SCIENZA & TECNOLOGIA

Decreto Vaccini: il commento che sui giornali non leggerete mai.

Vaccini Obbligatori per Paese 480

C’era un tempo in cui qualcuno mandava affanculo tutti, per qualunque cosa. Era la rivoluzione. Mandava affanculo i corrotti, mandava affanculo i ladri. Mandava affanculo chi viveva attaccato alle poltrone, i giornalisti servi, i ministri, i banchieri senza scrupoli, mandava affanculo le case farmaceutiche e i loro business.

Oggi, proprio le case farmaceutiche e i loro business hanno messo a segno un colpaccio mica male. Con un decreto legge scritto dal Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, con il probabile aiuto dal consulente ministeriale Roberto Burioni,  il Governo ha emanato un decreto in base al quale i vaccini obbligatori passano da 4 (di cui uno conseguente a una tangente da 600 milioni pagata da GlaxoSmithKline al Ministro della Salute De Lorenzo, con sentenza confermata in cassazione), a 12. Dodici vaccini obbligatori. Non solo: impossibilità di frequentare le scuole da zero a sei anni per i non vaccinati, mentre per le scuole dell’obbligo pesanti sanzioni a carico dei genitori che non vaccinano, in tutto o in parte: fino a 7500 euro. E la segnalazione al Tribunale dei Minori per la sospensione della patria potestà.

Mica male eh? Dai, diciamocelo: un provvedimento che al confronto Mussolini era Gandhi. Ma non solo. Voi direte: cos’hai contro i vaccini? “Fanno bene, sono supersicuri“, dice Burioni. E poi sono necessari: tutte quelle malattie terribili come il morbillo. E se scoppia un’epidemia? Vacciniamoci tutti! Vacciniamoci contro qualunque cosa. Ma un vaccino contro l’idiozia esiste? Immagino di no: è controproducente.

La questione non è se i vaccini facciano bene o male, o – più probabilmente – bene e male contemporaneamente, perché come tutti i farmaci (ebbene sì, hanno dei bugiardini con delle controindicazioni, che vi fanno firmare, e voi firmate come se li capiste) si dovrebbero prendere quando servono, e non a tappeto. La questione non è neppure se per discutere di vaccini sia necessario avere una laurea o meno. Innanzitutto perché se – come ci dicono – noi genitori dovessimo avere la laurea in medicina per decidere in merito ai vaccini, allora tantomeno a decidere per tutto un Paese dovrebbe essere una signora (il ministro Lorenzin) che ha la maturità classica, eppure non solo fa sfoggio di convincimenti che neanche un premio Nobel, ma legifera in conto terzi con spocchia e alterigia senza pari. Ma poi anche perché – e qui un vaccino contro l’idiozia sarebbe utile – se i genitori non possono “capire” perché non hanno la laurea in medicina, allora tantomeno possono firmare astruse liberatorie prima della fatidica inoculazione al loro piccolo. Come possono infatti non essere in grado di mettere in discussione i vaccini perché non competenti, e contemporaneamente essere in grado di dare un consenso informato? Allora, se pretendi che io sia informato, sei obbligato a spiegare e a convincermi, e io posso decidere. Altrimenti, visto che adesso i vaccini sono obbligatori, voi non dovete firmare più niente, anzi: devono firmare la Lorenzin e Gentiloni, e assumersi tutta la responsabilità del caso, insieme allo Stato, responsabile in solido di tutte le eventuali reazioni avverse, già scoperte o ancora da scoprirsi.

Ma noi possiamo andare oltre alla questione della mera competenza, e fare un ragionamento che anche un uzbeko con la prima elementare potrebbe fare (con tutto il rispetto degli uzbeki, a cui chiedo scusa per l’incauto paragone). Anzi, possiamo fare molto più di un solo ragionamento. Mi limiterò a fare i primi tre che mi vengono in mente, se no mi viene fuori la Treccani.

Uber: ma siamo sicuri che questa è la modernità che vogliamo?

