La Regione Lombardia come Quarto? Suvvia, non siate ridicoli: pensate a dimettervi.

Roberto Maroni - Lega Nord - Adesso dimettiti - Regione Lombardia - Scandalo sanità

Ho acceso la televisione e ho assistito, nell’ordine, a Renzi che parlava al Senato e poi all’ennesimo dibattito surreale sul caso della malasanità in Lombardia. Tralasciando per un attimo Renzi, che parla di diritto di un popolo a fare un referendum sulla permanenza in Europa, riferendosi al Regno Unito, quando da noi non ci hanno fatto votare mai, né per il Trattato di Lisbona, né per il Pareggio di Bilancio, né per l’adozione del Fiscal Compact, né per il Fondo Salva Stati, né per il recente Trattato che regala alla Francia pezzetti di territorio italiano, e neppure per il Governo (ma il Governo lo nomina il Presidente della Repubblica – direte voi! – Già, ma tra il 2011 e il 2016 abbiamo assistito all’avvicendarsi di tre governi e ad una sola elezione parlamentare, con la formazione immediata di un partito unico trasversale anti Cinque Stelle, con tanto di Presidente della Repubblica schierato – la famosa “terzietà“: avete presente quello che non aveva sentito il ‘boom‘? -, quindi qualche dubbio sulla legittimità del Governo può anche venire), tralasciando Renzi – dicevo – vedo questo dibattito surreale in cui la Lega tenta di dibattersi in un centimetro cubo di acqua sulla questione dell’arresto del braccio destro di Maroni, Fabio Rizzi.

Ovviamente tentano di uscire dall’angolo – e questo è comprensibile – ma per farlo tirano fuori dal magico cilindro indovinate un po’ cosa? Non un maestoso coniglio bianco, non una colomba che si invola leggiadra verso l’aere, niente di tutto questo, ma il caso di Quarto. Secondo costoro – e secondo i giornalisti che glielo lasciano fare – un sistema pervasivo di tangenti durato anni, nel quale i pazienti che si affidavano alla competenza della sanità lombarda (perché, meschinelli, avevano mal di denti) ricevevano cure che non erano pensate nel loro interesse, ma in quello dei funzionari e dei tangentari, realizzando un grave danno per i contribuenti che venivano così truffati, per le aziende oneste che non riuscivano a fatturare un centesimo, nonché per i medici e i funzionari onesti che non partecipavano di un sistema lavorativo meritocratico, secondo costoro – quindi – un tale sistema, così esteso e ben organizzato, che ha infettato il sistema sanitario di una intera regione dove nientemeno si colloca la capitale economica italiana, sarebbe in fin dei conti paragonabile al caso di un aspirante faccendiere di un piccolo comune campano nella periferia di Napoli (dove io ho vissuto quando facevo il militare, e che quindi conosco abbastanza bene), con i marciapiedi un po’ scassati, le strade piene di buche e i servizi di base che non brillano per avanguardia.

Insomma, un piccolo infiltrato intrallazzatore fai-da-te, un candidato camorrista in erba che non è riuscito a farsi offrire neanche un caffè da quel sindaco che cercava di corrompere minacciandolo con una foto presa da Google Maps, sarebbe la prova evidente e conclamata che il Movimento 5 Stelle sarebbe uguale alla Lega Nord, che governa un’intera Regione fregiandosi di averne fatto un’eccellenza, e dove il braccio destro del Governatore in persona (mica l’ultimo dei pisquani) avrebbe preso almeno 50 mila euro per falsare un intero settore economico, collocando nelle posizioni chiave i suoi funzionari, agevolando i suoi appaltatori, realizzando una continuità tutt’altro che simbolica con la vecchia storia di corruttele che aveva caratterizzato l’amministrazione precedente, il tutto messo nero su bianco da un GIP, condito da arresti e – soprattutto – senza che questo Governatore si sia mai reso conto di niente, in tanti anni.

Nel caso di Quarto il Movimento 5 Stelle può essere accusato tutt’al più di una certa mancanza di coordinamento interno, per non avere dato direttive precise e tempestive alla giunta neoletta, ma non solo la piccola aspirante mela marcia è stata espulsa in tempi record, ma addirittura sono state chieste immediatamente le dimissioni del Sindaco, per colpe non sue ma perché è giusto marcare una differenza, per mettere al primo posto un principio, quello della legalità, che poi è l’unico in grado di stabilire un legame di fiducia con il cittadino (c’è bisogno di sottolinearlo?). E tutto, ribadisco, senza che nessuno si sia mai appropriato indebitamente di un solo centesimo. È la legalità al quadrato, sono i garanti delle garanzie, i controllori che si autocontrollano prima ancora di controllare i controllati, in un avvitamento che si può accusare di essere eccessivo, ma mai difettoso.

