione per i diritti dei bambini delle Nazioni Unite (UNCRC), grazie alla quale troviamo l’articolo 24, in cui al comma 2 si afferma che qualsiasi decisione venga intrapresa da autorità pubbliche o istituzioni private, si deve prendere come considerazione primaria il bene del bambino.

In merito alla legislazione nazionale, ricordo che la Costituzione Italiana afferma quanto segue:

  • Art. 2 – La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale.
  • Art. 3 – Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.
  • Art. 10 – L’ordinamento giuridico italiano si conforma alle norme del diritto internazionale generalmente riconosciute.
  • Art. 32 – La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.
  • Art. 34 – La scuola è aperta a tutti.

L’unico modo in cui gli interessi del collettivo possano prevalere sul singolo individuo viene previsto dalla sentenza della Corte Costituzionale, sentenza 307 del 1990, di cui vi cito un estratto:

Da ciò si desume che la legge impositiva di un trattamento sanitario non è incompatibile con l’art. 32 della Costituzione se il trattamento sia diretto non solo a migliorare o a preservare lo stato di salute di chi vi è assoggettato, ma anche a preservare lo stato di salute degli altri, giacché è proprio tale ulteriore scopo, attinente alla salute come interesse della collettività, a giustificare la compressione di quella autodeterminazione dell’uomo che inerisce al diritto di ciascuno alla salute in quanto diritto fondamentale.

Ma si desume soprattutto che un trattamento sanitario può essere imposto solo nella previsione che esso non incida negativamente sullo stato di salute di colui che vi è assoggettato, salvo che per quelle sole conseguenze, che, per la loro temporaneità e scarsa entità, appaiano normali di ogni intervento sanitario, e pertanto tollerabili.

Chiediamo pertanto che i diritti fondamentali nostri e dei nostri figli vengano rispettati, considerando che anche le nostre tasse servono per quella serie di servizi da cui si vogliono escludere i nostri figli, istruzione e sanità in primis.

Firmato:
Genitori di bambini non vaccinati
Genitori di bambini con danni da vaccino

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

9 risposte a Quello che Paolo Mieli non dice sui vaccini

  • 7
    DAMASO

    Dopo aver letto l’articolo su corriere.it ho inviato un commento al dott. Mieli, senza ottenere risposta, e nel quale ho scritto:

    “Egregio dott. Mieli,
    se è vero che i vaccini hanno fatto sparire molte malattie infettive, è anche vero che nessuno può garantire che tutti i vaccini che esistono attualmente (in Italia) siano sempre efficaci e sicuri al 100%.

    Personalmente sono a favore dei principali vaccini, ma non sono favorevole a vaccinare mio figlio con tutti i possibili ed immaginabili vaccini indicati dallo Stato.

    Già lo Stato, introducendo, più di 20 anni fa, una legge (n. 210/1992), che prevede un indennizzo anche a coloro che hanno riportato lesioni o infermità a causa di una vaccinazione obbligatoria per legge, o per ordinanza di una autorità sanitaria italiana, ha preso atto della realtà e si è fatto carico della probabilità che un vaccino possa produrre danni, anche gravissimi.

    Un altro fatto significativo è che la Corte Costituzionale, nel 2012, abbia esteso questo indennizzo anche a coloro che hanno subito vaccinazioni contro il morbillo, la parotite e la rosolia (sentenza n. 107/2012).

    Scrive, tra le altre cose, la Corte Costituzionale: “Il Tribunale rimettente espone di essere chiamato a pronunciarsi, quale giudice del lavoro, sul ricorso − per ottenere l’indennizzo di cui alla disposizione denunciata − proposto dai genitori di una bambina la quale, a seguito della vaccinazione contro morbillo-parotite-rosolia (MPR), praticata mediante un vaccino poi ritirato dal commercio pochi giorni dopo la somministrazione, aveva subìto gravi patologie.”

