Come si esce dall’euro senza la corsa agli sportelli

di Paolo Becchi e Fabio Dragoni

L’euro imploderà, prima o poi, è certo quasi come la legge di gravitazione universale. Affrontare la situazione di comune accordo con gli altri Stati dell’eurozona converrà, eccome. Ma proprio perché la negoziazione non si trasformi in “implorazione” occorre avere ora per allora un piano di emergenza. “I governi dell’eurozona sarebbero stupidi se non avessero un piano B”, ammetteva del resto il ministro Schäuble già nel 2012 durante le trattative di uno dei tanti, troppi ed inutili negoziati per risolvere il problema del debito greco.

Oggi vogliamo quindi proprio parlarvi del giorno in cui cambieremo moneta. Il D-Day per intendersi. Che mette una paura ladra a tutti. Infatti sono in molti quelli che “…sì l’euro è un problema. Ma uscirne sarebbe un salto nel buio. Pensiamoci bene”. Ebbene noi ci abbiamo pensato tanto. Anzi, come molti altri, ci pensiamo tutti i giorni. Non sarà facile. Ma l’edificio sta crollando come le nostre case con il terremoto. E pur di non morire soffocati dalle macerie dobbiamo studiare come prevenire nuove ulteriori tragedie. Proviamoci.


Come si esce dall’euro, spiegato facile in un video ormai cult di questo blog

La conversione dall’euro alla nuova valuta italiana

Nel giorno in cui passeremo dall’euro alla lira (il changeover) ci sarà una conversione di tutti i crediti e debiti con un rapporto di conversione di 1:1. Per intendersi: un mutuo di 100.000 euro sarà convertito in 100.000 nuove lire. Lo stipendio di 1.750 euro in 1.750 nuove lire; il caffè verrebbe quindi a costare 1 nuova lira e così via. In pratica quella che una volta avremmo chiamato la “lira pesante”. Il rapporto di conversione 1:1 impedirà peraltro il furbo e fastidioso giochino degli arrotondamenti che tanti problemi ha creato ai bilanci delle nostre famiglie.

Fateci fare i “precisetti” solo per pochi secondi! Mentre il tasso di conversione è un rapporto convenzionalmente stabilito dalla legge per migrare da una moneta all’altra (ricorderete il famigerato 1936,27 deciso nel 1999), il tasso di cambio invece altro non è che il prezzo di mercato di una moneta espresso in un’altra; in pratica se il tasso di cambio euro/dollaro oggi è 1.10, questo è in pratica l’ammontare di dollari necessari ad acquistare un euro.

La corsa agli sportelli

Ma torniamo a noi. Esiste un rischio concreto da non sottovalutare ma neppure enfatizzare per non lasciare campo aperto ai professionisti del terrorismo mediatico; i tecnici della disinformazione un tanto al chilo. Il rischio del “risparmiatore impaurito” con i suoi soldi depositati in banca. Parliamo di ciò che in gergo viene definita “raccolta diretta”: conti correnti liberi o vincolati; depositi; obbligazioni bancarie ecc. Stando all’ultimo rapporto ABI di settembre, più o meno 1.656 miliardi di euro. I risparmiatori impauriti in preda al panico potrebbero correre in massa agli sportelli. Ma affinché questa paura non si trasformi in terrore possono essere adottate soluzioni efficaci; ad esempio tranquillizzare subito il risparmiatore lasciandogli la libertà di convertire o meno i propri risparmi nella nuova moneta nazionale. Privare il risparmiatore di questa libertà potrebbe, infatti, esporre le nostre banche a serie difficoltà.