Dal 16 aprile Uber non potrà più operare in Italia.  Non voglio discutere delle ragioni dei tassisti, lobby che si dimostra potentissima in Italia  (fu capace perfino di fermare le liberalizzazioni di Monti), e neppure di quelle di Uber, che in molte altre città europee svolge un servizio pratico, velocissimo e a prezzi popolari.  Nell’era degli smartphone  e della sharing economy siamo tutti tentati dal restare delusi e dall’identificare la modernità con un’app che realizza la promessa della rete: mettere i cittadini in contatto diretto con altri cittadini.  E del resto le lunghe file sotto alle pensiline dei taxi (e il costo a fine corsa) non rappresentano un paradigma di servizio efficiente, in grado di non far rimpiangere, appunto, la “modernità”.

#SUM01 – Fabio Vaccarono, AD di Google Italia all’Associazione Gianroberto Casaleggio

Intervento di Fabio Vaccarono, A.D. di Google Italia, a SUM01, il primo evento organizzato dall’Associazione Gianroberto Casaleggio.

Richiesto di portare un contributo sul futuro, voglio partire dalla cosiddetta Legge di Varian. La Legge di Varian dice: “Se volete capire il futuro della tecnologia, prendete e osservate le tecnologie già esistenti che oggi sono nelle mani di pochi – magari le persone più ricche o le aziende più innovative – e sappiate che entro pochi anni quelle stesse tecnologie saranno in possesso di metà della popolazione mondiale e entro dieci anni saranno in grado di coprire l’intero pianeta”.

Questa considerazione mi permette oggi di evitare di fare fantascienza e di addentrarmi e avventurarmi in alcune ipotesi più o meno futuristiche. Prendete Internet, e poi spiegherò perché Internet è una tecnologia così importante. Internet ha avuto un impatto molto significativo. Non è una tecnologia nuova. Eppure siamo ancora molto lontano dal vedere esplicato il suo pieno potenziale.

Veniva ricordato in chi mi ha introdotto: oggi ci sono 3 miliardi di persone collegate in rete. Stimiamo che di qui al 2020 diventeranno 6 miliardi, con una media di 5, 6 strumenti tecnologici a testa a disposizione.
Già oggi l’economia di Internet garantisce il 25% di crescita anno su anno del Pil dei paesi del G20, e ha già avuto un impatto culturale e sociale immenso, pensate per esempio alla possibilità di accedere universalmente all’informazione planetaria.
Eppure nelle parole del suo fondatore, del suo inventore Tim Berners-Lee, Internet è più pensato come uno strumento sociale, più che come uno strumento tecnologico. Tim Berners-Lee dice: “io ho inventato qualcosa per aiutare le persone a collaborare e a interagire. Non mi interessa la tecnologia in sè: Internet lo voglio come strumento per migliorare l’esistenza su questo pianeta”.

Perchè è così importante Internet ? Perché Internet è per sua natura la tecnologia abilitante della legge di Varian: prenderà delle innovazioni che oggi sono già disponibili, magari diversissime tra di loro, magari sviluppate all’interno di settori molto distanti, e attraverso la sua capacità combinatoria farà interagire invenzioni che ci sono già, e progressivamente le renderà universalmente disponibili per tutti gli abitanti del pianeta.

Pensate al caso del Car Sharing. Il Car Sharing non è certo una cosa nuova: alcune città europee l’hanno testato già dieci anni fa. Eppure, grazie alla diffusione degli smartphone, grazie alla cosiddetta “App based economy”, all’economia basata sulle App, e allo sviluppo di alcuni software in cloud, oggi è molto più facile noleggiare un automobile, è molto più facile procedere in modo automatico all’autenticazione ed effettuare il pagamento. Quindi da una opportunità, da una tecnologia di nicchia, oggi abbiamo la possibilità di offrire a tutte le persone che abitano nelle città una possibilità e una soluzione di movimento che prescinde dal possesso dell’automobile. Questa è esattamente la legge di Varian in azione, è esattamente l’esempio di diffusione e calcolo combinatorio che deriva da innovazioni in settori diversi.

