Paolo Becchi: il fronte comune per il No al Referendum.

Renzi, Grillo, Salvini. Un autunno caldo per la politica si prepara, dopo un’estate tranquilla fino alla tragedia del terremoto. Partiamo proprio da lì, visto che i giornaloni e le televisioni hanno già finito il loro spettacolo e quasi più non se parla. Del resto la nostra è come scriveva Guy Debord “La società dello spettacolo“. Del resto, aggiungo, abbiamo una vecchia esperienza delle catastrofi che si abbattono sul paese e lo scriveva già nel 1951 quel grande vero comunista dimenticato che è Amadeo Bordiga. Dai su dite la verità, il nome non vi dice niente. Ebbene, dopo tutte le cavolate che avete letto in questi giorni, tanto per disintossicarvi, andatevi a rileggere Omicidio dei morti, per capire come bene funziona nel nostro Paese quella che Bordiga chiamava «l’economia della sciagura». E questa volta funzionerà ancora meglio. Il terremoto è un’occasione d’oro non solo per fare affari ma anche politicamente. Se Renzi riuscirà a dimostrare di essere in grado di gestire la situazione, avrà una carta notevole da giocare in vista del referendum che non può evitare, può solo dilazionare nel tempo nell’attesa del mese di ottobre quando la Corte si esprimerà sulla legge elettorale.

Le legge elettorale

La posizione indebolita del giudice costituzionale Barbera a causa della indagine per concorsi universitari truccati, nonostante la prescrizione, lascia il segno, e oggi chi è stato messo lì, grazie all’accordo tra M5s e Pd, per non toccare l’Italicum potrebbe ammorbidire la sua posizione e convincere la Corte a qualche ritocchino che a questo punto tornerebbe a tutto vantaggio di Renzi. Avrebbe così con terremoto e sentenza la possibilità di ricompattare il partito e di isolare D’Alema che in realtà – va pur detto – vuole solo vendicarsi perché il giovine gli ha preferito la Mogherini nell’incarico in Europa. Andare con il suo partito unito al referendum per il sì, questo credo sia l’obbiettivo immediato di Renzi ed è raggiungibile. Coloro che lo danno già per sconfitto sbagliano. La partita è tutta ancora da giocare.

Il blog di Grillo non esiste più

Grillo ha capito che dopo la morte di Casaleggio il Movimento 5 stelle è acefalo. Il figlio non è il trota ma non ha l’età. Voglio dire, potrà gestire benissimo Rousseau, la piattaforma informatica del Movimento, la farsa della democrazia diretta utile per i gonzi, ma manca dell’intelligenza politica del padre. Il blog di Casaleggio padre, così ricco e stimolante di idee (quanto mi manca…), non esiste più, si è trasformato nel blog monotono di un partito. Mancando la testa, almeno la pancia doveva restare e così Grillo ha cambiato un po’ i programmi, del resto lui può fare quello che vuole, un giorno dire che è per l’euro e il giorno dopo dire che è contro, un giorno proporre il referendum per l’uscita dall’euro, il giorno dopo dire che non va più bene e ci vogliono due euro diversi, e il giorno successivo di nuovo dire sì al referendum sull’euro, un giorno dire che è populista l’altro giorno no, non è più populista, un giorno lanciare l’idea di votare per il nuovo regolamento del nuovo partito pentastellato e poi bloccare tutto a tempo indeterminato, senza che nessun giornale fiati (ndr: a dire il vero senza che fiati neanche la base). Può decidere o meno di rispondere a Pizzarotti e farlo quando gli torna politicamente comodo, nel più totale disprezzo delle persone. Insomma, può dire e fare quello che gli pare che sinora comunque aumenta i consensi: sta creando una grossa bolla speculativa e non è detto che prima o poi scoppi.

