Colpo di stato in Portogallo: la goccia che fa traboccare il vaso.

Colpo di Stato in Portogallo

di Jacques Sapir (@russeurope)

Il Portogallo è stato vittima, nei giorni scorsi, di un colpo di stato silenzioso organizzato dalla classe dirigente europeista del suo paese. Si tratta di un evento particolarmente grave: ricorda il golpe condotto contro il governo greco tramite la combinazione di pressioni politiche da parte dell’Eurogruppo e pressioni economiche e finanziarie da parte della Banca Centrale Europea. Conferma la natura profondamente anti-democratica non solo della zona euro, ma anche, e ce ne dobbiamo rammaricare, della stessa Unione Europea.

I risultati delle elezioni portoghesi

È stato ampiamente detto dalla stampa, specialmente in Francia, che la coalizione di destra è uscita vincitrice dalle elezioni legislative portoghesi. Ciò è falso! I partiti di destra, guidati dal primo ministro Passos Coelho, non hanno totalizzato che il 38,5% dei voi, e hanno perso 28 seggi in parlamento. La maggioranza degli elettori portoghesi ha votato contro le recenti misure di austerità, per un totale del 50,7%. Questi elettori hanno dato il loro voto alla sinistra moderata, ma anche al Partito Comunista Portoghese e ad altre formazioni politiche di sinistra radicale. Infatti il Partito Socialista Portoghese ha ottenuto 85 seggi, il Blocco di Sinistra (di sinistra radicale) 19 seggi, e il Partito Comunista 17 seggi. Sui 230 seggi del parlamento portoghese, si tratta di 121 seggi ottenuti dalle forze anti-austerità, una cifra superiore alla soglia assoluta, di 116 seggi.

Un accordo si potrebbe trovare tra i partiti di destra e il Partito Socialista. Ma questo accordo sarebbe chiaramente impossibile senza rimettere in discussione il programma di austerità derivante dall’accordo tra il Portogallo e le istituzioni europee. Una situazione che non può che ricordare quella greca.

I Socialisti e il “Blocco di Sinistra” hanno detto chiaramente che questo accordo deve essere rivisto. È stato questo il motivo per il quale il Presidente Aníbal Cavaco Silva ha preso la decisione di respingere il progetto di formazione di un governo presentato dalla sinistra. Ma le considerazioni espresse nella sua dichiarazione vanno ancora oltre. Egli ha detto:

Dopo tutti gli importanti sacrifici fatti nell’ambito dell’accordo finanziario, è mio dovere, ed è entro le mie prerogative costituzionali, fare tutto il possibile per impedire che vengano mandati falsi segnali alle istituzioni finanziarie e agli investitori internazionali”.

Questa dichiarazione pone decisamente dei grossi problemi. Che il signor Cavaco Silva pensi che un governo di sinistra possa portare verso uno scontro con l’Eurogruppo e l’Unione Europea è suo diritto, e probabilmente è così. Ma che in una repubblica parlamentare, come è il Portogallo attualmente, non è certo suo potere interpretare le intenzioni future degli elettori per opporsi alla loro volontà. Se una coalizione di sinistra o di estrema sinistra ha la maggioranza al parlamento, e se presenta – come è avvenuto – un programma di governo, lui deve dargli una possibilità. Qualsiasi altra decisione non può che apparire come un atto incostituzionale e un colpo di stato.

La situazione economica del Portogallo

Questo “colpo di stato” arriva in un momento in cui la situazione economica del Portogallo, presentata spesso dalla stampa – a torto – come un “successo” delle politiche di austerità, è ancora estremamente precaria. Il deficit di bilancio ha superato il 7% nel 2014, e resterà comunque ben sopra la soglia del 3% quest’anno. Il debito pubblico è oltre il 127% del PIL. E se anche l’economia ha visto un po’ di crescita, è ancora oggi, nel 2015, al livello in cui era nel 2004. Il paese è stato portato indietro di 10 anni dalle politiche di austerità, con un costo sociale (in termini di disoccupazione) davvero troppo alto.

Le “riforme” che sono state imposte in cambio di un pacchetto di aiuti per il rifinanziamento del debito e delle banche, non hanno risolto affatto il problema principale del paese. Questo problema è la produttività del lavoro, che è troppo bassa in Portogallo, per diversi motivi: forza lavoro con poca e cattiva formazione e investimenti produttivi decisamente insufficienti. Il Portogallo degli anni ’80 e ’90 poteva anche avere produttività bassa, perché poteva lasciar deprezzare la moneta. Ma dal 1999 è entrato in vigore l’euro, e questo è diventato impossibile. Non deve quindi sorprendere se la produzione si è fermata.

