La dimensione cosmica delle balle sulla disfatta del M5S

Innanzitutto deve essere chiara una cosa. Qualunque analista politico, non importa quanto serio, anche della categoria dei dilettanti allo sbaraglio, anche se di politica non capisce nulla, almeno una cosa la sa e la sa per certo. È una verità incontrovertibile, un dogma insuperabile, come è vero che due più due fa quattro. La verità è questa: l’unico raffronto che si può fare tra le diverse tornate di elezioni politiche è quello tra categorie territorialmente uniformi. Questo significa che le elezioni comunali le puoi confrontare solo con le elezioni comunali precedenti; le regionali solo con altre regionali; le politiche con le politiche e le europee con le europee. Non puoi usare il dato delle elezioni amministrative (cioè comunali e regionali) per argomentare un qualunque nesso propedeutico o predittivo sulle future elezioni politiche e quindi sulla tenuta delle rispettive rappresentanze politiche.

Il motivo è semplice, e se avete mai provato a partecipare ad una riunione di condominio potete intuirlo. In una riunione di condominio non valgono i massimi sistemi: lì si decide di numeri, millesimi, di tubi rotti, di ascensori che non vanno, di gente che stende i panni sul balcone e ti sgocciola sul davanzale, di gente che litiga per il posto auto. E soprattutto, si decide in base a simpatie o antipatie molto nette e radicate nel tempo: “mai con il vicino del piano di sotto che quella volta ha fatto una battutaccia sul fatto che eri in ritardo col pagamento di una rata“, oppure “mai con la pettegola che racconta alla portinaia a che ora rincasa tuo figlio“, mentre, al contrario, “sempre con il tuo dirimpettaio da cui bevi il caffè tutti i pomeriggi da anni e che ti spiffera tutti i pettegolezzi e le maldicenze che si dicono su di te“.

Le elezioni comunali sono un fatto fisico. Le famiglie storiche del paese hanno figli, parenti, vicini, il dottore di famiglia, il negoziante che gli vende la fettina, il parroco che fa la predica. Difficile svincolarsi facilmente da questi legami così stretti. I candidati sono tantissimi e hanno una conoscenza diretta con gli elettori. Anche perché poi i rappresentanti di lista vanno in sezione a contare i voti. E se i conti non tornano, inevitabile poi – anche se il voto è segreto – che i rapporti personali si facciano meno cordiali e che si sviluppino risentimenti da gestire.

Diversamente, più le istituzioni per le quali si vota sono distanti dalla vita quotidiana degli elettori, come ad esempio le elezioni politiche per il Parlamento, più i rapporti tra i candidati e i cittadini si fanno più radi, perché le parentele, le amicizie e i rapporti di lavoro in essere diventano meno vincolanti, e più si è liberi di votare non secondo una convenienza spicciola ma secondo un’idea o un principio astratto. Il massimo grado di libertà che si può raggiungere è ad esempio quello delle elezioni europee, dove i pochi candidati coprono aree vastissime, come “tutto il nord-est“, e quindi si vota innanzitutto per questioni e finalità che si percepiscono lontane, cioè con poche ricadute sulla vita quotidiana, e secondariamente per persone che con tutta probabilità nessuno ha quasi mai sentito nominare, e verso le quali difficilmente si sono sviluppate simpatie o antipatie personali. E poi nessuno può venire a farti le pulci e a controllare, grossolanamente, come hai votato. Questo è il motivo che, ad esempio, ha portato l’Italia dei Valori di Antonio Di Pietro, nel 2009, a prendere l’8% alle elezioni politiche europee, quando su base nazionale, alle politiche dell’anno precedente, aveva la metà secca dei voti.

Tutta questa lunga premessa serve a farvi capire la dimensione cosmica delle balle che i media, da ieri sera, ci riversano addosso sul presunto tracollo del Movimento 5 Stelle. “Presunto” non soltanto perché, come abbiamo visto, paragonare i risultati percentuali delle comunali ai risultati percentuali delle nazionali è un atto di falsificazione volontaria, come se un fisico venisse a raccontarvi che la velocità della luce si può calcolare a partire da quella di una capra che corre in salita su un pendio roccioso quasi verticale, e ogni tanto scivola giù di qualche metro per via dei sassi che franano. Ma anche perché danno una lettura dei dati completamente manipolata.