Il potenziale è ancora immenso. McKinsey calcola un indice che si chiama “Digital Potential”. Il Digital Potential esprime la percentuale con la quale un sistema paese sta già adottando da un punto di vista economico e sociale innovazioni e tecnologie che esistono già, in possesso di alcune persone o in possesso di alcuni settori. Oggi il Digital Potential italiano è al 10%. Certamente un numero basso, ma non vi sembri così basso, perché persino gli Stati Uniti, che sono da questo punto di vista l’economia più avanzata del pianeta, hanno un Digital Potential al 18%. Ci sono ancora almento 80 punti che derivano dall’esplicazione di pieno potenziale, che deriva da tecnologie che esistono già, e che diventano alla portata di tutti.

Allora oggi vi propongo qui due chiavi di lettura per il futuro. La prima è vedere cosa esiste già e che cosa, grazie a Internet, diventerà di accesso e di dominio universale, e la seconda è di ragionare attraverso la rete come tecnologia abilitante alla combinatoria di innovazione di diversi settori che, attraverso Internet, prima si fondano e poi vanno a cambiare la logica di interi settori, piccoli e grandi, pubblici e privati. Oserei dire tutti i settori, tutti i prodotti e tutti i servizi.

La prima grande direttrice è quella che io amo chiamare “del mondo che è diventato più vicino”. Noi vivremo in un mondo che è molto più vicino di come lo viviamo oggi. Pensate agli effetti più evidente della rivoluzione digitale. Grazie a Internet possiamo comunicare, interagire, cercare informazioni ed effettuare acquisti con qualsiasi parte del pianeta, con qualsiasi persona o con qualsiasi consumatore di un altro continente. Eppure, nell’ambito dell’Unione Europea, solo il 10% delle piccole medie imprese ha venduto online al di fuori dei propri confini nazionali. La principale barriera all’adozione di una maggiore penetrazione dell’e-commerce è naturalmente quella linguistica. La grande barriera alle relazioni internazionali è farsi capire: una piccola azienda ha bisogno di comunicare con persone che parlano una lingua diversa. Ebbene, oggi grazie alle tecnologie basate su modelli statistici la traduzione automatica sta facendo passi da gigante. Non solo, ma da sei mesi, grazie all’utilizzo del machine learning e delle reti neurali, è stato possibile lavorare a dei modelli di traduzione automatica che anziché ragionare pezzo per pezzo fanno un lavoro molto più articolato e molto più semantico permettendo alla macchina di simulare a tutti gli effetti un linguaggio molto simile alla parlata umana. Allora pensate: la traduzione automatica e l’e-commerce, due mondi molto distanti che fondendosi in modo combinatorio su piattaforme digitali aperte permetteranno, insiema ad altre rivoluzioni come quella della logistica o come quella delle rivoluzioni normative che porteranno alla costituzione e alla nascita del Digital Single Market, di trasformare ogni piccola impresa in una piccola multinazionale. Pensate alla portata di questa profezia rispetto a un ecosistema come quello italiano, che nonostante anni di crisi dolorosissima rimane pur sempre la seconda potenza manifatturiera dopo la Germania. Pensate al potere, per tutti i piccoli paesi esportatori dell’Unione Europea, la possibilità di offrire una piattaforma di sviluppo globale ed il raggiungimento globale di qualsiasi mercato e prodotto o consumatore abilitato dalla rete.

La seconda grande rivoluzione che scaturisce dalle mie letture della legge di Varian è quella di un mondo “tirato dai dati”. Questo sarà un mondo guidato dai dati. Allora, la “Data Driven Innovation” non dovete immaginarla come una cosa che serve soprattutto alle organizzazioni grandi e complicate: la Data Driven Innovation può e cambierà la vita a organizzazioni soprattutto piccole, che grazie a un utilizzo dei dati molto più intelligente e molto più articolato potranno raggiungere obiettivi di efficienza e di efficacia rispetto ai propri obiettivi fino a ieri del tutto inimmaginabili. Oggi con la riduzione del costo dei piccoli computer c’è la possibilità, per tutte le organizzazioni, piccole, grandi, pubbliche e private (pensate a una scuola, pensate a un ospedale, pensate a una pubblica amministrazione locale) di produrre dati legati a ciascuna delle proprie transazioni. Tutti i processi, l’intera catena del valore sarà in grado di produrre dati monitorabili.

