La trappola invisibile dell’Output Gap (The Output Gap Trap)

Riporto questa mia intervista rilasciata ieri a Giulietto Chiesa per Pandora.tv, poiché contiene elementi significativi per comprendere l’assurdità dei meccanismi grazie ai quali oggi si tengono al guinzaglio interi popoli. Uno di questi, tra i più temibili e oscuri, è quello che in gergo tecnico chiamano Output Gap.

Giulietto ChiesaClaudio, cosa puoi aggiungere a quello che abbiamo detto fino ad ora, rispetto a quello che tu, molto competentemente, hai già annunciato aprendo la battaglia? Perché dobbiamo dire che sei stato il primo – perlomeno nell’ambito dei social-network, dell’informazione alternativa – a dato un contributo cruciale. Quindi vorrei che tu ci aiutassi a dipanare questa matassa perché stiamo parlando a un pubblico – probabilmente non indifferente – di gente che userà quello che tu ci stai dicendo per continuare la battaglia. Ti va di spiegare per quale motivo i tedeschi non hanno accettato il MES, per cui tutto questo sarebbe da noi rigettabile immediatamente?

Allora, il MES si colloca dentro quel percorso di federalismo europeo che deve portare idealmente – secondo alcune élite – agli Stati Uniti d’Europa. Come sapete, gli Stati Uniti d’Europa li vogliono costruire sulla pelle delle democrazie, nel senso che non sono i cittadini a volerli, ma sono pochi… – non vorrei chiamarli “burocrati” perché i burocrati sono gli esecutori – …poche élite organizzate che si incontrano sempre negli stessi posti e che decidono di far fare questo cammino a tappe forzate ai popoli europei. Laddove si faccia qualche referendum e questo referendum possa avere un esito negativo, decidono di farlo ripetere finché l’esito non è positivo. È il caso del referendum per la Costituzione europea in Francia, del referendum irlandese, del referendum in Olanda e di tanti altri.

Ecco, a un certo punto – siccome l’Euro è un metodo di governo – hanno pensato – a detta dello stesso Prodi o altri – di utilizzare una moneta che, anche in assenza di un’unione politica, economica e fiscale, però legasse i vari paesi nella speranza, nella certezza che poi alla fine si sarebbero adeguati, perché altrimenti la crisi li avrebbe sommersi. E si è visto come la Grecia si è poi adeguata e come ci siamo adeguati noi. Nell’ambito di questo percorso, hanno pensato a un certo punto – dopo il 2011, dopo l’invasione italiana con i carri armati economici dello spread, che ha portato al podestà forestiero Mario Monti – di utilizzare un nuovo strumento che vincolasse gli Stati come ultimo ricatto, come una pistola fumante alla tempia, un cappio al collo dal quale nessuno potesse liberarsi. E che cosa si sono inventati questi “grandi democratici”? Si sono inventati il Meccanismo Europeo di Stabilità , dandogli un nome tranquillizzante, da “tendine rosa alle finestre”: Fondo salva-Stati. Come se poi ci fosse qualcuno a salvarci davvero. E quindi quando qualcuno ti salva tu prendi la sua mano felice, gli sei grato. Ecco, avremmo dovuto essere grati a loro. Per che cosa? Per il fatto che – nel caso in cui noi avessimo fatto richiesta di essere salvati per via dei nostri problemi economici – loro ci avrebbero poi prestato dei soldi a fronte di un nostro impegno finanziario iniziale. Ma noi ci siamo impegnati per entrare in questo MES per 125 miliardi, solo che nel caso in cui poi dovessimo chiedere di essere salvati, loro ci danno dei soldi prestandoceli. E io dico sempre: “È un po’ come quando vai a fare l’assicurazione della macchina, tu paghi la tua rata annuale, ma non è che se poi fai un incidente l’assicurazione ti presta i soldi per riparare la macchina e tu glieli devi restituire a rate!”.

Aiutami a continuare a fare informazione libera

Giulietto ChiesaPosso chiederti una cosa, per chiarire anche con i nostri ascoltatori… Chi fa la richiesta di essere salvati – ovviamente – non sono i Parlamenti, sono i governi. Quindi si concede ai Governi – e in particolare a due persone: al Presidente del Consiglio e al Ministro dell’Economia – di effettuare questa richiesta. Cioè sono loro che hanno la facoltà di portarci nella bocca del lupo. Loro, sono loro e nient’altro che loro o sbaglio?

