Ambiente e Sviluppo: ci vogliono 4 Italie per soddisfare la nostra fame di risorse!

Oggi è l’Overshoot Day, cioè il giorno in cui la popolazione mondiale ha già consumato tutte le risorse terrestri (frutta e verdura, carne e pesce, acqua e legno) che la Terra è in grado di produrre in un anno intero. Da oggi, il nostro pianete viene letteralmente sovrasfruttato, esattamente come chi fa chi va in rosso sul suo conto corrente per arrivare a fine mese, e il mese successivo si ritrova con un debito sulle spalle che aumenta sempre. A calcolare ogni anno l’Overshoot Day  è il Global Footprint Network, un’organizzazione di ricerca internazionale fondata da Mathis Wackernagel. Idealmente, il giorno del sovrasfruttamento in un mondo sostenibile dovrebbe avvenire almeno il 31 dicembre, per restare in pari con il tasso di sfruttamento possibile delle risorse naturali. Ogni anno, tuttavia, puntualmente ricorre prima. Nel 2000 avvenne a fine settembre, nel 2015 è stato celebrato il 13 agosto, quest’anno… è oggi.

Emettiamo più anidride carbonica nell’atmosfera di quanto gli oceani e le foreste siano in grado di assorbire e deprediamo le zone di pesca e le foreste più velocemente di quanto possano riprodursi e ricostituirsi“, evidenzia il Global Footprint Network: per soddisfare la domanda complessiva al ritmo attuale servirebbero 1,6 pianeti. E se tutta la popolazione globale vivesse come gli italiani, poi, ci sarebbe bisogno di 2,7 Terre, mentre se dovessimo provvedere a noi stessi da soli, ci vorrebbero 4,3 Italie. Cosa possiamo fare?

Vi ripropongo l’intervista che ho realizzato a Mathis Wackernagel nel dicembre del 2010, in una piovosa giornata di Milano. A distanza di sei anni, non abbiamo ancora capito niente.

Mathis Wackernagel del Golbal Footprint Network intervistato da Byoblu

Quanto ci vorrà ancora prima che la Terra si esaurisca del tutto?

 Con lo sovrasfruttamento biologico è una discesa sdrucciolevole. Non è tipo: “all’improvviso collassi” o qualcosa del genere… La pesca collassa in fretta, ma le foreste… puoi sovrasfruttarle per lungo tempo e si fanno sempre più rachitiche e brutte… oppure l’erosione che va molto lentamente e la produttività va giù e così via. Insomma, è una pendenza scivolosa, e questa discesa sdrucciolevole è già iniziata. Abbiamo sovrasfruttato le risorse planetarie per un po’ di tempo e in maniera più consistente da circa trent’anni più o meno. Alcuni paesi lo stanno già sperimentando in prima persona. Se pensi a posti come il Darfur o Haiti, sono aree dalle risorse estremamente limitate che non sono in grado, a causa di limitazioni finanziarie, di acquistare risorse da altri paesi, e così sono direttamente limitate da ciò che è disponibile entro il loro territorio, con conseguenze drammatiche sul loro grado di benessere. Questo è quello che accade se non prendiamo il problema delle risorse seriamente.

Se invece lo prendiamo seriamente, potremmo vivere abbastanza bene. Considerate questo: oggi ci sono tante persone in sovrappeso od obese quante ce ne sono che muoiono di fame. E infatti ci sono più o meno tante persone che muoiono per l’obesità e per le complicazioni legate al sovrappeso quante ne muoiono di fame. Questo dimostra l’assurdità della situazione. Questo non è altro che il sintomo… Ma se prendiamo la questione delle risorse sul serio e davvero iniziamo a pensare, come fossimo agricoltori, allora domandiamoci: qual è il nostro livello ottimale per il consumo di risorse? Perché se ne consumiamo sempre di più, e non ne abbiamo, ci scaviamo con le nostre mani una fossa. E il miglior consiglio che si può dare a chi si scava una fossa con le sue mani è “SMETTILA DI SCAVARE”! E per chiedersi cosa sta davvero succedendo, che cosa dobbiamo fare per uscire da quella fossa, un modo è quello di fare chiarezza sul nostro mondo e capire quanta natura abbiamo e quanta ne utilizziamo, e chiedersi se possiamo permetterci il deficit ecologico. E se non possiamo, allora facciamo un piano e chiediamoci dove dovremmo andare.

