Fake news: come la politica cerca di piegare i social network.

Roma – servizio di Eugenio Miccoli per Byoblu: Fabio Milella e Claudio Michelizza, di Bufale.Net

Ieri a Roma il senatore Nicola Morra (M5S) ha organizzato un convegno sulle Fake News, dal titolo “Ricerca della verità tra social media e strumenti educativi“. Tra i relatori, Laura Bononcini, responsabile per Facebook delle relazioni istituzionali (qui il suo intervento), Gianluigi Paragone, Gianluigi Nuzzi, Enrico Mentana, Sergio Rizzo, Gherardo Colombo ed altri.

Il convegno si inserisce in un momento storico determinante, che vede i social network dibattersi tra due fuochi: da una parte l’esigenza di non far fuggire i creatori di contenuti, ovvero gli utenti, che rappresentano la loro ricchezza, e dall’altra la necessità di rispondere alle pressioni della politica, che non riuscendo più a controllare il flusso delle informazioni attraverso il mero controllo delle televisioni, aggredisce la rete cercando di costringere i grossi player a rispondere alle sue richieste di rimozione di post e video, saltando una magistratura i cui tempi di intervento (insieme alle limitazioni giurisdizionali che portano le rogatorie internazionali ad infrangersi contro la normativa degli Stati Uniti d’America) non sembrano stare al passo con i tempi della tecnologia.

Ad aprire le danze era stata Hillary Clinton, reduce dalla cocente sconfitta contro Donald Trump: “le elezioni USA sono state taroccate dalla rete e bisogna fare qualcosa“. Specialmente dopo il successo inaspettato (per loro) della Brexit.  Hillary chiama e il Parlamento Europeo a Bruxelles, e Laura Boldrini in Italia, rispondono, dando il via alla campagna che conia un neologismo (Fake News, appunto “notizie false”) per descrivere un fenomeno vecchio come il mondo. La rete passa da essere un prezioso e insostituibile strumento di libertà, quando permette a Obama di vincere, a una giungla di farneticazioni da reprimere, quando permette a Trump di vincere.

Gli argomenti che la politica usa contro i social network del resto sono più che persuasivi. Come preannunciato dalla Commissione Europea, dopo una risoluzione del Parlamento di Bruxelles che autorizzava l’utilizzo di mezzi e fondi per contrastare la “disinformazione in rete”, se Google e Facebook non si fossero adeguati, ne avrebbero “pagato” le conseguenze. Pagato nel vero senso della parola, vediamo perchè. 

Aiutami a continuare a fare informazione libera

È noto che i colossi del digitale made in Usa dichiarano di avere sedi di sola rappresentanza nei vari stati membri Ue. Questo escamotage fa sì che possano pagare pochissime tasse, di solito versate nei paradisi fiscali. Nel 2016, ad esempio, in Italia Facebook ha fatturato 9,3 milioni di euro ma ha pagato solo lo 0,26% di imposte. Amazon 146 milioni di euro, a fronte del 3,2% di tasse. Google 152 milioni, con il 47% di tasse (ma solo per via del patteggiamento con Agenzia delle Entrate sugli anni precedenti). Apple 44 milioni e l’8% di tasse. Twitter 5,1 milioni e ben lo 0,17% di tasse. Airbnb (the winner) 1,97 milioni con ben lo 0,06%. Bene: la promessa della Commissione Europea era che se i social network non si fossero adeguati alle richieste di controllo della politica, le tasse avrebbero iniziato a pagarle fino all’ultima lira.

Ad aprire le danze ci aveva pensato la Germania, con le elezioni politiche alle porte, il cui Parlamento (per tutelare le poltrone dopo il casino di Trump) ha approvato una legge che condanna Facebook al pagamento di 50 milioni di euro se non rimuove un post su segnalazione delle istituzioni entro 24 ore. Avete capito bene. Il Governo alza il telefono, e se Zuckerberg non censura subito deve pagare 50 milioni. La magistratura? Non pervenuta. Ma per i soloni della democrazia (quelli dei partiti democratici) va tutto bene. Nessuno ha protestato. Così possono alzare il telefono anche loro e far levare i “profili sgraditi“, per dirla con un espressione del Ministro della Giustizia Orlando (che poi ha voluto replicare personalmente a un mio live su Facebook che se ne occupava).

