Gli Usa vogliono sciogliere la Nato?

NATO - Gli Usa Vogliono Scioglierla

George Friedman è un analista geopolitico statunitense con un suo think-tank personale, definito dal New York Times un’”autorità in materia di intelligence tattica e strategica globale”. I lettori di Byoblu lo conoscono perché in questo post raccontai le sue parole, riferite alla politica estera degli Stati Uniti: ”La destabilizzazione è il vero scopo delle nostre azioni estere. Non instaurare una democrazia. Una volta destabilizzato un paese, dobbiamo dire ‘missione compiuta’ e tornarcene a casa”. Nello stesso discorso, Friedman ammetteva che dietro alle rivoluzioni colorate nate per contrastare la Russia (come quella arancione in Ucraina) c’erano gli USA, e che l’Unione Europea stessa era una creatura americana.

Il 16 aprile scorso, Friedman ha scritto un editoriale su “Mauldin Economics“, un sito di business intelligence, poi ripreso da Business Insider in Uk, occupandosi di NATO. La tesi è la seguente: la NATO è nata come alleanza militare per contrastare la minaccia sovietica, ma l’Europa non ha mai investito nella costruzione di un’organizzazione militare adeguata. Il suo Prodotto Interno Lordo aggregato supera quello degli Stati Uniti, ma per la sua protezione si è sempre affidata al comando militare degli americani, sviluppando un sistema di “potere morbido” basato sulla diplomazia e sulle sanzioni. Oggi, quell’alleanza militare non ha più senso e gli USA non possono più sopperire all’inadeguatezza militare dell’Unione Europea, che non ha ancora sviluppato un’unica struttura di comando. Quindi la Nato andrebbe sciolta. L’articolo di Friedman segue le dichiarazioni del candidato alle presidenziali USA Trump, sulla stessa linea.

Simone Zanette ha tradotto per Byoblu l’articolo del Business Insider.

GEORGE FRIEDMAN: LA NATO È UN’ILLUSIONE

“L’affermazione di Donald Trump in base alla quale l’Europa non sta pagando la sua “giusta quota” e che lo scioglimento della NATO sarebbe auspicabile, è stata accolta con grande preoccupazione in Europa. La Russia ed il Medio Oriente rappresentano oggi serie minacce per la sicurezza del vecchio continente che, ad eccezione di una NATO in pieno stato confusionale, non è in grado di opporre una risposta militare integrata. La NATO è un’alleanza militare, ma l’Europa ha permesso che la sua capacità militare si indebolisse drammaticamente. Molti Stati Euopei vedono nella NATO il pilastro della loro sicurezza nazionale. In altre parole, dipendono dagli Stati uniti che sono l’unico membro NATO in possesso di una capacità militare capace di imporsi a livello mondiale. Oggi in Europa ci si preoccupa del fatto che gli Stati Uniti abbiano perso fiducia nella NATO e che questa, a sua volta, abbia perso il suo ruolo storico di garante delle sicurezze nazionali. Io penso che abbiano ragione e vi spiego il perché”.

L’Europa è il “potere morbido” della NATO

“Al momento della sua fondazione l’Europa ha voluto che la NATO fosse un meccanismo per approvare e coordinare le operazioni militari e per questo hanno voluto avere voce in capitolo su come i suoi membri, inclusi gli Stati Uniti, usavano il loro potere militare. Tuttavia la forza militare degli Stati Europei era così debole che rendeva la loro partecipazione nella NATO un fatto più che altro simbolico. Nel tempo la NATO è diventata sempre meno un fattore cruciale nelle decisioni militari degli Stati Uniti e l’Europa ha compensato questo fenomeno attribuendosi capacità diplomatiche più sofisticate di quelle dei cowboys americani. In Europa ha così preso piede un concetto che potremmo definire di potere morbido che comprende sanzioni, la mobilitazione dell’opinione pubblica e ogni altra strategia che eviti l’azione militare. L’Europa ha così cercato di perseguire una strada meno costosa per diventare una potenza su scala mondiale”.