Facciamo un esempio concreto: il signor Rossi che ha depositato in banca 50.000 euro potrebbe avere la tentazione più che legittima di prelevare questa somma prima del passaggio alla nuova lira pensando (a ragione) che in futuro (ad esempio, un anno dopo) il tasso di cambio fra nuova lira ed euro possa essere per lui più vantaggioso. Magari potrebbe essere 1,2. Il Signor Rossi si ripresenterebbe a quel punto in banca per convertire i 50.000 euro frettolosamente prelevati un anno prima in 60.000 nuove lire. Se invece quei soldi li avesse tenuti in banca avrebbe avuto diritto soltanto a 50.000 nuove lire dedotte le competenze e spese (tante) e maggiorati di quegli interessi (pochi) nel frattempo maturati. Un comportamento legittimo e razionale, insomma, quello di prelevare i propri risparmi prima del changeover. Quasi un “arbitraggio” lo definirebbero gli economisti. Anche se il nostro Signor Rossi non ha magari studiato ad Harvard ma è semplicemente in possesso di un diploma di perito tecnico all’ITI di Gratosoglio. Se tutti i risparmiatori si comportassero però come lui, le nostre banche si troverebbero prese d’assalto e rimarrebbero in ginocchio non potendo istantaneamente convertire in contante tutti i depositi in essere. Come si fa allora ad impedire questa possibile “corsa agli sportelli”?

Non certo con la forza. Né tantomeno con dolorose misure di controllo dei capitali. Esistono invece soluzioni razionali e sperimentabili per disincentivare questo “prelievo da panico” e che potrebbero trovar posto nel ‘Piano B’. Noi ipotizziamo qui una sorta di “clausola di indennizzo e garanzia”, proviamo a chiamarla così. Ad esempio, potrebbe essere lasciata al risparmiatore la libertà di non convertire immediatamente le somme depositate in banca in nuova valuta: in altre parole è solo al momento del rimborso che il risparmiatore riceverà il controvalore in nuove lire mediante l’applicazione del tasso di cambio vigente in quel momento. Tornando al nostro esempio, al momento del rimborso il Signor Rossi riceverebbe 60.000 nuove lire qualora il tasso di cambio fosse 1,2. Oppure 65.000 nuove lire se il tasso di cambio fosse 1,3. Qualora invece il cambio fosse 0,9 avrebbe comunque diritto alle 50.000 nuove lire previste con il rapporto di conversione ufficiale 1:1. Insomma, seguendo la nostra proposta, il risparmiatore sarebbe sempre completamente tutelato mettendo in sicurezza le nostre banche. L’esatto contrario di ciò che viene fatto oggi dentro la moneta unica. La nostra proposta vuole proprio eliminare alla radice il rischio di possibili corse agli sportelli. Quei momenti di sfiducia e panico che abbiamo già purtroppo sperimentato nel magico mondo dell’euro. Due casi di scuola su tutti: la chiusura degli sportelli in Grecia durante l’abborracciato referendum del 2015 e il più vicino caso Banca Etruria & C. È ovvio che con la nostra proposta la banca depositaria potrebbe trovarsi a fronteggiare un maggior esborso finanziario. Avrebbe ad esempio un debito futuro nei confronti dell’ipotetico signor Rossi di 60.000 nuove lire (col cambio a 1,2 nuove lire per 1 euro) anziché di 50.000 nuove lire calcolando il saldo con il rapporto di conversione 1:1. Un maggior costo di 10.000 nuove lire per intendersi. Questo ulteriore onere non dovrebbe tuttavia sopportarlo la banca depositaria, bensì la Banca d’Italia cui toccherebbe il compito di corrispondere questo straordinario indennizzo (le solite 10.000 nuove lire dell’esempio di prima) in favore della banca stessa. È naturale che la Banca d’Italia, nella nostra ipotesi, tornerebbe a svolgere quel ruolo che aveva quando eravamo in possesso della nostra sovranità monetaria. In questa nuova situazione il risparmiatore non sarebbe più indotto a prelevare “in fretta e furia” i suoi euro nell’imminenza del passaggio alla lira ben sapendo che ci sarebbe un prestatore di ultima istanza (la Banca d’Italia appunto) pronto a garantire il risparmio, il risparmiatore e la banca. Come avviene in quasi ogni parte del Pianeta dove vi è un prestatore di ultima istanza capace di “garantire implicitamente il risparmiatore” organizzando soluzioni più o meno articolate pur di salvaguardare la fiducia nel sistema bancario. Solo nell’eurozona questo non è esplicitamente possibile se non previa tosatura dei risparmiatori nel nome del bail-in (o belin come direbbe Becchi).

E se l’Euro si disintegra completamente?