Chi vi scrive, a differenza di tanti esimi commentatori che si affrettano a spiegarvi chi ha vinto e chi ha perso, non ha nessun rapporto in essere con il Movimento 5 Stelle e nessun interesse in un suo possibile successo o insuccesso futuro, quindi può permettersi di guardare i dati nudi e crudi e leggerli senza per forza di cose interpretarli piegandoli a un secondo fine.

Aiutami a continuare a fare informazione libera

E allora vediamoli, questi dati. Come dicevamo, l’unico raffronto di un qualche valore che si può fare per le elezioni comunali del 2017 è con le precedenti elezioni comunali. E siccome abbiamo appena votato per oltre mille comuni, per una questione di praticità ci limitiamo a considerare solo i 25 comuni presi in considerazione anche dal Corriere della Sera nel suo riassunto generale, che pure da ieri sera, con ancora meno dati disponibili di questi, non ha esitato a scrivere di un M5S sconfitto, mentre altrove sui media si è parlato a cuor leggero di débâcle, di “Movimento che si sgonfia” e così via.

2012 2017 Differenza
M5S PD M5S PD M5S PD
Trapani 9,38 12,00 12,06 12,00 2,68
Palermo 4,24 7,75 13,08 8,41 (*) 8,84 0,66
Taranto 1,86 16,04 9,97 11,66 8,11 -4,38
Oristano 10,51 7,07 11,48 7,07 0,97
Asti 8,17 18,82 14,55 9,69 6,38 -9,13
Catanzaro 0,00 10,30 3,55 5,05 3,55 -5,25
Frosinone 1,36 10,46 5,86 8,41 4,50 -2,05
Rieti 11,84 4,62 13,07 4,62 1,23
Genova 14,08 23,88 18,37 19,83 4,29 -4,05
Lecce 2,68 10,57 4,99 8,41 2,31 -2,16
Lodi 6,01 23,23 9,79 15,92 3,78 -7,31
L’Aquila 1,25 16,20 3,91 17,37 2,66 1,17
Lucca 6,94 22,00 7,33 21,24 0,39 -0,76
Alessandria 11,75 17,75 12,17 21,15 0,42 3,40
Como 4,99 15,77 5,43 14,21 0,44 -1,56
Verona 9,51 14,84 9,48 15,88 -0,03 1,04
Piacenza 9,97 26,60 9,18 18,50 -0,79 -8,10
Pistoia 9,88 33,71 8,86 23,18 -1,02 -10,53
La Spezia 10,37 27,20 8,69 15,30 -1,68 -11,90
Cuneo 7,98 9,38 5,61 19,77 -2,37 10,39
Monza 10,17 24,77 7,90 29,74 -2,27 4,97
Padova 8,85 24,93 5,48 13,48 -3,37 -11,45
Gorizia 8,97 17,10 5,19 9,47 -3,78 -7,63
Belluno 10,31 18,63 3,71 9,04 -6,60 -9,59
Parma 19,90 25,16 3,18 14,84 -16,72 -10,32

Nella seconda e terza colonna, tranne Lodi che ha votato nel 2013, avete i risultati in percentuale del M5S e del PD, affiancato giusto per fare un raffronto, nelle elezioni comunali del 2012. Nella quarta e quinta colonna avete i dati delle elezioni comunali di ieri, e nelle ultime due colonne il differenziale. Dove c’è un segno meno, c’è una perdita percentuale di consenso elettorale. Dove non c’è il segno (in realtà c’è un più ma non si vede), si apprezza un aumento del consenso. In tre casi (Trapani, Oristano e Rieti) il M5S non si era presentato alle scorse elezioni comunali, e dunque la percentuale di voti che ha preso è tutta differenza positiva.