Nel caso lombardo, abbiamo invece soldi pubblici dirottati a fiumi, abbiamo un Governatore che non si è accorto di nulla per anni e anni (la Capuozzo e i consiglieri M5S a Quarto avevano perlomeno segnalato subito al direttorio che qualcosa non andava, e il signore era stato per l’appunto espulso) e, soprattutto, a fronte di questa incapacità di scegliersi i collaboratori giusti cui affidare un settore così delicato e fondamentale come la sanità lombarda e a fronte dell’evidente assenza di una costanza di controllo, non abbiamo nessuna richiesta di dimissioni.

Al Movimento 5 Stelle si possono rimproverare tante cose e ognuno può dilettarsi al riguardo, ma se c’è una cosa su cui è inattaccabile è il principio di legalità. Sono tutti ragazzi che vengono dal nulla e che, soprattutto, sono circondati da altri ragazzi che vengono dal nulla a loro volta, che fungono da cani da guardia di se stessi e prendono tutti quanti decisioni comuni, che provengano o meno dalla rete, per cui ogni deriva individuale – si sa che l’appetito vien mangiando – è resa quasi impossibile da un sistema quasi delatorio, dove tuttavia all’onestà è fisicamente impossibile derogare senza essere pubblicamente accusati dai propri stessi compagni.

Stessa cosa non si può dire dei partiti tradizionali che, per quanto rinnovati dopo clamorosi suicidi, provengono pur sempre da quello stesso sistema clientelare che ne ha forgiato i dirigenti, i quali se denunciano in pubblico la necessità di un’Italia più pulita ed onesta, nel privato tollerano (e anzi distribuiscono incarichi) ancora gli stessi figuri che sono cresciuti con l’etica del malaffare e che hanno preso soldi da finanziatori non certamente interessati alla legalità e all’onestà prima di ogni altra cosa.

I leghisti dovrebbero evitare di fare paragoni impropri con i Cinque Stelle perché, quantomeno sul terreno della legalità, la gente capisce subito la strumentalità di un raffronto che ha del paradossale. Roberto Maroni dovrebbe invece fare un bel gesto: dimettersi dalla Regione Lombardia, dimostrare che la Lega non è interessata al potere di per sé e che non ha altri interessi da proteggere se non quelli dei cittadini, fare pulizia al suo interno (evidentemente ne ha ancora bisogno) e ripresentarsi alle elezioni, da quello speciale corpo di magistratura politica che sono i cittadini con la loro scheda elettorale. Ogni altra posizione sarà un autogol.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

8 risposte a La Regione Lombardia come Quarto? Suvvia, non siate ridicoli: pensate a dimettervi.

  • 7
    max
  • 6
    max

    Per fortuna moltissima gente sa bene la differenza enorme tra gli onesti 5stelle e i buffoni ladroni legaioli.

  • 5
    ezio4

    Se le nostre speranze per il futuro sono nei 5stelle, SIAMO GIA’ MORTI…
    PARTITO-MOVIMENTO INUTILE NON VUOLE USCIRE DALL’EURO MA LO FA’ CREDERE…
    ADESSO POTREBBE METTERE IN DIFFICOLTA’ RENZI E FORSE FARLO CADERE NON APPOGGIANDO LA CIRINNA’..
    INVECE SOSTERRANNO IL GOVERNO PER UNA LEGGE CHE NON PORTERAì NESSUN SOLIEVO AI DISOCCUPATI, POVERI, ANZIANI…
    SANITA’ ALLO SFASCIO ECC…
    VERGOGNA VI SIETE PRESTATI A PARLARE PER MESI DI c**zATE IN PARLAMENTO MENTRE LA GENTE FA LA FAME..STE c**zATE DI MATRIMONI ED ADOZIONI SONO LUSSI PER RICCHI…
    ALLORA ? USCIAMO DALL’EURO?
    BLOCCHIAMO QUESTA INVASIONE DI CLANDESTINI CHE CI COSTA 3 MILIARDI L’ANNO?
    SALVIAMO CIO’ CHE RESTA?
    L’EUROPA CI STA AFFAMANDO PORTANDOCI VIA MILIARDI DI EURO E VOI STATE A ROMPERE I c*****nI COI LADRI DI POLLI..
    “PRIMA SALVIAMO LA CASA CHE BRUCIA, POI PENSEREMO AGLI SCIACALLI”.
    TANTO QUANDO GOVERNERETE RESTERETE CON LA MICCIA IN MANO, PURTROPPO PER NOI ITALIANI SARA’ TROPPO TARDI…MA VOI SARETE RICORDATI PER QUELLO.
    BASTA LA GENTE HA PROBLEMI ENORMI DA RISOLVERE SUBITO…