Sì, ma del resto questo ormai non stupisce più nessuno. Perché ormai decide tutto una élite che poi esprime il Presidente della Repubblica, che poi non scioglie i Parlamenti e non manda il Paese al voto e piazza lì un Governo in linea con i voleri di quella stesse élite, per cui ci troviamo al quarto Governo in carica, senza una forte corrispondenza con il consenso elettorale. Insomma, ormai viene tutto deciso a un livello estremamente superiore rispetto alla politica per come la intendiamo noi, per il Parlamento non conta nulla.

Per quanto riguarda il MES , ci sono due o tre aspetti “simpatici” che non abbiamo detto. Il MES è un trattato internazionale – per cui un trattato internazionale si sigla tra diversi Stati membri, in questo caso 17 – e richiede una ratifica di tutti i Parlamenti. Ok? In questo contratto c’è scritto che noi entriamo con 125 miliardi di capitale. Questa è la nostra quota-parte. Ma nel momento in cui questo bureau, questa organizzazione con sede a Lussemburgo (in cui risiedono anche osservatori che sono scelti fra i grandi capitali finanziari, nella finanza speculativa, e c’è anche la BCE) dovesse decidere che noi dobbiamo conferire per esempio altri 100 miliardi, attenzione: il Governo è OBBLIGATO a staccare l’assegno e – attenzione perché questo è proprio scritto nel trattato – nessun Governo ulteriore e futuro può esimersi dallo staccare futuri assegni. Cioè loro hanno diritto in questo modo a ricapitalizzazioni future infinite. Sarebbe come prendere un nostro libretto di assegni in banca e consegnarlo agli estorsori e dire: “Vabeh! Usatelo come cavolo volete e poi se ve ne serve un altro ditemelo che ve lo do!” Inoltre, nonostante questa organizzazione si possa assimilare a una funzione pubblica, perché è stata creata dalla politica UE e dovrebbe servire a “salvare” gli Stati, con i soldi dei cittadini, tutte le carte e i documenti che in questa organizzazione finanziaria con sede a Lussemburgo vengono redatti – come i verbali, le discussioni ecc… -, sono coperti dal segreto assoluto. E tutti i documenti e le sedi di queste persone, compresi i documenti e le sedi dei membri del direttivo, sono assolutamente inviolabili.

In Italia abbiamo firmato questo trattato, intanto che il popolo si occupava di altro, magari di calcio, ma certamente non di politica, senza battere ciglio. Invece in Germania i cittadini si sono un po’ “attapirati” – come direbbe qualcuno – e hanno detto: “No! Come!? Dobbiamo ricapitalizzare all’infinito questa organizzazione finanziaria e senza passare dal voto parlamentare? Mai! E poi come!? Questi hanno tutti i documenti segreti? Ma è incostituzionale! Può essere solo il Parlamento ed esprimere la sovranità legittima del popolo. E allora cosa facciamo? Andiamo a rivolgerci alla Corte Costituzionale”.

C’è da dire che noi non possiamo farlo perché da noi un cittadino non può adire alla Corte Costituzionale, mentre in Germania sì. Così la Corte Costituzionale ha dichiarato illegittimo il fatto che il Parlamento tedesco non possa esprimersi su ulteriori ricapitalizzazioni. Così come non è legittimo che il Parlamento tedesco non abbia diritto, a richiesta, di accedere ai documenti. E quindi cosa è successo? Che il MES è in vigore anche in Germania, ma con queste due differenze fondamentali rispetto allo stesso trattato ratificato in Italia. Loro possono cioè bloccare future ricapitalizzazioni, cosa che noi non possiamo fare. Siccome però il MES è un trattato internazionale che rappresenta una fortissima limitazione alla sovranità nazionale, ma che è firmato in condizioni di disparità fra l’Italia e la Germania (cioè abbiamo fatto un contratto dove sostanzialmente tu hai più privilegi di me), tale trattato è incostituzionale in Italia. Perché? Perché la Costituzione italiana, all’art. 11, dice espressamente che è consentito limitare la sovranità nazionale, purché in condizioni di parità. Se noi accediamo a un prestito di questo Fondo Salva Stati, siccome tra le condizioni che permettono di accedere al prestito c’è quella di subire pesanti condizionalità (che tradotto significano il commissariamento dell’economia) bene, allora siccome il MES è un trattato che limita la nostra sovranità ma non l’abbiamo consentito in condizioni di parità con la Germania, allora il MES è incostituzionale! E basterebbe che la Corte Costituzionale lo giudicasse tale. Solo che la Corte se ne può occupare se qualcuno solleva un’eccezione di incostituzionalità, ma da noi lo può fare solo un Giudice che – per decidere della sua causa e quindi arrivare a sentenza – abbia bisogno di valutare se il MES è costituzionale o no. E questo è abbastanza difficile che accada.