Roma, la Raggi e la cuoca al potere di Lenin

Certo che se la Corte dovesse dare un aiutino a Renzi suggerendo, ad esempio, coalizioni al posto di liste, Grillo da solo se la può scordare la Presa del Palazzo d’Inverno. Comunque vadano le cose, il Movimento si gioca, se non tutto, molto a Roma e gli esordi non sono proprio esaltanti. Avrà anche ragione Feltri a dire che le mie analisi sulla giunta romana sono intempestive, ma dopo aver impiegato due mesi a parlare di nomine il fatto è che l’assessore al bilancio e il capo di gabinetto della giunta si sono dimessi. E si è verificato un effetto domino, con le dimissioni dell’amministratore delegato di Ama, nominato dalla stessa giunta, nonché del direttore generale di Atac. Ridicolo il tentativo di far passare dimissioni per revoche notturne, giochetti di politicanti da strapazzo. Ma ce ne rendiamo conto? A pochi giorni dalla formazione della giunta l’assessore al bilancio si dimette. È come se appena formato il governo Di Maio si dimettesse il suo ministro del bilancio, non farebbe una bella impressione, o sbaglio? Tranquilli. Al governo di Roma resta, perora, la Muraro, nominata assessore dell’ambiente, dopo essere stata tra le responsabili del disastro ambientale della capitale. E questa sarebbe la novità grillina? Preferivo «la cuoca al potere» di cui parlava Lenin, per indicare che tutti i cittadini sono in grado di occu-parsi del bene comune. Nomine molto discutibili, dimissioni di persone appena elette, contrasti interni al mini direttorio, con relative dimissioni. Se non fosse rientrato sulla scena Grillo con il Vinavil il M5s si sarebbe già frantumato in mille pezzi. Tutta propaganda piddina? Pensate pure come volete, c’è il rischio però che prima o poi gli italiani comincino ad aprire gli occhi e che giornaloni e televisioni finiscano di fare la corte a Di Maio e consorti. E allora saranno cavoli amari.

Salvini e il fronte comune contro Renzi per il referendum

Resta Salvini e qui il discorso si fa difficile. La Lega di un tempo non è morta, la base e una parte della dirigenza è ancora fortemente autonomista e in parte addirittura ancora secessionista. La svolta lepenista non può funzionare nel nostro Paese, ma anche l’Italia ha bisogno di un nuovo soggetto politico che ponga al suo centro l’interesse nazionale. E questo può nascere raccogliendo l’esperienza delle Lega in un nuovo soggetto politico più ampio. Al posto di una Lega Nord, una Lega d’Italia e per l’Italia che raccolga tutto quel vasto fronte sovranista che sta crescendo nel nostro paese, con la nascita un po’ dappertutto di piccoli partiti sovranisti, come ad esempio Alternativa per l’Italia, solo per citare l’ultimo esempio. La Lega non deve rinunciare al suo passato federalista, sarebbe anzi un errore, può pure continuare a rivendicare le autonomie, ma deve ripensare il suo programma in un’ottica sovranista, che ponga al suo centro non più la questione padana, ma quella nazionale. Un nuovo partito nazional-popolare, di opposizione che ponga come obbiettivi il recupero della propria sovranità,uscendo dall’euro e dall’Unione europea. Libero c’è già, ma un giornale può solo alimentare il dibattito pubblico, manca un partito forte e consistente che faccia una battaglia politica su questi temi. L’opposizione di Grillo è solo una farsa,e prima o poi gli italiani capiranno che è un imbroglio, come peraltro lui stesso ammette nel suo ultimo spettacolo. Ci vuole poco a stanarlo, basterebbe che Salvini proponesse non un’impossibile alleanza politica, ma un semplice fronte comune contro Renzi in vista del prossimo referendum, un nuovo CLN aperto a tutti per votare contro questa riforma della Costituzione e mandare a casa Renzi. Grillo molto probabilmente rifiuterà di aderire a questo fronte e in questo modo mostrerà a tutti che non gliene frega proprio niente del referendum, che ha fatto solo finta di raccogliere le firme per il no, tanto che le firme richieste non sono state raggiunte dal comitato per il no, ma solo da quello per il sì. Del resto ha fatto la stessa cosa raccogliendo le firme per il referendum contro l’euro, per poi buttarle. Tanto gli italiani si sono già dimenticati di quello che aveva promesso e cioè che a fine dello scorso anno ci sarebbe stato il referendum sull’euro. Ha mandato sì in giro per le spiagge il Dibba per il nuovo referendum, quello sulla Costituzione, ma solo per farsi un po’ di pubblicità estiva. Per battere Renzi al referendum sulla costituzione ci vuole ben altro: un fronte comune tra le opposizioni e se Salvini lo proporrà metterà alle corde Grillo. E nel caso al referendum dovesse vincere il sì sarà chiaro a tutti gli italiani di chi è la responsabilità.