    E, prosegue la Corte: “La vaccinazione, ancorché non obbligatoria − e, dunque, non suscettibile di dar luogo, ove generatrice delle complicanze previste dalla normativa denunciata, all’indennizzo ivi previsto − si presentava, però, fortemente incentivata dalle pubbliche autorità, avendo essa formato oggetto di una intensa campagna di sensibilizzazione, attestata da numerosi atti emanati a tale riguardo dalla pubblica amministrazione.”

    In questo, che è solo un esempio, lo Stato italiano ha fortemente incentivato l’uso un vaccino che poi ha ritirato dal commercio dopo la somministrazione…

    Su questo fatto (come altri), gli organi di informazione non hanno mai dato risalto, mentre ogni persona deve essere messo in grado di fare una scelta consapevole dopo un’informazione veritiera, ma soprattutto non reticente, come invece pratica lo Stato italiano. Grazie per l’attenzione. Damaso”

    Ho poi aggiunto “…d’altronde non sempre ciò che afferma parte della comunità scientifica si è rivelato, purtroppo solo dopo aver riscontrato danni permanenti sui vaccinati, un’affermazione fondata su accertamenti sperimentali sicuri al 100%: ad es. la vaccinazione col sistema del virus attenuato (Sabin) è stata successivamente sostituita con quella del virus inattivato (Salk) essendo appunto stata riconosciuta dalla comunità scientifica internazionale la pericolosità del primo tipo di vaccino. Sempre dopo, però…

    E, infine “…in questa antologia segnalo quella famiglia portata in Cassazione dal Ministero che non voleva riconoscere le sue responsabilità.

    Scrive la Corte: “pur avendo il minore subito vari ricoveri a cominciare dal 1998 tuttavia la sua grave malattia (“encefalopatia con sindrome autistica”) non era stata posta in relazione causale con la vaccinazione, diagnosi che è stata compiuta, per la prima volta, con gli accertamenti di laboratorio effettuati il 30-12-2005 ed il 17-01-2006, dai quali è emerso che il bambino era “iper responder al vaccino con positività al ceppo 3”.

    Solo allora i genitori hanno avuto cognizione del nesso causale con la vaccinazione” (Cass. n. 6270/2014).

    … ovviamente la Cassazione (n. 6270/2014) ha dato torto al Ministero e ha confermato la sentenza della Corte d’Appello che aveva dato ragione alla famiglia del bambino ammalatosi gravemente a causa della vaccinazione.”

  • 6
    fanny mantegani

    Il merito non è di Beppe Grillo .
    Il merito va a tutte quelle persone che sin dai primi anni 80 ha lottato per un’informazione reale sui vaccini ,facendosi un mazzo tanto in un epoca senza internet.Dicasi COMILVA di cui ho fatto parte per più di 15 anni .Ho imparato e scoperto verità pesantissime .Non vaccino nemmeno i miei gatti .

  • 5
    Ezio

    La scienza non è un’opinione. La scienza ha un metodo che deve essere seguito. La dialettica che in altri campi può indirizzare le opinioni, nella scienza non ha senso. Non hanno senso chiacchiere articoli e discussioni. .
    Credete nella evidenza scientifica che ci ha portati sulla luna ed ha allungato, del doppio, la vita umana? No… Bene, non importa…la scienza non è un atto di fede ma necessita di una base culturale specifica per essere compresa. Il messaggio più importante che ci ha lasciato Galileo, più del suo lavoro , risiede in 2 parole:” eppur si move…”.

    • 5.1
      Clesippo Geganio

      nello specifico delle case farmaceutiche se la scienza avesse una coscienza allora ci crederei ma siccome è nelle mani del business senza limiti dubito che le vaccinazioni di Stato siano cosa buona e giusta.

      Qualcuno penserà che stia esagerando ma tra chi produce farmaci per guadagnare decine di MLD di $ o € propinandoli sul libero mercato mediante lobbisti che convincono o corrompono politici e governi nazionali ed i nazisti che nei campi di sterminio sperimentavano principi farmacologici su uomini donne e bambini la differenza sia labile.