Giulietto Chiesa: Le cose che hai detto mi hanno fatto venire in mente che in quel meccanismo della ricapitalizzazione infinita, che tu hai raccontato così bene, si anima una istituzione sovranazionale, non legittimata da niente se non sé stessa, che può prendere decisioni a prescindere dalla maggioranza politica che c’è in un Parlamento! Cioè, dire che queste norme valgono per sempre, per l’eternità, significa riconoscere implicitamente che la politica viene cancellata. Nel senso che domani in Italia ci può essere una discussione che cambia la maggioranza del Governo, e che cambia le volontà politiche dello Stato italiano. Se tu dici che non c’è nessuna possibilità di modificare decisioni cruciali che riguardano la politica sociale, finanziaria ed economica di un Paese, tu dici che non esiste più la politica come strumento per governare un Paese. Questa è una cosa di una gravità inaudita! Cioè ci comunicano implicitamente che noi non abbiamo più la possibilità di incidere sulle nostre questioni nazionali. Non so se ho capito bene quello che tu hai detto.

Hai capito benissimo. È una cosa che tra l’altro a me non stupisce più, nel senso che forse le persone non se ne sono accorte ma la sovranità, come del resto ha detto così lapalissianamente, chiaramente, con tanto di virgolettato, addirittura Mario Draghi stesso: “Non esiste un problema di perdere la sovranità, perché quella i paesi con alto debito l’hanno già persa”. L’abbiamo persa perché noi – nel momento in cui il progetto di costruzione dell’Unione Europea è andato a buon fine – abbiamo demandato almeno il 90% delle leggi nazionali alla Commissione europea (da sottolineare: non al Parlamento europeo). Cioè il 90% delle leggi nazionali sono una emanazione, un semplice adeguamento alle direttive che arrivano dalla Commissione europea. La quale Commissione europea – lo spieghiamo a tutti quelli che ci ascoltano – sfortunatamente non è un organo elettivo. Le persone che sono dentro la Commissione europea, i vari Commissari sono espressione dei Governi. Ma “espressione dei Governi”, specialmente nel nostro Paese, significa espressione di quelli che continuano a piazzare un Governo dopo l’altro di quelli tutti rigorosamente filo-europeisti, perché da Monti in poi, cioè dall’inciucio di Giorgio Napolitano e Mario Monti, la linea europeista è stata quella vincente e muovendosi sul filo della Costituzione hanno evitato di dare libera espressione al volere elettorale del popolo.

Ora, chiediamoci: è possibile che l’Italia faccia ricorso al MES? Voci insistenti da settembre fino a dicembre dicevano che era in preparazione al Tesoro il decreto che avrebbe fatto richiesta di salvataggio al Meccanismo Europeo di Stabilità – alias Fondo salva-Stati – per il salvataggio delle banche. Siamo arrivati a dicembre e ancora c’erano indiscrezioni, trapelate su La Stampa, che confermavano questa impostazione. Poi io mi sono permesso di fare un po’ di casino e di informare qualcuno – che chiaramente sarà una piccola percentuale del numero totale degli italiani -, però insomma, giusto per buttare un sasso nello stagno e informare che forse forse chiedere aiuto al MES avrebbe significato portarsi la Troika in casa. Poi – non certamente per merito mio – questa richiesta non è stata fatta, cioè il decreto ha prelevato fondi, questi 20 miliardi, dalla sanità, dagli accantonamenti per l’ambiente e così via. Hanno preso i soldi per le banche tagliando la spesa pubblica, insomma.