    • 5.1
      max

      Appunto, i problemi enormi del paese si risolvono con gente onesta e perbene, non certo con i buffoni ladroni legaioli o pidioti ovviamente.

  • 4
    max

    Del resto i buffoni legaioli sono degni alleati del delinquente naturale piduista… Basta questo per capire…

  • 3
    max

    Ovviamente la differenza tra movimento e lega è abissale. Legaioli buffoni marci senza vergogna. Come i pidioti.

  • 2
    Clesippo Geganio

    anche durante Ballarò il conduttore Giannini dopo un intervento di A. Di Pietro evidenziando che la Regione Lombardia a distanza di anni si ritrova a piè pari nella stessa corruzione con gli stessi partiti e metodi, il caro affettuoso conduttore Giannini ha avuto la sfrontatezza di mettere nello stesso degrado partitocratico anche il M5S con Quarto, facendo un distinguo pleonastico dopo aver accomunato vicende giornalistiche e giudiziarie agli antipodi…. alla faccia della chiarezza e correttezza d’informazione pagata dai cittadini per avere un servizio pubblico.

    Adesso però aspettiamoci di peggio con l’arrivo probabilmente della Daria Bignardi pupilla di Renzi come direttrice di RAI 3, menomale che Matteo voleva togliere i partiti dalla RAI, strano che non abbia pensato a L. Sofri.

  • 1

    signor marone signor salvini dovete comprare altri 1500 frigoriferi?ma questa volta comprateli molto piccoli cosi non danno nel occhio?hahahaha………..cialtroni il grattacielo pirelli non e’ puo piu di voi andate a casa

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

La vittoria dell’informazione e i pericoli del dopo Renzi

claudio messora Il No al referendum costituzionale è la vittoria dell'informazione contro chi pensava che per convincere gli italiani a votare basta una comunicazione semplificata, comprensibile a un bambino delle scuole medie. La sconfitta di Renzi passa anche per una ipersemplificazione della Comunicazione che non ha convinto e...GUARDA

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Massimo D’Alema: è grazie a noi se M5S non ha vinto da solo!

Massimo D'Alema Massimo D'Alema fa la sua analisi del voto del referendum. Parla sarcasticamente delle rottamazioni di Matteo Renzi e afferma che se non ci fossero stati loro, il M5S avrebbe vinto da solo. ...GUARDA

I Cinque Stelle alla stampa: ora elezioni subito!

m5s-conferenza-stampa-iconaLa conferenza stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati dopo la vittoria del No al Referendum Costituzionale. Davanti ai giornalisti, a tarda ora, dopo le dimissioni di Matteo Renzi, si sono presentati Vito Crimi, Danilo Toninelli, Alessandro Di Battista e Giulia Grillo, per dire al Presidente della Repubblica...GUARDA

Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!

Renato Brunetta Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!...GUARDA

Galloni e Rinaldi al Quirinale: ora Mattarella stralci il Pareggio di Bilancio

Galloni Rinaldi Quirinale Nino Galloni e Antonio Rinaldi salgono al Quirinale per chiedere simbolicamente a Mattarella che ora rispetti la volontà del popolo e si adoperi per rispettare la Costituzione italiana, stralciando subito il Pareggio di Bilancio ora Mattarella stralci Pareggio di Bilancio...GUARDA

Salvini – Vittoria del popolo contro i poteri forti di tutto il mondo

Salvini referendum La prima dichiarazione dopo gli Exit Poll che danno la vittoria del No a 55%-59% è di Matteo Salvini, che parla testualmente di "una vittoria del popolo contro i poteri forti di gran parte del mondo"....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>