Bioeconomia: come il Capitale si prende la nostra vita

Il telelavoro, internet, i dispositivi portatili e la tecnologia mobile promettevano di emancipare l’uomo dalla schiavitù della presenza in ufficio. La narrazione dei lavoratori come imprenditori di se stessi, all’inseguimento del grande sogno americano del successo personale, prometteva di trasformare tutti in novelli Bill Gates. La realtà è che grazie alla tecnologia il capitalismo si è preso anche gli spazi della nostra vita familiare, mentre la frammentazione dei lavoratori, schiavi di contratti di collaborazione occasionale e di certificati di Partita Iva, li ha isolati, messi gli uni contro gli altri e ha impedito che potessero aggregarsi per migliorare la propria condizione di vita e lavorative. Il capitale, finalmente libero di amministrare la forza lavoro senza scontrarsi con il muro dei sindacati, ha riorganizzato le masse in grandi nuclei uniformi di individui, facilmente governabili. È l’era della “Bioeconomia”, l’economia che entra nella nostra vita privata e si prende tutto. Ne parliamo con il filosofo Diego Fusaro.

Diego, qualche anno fa ci promettevano che, grazie a fenomeni come il telelavoro, avremmo potuto ridurre drasticamente il numero di ore lavorate, aumentare l’efficienza e – addirittura – si fantasticava della possibilità di lavorare con un lap-top sulle ginocchia da un’isola caraibica, magari con i piedi nell’acqua. Ecco, in realtà quello che si sperimenta è esattamente il contrario, cioè l’aumento delle ore di lavoro e forse la riduzione dell’efficienza dovuta allo stress tecnologico.

È un tema decisivo per capire il nostro presente ed è un tema che si può inscrivere nella categoria della “bioeconomia“, che è una categoria che ha utilizzato recentemente l’economista Fumagalli, riprendendone una che era di Foucault, quella della “biopolitica“. Allude essenzialmente al fatto che l’economia si sta prendendo anche la vita. Il mondo capitalistico diventa vita e la vita diventa essa stessa capitale. Perché in effetti si sta producendo, in maniera sempre più marcata, quello che vorrei definire “il superamento della distanza fra la vita e la razionalità economica” o, se preferite, la completa disarticolazione tra i tradizionali tempi dell’esistenza e i tempi del lavoro, che ora sono portati a coincidere con quelli dell’esistenza.

Ecco allora che compaiono i fenomeni a cui tu poc’anzi alludevi, e sono fenomeni che, per un verso, promettono emancipazione e libertà perché ti smarcano dal luogo di lavoro tradizionale: ufficio o fabbrica che sia. E che in realtà, dietro a questa promessa illusoria, fanno sì che venga meno, si cancelli, diventi labile la linea tra tempo libero e tempo lavorativo, perché di fatto anche il tempo libero viene invaso e colonizzato dal tempo di lavoro. Ti trovi a dover rispondere alle e-mail agli orari più impensati, ti trovi a dover svolgere attività lavorative direttamente da casa tua. Gli studiosi di economia e di sociologia hanno coniato anche una nuova formula, che è quella di “domestication” o anche di lavoro svolto da casa, che è quella forma di lavoro con cui, appunto, ti promettono di non dover essere più vincolato al tuo ufficio, alla tua fabbrica. In realtà, poi, lavorando da casa viene totalmente meno il confine fra tempo libero e tempo di lavoro. Anzi, potremmo dire che il lavoro stesso si disloca direttamente negli spazi più intimi della propria vita privata, cioè nella propria dimora. Viene meno il confine più sacro che separava il lavoro dal tempo libero, che è quello della casa domestica. Pesa il fatto che un tempo, quando scriveva Marx, ad esempio, il capitale e l’economia si fermava davanti ai cancelli della fabbrica, non poteva andare a occupare il tempo libero dell’operaio: si arrestava ai cancelli della fabbrica. Ora invece ne è uscito, li ha valicati, e si occupa della totalità del reale e del simbolico, della totalità del tempo dell’esistenza umana e non conosce più alcun “hic sunt leones“. Perfino la casa, che è il luogo più intimo, deputato alla vita familiare, viene profanato dalle logiche della produzione flessibile, logiche che finiscono appunto per invadere anche il tempo del relax, degli hobbie, del divertimento e quant’altro. C’è un paradosso, oltretutto, in tutto questo: Aristotele nella politica distingueva due tipi di economie. Diceva: “c‘è la crematistica téchne“, che letteralmente è la tecnica di produrre ricchezza, che è per sua natura tendente all’infinito e che Aristotele, come figlio della cultura greca, demonizza dicendo che produce dissoluzione della comunità perché promuove solo l’individualistico ed egoistico appropriamento della proprietà privata e della ricchezza. Poi c’è, invece, un’economia buona – dice Aristotele -: “Oikonomike téchne“, la tecnica dell’oikos, della casa, che è quella volta a soddisfare bisogni finiti della propria casa e, per estensione, della società in cui si vive. Ecco, oggi sembra che l’oikonomike téchne, la tecnica domestica, si sia ridefinita come “bioeconomia“, che occupa anche la vita domestica e casalinga, e questo effettivamente è un aspetto interessante che mostra come, ancora una volta, la società di tipo economicistico continui a fondarsi in quello che Marx, nel capitale chiamava “furto di tempo di lavoro altrui“.