Che cosa succederà? Succederà che delle organizzazioni che fino a ieri prendevano delle decisioni basate sulla loro storia, basate su considerazioni estrapolative, potranno fare un salto di qualità inimmaginabile, intanto nell’interagire le une con le altre, e dall’altra nell’allocare in modo molto più efficiente le risorse.

Sapete che una delle nostre ossessioni in Google è quella del risparmio energetico. Abbiamo grandi data-center e siamo diventati storicamente famosi per avere dei data-center che consumano la metà dell’energia di un data-center normale. Ebbene oggi, con un nuovo breakthrough tecnologico che è il machine-learning, siamo stati in grado, con l’utilizzo delle reti neurali, di calcolare così bene i dati dei nostri data-center, che abbiamo abbattuto di un ulteriore 40% il costo di raffreddamento delle nostre centrali. Pensate le applicazioni in ambito ambientale. Pensate questi algoritmi di machine-learning applicati alle decisioni di qualsiasi operatore, che salto di qualità inimmaginabile possono garantire al nostro modo di prendere decisioni private, pubbliche e di utilità collettiva.

Il terzo grande filone di cui voglio parlare e che abiliterà sviluppi dell’innovazione immensi è ovviamente quello delle piattaforme open source. Noi crediamo così tanto nell’open source che il nostro meccanismo di machine learning, quello che abbiamo utilizzato per i data center – si chiama TensorFlow – abbiamo deciso di renderlo libero e utilizzabile da tutti. E con la stessa filosofia abbiamo contribuito, insieme ad altri operatori del pianeta, a creare innovazione e a ridisegnare il futuro di moltissimi settori. Pensate a un oggetto tecnologico che è diventato molto familiare nel corso dei dieci anni delle vostre vite: lo smartphone. Immagino che ne abbiate tutti in tasca uno. Ebbene, fino al 2007 lo smartphone era una costosa rarità. Oggi uno smartphone si trova a 50 euro. Che cos’è successo nel frattempo? È successo che la combinatoria di tecnologie molto diverse, come gli schermi touch based piuttosto che la rete a banda larga, si sono ricombinati sulle piattaforme open source, per esempio come Android, dando la possibilità a un piccolo produttore o a un piccolo sviluppatore, anziché di dover reinventare la ruota da zero, di attaccarsi su un lavoro di piattaforma messo in comune e già disponibile. Oggi grazie ad Android noi abbiamo oltre 1300 marchi europei e mondiali di telefonia che sviluppano oltre 24 mila prodotti. L’Europa ha potuto conoscere la nuova industria che è l’economia basata sulle App, e oggi gli sviluppatori di App europei possono, attraverso le piattaforme aperte, interagire con più di un miliardo di consumatori su base planetaria. Si calcola che l’economia oper source dei sistemi operativi di mobilità come Android abbia creato nella sola Europa un milione e duecentomila posti di lavoro.

Questa è la dimostrazione della legge di Varian, quindi prima di chiederci “quale sarà il futuro delle città sottomarine” piuttosto che “delle astronavi volanti sui nostri ecosistemi urbani” – cose che magari capiteranno – chiediamoci che faccia avrà il mondo quando il Digital Potential delle principali economie mondiali sarà prossimo al 100%. Cosa che tenderà a capitare abbastanza automaticamente.

Allora chiudo dicendo: che cosa occorre per essere, come auspichiamo, protagonisti di questa nuova economia tecnologica e digitale? Che cosa dobbiamo fare per viverla disegnandola e progettandola e non dovendola subire? Ovviamente occorrono grandissimi investimenti in infrastrutture, bisogna pensare alla ricerca e sviluppo, bisogna tornare alla voglia di innovare. Ma soprattutto dobbiamo occuparci delle persone e della formazione. Oggi la più grande sfida delle civiltà occidentali si chiama “riconversione del capitale umano”. C’è tantissimo da fare in questo ambito, ma se noi vogliamo che le nostre persone restino al passo e beneficino di un mondo dove l’innovazione sarà continua e costante, dobbiamo investire sulle loro competenze tecnologiche e digitali.