“Tuttavia, il poter morbido si è rivelato un modo per non confrontarsi con la realtà dei fatti. Nel momento in cui la Russia ha accresciuto il suo potere ed il Medio Oriente ha cominciato ad insinuarsi nel cuore dell’Europa, quest’ultima ha scoperto che il potere morbido era semplicemente una risposta …troppo morbida! Quello di cui aveva bisogno era un potere forte che però, fatta una piccola eccezione per Gran Bretagna e Francia, era in dotazione solamente agli Stati Uniti. Ai politici europei è mancata improvvisamente la capacità di imprimere il corso desiderato agli eventi e il mondo, in questo modo, è rapidamente scivolato fuori dal loro controllo”.

“Con riferimento al potere morbido la NATO ha cominciato ad assumere un ruolo per la quale non era stata designata. Alla caduta del comunismo gli Stati dell’Europa dell’Est hanno visto la partecipazione nella NATO non tanto come uno strumento per la difesa militare, ma come un modo per essere integrati politicamente in Europa. Le partecipazioni congiunte all’Unione Europea e alla NATO avrebbero così assicurato la transizione degli Stati da satelliti sovietici a paesi occidentali. Questa visione però non ha fatto i conti con il fatto che la NATO rimane un’alleanza militare all’interno della quale ci sono carri armati, bombardieri e piani di guerra. Integrare nuovi paesi nell’Europa Occidentale non è mai stato il suo scopo. La funzione della NATO era difendere militarmente questi Paesi e l’Europa tutta, ma questo obiettivo è passato in secondo piano, a mano a mano che la guerra è sembrata uno scenario sempre più lontano”.

La NATO non è più funzionale agli Stati Uniti

“L’Europa, tramite la NATO, si è sempre rifugiata sotto l’ombrello protettivo degli Stati Uniti ma oggi si trova improvvisamente davanti ad un alleato che non è più disposto  a spendere i propri soldi negli armamenti e lasciare all’Europa voce in capitolo. La questione non è la NATO in sé ma la relazione di difesa tra Europa e Stati Uniti. La NATO, disegnata dopo la Seconda Guerra Mondiale, è diventata ormai una cornice desueta per questa relazione. Nell’immediato dopoguerra gli Stati Uniti superavano l’Europa sia in termini economici che in termini militari. L’Europa poteva oggettivamente offrire poco alla difesa comune mentre gli Stati Uniti avevano grandi capacità e soprattutto un forte interesse nel prevenire un allargamento ad Ovest dell’allora potere sovietico. In virtù di questa situazione, gli Stati Uniti hanno largamente ampliato il potere militare preparandosi ad un potenziale conflitto sul territorio europeo mentre l’Europa si accollava il rischio più grosso: quello dell’essere invasa. Questo è stato il motivo per cui è stata creata la NATO, motivo che con la caduta dell’URSS e con la firma del trattato di Maastricht, che di fatto ha sancito la nascita dell’Unione Europea, ha perso la sua ragione di esistere”.

L’Europa è troppo complessa per potersi difendere

“La popolazione totale dell’Europa è di poco superiore ai 508 milioni mentre quella degli Stati Uniti è di circa 320 milioni. Il PIL Europeo è di 18,45 trilioni di dollari mentre quello Americano è di circa 18,30 trilioni di dollari. In altre parole, l‘Europa e gli Stati Uniti si equivalgono in ricchezza mentre l’Europa ha circa 200 milioni di persone in più. Non c’è quindi nessuna ragione per cui l’Europa non si debba dotare di una capacità militare pari o addirittura superiore a quella degli Stati Uniti. Se negli anni cinquanta la situazione di sudditanza degli Stati Europei poteva essere giustificata dai numeri, oggi questa situazione non è più sostenuta dai fatti. La posizione attuale, piuttosto che da elementi oggettivi, è perpetrata da decisioni politiche che consentono il perdurare dell’asimmetria tra gli impegni militari UE e USA all’interno della NATO. Il punto cruciale, o il problema strutturale, è che all’UE manca una dimensione comunitaria della politica di difesa, nel momento in cui le questioni militari rimangono in capo ai singoli Stati membri. La nazione più importante, la Germania, che dovrebbe essere la maggiore contribuente alla spesa militare europea, non solo non assolve a questo compito ma addirittura destina risorse insufficienti persino alla propria sicurezza interna. Allargando lo sguardo vediamo che la Gran Bretagna sta tagliando le spese della difesa e la Francia, che pure sta incrementando la spesa militare, rimane con un esercito  sottodimensionato. In teoria alla NATO dovrebbe essere destinato il 2% del PIL da ogni stato europeo, ma pochi lo fanno e la media comunitaria è ben lontana da questo dato. Dall’altra parte dell’Oceano gli Stati Uniti contribuiscono invece per il 2,7% del loro PIL. In conclusione, il fatto straordinario non è tanto che Trump abbia evidenziato questa disparità, ma che abbiamo dovuto aspettare Trump per mettere sul tavolo questo problema”.