Con Google invece hanno usato una tecnica diversa. Un gruppo di multinazionali che investono abitualmente negli spot sulla piattaforma Youtube, la scorsa primavera ha ritirato i loro investimenti pubblicitari finchè Google non trovasse un sistema per penalizzare i video sgraditi, causando una perdita dell’8% circa del fatturato, ma soprattutto un danno di capitalizzazione in borsa che in dieci giorni, dal 17 al 27 marzo, è costata a Mountain View ben 22,6 miliardi.

Siccome 22,6  miliardi non sono noccioline neanche per Alphabet-Google, il giorno dopo Google, che evidentemente preferisce leggere le liste nere di Butac piuttosto che verificare di persona, toglie la monetizzazione mediante banner pubblicitari a questo blog. Il motivo ufficiale è un po’ imbarazzante e ve lo risparmio, anche perché qualunque violazione del contratto rivendicasse, si trattava di una presunta violazione che andava avanti indisturbata da dieci anni, e sarebbe proprio stata una curiosa coincidenza che venisse impugnata l’esatto giorno dopo in cui Google dichiara che per venire incontro ai suoi investitori toglierà la pubblicità ai siti sgraditi.

Neppure i Cinque Stelle Europa ci stanno, e chiedono lumi alla Commissione Europea, inviando un’interrogazione scritta a firma Tamburrano, Evi, Adinolfi, cui la commissione risponde con inusuale ritardo (oltre le canoniche 3 settimane) e con una supercazzola come se fosse antani, in cui ammettono che i social network si sono impegnati nei confronti della UE ad adottare un codice di condotta comune.

Youtube si spinge più in là, e oltre alla demonetizzazione istantanea di qualunque cosa respiri e appaia un pelino sotto agli standard del Mulino Bianco (l’hanno chiamata Adpocalypse), realizza un sistema di censura certosino: la modalità con restrizioni. Intere strutture aziendali, ministeri, scuole e milioni di famiglie possono preimpostare i loro pc in maniera che Youtube oscuri dai risultati delle ricerche – e neppure permetta di vedere – qualunque video che Youtube stessa decida non essere in linea con quello che loro intendono per “contenuto gradito agli investitori”. E nessuno può sbloccare il browser a meno che non intervenga un amministratore di sistema. Da quel momento, a meno che non si tratti di una video ricetta o di un tutorial sugli ultimi tipi di ombretti, ci sono potenzialmente milioni di persone che entrano su Youtube convinte di avere la libertà di vedere quello che vogliono, e non sanno di essere dentro una nuova Matrix.

Ma il bello deve ancora venire, perché la politica non è ancora soddisfatta. Pochi giorni fa Italia (per noi Padoan), Spagna, Germania e Francia siglano un accordo per un’iniziativa politica comune di tassazione dei colossi del web, la cosiddetta Web Tax (ci aveva provato Renzi ma poi aveva abbandonato). Londra e Commissione europea seguono a ruota. Ovviamente viene raccontata come una cosa buona e giusta, che sottrae ai social network e alle altre multinazionali del web guadagni illeciti. E potremmo anche essere d’accordo, se non fosse che non abbiamo l’anello al naso e lo scopo estorsivo di questa manovra di accerchiamento – stanti le premesse – appare del tutto chiaro.

E se ancora qualcuno coltivasse qualche dubbio residuo, ad estirparlo ci pensa Salvatore Sica, professore di Salerno e socio fondatore dell’Accademia Italiana del Codice di Internet, che ispira forse l’Internet Bill of Rights, la bozza di regolamentazione della rete in lavorazione alla Camera dei Deputati. Sica si spinge perfino, consapevole del rischio, ad auspicare che su internet si applichi il modello cinese, ovvero l’intervento definitivo del sistema che ha costretto Facebook a realizzare una versione del suo sito ad hoc, su misura per l’establishment cinese (notoriamente uno dei più liberali).

Ecco come finisce l’intervento di Salvatore Sica sul Mattino di Avellino del 12 settembre scorso, dal titolo “Perché regolare la rete è un dovere ineludibile“.

Considero la proposta di Web Tax recentemente avanzata da quattro paesi europei il primo passo per «stanare» gli Over the Top della Rete: importante, ma non sufficiente. Le mani vanno messe ancor più in profondità nelle loro tasche: è l’unico linguaggio che conoscono e l’unica via per averli compartecipi della prevenzione e della repressione dell’uso distorto del Web.

