I MINI-BLU

Anche Farage lascia dopo la vittoria. Come Varoufakis!

Anche Farage lascia, come Varoufakis: all’apice del successo antieuropeista, e pochi giorni dopo la frase del presidente storico di Goldman Sachs: “Questo risultato va ribaltato, in qualunque modo”.

Anche Nigel Farage lascia

Grecia: un referendum completamente ignorato

Ve lo ricorderete il caso greco? Prima, nel 2011, ebbero l’ardire di minacciare un referendum sulla permanenza nell’euro. La Commissione Trilaterale glielo impedì, rovesciando due governi in meno meno di 48 ore, quello italiano e quello greco, e piazzando due suoi membri: Mario Monti a Roma e Lucas Papademos ad Atene. Risultato: niente referendum. Quando poi li fecero votare, i greci vollero fare un altro referendum, questa volta per decidere se accettare le norme di austerità o se rispedirle al mittente, cioè la Troika. I greci votarono per rispedirle al mittente. Quella notte successe una cosa incredibile: anziché festeggiare, nella sede di Syriza accadde di tutto. Nonostante la vittoria, Varoufakis, il ministro dell’economia greco che si era intestato le battaglie contro la Troika, diede inspiegabilmente le dimissioni.

Tsipras ignorò completamente la volontà del popolo greco, espressa nero su bianco attraverso la consultazione popolare e che rappresentava la sua più grande vittoria politica, e accettò comunque il memorandum di intese con la Troika. La realtà venne fuori solo dopo. A raccontarla lo stesso Varoufakis, che il 16 settembre 2015, in un’intervista al Corriere, disse: «Tsipras venne minacciato di un’espulsione così violenta [ndr: dalla UE] che la parte debole della popolazione avrebbe sofferto in modo indicibile. Quindi capisco come e perché Tsipras è arrivato a scegliere il Memorandum. Ma non sono d’accordo». Varoufakis se la prese anche con Renzi, che giudicò complice del colpo di Stato contro la Grecia, e rivolgendosi a lui (che precedentemente si era lasciato sfuggire un “Anche ‘sto Varoufakis se lo semo tolti”), disse: “No, quello di cui ti sei liberato, partecipando a quell’ignobile colpo di stato contro Alexis Tsipras e contro la democrazia greca lo scorso luglio, è stata la tua integrità come democratico europeo. Forse anche la tua stessa anima“. Del resto, i metodi della Troika erano noti. La testimonianza del ministro greco Manitakis per le riforme amministrative, in carica fino al 2013, era stata disgustante: il direttore del Fondo Monetario Internazionale del tempo, Paul Thomsen, incaricato di negoziare per conto della Troika, ricattò il ministro. “Voleva paura e sottomissione, vendetta e umiliazione“. E non bisogna dimenticare la telefonata di Obama a Tsipras.

Il risultato fu che la Grecia rinnegò il referendum che aveva appena tenuto e fece il contrario, piegandosi alle logiche di Bruxelles e dei grandi investitori internazionali, che la volevano nella UE. Perché deve essere chiaro che ogni referendum in materia europea, sia che si occupi dell’accettazione delle misure di austerità, sia che si occupi dell’uscita dalla moneta unica, è sempre un referendum sulla permanenza nell’Unione Europea, perché il progetto dell’Unione Europea, voluto da pochi senza tenere in considerazione la volontà dei molti, è quello realizzare gli Stati Uniti d’Europa, o uno stato pan-germanico come lo definiscono alcuni (data l’evidente dominanza di Berlino), per cui le politiche di austerità e la moneta unica sono metodi di governo, tali per cui, come viene sottolineato spesso dai signore della UE, “sono irreversibili” (qui Mario Draghi a Bruxelles).

La lunga storia dei referendum ribaltati dall’Unione Europea, contro il volere dei cittadini

Del resto, se l’integrazione politica UE non fosse irreversibile, la volontà dei popoli sarebbe stata tenuta in considerazione almeno qualche volta. Invece è lunghissimo l’elenco dei referendum in materia di trattati internazionali UE negati ai popoli europei (in Italia “per fortuna” – come ebbe a dire lo stesso Monti – non si possono fare) o fatti rifare, magari cambiandogli nome, fino a quando il risultato non fosse stato quello giusto. Ricordiamo ad esempio il referendum francese e quello olandese per adottare una Costituzione Europea. Nel 2005 i cittadini dissero no. Allora ci pensò Giuliano Amato, che con un gruppo di 16 politici (l’Amato Group) tolse da quel testo i riferimenti che lo identificavano come una Costituzione, tolse il simbolo dell’UE, ma lasciò inalterata la sostanza, cambiandogli nome. La Costituzione divenne il “Trattato di Lisbona“,  che tra le altre cose tolse la giurisdizione commerciale ai singoli stati nazionali per trasferirla a Bruxelles, rendendo oggi possibile la costruzione del TTIP.