Ma era ed è ancora realistico questo scenario che prevede che il Tesoro e il Ministro dell’Economia stiano lavorando a una richiesta di aiuti al MES? La risposta è che è assolutamente realistico! E ti spiego perché: il MES è supervisionato da 17 persone che corrispondono ai 17 Ministri dell’Economia dei 17 paesi membri, e quindi proprio dal Ministro Padoan (che era Ministro dell’Economia del Governo Renzi e adesso è Ministro dell’Economia del Governo Gentiloni), e poi ci sono 17 Direttori Generali. Per l’Italia, il direttore generale nel board del MES è Vincenzo La Via, che è il Direttore del Tesoro. Quindi nel direttivo del MES ci sono proprio Padoan e La Via, rendendo più che realistico che questi due stiano pensando di adire alla stessa organizzazione che presiedono… ok?

Ancora una richiesta di salvataggio al MES non è stata ufficializzata, ma il salvataggio delle banche – quei famosi 20 miliardi che abbiamo aggiunto al debito pubblico – potrebbero implicare a cascata una richiesta di aiuti al MES che sarebbe deleteria, mortale? Non si può escludere, perché un altro dei regalini di Monti e della UE è stato il Fiscal Compact, che ci ha legati al parametro del 3%, che deve risultare dal rapporto fra deficit strutturale e il PIL. Attenzione però, perché quella parolina magica, “strutturale”, è l’arma puntata alla gola della democrazia. Il PIL lo conosciamo tutti, sappiamo che cos’è: il Prodotto Interno Lordo, per quanto questo parametro sia poi ampiamente criticato. Anche il deficit sappiamo che cos’è. È l’ammanco di cassa, fondamentalmente, alla fine dell’anno, nel bilancio dello Stato, la differenza tra entrate e uscite. Ma “deficit strutturale” vuol dire un’altra cosa. Come fai a calcolare che cos’è il deficit strutturale? Bene! Il deficit strutturale non è il deficit – che potrebbe calcolarlo anche da un ragioniere -, bensì è un valore che dovrebbe identificare la differenza tra ciò che tu avresti potuto fare come potenziale economico – secondo calcoli arzigogolatissimi – e quello che invece sei riuscito a fare. Questo valore, cioè la differenza tra le previsioni del Mago Otelma su quanto l’economia italiana potrebbe rendere e quello che è invece ha reso davvero, si chiama “Output Gap“, lo chiamano così.

Ora: chi lo decide questo “Output Gap”? Chi lo decide quanto vale il deficit strutturale? È un “calcolino da ragioneria”, lo insegnano all’università? Assolutamente no! C’è un gruppo di lavoro inserito nella commissione europea, che sulla base di calcoli che non si trovano sui testi di economia tradizionale, perché se li stanno inventando (come si sono inventati la regola del 3%), decide arbitrariamente quanto vale l’Output Gap. Ma si tratta di un gruppo di lavoro che è espressione della politica (o peggio ancora, della finanza), in seno alla Commissione europea: sono tecnici che rispondono agli interessi della politica. Questo cosa significa? che loro possono decidere di variare una norma, una regola, un codicillo, una virgola, un calcolo di una procedura, o un’intera metodologia – che tanto non c’è da nessuna parte, se la inventano loro – e in questo modo, per ragioni facilmaente politicizzabili, decidono che tu hai sforato o non hai sforato il rapporto tra il deficit strutturale e il Pil. Cambiano un numero e tu da paese virtuoso ti trasformi un una economia disastrata.  Non c’è una evidenza matematica, ma è frutto di un’opinione, l’opinione di un’organo politico.  Se sfori il limite del 3% ovviamente devi rientrare. E 20 miliardi in più – quelli spesi per Monte dei Paschi, possono influire. Se questo accadrà, niente di più facile che lo Stato – nella fattispecie, Padoan e Vincenzo La Via – possano dire: “Abbiamo sforato, sorry: dobbiamo essere salvati e chiedere aiuto al MES”.

