I MINI-BLU

Anche Farage lascia dopo la vittoria. Come Varoufakis!

Anche Farage lascia, come Varoufakis: all’apice del successo antieuropeista, e pochi giorni dopo la frase del presidente storico di Goldman Sachs: “Questo risultato va ribaltato, in qualunque modo”.

Anche Nigel Farage lascia

Grecia: un referendum completamente ignorato

Ve lo ricorderete il caso greco? Prima, nel 2011, ebbero l’ardire di minacciare un referendum sulla permanenza nell’euro. La Commissione Trilaterale glielo impedì, rovesciando due governi in meno meno di 48 ore, quello italiano e quello greco, e piazzando due suoi membri: Mario Monti a Roma e Lucas Papademos ad Atene. Risultato: niente referendum. Quando poi li fecero votare, i greci vollero fare un altro referendum, questa volta per decidere se accettare le norme di austerità o se rispedirle al mittente, cioè la Troika. I greci votarono per rispedirle al mittente. Quella notte successe una cosa incredibile: anziché festeggiare, nella sede di Syriza accadde di tutto. Nonostante la vittoria, Varoufakis, il ministro dell’economia greco che si era intestato le battaglie contro la Troika, diede inspiegabilmente le dimissioni.

Tsipras ignorò completamente la volontà del popolo greco, espressa nero su bianco attraverso la consultazione popolare e che rappresentava la sua più grande vittoria politica, e accettò comunque il memorandum di intese con la Troika. La realtà venne fuori solo dopo. A raccontarla lo stesso Varoufakis, che il 16 settembre 2015, in un’intervista al Corriere, disse: «Tsipras venne minacciato di un’espulsione così violenta [ndr: dalla UE] che la parte debole della popolazione avrebbe sofferto in modo indicibile. Quindi capisco come e perché Tsipras è arrivato a scegliere il Memorandum. Ma non sono d’accordo». Varoufakis se la prese anche con Renzi, che giudicò complice del colpo di Stato contro la Grecia, e rivolgendosi a lui (che precedentemente si era lasciato sfuggire un “Anche ‘sto Varoufakis se lo semo tolti”), disse: “No, quello di cui ti sei liberato, partecipando a quell’ignobile colpo di stato contro Alexis Tsipras e contro la democrazia greca lo scorso luglio, è stata la tua integrità come democratico europeo. Forse anche la tua stessa anima“. Del resto, i metodi della Troika erano noti. La testimonianza del ministro greco Manitakis per le riforme amministrative, in carica fino al 2013, era stata disgustante: il direttore del Fondo Monetario Internazionale del tempo, Paul Thomsen, incaricato di negoziare per conto della Troika, ricattò il ministro. “Voleva paura e sottomissione, vendetta e umiliazione“. E non bisogna dimenticare la telefonata di Obama a Tsipras.

Il risultato fu che la Grecia rinnegò il referendum che aveva appena tenuto e fece il contrario, piegandosi alle logiche di Bruxelles e dei grandi investitori internazionali, che la volevano nella UE. Perché deve essere chiaro che ogni referendum in materia europea, sia che si occupi dell’accettazione delle misure di austerità, sia che si occupi dell’uscita dalla moneta unica, è sempre un referendum sulla permanenza nell’Unione Europea, perché il progetto dell’Unione Europea, voluto da pochi senza tenere in considerazione la volontà dei molti, è quello realizzare gli Stati Uniti d’Europa, o uno stato pan-germanico come lo definiscono alcuni (data l’evidente dominanza di Berlino), per cui le politiche di austerità e la moneta unica sono metodi di governo, tali per cui, come viene sottolineato spesso dai signore della UE, “sono irreversibili” (qui Mario Draghi a Bruxelles).