Oggi c’è un “divide” immenso tra quello che le persone imparano a scuola o imparano sul posto di lavoro. Allora sicuramente possiamo investire nella programmazione nelle scuole, possiamo dare dei contributi a immaginare un modello di formazione permanente, che è necessario visto l’allungamento della vita media e della vita attiva media. Come Google, nel nostro piccolo, abbiamo dato un contributo a formare negli ultimi anni tre milioni di cittadini europei, di cui due in Europa e uno in Africa. Ma ovviamente c’è ancora moltissimo da fare da questo punto di vista. Ma questa è la chiave più importante, perché soltanto con persone che capiscono il cambiamento e hanno la cassetta degli attrezzi per analizzare, dibattere e discuterne come avviene qui oggi, noi saremo in grado di disegnare collettivamente un futuro di successo.

Allora chiudo con le parole di Paolo Volponi, un grande intellettuale e un grande progettatore di futuro, chiamato qui, in queste stanze, da Adriano Olivetti insieme a molti altri nel 1956. Paolo Volponi diceva: “Guardate, ricordatevi che il domani non ha una forma già prestabilita”. Vi ringrazio.

I Mini Blu

Hanno radiato quest’uomo. Io invece lo voglio Ministro della Salute! Dario Miedico

Dario Miedico - Ministro della Salute - Play Questo è Dario Miedico, il medico radiato ieri dall'Ordine dei Medici. A questo mondo dove un Ordine farisaico, una casta medioevale si permette di radiare un uomo che parla in questo modo, io rispondo dicendo senza mezzi termini che voglio quest'uomo Ministro della Salute subito! E la Lorenzin...--> LEGGI TUTTO

Ecco perché non vogliono il dibattito sui vaccini: poi fanno questa fine!

Ivan Cavicci vs Virologo Pregliasco Ordine dei Medici Ecco perché non vogliono il dibattito sui vaccini: poi fanno questa fine. Il filosofo dell'Università Tor Vergata Ivan Cavicchi affronta il virologo Fabrizio Pregliasco. Il secondo è l'emblema dell'atteggiamento dei cosiddetti gran sacerdoti della scienza (anche in senso posturale, durante il confronto, fateci caso), verso il buon senso...--> LEGGI TUTTO

Cari M5S, uscite dall’angolo sui vaccini e menateje duro!

GRILLO LORENZIN VACCINIFinalmente Beppe Grillo comincia a contrattaccare sulla vergognosa strumentalizzazione delle questione vaccini ad opera del Pd farmaceutico nei confronti del MoVimento 5 Stelle. "L’oggetto della delinquenziale banda di medici, professori, lobbisti e amministratori delegati, sono le persone malate e la terapia del dolore, fare test di validazione...--> LEGGI TUTTO

Adesso vogliono privatizzare anche la Rai? Magari la diamo a Soros?

Fazio GentiloniLo ha appena detto il conduttore Fabio Fazio, riferendosi alla Rai: «ci sono Paesi che hanno dismesso o venduto le reti. Non è detto che l’assetto attuale sia quello giusto. Si può discutere, ma per farlo bisogna essere in buona fede». Cos'è.. adesso...--> LEGGI TUTTO

Stefano Montanari: “Non vogliono il confronto perché li terrorizza”.

Stefano Montanaririceviamo e pubblichiamo la lettera di Stefano Montanari al blog. di Stefano Montanari direttore scientifico di Nanodiagnostics Caro Claudio, Ho ascoltato con molto interesse il tuo intervento in cui chiami in causa il prof. Burioni. È evidente che tu Burioni non lo...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

L’ideologo di Putin: in Europa sarà presto caos, guerra civile, distruzione.