Ma dobbiamo porci pure un problema in più. L’eventuale nostra uscita dall’unione monetaria potrebbe provocare la completa disintegrazione dell’eurozona. Se infatti la crisi della Grecia (il cui PIL è grosso modo quello del Veneto) è stata sufficiente a mettere in grave pericolo il destino dell’Eurozona, figuratevi cosa potrebbe mai succedere nel caso fosse l’Italia a salutare Bruxelles. Ebbene la “clausola” da noi proposta dovrebbe comunque essere applicata; ma nei confronti del cambio lira-marco, essendo infatti la moneta tedesca il vero alter ego dell’euro. O comunque nei confronti di quella moneta che la Germania eventualmente decidesse di condividere con altri Paesi, qualora Berlino non optasse per il marco ma virasse verso un euro del Nord. È ovvio che affinché la nostra proposta possa trovare applicazione dentro al cosiddetto Piano B occorre che altri dettagli operativi siano affinati e delineati: dal periodo di tempo in cui tenere “aperta” questa facoltà all’esatta definizione dei rapporti bancari ritenuti degni di protezione e così via.

Lo spauracchio dell’inflazione

Qualcuno obietterà che la nostra proposta provocherebbe una crescita delle aspettative inflazionistiche (che peraltro è ciò che la Banca Centrale Europea sta cercando inutilmente di fare da oltre 18 mesi con le sue mensili iniezioni di liquidità). Dio lo voglia in un Paese in cui abbiamo 6 milioni di disoccupati rispetto ai 3 milioni che avevamo nel 2008. In questo numero includiamo infatti anche chi sarebbe disponibilissimo a lavorare ma è talmente disperato da non cercare più un impiego. Per l’Istat una persona “tecnicamente” non disoccupata; per noi sì. In parole semplici, chi oggi si arrovella il cervello con la paura dell’inflazione è come chi sta per morire assiderato in Siberia ma si preoccupa della febbre alta.

Torniamo alla svalutation?

Qualcun altro potrebbe invece obiettare che questa nostra proposta non farebbe che confermare l’assunto in base al quale svalutazione significhi impoverimento. Niente di più falso. Abbiamo ipotizzato una misura straordinaria per una circostanza straordinaria. E per una finalità più che legittima: preservare la stabilità del sistema bancario al momento del cambio della moneta. E del resto a questo qualcuno vorremmo chiedere “di quanto ci saremmo a suo dire impoveriti, dal momento che circa un paio di anni fa con un euro acquistavamo più o meno 1,4 dollari ed ora 1,1. La risposta è semplice: “zero”. Dal momento che noi non andiamo a fare la spesa tutti i giorni al supermarket di Salt Lake City. Del resto molti di questi “obiettori di scienza” non facevano forse a gara per santificare Super Mario Draghi che col suo bazooka iniettava liquidità e svalutava l’euro dando una botta di vita al nostro export? Insomma, fuori dalla prigione della moneta unica persino le banche potranno tornare ad essere un posto sicuro dove depositare i nostri risparmi, grazie anche alla garanzia della nostra Banca Centrale. Andiamoci!

P.S. Se all’ “ultimo irriducibile giapponese nella foresta” venisse infine in mente l’argomentone killer che così facendo metteremmo però in ginocchio la nostra Banca Centrale costretta a pagare tutti questi indennizzi, segnaliamo uno studio scientifico (un paper direbbe il fenomeno) pubblicato dalla Banca Centrale Europea lo scorso aprile. Titolo: “Regole per la distribuzione dei profitti e la copertura delle perdite nelle banche centrali”. Pagina 14. Nota a pie di pagina 7: “Le banche centrali sono immuni dal rischio di insolvenza, grazie alla loro capacità di creare denaro; pertanto possono anche operare con un patrimonio netto negativo”.