Quali ispirazioni guidarono Amato in quel lavoro? Ascoltiamolo dalle sue stesse parole.  “La cosa buona di non chiamare il Trattato di Lisbona Costituzione è che nessuno può chiedere un referendum! I leaders europei hanno deciso che avrebbe dovuto essere illeggibile, cosicché qualunque primo ministro potrà presentarsi davanti alle camere e dire ‘Guarda, vedi, è assolutamente illeggibile. E’ il tipico trattato di Bruxelles, niente di nuovo. Non c’è bisogno di un referendum’“.

Questo il lungo elenco del referendum popolari degli stati membri UE fatti rifare finché il risultato non fosse andato bene a Mario Monti, Van Rompuy, Mario Draghi e soci.

Brexit: ora lascia anche Nigel Farage

Da pochissimo si è tenuto un referendum nel Regno Unito per decidere se restare nell’Unione Europea oppure se lasciare. Il famoso “Brexit”.  In realtà, gli inglesi avevano ottenuto la loro vittoria già da molto tempo prima del risultato referendario, perché oltre ai vantaggi speciali che già Londra aveva rispetto agli altri Stati membri, come per esempio detenere una quota della Banca Centrale Europea senza avere adottato l’Euro, oppure avere un trattamento di favore sui trasferimenti economici in favore di Bruxelles, in virtù della loro minaccia referendaria avevano appena ottenuto dagli euroburocrati che per i prossimi sette anni qualunque immigrato che avesse messo piedi in UK non avrebbe avuto nessun tipo di welfare. Ma soprattutto, i leader europei avevano appena messo nero su bianco che i trattati sarebbero stati modificati per riflettere il fatto che qualunque politica di ulteriore integrazione dell’Unione Europea non si sarebbe mai applicata al Regno Unito. Ecco il documento che lo testimonia.

Uk non sarà tenuta a una maggiore integrazione politica UE

Viene riconosciuto che il Regno Unito, alla luce della sua specificità nei Trattati, non è obbligato a una ulteriore integrazione politica all’interno dell’Unione Europea. La sostanza di quanto appena detto verrà messa nero su bianco nei Trattati alla loro prossima revisione […] così da chiarire che ogni riferimento ad una unione anche più stretta non si applica al Regno Unito “.

Tuttavia, il risultato del referendum è stato lo stesso negativo per l’UE, e gli inglesi hanno votato per l’uscita completa dall’Unione Europea. Tale uscita, tuttavia, non si formalizza certo nel giro di una notte: Bruxelles ha stabilito che ci vorranno almeno due anni, per espletare le formalità di rito, durante i quali tutto resterà come prima. Dunque, nel caso, se ne parlerebbe non prima del 2018.

Ma come in Grecia, la notte in cui Syriza vinse il referendum del no all’austerity, Varoufakis si dimise, a sorpresa anche nel Regno Unito oggi avviene una cosa simile. Un’ora fa Nigel Farage, leader dello UKIP, il più grande avversario dell’Unione Europea, che io avevo personalmente anche intervistato nel 2011, annuncia le sue dimissioni e il ritiro dalla politica. 

Ecco la lettera con cui il leader dello UKIP annuncia ai suoi iscritti la fine del suo impegno in politica:

Nigel Farage si ritira: la lettera

 

Ho deciso di dimettermi da leader dello UKIP. La vittoria del “Leave” nel referendum significa che la mia ambizione politica è stata raggiunta. Sono venuto in questa battaglia dal mondo degli affari perché volevo che noi fossimo una nazione che si governa da sola, non per diventare un politico di professione. Lo Ukip si trova ora in una buona posizione e continuerà, con il mio pieno supporto, ad attrarre un consenso significativo. Mentre è deciso che lasceremo l’Unione Europea, le condizioni del nostro ritiro non sono chiare. Se il Governo farà dei passi indietro, con i laburisti distaccati dal loro elettorato, allora i giorni migliori per lo Ukip dovranno ancora venire. Vorrei cogliere l’opportunità per ringraziare voi, i membri, per il vostro straordinario sostegno e generosità in tutti questi anni. Non avrei potuto farcela senza di voi“.