Questo non dipende anche dall’esasperazione della competitività?

Sono d’accordo con quello che dici, perché in nome della concorrenza, che è il grande dogma del nostro tempo, e della condizione neoliberistica, tutto diventa economia, perché tutto deve essere in competizione. Tutto il tempo della vita deve essere tempo della competitività e quindi del mercato: in base alle leggi della competitività, ad esempio, spariranno i giorni dedicati al riposo, spariranno gli orari lavorativi, bisognerà fare concorrenza lavorando 24 ore su 24. Del resto la tendenza del capitale è proprio questa, impadronirsi della totalità della vita umana e del tempo. C’era un passaggio molto bello che Marx scriveva in “Miseria della filosofia“: “Gli uomini scompaiono davanti al lavoro“, vengono cioè risucchiati completamente. Il problema è che occorre anzitutto decolonizzare il nostro immaginario, perché siamo succubi delle retoriche neoliberistiche che promuovono tutti questi processi come se fossero entusiasmanti forme di emancipazione perché ti permettono di lavorare a casa, di essere imprenditore di te stesso, che è l’altra grande ideologia neoliberistica. In questo modo si rimuove il fatto che si va a violare ulteriormente lo spazio dell’esistenza.

È un processo che porta alla frammentazione della società, perché più gli individui si riuniscono e si riconoscono in valori da difendere collettivi, più sono forti; invece più li spezzetti, li frammenti, li separi, li isoli, ognuno a casa sua, ognuno col suo piccolo sogno, col suo piccolo progetto, ognuno in competizione con l’altro, “divide et impera”, e più hai una società frammentata facilmente governabile.

Certo che sì! Infatti è questa esattamente la logica neoliberistica: riuscire a fare in modo che anche il servo adotti le grammatiche del signore. Questa espressione, questa dicotomia hegeliana, “servo – signore”, cioè che anche il servo si illuda di essere un imprenditore e quindi, in qualche modo, veda nell’altro servo non un compagno con cui solidarizzare e creare un’opposizione corale al mondo che li vede servi, ma veda invece un competitore a cui guardare con diffidenza, cercando di scavalcarlo nelle leggi della concorrenza. In questo modo paradossalmente non c’è più un rapporto classista fra un servo e un signore, ma si viene a instaurare un rapporto fra un servo e un signore che credono tutti e due però di essere signori e imprenditori e che scambiano fra loro una merce. In realtà in questo modo viene occultato il rapporto di classe che in realtà persiste e, anzi, è più forte che mai oggi perché poi se vai a vedere questi finti imprenditori che in realtà sono il grande schieramento delle partite IVA o dei para-subordinati, in realtà sono dei precari che sono costretti, tramite la finzione giuridica della libertà, a vendere le loro braccia, i loro neuroni e il loro capitale cognitivo per poter campare.

Notare, per inciso, che anche il fatto che oggi in termini economici si vada verso la distruzione del contratto nazionale di lavoro e si proceda verso forme di contratti individualizzati, procede esattamente in questa logica, perché quando c’era il contratto nazionale si creava evidentemente una solidarietà dei lavoratori e c’era anche la possibilità, peraltro, per il sindacato, di intervenire e gestire, come dire, gli interessi del servo. Oggi, invece, tramite l’individualizzazione del lavoro, ciascuno è un atomo imprenditoriale di sé stesso che deve, per così dire, rapportarsi direttamente con il padrone, con il signore. Il sindacato sparisce, siamo in un’epoca di de-sindacalizzazione e, complici le retoriche neoliberistiche davvero pervasive, anche i servi sono contro il sindacato: hanno metabolizzato questa ideologia efficientistica e produttivistica e lottano in difesa delle loro stesse catene dimenticando il fatto che coi contratti nazionali e con il sindacato era possibile difendere una classe, un gruppo di persone e non atomi individuali. Tra l’altro, per inciso, questa ideologia dell’uomo imprenditore di sé stesso è interessante anche perché se sei tu imprenditore di te stesso, se fallisci, se sei disoccupato, se fai naufragio nella tua esperienza lavorativa individuale, ciò non dipende dalle contraddizioni sistemiche classiste del rapporto “servo-signore” ma dipende…

…dipende dalla tua inadeguatezza.

