I MINI-BLU

Family Day sul Pirellone: una ragazza scrive a Maroni.

Family Day: il Pirellone a Milano si illumina e prende una posizione precisa nel dibattito politico sulle unioni civili. Ma il Pirellone è la sede del Consiglio regionale della Lombardia, dunque ha valenza istituzionale e non è di proprietà di Maroni, non più di quanto il Quirinale sia di proprietà del Presidente della Repubblica.

Family Day - Pirellone - Milano - Regione Lombardia

Immaginate, ad esempio, che il presidente del Consiglio faccia uso di un volo di Stato e che vernici la carlinga con un messaggio pubblicitario che avvantaggi la sua parte politica (per esempio il Pd): sarebbe ammissibile?  Che succederebbe se il ministro della Difesa facesse scrivere nel cielo alle frecce tricolori, durante una cerimonia, una scritta qualunque che riporti le sue convinzioni personali? Sarebbe accettabile? Dunque abbiamo un partito politico che fa un uso personale di beni istituzionali ad esso affidati. Non somiglia molto al peculato d’uso, questo appropriamento indebito di uffici e beni pubblici (come l’illuminazione) allo scopo di lanciare messaggi privati? Quella non è la sede della Lega Nord: è la sede ove si riunisce l’assemblea dei consiglieri della Regione Lombardia.

Di seguito, la lettera di una giovane laureata, indirizzata a Roberto Maroni.

Egregio Presidente,

Buongiorno. Mi chiamo Federica Cottini, vivo a Monza, ho 24 anni, una laurea breve in Lettere e un diploma di recitazione conseguiti entrambi a Milano. Vorrei parlarle proprio di cosa è successo in questi giorni, a Milano.

Il Pirellone come la Tour Eiffel?

Dopo le prove luminose con la scritta “Family Day” apparsa sul Pirellone, la mia prima reazione non è stata diversa da quella che ho sempre quando mi trovo davanti a manifestazioni più o meno inconsciamente omofobe. Mi è venuto da ridere. Un po’ per tutta la creatività social che ci si è sviluppata intorno (continuo a pensare che illuminare “Maria de Filippi” sarebbe stato più originale e di certo più ampiamente condiviso), un po’ perché… Davvero? Insomma, nel 2016? Nel 2016 ci sentiamo minacciati da un decreto a breve in Parlamento tanto da scrivere a caratteri cubitali uno slogan sopra un pezzo di storia di Milano?

Una reazione più ragionata è stata quindi di tristezza e fastidio. Mi ha dato fastidio che il Pirellone fosse utilizzato a scopi così smaccatamente propagandistici. E soprattutto per un messaggio che gran parte dei cittadini lombardi non condivide e, ricordate, la maggioranza dei milanesi non condivide (è vero che non bisogna fare di tutta l’erba un fascio, che si può essere di sinistra e essere un fervente sostenitore del family day, o viceversa, ma mi sembra ragionevole supporre che chi vi ha votati si rispecchi nella vostra posizione anche questa volta, e viceversa).

A scanso di equivoci, avete chiarito di avere illuminato la scritta soltanto in corrispondenza dei vostri piani. Credo che il ragionamento avrebbe un senso solo se quello di cui si parla non fosse un monumento milanese. Immaginate che la Tour Eiffel appartenga metà alla maggioranza e metà all’opposizione, e che la maggioranza decida di proiettare sopra alla sua metà una scritta gigantesca. Vallo a spiegare che non è quello che pensano tutti. È comunque la Tour Eiffel! È comunque Parigi! È comunque la Francia! E se il Pirellone non è noto a livello mondiale quanto la Tour Eiffel, a livello nazionale è abbastanza noto da scatenenare la produzione delle solite immagini ironiche: la London Eye arcobaleno accostata al Pirellone con il “family day”; la Casa Bianca arcobaleno accostata al Pirellone con il “family day”; la Porta di Brandeburgo arcobaleno accostata al Pirellone con il “family day”… E se è altrettanto vero che quello che pubblichiamo sui social network ormai lascia il tempo che trova, è anche vero che ancora è lo specchio, in qualche modo, di come interpretiamo quello che vediamo. In questo caso, un’altra ottima occasione per dire “ecco, vedi in Italia come siamo indietro!?”. E non ce n’era davvero bisogno. Insomma, luogo sbagliato. Aveste scelto un’altra modalità e un’altra location, avrei risparmiato questo preambolo e mi sarei limitata alle due constatazioni seguenti.