Dugin ideologo Putindi Giulio Meotti Roma. Europa e Stati Uniti hanno spesso ricambiato il favore ad Aleksandr Dugin. Un anno fa, il famoso politologo russo è stato messo alla porta in Grecia. Accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill per una conferenza sul Monte Athos, Dugin...--> LEGGI TUTTO

Il TG1 censura la Raggi. Scatenate uno #ShareStorm

Molti dei lettori di questo blog trasaliranno ascoltando alcune frasi fatte del discorso che oggi Virginia Raggi ha tenuto di fronte ai leader europei. L'Europa come "progetto visionario", come "eredità gioiosa e impegnativa", che "dobbiamo realizzare noi" perché "non poteva realizzarsi in un giorno". ...--> LEGGI TUTTO

Oggi attaccano Byoblu.com. Ma sarà presto un attacco contro tutti i dissidenti.

di Pino Cabras su MegaChip Fa molto bene Claudio Messora a sottolineare che il vero obiettivo della campagna contro le 'fake news' non erano certo quei cialtroni che infestano il web di notizie false, razziste e irresponsabili per acchiappare clic, che pure ci sono e da chissà...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie

Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter

Video dal web

Diego Fusaro: il Sacro Romano Impero della finanza e delle banche

Innanzitutto siamo entrati in un Sacro Romano impero della finanza in cui il sistema bancario detta legge, e noi sventurate plebi europee dobbiamo fare i sacrifici: "sacrum facere". Appunto qualcosa di religioso in nome del sistema bancario, una divinità demiurgica: le sofferenze sono sempre quelle del sistema bancario...GUARDA

Primarie Pd: il confronto Sky tra Renzi, Emiliano e Orlando – Integrale

Confronto Sky Renzi Emiliano Renzi Primarie Pd Integrale - PlayIl confronto Sky tra Matteo Renzi, Michele Emiliano e Andrea Orlando per le primarie Pd - Versione Integrale. ...GUARDA

Fusaro Vs Friedman – L’immigrazione è deportazione di massa: nuovi schiavi contro vecchi schiavi.

Fusaro Vs Friedman Diego Fusaro: "La storia delle ONG che vanno a prendere i poveri migranti che rischiano di annegare è la grande narrazione edulcorante con cui si mettono in pace le coscenze. Il compito della filosofia però è pensare altrimenti e criticare l'esistente, rovesciando le mappe dominanti. Continuiamo...GUARDA

Sgarbi vs Telese: Io non me ne vado, te ne vai tu!

Sgarbi Vs TeleseVittorio Sgarbi manda a quel paese la Costamagna e Luca Telese, e all'invito a lasciare lo studio risponde al conduttore di andarsene lui. Il tema è quello della legittima difesa dagli intrusori in ambito domestico. ...GUARDA

Becchi: la prova che la Germania ha creato l’euro per metterla in quel posto a noi

BECCHI PROVE EURO GERMANIA Paolo Becchi esibisce le prove in diretta tv del fatto che la Germania sapeva che grazie all'Euro "lo avrebbe messo in culo agli italiani". Potremmo svalutare la nostra moneta, e dunque tornare ad essere competitivi, ma ecco pronta la replica: svalutando crescerà l' inflazione. Vale...GUARDA

Diego Fusaro: ma quale new economy? Si chiama lavorare per niente!

Fusaro Diego Fusaro sulla cosiddetta "new economy". Dal caso Amazon in poi, è chiaro che si tratta di un nuovo sistema di sfruttamento dei lavoratori. Il lavoro prevede che ci siano dei diritti e che il lavoratore venga considerato alla stregua di un essere umano portatore di dignità e...GUARDA

Beppe Grillo a Sanremo 1989 – Le penali se dico che i socialisti rubano

Beppe Grillo Sanremo 1989 play Beppe Grillo a San Remo 1989, comunica il suo compenso in diretta e legge le penali previste dal contratto se dice che i socialisti che rubano....GUARDA

Fake news e post-verità: a chi conviene?

fake news post-verità icon play Fake news e post-verità: ormai non parlano d'altro. In Germania, dove presto ci saranno le elezioni, Facebook incarica una organizzazione (finanziata tra gli altri da George Soros) di marchiare a fuoco le notizie ritenute inattendibili. Ma "Fake news", "post-verità" e "debunker" sono solo neologismi, è la neolingua per...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>