Quando il M5S era contrario alle querele.

Qualche giorno fa ho iniziato a farmi delle domande, a farle a voi e a farle ad alcuni portavoce M5S. Io amo il Movimento 5 Stelle, ho contribuito non poco a sostenerlo, a farlo crescere e lo conosco a fondo, da sopra, da sotto e di lato. Ho fatto delle domande scomode, certo. Ma l’informazione è il cane da guardia del potere (me lo ha insegnato proprio il M5S di Beppe e Gianroberto), e se il M5S si fa potere, deve avere il suo cane da guardia anche lui. Ho contestato un mutamento di linea sui grandi temi europei che è sotto gli occhi di tutti (e che ha portato anche alla sostituzione di un testo sul blog, da parte di qualcuno il cui nome prima o poi verrà fuori). Sono stato tra i primissimi a parlarvi della gravità del MES e dei trattati internazionali (anche sul blog di Grillo), anni fa, quando tutti urlavano “Ce lo chiede l’Europa“, ho fatto battaglie senza fine, negli ultimi 10 anni di blog, in difesa della sovranità e della democrazia, contro le sostituzioni dei governi e contro lo svuotamento dei parlamenti portato avanti da persone come Mario Monti. E l’ho fatte da solo, ma unito nello spirito a chi le condivideva. Non posso guardare un Movimento che, arrivato ormai in alto, si ammorbidisce, secondo il vecchio detto “nascere incendiari, morire pompieri”, fino a intavolare un dialogo con chi doveva semplicemente sostituire, “spazzare via”, arrivando perfino a fare appelli alla finanza internazionale. Il Movimento 5 Stelle era diverso perché faceva le dirette streaming e non faceva strategie (una strategia infatti non è compatibile con la democrazia diretta, perché la fanno in pochi e per definizione non deve essere trasparente). E perché ogni cosa veniva votata in rete (la votazione sull’elezione del Presidente della Repubblica fu esemplare). Oggi tutto questo mi sembra un ricordo lontano, mentre alcuni fanno tweet ambigui (che avrebbe potuto fare uno come Monti, e infatti li cancellano), incassano la stima dei nemici di una volta e sostengono che il problema non è una costruzione europea antidemocratica, ma sono i governi nazionali, i cui leader se non collaborano devono essere sostituiti.

Ho fatto alcune domande per scoprire il nervo dei cosiddetti “vertici”, che non sono e non rappresentano il Movimento, se è vero che uno vale uno. Ho chiesto una smentita secca e ho chiesto che venissero prese le distanze da quei poteri forti rappresentati dalla Commissione Trilaterale e dal professor Monti. Prima, a chi chiedeva spiegazioni sui profili social del M5S, veniva risposto “Ignorate Messora“. Oggi invece, anziché rispondere, magari con una bella diretta streaming di quelle di una volta, dove tutti gli attivisti – e non – possano fare le loro domande in maniera trasparente, hanno annunciato che mi quereleranno (qui il post del M5S su Facebook).

Non ho paura della loro querela, perché ciò che scrivo rientra nel campo della legittima critica politica. E in fondo significa che ho toccato davvero un centro nevralgico, perché dove la forza degli argomenti è lapalissiana, non solo non c’è bisogno di querelare, ma neppure di scomodarsi a giustificarsi. Ma Beppe mi è venuto in mente almeno per due ragioni. La prima è perché citava sempre Gandhi: “Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono, poi vinci“. La seconda è quando costruiva il consenso di un Movimento intorno alla libertà di espressione, al diritto di critica e attaccava lo strumento della querela.

Ecco, forse il fatto che i cosiddetti vertici del Movimento, anziché rispondere ai dubbi legittimi non solo miei ma di tante persone spiazzate, abbiano deciso di “querelare”, è la dimostrazione più evidente di quanto il Movimento sia cambiato, o meglio, di quanto le persone che si trovano nelle posizioni chiave siano inadeguate. Oltre ad avere commesso un errore di comunicazione clamoroso (uno dei tanti), che in passato non sarebbe mai stato commesso, hanno dimostrato di preferire l’uso della forza all’arma della ragione, perfino con la loro stessa base. Una roba che Berlusconi con Luttazzi, Santoro e Biagi era un dilettante.

