Fuori dal neoliberismo, verso un uomo nuovo – Mauro Scardovelli

Guarda il video direttamente su Youtube: https://www.youtube.com/watch?v=m09R9Ee0ALg

Mauro Scardovelli, giurista, psicologo, sociologo. Hai inanellato una serie di competenze nella tua vita che farebbero invidia a molti, e che specialmente in questa stagione sono fondamentali per comprendere l’interrelazione fra le cose. È un piacere averti ospite su byoblu.com. Buongiorno!

Buongiorno! Anche per me è un piacere essere qua, perché seguo da parecchio tempo il tuo canale. Lo trovo una delle cose più interessanti che vengono pubblicate sulla rete.

Ti ringrazio. Mauro. Tu hai fatto un’analisi del neoliberismo dal punto di vista psicologico, di come il neoliberismo si sia insinuato nelle nostre teste a livello di narrazione, di linguaggio, e di come ha cambiato le nostre vite. Puoi farci una ricostruzione?

Sì. Intanto ti dico perché me ne sono occupato. Io non sono mai stato interessato particolarmente all’economia, ma a un certo punto – essendo uno psicoterapeuta – ho visto che qualcosa negli ultimi vent’anni era cambiato. Era cambiato proprio nel modo di ragionare delle persone. Le persone sono diventate più egocentrate. Pensano soprattutto a sé stesse, sono meno pronte a condividere con gli altri e sono spaventate dal futuro. Il che non è una novità, ce lo sentiamo sentiamo dire tutti i giorni: “La paura… che cosa succederà?”. Ci viene detto che… ad esempio un filosofo come Galimberti dice con molta chiarezza: “Oggi il futuro non è più una promessa.” Quando io ero giovane il futuro era una promessa. Uscendo dall’Università io ero sicuro che avrei trovato lavoro, non c’era nessun problema: si trattava solo di vedere quale. Oggi noi sappiamo che i giovani frequentano il liceo, poi l’Università e hanno davanti la prospettiva della disoccupazione cronica o della sottoccupazione. Bisogna andare molto più in profondità per capire come questa svolta neoliberista abbia cagionato una trasformazione nella psiche.

Aiutami a continuare a fare informazione libera

Intanto, chiariamo subito che questa trasformazione della psiche non è una sorpresa per i neoliberisti. Margaret Thatcher dice chiaramente in un’intervista: “Il nostro obiettivo è cambiare il cuore e la mente delle persone perché si adattino al nuovo sistema.” E già Walter Lippmann (giornalista e politologo statunitense), durante il Convegno Lippmann che si tenne a Parigi dal 26 al 30 agosto 1938, cui era stato invitato allo scopo di trovare una nuova soluzione per la crisi del liberismo Lippmann, diceva che un compito fondamentale, oggi, è adattare le persone al cambiamento del sistema mondiale dell’economia. Già negli anni ’30! Perché, diceva, “altrimenti le persone saranno dei disadattati”. Quindi, affinché non siano disadattati e possano – come dire – essere partecipi, anche felici della grande società, la società dello scambio, della mancanza di confini che si prevedeva, del libero scambio della globalizzazione, bisogna che certe tradizioni che abbiamo ereditato dai nostri genitori o che resistono nelle religioni vengano abbandonate, perché noi dobbiamo capire che siamo in competizione gli uni con gli altri. Questa è una nuova società e questa società si fonda su una nuova concorrenza di tutti contro tutti. Quindi, dobbiamo sapere che i neoliberisti avevano ben chiaro questo sin dall’inizio e che quindi la trasformazione della psiche non è qualcosa che è avvenuto contro alle loro previsioni, ma anzi che volevano proprio questo, che era la loro idea fondamentale. Dedichiamoci qualche minuto.