Cosa significa Family Day?

Family Day” significa letteralmente “giornata della famiglia“. È sbagliato che sia oggi sinonimo di “vogliamo tutelare la famiglia tradizionale“. Dov’è il termine “tradizionale” dentro “family day”? Io non lo vedo. È consuetudine, certo, è uno slogan, ormai, che non ho scelto io e non avete scelto voi. Allora non usiamolo. Usiamone un altro. Usiamo “vogliamo tutelare la famiglia tradizionale” se vogliamo dire “vogliamo tutelare la famiglia tradizionale”. È meno accattivante ma anche meno ipocrita. Le persone avranno più chiaro di cosa si sta parlando. Sarà che tengo molto alle parole, anche in base alla mia formazione, ma penso fortemente che dobbiamo far dire alle parole solo quello che dicono. “Family day” dice solo “family day”: non facciamogli dire altro, altrimenti continuerà a essere un’espressione mistificata che provoca amari sorrisi, al pari di “la legge è uguale per tutti” e tante altre.

Non credo che la famiglia tradizionale vada tutelata: credo che vada tutelata la famiglia. Lo dico in conformità al vostro slogan. Mettiamo in atto questa tutela, in Parlamento, concretizzando quello che peraltro la Costituzione già dice. Poi sarà gradita qualunque scritta “famiglia” su qualunque edificio.

Cos’è una famiglia?

Per quanto riguarda il contenuto del messaggio, cosa inseriamo sotto l’etichetta di “famiglia”? Un uomo e una donna sposati con figli? E se non hanno figli? E se non sono sposati? E se, nella fattispecie, sono due donne o due uomini? Credo che gli ultimi due casi vengano considerati da voi eccezioni, ed è questo ciò che vi porta di riflesso a parlare di “family day” sottintendendo “tradizionale”. Il fatto è che la tradizione è un concetto fluido: tradizionalmente i matrimoni fra persone bianche e persone di colore non erano consentiti; tradizionalmente non si divorziava; tradizionalmente non si abortiva. Poi la tradizione è cambiata. Sotto spinte più o meno visibili, è arrivato un tempo in cui il cambiamento è stato percepito come non più procrastinabile. E sicuramente in quelle fasi di cambiamento qualcuno avrà pensato che si stava andando verso il peggio, che si stava scendendo a patti con forze pericolose o quantomeno poco controllabili. Non è stato così. In materia di unioni civili, il nostro tempo di cambiamento è adesso. E non cambieremo in peggio, neanche questa volta.

E se l’opposizione avesse scritto “gay pride”? Se avessero proiettato “marriage equality” in colori sgargianti sul grattacielo Pirelli? Chi, degli infiniti sostenitori del politically correct ora tanto di moda, si sarebbe lamentato? Già, ma tanto per cominciare non è successo: e questo mi sembra già una buona risposta. Le opposizioni sono scese in piazza a livello individuale, non raggruppate senza volto dietro a due parole giganti e luminose. In secondo luogo, continuo a non comprendere come possa essere negativo che, per una volta, quello che va di moda sia la parità dei diritti.

Ancora con questa parità dei diritti!

Qualunque legge a tutela delle unioni civili non danneggia in alcun modo una famiglia costituita da un uomo e una donna. Credo che questo continui a essere poco chiaro ed è ciò che mi rende davvero difficile, ammetto, comprendere la posizione di chi si schiera contro una legge per il riconoscimento delle unioni civili.

Sono giovane e pessimista. Mi sembra talmente assurdo pensare di trovare una persona con cui avere la voglia e la forza di trascorrere tutta la vita. E soprattutto avere il coraggio di prendere un impegno definitivo come il matrimonio. Talmente assurdo che non mi sembra il caso di aggiungere altre difficoltà al pur già difficoltoso fardello quotidiano. Se un giorno prendessi una botta in testa, parecchio forte, e decidessi di sposarmi – con un uomo, con una donna -, che almeno le istituzioni mi tutelino! Come ha detto molto più semplicemente qualcuno, “se le persone omosessuali sono abbastanza pazze da volersi sposare, allora deve essere loro concesso”.