I piani di austerità che si sono susseguiti avevano lo scopo di abbassare i salari (in termini reali), sia che si parli di salari diretti o indiretti. Tuttavia questo calo può portare beneficio solo alle esportazioni, dato che deprime, al tempo stesso, i consumi interni. Laddove un deprezzamento della moneta avrebbe lasciato invariato il consumo interno, è ora invece necessario che i guadagni delle esportazioni ottenuti tramite i piani di austerità compensino le perdite dei consumi interni. Perciò i piani di austerità saranno sempre meno efficaci rispetto alla svalutazione monetaria, e Patrick Artus su questo potrebbe aggiungere una nota, che risale al 2012:

L’aggiustamento dei tassi di cambio dà risultati rapiti; l’abbiamo già visto in Spagna e in Italia nel 1992-1993, con la rapida scomparsa del deficit estero e un aumento di durata molto limitata della disoccupazione. Lo abbiamo visto anche, in diversi casi, nei paesi emergenti: in Corea e Tailandia nel 1997, in Brasile nel 1998”.

La responsabilità che ha l’euro per la situazione economica del Portogallo è innegabile. Ma la responsabilità delle autorità europee per il caos economico e politico che potrebbe verificarsi è altrettanto certa.

Le lezioni da imparare

Si parla spesso di abitudine al disastro, di un arrendersi alla sofferenza che porta i popoli ad abbandonarsi al peggiore dei destini. In realtà qui non c’è nulla di tutto ciò. I portoghesi hanno cercato di applicare i metodi ispirati dall’Eurogruppo e dalla Commissione Europea e, oggi, sono costretti a constatare che questi metodi non hanno dato i risultati sperati. Il voto alle elezioni legislative è il risultato di questo bilancio. Ma la classe dirigente portoghese, servile verso il potere straniero, vale a dire verso le istituzioni europee, ha deciso di non tenerne conto. Ciò che sta accadendo oggi a Lisbona è altrettanto grave, anche se meno appariscente, di quello che è già avvenuto in Grecia.

La natura profondamente anti-democratica dell’Eurogruppo e dell’Unione Europea si riafferma di nuovo. Sarebbe da ciechi non vederlo. Ma questa potrebbe essere la goccia che fa traboccare il vaso. Perché sia così, è indispensabile che tutte le forze determinate a lottare contro l’euro trovino delle forme di coordinamento delle loro azioni. Qui dobbiamo ricordare ciò che La Boétie scrisse nel Discorso sulla Servitù Volontaria, pubblicato nel 1574: “I tiranni sono grandi solo perché noi restiamo in ginocchio”. Potremmo riprendere questa formula, che ci sembra contemporanea, e riformularla così:

Le istituzioni europee ci sembrano grandi solo perché noi (i sovranisti) siamo divisi“.

Ora più che mai si pone la questione del coordinamento delle tante forze sovraniste. Questo coordinamento non implica che ciò che distingue e divide le varie forze tra loro sia annullato o messo tra parentesi. Si tratta della logica dei “Fronti”, come il “Fronte Unito Antigiapponese” realizzato in Cina dal PC e il Kuomintang: non si tratta di alleanze in senso stretto, ma formazioni che permettono di marciare divisi per colpire uniti.

La realtà, per quanto spiacevole possa essere per alcuni, è che fino a che noi non saremo capaci di coordinarci, un potere in realtà minoritario continuerà ad esercitare la propria tirannia. E di colpo di stato in colpo di stato, finirà per instaurare un regime di colpo di stato permanente.

Grazie a Vocidallestero per la traduzione

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

5 risposte a Colpo di stato in Portogallo: la goccia che fa traboccare il vaso.

  • 5
    Fabio

    Non ho mai detto che se lo meritano, questo punto meriterebbe un discorso a parte.

    Io criticavo fortemente l’articolo in quanto è cieco, fazioso e falso, prova ne è che oggi 10 NOVEMBRE il governo di centro destra è già caduto!!!!

    Il M5S ha un problema, si affida a gente che scrive queste cose, ma le persone comuni lo sanno come vanno le cose e si aggorgono quando una persone scrive il falso e questo pagano i Grillini.

    Saluti

  • 4
    Clesippo Geganio

    in Portogallo…. perchè da noi in questi 20 anni cosa è successo?
    Ancora oggi si sparano panzane senza precedenti come questa di Renzi l’illusionista orgoglione: l’Italia risale sei posizioni nella classifica del Wef.

    “L’Italia è al 43° posto nella classifica mondiale 2015-2016 sulla competitività curata dal World economic forum (Wef).

    Una panzana disinformativa in quanto il Wef non considera fattori negativi e determinanti per l’Italia come la corruzione della classe politica e dirigente che dilaga e affoga ogni competitività, oltre alle organizzazioni delinquenziali di stampo mafioso, camorra e n’drangheta.