Alla fine degli anni ’30 il neoliberismo era in crisi e cominciava a crescere la visione keynesiana dell’intervento dello Stato nell’economia. Il liberismo originariamente è: “lo Stato non deve intervenire nell’economia”, si deve limitare a uno Stato minimo, piccolo così! Perché lo Stato, quando interviene, crea danni, nel senso che l’intervento dello Stato fa sì che il libero mercato venga deviato dalla retta via. Quindi, ogni intervento dello Stato – per i neoliberisti – è una perversione di un sistema che di per sé sarebbe perfetto. Cioè quello della libera concorrenza e del sistema dei prezzi.

Che è un po’ lo “stato di natura”, se vogliamo…

… che loro ritengono sia lo “stato di natura”. Ecco, lì Lippmann dice: “Attenzione! Io e altri non siamo per tornare a quel neoliberismo lì, perché sappiamo benissimo – oggi – che lo “stato di natura” non è mica quello. Lo “stato di natura” magari non lo conosciamo, ma quel liberismo “laissez faire”, cioè tutto libero, in realtà era conseguenza di determinate leggi. Di un ordinamento giuridico che aveva creato un mercato fatto così. Non esistono mercati non regolati. Possono essere regolati per essere in un modo ed essere regolati per essere in un altro”. Quindi Lippmann diceva: “I vecchi neoliberisti che vogliono il “laissez faire”, lo Stato minimo, non hanno mica capito. Sono diventati dei gran conservatori”. E, mentre il liberismo originariamente aveva una grande forza nell’essere un movimento innovatore, portare nuove possibilità, rivoluzionario, pian piano si era trasformato in una specie di “vecchio conservatore” nostalgico, che manteneva le posizioni così come erano. Cioè i privilegi! Perché Lippmann parla proprio di privilegi di certe categorie. Lippmann non era un autore che voleva la prevaricazione dei ricchi suoi poveri, assolutamente! Così nei suoi libri… Nella “giusta” società ci dev’essere un sistema in cui non ci sono lobby che prendono il potere sugli altri, quindi riducendo lo spazio democratico. Per Lippmann è molto chiaro che ci vuole un ordinamento giuridico: lo Stato ci vuole. Molto Stato, che garantisca la libera concorrenza. Per dirtelo in tre parole: è come se dovessimo andare a fare una partita di calcio e tu hai una squadra e io ne ho un’altra. Beh! Per tutti e due è interessante che ci siano delle regole del gioco perché sennò, se le regole del gioco non sono chiare, le partite non funzionano e chi è più prepotente vince la partita. Chi si porta una mazza ferrata, a un certo punto, vince la partita. Quindi la visione di Lippmann e di altri è: intervento dello Stato nell’economia, ma ai fini di creare una competizione corretta.

La vecchia scuola austriaca, Friedric von Hayek, von Mises ed altri, dice: “No! Per carità! Questo non è possibile. Perché anche un intervento in questo modo non funzionerà. Dove ci mette mano lo Stato le cose si deformano”. Insomma, nel Convegno Lippmann si evidenziano due visioni radicali del neoliberismo che sono in contrasto. Una che vuole lo Stato al servizio di regolare la concorrenza e un’altra che dice: “Non c’è bisogno di regolare niente perché la concorrenza – come dicevi tu – è uno “stato di natura” e funzionerà da sola”. Ecco, questo è il primo passaggio da capire. Poi ci sono le guerre, e nel ’47 il keynesismo, cioè l’intervento dello Stato nell’economia a favore della redistribuzione. Cioè, dobbiamo chiarire bene che in economia ci sono due grandi filoni: quella classica che vede nella “legge di Say” un punto irrinunciabile, dice: “L’importante è che noi produciamo”. Quindi l’importante è l’offerta. Se noi offriamo dei prodotti, la domanda si crea da sola. Questa è l’opinione di Jean-Baptiste Say, che ancora in parte è mantenuta. Per Keynes, per la grande rivoluzione keynesiana, invece l’opinione diventa: “Un momento! Non è mica vero: noi produciamo e i magazzini a un certo punto rimangono pieni perché non c’è più domanda. Quindi la redistribuzione della ricchezza fra i lavoratori è essenziale perché le imprese possano funzionare“. Allora, la lezione keynesiana oggi non è più dimenticabile. E ricordiamoci che Keynes era un umanista, era una persona che non era certo un uomo di sinistra. Non è che avesse nessuna simpatia per il socialismo. Però era una persona giusta, una persona che aveva una visione filosofica, una persona molto colta e per lui era insopportabile vedere masse di disoccupati sofferenti.