Ho fatto il vostro test per calcolare la mia impronta ecologica. Qual’è un risultato accettabile per quel test? Secondariamente: qual’è il tuo risultato? 

Vado in bicicletta al lavoro, cuciniamo pasti vegetariani…

Ma prendi…

...ma prendo molti aerei! Quindi è tremendo! Se tutti vivessero come me, ci vorrebbero più pianeti di quanti ce ne vorrebbero se tutti vivessero come gli americani. E’ un triste bilancio, potresti dire… Ma il mio punto di vista è: dobbiamo veramente guardare qual è l’interesse personale che viene leso quando non perseguiamo la sostenibilità. E in realtà sono proprio le organizzazioni, le istituzioni a non potersi spostare. Una città che non si prepara per il futuro, non sarà pronta per quel futuro. Un paese che non si prepara per il futuro, semplicemente non sarà pronto per quel futuro. Io ho gambe: posso andarmene. Una città e un paese non possono spostarsi.

Siamo egoisti. Pensiamo che quello che non produciamo, sia sufficiente comprarlo. Esportiamo i problemi.

Come farete ad avere successo con questa strategia, sapendo che nel corso degli ultimi anni il potere d’acquisto in Italia, se comparato con la media mondiale, è in costante diminuzione? In un mondo sempre più ipersfruttato e con un deficit italiano sempre più vasto, intendo un deficit ecologico, quali sono i vostri piani, con un potere d’acquisto sempre inferiore, per trovare le risorse che vi necessitano? Non sembra essere un piano molto lungimirante. Ripensatelo!

Hai avuto contatti con il governo italiano? Qualcuno ti ha dato retta in questo paese?

Non siamo molto attivi con il governo italiano. Abbiamo fatto sapere al Ministero dell’Ambiente che ci sarebbe piaciuto realizzare una collaborazione di ricerca per verificare se i nostri numeri rappresentano realmente l’Italia in maniera accurata, e io penso che sarebbe nell’interesse del vostro paese sapere se siete in deficit oppure no. E’ un po’ come quando ti occorre di sapere quanto oro hai in banca, per esempio, no? Quindi penso che sarebbe una buona cosa per l’Italia. Nessuno si è ancora messo in moto, ma in compenso stiamo lavorando ad un progetto con i paesi del Mediterraneo, e alcuni di loro hanno mostrato un discreto interesse, per esempio il Marocco. C’è anche interesse da parte della Turchia, abbiamo conversazioni in corso con persone della Giordania. A dire il vero la Spagna ha riesaminato la sua impronta ecologica da sola, qualche anno fa. Insomma: c’è un buon movimento! Voglio dire: ci sono così tanti paesi nel mondo, noi non ne facciamo una battaglia. Aiutiamo i paesi che vogliono avere successo, e quelli che vogliono semplicemente mantenere la loro attuale rotta, e pensano che sia una buona cosa per loro, gli auguriamo buona fortuna!

Come hai fondato la Footprint Network Organization?

Credo che tutto affondi nella mia giovinezza. Quando avevo circa dieci anni, accaddero due cose: la prima è l’uscita di un libro dal titolo “Limits to growth” (I limiti dello sviluppo, disponibile in inglese in questa riedizione). Ho semplicemente dato un’occhiata a come si stava evolvendo il mondo se non avessimo avuto cura delle nostre risorse. Me l’ha mostrato mio padre, mi ha fatto vedere le curve e io ho realizzato che sarei stato vivo, che nel corso della mia stessa vita avrei vissuto cambiamenti radicali se non fossimo stati attenti. E  questo, seppure bambino, mi preoccupò molto. Nello stesso tempo, nello stesso anno avemmo la prima crisi del petrolio. La Svizzera decise, come reazione, di istituire tre domeniche a piedi, una cosa molto eroica! A me, che ero un bambino, piacque molto. Furono tre giorni fantastici, veramente memorabili! E così, un futuro senza macchine, senza petrolio, agli occhi ingenui di un bambino sembrò una cosa estremamente positiva! Così pensai: perché il mondo non dovrebbe essere diverso? E probabilmente dovrà essere diverso!