Dipende dalla tua incapacità di essere portato al successo, di far fruttare il tuo talento. Ecco perché oggi non si parla più, se ci pensi, di sfruttati, ma si parla di esclusi, esclusi che sono essi stessi responsabili, così nelle retoriche dominanti, della loro esclusione, e non è un aspetto secondario, credo.

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

10 risposte a Bioeconomia: come il Capitale si prende la nostra vita

  • 6

    GLI USURAI PRATICANO IL RAGGIRO PIU’ LUCROSO AL MONDO.

    STAMPANO CARTA E SEQUESTRANO APPARTAMENTI.

    Stampano al costo di 3 centesini banconote da 500 euro, le prestano incassando 499,97 euro + gli interessi e realizzano, al primo passaggio, il piu’ alto ricavo al mondo delle attivita’ umane, nella storia di tutti i tempi.

    Indebitano gli Stati, prestando loro quella moneta che prima stampavano e spendevano in proprio senza indebitarsi, in sino a renderli insolventi e trasformare, la carta da loro stampata, in licenza per sequestrare beni e appartamenti.

    Interi popoli indebitati patiscono le conseguenza di questo incontrastato ed ignobile raggiro, a cui la Comunità internazionale, è chiamata a porre fine.

    • 6.1
      Clesippo Geganio

      il permesso di fare ciò che tu descrivi glielo ha dato la classe politica complice e collusa.
      Distinguiamo le cause dagli effetti, la politica è la causa l’effetto sono le banche trasformate in organizzazioni di stampo mafioso.
      Ergo: va bene contrastare gli effetti ma se non distruggiamo questa politica origine di tutti i mali non usciremo dal declino che avanza di mese in mese.

      Non per essere petulante ma si deve curare la malattia cioè la politica non i sintomi le banche.

    • 6.2
      max

      Il vero grande problema di questo paese si chiama pd, ovviamente.

  • 5
    max

    Nei paesi normali esiste almeno il reddito minimo per la gente povera, in italia nemmeno quello…

  • 4
    max
  • 3
    Clesippo Geganio

    Se la maggior parte del denaro prodotto dal lavoro viene assorbito dallo Stato/Istituzioni che lo impiega nel malaffare non ci sarà invenzione tecnologica in grado di risolvere la nostra crisi.

    Se non si ha coscienza del fatto d’essere scivolati nel baratro della balordaggine culturale è inutile cercare scusanti attribuendo le nostre colpe una volta all’UE-€, alle banche alla Merkel poi agli USA adesso all’ISIS e domani chissà a cosa o chi.
    Se la nostra politica governativa ha permesso a ladri e faccendieri di essere eletti in Senato e Parlamento diventandone Ministri della Repubblica per promulgare Leggi modificare principi Costituzionali, è praticamente inutile pensare di migliorare le nostre miserabili condizioni nazionali.

    Mettiamoci l’anima in pace, se prima non facciamo un esame di coscienza (ammesso di averla ancora) per capire che necessita un cambiamento prima culturale poi comportamentale non caveremo un ragno dal buco.

    • 3.1
      Nicky

      il problema è anche della gente, massa ignorante menefreghista che pensa solo a se stessa, che si spaparazza davanti alla tv con calcio/reality e a tirare avanti in piena autonomia, che vota sempre le solita politica criminale delegando tutto a loro che a loro volta sono comandati dalla politica neoliberista europea che trova terreno facile. sacrificano la loro libertà, la loro sicurezza, il loro futuro.

      l’ignoranza è forza.

    • 3.2
      max

      Il vero problema è appunto il popolo pidiota che vota gente marcia, pessima, antidemocratica, altro che Europa…

  • 2
    max
  • 1
    Marco

    Una curiosita’: ha mai provato il filosofo Fusaro a recarsi nel centro di una grande citta’ alle 8 di mattina ?

    Io capisco bene che chi ragiona sui massimi sistemi, ha qualche difficolta’ a rapportarsi con la noiosa, banale e insulsa vita quotidiana che molti dei connazionali sperimentano quotidianamente, specie se questa vita si svolge distante dalle aule universitarie, dalle telecamere e dal comodo salotto da cui pare rilasciare questa intervista.

    Mi permetto di consigliare al giovane filosofo una gita culturale nella metropolitana di Roma alle 8 di mattina. Chissa’, forse puo tornargli utile per le sue prossime elaborazioni filosofiche.

    un saluto
    Marco

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Tutti gli statuti del Movimento 5 Stelle

ma-quanti-statuti-ha-il-movimento-5-stelledi Paolo Becchi Mentre la stampa è occupata dal gossip a 5 stelle su telefonate in punto di morte tra l’Ayatollah e il guru e dalla kermesse che si è aperta a Palermo per la quale oggi è annunciata l’esibizione di Raggi-o di luce che canterà "Io...--> LEGGI TUTTO

Come mai Jp Morgan, proprio adesso, vuole più deficit?