Il Movimento 5 Stelle può ancora fare molto. A livello locale senz’altro (sempre grazie, Gianroberto). Ad alto livello, invece, vanno cambiate un po’ di mele marce: così tornerà ad essere di proprietà degli attivisti certificati, che torneranno a decidere ogni cosa in rete, magari dopo una bella diretta streaming, e non di pochi che danno l’impressione di sentirsi ormai onnipotenti, e che rischiano di trasformare di fatto un sogno bellissimo in un partito qualunque.

Vi lascio al Grillo vecchia maniera.

LA QUERELA AI TEMPI DI BEPPE GRILLO E GIANROBERTO CASALEGGIO

Tratto da Grillo 168 – Lo Scudo della Rete

Io vorrei tornare sull’argomento della querela, che fa parte ormai della mia vita professionale da anni. Mi ricordo che c’era un socialista in galera che mi diceva sempre: ”Appena esco di galera ti querelo!”. Ora i tempi sono molto cambiati. I socialisti al confronto erano dei bambini piccoli. Oggi c’è una tendenza incredibile. Possono succedere delle cose inimmaginabili. Un assassino tra condizionali, tra indulto e tra tutto può uscire di galera e, se tu ne fai menzione ricordando il fatto su un giornale o su un blog, o sulla Rete, puoi venire querelato dall’assassino. E ti chiede dei danni, magari milioni in danni. Il querelato rischia sempre una pena superiore al querelante.
Ora togli la parola “assassino” e mettici “bancarottiere”, “truffatore”, “mafioso”, il concetto non cambia. Rischia sempre di più chi dice la verità, magari come faccio io o come fate voi, che la gridate ogni tanto la verità.
Viviamo in un Paese stranissimo, dove un ometto come Schifani, protetto da Lodo Schifani e poi Alfano, può denunciare un giornalista come Travaglio, perché Travaglio espone dei fatti in televisione.
Quello che rischia più di tutti oggi siamo noi, della Rete. È la Rete. Come si fa a imbavagliare la verità? Ci sono milioni di post, milioni di filmati, milioni di commenti. Ci sono tre strade per imbavagliare la Rete, tre strade.
La prima è coi tentativi, ad agosto: 14, 18, 16 agosto. Emendamenti, sub-emendamento dell’emendamento. Modificare la legge sull’editoria, come hanno fatto questi squallidi di Levi, la Carlucci, D’Alia. Mi ricordo Gentiloni che diceva:”Non me ne sono accorto, perché stavo giocando a tennis con Ermete”. Ministri che non si accorgono di queste cose. La Rete se ne accorse e bloccammo, assieme a tutti i blogger, queste iniziative.
Oppure si può fare in altro modo. Mettendo la Rete in condizione di non operare. Come nel Quarto Mondo. 3000 comuni non hanno l’ADSL, per fare il WiFi devi gridare a voce, c’è più velocità e più Rete in un’isola qualsiasi dell’Oceano Indiano che non in Sardegna. Quindi siamo già nel Quarto Mondo quanto a comunicazione.
Oppure l’altra cosa è la diffamazione. Scrivi una cosa e sbagli un articolo, una virgola, metti tra virgolette una frase malmessa, ecco che scatta la diffamazione con milioni di danni. Questa è intimidazione: colpirne uno per colpirne cento. Scatta la querela. Questa famosa querela. Querela fatta dai ricchi verso chi non se lo può permettere. I politici, le persone con certi mezzi possono farla; chi la subisce generalmente ha dei problemi, qualche problema finanziario.
C’è il rischio oggi che un camorrista, stando agli arresti domiciliari, ma con un bravo avvocato, possa mandare in galera Saviano. È una cosa incredibile.
Fai una causa civile e chiedi dei soldi. Mi fai una querela per un milioni di euro. Bene, se la perdi mi paghi un milione di euro. Si deve rischiare. Non si possono usare le querele così, a scopo intimidatorio.
Ecco perché ho deciso di difendere i blogger. Non perché sono un altruista o un benefattore dell’umanità. Perché la Rete è un sistema che si può auto proteggere. Come? Possiamo benissimo autoproteggerci. Abbiamo lanciato questa forma di lotta di difesa che si chiama “Lo Scudo della Rete”, dove stiamo cercando i più bravi avvocati, quelli coi contro-coglioni, che siano un po’ motivati da certe cose e che possano dare un contributo a chi viene querelato nella Rete per qualche frase, qualche virgola o virgolette.
L’iniziativa si chiama “Scudo della Rete” e fornirà l’elenco di tutti gli avvocati che saranno disponibili sia a difendere, sia a prevenire la querela mediante delle informazioni corrette.
Vedete, io ho una certa esperienza sulla querela e ho degli avvocati ferratissimi, meravigliosi. Adesso sono sei mesi che non mi querela nessuno e ci sono i miei avvocati che mi chiamano e mi dicono: ”E allora Grillo, che vogliamo fare? Non si può lavorare così!”. Bene. I miei avvocati, che sono persone abituate a questo genere di esperienza, saranno a disposizione della Rete.
Noi non molleremo mai, e voi – parlo ai blogger e alla gente che frequenta la Rete – non dovete mollare assolutamente. Perché se mollate vi querelo tutti!
Arrivederci.