La lunga storia dei referendum ribaltati dall’Unione Europea, contro il volere dei cittadini

Del resto, se l’integrazione politica UE non fosse irreversibile, la volontà dei popoli sarebbe stata tenuta in considerazione almeno qualche volta. Invece è lunghissimo l’elenco dei referendum in materia di trattati internazionali UE negati ai popoli europei (in Italia “per fortuna” – come ebbe a dire lo stesso Monti – non si possono fare) o fatti rifare, magari cambiandogli nome, fino a quando il risultato non fosse stato quello giusto. Ricordiamo ad esempio il referendum francese e quello olandese per adottare una Costituzione Europea. Nel 2005 i cittadini dissero no. Allora ci pensò Giuliano Amato, che con un gruppo di 16 politici (l’Amato Group) tolse da quel testo i riferimenti che lo identificavano come una Costituzione, tolse il simbolo dell’UE, ma lasciò inalterata la sostanza, cambiandogli nome. La Costituzione divenne il “Trattato di Lisbona“,  che tra le altre cose tolse la giurisdizione commerciale ai singoli stati nazionali per trasferirla a Bruxelles, rendendo oggi possibile la costruzione del TTIP.

Quali ispirazioni guidarono Amato in quel lavoro? Ascoltiamolo dalle sue stesse parole.  “La cosa buona di non chiamare il Trattato di Lisbona Costituzione è che nessuno può chiedere un referendum! I leaders europei hanno deciso che avrebbe dovuto essere illeggibile, cosicché qualunque primo ministro potrà presentarsi davanti alle camere e dire ‘Guarda, vedi, è assolutamente illeggibile. E’ il tipico trattato di Bruxelles, niente di nuovo. Non c’è bisogno di un referendum’“.

Questo il lungo elenco del referendum popolari degli stati membri UE fatti rifare finché il risultato non fosse andato bene a Mario Monti, Van Rompuy, Mario Draghi e soci.

Brexit: ora lascia anche Nigel Farage

Da pochissimo si è tenuto un referendum nel Regno Unito per decidere se restare nell’Unione Europea oppure se lasciare. Il famoso “Brexit”.  In realtà, gli inglesi avevano ottenuto la loro vittoria già da molto tempo prima del risultato referendario, perché oltre ai vantaggi speciali che già Londra aveva rispetto agli altri Stati membri, come per esempio detenere una quota della Banca Centrale Europea senza avere adottato l’Euro, oppure avere un trattamento di favore sui trasferimenti economici in favore di Bruxelles, in virtù della loro minaccia referendaria avevano appena ottenuto dagli euroburocrati che per i prossimi sette anni qualunque immigrato che avesse messo piedi in UK non avrebbe avuto nessun tipo di welfare. Ma soprattutto, i leader europei avevano appena messo nero su bianco che i trattati sarebbero stati modificati per riflettere il fatto che qualunque politica di ulteriore integrazione dell’Unione Europea non si sarebbe mai applicata al Regno Unito. Ecco il documento che lo testimonia.

Uk non sarà tenuta a una maggiore integrazione politica UE

Viene riconosciuto che il Regno Unito, alla luce della sua specificità nei Trattati, non è obbligato a una ulteriore integrazione politica all’interno dell’Unione Europea. La sostanza di quanto appena detto verrà messa nero su bianco nei Trattati alla loro prossima revisione […] così da chiarire che ogni riferimento ad una unione anche più stretta non si applica al Regno Unito “.

Tuttavia, il risultato del referendum è stato lo stesso negativo per l’UE, e gli inglesi hanno votato per l’uscita completa dall’Unione Europea. Tale uscita, tuttavia, non si formalizza certo nel giro di una notte: Bruxelles ha stabilito che ci vorranno almeno due anni, per espletare le formalità di rito, durante i quali tutto resterà come prima. Dunque, nel caso, se ne parlerebbe non prima del 2018.

Ma come in Grecia, la notte in cui Syriza vinse il referendum del no all’austerity, Varoufakis si dimise, a sorpresa anche nel Regno Unito oggi avviene una cosa simile. Un’ora fa Nigel Farage, leader dello UKIP, il più grande avversario dell’Unione Europea, che io avevo personalmente anche intervistato nel 2011, annuncia le sue dimissioni e il ritiro dalla politica. 