Innanzitutto balza all’occhio che a Genova, rispetto alla tornata del 2012, il M5S ha guadagnato 4 punti percentuali, mentre il PD ne ha persi 4. E questo nonostante il 4,87 del fuoriuscito Paolo Putti e l’1,08 di Marika Cassimatis che, insieme, si può ben ritenere abbiano portato via un buon 6% dai risultati dei Cinque Stelle, che senza tutti i mal di pancia avrebbero avuto dunque un potenziale di crescita del 10%, e non solo del 4%, che comunque rappresenta pur sempre una crescita, in una situazione di oggettiva difficoltà. I giornali avrebbero dovuto titolare dunque “M5S tiene a Genova, nonostante le divisioni“, invece di inventarsi che Grillo aveva perso Genova, quando non l’aveva mai avuta.

A Palermo, altra città portata ad esempio come catastrofe generale, in realtà il Movimento 5 Stelle aumenta i propri consensi di quasi il 9%, mentre il Pd si è dovuto sciogliere in un’altra formazione che complessivamente ha preso l’8,41%, dunque singolarmente ha sicuramente preso ancora meno! A Trapani realizza un più 12% secco, visto che alla tornata precedente manco si era presentato. Anche a Taranto va oltre l’8% di crescita. E poi via via, Oristano, Asti, Catanzaro, Frosinone… La realtà è che quello che i numeri dicono è che in 20 grandi comuni su 25 M5S ha fatto o “strepitosamente” meglio, o “molto” meglio, o comunque sempre meglio del PD. Eppure nessuno parla del disastro del Partito Democratico, che in molti dei grandi comuni subisce emorragie di voti del 10% e oltre, fino all’11,45% di Padova e all’11,90% di La Spezia.

La situazione complessiva è quella mostrata dal grafico qui sotto.

Risultati Elezioni Comunali Crescita 2017

Le barre verticali rappresentano le variazioni in percentuale sui consensi del M5S e del PD in ognuno dei 25 comuni presi in esame nella sintesi del Corriere. Quelle blu rappresentano il M5S, quelle arancioni il PD. Se la barra si estende sopra lo zero, c’è una crescita di consensi, se si estende al di sotto, c’è una perdita (click sull’immagine per allargarla). Come vedete, in tutte le città dove il M5S perde consensi (9 su 25) li perde anche il PD, tranne Cuneo e Monza, dove il differenziale del PD rispetto al M5S, nel confronto con il 2012, sale al 12,76% e al 7,24%. Poi c’è Parma, l’unica grande débâcle del Movimento 5 Stelle in senso assoluto, anche se largamente annunciata: il M5S perde il 16,72% dei consensi ma anche il PD ne perde il 10,32%, che non sono bruscolini. In tutte le altre città (tutte) il Movimento 5 Stelle cresce, e solo in due delle venti città rimanenti cresce leggermente meno del PD, mentre nelle altre lo distrugge in senso letterale, arrivando a differenziali di oltre il 12%.

Questo è quello che dicono i dati, letti con il distacco di chi non ha interessi di parte. Resta quindi da chiedersi dove i giornali, le televisioni e i commentatori terzi (“diversamente” terzi) vedano il crollo del Movimento 5 Stelle, e perché non vedano invece, a maggior ragione data la sua scintillante evidenza, il crollo del Pd. Certo, si potrebbe argomentare che il Movimento 5 Stelle non è entrato nei ballottaggi delle grandi città. Ma per il solo il fatto che non sia riuscito a costruire un razzo che raggiunga la luna alla velocità della luce, cioè in 1,28 secondi, non si può trascurare con disprezzo il fatto che abbia costruito un razzo dalle prestazioni molto superiori a quelli che costruiva nel passato. Ovvero che nel complesso sia cresciuto moltissimo.

Questo vale, appunto, per le comunali. Le elezioni politiche nazionali, come si diceva, sono davvero tutta un’altra cosa e qualunque raffronto è un azzardo senza né capo né coda. Se li fanno, potete immaginare il motivo.


update 14 giugno: 

Lucia Annunziata, conduttrice di In Mezz’ora su Rai Tre e direttrice dell’Huffington Post, risponde a questo post.

Il succo della sua critica è che non basta che che il M5S, come i dati che ho mostrato indicano, sia semplicemente cresciuto dalle scorse politiche ad oggi: avrebbe dovuto crescere di più, un po’ come una pagnotta lievitata ma non abbastanza da invadere tutto il forno.