Sono stanca di parlare di parità dei diritti. Sono stanca di persone che parlano di parità dei diritti. Parlando di parità dei diritti continuiamo a parlare di passato. La domanda corretta da porsi sarebbe: quale diritto stiamo negando, a chi naturalmente già lo avrebbe? Questo è parlare di parità dei diritti. Perciò non organizziamo più gay pride o family day: sistemiamo in fretta questa situazione, e non parliamone più. Anzi, continuiamo a organizzarli, ma in un paese dove “gay pride” stia solo per “orgoglio omosessuale” e non “dammi quello che mi spetta”, e “family day” significhi solo e soltanto “giornata della famiglia”. Forse quel giorno ci verrò anch’io.

La ringrazio molto per l’attenzione, le auguro buona giornata e buon lavoro,

Federica Cottini

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

7 risposte a Family Day sul Pirellone: una ragazza scrive a Maroni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Vota Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Mancano poche ore! Hai votato!?

macchianera internet awards 2016 vota byblu Vuoi contribuire in qualche modo a far conoscere questo blog? Ci sono tre giorni di tempo per votare Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Votate per almeno 10 categorie e usate un vostro indirizzo email reale, altrimenti il vostro voto sarà nullo. Byoblu si trova nella categoria "30....--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Renzi vs Gruber: volata finale sul Referendum

Renzi Gruber Referendum Otto e 1/2 Sintesi dell'intervento di Matteo Renzi, questa sera, a Otto e Mezzo, per la volata finale sul Referendum Costituzionale....GUARDA

La Santanché furiosa sui pallisti Pd diventa una bestia

la santanche furiosa sui pallisti pd diventa una bestia Daniela Santanché si infuria a Coffee Break sul voto di Forza Italia alla Camera sulla Riforma Costituzionale, e chiede il fact checking. Guarda anche: ...GUARDA

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì Le cojonate di Franceschini e Poletti, ministri della cultura e del lavoro, a Tribuna Politica di Semprini, nel tentativo imbarazzante di difendere le ragioni del sì al Referendum Costituzionale, fanno sembrare le forziste Laura Ravetto e Anna Maria Bernini due emerite costituzionaliste. Tante fesserie tutte insieme...GUARDA

Scontro Berlusconi Berlinguer sul Referendum: “Qualcos’altro da aggiungere?”. “Sì: sarebbe un regime!”

Berlusconi Berlinguer Referendum Scontro tra Silvio Berlusconi e Bianca Berlinguer, che non gli permette di elencare le ragioni del No al Referendum Costituzionale. - "Ha qualcos'altro da aggiungere?". - "Sì... Sarebbe un regime!"....GUARDA

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi Diego Fusaro: "Se al Referendum Costituzionale vince il sì, come vogliono le élite, distruggono la Costituzione, desovranizzano lo Stato e impongono l'Unione Europea come Banca Centrale che decide per tutti. Se vince il no l'élite ha pensato anche al piano B, perché il popolo si sta...GUARDA

MELONI A RENZI: SCIOCCATA DA QUANTO SEI BUGIARDO!

giorgia meloni vs matteo renzi sei un bugiardo Giorgia Meloni si scontra violentemente con Matteo Renzi, durante la campagna per il referendum costituzionale, sul Porcellum e sulle liste bloccate, che Renzi sostiene di avere tolto dall'Italicum....GUARDA

Silvio Berlusconi su Beppe Grillo: “Non posso parlarne bene”.

Berlusconi su GrilloSilvio Berlusconi su Beppe Grillo a Matrix: "Mi piace parlare delle persone quando posso parlarne bene. Quando devo parlarne malissimo, ...evito". ...GUARDA

Nino Galloni mena schiaffoni anche alla Presidenza del Consiglio

galloni marattin Nino Galloni si scontra con Luigi Marattin, consigliere economico della Presidenza del Consiglio di Matteo Renzi, su banche, Referendum, privatizzazioni, debito pubblico, mercati e scenari catastrofici....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>