Italia Oscura: la storia che non c’è sui libri di storia!

La storia che non c’è sui libri di storia. L’Italia oscura, il lato ombra di Cavour, Mazzini, Garibaldi e dell’unificazione d’Italia che a scuola non ti insegnano e che le istituzioni non amano ricordare, raccontato attraverso documenti e memoriali ufficiali del capo dei servizi segreti di Cavour, dall’ambasciatore britannico a Torino, e di come le mafie e la camorra abbiano giocato un ruolo chiave nell’unità d’Italia, e del genocidio che ne è seguito. Un appuntamento imperdibile con uno dei più grandi giornalisti italiani viventi, Giovanni Fasanella. Perché conoscere la storia – quella vera – aiuta a non ripetere gli stessi errori.

Per chi volesse vedere il video su Youtube: questo è il link da cliccare.

ITALIA OSCURA, LA STORIA CHE NON C’È SUI LIBRI DI STORIA

Molti ricordano ancora la nostra ultima intervista, che risale al novembre scorso, relativa al tuo libro “Colonia Italia“. Era la storia di come i Servizi Segreti di sua Maestà la Regina avessero influito sulla storia di questo Paese, da Enrico Mattei, passando per Aldo Moro e per le Brigate Rosse. Adesso sei andato ancora più indietro, il tuo nuovo libro si chiama: “Italia Oscura” e mostra come la stessa unificazione dell’Italia, con le sue figure di riferimento, Mazzini, Garibaldi, Cavour, abbia seguito percorsi molto meno limpidi di quel che si crede.

Giovanni Giolitti scriveva, nelle sue memorie, che “non è bene aprire gli armadi del Risorgimento perché sono pieni di scheletri e si rischia di sfatare leggende che sono belle“. Si riferiva a un aspetto della nostra storia del Risorgimento che è molto imbarazzante, ed è questa la ragione per la quale è stato poco raccontato dalla storiografia. Aspetti che rivelano un’origine delle patologie, che ancora oggi colpiscono l’Italia, che hanno una radice già nel modo stesso in cui l’unità d’Italia venne realizzata. E mi riferisco alla fragilità della nostra indipendenza, cioè al condizionamento esercitato sul nostro Paese da interessi stranieri, già allora! Mi riferisco inoltre alla tendenza di usare i Servizi Segreti per scopi impropri – se possiamo dire -, al rapporto tra Servizi Segreti e la criminalità organizzata, al rapporto tra lo Stato e le mafie. In questo libro si indaga – per esempio – anche il ruolo che le mafia e la camorra ebbero in Sicilia e Campania all’epoca della spedizione dei Mille.

IL MEMORIALE DEL CAPO DEI SERVIZI SEGRETI DI CAVOUR: CURLETTI.

Da dove cominciamo?

Da un documento-chiave di questo libro, che abbiamo trovato nell’archivio storico dello Stato Maggiore della Difesa. Era un memoriale che gli storici non avevano mai letto, scritto dal capo dei Servizi Segreti di Cavour (il padre del nostro Risorgimento, personaggio piuttosto spregiudicato che non disdegnava di utilizzare la polizia segreta per raggiungere i suoi scopi politici e strategici e ne fece un largo uso proprio in quella fase).

Il documento che abbiamo trovato allo Stato Maggiore della Difesa non ha la firma del capo dei Servizi Segreti di Cavour, ma nel frontespizio porta soltanto una sigla: “J.A.“. Ha un contenuto esplosivo, perché questo “J.A.” fece, per conto di Cavour, per conto del Piemonte e per la realizzazione dell’unità italiana, tutte le operazioni sporche, le operazioni di guerra non ortodossa. Partendo da quel documento abbiamo compiuto una sorta di viaggio a ritroso per capire la genesi e soprattutto per identificare il personaggio. E così abbiamo trovato il nome del capo dei poliziotti segreti di Cavour. Un certo Curletti

Che ha fatto questo Curletti?