Amen

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

4 risposte a Come si esce dall’euro senza la corsa agli sportelli

  • 4

    la proposta dell’articolo è
    ——–
    “….potrebbe essere lasciata al risparmiatore la libertà di non convertire immediatamente le somme depositate in banca in nuova valuta….solo al momento del rimborso che il risparmiatore riceverà il controvalore in nuove lire mediante l’applicazione del tasso di cambio vigente in quel momento. Tornando al nostro esempio, al momento del rimborso il Signor Rossi riceverebbe 60.000 nuove lire qualora il tasso di cambio fosse 1,2. Oppure 65.000 nuove lire se il tasso di cambio fosse 1,3. Qualora invece il cambio fosse 0,9 avrebbe comunque diritto alle 50.000 nuove lire previste con il rapporto di conversione ufficiale 1:1. …… il risparmiatore sarebbe sempre completamente tutelato mettendo in sicurezza le nostre banche”
    ——————–
    OK. NON OBBLIGHI PER LEGGE A CONVERTIRE i conti in euro che oggi gli italiani hanno. Benissimo, in questo modo eviti la fuga dalle banche e dai titoli italiani che invece avresti se la gente sa che una mattina si ritrova tutti i suoi Euro cambiati per decreto in Lire. Ottimo. Finora Bagnai, Rinaldi e Borghi hanno ad es negato che esista il problema del panico e della fuga preventiva dalle banche e dai titoli italiani che invece purtroppo è reale. La soluzione è non convertire forzosamente gli euro in banca.
    Ma se gli italiani che hanno 50mila euro in banca mantengono 50mila euro anche dopo che lo Stato italiano è passato alla Lira (cioè, presumibilmente, tassa e spende in Lire) allora perchè indennizzarli ? Hanno degli Euro, che varrano di più delle Lire e possono cambiarli in Lire quando vogliono al tasso di cambio vigente in tutto il mondo tra Euro e Lira.
    Per cui se ad es si passa alla Lira con un cambio 1 a 1 (1 Euro = 1 Lira) e poi c’è una svalutazione del -20% avrai che 1 euro vale 1,2 Lire e allora uno che abbia tenuto i suoi 50mila euro li potrà cambiare in 60mila euro.
    Il problema è un altro. Se lo Stato paga gli stipendi in Lire dal giorno X, ma il tuo mutuo o fido o prestito auto resta in Euro allora il tuo debito aumenta automaticamente del 20%.
    Lo Stato deve sì rimborsare, indennizzare, compensare chiamala come vuoi questa differenza imponendone il costo alle banche. Altrimenti molta gente sarebbe rovinata. Poi però a sua volta lo Stato deve ripianare il buco di bilancio che questo costo crea alle banche. In pratica la Banca Centrale deve creare oltre 200 mld miliardi di Lire(perchè i debiti privati in Euro sono circa 2,000 mld e una svalutazione del -20% li fa salire in Lire di circa 200 mld ad es) e usarli per ripianare le perdite delle banche. Questa operazione è costosa, ma non perchè creare 200mld costi niente a Bankitalia, perchè ovviamente fa svalutare ulteriormente la Lira sul mercato dei cambi, per cui invece che un -20% di svalutazione puoi avere un -30% o forse anche un -40% temporaneamente. Che funzioni così lo si è visto su scala minore in Ungheria e Polonia dove molti avevano mutui in franchi o euro e il governo ha fatto assorbire parte del costo alle banche…

  • 3
    savino

    mi sembra fantascienza , ma una persona che aveva 10 milioni di lire improvvisamente se ne trovati 5 mila euro con un caro vita pazzesco , se facciamo paro paro non cambia un c**zo tanto vale rimaniamo in euro

  • 2
    Diego R.

    Perché preocuparsi cosi’ tanto di questa ipotetica corsa agli sportelli? Come sappiamo nell’ottica del mercato interno non ci sarà nessuna perdita per i risparmiatori! Solo chi voleva investire all’estero (ovvero portare liquidità fuori dal paese!) avrà meno liquidità per farlo….ma è proprio uno dei tanti effetti positivi del ritorno alla valuta sovrana! Per me il migliore antidoto alla corsa agli sportelli resta l’annuncio a sorpresa il venerdi’ sera, il cambio euro nuove lire avverrebbe attraverso i sistemi elettronici, resterebbe solo l’obbligo per gli istituti bancari di stampigliare gli euro in nuove lire….nel frattempo basta introdurre un limite giornaliero al prelievo del contante. Certamente è un disagio, ma come è spiegato nell’articolo, è un disagio che vale la pena di affrontare! A nessun risparmiatore verrà tolto il diritto di disporre dei propri risparmi, poiché attraverso le operazioni elettroniche (bancomat, carte di credito o bonifici) ognuno potrà disporre senza limiti dei propri denari, ovviamente già convertiti in nuove lire!! Si puo’ eventualmente pensare di porre limitazioni all’uscita di capitali all’estero, aspettando che il cambio si assesti, tuttavia nel 1992 quando la lira si svaluto’ progressivamente nel corso delle settimane sino al 30% (per poi assestarsi) io non ricordo, nessun panico, nessuna fuga di capitali, nulla…
    La questione è complicata e forse non esiste il sistema “ideale”,ma penso sia preferibile che il governo, attraverso la nuova liquidità, intervenga con un massiccio piano di investimenti pubblici nell’economia reale piuttoto che salvare le banche dal collasso, anche l’inflazione (positiva entro certi limiti) va spesa in maniera intelligente.