Credo che si tratti del primo caso in cui una forza politica venga accusata di fallimento per essere semplicemente cresciuta. Un po’ come dire: “sì, hai migliorato i tuoi tempi e mi hai anche battuto, ma adesso ritirati“.

Qui l’analisi della Annunziata.

p.s. il suo articolo conclude chiedendosi se Grillo sia un leader adeguato al Movimento, lasciando sostanzialmente intendere che Casaleggio Sr. fosse meglio. Sappia, la Annunziata, che Gianroberto Casaleggio ha ragionato esattamente nella maniera che ho esposto in tutte le elezioni amministrative del passato in cui il M5S ha partecipato. In seguito alle quali – anche in quei casi – puntualmente arrivavano le accuse di fallimento. La storia si ripete, e gli italiani (soprattutto i giornalisti) hanno la memoria corta.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

62 risposte a La dimensione cosmica delle balle sulla disfatta del M5S

  • 36

    Se il primo partito d’Italia raggiunge questi risultati pessimi, la spiegazione sta nel fatto che non esiste alcun controllo del territorio, tutto lasciato al caso, anzi al caos.
    Come puoi radicarti nel territorio se basta una mera maggioranza di persone autoproclamati “attivisti” per accentrare il potere nelle mani del cacicco di turno che praticamente resetta tutto il lavoro fatto in precedenza?
    Non avrai mai risultati positivi in questo modo, è ovvio.

«12

Lascia un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

I vaccini in discussione al Senato, per Youtube, non sono adatti alle famiglie! Siamo all’apoteosi del ridicolo!

Youtube - Vaccini Senato - Restricted - Modalità con restrizioni - thumbCaso mai non sapeste cos'è la modalità "con restrizioni" di Youtube, ve lo spiego in due parole. Per venire incontro alle preferenze degli inserzionisti, che adorano i bimbiminkia che bestemmiano mentre fanno saltare le cervella dei nemici nell'ultimo gioco horror, oppure scherzi telefonici volgari e di cattivo gusto, oppure poveri dementi...--> LEGGI TUTTO

UE: test gender ai nostri ragazzi nei licei. E NON sono anonimi!

liceo Nievo Gender L'Unione Europea avrebbe un progetto in corso per testare i nostri ragazzi su tematiche matematico-sessuali (quale attinenza abbiano le due branche del sapere, forse, si può spiegare argomentando che il Kamasutra in fondo è un testo di geometria). Questo progetto consta della somministrazione di test contenenti affermazioni come:...--> LEGGI TUTTO

Lucia Annunziata e il fallimento al contrario del M5S

Lucia Annunziata Lucia Annunziata, conduttrice di In Mezz'ora su Rai Tre e direttrice dell'Huffington Post, risponde alla mia analisi dei dati sulle elezioni comunali 2017. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

Hanno radiato quest’uomo. Io invece lo voglio Ministro della Salute! Dario Miedico

Dario Miedico - Ministro della Salute - Play Questo è Dario Miedico, il medico radiato ieri dall'Ordine dei Medici. A questo mondo dove un Ordine farisaico, una casta medioevale si permette di radiare un uomo che parla in questo modo, io rispondo dicendo senza mezzi termini che voglio quest'uomo Ministro della Salute subito! E la Lorenzin...--> LEGGI TUTTO

Ecco perché non vogliono il dibattito sui vaccini: poi fanno questa fine!

Ivan Cavicci vs Virologo Pregliasco Ordine dei Medici Ecco perché non vogliono il dibattito sui vaccini: poi fanno questa fine. Il filosofo dell'Università Tor Vergata Ivan Cavicchi affronta il virologo Fabrizio Pregliasco. Il secondo è l'emblema dell'atteggiamento dei cosiddetti gran sacerdoti della scienza (anche in senso posturale, durante il confronto, fateci caso), verso il buon senso...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Due piantine di Cannabis per lenire dolori atroci: in prigione a 63 anni!

prigione malato cannabisTRENTO. Il ricorso in Cassazione è stato rigettato. L'uomo di 63 anni che a Trento era stato trovato in possesso di due piante di marijuana che coltivava per uso personale, per lenire i dolori atroci della sua malattia, è stato giudicato colpevole in via definitiva. Andrà in prigione. ...--> LEGGI TUTTO

L’ideologo di Putin: in Europa sarà presto caos, guerra civile, distruzione.

