I MINI-BLU

Golpe fai da te? No Alpitour? Ahi! Ahi! Ahi! Ahi!

ANKARA – Nella notte tra venerdì 15 e sabato 16 luglio, le forze golpiste laiche ufficializzano la presa del potere. La deriva islamista ed espansionista della Turchia cessa di esistere. La nuova giunta militare taglia i ponti con i jihadisti e si attiva per risolvere la crisi siriana. L’emergenza profughi rientra. I kurdi e i ciprioti, approfittando della situazione, scendono in armi e proclamano i propri territori usurpati. Una pagina oscura della storia viene chiusa e si aprono finalmente nuovi scenari.

Nulla di tutto questo è mai successo.

Golpe fai da te? No Alpitour? Ahi! Ahi! Ahi! Ahi!

di Riccardo

I fatti noti sul Golpe in Turchia

I militari golpisti, capeggiati dal colonnello Muharrem Kose (recentemente rimosso dalla sua posizione dalle purghe del Sultano), occupano inizialmente i due ponti sullo stretto del Bosforo, per isolare le due metà di Istanbul, impadronendosi contemporaneamente di varie caserme e gendarmerie nel Paese. I principali edifici dei media vengono rapidamente catturati e tutti i server dei social network disconnessi.

I golpisti impongono il coprifuoco. Il Comandante in capo delle forze armate Hulusi Akar viene preso in ostaggio. L’aeroporto Ataturk di Istanbul viene catturato dai militari ribelli e poi ceduto a “civili fedeli ai golpisti”. Gli ordini dei militari golpisti viaggiano su Whatsapp. Colpi di artiglieria contro il Parlamento.

Il silenzio è rotto dall’intervento del Primo Ministro Binali Yldirim e del Presidente Erdogan, che esortano la popolazione alla sollevazione e gli apparati statali alla resistenza. Quest’ultimo, in particolare, grazie al suo intervento su Facetime, innesca la reazione dei lealisti. Da questo momento in poi, il coprifuoco imposto dai militari viene violato. Sistematicamente, migliaia di persone si riversano in piazza, circondando i mezzi militari e ingaggiando scontri coi golpisti. Cominciano a contarsi i primi morti tra i civili.

Ed è a questo punto che inizia il tracollo dei ribelli: divisioni interne su come affrontare i civili seminano scompiglio tra i golpisti mentre, grazie al messaggio di Erdogan, i restanti settori dell’esercito a lui fedele ritrovano compattezza e determinazione. La polizia, lealista, che da sola stava soccombendo contro i mezzi dell’esercito, riceve manforte dagli altri organi dello Stato e dai civili. Le sorti quindi si invertono, scardinando la strategia golpista. Erdogan atterra così all’aeroporto di Istanbul, ormai liberato. Sono le 2:30 di notte. Al mattino, colonne di soldati con le mani alzate sfilano sui ponti e davanti ai mezzi corazzati: sono almeno 3000 prigionieri. Nella notte, furiosi combattimenti, anche nei cieli, con jet abbattuti, caratterizzano la liberazione delle strutture che erano cadute in mano ai golpisti. Altri 270 morti e 1500 feriti. La vendetta di Erdogan si annuncia terribile.

Cosa non ha funzionato nel golpe

Aiutami a continuare a fare informazione libera
I golpisti hanno apparentemente commesso due errori fondamentali: il primo è stato quello di imporre il coprifuoco. Quando Erdogan ha fatto appello alla resistenza popolare (una cosa scontata), la parte di popolazione anti-Erdogan (quelli degli scontri a Gezi Park per intenderci: studenti, giovani, lavoratori, attivisti…) è rimasta a casa, mentre i sostenitori del Presidente si sono immediatamente attivati, malgrado inizialmente i carri armati fossero stati accolti favorevolmente da molte persone.

Questo è stato il motivo principale del fallimento del golpe: quando i civili sono arrivati allo scontro con l’esercito, quest’ultimo si è spaccato andando così allo sbando. Per evitarlo, sarebbe bastato che un’altra fazione di civili golpisti si fosse contrapposta, con il rischio di una guerra civile, ma così non è stato, proprio a causa del coprifuoco. Invece, alcuni settori dell’esercito si sono rifiutati di prendere parte agli scontri, come le forze navali ad esempio.

