I MINI-BLU

Guerra in Siria: le prove russe sul doppio gioco della Turchia

Guerra in Siria: proseguiamo la nostra analisi del conflitto, un radar in H24 sul conflitto siriano, osservato dal punto di vista delle forze in campo.
Le puntate precedenti:

GUERRA IN SIRIA - COLLOQUI DI PACE
I  colloqui di pace denominati Ginevra III si sono conclusi con un nulla di fatto. Nell’articolo precedente (“Guerra in Siria: radar h24 su Isis, Russia, Nato e Assad”), si era auspicato un esito diverso, ma le parti interessate non hanno nemmeno fatto in tempo ad iniziare ufficialmente i contatti, che le trattative sono già state “messe in pausa”. Le cause principali sono due: la prima è militare e riguarda gli sviluppi bellici ad Aleppo; la seconda è politica e concerne la mancanza di coordinamento entro la cosiddetta opposizione siriana, nonché le richieste irricevibili di alcune parti coinvolte nei negoziati. Gli incontri di Ginevra avrebbero dovuto aprire il processo (di pace) di Vienna, organizzato dal Segretario di Stato USA John Kerry, dal Ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, e da altri rappresentanti dei poteri regionali di IranTurchia e Arabia Saudita. Il nodo, come prevedibile, consiste nell’impossibilità di mettere d’accordo le richieste di tutti questi attori principali e, come se non bastasse, anche di quelli “secondari” come i kurdi e l’“opposizione siriana”.

Aiutami a continuare a fare informazione libera

Guerra in Siria: il fallimento dei colloqui di pace.

Innanzitutto, la mancanza di concordia tra le parti su cosa si intende, in diplomatichese, per “opposizione moderata”. Ad esempio, Mosca ha considerato i gruppi come Ahrar al-Sham alla stregua di pericolosi estremisti islamici mentre a sentire i Sauditi, si tratterebbe quasi di angioletti. La delegazione dell’opposizione siriana viene da più parti chiamata “delegazione di Riyadh” (la capitale saudita) e i ribelli “moderati” sono disposti a un Patto di Non-Aggressione nientedimeno che con l’IS (alla faccia della moderazione), ma mai e poi mai con “i fanatici Sciiti”. I sauditi dal canto loro non vogliono sedersi al tavolo con i seguaci di Assad, mentre i turchi non ne vogliono sapere dei kurdi. Questi ultimi, se durante Ginevra II non hanno trovato unità politica – mandando ai negoziati solamente il KNC (Kurdish National Council) –, per Ginevra III si sono presentati più compatti, anche grazie alle promesse territoriali fatte dal regime di Damasco (chiave di volta politica dell’ultima offensiva militare del Regime ad Aleppo), sebbene sembri insanabile la rottura tra le fazioni kurde di PYD e KNC. Per questo, grazie alle esasperanti pressioni della Turchia, i kurdi sono stati esclusi da quest’ultimo giro di colloqui, e malgrado tutte le assicurazioni possibili da parte degli USA e della Russia al riguardo. Insomma, ricapitolando, a discutere del futuro della Siria sarebbero la Turchia, l’Arabia Saudita, gli USA, qualche gruppo jihadista ben pettinato e con la barba rasata e, infine (ma solo perché si sono messi in mezzo) Russia e Iran. Comico.

Tutto ciò ha determinato lo stallo diplomatico. Sul campo però, la situazione per i ribelli non migliora, e questo porta a chiedersi che vantaggi possa loro portare questo tergiversare sulla soluzione diplomatica, mentre in battaglia continuano a perdere terreno e, conseguentemente, potere contrattuale? Qual è la reale strategia che stanno seguendo? E soprattutto, a chi giova tra i loro finanziatori e i loro sotenitori? Quando e sotto quali condizioni ricominceranno i colloqui? Forse è proprio di questo chePutin e il suo vecchio amico Henry Kissinger hanno discusso durante il loro ultimo e recentissimo incontro.

Aleppo: la campagna per la riconquista è partita col botto.

Come di consueto, mostriamo ora l’evoluzione della guerra in Siria sul campo. Dopo la riunione, avvenuta pochi giorni fa, tra gli stati maggiori kurdi e russo-assadisti, la campagna per la riconquista di Aleppo (prima della guerra il principale centro industriale siriano) è iniziata col botto:

Aleppo e Kuweires- offensiva di Assad ha successo

La principale linea di rifornimento ribelle, passante per la Turchia e il corridoio tra Aleppo e i villaggi assediati in mano al regime di Nubl e Al Zahraa, è stata chiusa e l’assedio sollevato. Questo indica un drastico peggioramento della condizione dei gruppi jihadisti nell’ area. Molti di loro, assieme a circa 20.000 civili sunniti (stando a fonti siriane, e non 70.000 come dicono in Europa) stanno fuggendo verso la Turchia. Ad est di Aleppo, invece, i corpi speciali Tiger Forces guidano l’avanzata per chiudere IS in una sacca letale, e conquistano l’agognata centrale elettrica dell’area, precedentemente controllata dallo Stato Islamico. Nella mappa successiva: zoom sul “corridoio” di Aleppo.