Ecco la lettera con cui il leader dello UKIP annuncia ai suoi iscritti la fine del suo impegno in politica:

Nigel Farage si ritira: la lettera

 

Ho deciso di dimettermi da leader dello UKIP. La vittoria del “Leave” nel referendum significa che la mia ambizione politica è stata raggiunta. Sono venuto in questa battaglia dal mondo degli affari perché volevo che noi fossimo una nazione che si governa da sola, non per diventare un politico di professione. Lo Ukip si trova ora in una buona posizione e continuerà, con il mio pieno supporto, ad attrarre un consenso significativo. Mentre è deciso che lasceremo l’Unione Europea, le condizioni del nostro ritiro non sono chiare. Se il Governo farà dei passi indietro, con i laburisti distaccati dal loro elettorato, allora i giorni migliori per lo Ukip dovranno ancora venire. Vorrei cogliere l’opportunità per ringraziare voi, i membri, per il vostro straordinario sostegno e generosità in tutti questi anni. Non avrei potuto farcela senza di voi“.

Come Varoufakis, nel momento del successo politico più alto, quando cioè il popolo dimostra di stare dalla sua parte e vota contro l’Unione Europea, e lui avrebbe potuto candidarsi alla guida del Regno Unito, anche Nigel Farage lascia, sostenendo cherivuole la sua vita indietro“, e che “lo Ukip deve resistere alla tentazione di diventare un partito nazionalista arrabbiato“.” Da notare quel chiaro riferimento alla possibilità che il Regno Unito possa fare “dei passi indietro“.

Sapremo presto se anche Farage, come Tsipras e Varoufakis, ha subito pressioni o minacce, e se perfino i sudditi di sua maestà, come tutti gli altri prima di loro, si saranno espressi a vuoto, perché l’Euro – e a questo punto anche la UE – sono davvero “irreversibili”.  Del resto, come ha detto Peter Sutherland (per vent’anni presidente di Goldman Sachs, poi di British Petroleum e ora alto funzionario delle Nazioni Unite) proprio qualche giorno fa: “in qualche modo, questo è un risultato che deve essere ribaltato“.

Peter Sutherland - il Brexit va ribaltato!

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

6 risposte a Anche Farage lascia dopo la vittoria. Come Varoufakis!

  • 6

    In un sistema etico-politico a ordinamento democratico la libertà rappresenta il potere di decidere autonomamente della propria vita, cioè prendere le proprie decisioni senza essere condizionati, quindi essere indipendenti dai giudizi e dalle cattiverie della gente.
    In sintesi la libertà è il modo di “essere se stessi sempre” e rappresenta il più grande diritto dell’uomo.
    La scelta di presentare un referendum, chiedere alla popolazione di votarlo e approvare il risultato elettorale è il modo di esercitare un diritto senza togliere la libertà a nessuno.
    Anche scegliere di abbandonare un gruppo politico per esercitare un diritto da una posizione meno insidiosa è un segno di libertà che non deve essere negato.
    Tra le tante forme di manifestazioni di libertà che si possono esercitare il popolo sceglie sempre la più redditizia, anche dopo aver esercitato un voto di protesta o di confronto.
    Questa possibilità di riparare l’errore di valutazione commesso attraverso una scelta si chiama tecnicamente “diritto di recesso” ed è recepito da più ordinamenti degli stati membri dell’Unione anche se fin’ora non è stato mai utilizzato ai fini politici.
    Rimane comunque una delle forme di esercizio della libertà di opinione che è sempre sancita nell’ordinamento democratico a tutela della libertà.
    Non è onesto condannare qualcuno per le attività politiche intraprese dopo una valutazione non corrispondente alla volontà generale, anzi è giusto ammirare chiunque si batte per la tutela della libertà e si applica per “far rispettare il diritto di un popolo che vuole crescere migliorando le proprie norme a favore di una comunità più onesta e bisognosa di maggiore attenzione e benefici”.
    Questo è in sintesi il desiderio di qualsiasi popolo dell’unione ed è affidato ai suoi rappresentanti che ogni giorno dovrebbero leggere la frase tra ” direttamente nel parlamento europeo prima di avviare qualsiasi procedimento.

  • 5
    Clesippo Geganio

    coerenza dei politici inglesi, Farage e Cameron devono aver imparato la civiltà della democrazia dai politici italiani che non si dimettono nemmeno con le condanne per reati penali.