E poi ebbi moltissime opportunità. Sono stato diverse estati in una fattoria, durante le vacanze, per capire meglio come funziona la natura, come si lavora con le mucche eccetera… Questo mi diede modo di sviluppare più di un apprezzamento della nostra stessa dipendenza dalle risorse naturali. Credo che l’impronta ecologica iniziò a uscire fuori, nel dibattito, all’incirca ai tempi della Conferenza di Rio, che per la prima volta portò la discussione sullo sviluppo sostenibile all’attenzione mondiale. Però, allo stesso tempo, non ebbero mai il coraggio di dire che abbiamo un solo pianeta a disposizione. Fondamentalmente, hanno dato una riverniciatina alle cose, hanno pensato che ogni cosa fosse stata sistemata e che questo era abbastanza. È buffo, dissero “tutto quello di cui abbiamo bisogno è uno sviluppo sostenibile”, ma andando a fondo e guardando i dettagli non c’era niente che si rapportasse ai vincoli sulle risorse. Una situazione davvero grave, ecco perché abbiamo pensato che, come contributo al dibattito, avere uno strumento che aiuti accuratamente a mostrare quanti pianeti abbiamo e quanti ne utilizziamo sarebbe un utile contributo.

Si è forse trattato di un contributo un po’ lento, e parliamo di vent’anni fa. Abbiamo iniziato a lavorare con i governi e proprio come una giovane persona impaziente – non più così giovane a dire il vero – vorrei che accadesse tutto molto più in fretta perché prima ci diamo da fare, più sarà semplice. E’ come con i biglietti aerei: se attendi l’ultimo minuto a comprare il biglietto, ti costerà davvero tanto!

 Cosa succederebbe se un giorno, all’improvviso, finisse il petrolio? Scoprilo in questo meraviglioso di libro di Mauro Corona

C’è stata anche qualche critica ai fattori che tenete in considerazione per calcolare…

Certamente! Io lo spero, che vengano fuori delle critiche.

State lavorando per raffinare il modello e aggiungere nuovi valori?

Io credo che la cosa più importante è che non siamo un organizzazione fideistica. Per favore, non credeteci sulla parola! Siamo un’organizzazione scientifica: metteteci alla prova! Insomma, le critiche ci sono sempre. Ci sono critiche valide, ci sono critiche sciocche, come sempre… Noi continuiamo a migliorare e a tenere in considerazione le critiche. Miglioriamo sempre la metodologia, e potrebbe essere migliorata certamente di più! Ogni anno facciamo passi avanti, facciamo uscire una nuova edizione… Potremmo fare salti quantistici, se avessimo più risorse, ma in ogni caso il nostro metodo mostra solide tendenze, e anche se lo cambiassimo la storia non cambierebbe poi di molto, perché sopra ogni altra cosa crediamo che il nostro metodo sia piuttosto una sottostima dell sovrasfruttamento che è in atto, non una esagerazione. A mano a mano che i risultati saranno migliori, sarà più facile che mostrino un’impronta ecologica più ampia e una minone biocapacità di base.

Tu credi davvero che l’umanità imparerà la lezione in fretta e cercherà di cambiare strada?

Io credo che in realtà si tratti di un messaggio di speranza, e cioè che se solo iniziamo a riconoscere i nostri stessi interessi più a fondo, potremmo ritrovarci in gran bella forma. Non è una battaglia perduta in partenza. Dobbiamo solo trovare le persone giuste, il messaggio giusto, e le cose possono cambiare abbastanza radicalmente. Per esempio, ci sono due paesi nel mondo che sono radicalmente diversi da tutti gli altri paesi che hanno il petrolio, solo perché hanno avuto un’intuizione. Non si tratta di ideologia, e neppure di pressione morale. È solo perché vedono il petrolio come un bene, una risorsa, e non come un guadagno. E semplicemente per questo, hanno rafforzato i loro conti in banca invece di spendere i soldi, e sono stati in grado di gestire le loro risorse molto di più a loro vantaggio piuttosto che essere prosciugati o cadere in cicli di dipendenza che preoccupano un paese come nel caso della Russia, del Venezuela, della Nigeria, o dell’Alaska, dove il denaro è stato semplicemente speso, se ne è andato e ora tutti ne sono più dipendenti. Quindi solo la visione giusta circa il significato di quello che è veramente di valore può fare una enorme differenza su come gestiamo le nostre nazioni.

Grazie per i tuoi sforzi.