  • 4
    Maurizio

    Ciao Claudio,

    sull’argomento vaccinazioni pediatriche credo che ci sia parecchia disinformazione sia per chi la ritiene indispensabile sia per chi invece è contrario.
    Anche su questo argomento fino a poco tempo fa non si poteva avere un’idea propria ma dovevamo accettare il “frame” che ci veniva passato dagli addetti ai lavori ( medici).
    Si potrebbe pensare di fare delle interviste fra gli addetti ai lavori che sostengono la validità delle vaccinazioni e chi invece solleva dubbi? un pò quello che hai fatto sull’argomento Euro anni fa…un ottimo esponente da sentire è il Dottor. Roberto Gava!

    Grazie per la corretta informazione e per il servizio che ci offri.

    Maurizio

  • 3
    Antonio

    La decisione della corte deve essere correttamente interpretata.
    Nella prima parte riconosce l’obbligatorietà del trattamento sanitario quando questo è diretto anche a beneficio della collettività. Nella seconda prescrive che può essere imposto solo nella previsione che non incida negativamente sullo stato di salute di colui che vi è assoggettato.
    Si potrebbe presentare il presente dilemma:
    Una vaccinazione viene imposta perchè in sua assenza si perderebbero con sicurezza due vite. Una volta eseguita si è sicuri di perdere una vita.
    Qual’è la soluzione ?
    Una preghiera; non rifugiamoci nella solita ” nella realtà le cose stanno ben diversamente”. Accettiamo il caso scolastico. Quale la risposta?

  • 2
    Clesippo Geganio

    questa è l’ingratitudine di molti connazionali, invece di ringraziare un movimento politico neoeletto in parlamento che ha rinunciato a montagne di soldi pubblici cioè non è entrato in casa degli italiani per RUBARE tanto meno in quella di Mieli, sbeffeggiano e mistificano l’onestà che contraddistingue il M5S dal resto della partitocrazia politica che ha dilaniato il tessuto sociale e culturale non ché economico e finanziario italiano.
    Complimenti a Mieli e quelli come lui, pur di non ammettere la verità si evirerebbero per far dispetto alle mogli?
    Stessa cosa per Gramellini che poche sere fa su RAI 3 ha evidenziato con enfasi un errato congiuntivo di un Dep. M5S omettendo l’oggetto dell’intervento alla Camera sull’ennesimo furto perpetrato a danno degli italiani compresi lor signori giornalisti, oltre a mistificare il concetto di reddito di cittadinanza espresso da Di Maio intervistato da Floris su La7.

    Questo è quel giornalismo che ci fa colare a picco non solo nella graduatoria mondiale sulla libertà di stampa, ma elude l’esercizio intellettivo dell’analisi critica della realtà, mentre la casta partitocratica fa delle istituzioni governative e Costituzione carta straccia devastando civiltà e democrazia, questi insigni giornalisti s’arrampicano sugli specchi o cercano il pelo sull’uovo per mettere in cattiva luce chi pratica correttezza e onestà come il M5S verso gli italiani e la Costituzione.

  • 1
    • 1.1
      Francesco Taddeo

      Paolo Mieli un figlio danneggiato dai vaccini non ce l’ha!!! Ah Paolo!!! Bello fare il gay con il c**o degli altri!!!

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Pepe (ex M5S) scatena l’inferno su vaccini e autismo al Senato. Che lo censura.

vaxxed vaccini autismo bartolomeo pepe Vaxxed, la prima europea del film sui vaccini messo alla berlina Il 4 ottobre 2016, Bartolomeo Pepe (senatore ex Movimento 5 Stelle), doveva presentare "Vaxxed - from cover up to catastrophe", il film documentario di Andrew Wakefield sulla discussa relazione tra la vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia e l'autismo. Il...--> LEGGI TUTTO

Tutti gli statuti del Movimento 5 Stelle

ma-quanti-statuti-ha-il-movimento-5-stelledi Paolo Becchi Mentre la stampa è occupata dal gossip a 5 stelle su telefonate in punto di morte tra l’Ayatollah e il guru e dalla kermesse che si è aperta a Palermo per la quale oggi è annunciata l’esibizione di Raggi-o di luce che canterà "Io...--> LEGGI TUTTO

Come mai Jp Morgan, proprio adesso, vuole più deficit?