Forse, al termine di questa guerra avremo social network senza parolacce, volgarità, diffamazioni e senza notizie false. Così, gli unici che potranno continuare a diffondere mezze verità e talvolta vere e proprie bufale saranno i giornali e i telegiornali, con i soldi, le veline e le poltrone garantiti dalla politica. O forse sarà questa politica a non vivere abbastanza da riuscire a piegare la rete alle circolari ministeriali, e verrà spazzata via da una gigantesca ondata di indignazione popolare.

Come che sia, non cambierà molto: “la vita troverà un modo“, come disse il matematico Ian Malcolm nel primo Jurassic Park. Neppure il coprifuoco e la corte marziale impedirono che Radio Londra trasmettesse il suo segnale, e che in tanti rischiassero la vita per ascoltarlo, nascosti nelle cantine o dentro a stanze segrete. Figuriamoci se oggi el pueblo si fermerà per così poco.

La strada maestra per combattere la disinformazione non è dotarsi di leggi speciali, non è disseminare il web di semafori rossi e non è la compilazione di liste di proscrizione sempre più lunghe, ma è la cultura, è lo sviluppo della consapevolezza e della capacità critica che dovrebbe essere lo scopo dell’istruzione pubblica. Sfortunatamente, un popolo con gli strumenti per distinguere il vero dal falso si rivolgerebbe immediatamente contro questa classe politica e darebbe inizio a una implacabile rivendicazione dei suoi diritti. Ed è per questo che si continua a cianciare di “haters” e di “fake news“, ma non si fa niente per nobilitare l’animo umano ed innalzarne la capacità di analisi. Meglio avere eserciti di ignoranti da lasciare nella loro condizione di misera inferiorità, che dare loro gli strumenti per capire che sono servi e dire addio alle brioches che la buvette del Palazzo serve calde ogni mattina, sotto allo sfarzo dei soffitti e dei lampadari ottocenteschi.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

14 risposte a Fake news: come la politica cerca di piegare i social network.

  • 12
    Man

    All’Amministratore del sito: è un programma “gomblottista” che autocorregge malamente quanto si scrive? E la quarta volta che accade!
    Grazie
    Man

  • 11
    Mario
    • 11.1
      Man

      Per quanto il video sia interessante, non sta scritto da nessuna parte che bisogna indossare il cilicio! Ciò detto una luce di scena (fondo a destra) di sparata nel video è la dimostrazione plastica di come (non) si sta davanti una telecamera: qualunque essa sia! Significa inficiare tutto quando uno viene narrando se uno non si conosce l’abc di come si fabbrica un immagine: fissa e/o in movimento! Malissimo e poi si parla male delle televisioni, con tanto di “regia” luci movimento macchina…
      Ciò detto è altrettanto vero che la Magistratura se ne fotte: ergo? Se si è capaci di creare un network, e qui mi viene al volo lo stile No Tav, ci si salva altrimenti questi con la Boldrinescu, Orlando (con quella faccia funeraria inespressiva!) il furiosetto, i prossimi di Majo via City-Wall Street sarà una passeggiata. In ordine sparso l’ Attivissimo del caso, eh hai voglia a magiare…sti pesciolini “gomblottisiti”.

      Ps. Grillo, attore, otteneva audience in teatro (poi replicati in Rete) per lo Stivale…a ricordarne una.
      Pss. Guardate lo “sfondo” di Mazzucco e come riesce a costruire la giusta attenzione, ritmo d’immagine etc.: meditate meditate.

  • 10
    charliemike

    A proposito di fake New volevo segnalare, anche se credo di sfondare una porta aperta, questo video.

    “Mentana manda in onda le bufale di Attivissimo”
    https://youtu.be/JquIMRHgHiU