Il Centro Destra

Non ho parlato di Berlusconi e di Parisi semplicemente perché dalle loro bocche non ho visto uscire niente di nuovo e in politica oggi bisogna sapersi rinnovare. Pensare di vincere con il programma di Forza Italia delle origini è anacronistico. E poi Parisi sarà anche il miglior fico del bigoncio, ma a me pare una fotocopia di Sala, e gli elettori hanno dimostrato a Milano di preferire l’originale. Non c’è spazio per una Forza Italia 2.0. Soprattutto non c’è spazio per i “moderati” in una Italia di arrabbiati. Insomma, la partita resta a tre e a Berlusconi non resta che aspettare e vedere dove gli conviene posizionarsi. Renzi, Grillo, Salvini. La partita più difficile la gioca Salvini, ma va pure detto che è quella più avvincente.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

3 risposte a Paolo Becchi: il fronte comune per il No al Referendum.

  • 2
    jenny

    Certo e votiamo in massa salvini. Ma siete pazzi ? non ho mai letto cos’i tante cavolate.

  • 1
    Santo Nalbone

    OTTIMO BECCHI.
    Certo che se il M5S si risvegliasse, assieme a Lega e FdItalia, il cambiamento radicale sarebbe a portata di mano.
    Altrimenti sarà necessario un grande travaso di voti da Grillo a Salvini.
    1) SOVRANITA’ MONETARIA
    2) MODELLO ECONOMICO KEYNESIANO
    3) ITALIA FEDERALE CON 20 REGIONI AUTONOME
    4) GREEN ECONOMY
    Tutto il resto conta poco.

    • 1.1
      Clesippo Geganio

      l’Italia è già federale, le 20 regioni fanno gli affaracci loro legiferando a sproposito, ci costano annualmente 150/170 MLD di euro!!!
      Invece di cassare le Province dovevano chiudere le Regioni, ma essendo i bancomat dei partiti fanno comodo ai politicanti che dal 1970 dissanguano le casse pubbliche.
      Parte consistente dei 2200 MLD di debito pubblico sono causati dalle dissennate “politiche” regionali.
      Altro aspetto non secondario è l’unità d’Italia, se vogliamo pesare in UE per farci rispettare quindi garantire i nostri interessi nazionali non dobbiamo suddividerci in 20 piccoli feudi.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

M5S: “THE ALDE AFFAIR” SPIEGATO A CHI ANCORA NON L’HA CAPITO

M5S - THE ALDE AFFAIR SPIEGATO A CHI ANCORA NON L'HA CAPITOIn molti ancora non si spiegano come sia stato possibile per il Movimento 5 Stelle il fallito tentativo di entrare nell'ALDE, il Gruppo Politico Europeo più europeista che c'è. È comprensibile: le istituzioni europee sono lontane, opache e volutamente complicate. In questo video cerchiamo di fare chiarezza sulle questioni tecniche...--> LEGGI TUTTO

CHIESA E MESSORA SU UE E MES: LA POLITICA NON ESISTE PIÙ.

Chiesa Messora su UE e MES - La politica non esiste piu - playGiulietto Chiesa e Glauco Benigni intervistano Claudio Messora sul MES, il Meccanismo Europeo di Stabilità altrimenti detto Fondo Salva Stati, e sul finire lanciano una proposta di giornalismo investigativo per identificare i gruppi di potere che si nascondono dietro i gruppi di lavoro nella Commissione Europea. ...--> LEGGI TUTTO

“Abbiamo fatto tremare il sistema come mai prima”…

Come tremano Dopo la colossale figura di palta, anziché una letterina di scuse per avere esposto tutto il Movimento 5 Stelle al pubblico ludibrio, a un fallimento politico colossale e avere rovinato irrimediabilmente i rapporti nel Gruppo Politico dove M5S Europa risiede, l'Efdd, arriva questo testo sul blog...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Gentiloni, il Presidente del Consiglio che vuole cedere sovranità all’Europa – Diego Fusaro