Come Varoufakis, nel momento del successo politico più alto, quando cioè il popolo dimostra di stare dalla sua parte e vota contro l’Unione Europea, e lui avrebbe potuto candidarsi alla guida del Regno Unito, anche Nigel Farage lascia, sostenendo cherivuole la sua vita indietro“, e che “lo Ukip deve resistere alla tentazione di diventare un partito nazionalista arrabbiato“.” Da notare quel chiaro riferimento alla possibilità che il Regno Unito possa fare “dei passi indietro“.

Sapremo presto se anche Farage, come Tsipras e Varoufakis, ha subito pressioni o minacce, e se perfino i sudditi di sua maestà, come tutti gli altri prima di loro, si saranno espressi a vuoto, perché l’Euro – e a questo punto anche la UE – sono davvero “irreversibili”.  Del resto, come ha detto Peter Sutherland (per vent’anni presidente di Goldman Sachs, poi di British Petroleum e ora alto funzionario delle Nazioni Unite) proprio qualche giorno fa: “in qualche modo, questo è un risultato che deve essere ribaltato“.

Peter Sutherland - il Brexit va ribaltato!

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

6 risposte a Anche Farage lascia dopo la vittoria. Come Varoufakis!

  • 6

    In un sistema etico-politico a ordinamento democratico la libertà rappresenta il potere di decidere autonomamente della propria vita, cioè prendere le proprie decisioni senza essere condizionati, quindi essere indipendenti dai giudizi e dalle cattiverie della gente.
    In sintesi la libertà è il modo di “essere se stessi sempre” e rappresenta il più grande diritto dell’uomo.
    La scelta di presentare un referendum, chiedere alla popolazione di votarlo e approvare il risultato elettorale è il modo di esercitare un diritto senza togliere la libertà a nessuno.
    Anche scegliere di abbandonare un gruppo politico per esercitare un diritto da una posizione meno insidiosa è un segno di libertà che non deve essere negato.
    Tra le tante forme di manifestazioni di libertà che si possono esercitare il popolo sceglie sempre la più redditizia, anche dopo aver esercitato un voto di protesta o di confronto.
    Questa possibilità di riparare l’errore di valutazione commesso attraverso una scelta si chiama tecnicamente “diritto di recesso” ed è recepito da più ordinamenti degli stati membri dell’Unione anche se fin’ora non è stato mai utilizzato ai fini politici.
    Rimane comunque una delle forme di esercizio della libertà di opinione che è sempre sancita nell’ordinamento democratico a tutela della libertà.
    Non è onesto condannare qualcuno per le attività politiche intraprese dopo una valutazione non corrispondente alla volontà generale, anzi è giusto ammirare chiunque si batte per la tutela della libertà e si applica per “far rispettare il diritto di un popolo che vuole crescere migliorando le proprie norme a favore di una comunità più onesta e bisognosa di maggiore attenzione e benefici”.
    Questo è in sintesi il desiderio di qualsiasi popolo dell’unione ed è affidato ai suoi rappresentanti che ogni giorno dovrebbero leggere la frase tra ” direttamente nel parlamento europeo prima di avviare qualsiasi procedimento.

  • 5
    Clesippo Geganio

    coerenza dei politici inglesi, Farage e Cameron devono aver imparato la civiltà della democrazia dai politici italiani che non si dimettono nemmeno con le condanne per reati penali.

  • 4
    maurizio

    Messora,la denuncia perfetta…,ma colgo totale mancanza di indignazione e reazione. Anche @max (a Lei contrapposto)alfiere della democrazia referendaria-vabbenetutto-purché lo dica il M5S, sostanzialmente dice che l’importante è che il referendum si faccia …ma NON che produca i risultati ! C’è rassegnazione nei messaggi (voluta-da-diffondere?).
    Anche grillo è ritornato a fare il comico(dà sostegno esterno)…qual’è il messaggio?”tanto sono onnipotenti,quindi accettate la dittatura!” Per dei rivoluzionari che avrebbero “aperto il Potere come una scatoletta” ,mi sembra una fine meschina:i primi a mettersi a 90°,ed a invitare gli altri a imitarli!

  • 3

    Ragazzi, la verità è che alla maggior parte della gente non frega niente di tutto questo, e non si rende conto che tutto ciò sia antidemocratico. Purtroppo in un mondo in cui il lavoro sottopagato assorbe tutto e in cui il tempo per informarsi è zero, l’unica fonte di informazione per farsi delle idee su ciò che ci circonda sono le televisioni. Finché gli azionariati privati di reti ufficialmente pubbliche vorranno che nei tg e nei talkshow si parli bene del ‘sogno europeo’, la maggior parte della gente se ne convincerà. Le rivoluzioni vere oggi devono ottenere il controllo dei mass media a più riprese: ciò che si denunzia come crimine va trasmesso in diretta TV, la libera informazione in rete non basta. E tanto anche quella ce la stanno censurando.