L’Europa deve prendere il comando ma non ne è in grado

“Durante il periodo della Guerra Fredda la missione della NATO era chiara: difendere l’Europa Occidentale da un potenziale attacco sovietico. Le alleanze militari funzionano meglio se gli obiettivi sono semplici. Nel nostro caso la missione militare è venuta meno ma l’alleanza rimane in essere. Mancando una chiara e impellente missione militare, l’Europa è diventata sempre più riluttante nell’investire nella difesa e il bisogno di protezione militare è parso molto lontano dalle reali esigenze del continente. Negli ultimi tempi i Russi stanno rivendicando il loro posto di primo piano nella storia e l’ISIS sta prendendo di mira le capitali europee. Non è chiaro ancora quale sia la migliore risposta a queste minacce, ma certamente questa è una sfida che richiede una adeguata capacità militare. L’Europa ha sempre reputato esagerata la risposta degli Stati Uniti ai fatti dell’11 Settembre, non ritenendo, dal suo lato, di essere un bersaglio del terrorismo: ora invece lo è diventata! In questi giorni, la paura degli attacchi terroristici non ha tanto a che vedere con il numero di morti, quanto piuttosto con il dover fare i conti con attentati che possono avvenire in qualsiasi posto e in qualsiasi momento. Uno Stato che non reagisce in maniera ferma e rapida alla minaccia che il terrorismo porta all’interno dei suoi confini, perde legittimità e fiducia tra i suoi cittadini e tra i suoi alleati”.

“L’Europa deve prendere l’iniziativa, dal momento che gli Stati Uniti hanno deciso di non essere più la nazione che fa la prima mossa. Nel caso della Siria gli Stati Uniti sono preparati all’uso della loro forza aerea, ma non dispiegheranno da soli tutte le forze necessarie per riportare la pace nel paese.  Gli Stati Uniti, al contrario, vogliono che i partners NATO si prendano maggiori responsabilità all’interno dell’alleanza e, se giocheranno una parte, non sarà più quella del leader. L’Europa però non è in grado di assumere un ruolo di primo piano perché non ha le truppe, non ha i mezzi e non ha le motivazioni per farlo. Per questo motivo l’Europa continuerà ad optare per soluzioni morbide, evitando così la responsabilità e l’onere di scelte forti e, quand’anche lo volesse, non sarà in grado di agire in maniera decisiva per molti anni a venire. Così come per il caso russo e per la situazione in Ucraina, gli Stati Uniti stanno prendendo l’iniziativa assieme alla Polonia ed alla Romania, ma la geografia impone che gli USA non possano essere l’attore principale nel vecchio continente”.

“Le radici della NATO si sono ormai inaridite e l’impegno europeo nei confronti dell’alleanza atlantica non è più credibile. La volontà degli Stati Uniti di operare all’interno del perimetro NATO è venuta a mancare da molto tempo e non vi è una strategia e una visione unitaria all’interno dell’alleanza. La NATO potrebbe essere riattivata ma è difficile capire se ci sia una visione unitaria e la volontà di farlo. Le istituzioni sovranazionali non muoiono: continuano ad avere riunioni a cadenza annuale così come il prossimo summit NATO di luglio in Polonia. Ma che cos’è un’alleanza militare senza un esercito e senza una missione? Puro anacronismo.

“L’Europa ha ben chiaro il problema ma non vuole affrontarlo perché è un compito troppo impegnativo. Tuttavia il problema non si risolve da sé. Piuttosto, ciò che rischia di sciogliersi è l’alleanza tra gli Stati Uniti e l’Europa, che sta diventando semplicemente un’illusione. Le minacce provenienti dalla Russia e dal terrorismo non scompariranno semplicemente ignorandole, ma al contrario saranno sempre più difficili da gestire. La buona volontà e le parole non potranno risolvere il problema. Credo che durante il ventesimo secolo l’Europa abbia perso la capacità di operare scelte decisive e forti. Per più di mezzo secolo le cose che l’Europa doveva fare erano infatti relativamente semplici. Ora non lo sono più. Siamo tutti convinti che ci sia bisogno di fare qualcosa, ma siamo anche certi che questo qualcosa non verrà fatto”.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

5 risposte a Gli Usa vogliono sciogliere la Nato?