    • 10.1
      Man

      Assolutamente professionale il Mazzucco, senza enfasi ma immagini “face to face”. E per chi capisce di immagini, purtroppo moltissimissimi, le “mazzuccate” sono impareggiabili al confronto.
      Un inciso: ino in qualsiasi processo dinanzi a giudice terzo” cui si contrappongono tesi, nessun giudice oserebbe dire che una delle parti è detta “gomblottista”!
      Ancora c’è un pool di architetti ed ingegneri appositamente costituiti in America /Architects & Engineers for 9/11 Truth) che dati alla mano dimostra l’insostenibile leggerezza della versione ufficiale, e non pare vengano etichettati come “gomblottisti”, E non a caso si fa di tutto per chiudere questo come tanti siti, sempre gomblottisit”.
      E una “perla” cui nessuno ha mai dato conto: in un film di Francis Ford Coppola
      https://www.youtube.com/watch?v=nq_SpRBXRmE,
      minuto 5.24 dove si vede il crollo esatto esatto delle Torri Gemelle, viste cosi e messe a confronto con i filmati d”reali” 9/11. Tuttavia il film di Coppola è del 1982, ricordo la scena come incubo, durante uno stage su montaggio Audi-Video cui professore passava e ripassava..all’epoca nastro Vhs..
      Le Torri Gemelle del 2001, diciannove anni dopo: è Ford che si è mosso nel futuro con lo Stargate, o cos’altro ?

  • 9

    Ormai è sempre più Unione Sovietica (URSS) tutto quello che ai poteri forti è funzionale, diventa d’obbligo comune.

    Naturalmente fino a quando un giorno tutto risulterà non più sostenibile e crollerà come successe proprio ai poteri totalitari del passato, l’errore comune che fanno tutti i despota è proprio sottovalutare questo fatto!

  • 8
    El Crespo

    Vogliono esportare dalla Tv alla rete la democrazia.In questo senso la Cina , la prossima prima potenza mondiale ,si è portata già avanti.esportazione , non con le bombe , ma con le leggi…..per ora.

  • 7
    BomberPruzzo

    Limitandomi all’esempio di Radio Londra bisogna dire che all’epoca si trattava di un’operazione supportata da quella che poi si sarebbe rivelata la parte vincitrice della guerra mentre adesso la “verità” ha tutti contro e poi, per quanto riguarda la ggggente non farei neanche paragoni col passato, altro che rivolte e rivoluzioni

  • 6

    Il capitolo finale è da incorniciare

  • 5
    Mario
  • 4
    Mario
  • 3

    Si fanno attentati fake con bombe carte “infiammate” mentre due giovanotti al cellulare riprendono la scena, o meglio scemezzata (mentre si cerca l’attentatore per ora ci si accontenta di un ragazzo, auguriamoci che Scottland Yard non lo “suicidi” non prima di avergli controllato se ha in tasca, da buon possibile terrorista, i documenti d’identità… sparsa a reti unificate per il Terraqueo. Al netto che con la scusa dell’”attentato, infatti ci han provato, alè un altro brick in the wall della più agonizzante democrazia occidentale: giudaico (?!) cristiana e greco romana, e pure frammassonica, che stiamo a Londra (17171):
    E poi c’è una ferità londinese che sembra Santa Maria Goretti con la garza-foulard alla “testa” mentre fa il giro di passerella per telecamere…Urbi et Orbi. Ma questa è fake governativa, vero Repubblica nostrana, Corrierione dei piccini, la Stampa sionista da Torino: buongiorno direttore calabrese, come va? E le cammellate dalla Rainews24, che solo a vederli sti giornalaisti 8non è refuso) che uno dice: ma so’ ragassi.
    E la fake dei Carabinieri stupradores, no? Che una delle tizie (vai a vedere se tiene niente a che fare con le Femen-Cia-Mossad) divincolandosi dal “caliente” Caramba, come una dea Kalì, prende il cellulare e nell’attimo culminante, più che fumarsi Zazà, si fuma tutta storia in mondovisione. E l’amica (due Carabinieri e due stuprate per par condicio) che “non sta in piedi” e “non ricorda” ma quando vanno “pesante” sitiCarabinieri…che più in là Ultimo colonnello con il viso di Raul Bova, c’è da credere, tresca contro Renzi. Ah questi Carambola “esagitati” sotto sotto all’insaputa del magistrato, poverella. E che sembra la pubblicità di un’aranciata: adesso esageriamo….fake di Stato, oyeee.
    Quanto al resto: ‘bboni state ‘bboni se potete e non esagitatevi chè s’inc**za Conspi-RenziUno-RenziDue.. Mentre più in là il Premier in pectore (da anni e Cernobbio da ultimo) si scalda i muscoli: vero City & Wall Street?

    Ps. Resta il “gomblotto” Salvini (che pure Matteo fa di nome) Lega dopo le “ragionarie” di Trinacria, che a noi autri un ci sta’ bbene, ahh. E sebbene il Di Majo si stia scaldando a bordo campo…E so’ ragassate, boja leder, vestite da fake. Ma di Stato: già chi è “stato”?