  • 2
    max

    Mah, non so se il referendum sarà ribaltato, vedremo… Fatto sta che loro lo hanno fatto, invece qui nulla. Del resto il nostro pessimo governo se ne fotte della democrazia, ovviamente.

  • 1
    Nicola Nicolini

    Questo abbandono di Farage è impressionante. Pochi giorni fa l’ex sindaco di Londra, leader del leave, si era anche lui ritirato dalla possibilità di diventare Primo Ministro e guidare la Gran Bretagna in questo difficile passaggio verso l’indipendenza.

    E’ un SISTEMA potente, molto probabilmente in grado di RICATTARE ed estromettere dalla stanza dei bottoni chiunque osi alzare la testa contro di loro.
    Mi domando chi ancora può avere dei dubbi sul fatto che questa UE è pericolosa, totalmente antidemocratica e non ha alcuna intenzione di recedere dai suoi intenti di dominio imperiale su cittadini sempre più senza voce e potere.

Lascia un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Gianluigi Paragone si toglie qualche sassolino dopo la chiusura de La Gabbia

Gianluigi Paragone Andrea Salerno Intendiamoci: La Gabbia era pur sempre una trasmissione televisiva. E come tutte le trasmissioni televisive, ne rispettava il linguaggio, i tempi, le liturgie e i limiti. Quelli che internet era nata per travalicare. Tuttavia, tra tutte le trasmissioni televisive era certamente la più libera. E Paragone,...--> LEGGI TUTTO

Giulietto Chiesa: siamo stati formattati

Giulietto Chiesa - Siamo Stati Formattati - Play Intervento di Giulietto Chiesa al primo congresso fondativo di "Attuare la Costituzione", tenutosi a Napoli. Giulietto parla di come l'informazione sia la prima battaglia da combattere per rientrare in una democrazia compiuta.  (altro…)...--> LEGGI TUTTO

La Glaxo nel 2015 ha dato 11 milioni di euro a medici e ricercatori italiani

Glaxxo La EFPIA (European Federation of Pharmaceutical Industries and Associations) è una associazione delle industrie farmaceutiche che incoraggia i propri affiliati alla trasparenza. Per ottemperare alle sue richieste, la Glaxo-Smith-Kline ha reso pubblici, fra le altre cose, anche gli elenchi dei medici italiani che nel 2015 hanno ricevuto finanziamenti...--> LEGGI TUTTO

Cedere sovranità è reato! A dirlo finalmente è un tribunale.

Marco Mori - Cedere sovranità è reato - Play Marco Mori, avvocato di Genova, spiega un decreto del Tribunale di Cassino che afferma finalmente a chiare lettere che cedere sovranità è reato! Sulla base di questo decreto si aprono praterie giuridiche, e soprattutto si potranno chiamare criminali coloro che, a qualunque titolo, hanno invocato, invocano o...--> LEGGI TUTTO

La crisi della sinistra, spiegata dal grande vecchio socialdemocratico, Klaus von Dohnanyi.

La crisi della sinistra europea klaus Von Dohnanyi è un giurista nonché uno storico membro dell'SPD. Dal 1971 al 1974 è stato ministro della cultura, nonché parlamentare tra il 1969 e il 1981, poi sindaco di Amburgo dal 1981 al 1988. È stato uno dei protagonisti della vita politica tedesca nel periodo...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Gli esperti di diritto sulla Catalogna? Sono dei pirla.

Catalogna Governo centrale di Paolo Becchi Eccoli alla carica sui giornaloni gli esperti del diritto, e più sono esperti e più sono dei pirla. Fantozzi docet. Il referendum per l’indipendenza della Catalogna è «illegale». Sì, lo è: è contro la Costituzione spagnola, contro l’«unità indissolubile» dello...--> LEGGI TUTTO

Due piantine di Cannabis per lenire dolori atroci: in prigione a 63 anni!

prigione malato cannabisTRENTO. Il ricorso in Cassazione è stato rigettato. L'uomo di 63 anni che a Trento era stato trovato in possesso di due piante di marijuana che coltivava per uso personale, per lenire i dolori atroci della sua malattia, è stato giudicato colpevole in via definitiva. Andrà in prigione. ...--> LEGGI TUTTO

L’ideologo di Putin: in Europa sarà presto caos, guerra civile, distruzione.