Gentiloni vuole cedere sovranità all'europa di Diego Fusaro Ora è ufficiale: Sergio Mattarella ha scelto Paolo Gentiloni per formare il nuovo governo in seguito alle dimissioni di Matteo Renzi sconfitto al referendum costituzionale dello scorso 4 dicembre. Lo stallo, dunque, è superato. Mattarella ha sostenuto con enfasi, al...--> LEGGI TUTTO

Il terribile errore: “È il momento più pericoloso per l’umanità: le élite imparino ad essere umili”. Stephen Hawking

stephen hawkings attente elite di Stephen Hawking, fisico teorico e scrittore Essendo un fisico teorico che vive a Cambridge, ho vissuto la mia vita in una bolla di eccezionale privilegio. Cambridge è una città insolita, tutta incentrata su una delle grandi università del pianeta. All'interno di questa...--> LEGGI TUTTO

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Sovranità vs Inflazione – Scontro plastico tra Marco Mori e Salvo Cozzolino

Mori Vs Cuzzolino - Sovranità vs InflazioneMarco Mori vs Salvo Cozzolino è uno scontro che mette in scena il classico campionario degli argomenti contro la sovranità monetaria: inflazione, debito, helicopter money e tutto il resto. Solo una precisazione aggiuntiva per Cozzolino: qualcuno gli dica che dal 1946 al 1970 l'economia andava bene, anche in condizioni di...GUARDA

Lupi ai Cinque Stelle: il referendum sull’euro non lo farete mai. Solo demagogia!

Maurizio Lupi, durante le dichiarazioni di voto per la fiducia alla Camera sul Governo Gentiloni, si rivolge ai Cinque Stelle accusandoli di demagogia, e spiega perché il referendum sull'Euro non si può fare....GUARDA

CARLO SIBILIA: LA PSICOSI DEL MOVIMENTO 5 STELLE

"Io questa psicosi non la capisco: volere necessariamente addossare delle responsabilità al Movimento 5 Stelle, che ce le ha, se le stra prendendo, sta lavorando, abbiamo già fatto delle cose nel Comune di Roma e saranno i cittadini, quelli che sono deputati a decidere. È chiaro che noi...GUARDA

E PERFINO IL DIRETTORE DE L’ESPRESSO, TOMMASO CERNO, DIFENDE M5S: SOVRANITÀ AL POPOLO!

Tommaso Cerno, direttore de L'Espresso, si accalora e sostiene con passione la causa della sovranità popolare e del diritto dei cittadini di esercitarla attraverso il voto, e difende anche la posizione del Movimento 5 Stelle rispetto alla lotta che sta conducendo dentro e fuori dal Parlamento...GUARDA

TUTTI GLI UOMINI DEL PRESIDENTE… DEL PRESIDENTE PRECEDENTE – Walter Rizzetto alla Camera

Il discorso di Walter Rizzetto a Paolo Gentiloni per la fiducia del Governo Gentiloni alla Camera: "Il Partito Democratico incarica il Partito Democratico di formare un nuovo Governo del Partito Democratico, dopo le dimissioni del Governo del Partito Democratico per il referendum del Partito Democratico. Tutti...GUARDA

Come salveranno MPS passo passo, fino al decreto Gentiloni, spiegato da Dino Pesole del Sole24Ore

MPS Pesole Mes Come salveranno MPS e (probabilmente) invocheranno il Fondo Salva Stati (MES) con la scusa di mettere una pezza ai bilanci delle banche, spiegato da Dino Pesole del Sole 24 Ore.  (altro…)...GUARDA

Governo Gentiloni: cambiare tutto per cambiare in peggio.

La conferenza stampa di Paolo Gentiloni dopo l'incarico ricevuto da Mattarella ad esplorare la formazione un nuovo Governo. Nuovo Governo che, secondo lo stesso Gentiloni, si muoverà in continuità con il Governo precedente e con la stessa maggioranza. Un renziano al posto di Renzi. Come dice...GUARDA

Sergio Mattarella: La conferenza Stampa in diretta dopo le consultazioni

Sergio Mattarella: La conferenza Stampa in diretta dopo le consultazioni. ...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>