Morte e soldi: il film horror del neoliberismo – Gianluca Ferrara

Morte in cambio di soldi: soldi in cambio di morte. Un film horror? No, tutto normale: sono le conseguenze del neoliberismo selvaggio. Gianluca Ferrara ne traccia una breve storia. Da far ascoltare ai bambini, prima di addormentarsi.

Nel 2012 Deutsche Bank effettuò una speculazione definita il “Death Bond“, il “Bond della Morte“. Che cosa fecero i signori della Deutsche? Presero 500 anziani, ovviamente dalle precarie condizioni economiche (di modo che accettasero di essere visitati dai medici della Deutsche Bank dietro compenso), e in base alle loro condizioni di salute fu effettuata una scommessa, una speculazione. Come funzionava?

Se l’anziano moriva entro i 12 mesi, lo speculatore guadagnava il 6%. Se l’anziano non moriva dai 12 ai 38 mesi, lo speculatore più o meno riprendeva quello che aveva investito. Se l’anziano non si decideva a morire, ebbene lo speculatore perdeva quasi il 50% del proprio investimento. In poche parole la speculazione consisteva nello sperare che l’anziano morisse il prima possibile. Allora se noi abbiamo permesso a questi criminali paranoici di effettuare una scommessa sulla vita dei nostri genitori, sulla vita dei nostri nonni, allora questa non è neanche più una crisi economica: questa è una vera e propria crisi antropologica.

Morte e Soldi: così il neoliberismo ha prodotto il più grande film horror dei nostri tempi

 

Adam Smith e John Maynard Keynes.

Un saluto agli amici e alle amiche di Byoblu. Io sono Gianluca Ferrara. Oggi, insieme a voi, vorrei ripercorrere il sentiero che ci ha condotto all’odierna dittatura, che viene spacciata per democrazia. Si tratta del più grande film horror degli ultimi tempi, quello che ha condotto ai Death Bond della Deutsche Bank, le obbligazioni della morte, e che non riesce a trovare un argine in nessuna volontà popolare organizzata.

L’inizio del secolo è stato caratterizzato, in ambito economico, dalle teorie liberiste. In particolare Adam Smith, che era un filosofo scozzese, il quale sosteneva che lo Stato non dovesse in alcun modo intervenire in ambito economico perché, attraverso una “mano invisibile”, l’economia, in maniera autonoma, avrebbe trovato un proprio equilibrio. Queste teorie si diffusero fino agli anni ’30, in particolare fino al 1929, quando ci fu la nota caduta della borsa di Wall Street, a New York. A quel punto, le teorie liberiste finirono in secondo piano e furono sostituite da una vera e propria rivoluzione, che era la rivoluzione keynesiana.

John Maynard Keynes era un economista britannico che, in antitesi a Smith, pensava invece che lo Stato dovesse intervenire nell’economia. In particolare, quando la domanda aggregata (la domanda di beni e servizi nel suo complesso) è insufficiente. In questo caso, secondo Keynes, un intervento pubblico di bilancio espansivo era l’unica soluzione per poter creare nuova occupazione. Le teorie keynesiane si svilupparono in particolare dopo il secondo conflitto mondiale, quando c’era la necessità di ricostruire intere città, interi villaggi, intere strutture portanti che erano state disintegrate dalle bombe. E queste politiche keynesiane, questo intervento sull’economia creò un vero e proprio “effetto moltiplicatore”, che portò alla ricostruzione, il cosiddetto trentennio glorioso.

La stagflazione di fine anni ’70 e l’avvento del neo-liberismo.

Tuttavia, alla fine degli anni settanta le politiche keynesiane andarono poco alla volta declinando, soprattutto per via di fattori esterni, come l’aumento del prezzo del petrolio. Alla fine degli anni settanta si verificò un aumento controllato dei prezzi, ma una riduzione altrettanto incontrollata dei consumi. In campo economico, questa condizione si definisce con il termine “stagflazione“. Quindi, alla fine degli anni settanta ci fu una vera e propria contro-rivoluzione: la contro-rivoluzione neo-liberista.

Sono due le date da tenere in considerazione. La prima data è il 1979: siamo in Gran Bretagna quando la Thatcher viene eletta Primo Ministro. Pensate che quando fu eletta ricevette un fax da uno dei massimi economisti di stampo neo-liberista, l’austriaco Friedrich von Hayek, in cui c’era scritto che la sua elezione era il miglior regalo di compleanno che potesse ricevere per i suoi ottant’anni. La seconda data è il 1981: siamo negli Stati Uniti e Ronald Reagan diventa Presidente. Il neo-liberismo si fonda in occidente, ma non solo in Gran Bretagna e negli Stati Uniti d’America: anche in Germania, anche nella nostra Italia. E il primo scellerato atto fu noto come il divorzio tra la Banca d’Italia e il Tesoro. In poche parole, noi in quell’anno, senza alcun tipo di consultazione popolare, perdemmo la sovranità monetaria, cosa che ha poi originato il problema del debito pubblico. Bisogna precisare che il neo-liberismo cerca di veicolare un’idea di società, che non è altro che la legge del più forte sul più debole. Una specie di darwinismo sociale, o se volete di calvinismo.