Altri errori sono stati commessi a livello logistico. Alcuni ufficiali ribelli hanno iniziato il putsch (il colpo di Stato) senza sapere realmente quanti soldati avrebbero avuto dalla loro parte né se la flotta degli F-16 si sarebbe levata in volo a supporto. L’aver ceduto inizialmente il controllo dell’aeroporto a “civili golpisti” si è poi rivelato un boomerang, dato che lo stesso è stato poi attaccato da forze speciali di élite e dagli stessi F-16.

I sospetti sul golpe

• Si è trattato di un golpe annunciato?

È per lo meno curioso che già dal 21 marzo se ne parlasse in questo articolo: “Could there be a coup in Turkey?” (può esserci un colpo di stato in Turchia?). Oppure, come dice giustamente anche Giulietto Chiesa in questa intervista live di Claudio Messora, che addirittura il 10 marzo due ambasciatori USA in Turchia scrivessero sul Washington Post che “Erdogan must reform or resign” ovvero che Erdogan dovesse fare le riforme o dimettersi. Tutto questo, rivolgendosi alle fazioni Khemaliste laiche e specificando che né all’UE nè agli USA tale evenienza sarebbe dispiaciuta.

• Il ruolo della NATO?

Per circa 4 ore, durante la notte, la NATO non ha accennato alcuna reazione o commento, così come è strano che dalle numerose basi atlantiche in Turchia nessuno si sia accorto di nulla dei movimenti in corso un po’ ovunque nel Paese a macchia di leopardo. In compenso in quelle USA lo status era “Force Protection Condition Delta”, cioè il massimo grado di allerta usato durante gli attacchi terroristici.

• Il mistero del volo

L’areo su cui Erdogan si trovava al momento del golpe si è levato sui cieli turchi. Alcune agenzie statunitensi, come Stratfor, riportavano il fatto che il Presidente turco si stesse dirigendo in Germania – la quale avrebbe negato il permesso di atterraggio- e quindi Inghilterra.
Il tragitto fondato si è rivelato questo (anche se il permesso si può chiedere certamente prima di stabilire la rotta, e non necessariamente quando ci si trova nelle vicinanza):
tragitto di Erdogan, con anelli

• Strani silenzi

L’inviato della CNN live ad Istanbul riferiva inizialmente –prima che i soldati spegnessero il segnale- di una situazione “molto tranquilla” nella strade, con gente normale che si muoveva regolarmente, e di esplosioni lontane e localizzate. Nei video disponibili in rete si possono vedere manifestanti avvicinarsi liberamente a dei carri armati e prenderli a bastonate (sic!) senza alcun tipo di reazione. Com’è possibile?

Sui ponti del Bosforo, l’impressione che a un osservatore esterno faceva il blocco militare, in alcuni momenti era quella di gente all’imbarco del traghetto al porto di Piombino a Ferragosto. Le infrastrutture catturate sono state tutte liberate nella notte, con scontri apparentemente rapidi e con un numero relativamente basso di morti. I soldati ribelli si sarebbero arresi molto rapidamente, lasciando col cerino in mano le poche sacche di resistenza agguerrita rimaste.

Tutte queste informazioni fanno sorgere alcune domande sulla reale portata della ribellione e sulle reali intenzioni dei suoi ispiratori reali.

Cosa succederà adesso, dopo il tentato golpe?

Dopo aver sedato la ribellione inizierà la repressione. Il risultato sarà il rafforzamento dell’islamismo in Turchia e dell’autoritarismo, con 2.800 giudici già rimossi dalle loro posizioni perché considerati simpatizzanti dei golpisti. Il leader dell’opposizione, Fetullah Gulen, è stato accusato di essere l’ideologo della rivolta dal suo esilio negli States. Quest’ultimo smentisce le accuse.
I prigionieri sono accusati di tradimento e si paventa l’applicazione straordinaria della pena di morte. L’organizzazione radicale palestinese Hamas si è congratulata con Erdogan per il successo ottenuto e le moschee, per tutta la notte, hanno incitato alla fatwa contro i ribelli: una dimostrazione di quanto sia radicata e virale la rete di comunicazione del partito islamista.

Ora Erdogan si sentirà minacciato, avendo realizzato che la sua politica ha seminato ovunque nemici, sia esterni che interni, dati i fallimenti sia in Siria che nei confronti della Russia. Se da un lato il Presidente “sultano” sarà tentato di utilizzare la mano pesante contro gli oppositori, dall’altro si dovrà rendere conto di avere bisogno di alleati. E la pace non la si può fare che con i nemici. Dunque, Erdogan è a un bivio e sa che comunque il “dopo golpe” sarà diverso dal prima.