  • 3
    Massimo Magni

    Quindi , Fabio , il portogallo come la Grecia? Se lo meritano ? Popolo di spendaccioni incapaci ? Ma dai … Comunque anche qui in Italia c’è ancora chi crede che Renzi sia un buon premier …. Piuttosto è disarmante la facilità con cui fanno quello che vogliono , vedi anche il post sulla net neutrality .

  • 2
    TATANKA WANKA

    e’ da tanto tempo che ho scritto in vari blog che questa “crisi” e’ stata costruita ed inventata per soprimere le aspirazioni dei popoli dell’ europa , da questa oligarchia feroce,la quale con tanti sotterfugi e strattagemmi vari sta piegando i popoli ad un nuovo “ordine”. la fine del petrolio porra’ molte difficolta per continuare a mantenere i livelli attuali e di benessere e lo status quo’,quindi penso l’ obiettivo e’ di sicuro una riduzione drastica della popolazione mondiale,non sono profeta ma quando esplodera’ la vera crisi ,quella dei derivati,i nodi arriveranno al pettine e saranno guai per i popoli, ma non per tutti!!!

  • 1
    Fabio

    Articolo fazioso scritto da qualcuno che chiaramente ignora la situazione politica complessa che c’è in questo preciso momento in Portogallo facendo un’analisi sommaria e piena di preconcetti complottistici.

    Alle elezioni si sono schierati 3 gruppi

    – Pedro Passos Coelho del PSD + un partito di centro (che possiamo definire la coalizione di centro destra

    – Il PS di Antonio Costa (ex sindaco di Lisbona)

    – Bloco de esquerda + Partito Comunista

    Antonio Costa ha detto in tutta la campagna elettorale che non avrebbe mai fatto alleanze con i partiti di sinistra, che avrebbe corso per sempre da solo e per tutta la campagna elettorale ha attaccato sia il centro destra che la sinistra.

    Risultato delle elezioni:

    > Centro Destra 36.86%
    > PS 32.31%
    > Sinistra 19%
    > Il resto partitini minori

    Quindi, visto che il PS non si allea con nessuno il gruppo compatto “più forte” è il gruppo del centro destra e per questo motivo il presidente della repubblica ha dato loro il mandato di governo.

    Perchè la situazione è molto complicata? Perchè PS+Sinistra in parlamento hanno la maggioranza e voteranno sempre contro i partiti di Centro Destra quindi, come si dice in questi giorni in Portogallo, il governo che nasce è un governo morto.

    Io la vedo così oppure i marziani hanno deciso che la potentissima economia Portoghese deve sottostare ai dettatami della comunità europea.

    E pensandoci…ma se anche fosse?
    Il Portogallo è uno dei paesi che da quando è entrato in Europa ha preso una valanga di soldi e non ha mai restituito un centesimo.
    L’Italia nel giochino del dare e avere con la comunità europea paga (da sempre) più di 9 miliardi di euro all’anno.

    Da Italiano il mio interesse è che il Portogallo si stabilizzi con i conti o meglio continuare a dare euri a fondo perduto?

    Detto questo, non sono un economista, sono di sinistra e vivo in Portogallo.

    Secondo me.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Massimo D’Alema: è grazie a noi se M5S non ha vinto da solo!

Massimo D'Alema Massimo D'Alema fa la sua analisi del voto del referendum. Parla sarcasticamente delle rottamazioni di Matteo Renzi e afferma che se non ci fossero stati loro, il M5S avrebbe vinto da solo. ...GUARDA

I Cinque Stelle alla stampa: ora elezioni subito!

m5s-conferenza-stampa-iconaLa conferenza stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati dopo la vittoria del No al Referendum Costituzionale. Davanti ai giornalisti, a tarda ora, dopo le dimissioni di Matteo Renzi, si sono presentati Vito Crimi, Danilo Toninelli, Alessandro Di Battista e Giulia Grillo, per dire al Presidente della Repubblica...GUARDA

Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!

Renato Brunetta Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!...GUARDA

Galloni e Rinaldi al Quirinale: ora Mattarella stralci il Pareggio di Bilancio

Galloni Rinaldi Quirinale Nino Galloni e Antonio Rinaldi salgono al Quirinale per chiedere simbolicamente a Mattarella che ora rispetti la volontà del popolo e si adoperi per rispettare la Costituzione italiana, stralciando subito il Pareggio di Bilancio ora Mattarella stralci Pareggio di Bilancio...GUARDA

Salvini – Vittoria del popolo contro i poteri forti di tutto il mondo

Salvini referendum La prima dichiarazione dopo gli Exit Poll che danno la vittoria del No a 55%-59% è di Matteo Salvini, che parla testualmente di "una vittoria del popolo contro i poteri forti di gran parte del mondo"....GUARDA

Renzi vs Gruber: volata finale sul Referendum

Renzi Gruber Referendum Otto e 1/2 Sintesi dell'intervento di Matteo Renzi, questa sera, a Otto e Mezzo, per la volata finale sul Referendum Costituzionale....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>