Si parte con un episodio di cronaca nera. Cioè l’arresto a Torino, nella fase pre-risorgimentale (siamo verso la fine degli anni ’50 dell’ottocento) di un delinquentello. Venne arrestato dalla polizia perché indossava un cappotto che era troppo elegante per un balordo come lui. E da questo sospetto nacque un’inchiesta molto approfondita che via via portò ai livelli superiori. Il delinquentello portò a una organizzazione di ricettatori, perché era un cappotto rubato, parte di una refurtiva, poi rivenduto a questo piccolo balordo che l’aveva avuto così. E poi ancora, da questa organizzazione di ricettatori, si risalì a una vera e propria organizzazione criminale – assassini, ricettatori, grassatori – che agì a Torino fra il 1855 e il 1860. Il Magistrato che conduceva questa inchiesta – il Giudice Soardi – risalì a un livello ancora più alto. Accertò rapporti tra questa banda criminale di Torino – che si chiamava la “Banda della Cocca” – e ambienti della Questura di Torino. E via via si risalì sino al capo degli Agenti Segreti di Cavour, che era appunto questo Curletti, che utilizzava questa banda di criminali per le sue operazioni, e naturalmente in cambio aveva “lasciato fare”.

Ci fu un processo. Le cronache dei giornali dell’epoca lo seguirono a lungo. E in questo processo Curletti venne chiamato a deporre, cioè il capo degli agenti segreti di Cavour. Ma non si presentò, anche su indicazione dello stesso Cavour e del suo Ministro degli Interni. Ne nacque uno scandalo. Ci fu un lunghissimo braccio di ferro tra il Magistrato – che voleva assolutamente ascoltare in aula il Capo dei poliziotti segreti di Cavour – e il Governo piemontese che, invece, voleva proteggere l’agente segreto dai riflettori dell’opinione pubblica. Perché? Ed ecco che arriviamo al memoriale. Perché Curletti era stato impiegato da Cavour in alcune operazioni sporche, ad esempio i cosiddetti “Moti spontanei“, che in alcuni staterelli dell’Italia del nord e del centro – il Gran Ducato di Toscana… e così via – altro non erano che moti organizzati dalla polizia segreta di Cavour, finanziati dal Governo piemontese. Erano insomma degli agitatori, agenti provocatori. E poi, dopo i moti spontanei che avevano portato alla caduta dei Governi degli staterelli dell’Italia pre-unitaria, si erano poi distinti in altre operazioni sporche, come i brogli elettorali nei plebisciti per l’annessione di quegli Stati al Regno del Piemonte e così via.

C’è una sequenza davvero impressionante di operazioni sporche attuate dalla Polizia dei Servizi Segreti di Cavour e dal suo – diciamo – agente più importante che era questo Curletti. Ecco perché non volevano che andasse a deporre! Ma il Giudice Soardi, nel lungo braccio di ferro con il Governo, riuscì a ottenere che arrivasse a Torino (e tra l’altro all’epoca era impegnato proprio in operazioni in Sicilia perché si stava preparando la spedizione dei Mille). Non potendo più il Governo far finta di nulla, Curletti, credendosi ormai bruciato, scappò con questo memoriale, grazie al quale tentò un ricatto nei confronti del Governo stesso. Un ricatto che ebbe successo, perché Curletti riuscì a riparare all’estero e a rifugiarsi prima in Svizzera e poi in Belgio e in Francia, portandosi dietro i suoi segreti.

EUR
 Scopri altri metodi per donare: http://www.byoblu.com/sostienimi#comesidona

Questa storia di annessioni forzate e “spintanee” – anziché spontanee – mi ricorda la storia di altre annessioni che stiamo vivendo oggi.

Per carità! Nessuno mette in discussione il grande valore storico dell’unità d’Italia. Diciamo che i metodi con i quali sono stati ottenuti questi risultati, non sempre sono stati così… Anche perché quei metodi, poi si sono ripetuti. Quindi sapere come sono andate le cose è necessario per far sì che certi errori non si ripetano!

GIUSEPPE GARIBALDI E LA SPEDIZIONE DEI MILLE

E di Garibaldi che cosa ci dici?