Io non ho mollato, Beppe, però queste cose dovresti spiegarle anche agli imbarcati del Movimento 5 Stelle e a quelli che non si ricordano più da dove vengono e che cosa rappresentano

p.s. siccome ultimamente sul blog di Grillo cambiano i post già scritti, dall’oggi al domani, ho fatto una screenshot, che non mi fido più molto: “Grillo 168 – Lo Scudo della Rete

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

68 risposte a Quando il M5S era contrario alle querele.

  • 38
    Felice Marra

    Secondo me semplicemente.. non puoi più fare l’equazione M5S=Beppe Grillo…

    purtoppo

    Non credo ormai che sia lui che decida le linee del m5s

  • 37
    Pierluigi Scabini

    L’uso della querela spesso è effettuato da chi non vuole argomentare cio che gli si pone davanti.
    Che il mondo fosse governato da un elite di “padroni planetari” che veicolassero il loro potere attraverso strutture politiche ed economiche lo intuito da quando ero adolescente, anni 80, secolo scorso. E allora era cosa difficile soltanto da dire; ricordo che quando esprimevo queste idee in genere venivo deriso. Ma il mondo non è solo in mano ai “padroni planetari”. Siamo noi esseri umani che vivendo una vita orientata sostanzialmente alla sopravvivenza, permette a dei tiranni di tiranneggiarci. Siamo sempre stati sopravvivenza nei nostri corpi-mente e mai libertà imperitura; se fossimo veramente libertà imperitura nei nostri corpi-mente, saremmo disposti a creare un nuovo noi stessi fatto di vera libertà con cui combattere per creare un novo mondo di nova coscienza e nova vita. Ma possiamo cambiare e alcuni su sto bel pianeta azzurro stanno cambiando………..
    Ma i poteri forti non mollano; e i poteri forti nel mondo spesso non hanno nemmeno un immagine di se nel mondo, sanno nascondersi bene.

    Ora io diversi anni fa fui felice della nascita di un m5s che faceva discorsi di vera libertà. Negli ultimi 4 0 5 anni il dubbio che il m5s fosse inquinato da poteri forti, attraverso alcuni, non tutti (bastano pochi in alcuni punti chiave), mi è venuto. Ed era ovvio per me da tempo che tutti gli altri partiti erano inquinati da poteri forti, ormai li ignoravo da tempo. Ma un bellissimo movimento come il m5s non poteva “portare con se” questo dubbio, era inammissibile. Va bene gli altri, lo sappiamo che sono, in alcuni vertici, servi di tiranni, ma non il m5s, non deve essere……. Persone come me, e altri, chiedevano al blog di beppe grillo di fare un incontro A VISO APERTO, NON SOLO IN RETE, a livello nazionale, con giornalisti agguerriti che ti fanno domande scomode, per dipanare un dubbio del genere (che il m5s, in alcuni suoi vertici avesse un legame con poteri forti occulti). Se fosse stato fatto questo incontro( ad esempio un incontro in cui si chiede a giornalisti di fare domande scomode su eventuali legami del m5s con poteri forti), e si avesse risposto a VISO APERTO, non solo in rete (non basta la rete a volte servono anche incontri fisici a 4 occhi), che il m5s non ha alcun legame con nessun potere forte, allora molti dubbi si sarebbero dipanati. Hanno risposto con dei post sulla rete che il m5s non ha nessun legame con poteri forti. Un incontro con giornalisti che ti fanno domande cattive su eventuali rapporti con poteri forti, quando sai benissimo di essere nella verita di cio che sei, che tali connessioni con poteri forti sono assoluttamente assenti e osteggiate, un incontro pubblico, in fisico, in cui dichiari la tua totale sconnessione con tali poteri, sarebbe servito, sarebbe stato utile al m5s.