Giulietto Chiesa: Claudio, ti faccio una proposta, visto e considerato che la descrizione è stata splendida. Dovremmo vedere se riusciamo a scoprire chi sono i membri del gruppo di lavoro che deve calcolare – diciamo così – la crisi strutturale di un Paese, cioè il disavanzo strutturale, chiamiamolo come vuoi. Sarebbe interessante vedere chi sono in questo momento quelli che fanno questi calcoli. Perché se io ho capito bene questo meccanismo su cui stiamo discutendo, e in generale le norme europee, …questi signori… sono tutti uomini nominati dalle grandi banche d’investimento internazionale. Sono loro stessi che decidono chi compone questi gruppi. Così come sono loro stessi – i grandi banchieri – che decidono come si scrive il Trattato di Maastricht, come si scrive il Trattato di Lisbona, come si scrivono tutti i meccanismi europei. Cioè, sono loro che si fanno le leggi. Dopodiché appariranno agli occhi dell’opinione pubblica internazionale – attraverso il sistema mediatico che è il loro complice principale – come delle decisioni oggettive. Ecco, una delle chiavi con cui noi insieme potremmo smontare questo meccanismo è dimostrare: a) come vengono costituiti tutti questi gruppi che prendono decisioni politiche di prima grandezza, chi sono i soggetti che lo fanno e a chi rispondono. Perché è evidente che da come viene nominato questo organismo, si decide il suo funzionamento. Questo sarebbe un bel tema da affrontare come giornalismo investigativo. E sarebbe anche interessante capire qual’è la Commissione del Parlamento Europeo che ha il diritto di avere i documenti, almeno in linea di principio. Se non altro quei documenti che conducono alla richiesta del prestito. Dopo non hai più diritto a sapere nulla perché le regole che si accompagnano al prestito prevedono che che tutto finisca nel volto delle nebbie.

Grazie Claudio!

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

17 risposte a La trappola invisibile dell’Output Gap (The Output Gap Trap)

  • 6
    giacomo tabita

    Se vogliamo giocare con le loro regole allora diciamo che l’Italia ha abbondantmente rispettato il limite del 3% al contrario di molti paesi che l’hanno superato. Ma come dicevate voi il punto non è più il parametro in sè ma le aspettative di una ristretta cerchia di iniziati per cui noi siamo cattivi perchè abbiamo deluso le loro previsioni, legate anche al fiscal compact ed al relativo piano di rientro dal debito a tappe forzate

  • 5

    Se l’incostituzionalità si limitasse solo al MES sarebbe poca cosa e probabilmente, con un minimo di impegno, potremmo rimediare. Il guaio consiste nel fatto che l’articolo 11 della nostra bistrattata Costituzione che Claudio cita, ammette la limitazione di sovranità ma solo in condizione di parità con gli altri Stati e solo per assicurare la pace e la giustizia tra le nazioni. Quindi a ben vedere tutto l’impianto europeo che ci lega a questa Unione è incostituzionale e se ci fosse un giudice a Berlino qualcuno potrebbe anche rischiare la galera per alto tradimento. Per finire aggiungo che, in base alla nostra Costituzione, anche la nostra adesione al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite è contrario alla nostra Carta giacché all’interno di quella organizzazione non esiste rapporto di parità tra le nazioni in quanto solo 5 di esse hanno il diritto di veto.

  • 4
    Bart

    X Claudia: Dubito che tu abbia mai votato il M5S,ma nel caso, hai fatto bene ad andartene da sola, nel M5S i piddioti vengono sempre a galla, e quindi buttati fuori dal Movimento. Hai imbastito una polemica sensa senso sui 5***** che non erano ancora in Parlamento e che in ogni caso come opposizione non avrebbero potuto fare nulla; non hai scritto un rigo sui piddioti traditori dell’Italia.

    • 4.1
      Alessia M

      Claudia??? Ma sai leggere? O anche questo e’ chiedere troppo? :-)

      Non penso di essere sola, conosco piu’ d’uno che ha aperto gli occhi. Per gli altri, c’e’ questo: http://www.nature.com/articles/srep39589 (O chiedo (ancora) troppo, visto che e’ in inglese?)