Keynes interviene già durante il Trattato di Versailles. Era presente durante le negoziazioni del Trattato e vide con quale superficialità quegli uomini di Stato trattavano il destino di interi popoli. E scrisse un libro importante che si chiama “Le conseguenze economiche della pace”. È un libro toccante perché fa vedere un uomo colto, di una famiglia ricca, di una famiglia accademica, amico di uno dei più grandi economisti dell’epoca: Marshall, che è uno dei sintetizzatori dell’economia liberista, che proprio in conseguenza di un moto di compassione comincia a pensare l’economia in modo diverso. Sai, nel ’29 c’è stata quella grande crisi, una disoccupazione spaventosa negli Stati Uniti e Keynes comincia a diffondere le proprie idee fino ad arrivare anche a parlare con Roosvelt. E Keynes… ripeto, questo è molto importante dal nostro punto di vista perché noi immaginiamo spesso gli economisti come freddi, calcolatori, che pensano ai numeri e basta, ma sono degli esseri umani. Sono degli esseri umani e alcuni di loro particolarmente interessati al destino dell’uomo. E Keynes era uno di questi. Spesso si sente dire – giustamente -: “Oggi gli economisti sono come dei medici e noi ci rivolgiamo a loro per capire come curare i mali dell’economia”. L’economia ci riguarda tutti.

Ora, chi ha una pratica clinica sa benissimo che un conto è lavorare con un paziente che non ha problemi economici, un conto è lavorare con un paziente che è stato appena licenziato, che non ha prospettive future. Andargli a parlare del rapporto con i genitori, di quello che è successo con la famiglia quando era piccolo, insomma, non sono cose centrali della sua vita, perché non ce la fa ad arrivare alla fine del mese! E perché non capisce come potrà fare a pagare l’affitto… ed ha paura della miseria. Anche negli studi di psicoterapia ormai l’economia entra. Mi dispiace che molti colleghi non se ne occupano, ma credo che – spero presto – gli psicologi saranno una voce forte, nel mondo di oggi, per far capire quali sono i disagi che questo tipo di economia sta producendo nella psiche umana e soprattutto su quella dei più giovani.

Keynes – per questo siamo interessati a Keynes – era un uomo che aveva una passione per la giustizia e per il bene della persona e quindi si era messo a studiare l’economia in un modo diverso. Effettivamente Keynes ha compreso che se i lavoratori non venivano riconosciuti nella loro dignità e nelle loro esigenze, questo non era un problema solo dei lavoratori, ma era un problema di tutta la società. Perché se i lavoratori non hanno soldi, chi è che acquista i beni? Ecco. Ora, lo sappiamo, la storia ce lo insegna che il capitalismo, quando non riesce più ad avere un mercato nel proprio Paese, lo cerca da altre parti. Quindi il capitalismo ha modelli imperialisti, colonialisti, e questi modelli si diffondono. Ma c’è un punto di saturazione: anche quelli a un certo punto non funzionano più! Quindi viene fuori il tema keynesiano. Allora: se i lavoratori non hanno soldi in tasca, chi comprerà i prodotti? Punto interrogativo? Ecco! Questa è la grande rivoluzione keynesiana.

Ora, ci sono stati due grandi titani dell’economia nel ‘900, che si sono divisi il campo: uno è Friedric von Hayek, uno è appunto John Maynard Keynes, che – diciamo – ha avuto crescenti fortune. Dopo gli anni ’30 si è creata intorno a lui, a Cambridge, una schiera di allievi, con cui lui conversava molto spesso e che sono diventati economisti molto conosciuti. Quindi Keynes non ha lavorato da solo – è molto interessante! -. Keynes quando lavorava intorno al suo capolavoro che è stata la “Teoria generale”, si confrontava spessissimo con i suoi allievi. Quindi anche lì si vede come c’è un afflato democratico in Keynes, una tendenza ad estendere le sue capacità e a formare degli allievi.