  • 1
    Illaeli

    Leggendo il post mi è tornata in mente una frase dall’ironia sottile di un film Marvel: “Non lo faranno mai.”

    Perchè, gli italiani, va bene che non sono molto lungimiranti (basta che non gli metti le mani in tasca e puoi rigirarli come un pedalino) ma farli così fessi no, il governo non ci mette niente a stabilire il solito termine di qualche anno, durante il quale manterranno i livelli euro / lira pressochè invariati, per poi scaduti i termini della conversione, svalutare la lira, come è giusto che sia (secondo loro) e trasformarci definitivamente nella “Slaveryshish” d’Europa, e magari metterla in quel posto a tutti gli altri paesi dell’ex eurozona… negletti a vagonate con conseguente svalutazione del costo del lavoro e svalutazione della lira, con conseguente reimmissione sul mercato di ulteriori lire (perchè fino a prova contraria, l’unica nazione ad aver scollegato la moneta dalle riserve auree sono gli stati uniti, quindi “CREDO” che quella regola della BCE valga quanto uno stuzzicadenti). Un cocktail micidiale.

    Per dovere di cronaca, hanno già cominciato con le misure di uscita dall’euro, è un esempio la criminalizzazione della detenzione di denaro sotto il classico materasso (a che punto siamo arrivati eh?). In pratica hanno risolto il problema senza bisogno di agevolare il popolo (strano!).

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

La vittoria dell’informazione e i pericoli del dopo Renzi

claudio messora Il No al referendum costituzionale è la vittoria dell'informazione contro chi pensava che per convincere gli italiani a votare basta una comunicazione semplificata, comprensibile a un bambino delle scuole medie. La sconfitta di Renzi passa anche per una ipersemplificazione della Comunicazione che non ha convinto e...GUARDA

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Massimo D’Alema: è grazie a noi se M5S non ha vinto da solo!

Massimo D'Alema Massimo D'Alema fa la sua analisi del voto del referendum. Parla sarcasticamente delle rottamazioni di Matteo Renzi e afferma che se non ci fossero stati loro, il M5S avrebbe vinto da solo. ...GUARDA

I Cinque Stelle alla stampa: ora elezioni subito!

m5s-conferenza-stampa-iconaLa conferenza stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati dopo la vittoria del No al Referendum Costituzionale. Davanti ai giornalisti, a tarda ora, dopo le dimissioni di Matteo Renzi, si sono presentati Vito Crimi, Danilo Toninelli, Alessandro Di Battista e Giulia Grillo, per dire al Presidente della Repubblica...GUARDA

Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!

Renato Brunetta Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!...GUARDA

Galloni e Rinaldi al Quirinale: ora Mattarella stralci il Pareggio di Bilancio

Galloni Rinaldi Quirinale Nino Galloni e Antonio Rinaldi salgono al Quirinale per chiedere simbolicamente a Mattarella che ora rispetti la volontà del popolo e si adoperi per rispettare la Costituzione italiana, stralciando subito il Pareggio di Bilancio ora Mattarella stralci Pareggio di Bilancio...GUARDA

Salvini – Vittoria del popolo contro i poteri forti di tutto il mondo

Salvini referendum La prima dichiarazione dopo gli Exit Poll che danno la vittoria del No a 55%-59% è di Matteo Salvini, che parla testualmente di "una vittoria del popolo contro i poteri forti di gran parte del mondo"....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>