      Non mi interessa sp****nare i piddioti, lo fanno abbastanza bene da soli :-). Invece mi interessa smascherare la falsita’ dei vertici del movimento dell’uno vale uno (!) perche’ penso ce ne sia bisogno, anche se manca poco alla resa dei conti – e saranno caxxi amari per tutti! A meno che la base non reagisca e si faccia sentire – chiedo troppo?

      PS: Mi vorreste gentilmente segnalare qualche articolo recente sul vostro blog che parla di euro, mes, ecc? O parlate solo di piano energetico senza spiegare dove prenderete i soldi considerando il vincolo esterno del 3%? Grazie.

      • Bart

        Alessia -Claudia- Giuseppe, ecc. ecc. Ho capito che sei un Troll, non ti aspettare altre opportunita’ di trollaggio.

    • 4.2
      Alessia M
    • 4.3
      Alessia M

      Tipico argomento da poraccio: siccome non sei capace di ribattere nel merito, insulti. Ricordati che gli insulti qualificano chi li fa. L’intelligenza e’ un’altra cosa.

  • 3

    Scusate, ma protesto anche con il buon Messora contro questa usuale e infondata interpretazione estensiva dell’art 11 della Costituzione. So bene che essa è appoggiata anche da Costituzionalisti italiani, cosa che non stupisce stante la pessima fama che hanno in giro per il mondo (la fama cioè di non avere una cultura giuridica).
    Qualunque testo va inserito nel suo contesto, non si tratta di un’insalate di parole, e questo vale per l’art. 11 come per qualunque discorso.
    Eccolo l’art. 11:
    “L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.”
    Il tema (e il contesto) è il ripudio della guerra, non pizza e fichi, e a questo si riferisce l’art. 11.
    Le limitazioni di sovranità cosentite riguardano dunque questa materia, non qualunque materia, e solo nella misura in cui servano effettivamente ad evitare la guerra, e in condizioni di parità.
    Si può obbiettare che il trattato MES, alla fin fine, ha come scopo quello di evitare la guerra.
    Lo si può però allora sostenere di tutto, anche di una partita di pallone.
    È evidente a chiunque non sia in malafede (o non soffra di dislessia) che l’art. 11 si riferisce a quegli elementi di sovranità che si cedono quando si aderisce a trattati con implicazioni sulla Difesa, relativamente ad esempio al comando delle forze armate (elemento di sovranità altrimenti esclusivo). Così come autorizza – col vincolo che servano a evitare la guerra – l’adesione ad alleanze militari tipo NATO.
    Questa interpretazione estensiva (le limitazioni di sovranità sarebbero consentite a qualunque titolo) è stata inventata per congiungersi con l’affermazione priva di fondamento che la UE è uno strumento di mantenimento della pace, furbesca formulazione per giustificare qualsiasi cessione di sovranità alla UE stessa.
    Aspetto che un “costituzionalista” si faccia vivo per contestare quanto vado scrivendo, così ridiamo.

    • 3.1
      maboba

      Se così, allora l’adesione al MES così come è configurata è automaticamente e apertamente incostituzionale cosa che e solo qualche operazione da azzeccagarbugli (considerare cioè il MES uno strumento contro la guerra) potrebbe contestare.
      O sbaglio? Non sono un giurista, quindi chiedo lumi.

    • 3.2

      A maggior ragione, allora, le altre cessioni di sovranità, non sono ***EVIDENTEMENTE*** consentite. Poi, se vuoi andare a pizza e fichi, perché no, ti accompagno volentieri

  • 2
    Bart

    Invece di chiederti dove era il M5S, che essedo all’opposizione non poteva fare nulla. Chiediti perche’ il tuo partito di Piddioti lo ha firmato, il MES.

    • 2.1
      Alessia M

      Tanto per chiarire: non ho mai votato PD, invece ho votato 5S ed e’ la cosa piu’ stupida che ho fatto in vita mia (e si’ che ne ho fatto c**zate :-)).

      • Alessia M

        Dimenticavo: invece di rispondere alla caxxo, avresti potuto rispondere nel merito, come ha fatto Claudio. Ma capisco che sarebbe chiedere troppo ad un grullino.