Dall’altra parte abbiamo avuto un altro personaggio con fortune diverse, che è Friedric von Hayek. I due hanno cominciato a entrare in rotta di collisione. Keynes scrive la “Teoria generale”, von Hayek la critica in modo molto pesante e poi scrive un libro importante che è: “La via della schiavitù”. Le preoccupazioni di Keynes e le preoccupazioni di von Hayek apparentemente non sono molto diverse, ma le soluzioni sono diametralmente opposte. E dal punto di vista psicologico è interessante perché Keynes era un uomo che aveva la fiducia positiva negli esseri umani. Von Hayek no! Questa fa una differenza abissale. La visione che von Hayek aveva dell’uomo è la visione dell’io hobbesiano, cioè diffidenza, avidità, gloria. Questo è l’Io Hobbesiano. L’io a cui pensava Keynes è l’Io Aristotelico, cioè l’Io che è socievole, è relazionale, è collaborativo. Le due visioni del mondo si scontrano attraverso due personaggi che hanno compiuto una lotta titanica tra loro, senza esclusione di colpi. Si trattavano con parole molto dure, però – vedi – la scuola di Cambridge dove abitava Keynes è una scuola dove la disputa – anche molto severa, dura – non crea però inimicizie. Sono due personaggi che comunque si sono rispettati. Ed è molto interessante vedere come verso la fine della vita di Keynes si ritrovano durante la seconda guerra mondiale insieme sul tetto di uno dei college di Cambridge con gli attrezzi, insieme, perché stavano cadendo delle bombe incendiarie e se si prendono in tempo si riesce a buttarle via e non distruggono il casale. E quindi questi due uomini – che si sono combattuti per tutta la vita – si trovano insieme nella stessa battaglia contro la guerra. È molto interessante il rapporto psicologico tra Keynes e von Hayek. Quindi abbiamo accennato a due visioni della vita, due visioni dell’io completamente diverse. L’Io Hobbesiano è un Io a cui credono molte persone oggi. Molte persone ritengono: “Eh… ma l’essere umano è fatto così! È fatto di avidità, si muove solo per i propri interessi”.

“Homo homini lupus”…

Eccolo li!

Attenzione: Il resto della trascrizione è ancora in lavorazione. Per sapere come continua… guarda il video.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

10 risposte a Fuori dal neoliberismo, verso un uomo nuovo – Mauro Scardovelli

  • 10
    diego riz

    Grazie Claudio e grazie al Dott. Scardovelli per questa ottima intervista .

    L’unico problema che avete saltato , è che l’uomo d’oggi , oltre ad essere in competizione ed essere spaventato , non ha la minima voglia di informarsi .

    Farò di tutto per diffondere il video , ma è come il solito cosa di pochi ….
    Già se riuscissi a farlo vedere tutti ai miei genitori sarebbe una grande cosa ….. con gli amici un ora e mezza di intervista ? impossibile …..
    Inutile spiegare loro che si parla de nostro futuro e di quello del pianeta!

    Come facciamo ad informare chi non vuole informarsi ?

  • 9
    Stefano

    Intervista illuminante, anzi, lezione. Condivido senza eccezioni l’iniziativa del Sig. Scardovelli, giacché la libera e autorevole informazione è certamente l’antitodo al progresso egoista del neoliberismo. Grazie ad entrambi.

  • 8
    Trilaterale

    Casaleggio ha invitato il segretario generale della Trilateral alla inaugurazione della associazione legata al m5s e a nome di suo papà.
    Grillo è pro euro.
    TUTTI ZITTI????

  • 7
    Paolo

    Intervista che dovrebbe essere fatta girare nelle scuole.
    Grazie ad entrambi.
    Provvedo a diffonderla tra gli amici.