    Ed è chiaro che se non esiste una connessione con poteri forti, il m5s sara favorevole a un referendum sull’euro, se restare o no nell’euro. Perchè CHIARAMENTE DOBBIAMO LOTTARE PER UNA NUOVA EUROPA, sono pronto a mangiare pane e cipolla per i prossimi dieci anni, se il popolo europeo vuole lottare veramente per una europa democratica; ad esempio un europa che ha una banca del popolo europeo che emette moneta del popolo europeo e non una banca di privati che mangia in testa agli europei attraverso il sistema euro.

    Quindi una nuova europa caro m5s va bene, va bene che ti metti dalla parte di una nuova europa, ma non puoi escludere di passare attraverso una dura lotta per ottenerla. Che credi che i tiranni tecnocrati e finanziari che sono legati ad essa, ti diranno “prego eccoti una nuova euoropa ci leviamo dalle scatole”. Per avere una NUOVA EUROPA NON BASTA UNA BATTAGLIA ISTITUZIONALE DALL’INTERNO. SERVE UNA BATTAGLIA ISTITUZIONALE DALL’INTERNO E UNA BATTAGLIA DALL’ESTERNO CHE PREVEDA ANCHE L’USCITA DEGLI STATI ATTUALI DALL’EUROPA ATTUALE. DOBBIAMO ESSERE DISPOSTI AD ANDARCENE DA QUESTA EUROPA FALSA CHE NON E’ EUROPA, MA DOMINO DEI POTENTI.
    Caro m5s devi essere disposto a lottare e proprorre anche il refernedum per l’uscita dall’euro e lavorare affinche altri popoli europei siano disposti a fare questo refernedum. IL POPOLO EUROPEO ATTUALE DOVREBBE INCARNARE QUESTA IDEA SECONDO ME: SIAMO DISPOSTI AD ANDARCENE DALL’EURO E DA QUESTA EUROPA DI FALSARI, PER TIRARCI SU LE MANICHE E ATTRAVERSO LA NOSTRA AZIONE ECONOMICA, POLITICA, SOCIALE COSTRUIRE UNA NUOVA EUROPA BASATA SU UNA VERA DEMOCRAZIA DIRETTA COME MAI NON E’ STAO NELLA STORIA DELL’UMANITA’, ESCLUDENDO I TIRANNI FINANZIARI E TECNOCRATICI CHE FINO AD ORA HANNO VESSATO IL MONDO, NON ATTRIBUENDO AL LORO DENARO ALCUN VALORE, PERCHE E’ IL RISULTATO DELLA LORO INTELLIGENZA PREDATIVA.

    Una tale NUOVA EUROPA, è frutta di una battaglia e di un essere disposti alla battaglia, che credi m5s che questo si possa fare semplicemente battendosi nelle istituzioni? Questa è una cavolata cosmica.
    Si può fare solo con una battaglia interna alle istituzione e una battaglia esterna alle istituzioni sostenuta da un popolo che vuole cambiare se stesso, la sua attuale condizione; quanto meno ci deve essere un sostegno popolare sufficente che è disposto anche a mangiare “pane e cipolla” per un pò e che sia disposto a cambiare se stesso per cambiare il mondo e generare cosi una nuova europa e quindi un nuovo mondo.
    Il referendum popolare per rimanere nell’euro o no, è l’inzio di questa battaglia per una europa nuova, è solo l’inizio, ma tutti gli stati “europei” attuali dovrebbero esseri disposti a farlo. Altrimenti ci raccontiamo balle…………, non credo si possa fare una semplice battaglia all’interno delle istituzioni. E chi lo racconta non mi da nessuna fiducia.
    Un caro saluto
    Pierluigi Scabini