Dugin ideologo Putindi Giulio Meotti Roma. Europa e Stati Uniti hanno spesso ricambiato il favore ad Aleksandr Dugin. Un anno fa, il famoso politologo russo è stato messo alla porta in Grecia. Accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill per una conferenza sul Monte Athos, Dugin...--> LEGGI TUTTO

Il TG1 censura la Raggi. Scatenate uno #ShareStorm

Molti dei lettori di questo blog trasaliranno ascoltando alcune frasi fatte del discorso che oggi Virginia Raggi ha tenuto di fronte ai leader europei. L'Europa come "progetto visionario", come "eredità gioiosa e impegnativa", che "dobbiamo realizzare noi" perché "non poteva realizzarsi in un giorno". ...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Diego Fusaro: il Sacro Romano Impero della finanza e delle banche

Innanzitutto siamo entrati in un Sacro Romano impero della finanza in cui il sistema bancario detta legge, e noi sventurate plebi europee dobbiamo fare i sacrifici: "sacrum facere". Appunto qualcosa di religioso in nome del sistema bancario, una divinità demiurgica: le sofferenze sono sempre quelle del sistema bancario...GUARDA

Primarie Pd: il confronto Sky tra Renzi, Emiliano e Orlando – Integrale

Confronto Sky Renzi Emiliano Renzi Primarie Pd Integrale - PlayIl confronto Sky tra Matteo Renzi, Michele Emiliano e Andrea Orlando per le primarie Pd - Versione Integrale. ...GUARDA

Fusaro Vs Friedman – L’immigrazione è deportazione di massa: nuovi schiavi contro vecchi schiavi.

Fusaro Vs Friedman Diego Fusaro: "La storia delle ONG che vanno a prendere i poveri migranti che rischiano di annegare è la grande narrazione edulcorante con cui si mettono in pace le coscenze. Il compito della filosofia però è pensare altrimenti e criticare l'esistente, rovesciando le mappe dominanti. Continuiamo...GUARDA

Sgarbi vs Telese: Io non me ne vado, te ne vai tu!

Sgarbi Vs TeleseVittorio Sgarbi manda a quel paese la Costamagna e Luca Telese, e all'invito a lasciare lo studio risponde al conduttore di andarsene lui. Il tema è quello della legittima difesa dagli intrusori in ambito domestico. ...GUARDA

Becchi: la prova che la Germania ha creato l’euro per metterla in quel posto a noi

BECCHI PROVE EURO GERMANIA Paolo Becchi esibisce le prove in diretta tv del fatto che la Germania sapeva che grazie all'Euro "lo avrebbe messo in culo agli italiani". Potremmo svalutare la nostra moneta, e dunque tornare ad essere competitivi, ma ecco pronta la replica: svalutando crescerà l' inflazione. Vale...GUARDA

Diego Fusaro: ma quale new economy? Si chiama lavorare per niente!

Fusaro Diego Fusaro sulla cosiddetta "new economy". Dal caso Amazon in poi, è chiaro che si tratta di un nuovo sistema di sfruttamento dei lavoratori. Il lavoro prevede che ci siano dei diritti e che il lavoratore venga considerato alla stregua di un essere umano portatore di dignità e...GUARDA

Beppe Grillo a Sanremo 1989 – Le penali se dico che i socialisti rubano

Beppe Grillo Sanremo 1989 play Beppe Grillo a San Remo 1989, comunica il suo compenso in diretta e legge le penali previste dal contratto se dice che i socialisti che rubano....GUARDA

Fake news e post-verità: a chi conviene?

fake news post-verità icon play Fake news e post-verità: ormai non parlano d'altro. In Germania, dove presto ci saranno le elezioni, Facebook incarica una organizzazione (finanziata tra gli altri da George Soros) di marchiare a fuoco le notizie ritenute inattendibili. Ma "Fake news", "post-verità" e "debunker" sono solo neologismi, è la neolingua per...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>