  • 4
    maurizio

    Messora,la denuncia perfetta…,ma colgo totale mancanza di indignazione e reazione. Anche @max (a Lei contrapposto)alfiere della democrazia referendaria-vabbenetutto-purché lo dica il M5S, sostanzialmente dice che l’importante è che il referendum si faccia …ma NON che produca i risultati ! C’è rassegnazione nei messaggi (voluta-da-diffondere?).
    Anche grillo è ritornato a fare il comico(dà sostegno esterno)…qual’è il messaggio?”tanto sono onnipotenti,quindi accettate la dittatura!” Per dei rivoluzionari che avrebbero “aperto il Potere come una scatoletta” ,mi sembra una fine meschina:i primi a mettersi a 90°,ed a invitare gli altri a imitarli!

  • 3

    Ragazzi, la verità è che alla maggior parte della gente non frega niente di tutto questo, e non si rende conto che tutto ciò sia antidemocratico. Purtroppo in un mondo in cui il lavoro sottopagato assorbe tutto e in cui il tempo per informarsi è zero, l’unica fonte di informazione per farsi delle idee su ciò che ci circonda sono le televisioni. Finché gli azionariati privati di reti ufficialmente pubbliche vorranno che nei tg e nei talkshow si parli bene del ‘sogno europeo’, la maggior parte della gente se ne convincerà. Le rivoluzioni vere oggi devono ottenere il controllo dei mass media a più riprese: ciò che si denunzia come crimine va trasmesso in diretta TV, la libera informazione in rete non basta. E tanto anche quella ce la stanno censurando.

  • 2
    max

    Mah, non so se il referendum sarà ribaltato, vedremo… Fatto sta che loro lo hanno fatto, invece qui nulla. Del resto il nostro pessimo governo se ne fotte della democrazia, ovviamente.

  • 1
    Nicola Nicolini

    Questo abbandono di Farage è impressionante. Pochi giorni fa l’ex sindaco di Londra, leader del leave, si era anche lui ritirato dalla possibilità di diventare Primo Ministro e guidare la Gran Bretagna in questo difficile passaggio verso l’indipendenza.

    E’ un SISTEMA potente, molto probabilmente in grado di RICATTARE ed estromettere dalla stanza dei bottoni chiunque osi alzare la testa contro di loro.
    Mi domando chi ancora può avere dei dubbi sul fatto che questa UE è pericolosa, totalmente antidemocratica e non ha alcuna intenzione di recedere dai suoi intenti di dominio imperiale su cittadini sempre più senza voce e potere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

CHIESA E MESSORA SU UE E MES: LA POLITICA NON ESISTE PIÙ.

Chiesa Messora su UE e MES - La politica non esiste piu - playGiulietto Chiesa e Glauco Benigni intervistano Claudio Messora sul MES, il Meccanismo Europeo di Stabilità altrimenti detto Fondo Salva Stati, e sul finire lanciano una proposta di giornalismo investigativo per identificare i gruppi di potere che si nascondono dietro i gruppi di lavoro nella Commissione Europea. ...--> LEGGI TUTTO

“Abbiamo fatto tremare il sistema come mai prima”…

Come tremano Dopo la colossale figura di palta, anziché una letterina di scuse per avere esposto tutto il Movimento 5 Stelle al pubblico ludibrio, a un fallimento politico colossale e avere rovinato irrimediabilmente i rapporti nel Gruppo Politico dove M5S Europa risiede, l'Efdd, arriva questo testo sul blog...--> LEGGI TUTTO

Quei gran “liberali” liberisti dell’Alde che lasciano così tanta libertà di voto.