      • Alessia vai a controllare le date e vedrai che all’epoca il M5S non era in Parlamento.

  • 1
    Alessia M

    Dov’era il M5S quando si firmava il MES? Apprezzerei se qualcuno mi potesse segnalare qualche artcolo al riguardo apparso sul blog dei grullini. Grazie.

    Un video (sottotitolato in italiano) su cos’e’ il MES: https://www.youtube.com/watch?v=rlvhcIj1Gwo

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Deficit Strutturale? Avevo ragione: nient’altro che numeri arbitrari.

Gutgeld - Deficit Strutturale parametro arbitrario Il 17 gennaio, durante un'intervista rilasciata a Giulietto Chiesa, vi raccontavo di come funziona quella particolare branca della disciplina economica che attraverso la Commissione Europea ci impone regole severe e inappellabili. Si tratta di assiomi (principi veri a priori, dogmi ritenuti religiosamente inoppugnabili) che la corte dei...--> LEGGI TUTTO

Che cos’è il sovranismo? – di Paolo Becchi

bandiera italiana di Paolo Becchi Il “ritorno” degli Stati-nazione. Si dice che dopo Donald Trump il mondo sia destinato a cambiare. Ma il mondo, in realtà, è già cambiato. Se lui, infatti, è diventato il Presidente degli Stati Uniti d’America non è...--> LEGGI TUTTO

Borrelli (M5S): incentivare lavori meno stabili.

Borrelli Incentivare popolazione a svolgere lavori meno stabili Qual era il mantra dei neoliberisti in salsa JP Morgan all'attacco della Costituzione e delle libertà fondamentali dei cittadini? Semplice: abbattere l'articolo 1 che dice che l'Italia è una Repubblica fondata sul lavoro, magari aggiungendo l'aggettivo "precario" o "saltuario" in coda. Ci hanno provato, riuscendoci, negli...--> LEGGI TUTTO

Equacoin? Parliamone – Mirko Da Corte, DigiCanDo

MIRKO DA CORTE - EQUACOIN PARLIAMONE - Play Marco Saba ha presentato sabato 28 ottobre, su questo blog, il suo progetto di moneta democratica e decentralizzata: Equacoin. Oggi Mirko Da Corte, esperto di criptovalute e cofondatore di DigiCanDo, raccoglie in questo video una serie di domande e di critiche costruttive con...--> LEGGI TUTTO

Sovranità Perduta for Dummies – Live domande e risposte Con Marco Mori

Sovranità perduta for dummies - Marco Mori - Play La registrazione del lungo e interessante live andato in onda oggi, alle 14:30, sulla sovranità svenduta, sul decreto del Tribunale di Cassino e su quello che si può fare da qui in avanti. Ospite di Claudio Messora, l'avvocato di Rapallo Marco Mori, che insieme a Niki...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Gli esperti di diritto sulla Catalogna? Sono dei pirla.

Catalogna Governo centrale di Paolo Becchi Eccoli alla carica sui giornaloni gli esperti del diritto, e più sono esperti e più sono dei pirla. Fantozzi docet. Il referendum per l’indipendenza della Catalogna è «illegale». Sì, lo è: è contro la Costituzione spagnola, contro l’«unità indissolubile» dello...--> LEGGI TUTTO

Due piantine di Cannabis per lenire dolori atroci: in prigione a 63 anni!

prigione malato cannabisTRENTO. Il ricorso in Cassazione è stato rigettato. L'uomo di 63 anni che a Trento era stato trovato in possesso di due piante di marijuana che coltivava per uso personale, per lenire i dolori atroci della sua malattia, è stato giudicato colpevole in via definitiva. Andrà in prigione. ...--> LEGGI TUTTO

L’ideologo di Putin: in Europa sarà presto caos, guerra civile, distruzione.