  • 36
    socket

    Secondo me invece Messora è proprio quell’aria da contadinotto che ti rende simpatico, al contrario è proprio quando fai quello escluso dai Beatles che non ti seguo. Non servi a un caxxo nel Movimento fattene una ragione oppure candidati e fatti eleggere. Sei un buon giornalista e investigatore e a parte questi bad trip infantili alla DonBaki – Celentano perché piuttosto per raggiungere il grande pubblico non tenti adesso anche con la televisione dato che molti hanno un computer ma con la qualità di connessione che abbiamo in Italia dopo un po’ spengono e accendono la tv?

«12

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Vota Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Mancano poche ore! Hai votato!?

macchianera internet awards 2016 vota byblu Vuoi contribuire in qualche modo a far conoscere questo blog? Ci sono tre giorni di tempo per votare Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Votate per almeno 10 categorie e usate un vostro indirizzo email reale, altrimenti il vostro voto sarà nullo. Byoblu si trova nella categoria "30....--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Renzi vs Gruber: volata finale sul Referendum

Renzi Gruber Referendum Otto e 1/2 Sintesi dell'intervento di Matteo Renzi, questa sera, a Otto e Mezzo, per la volata finale sul Referendum Costituzionale....GUARDA

La Santanché furiosa sui pallisti Pd diventa una bestia

la santanche furiosa sui pallisti pd diventa una bestia Daniela Santanché si infuria a Coffee Break sul voto di Forza Italia alla Camera sulla Riforma Costituzionale, e chiede il fact checking. Guarda anche: ...GUARDA

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì Le cojonate di Franceschini e Poletti, ministri della cultura e del lavoro, a Tribuna Politica di Semprini, nel tentativo imbarazzante di difendere le ragioni del sì al Referendum Costituzionale, fanno sembrare le forziste Laura Ravetto e Anna Maria Bernini due emerite costituzionaliste. Tante fesserie tutte insieme...GUARDA

Scontro Berlusconi Berlinguer sul Referendum: “Qualcos’altro da aggiungere?”. “Sì: sarebbe un regime!”

Berlusconi Berlinguer Referendum Scontro tra Silvio Berlusconi e Bianca Berlinguer, che non gli permette di elencare le ragioni del No al Referendum Costituzionale. - "Ha qualcos'altro da aggiungere?". - "Sì... Sarebbe un regime!"....GUARDA

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi Diego Fusaro: "Se al Referendum Costituzionale vince il sì, come vogliono le élite, distruggono la Costituzione, desovranizzano lo Stato e impongono l'Unione Europea come Banca Centrale che decide per tutti. Se vince il no l'élite ha pensato anche al piano B, perché il popolo si sta...GUARDA

MELONI A RENZI: SCIOCCATA DA QUANTO SEI BUGIARDO!

giorgia meloni vs matteo renzi sei un bugiardo Giorgia Meloni si scontra violentemente con Matteo Renzi, durante la campagna per il referendum costituzionale, sul Porcellum e sulle liste bloccate, che Renzi sostiene di avere tolto dall'Italicum....GUARDA

Silvio Berlusconi su Beppe Grillo: “Non posso parlarne bene”.

Berlusconi su GrilloSilvio Berlusconi su Beppe Grillo a Matrix: "Mi piace parlare delle persone quando posso parlarne bene. Quando devo parlarne malissimo, ...evito". ...GUARDA

Nino Galloni mena schiaffoni anche alla Presidenza del Consiglio

galloni marattin Nino Galloni si scontra con Luigi Marattin, consigliere economico della Presidenza del Consiglio di Matteo Renzi, su banche, Referendum, privatizzazioni, debito pubblico, mercati e scenari catastrofici....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>