Il neo-liberismo.

Le guide di questo modello economico, sono essenzialmente tre:

  1. Primo punto: lo Stato non deve intervenire nell’economia. Anzi lo Stato, come sostenne David Stockman che era il responsabile del bilancio dell’Amministrazione Reagan, è una bestia da affamare. Va da sé che poi questa bestia da affamare, allorquando le banche speculano, le multinazionali creano disastri economici, non è più una bestia, ma viene chiamato a  intervenire per risanare i debiti (i loro debiti);
  2. Secondo punto: non bisogna tassare i ricchi, perché non tassando i ricchi si verrebbe a creare un effetto “gocciolamento” – in inglese si chiama “trickle down” – che farebbe aumentare il mare del benessere. E quindi le barche, sia quelle più grandi che quelle più piccole, navigherebbero in acque serene. Questa è una sciocchezza assoluta perché in realtà (ed è proprio quello che stiamo vivendo) i ricchi, chi detiene i capitali, non effettua nessun tipo di politica redistributiva, nessun effetto “gocciolamento”. Anzi, crea dei veri e propri argini alle proprie ricchezze.
  3. Terzo punto fondamentale è che occorre tutti inginocchiarsi al dio pagano del PIL, del Prodotto Interno Lordo. Pur di vedere aumentare il PIL, gli economisti e i politici – pensate – hanno di recente deciso di introdurre anche il conteggio dei proventi della criminalità organizzata. Per fare un esempio, se noi andiamo all’angolo della strada e acquistiamo della cocaina, dopodiché andiamo da una prostituta, ecco che facciamo crescere il PIL e siamo quindi dei “bravi cittadini”. Al contrario, se invece rimaniamo a casa e insegniamo a nostro figlio a fare un orto biologico, non facciamo crescere il PIL. Questa la dice lunga sul modello di società che ci sta dominando sul sistema economico nel quale noi siamo inseriti.

L’est europeo, il grande nemico

Questo modello economico si diffonde in occidente negli anni ’80. Ma ad est incontra un argine, c’è un muro: è il muro di Berlino.

Il resto della trascrizione sarà disponibile in serata. Nel frattempo, guardatevi il video.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

15 risposte a Morte e soldi: il film horror del neoliberismo – Gianluca Ferrara

  • 7
    Giorgio

    Avete letto la notizia che alcune zone di mare della liguria e della sardegna sono state vendute alla Francia?

    • 7.1
      Clesippo Geganio

      ma stai scherzando?

    • 7.2
      Giorgio

      No. Guarda su internet.

    • 7.3
      Clesippo Geganio

      porcazozzaluridaschifosamaialapolitica…. è vero!!!
      Il peggio che non si comprendono le motivazioni, la Corsica fu ceduta alla Francia circa 250 anni fa, con diritto di riscatto, perchè mai rivedere i limiti territoriali marittimi e non avvalersi del diritto di riscatto.

      Cosa ci nascondono i politici infami? Questa è la prova che chi ci governa da decenni non ha un minimo senso di patria e coscienza nazionale.

      Esistono casi eccezionali in cui valutate le condizioni si possono rettificare i confini territoriali e marittimi senza che nessuno perda superficie, valore economico e paesaggistico, ma non mi pare sia questo il caso.
      E’ singolare il fatto che i francesi chiedano anche di rivedere i confini nazionali sul monte Bianco, in prossimità della cima.

      Forse abbiamo contratto debiti con la Francia e in cambio ci hanno chiesto la cessione di specchi di mare antistante la Corsica? Sull’isola c’è una base militare con una della più grandi flotte aree francesi, forse per avere più spazi aeronavali per effettuare operazioni militari?

      Possiamo chiedere al M5S un interpellanza parlamentare sulla questione di rilevanza nazionale? Senza fare dietrologia ma dopo la tragedia di Ustica dove secondo le recenti rivelazioni giornalistiche, sembrerebbe che i francesi abbiano le responsabilità dell’abbattimento del velivolo DC-9 Itavia con 81 persone a bordo, lanciando un missile da un aereo decollato forse dalla base di Solenzara in Corsica o dalla portaerei De Gaulle.

  • 6

    Ho un paio d’obiezioni.

    A rigor di logica, la Tatcher e Reagan dovrebbero essere passati alla storia come coloro che hanno rispettivamente affossato Gran Bretagna e Stati Uniti.
    Grecia, Francia e altri invece dovrebbero essere dei floridi paradisi.