  • 2
    Mario

    La politica marcia al servizio del potere vero, quello economico e finanziario…

  • 1

    VERO. La stupidità di questi politiconzoli è abissale; pari solamente alla loro tracotanza – tracotanza tipica di bulli furbetti frequentatori assidui dei soliti squallidissimi italiani quartierini e logge. Un misto di paura e determinazione a non farsi sfilare l’unico strumento che finora li tenne a galla: propaganda; monopolio della stupidità. Fanno pena. Dinosauri sull’orlo dell’estinzione (peraltro già oltre l’orlo di una crisi isterica delirante – maccartismo all’italiana)

Lascia un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Hey, Lorenzin, fai un decreto su questo! 1250 morti all’anno per il DieselGate

DieselGate - Concentrazione e MortalitàIl surplus di emissioni dei veicoli diesel, rispetto a quanto dichiarato dalle case automobilistiche, ha causato in Italia 1.250 morti all'anno. A quantificare le conseguenze del Dieselgate sono l'Istituto meteorologico norvegese e l'istituto internazionale Iiasa, in uno studio pubblicato sulla rivista Environmental Research Letters da cui emerge che il nostro...--> LEGGI TUTTO

La verità orribile che non viene detta – Gianluca Ferrara

GIANLUCA FERRARA - La verità orribile che non viene mai detta Gianluca Ferrara, direttore editoriale di "Dissensi edizioni" e blogger del Fatto Quotidiano, ha già ottenuto quasi 150 mila condivisioni con questa analisi, fatta nell'ultimo post sul suo blog. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

Crociata contro la rete. Il ministro: via i “profili sgraditi”.

Orlando - rimozione di profili sgraditi e ong governative a fare controinformazione in rete Registrazione del Facebook Live del 16 agosto 2017 Un'intervista di Andrea Orlando, sul Corriere della Sera, rivela che esiste un accordo con i social network per la segnalazione dei post e la rimozione dei profili sgraditi, e anche che il ministero ha messo delle organizzazioni a monitorare...--> LEGGI TUTTO

La vera storia di KJ2, l’orsa mamma di Francesco e Soki, del progetto Life Ursus

Un'orsa e il suo cucciolo  Registrazione del live Facebook andato in onda ieri sera KJ2 sembra il nome di una stella cadente, perfetto per la notte di San Lorenzo. Invece è caduta un'orsa, appartenente al progetto Life Ursus. Nel video qualche considerazione da fare insieme sulla vicenda, andata in onda ieri sera...--> LEGGI TUTTO

OneBarter: l’era del baratto high tech

OneBarter - Nico Allegretti Nico Allegretti, presidente di OneBarter, racconta come il baratto, nella sua nuova forma tecnologicamente assistita, possa contribuire ad abbattere la necessità delle imprese di finanziarsi con linee di credito bancarie, e possa rilanciare gli scambi e l'economia. Un settore, quello del barter (cioè "comprare pagando vendendo",...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Due piantine di Cannabis per lenire dolori atroci: in prigione a 63 anni!

prigione malato cannabisTRENTO. Il ricorso in Cassazione è stato rigettato. L'uomo di 63 anni che a Trento era stato trovato in possesso di due piante di marijuana che coltivava per uso personale, per lenire i dolori atroci della sua malattia, è stato giudicato colpevole in via definitiva. Andrà in prigione. ...--> LEGGI TUTTO

L’ideologo di Putin: in Europa sarà presto caos, guerra civile, distruzione.

Dugin ideologo Putindi Giulio Meotti Roma. Europa e Stati Uniti hanno spesso ricambiato il favore ad Aleksandr Dugin. Un anno fa, il famoso politologo russo è stato messo alla porta in Grecia. Accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill per una conferenza sul Monte Athos, Dugin...--> LEGGI TUTTO

Il TG1 censura la Raggi. Scatenate uno #ShareStorm

Molti dei lettori di questo blog trasaliranno ascoltando alcune frasi fatte del discorso che oggi Virginia Raggi ha tenuto di fronte ai leader europei. L'Europa come "progetto visionario", come "eredità gioiosa e impegnativa", che "dobbiamo realizzare noi" perché "non poteva realizzarsi in un giorno". ...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Stanno commettendo gli stessi errori, uno dopo l’altro!