JP MORGAN AUSTERITY VS SPESA PUBBLICAGli economisti di JP Morgan, la grande banca d’affari Usa, segnalano che per la prima volta dal 2009 tutti i bilanci pubblici dei governi nelle zone industrializzate, Europa, Usa, Giappone e Regno Unito, daranno un contributo positivo alla crescita globale. Merito, secondo loro, di un aumento della spesa pubblica in tutte...--> LEGGI TUTTO

Sgarbi condannato a 5 mesi di reclusione per i fatti dell’Expo

Vittorio Sgarbi - 5 mesi di prigione per i fatti di Expo Ve lo ricordate Sgarbi che, il 22 maggio 2015 all'Expo, litiga violentemente con i carabinieri che vogliono verificare il suo permesso di accedere con l'auto?  Doveva presenziare a una mostra da lui curata, ma si presentò senza accredito su una Citroen C5, per di più contromano....--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Come fare soldi con un blog

Innanzitutto, come "non" fare soldi con un blog Se vuoi fare soldi con un blog, non aprire un blog di informazione. Tantomeno libera. Se poi vuoi fare un blog di informazione indipendente, inizia a cercarti su AirB&B un paio di metri quadri ancora disponibili, a prezzi stracciati, sotto a qualunque ponte...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Di Battista e Di Maio vs Lucia Annunziata al Foro Italico di Palermo

Di Battista e Di Maio vs Lucia Annunziata al Foro Italico di Palermo L'intervista di Lucia Annunziata, a In Mezz'ora, dal Foro Italico di Palermo, ad Alessandro Di Battista e Luigi Di Maio....GUARDA

Sgarbi caga sulla Swiss Air

Vittorio Sgarbi caga sulla Swiss Air Sgarbi "caga" sulla Swiss Air, le hostess gli chiedono di uscire a metà: quello è un bagno di prima classe. Immaginate il seguito (la questione nasconde una discussione sui diritti sottostante: di fronte alle emergenze, è possibile che valga la distinzione "prima classe/seconda classe"?):...GUARDA

USA: la polizia fredda un altro afroamericano, Terence Crutcher

terence-crutcher omicidio polizia USA In Oklahoma la polizia ha ucciso un altro afromericano. Una lunga sequela di uccisioni che dal 2015 porta a 400 l'elenco delle vittime. Gente freddata spesso senza alcuna ragione apparente. (altro…)...GUARDA

Becchi: la stampa contro al M5S? Ma se il blog di Grillo ormai è il Corriere della Sera!

BECCHI: STAMPA CONTRO AL M5S!? MA SE IL BLOG DI GRILLO ORMAI È IL CORRIERE DELLA SERA!Paolo Becchi a Checkpoint parla del grande colpo di stato dell'Euro, dei rapporti tra la stampa e il M5S e del grande spettacolo politico della Casaleggio Associati. ...GUARDA

Roma: Nino Galloni assessore al Bilancio nella giunta Raggi?

Nino Galloni - Io assessore al Bilancio del Comune di Roma, nella giunta di Virginia Raggi? Nino Galloni, ospite a Tagadà su LA7, risponde alle domande sulla sua candidatura ad Assessore al Bilancio e al Patrimonio del Comune di Roma, nella giunta di Virginia Raggi. (altro…)...GUARDA

Matteo Renzi sfotte Paola Taverna: “complotto su Roma”.

matteo renzi sfotte paola taverna su roma complotto Matteo Renzi sfotte Paola Taverna: "ci fanno il complotto su Roma"....GUARDA

Euro: la prima banconota senza anima!

Diego Fusaro Il filosofo Diego Fusaro spiega perché l'Euro è una moneta priva di ogni relazione con la storia e la cultura d'Europa. Vi siete mai chiesti perché sulle banconote in Euro non ci sono quei volti noti, quegli artisti, quei pensatori che hanno dato lustro alle grandi...GUARDA

Terremoto Amatrice – Matteo Renzi: non lasceremo nessuno da solo. La conferenza stampa.

Renzi Terremoto Conferenza StampaTerremoto: la conferenza stampa di Matteo Renzi da Palazzo Chigi "Nei momenti di difficoltà l'Itala sa come fare. Tutta insieme, tutta intera mostra il suo volto più bello. Non lasceremo sola nessuna famiglia, nessun comune, nessuna frazione." (altro…)...GUARDA

Film, libri e Dvd

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>