I social si sono rivelati fondamentali: paradossalmente uno come Erdogan che chiude giornali, incarcera giornalisti, sequestra server e denuncia blogger si è salvato grazie a un social. Come influirà questo nuovo elemento nel panorama delle grandi contestazioni internazionali? Durante la Primavera Araba furono le rivolte di piazza ad essere coordinate tramite i social: questa volta, al contrario, è la reazione del potere, ed è la prima volta che ciò accade. Il potere è in grado allora di censurare la rete e contemporaneamente di utilizzarla a suo vantaggio.

 

Alcune integrazioni:

https://twitter.com/agirecudi/status/754086102907047937
https://twitter.com/agirecudi/status/754085566241726465
https://twitter.com/dontgoturkey/status/754047646231359488
https://twitter.com/oulosP/status/754091548594216960/photo/1?ref_src=twsrc%5Etfw

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

Una risposta a Golpe fai da te? No Alpitour? Ahi! Ahi! Ahi! Ahi!

  • 1
    roberto stevan

    In ogni colpo di stato , le prime due cose che vengono eseguite sono A) togliere l’energia , B ) chiudere le comunicazioni ( cellulari compresi )
    Perché questo non è successo ?

Lascia un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Hey, Lorenzin, fai un decreto su questo! 1250 morti all’anno per il DieselGate

DieselGate - Concentrazione e MortalitàIl surplus di emissioni dei veicoli diesel, rispetto a quanto dichiarato dalle case automobilistiche, ha causato in Italia 1.250 morti all'anno. A quantificare le conseguenze del Dieselgate sono l'Istituto meteorologico norvegese e l'istituto internazionale Iiasa, in uno studio pubblicato sulla rivista Environmental Research Letters da cui emerge che il nostro...--> LEGGI TUTTO

La verità orribile che non viene detta – Gianluca Ferrara

GIANLUCA FERRARA - La verità orribile che non viene mai detta Gianluca Ferrara, direttore editoriale di "Dissensi edizioni" e blogger del Fatto Quotidiano, ha già ottenuto quasi 150 mila condivisioni con questa analisi, fatta nell'ultimo post sul suo blog. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

Crociata contro la rete. Il ministro: via i “profili sgraditi”.

Orlando - rimozione di profili sgraditi e ong governative a fare controinformazione in rete Registrazione del Facebook Live del 16 agosto 2017 Un'intervista di Andrea Orlando, sul Corriere della Sera, rivela che esiste un accordo con i social network per la segnalazione dei post e la rimozione dei profili sgraditi, e anche che il ministero ha messo delle organizzazioni a monitorare...--> LEGGI TUTTO

La vera storia di KJ2, l’orsa mamma di Francesco e Soki, del progetto Life Ursus

Un'orsa e il suo cucciolo  Registrazione del live Facebook andato in onda ieri sera KJ2 sembra il nome di una stella cadente, perfetto per la notte di San Lorenzo. Invece è caduta un'orsa, appartenente al progetto Life Ursus. Nel video qualche considerazione da fare insieme sulla vicenda, andata in onda ieri sera...--> LEGGI TUTTO

OneBarter: l’era del baratto high tech

OneBarter - Nico Allegretti Nico Allegretti, presidente di OneBarter, racconta come il baratto, nella sua nuova forma tecnologicamente assistita, possa contribuire ad abbattere la necessità delle imprese di finanziarsi con linee di credito bancarie, e possa rilanciare gli scambi e l'economia. Un settore, quello del barter (cioè "comprare pagando vendendo",...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Due piantine di Cannabis per lenire dolori atroci: in prigione a 63 anni!

prigione malato cannabisTRENTO. Il ricorso in Cassazione è stato rigettato. L'uomo di 63 anni che a Trento era stato trovato in possesso di due piante di marijuana che coltivava per uso personale, per lenire i dolori atroci della sua malattia, è stato giudicato colpevole in via definitiva. Andrà in prigione. ...--> LEGGI TUTTO

L’ideologo di Putin: in Europa sarà presto caos, guerra civile, distruzione.