  • 6
    Stefano Bartoli

    Ottimo lavoro, come al solito del resto. Bravissimo Claudio, un’ora e mezza spesa bene, continua cosi, e’ tempo di parlare anche di soluzioni.

  • 5
    Stefano

    Bellissima intervista! I miei complimenti a te e a Mauro.

    Un saluto

  • 4

    Grande intervista. Il buon Claudio ha avuto la capacità di assecondare la grande vena dialettica di Mauro, intervenendo in maniera concisa e limitata. In sostanza gli ha lasciato campo libero con momenti di alta intensità emotiva specie neglii ultimi minuti eccezionali per precisione e coinvolgimento. Si potrebbero aggiungere alcune considerazioni sulla spinta religiosa e teologica dell’ideologia liberista, in pratica un nuovo culto, con debiti, colpe, espiazioni, inferno e paradiso. Ma forse questo è un altro capitolo

  • 3
    claudio

    Wow che intervista!

  • 2
    Roberto Benedetti

    Buongiorno Claudio, ho solo letto il testo, ma mi ha confermato un pensiero che mi era venuto in mente tempo fa: sociologicamente parlando, un gruppo di persone si comporta tanto più bene quanto più elevata è la loro condizione economica.
    La Germania negli anni 20 era la Germania che andava a comprare il pane con le carriole di banconote, e negli anni 30 desiderava una rivincita per la perdita della RECENTE (allora) prima guerra mondiale.
    In Italia dagli anni 90 è stato un continuo calo, per così dire, di umanità nelle relazioni interpersonali. Non che prima in macchina fossero rose e fiori, ma almeno si respirava, perfino qui a Roma.
    Un calo che è continuato fino ai giorni nostri, e che continuerà ancora per un po di tempo. La bestiaccia in questo caso già l’hanno iniziata a propinare: la Germania (come se tuuutte le nostre disgrazie provenissero da quel luogo, come se chi comanda realmente in Italia avesse le mani legate (o peggio avesse manie autolesionistiche) per non so quale motivo attribuibile ad una elite occidentale che, per carità, i danni li fa, ma in Italia comanda la criminalità organizzata di stampo mafioso quindi, se l’Italia sta affondando è perché la vogliono far affondare. Non raccontiamocela)
    Ora… Una domanda retorica a questo punto: perché le marionette di Montecitorio con i loro SUDici pupari (consentimelo, arrivato alla veneranda età di 29 anni, si è coscienti di quello a cui si può andare incontro) stanno tentando in tutti i modi di affamare il loro stesso popolo, dando la colpa ai germani? Se hai sentito parlare de “Il sangue dei vinti” lo immaginerai facilmente. A distanza di 150 anni, serve loro un pretesto per giocare a fare la guerra… con le vite della loro gente.
    Inoltre, tendiamo sempre a dipingere la società in cui viviamo, in maniera diametralmente opposta a quella che realmente è: o per guasconeria anglosassone (o levantina, greco-romana, che dir si voglia) o per pignoleria-autocritica teutonica.

  • 1

    Lei parla delle stipidaggini del neoliberismo ed ha ragione, ma io aggiungo che la “spesa dello stato”, “il deficit dello stato” ma soprattutto “le tasse” sono altre stupidaggini colossali. Lo stato crea denaro sulla base della ricchezza prodotta dal lavoro dei cittadini quella è la “cassa comune” dei cittadini, quindi lo stato non spende nulla usa il denaro della comunità per pagare tutti i servizi sociali accreditando così il denaro necessario all’economia, quindi lo stato non va mai in deficit, difficile spendere di più di quanto è la creazione monetaria, sono 1.750 MLD di euro non solo 870 delle tasse di oggi. Le tasse non servono in questo sistema, di moneta pubblica, di sovranità monetaria pura, le tasse non sono dovute, sono una truffa colossale, sono un crimine contro l’umanità, LE TASSE DEI CITTADINI , LA CASSA DEI CITTADINI SONO LA CREAZIONE MONETARIA PUBBLICA.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