  • 4
    Alberto

    Perfettamente d’accordo con Friedman sulle conclusioni: la NATO va sciolta, yankee go home!
    Il terrorismo in Europa l’ha portato la NATO a guida USA, che sfacciatamente finanzia i terroristi direttamente e indirettamente, tramite i suoi amici-canaglia come i sauditi. quatarioti e il pazzo Erdogan.
    Via la NATO e via i fascisti-colonialisti francesi e inglesi, e immigrazione e terrorismo sono automaticamente risolti. Ma soprattutto via i delinquenti neocon americani e tutti i burattini delle loro banche criminali, come la famiglia Clinton. Friedman, hai ragione, bye!

  • 3

    Classico assioma statunitense “La Russia è un nemico pericoloso”, minaccia sovietica ecc.
    Ma per noi europei sono più pericolosi i russi o gli statunitensi?
    E per il resto del mondo?
    E chi è l’imperialista?
    Continuano a propinarci questa “amnesia selettiva” dove i mantra dei media vorrebbero sostituirsi all’osservazione degli avvenimenti che abbiamo davanti tutti i giorni.
    E appena ci giriamo hanno pronta qualche supposta tipo TTIP da metterci, col sorrisone dello zio Sam sempre pronto…

    • 3.1
      Dynamite

      La Russia è il partner naturale dell’Europa. Gli ameri-cani sono il problema. No TTIP con tutte le nostre forze e No guerra No NATO. Io sogno un’EuroAsia integrata, ricca di bellezze naturali e di cultura prima che di ricchezza monetaria.

  • 2
    cosimo

    intorcinamento di capoccia finalizzato all’allargamento del mercato delle armi americane in Europa?

  • 1

    il suggerimento di friedman è anche quello di sottolineare che l’eurogenford è necessario? ma che equilibristi son mai questi?

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

M5S: “THE ALDE AFFAIR” SPIEGATO A CHI ANCORA NON L’HA CAPITO

M5S - THE ALDE AFFAIR SPIEGATO A CHI ANCORA NON L'HA CAPITOIn molti ancora non si spiegano come sia stato possibile per il Movimento 5 Stelle il fallito tentativo di entrare nell'ALDE, il Gruppo Politico Europeo più europeista che c'è. È comprensibile: le istituzioni europee sono lontane, opache e volutamente complicate. In questo video cerchiamo di fare chiarezza sulle questioni tecniche...--> LEGGI TUTTO

CHIESA E MESSORA SU UE E MES: LA POLITICA NON ESISTE PIÙ.

Chiesa Messora su UE e MES - La politica non esiste piu - playGiulietto Chiesa e Glauco Benigni intervistano Claudio Messora sul MES, il Meccanismo Europeo di Stabilità altrimenti detto Fondo Salva Stati, e sul finire lanciano una proposta di giornalismo investigativo per identificare i gruppi di potere che si nascondono dietro i gruppi di lavoro nella Commissione Europea. ...--> LEGGI TUTTO

“Abbiamo fatto tremare il sistema come mai prima”…

Come tremano Dopo la colossale figura di palta, anziché una letterina di scuse per avere esposto tutto il Movimento 5 Stelle al pubblico ludibrio, a un fallimento politico colossale e avere rovinato irrimediabilmente i rapporti nel Gruppo Politico dove M5S Europa risiede, l'Efdd, arriva questo testo sul blog...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Anche il ministro del Tesoro UK, contro la Brexit, adesso passa tra i grandi speculatori

Ministro del Tesoro UK - Non voleva la Brexit - Ora passa in BlackRock Un altro leader politico europeo (cfr: "E Barroso passa a Goldman Sachs! Taaaaac!") imbocca la cosiddetta “porta girevole” dell’alta finanza. George Osborne, per sei anni ministro del Tesoro britannico fino al referendum sull’Unione Europea del giugno scorso, ha accettato un’offerta della BlackRock per diventare consulente del...--> LEGGI TUTTO