Corriere della Sera 9 gennaio 2017 p 4In questa intervista che appare oggi sul Corriere della Sera, l'eurodeputata ALDE Sylvie Goulard, nello stesso gruppo politico europeo del noto democratico Mario Monti (con lui immortalata) chiarisce bene che tipo di "dedizione" venga pretesa da una delegazione politica che entri a far parte del gruppo ALDE. ...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Gentiloni, il Presidente del Consiglio che vuole cedere sovranità all’Europa – Diego Fusaro

Gentiloni vuole cedere sovranità all'europa di Diego Fusaro Ora è ufficiale: Sergio Mattarella ha scelto Paolo Gentiloni per formare il nuovo governo in seguito alle dimissioni di Matteo Renzi sconfitto al referendum costituzionale dello scorso 4 dicembre. Lo stallo, dunque, è superato. Mattarella ha sostenuto con enfasi, al...--> LEGGI TUTTO

Il terribile errore: “È il momento più pericoloso per l’umanità: le élite imparino ad essere umili”. Stephen Hawking

stephen hawkings attente elite di Stephen Hawking, fisico teorico e scrittore Essendo un fisico teorico che vive a Cambridge, ho vissuto la mia vita in una bolla di eccezionale privilegio. Cambridge è una città insolita, tutta incentrata su una delle grandi università del pianeta. All'interno di questa...--> LEGGI TUTTO

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Sovranità vs Inflazione – Scontro plastico tra Marco Mori e Salvo Cozzolino

Mori Vs Cuzzolino - Sovranità vs InflazioneMarco Mori vs Salvo Cozzolino è uno scontro che mette in scena il classico campionario degli argomenti contro la sovranità monetaria: inflazione, debito, helicopter money e tutto il resto. Solo una precisazione aggiuntiva per Cozzolino: qualcuno gli dica che dal 1946 al 1970 l'economia andava bene, anche in condizioni di...GUARDA

Lupi ai Cinque Stelle: il referendum sull’euro non lo farete mai. Solo demagogia!

Maurizio Lupi, durante le dichiarazioni di voto per la fiducia alla Camera sul Governo Gentiloni, si rivolge ai Cinque Stelle accusandoli di demagogia, e spiega perché il referendum sull'Euro non si può fare....GUARDA

CARLO SIBILIA: LA PSICOSI DEL MOVIMENTO 5 STELLE

"Io questa psicosi non la capisco: volere necessariamente addossare delle responsabilità al Movimento 5 Stelle, che ce le ha, se le stra prendendo, sta lavorando, abbiamo già fatto delle cose nel Comune di Roma e saranno i cittadini, quelli che sono deputati a decidere. È chiaro che noi...GUARDA

E PERFINO IL DIRETTORE DE L’ESPRESSO, TOMMASO CERNO, DIFENDE M5S: SOVRANITÀ AL POPOLO!

Tommaso Cerno, direttore de L'Espresso, si accalora e sostiene con passione la causa della sovranità popolare e del diritto dei cittadini di esercitarla attraverso il voto, e difende anche la posizione del Movimento 5 Stelle rispetto alla lotta che sta conducendo dentro e fuori dal Parlamento...GUARDA

TUTTI GLI UOMINI DEL PRESIDENTE… DEL PRESIDENTE PRECEDENTE – Walter Rizzetto alla Camera

Il discorso di Walter Rizzetto a Paolo Gentiloni per la fiducia del Governo Gentiloni alla Camera: "Il Partito Democratico incarica il Partito Democratico di formare un nuovo Governo del Partito Democratico, dopo le dimissioni del Governo del Partito Democratico per il referendum del Partito Democratico. Tutti...GUARDA

Come salveranno MPS passo passo, fino al decreto Gentiloni, spiegato da Dino Pesole del Sole24Ore

MPS Pesole Mes Come salveranno MPS e (probabilmente) invocheranno il Fondo Salva Stati (MES) con la scusa di mettere una pezza ai bilanci delle banche, spiegato da Dino Pesole del Sole 24 Ore.  (altro…)...GUARDA

Governo Gentiloni: cambiare tutto per cambiare in peggio.

La conferenza stampa di Paolo Gentiloni dopo l'incarico ricevuto da Mattarella ad esplorare la formazione un nuovo Governo. Nuovo Governo che, secondo lo stesso Gentiloni, si muoverà in continuità con il Governo precedente e con la stessa maggioranza. Un renziano al posto di Renzi. Come dice...GUARDA

Sergio Mattarella: La conferenza Stampa in diretta dopo le consultazioni

Sergio Mattarella: La conferenza Stampa in diretta dopo le consultazioni. ...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>