Dugin ideologo Putindi Giulio Meotti Roma. Europa e Stati Uniti hanno spesso ricambiato il favore ad Aleksandr Dugin. Un anno fa, il famoso politologo russo è stato messo alla porta in Grecia. Accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill per una conferenza sul Monte Athos, Dugin...--> LEGGI TUTTO

Il TG1 censura la Raggi. Scatenate uno #ShareStorm

Molti dei lettori di questo blog trasaliranno ascoltando alcune frasi fatte del discorso che oggi Virginia Raggi ha tenuto di fronte ai leader europei. L'Europa come "progetto visionario", come "eredità gioiosa e impegnativa", che "dobbiamo realizzare noi" perché "non poteva realizzarsi in un giorno". ...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Guest post

Il gioco responsabile al tempo del mobile

casino mobile La crescente diffusione delle nuove tecnologie ha radicalmente modificato gli stili di vita e le abitudini degli individui, contribuendo alla formazione di una cultura sempre più digitale. Dal 13° rapporto Censis-Ucsi sulla Comunicazione (2016) emerge che il 74% della popolazione italiana ha libero accesso ad una...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Pigi Battista a Paragone: i bambini non sono proprietà dei genitori.

Paragone Pigi Battista Nell'annoso dibattito sui vaccini, ci sono i Free Vax, i No Vax, e poi i Pigi Battista. Quelli che "i bambini non sono di proprietà dei genitori". Certamente non sono una proprietà, così come si intende un oggetto acquistato e privo di diritti. Ma il sottinteso...GUARDA

Rula Jebreal a Porro: tu, uomo bianco sessista!

PORRO VS RULA Scontro tra Rula Jebreal e Nicola Porro: "tu uomo bianco sessista che punti il dito contro una come me"....GUARDA

Barbara Lezzi maltratta Luigi Marattin a Omnibus

Barbara Lezzi Luigi Marattin Barbara Lezzi (M5S) si confronta duramente con Luigi Marattin, consigliere economico della Presidenza del Consiglio, sui dati della disoccupazione che vede l'Italia, nonostante la "cura Renzi", aumentare il distacco rispetto alla media europea. Ricordati di VOTARE Byoblu ai Macchianera Internet Awards...GUARDA

Ilaria Bifarini – L’Ocse dice che tra 60 anni siamo fritti

Ilaria Bifarini, nota al pubblico di Byoblu per la sua intervista di esordio "Neoliberismo e Manipolazione di massa - storia di una bocconiana redenta", approda a Coffee Break, su LA7. "Il modello a tendere degli economisti dell'OCSE da qui a 60 anni, in un report che ho visto personalmente, sarà sempre peggiore: salari sempre più passi e sempre più disuguaglianza". Ilaria Bifarini, nota al pubblico di Byoblu per la sua intervista di esordio "Neoliberismo e Manipolazione di massa - storia di una bocconiana redenta", approda a Coffee Break, su LA7. "Il modello a tendere degli economisti dell'OCSE da qui a 60 anni, in un report che ho...GUARDA

Diego Fusaro: il Sacro Romano Impero della finanza e delle banche

Innanzitutto siamo entrati in un Sacro Romano impero della finanza in cui il sistema bancario detta legge, e noi sventurate plebi europee dobbiamo fare i sacrifici: "sacrum facere". Appunto qualcosa di religioso in nome del sistema bancario, una divinità demiurgica: le sofferenze sono sempre quelle del sistema bancario...GUARDA

Primarie Pd: il confronto Sky tra Renzi, Emiliano e Orlando – Integrale

Confronto Sky Renzi Emiliano Renzi Primarie Pd Integrale - PlayIl confronto Sky tra Matteo Renzi, Michele Emiliano e Andrea Orlando per le primarie Pd - Versione Integrale. ...GUARDA

Fusaro Vs Friedman – L’immigrazione è deportazione di massa: nuovi schiavi contro vecchi schiavi.

Fusaro Vs Friedman Diego Fusaro: "La storia delle ONG che vanno a prendere i poveri migranti che rischiano di annegare è la grande narrazione edulcorante con cui si mettono in pace le coscenze. Il compito della filosofia però è pensare altrimenti e criticare l'esistente, rovesciando le mappe dominanti. Continuiamo...GUARDA

Sgarbi vs Telese: Io non me ne vado, te ne vai tu!

Sgarbi Vs TeleseVittorio Sgarbi manda a quel paese la Costamagna e Luca Telese, e all'invito a lasciare lo studio risponde al conduttore di andarsene lui. Il tema è quello della legittima difesa dagli intrusori in ambito domestico. ...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>