    E invece, come mai, la Gran Bretagna è una delle nazioni europee più floride e gli USA sono ancora seconda economia del mondo? Mentre Grecia e Francia… per non parlare dell’Italia, che non ha mai visto né liberismo né keynesianesimo ma solo mangia mangia… non stanno così benone, vero?

  • 5
    Claudio

    già sentito da tutte le parti questo racconto

  • 4
    michele antoni 12

    Ho ascoltato il video e ho letto in parto del discorso io ritengo che Gianluca ferrara merita un premio nobbel. E scendere nelle piazze a spiegare a tutto il popolo questa verità svegliante a chi angora dorme.

    • 4.1
      Gianluca Ferrara

      Caro Michele, ognuno deve far sentire la propria voce. da soli non si va da nessuna parte… ciao

  • 3
    max

    E il governo italiota non è certo dalla parte della gente comune…

  • 2
    Clesippo Geganio

    ottimo intervento di Gianluca Ferrara, esaustivo e chiaro quanto basta per introdurre chiunque ai temi e problemi da sempre sottaciuti dall’informazione mediatica nazionale.

    alla faccia della maggior parte dei giornalisti tv e stampa cartacea che nolenti o volenti, consapevolmente o inconsapevolmente mistificano la realtà.

  • 1
    AGe (beyond)

    Gianluca, bravissimo come sempre, ma quella del riscaldamento globale è la bufalona del secolo. Negli ultimi 15 anni la temperatura mondiale è cresciuta di 0.06 gradi centigradi! Le stime sono mendaci. Come ricorderai Goldman Sachs nel 2009 previde la Cina prima economia mondiale nel 2051-2054, lo è diventata nel 2014. Le previsioni si fanno e si sbagliano sopratutto quando c’è poco lavoro serio e tanto marketing. Io mi preoccuperei dell’inquinamento, e l’unica cosa che lo contrasta è la crisi dato che la tecnologia è al guinzaglio. Del resto non potrebbe essere così dato che ci sono ancora persone che pensano di mantenere una famiglia lavorando il carbone! Se non altro l’Italia ha aderito al programma 2020… nel 2016! Che poi mi devono dire a cosa serve pagare gente per studiare una cosa su cui non hanno il controllo. Gaia si è salvata da sola senza di noi. Del resto era qui prima degli uomini e ci rimarrà quando saremo scomparsi.

    • 1.1
      Gianluca Ferrara

      Ciao caro, sui cambiamenti climatici starei attento a dire che è una bufala… è quello che vogliono i grandi potentati economico finanziari in modo da continuare a produrre con queste “esternalizzazioni” che paghiamo tutti. A proposito di bufale, proprio le mandrie sono responsabili dell’emissione di circa il 20% di gas climo alteranti…

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Attenzione: ecco come vogliono ribaltare l’esito del referendum

come-ti-ribalto-il-referendumDopo il No del popolo italiano al Referendum sulla riforma costituzionale voluta da JP Morgan, il consigliere di Angela Merkel propone subito la contromossa che rende ora palesi i veri obiettivi della riforma: la consegna del Paese ai grandi poteri finanziari internazionali per mettere all'asta i beni pubblici così come...GUARDA

La vittoria dell’informazione e i pericoli del dopo Renzi

claudio messora Il No al referendum costituzionale è la vittoria dell'informazione contro chi pensava che per convincere gli italiani a votare basta una comunicazione semplificata, comprensibile a un bambino delle scuole medie. La sconfitta di Renzi passa anche per una ipersemplificazione della Comunicazione che non ha convinto e...GUARDA

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Massimo D’Alema: è grazie a noi se M5S non ha vinto da solo!

Massimo D'Alema Massimo D'Alema fa la sua analisi del voto del referendum. Parla sarcasticamente delle rottamazioni di Matteo Renzi e afferma che se non ci fossero stati loro, il M5S avrebbe vinto da solo. ...GUARDA

I Cinque Stelle alla stampa: ora elezioni subito!

m5s-conferenza-stampa-iconaLa conferenza stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati dopo la vittoria del No al Referendum Costituzionale. Davanti ai giornalisti, a tarda ora, dopo le dimissioni di Matteo Renzi, si sono presentati Vito Crimi, Danilo Toninelli, Alessandro Di Battista e Giulia Grillo, per dire al Presidente della Repubblica...GUARDA

Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!

Renato Brunetta Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!...GUARDA

Galloni e Rinaldi al Quirinale: ora Mattarella stralci il Pareggio di Bilancio

Galloni Rinaldi Quirinale Nino Galloni e Antonio Rinaldi salgono al Quirinale per chiedere simbolicamente a Mattarella che ora rispetti la volontà del popolo e si adoperi per rispettare la Costituzione italiana, stralciando subito il Pareggio di Bilancio ora Mattarella stralci Pareggio di Bilancio...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>