LIVE: Ma allora cedere sovranità è finalmente reato? Marco mori risponde alle vostre domande durante la diretta

Marco Mori - LIVE - CEDERE SOVRANITA ORA E REATO Un decreto del Tribunale di Cassino, ottenuto da Marco Mori, stabilisce finalmente che non si può cedere sovranità (qui il video: https://www.youtube.com/watch?v=Rut9A2pnKRc). Si potrà usare per incriminare gli autori delle cessioni di sovranità passate, presenti e future? (altro…)...--> LEGGI TUTTO

Gianluigi Paragone si toglie qualche sassolino dopo la chiusura de La Gabbia

Gianluigi Paragone Andrea Salerno Intendiamoci: La Gabbia era pur sempre una trasmissione televisiva. E come tutte le trasmissioni televisive, ne rispettava il linguaggio, i tempi, le liturgie e i limiti. Quelli che internet era nata per travalicare. Tuttavia, tra tutte le trasmissioni televisive era certamente la più libera. E Paragone,...--> LEGGI TUTTO

Giulietto Chiesa: siamo stati formattati

Giulietto Chiesa - Siamo Stati Formattati - Play Intervento di Giulietto Chiesa al primo congresso fondativo di "Attuare la Costituzione", tenutosi a Napoli. Giulietto parla di come l'informazione sia la prima battaglia da combattere per rientrare in una democrazia compiuta.  (altro…)...--> LEGGI TUTTO

La Glaxo nel 2015 ha dato 11 milioni di euro a medici e ricercatori italiani

Glaxxo La EFPIA (European Federation of Pharmaceutical Industries and Associations) è una associazione delle industrie farmaceutiche che incoraggia i propri affiliati alla trasparenza. Per ottemperare alle sue richieste, la Glaxo-Smith-Kline ha reso pubblici, fra le altre cose, anche gli elenchi dei medici italiani che nel 2015 hanno ricevuto finanziamenti...--> LEGGI TUTTO

Cedere sovranità è reato! A dirlo finalmente è un tribunale.

Marco Mori - Cedere sovranità è reato - Play Marco Mori, avvocato di Genova, spiega un decreto del Tribunale di Cassino che afferma finalmente a chiare lettere che cedere sovranità è reato! Sulla base di questo decreto si aprono praterie giuridiche, e soprattutto si potranno chiamare criminali coloro che, a qualunque titolo, hanno invocato, invocano o...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Gli esperti di diritto sulla Catalogna? Sono dei pirla.

Catalogna Governo centrale di Paolo Becchi Eccoli alla carica sui giornaloni gli esperti del diritto, e più sono esperti e più sono dei pirla. Fantozzi docet. Il referendum per l’indipendenza della Catalogna è «illegale». Sì, lo è: è contro la Costituzione spagnola, contro l’«unità indissolubile» dello...--> LEGGI TUTTO

Due piantine di Cannabis per lenire dolori atroci: in prigione a 63 anni!

prigione malato cannabisTRENTO. Il ricorso in Cassazione è stato rigettato. L'uomo di 63 anni che a Trento era stato trovato in possesso di due piante di marijuana che coltivava per uso personale, per lenire i dolori atroci della sua malattia, è stato giudicato colpevole in via definitiva. Andrà in prigione. ...--> LEGGI TUTTO

L’ideologo di Putin: in Europa sarà presto caos, guerra civile, distruzione.

Dugin ideologo Putindi Giulio Meotti Roma. Europa e Stati Uniti hanno spesso ricambiato il favore ad Aleksandr Dugin. Un anno fa, il famoso politologo russo è stato messo alla porta in Grecia. Accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill per una conferenza sul Monte Athos, Dugin...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Guest post

Realizzata la prima video chiamata quantistica intercontinentale al mondo

Chiamata quantisticaIl satellite cinese Micius torna a far parlare di sé e stabilisce un nuovo record, quello della prima videochiamata quantistica della storia tra Vienna e Pechino. Circa tre settimane è avvenuto un evento eccezionale che modificherà totalmente il sistema di comunicazioni come lo...--> LEGGI TUTTO

Il Messico a meno di 40 euro al giorno!