JP MORGAN AUSTERITY VS SPESA PUBBLICAGli economisti di JP Morgan, la grande banca d’affari Usa, segnalano che per la prima volta dal 2009 tutti i bilanci pubblici dei governi nelle zone industrializzate, Europa, Usa, Giappone e Regno Unito, daranno un contributo positivo alla crescita globale. Merito, secondo loro, di un aumento della spesa pubblica in tutte...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Come fare soldi con un blog

Innanzitutto, come "non" fare soldi con un blog Se vuoi fare soldi con un blog, non aprire un blog di informazione. Tantomeno libera. Se poi vuoi fare un blog di informazione indipendente, inizia a cercarti su AirB&B un paio di metri quadri ancora disponibili, a prezzi stracciati, sotto a qualunque ponte...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Alfano: M5S peggio di fascisti e comunisti

ALFANO: M5S PEGGIO DI FASCISTI E COMUNISTI"Alcuni dirigenti M5S hanno la cecità ideologica di alcuni vecchi comunisti e la feroce violenza di alcuni primi fascisti". Così Angelino Alfano ieri al Corriere della Sera. Di seguito, nel video, la replica di Di Battista: ...GUARDA

Donald Trump Vs Hillary Clinton – Il primo confronto TV Integrale

Donald Trump Vs Hillary Clinton - Il primo confronto TV IntegraleDonald Trump e Hillary Clinton si sono sfidati questa notte nel primo confronto tv delle presidenziali Usa 2016. Ecco il video integrale. ...GUARDA

Di Battista e Di Maio vs Lucia Annunziata al Foro Italico di Palermo

Di Battista e Di Maio vs Lucia Annunziata al Foro Italico di Palermo L'intervista di Lucia Annunziata, a In Mezz'ora, dal Foro Italico di Palermo, ad Alessandro Di Battista e Luigi Di Maio....GUARDA

Sgarbi caga sulla Swiss Air

Vittorio Sgarbi caga sulla Swiss Air Sgarbi "caga" sulla Swiss Air, le hostess gli chiedono di uscire a metà: quello è un bagno di prima classe. Immaginate il seguito (la questione nasconde una discussione sui diritti sottostante: di fronte alle emergenze, è possibile che valga la distinzione "prima classe/seconda classe"?):...GUARDA

USA: la polizia fredda un altro afroamericano, Terence Crutcher

terence-crutcher omicidio polizia USA In Oklahoma la polizia ha ucciso un altro afromericano. Una lunga sequela di uccisioni che dal 2015 porta a 400 l'elenco delle vittime. Gente freddata spesso senza alcuna ragione apparente. (altro…)...GUARDA

Becchi: la stampa contro al M5S? Ma se il blog di Grillo ormai è il Corriere della Sera!

BECCHI: STAMPA CONTRO AL M5S!? MA SE IL BLOG DI GRILLO ORMAI È IL CORRIERE DELLA SERA!Paolo Becchi a Checkpoint parla del grande colpo di stato dell'Euro, dei rapporti tra la stampa e il M5S e del grande spettacolo politico della Casaleggio Associati. ...GUARDA

Roma: Nino Galloni assessore al Bilancio nella giunta Raggi?

Nino Galloni - Io assessore al Bilancio del Comune di Roma, nella giunta di Virginia Raggi? Nino Galloni, ospite a Tagadà su LA7, risponde alle domande sulla sua candidatura ad Assessore al Bilancio e al Patrimonio del Comune di Roma, nella giunta di Virginia Raggi. (altro…)...GUARDA

Matteo Renzi sfotte Paola Taverna: “complotto su Roma”.

matteo renzi sfotte paola taverna su roma complotto Matteo Renzi sfotte Paola Taverna: "ci fanno il complotto su Roma"....GUARDA

Film, libri e Dvd

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>