Immagine copertina non autorizzata disegno di legge fiano Ricapitoliamo: Si obbligano trattamenti sanitari preventivi sui bambini, oltretutto adducendo epidemie inventate come emergenza. Si limita il diritto all'istruzione. Si attua una discriminazione nelle scuole su bambini perfettamente sani per ragioni di Salute Pubblica. Si sostiene...--> LEGGI TUTTO

Lettere al blog: bimbi dimenticati in auto? L’idea semplice di una nonna.

bimbi auto Lettera al blog di Stefania Gentile Sig. Claudio, seguo il suo blog su "youtube" e la ringrazio per le tante cose che si imparano. Questa mattina ho ascoltato il pezzo sulla tragedia, fortunatamente solo sfiorata, per l'ennesimo bambino lasciato in macchina dalla mamma....--> LEGGI TUTTO

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Pigi Battista a Paragone: i bambini non sono proprietà dei genitori.

Paragone Pigi Battista Nell'annoso dibattito sui vaccini, ci sono i Free Vax, i No Vax, e poi i Pigi Battista. Quelli che "i bambini non sono di proprietà dei genitori". Certamente non sono una proprietà, così come si intende un oggetto acquistato e privo di diritti. Ma il sottinteso...GUARDA

Rula Jebreal a Porro: tu, uomo bianco sessista!

PORRO VS RULA Scontro tra Rula Jebreal e Nicola Porro: "tu uomo bianco sessista che punti il dito contro una come me"....GUARDA

Barbara Lezzi maltratta Luigi Marattin a Omnibus

Barbara Lezzi Luigi Marattin Barbara Lezzi (M5S) si confronta duramente con Luigi Marattin, consigliere economico della Presidenza del Consiglio, sui dati della disoccupazione che vede l'Italia, nonostante la "cura Renzi", aumentare il distacco rispetto alla media europea. Ricordati di VOTARE Byoblu ai Macchianera Internet Awards...GUARDA

Ilaria Bifarini – L’Ocse dice che tra 60 anni siamo fritti

Ilaria Bifarini, nota al pubblico di Byoblu per la sua intervista di esordio "Neoliberismo e Manipolazione di massa - storia di una bocconiana redenta", approda a Coffee Break, su LA7. "Il modello a tendere degli economisti dell'OCSE da qui a 60 anni, in un report che ho visto personalmente, sarà sempre peggiore: salari sempre più passi e sempre più disuguaglianza". Ilaria Bifarini, nota al pubblico di Byoblu per la sua intervista di esordio "Neoliberismo e Manipolazione di massa - storia di una bocconiana redenta", approda a Coffee Break, su LA7. "Il modello a tendere degli economisti dell'OCSE da qui a 60 anni, in un report che ho...GUARDA

Diego Fusaro: il Sacro Romano Impero della finanza e delle banche

Innanzitutto siamo entrati in un Sacro Romano impero della finanza in cui il sistema bancario detta legge, e noi sventurate plebi europee dobbiamo fare i sacrifici: "sacrum facere". Appunto qualcosa di religioso in nome del sistema bancario, una divinità demiurgica: le sofferenze sono sempre quelle del sistema bancario...GUARDA

Primarie Pd: il confronto Sky tra Renzi, Emiliano e Orlando – Integrale

Confronto Sky Renzi Emiliano Renzi Primarie Pd Integrale - PlayIl confronto Sky tra Matteo Renzi, Michele Emiliano e Andrea Orlando per le primarie Pd - Versione Integrale. ...GUARDA

Fusaro Vs Friedman – L’immigrazione è deportazione di massa: nuovi schiavi contro vecchi schiavi.

Fusaro Vs Friedman Diego Fusaro: "La storia delle ONG che vanno a prendere i poveri migranti che rischiano di annegare è la grande narrazione edulcorante con cui si mettono in pace le coscenze. Il compito della filosofia però è pensare altrimenti e criticare l'esistente, rovesciando le mappe dominanti. Continuiamo...GUARDA

Sgarbi vs Telese: Io non me ne vado, te ne vai tu!

Sgarbi Vs TeleseVittorio Sgarbi manda a quel paese la Costamagna e Luca Telese, e all'invito a lasciare lo studio risponde al conduttore di andarsene lui. Il tema è quello della legittima difesa dagli intrusori in ambito domestico. ...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>