Grazie anche a te per i tuoi sforzi.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

3 risposte a Ambiente e Sviluppo: ci vogliono 4 Italie per soddisfare la nostra fame di risorse!

  • 2
    Leonardo

    Una soluzione a questo problema mondiale è il venus project. Che cosa ne pensate?

    • 2.1

      Progetto troppo bello per potersi realizzare, principalmente per due motivi:

      1) Richiede abbondanza di risorse, che per 7,4 miliardi di persone, che NON abbiamo.

      2) Richiede molta più energia pro-capite di adesso, cosa che non è possibile produrre con le fonti rinnovabili, ne con i combustibili fossili.

      Tale progetto sarebbe possibile in un mondo abitato solo da una piccola frazione della popolazione attuale.
      La crescita demografica (circa 80 milioni di persone in più ogni anno) genera scarsità che ci porterà al disastro.

      E quando i Paesi occidentali, finalmente (per vari motivi), si riproducono di meno; questo vantaggio viene eliminato dall’immigrazione.

      In una società altamente automatizzata non ci sarà bisogno di miliardi di persone che oziano (e prendono vizi). Finiremo come gli Asini che rischiano l’estinzione, perché, quando essi non furono più necessari per il trasporto, nessuno li tenne più.

      Con le parole e la fantasia, si possono fare tutti i progetti possibili; poi quanto quantizziamo le risorse necessarie, vediamo che non sono più possibili.

  • 1

    Io ho studiato i problemi:
    energetici, ambientali e climatici mondiali;
    conosco “Global Footprint Network” e conosco i parametri che utilizzano.
    Il risultato è che il loro indice calcola un consumo delle risorse che è più del doppio del reale!
    Quindi, noi uomini non consumiamo ancora tutte le risorse che la natura produce in un anno!
    Chiaramente, a loro serve allarmare, se no i Paesi del mondo non diventano loro clienti!
    Chi ha studiato seriamente questi problemi, ed io l’ho fatto, vi posso assicurare che non è così!

    E Mathis W. dovrebbe sapere benissimo (se è onesto e conosce veramente la situazione), che andare in bici e mangiare vegano, non serve a ridurre la nostra dipendenza dai combustibili fossili o il foot print.

    Ma chiaramente non tutti possono fare studi approfonditi su questi argomenti e quindi, credono a tutte le cose che vengono dette.

    Cambiare si… ma meglio sapere come si deve cambiare veramente.

    Alla prossima

    Alessandro Pulvirenti

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Massimo D’Alema: è grazie a noi se M5S non ha vinto da solo!

Massimo D'Alema Massimo D'Alema fa la sua analisi del voto del referendum. Parla sarcasticamente delle rottamazioni di Matteo Renzi e afferma che se non ci fossero stati loro, il M5S avrebbe vinto da solo. ...GUARDA

I Cinque Stelle alla stampa: ora elezioni subito!

m5s-conferenza-stampa-iconaLa conferenza stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati dopo la vittoria del No al Referendum Costituzionale. Davanti ai giornalisti, a tarda ora, dopo le dimissioni di Matteo Renzi, si sono presentati Vito Crimi, Danilo Toninelli, Alessandro Di Battista e Giulia Grillo, per dire al Presidente della Repubblica...GUARDA

Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!

Renato Brunetta Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!...GUARDA

Galloni e Rinaldi al Quirinale: ora Mattarella stralci il Pareggio di Bilancio

Galloni Rinaldi Quirinale Nino Galloni e Antonio Rinaldi salgono al Quirinale per chiedere simbolicamente a Mattarella che ora rispetti la volontà del popolo e si adoperi per rispettare la Costituzione italiana, stralciando subito il Pareggio di Bilancio ora Mattarella stralci Pareggio di Bilancio...GUARDA

Salvini – Vittoria del popolo contro i poteri forti di tutto il mondo

Salvini referendum La prima dichiarazione dopo gli Exit Poll che danno la vittoria del No a 55%-59% è di Matteo Salvini, che parla testualmente di "una vittoria del popolo contro i poteri forti di gran parte del mondo"....GUARDA

Renzi vs Gruber: volata finale sul Referendum

Renzi Gruber Referendum Otto e 1/2 Sintesi dell'intervento di Matteo Renzi, questa sera, a Otto e Mezzo, per la volata finale sul Referendum Costituzionale....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>