L’azione di Garibaldi rientra in questo quadro. Garibaldi, con i suoi Mille, arrivò in Sicilia. Innanzitutto lo sbarco fu favorito dagli appoggi e dai finanziamenti che aveva anche in ambito internazionale, sia da parte della Massoneria che – in modo particolare – da parte del Governo inglese. Al largo di Marsala stazionavano navi della Marina militare britannica pronte a intervenire nel caso in cui la corruzione dei militari e dei membri della Corte borbonica non avesse ottenuto l’effetto sperato.

Qual era l’interesse degli inglesi nell’unificazione dell’Italia?

 

il resto della trascrizione sarà disponibile a breve! Intanto, guardatevi il video.

 

Ti sei ricordato di sostenere l’informazione libera?

Sostieni queste interviste: fai una donazione libera adesso

EUR

Scopri altri metodi per donare:
http://www.byoblu.com/sostienimi#comesidona

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

13 risposte a Italia Oscura: la storia che non c’è sui libri di storia!

  • 9
    Giorgio

    Sostanzialmente vero, l’unità d’italia fu voluta e “aiutata” in molti modi dalle grandi potenze dell’epoca.
    Scelti come mandatari i savoia (dei miserabili ma non c’era di meglio) fecero l’italia con pochi avventurieri e grandi, grandissime manovre dietro le quinte.
    Sempre sulla testa di un popolo cui dell’unità non importava un bel niente oggi come allora.
    Leggetevi l’autobiografia (memorie) di Garibaldi (usato e gettato) e tra le righe troverete gli stessi concetti.

  • 8
    claudio

    mmmm. Qualcosa non mi torna. Anche Pino Aprile nel libro Carnefici cita molte analogie, e al programma “Le storie” raccontò di una repressione violenta da parte dell’esercito nei confronti della popolazione meridionale. Però venne smentito dal conduttore, Corrado Augias, la quale disse che una cosa del genere sarebbe stata improbabile.
    Ops, e già due che ne parlano con tanto di prove.
    Non è che per caso la verità sia proprio quella, e non l’altra propagandata di libri di scuola?

  • 7
    Illaeli

    Ma non riescono a vendere senza ‘ste boiate???
    La nuova entrata in scena da parte dell’Inghilterra (secondo questo Scrittore) ha inaspettatamente generato il paradosso della guerra dei sette anni, il paradosso delle guerre napoleoniche, il paradosso della guerra franco-prussiana, in mezzo mettiamoci questo pseudorisorgimento, la prima guerra mondiale, la seconda, e ora la recente che non so ancora come definirla, da una parte la francia e la germania e dall’altra gli “anglofoni occidentali”. E senza sfogliare una pagina di questa perla di revisionismo.
    Sono secoli che francesi inglesi e tedeschi giocano a carta, forbice e sasso e alleanze 2 contro 1 momentanee per poi scannarsi tutti e 3… essuù

  • 6
    Clesippo Geganio

    comunque sarebbe interessante rileggere e riscrivere anche la storia che portò l’Europa alla 1° e 2° guerra mondiale, si verrebbero a scoprire verità attuali anche dopo 100 anni, in sostanza non è cambiato nulla, solo evolute e ingegnerizzate forme e modalità coercitive per sottomettere popoli e nazioni.

  • 5
    Godot_74

    L’itaGlia è una Republbica fondata con la mafia.
    Cosa ci si poteva aspettare, anche oggi?

  • 4
    marina

    caro claudio,
    interessante …ma consiglio di cominciare a intervistare qualche anarchico perché la democrazia dai tempi dei greci è sempre stata tale solo per le elite, solo in un breve periodo della seconda metà del secolo scorso, sono riusciti ad ingannarci garantendo nei paesi occidentali un benessere diffuso alla maggior parte della popolazione, una manciata d’anni, nulla in confronto a duemila anni di soprusi. dove c’è un governo, dove c’è una gerarchia, dove c’è autorità…c’è sopruso. la realtà – che questo filmato conferma- è che aveva ragione cattaneo: l’Italia andava federata non unita. capiamo anche con questo filmato, perché vollero l’unità d’Italia! quello che vogliono le élite è sempre dannoso x la popolazione, può non sembrarlo in circostanze circoscritte ma lo è sempre nella sostanza.la storia dell’anarchia è stata molto forte in Italia ma non conviene a nessuno parlarne, conviene parlare dell’unica alternativa ammessa dal potere, il nemico giurato, cioè i comunisti autoritari, perché anch’essi fanno parte del sistema e lo alimentano. se passa se la visione anarchica sarebbe finita x tutti gli sfruttatori, per lo sfruttamento dell’uomo sull’uomo e sulla natura e l’ambiente che ci ospita.