Le fake news su Trump di Repubblica e la post-verità di Michele Serra

di Massimo Mazza L’amaca di Michele Serra è finita in cima alla prima pagina di Repubblica, ma questo non ha evidentemente incentivato il giornalista a migliorare la qualità della sua striscia quotidiana, che oggi registra l’ennesimo scivolone figlio d’approssimazione e ignoranza dei temi...--> LEGGI TUTTO

Gentiloni, il Presidente del Consiglio che vuole cedere sovranità all’Europa – Diego Fusaro

Gentiloni vuole cedere sovranità all'europa di Diego Fusaro Ora è ufficiale: Sergio Mattarella ha scelto Paolo Gentiloni per formare il nuovo governo in seguito alle dimissioni di Matteo Renzi sconfitto al referendum costituzionale dello scorso 4 dicembre. Lo stallo, dunque, è superato. Mattarella ha sostenuto con enfasi, al...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Sovranità vs Inflazione – Scontro plastico tra Marco Mori e Salvo Cozzolino

Mori Vs Cuzzolino - Sovranità vs InflazioneMarco Mori vs Salvo Cozzolino è uno scontro che mette in scena il classico campionario degli argomenti contro la sovranità monetaria: inflazione, debito, helicopter money e tutto il resto. Solo una precisazione aggiuntiva per Cozzolino: qualcuno gli dica che dal 1946 al 1970 l'economia andava bene, anche in condizioni di...GUARDA

Lupi ai Cinque Stelle: il referendum sull’euro non lo farete mai. Solo demagogia!

Maurizio Lupi, durante le dichiarazioni di voto per la fiducia alla Camera sul Governo Gentiloni, si rivolge ai Cinque Stelle accusandoli di demagogia, e spiega perché il referendum sull'Euro non si può fare....GUARDA

CARLO SIBILIA: LA PSICOSI DEL MOVIMENTO 5 STELLE

"Io questa psicosi non la capisco: volere necessariamente addossare delle responsabilità al Movimento 5 Stelle, che ce le ha, se le stra prendendo, sta lavorando, abbiamo già fatto delle cose nel Comune di Roma e saranno i cittadini, quelli che sono deputati a decidere. È chiaro che noi...GUARDA

E PERFINO IL DIRETTORE DE L’ESPRESSO, TOMMASO CERNO, DIFENDE M5S: SOVRANITÀ AL POPOLO!

Tommaso Cerno, direttore de L'Espresso, si accalora e sostiene con passione la causa della sovranità popolare e del diritto dei cittadini di esercitarla attraverso il voto, e difende anche la posizione del Movimento 5 Stelle rispetto alla lotta che sta conducendo dentro e fuori dal Parlamento...GUARDA

TUTTI GLI UOMINI DEL PRESIDENTE… DEL PRESIDENTE PRECEDENTE – Walter Rizzetto alla Camera

Il discorso di Walter Rizzetto a Paolo Gentiloni per la fiducia del Governo Gentiloni alla Camera: "Il Partito Democratico incarica il Partito Democratico di formare un nuovo Governo del Partito Democratico, dopo le dimissioni del Governo del Partito Democratico per il referendum del Partito Democratico. Tutti...GUARDA

Come salveranno MPS passo passo, fino al decreto Gentiloni, spiegato da Dino Pesole del Sole24Ore

MPS Pesole Mes Come salveranno MPS e (probabilmente) invocheranno il Fondo Salva Stati (MES) con la scusa di mettere una pezza ai bilanci delle banche, spiegato da Dino Pesole del Sole 24 Ore.  (altro…)...GUARDA

Governo Gentiloni: cambiare tutto per cambiare in peggio.

La conferenza stampa di Paolo Gentiloni dopo l'incarico ricevuto da Mattarella ad esplorare la formazione un nuovo Governo. Nuovo Governo che, secondo lo stesso Gentiloni, si muoverà in continuità con il Governo precedente e con la stessa maggioranza. Un renziano al posto di Renzi. Come dice...GUARDA

Sergio Mattarella: La conferenza Stampa in diretta dopo le consultazioni

Sergio Mattarella: La conferenza Stampa in diretta dopo le consultazioni. ...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>