Messico Amo il Messico. E' pieno di vibrazioni, è un paese meraviglioso, pieno di gente amichevole, con una energia speciale che vi fa riscoprire l'amore per la vita, con un'architettura spettacolare, con una storia che affonda le radici nelle profondità dei millenni e... con un cibo davvero...--> LEGGI TUTTO

Negli Uffizi dei Medici: itinerario mediceo all’interno della Galleria più famosa di Firenze.

Scoprire Firenze La Galleria degli Uffizi è il sito museale più famoso di Firenze, nonché uno dei più frequentati d’Italia: quelli che riescono a superarlo per visitatori, infatti, si contano sulle dita di una mano. Gran parte dei turisti scelgono un hotel su portali come expedia proprio per...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Rimozione forzata. La libera rete chiude!

Rimozione forzata - la libera rete chiude - Play ORE 19. Live su Salvo 5.0, con Claudio Messora, Antonio Rinaldi, Tommaso Minniti e Salvo Mandarà....GUARDA

Becchi: è l’era delle piccole patrie. Me ne batto il ca@@o di quanti hanno votato al referendum catalano.

Becchi Referendum Catalogna Matrix Becchi a Matrix perde le staffe sul referendum in Catalogna. "Al di sopra di ogni Costituzione ci sono due diritti fondamentali. Il diritto di resistenza e il diritto di secedere. Non sappiamo come andrà a finire, ma la responsabilità di una guerra civile...GUARDA

Il giorno in cui la democrazia in UE gettò la maschera

Il vero volto della democrazia nell'Unione Europea Il giorno in cui la democrazia in UE gettò la maschera, e apparve finalmente a tutti, solare, radioso, il suo vero volto....GUARDA

E dopo le “primarie” M5S, il PD torna in testa: 1,2 punti in meno.

Sondaggio M5S 25 settembre - play Sorpresa: dopo le "primarie" del Movimento 5 Stelle, Di Maio perde subito 1,2 punti percentuali e torna in testa il PD. A darne notizia, Mentana al TG7. Il calo, e il sorpasso del Partito Democratico, vengono attribuiti al modo in cui le cosiddette primarie sono state...GUARDA

Becchi: e adesso in Parlamento arriva CasaPound

Becchi - Movimento 5 Stelle - CasaPound A Omnibus (LA7) questa mattina, Di Pietro spiega che, secondo lui, il Movimento 5 Stelle in realtà non vuole affatto governare, perché non gli conviene, e Becchi prevede che, grazie all'abbandono della critica forte su Euro, Europa e finanza, e al rigetto dell'etichetta di "populismo", avremo...GUARDA

Pigi Battista a Paragone: i bambini non sono proprietà dei genitori.

Paragone Pigi Battista Nell'annoso dibattito sui vaccini, ci sono i Free Vax, i No Vax, e poi i Pigi Battista. Quelli che "i bambini non sono di proprietà dei genitori". Certamente non sono una proprietà, così come si intende un oggetto acquistato e privo di diritti. Ma il sottinteso...GUARDA

Rula Jebreal a Porro: tu, uomo bianco sessista!

PORRO VS RULA Scontro tra Rula Jebreal e Nicola Porro: "tu uomo bianco sessista che punti il dito contro una come me"....GUARDA

Barbara Lezzi maltratta Luigi Marattin a Omnibus

Barbara Lezzi Luigi Marattin Barbara Lezzi (M5S) si confronta duramente con Luigi Marattin, consigliere economico della Presidenza del Consiglio, sui dati della disoccupazione che vede l'Italia, nonostante la "cura Renzi", aumentare il distacco rispetto alla media europea. Ricordati di VOTARE Byoblu ai Macchianera Internet Awards...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>