Dugin ideologo Putindi Giulio Meotti Roma. Europa e Stati Uniti hanno spesso ricambiato il favore ad Aleksandr Dugin. Un anno fa, il famoso politologo russo è stato messo alla porta in Grecia. Accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill per una conferenza sul Monte Athos, Dugin...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Guest post

Realizzata la prima video chiamata quantistica intercontinentale al mondo

Chiamata quantisticaIl satellite cinese Micius torna a far parlare di sé e stabilisce un nuovo record, quello della prima videochiamata quantistica della storia tra Vienna e Pechino. Circa tre settimane è avvenuto un evento eccezionale che modificherà totalmente il sistema di comunicazioni come lo...--> LEGGI TUTTO

Il Messico a meno di 40 euro al giorno!

Messico Amo il Messico. E' pieno di vibrazioni, è un paese meraviglioso, pieno di gente amichevole, con una energia speciale che vi fa riscoprire l'amore per la vita, con un'architettura spettacolare, con una storia che affonda le radici nelle profondità dei millenni e... con un cibo davvero...--> LEGGI TUTTO

Negli Uffizi dei Medici: itinerario mediceo all’interno della Galleria più famosa di Firenze.

Scoprire Firenze La Galleria degli Uffizi è il sito museale più famoso di Firenze, nonché uno dei più frequentati d’Italia: quelli che riescono a superarlo per visitatori, infatti, si contano sulle dita di una mano. Gran parte dei turisti scelgono un hotel su portali come expedia proprio per...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Rimozione forzata. La libera rete chiude!

Rimozione forzata - la libera rete chiude - Play ORE 19. Live su Salvo 5.0, con Claudio Messora, Antonio Rinaldi, Tommaso Minniti e Salvo Mandarà....GUARDA

Becchi: è l’era delle piccole patrie. Me ne batto il ca@@o di quanti hanno votato al referendum catalano.

Becchi Referendum Catalogna Matrix Becchi a Matrix perde le staffe sul referendum in Catalogna. "Al di sopra di ogni Costituzione ci sono due diritti fondamentali. Il diritto di resistenza e il diritto di secedere. Non sappiamo come andrà a finire, ma la responsabilità di una guerra civile...GUARDA

Il giorno in cui la democrazia in UE gettò la maschera

Il vero volto della democrazia nell'Unione Europea Il giorno in cui la democrazia in UE gettò la maschera, e apparve finalmente a tutti, solare, radioso, il suo vero volto....GUARDA

E dopo le “primarie” M5S, il PD torna in testa: 1,2 punti in meno.

Sondaggio M5S 25 settembre - play Sorpresa: dopo le "primarie" del Movimento 5 Stelle, Di Maio perde subito 1,2 punti percentuali e torna in testa il PD. A darne notizia, Mentana al TG7. Il calo, e il sorpasso del Partito Democratico, vengono attribuiti al modo in cui le cosiddette primarie sono state...GUARDA

Becchi: e adesso in Parlamento arriva CasaPound

Becchi - Movimento 5 Stelle - CasaPound A Omnibus (LA7) questa mattina, Di Pietro spiega che, secondo lui, il Movimento 5 Stelle in realtà non vuole affatto governare, perché non gli conviene, e Becchi prevede che, grazie all'abbandono della critica forte su Euro, Europa e finanza, e al rigetto dell'etichetta di "populismo", avremo...GUARDA

Pigi Battista a Paragone: i bambini non sono proprietà dei genitori.

Paragone Pigi Battista Nell'annoso dibattito sui vaccini, ci sono i Free Vax, i No Vax, e poi i Pigi Battista. Quelli che "i bambini non sono di proprietà dei genitori". Certamente non sono una proprietà, così come si intende un oggetto acquistato e privo di diritti. Ma il sottinteso...GUARDA

Rula Jebreal a Porro: tu, uomo bianco sessista!

PORRO VS RULA Scontro tra Rula Jebreal e Nicola Porro: "tu uomo bianco sessista che punti il dito contro una come me"....GUARDA

Barbara Lezzi maltratta Luigi Marattin a Omnibus

Barbara Lezzi Luigi Marattin Barbara Lezzi (M5S) si confronta duramente con Luigi Marattin, consigliere economico della Presidenza del Consiglio, sui dati della disoccupazione che vede l'Italia, nonostante la "cura Renzi", aumentare il distacco rispetto alla media europea. Ricordati di VOTARE Byoblu ai Macchianera Internet Awards...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>