    • 4.1
      xxx

      Marina hai una mente meravigliosa !

    • 4.2
      Clesippo Geganio

      anarchia? Ci ammazzeremmo uno con l’altro, più o meno come succede oggi in questa falsa democrazia.
      I sistemi politici, economici, finanziari ecc…. falliscono o trionfano solo per demerito o merito dell’essere umano.

  • 3
    cosimo

    il buon Fasanella evita di sottolineare che l’Inghilterra appoggiò Garibaldi solo per distruggere la potenza commerciale del Regno delle Due Sicilie. Il Piemonte servì gli interessi inglesi fino alle stragi della popolazione meridionale. Operazioni che portarono alla distruzione completa del Sud e la rapina delle ricchezze, proprio per evitare che l’apertura del canale di Suez favorisse il pericoloso concorrente commerciale che era il Regno di Napoli, quello dei fratelli d’Italia meridionali. Le organizzazioni criminali furono utilizzate non solo per favorire l’operazione di conquista , ma anche per mantenere il piede sul collo del sud per evitare che nel tempo potesse risorgere

  • 2
    Stefano L

    Sarebbe anche molto interessante riuscire a capire in che situazione socio economica era il sud al momento del’unficazione, era povera, era ricca, come vivevano?

  • 1
    michele antoni 12

    La storia scritta da uomini a convenienze personale. Mai ho creduto ne storie ne religione come il i RE le Reggine barone Conte Marchese tutte cose inventate per sfruttare i più deboli ma in tutto il mondo cesta to e ce anche oggi sfruttamento e bugie. I popolo sono ipocriti malati per fare ricchezze inutile come sono state inutile le piramite per opere li apprezzo ma per significato di nascondere oro ricchezze cibo no. Va rivisto tutto e riscritto il nascosto per convenienze politiche personale furbi ladri sfruttatori

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

La vittoria dell’informazione e i pericoli del dopo Renzi

claudio messora Il No al referendum costituzionale è la vittoria dell'informazione contro chi pensava che per convincere gli italiani a votare basta una comunicazione semplificata, comprensibile a un bambino delle scuole medie. La sconfitta di Renzi passa anche per una ipersemplificazione della Comunicazione che non ha convinto e...GUARDA

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Massimo D’Alema: è grazie a noi se M5S non ha vinto da solo!

Massimo D'Alema Massimo D'Alema fa la sua analisi del voto del referendum. Parla sarcasticamente delle rottamazioni di Matteo Renzi e afferma che se non ci fossero stati loro, il M5S avrebbe vinto da solo. ...GUARDA

I Cinque Stelle alla stampa: ora elezioni subito!

m5s-conferenza-stampa-iconaLa conferenza stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati dopo la vittoria del No al Referendum Costituzionale. Davanti ai giornalisti, a tarda ora, dopo le dimissioni di Matteo Renzi, si sono presentati Vito Crimi, Danilo Toninelli, Alessandro Di Battista e Giulia Grillo, per dire al Presidente della Repubblica...GUARDA

Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!

Renato Brunetta Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!...GUARDA

Galloni e Rinaldi al Quirinale: ora Mattarella stralci il Pareggio di Bilancio

Galloni Rinaldi Quirinale Nino Galloni e Antonio Rinaldi salgono al Quirinale per chiedere simbolicamente a Mattarella che ora rispetti la volontà del popolo e si adoperi per rispettare la Costituzione italiana, stralciando subito il Pareggio di Bilancio ora Mattarella stralci Pareggio di Bilancio...GUARDA

Salvini – Vittoria del popolo contro i poteri forti di tutto il mondo

Salvini referendum La prima dichiarazione dopo gli Exit Poll che danno la vittoria del No a 55%-59% è di Matteo Salvini, che parla testualmente di "una vittoria del popolo contro i poteri forti di gran parte del mondo"....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>