Dugin ideologo Putindi Giulio Meotti Roma. Europa e Stati Uniti hanno spesso ricambiato il favore ad Aleksandr Dugin. Un anno fa, il famoso politologo russo è stato messo alla porta in Grecia. Accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill per una conferenza sul Monte Athos, Dugin...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Guest post

Realizzata la prima video chiamata quantistica intercontinentale al mondo

Chiamata quantisticaIl satellite cinese Micius torna a far parlare di sé e stabilisce un nuovo record, quello della prima videochiamata quantistica della storia tra Vienna e Pechino. Circa tre settimane è avvenuto un evento eccezionale che modificherà totalmente il sistema di comunicazioni come lo...--> LEGGI TUTTO

Il Messico a meno di 40 euro al giorno!

Messico Amo il Messico. E' pieno di vibrazioni, è un paese meraviglioso, pieno di gente amichevole, con una energia speciale che vi fa riscoprire l'amore per la vita, con un'architettura spettacolare, con una storia che affonda le radici nelle profondità dei millenni e... con un cibo davvero...--> LEGGI TUTTO

Negli Uffizi dei Medici: itinerario mediceo all’interno della Galleria più famosa di Firenze.

Scoprire Firenze La Galleria degli Uffizi è il sito museale più famoso di Firenze, nonché uno dei più frequentati d’Italia: quelli che riescono a superarlo per visitatori, infatti, si contano sulle dita di una mano. Gran parte dei turisti scelgono un hotel su portali come expedia proprio per...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Antonio Ingroia: “Fuori dai trattati, costi quel che costi”.

INGROIA - FUORI DAI TRATTATI - 1280 Per Byoblu, da Roma, Eugenio Miccoli Oggi alla Camera dei Deputati, Antonio Ingroia e Giulietto Chiesa hanno presentato “Lista Del Popolo”, un’alleanza della società civile per il ripristino della sovranità nazionale, l’attuazione della Costituzione, la rinegoziazione o lo stralcio dei trattati europei, l’abolizione del Fiscal...GUARDA

Giulietto Chiesa: “La Mossa del Cavallo”

GIULIETTO CHIESA - LA MOSSA DEL CAVALLO Per Byoblu, da Roma, Eugenio Miccoli Oggi alla Camera dei Deputati, Giulietto Chiesa ha presentato "Lista Del Popolo", un'alleanza della società civile per il ripristino della sovranità nazionale, l'attuazione della Costituzione, la rinegoziazione o lo stralcio dei trattati europei, l'abolizione del Fiscal Compact,...GUARDA

Capocciate e Generali

Pappalardo Giornalisti OstiaGiornalisti che si prendono le capocciate dai capetti di Ostia... E Generali dell'Arma che se la prendono con i giornalisti che si prendono le capocciate... ...GUARDA

“Stretta di Putin sulla rete!”, ma i media non vi dicono che…

Stretta di Putin sulla rete Tutti i media denunciano la stretta di Putin sulla rete, ma di quello che varerà lunedì la Camera non vi dicono niente... (altro…)...GUARDA

Ecco chi sono gli europeisti “de coccio”, che vogliono gli Stati Uniti d’Europa subito.

STATI UNITI D EUROPA Ecco chi sono gli europeisti de coccio, che ancora adesso, ancora e sempre, nonostante tutto, e anche a queste condizioni attuali, continuano a volere a tutti costi gli Stati Uniti d'Europa. Le prossime elezioni politiche si giocheranno su questa battaglia esiziale. Mi piacerebbe...GUARDA

Il Generale Pappalardo contro tutti, anche in Tv.

pappalardo Dalla Vostra Parte Rete4 Il Generale Pappalardo contro tutti a "Dalla Vostra Parte", di Maurizio Belpietro, andato in onda stasera su Rete4....GUARDA

Rimozione forzata. La libera rete chiude!

Rimozione forzata - la libera rete chiude - Play ORE 19. Live su Salvo 5.0, con Claudio Messora, Antonio Rinaldi, Tommaso Minniti e Salvo Mandarà....GUARDA

Becchi: è l’era delle piccole patrie. Me ne batto il ca@@o di quanti hanno votato al referendum catalano.

Becchi Referendum Catalogna Matrix Becchi a Matrix perde le staffe sul referendum in Catalogna. "Al di sopra di ogni Costituzione ci sono due diritti fondamentali. Il diritto di resistenza e il diritto di secedere. Non sappiamo come andrà a finire, ma la responsabilità di una guerra civile...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>