Nord Aleppo- zoom assedio sollevato e rifornimenti ribelli interrotti

La manovra militare per il modo in cui è stata condotta è chiaramente ispirata dai consiglieri russi, dato che ricalca quasi perfettamente la battaglia di Debaltzevo in Ucraina, che portò direttamente ai negoziati di Minsk. Parallelamente all’offensiva governativa, i kurdi starebbero avanzando verso il centro abitato di Azaz, con l’intenzione di tagliare la strada tra Bab al-Salam e il resto di Aleppo. L’unica via di rifornimento rimasta per i nemici del Regime è, al momento, quella che passa da Bab al-Hawa ad Idlib, e si fa sempre più precaria. Quando i lealisti, stando a fonti governative, cattureranno il triangolo che giace tra Tal Nisbin e Handarat Ovest, non ci saranno più speranze per i ribelli ad Aleppo Est. È quindi solo questione di tempo.
Un ulteriore motivo per domandarsi perché le fazioni in difficoltà stiano temporeggiando nei colloqui.

Guerra in Siria: la tenaglia dei kurdi

offensiva dei kurdi nel nord della siria minaccia IS e ribelli

Le milizie kurde YPG stanno tentando invece una manovra lungo il confine turco-siriano per poter ricongiungere l’area controllata ad est con il resto del territorio che occupano a ovest.
In contemporanea, stanno attraversando l’Eufrate per puntare sulla città di Manbij, controllata da IS, attaccando quindi su due direttrici, come indicato in figura.

Secondo fonti locali per avere totale controllo del confine, i lealisti e i loro alleati devono nell’ordine:

  1. Prendere il controllo di Jisr-al-Shughour;
  2. Liberare Idlib;
  3. Farsi strada fino ai territori controllati dai kurdi verso ovest e quindi puntare verso Azaz;
  4. Scacciare IS dalle aree ad est di Azaz.

Questo è un compito arduo, lungo e incerto. Si noti, inoltre, la contraddizione di fondo tra il supporto occidentale ai kurdi, specialmente americano, e gli interessi della Turchia – paese NATO – ma anche la gara tra il Regime e i kurdi per chi arriva prima ad Al-Bab. Perdere questo centro sarebbe uno smacco per i kurdi e il loro futuro Kurdistan siriano.

Guerra in Siria: I turchi scaldano i motori (e violano trattati)

In questo video viene dimostrato cosa sta succedendo nella guerra in Siria, sul confine con la Turchia: le prove dei bombardamenti oltre confine, sui lealisti di Assad, da parte dell’artiglieria turca sono state ampiamente mostrate e verificate, malgrado il governo di Ankara abbia goffamente negato ai russi un’ispezione aerea sulle zone interessate, in spregio al trattato internazionale Open Skies, il quale prevede che le ispezioni aeree debbano essere concesse dal paese sovrano sui territori da ispezionare.
In ogni caso, tutti si sono accorti del raduno di truppe e mezzi militari e dell’imminente intenzione, da parte dell’avventato Erdogan, di lanciare una campagna di attacco in territorio siriano (non varrebbero – in teoria – gli art. 4 e 5 della NATO). Questa mossa è motivata dal fallimento delle principali direttrici di azione turca: distruggere i nemici kurdi, attuare un cambiamento demografico in loro favore nella agognata fascia nord della Siria, rifornire i ribelli attraverso le rotte recentemente capitolate e – ovviamente – acquisire petrolio da IS.

Le speranze di una soluzione diplomatica del conflitto si sono affievolite e la prossima volta che gli interessati siederanno ad un tavolo, sarà probabilmente per discutere la resa di uno di loro.

Guerra in Siria: integrazioni.

Integrazione politica:
https://twitter.com/Syria_Protector/status/693085681460068352
https://twitter.com/EjmAlrai/status/693070608393990144
https://twitter.com/samdagher/status/695198266129059840
https://twitter.com/EjmAlrai/status/694886251187470336?ref_src=twsrc%5Etfw
http://www.lemonde.fr/proche-orient/article/2016/01/29/turki-al-faycal-bachar-al-assad-doit-etre-exclu-des-negociations_4856275_3218.html
http://welati.info/nuce.php?ziman=ar&id=12601&niviskar=1&cure=3&kijan=
https://twitter.com/GebeilyM/status/694847773980676096?ref_src=twsrc%5Etfw
https://twitter.com/Ald_Aba/status/692770742564458496
https://www.reddit.com/r/syriancivilwar/comments/4388nz/syrian_opposition_backs_off_from_geneva_talks/
https://www.rt.com/news/331194-putin-meets-friend-kissinger/

Integrazione militare:
https://twitter.com/2Rook14/status/694895699767476225?ref_src=twsrc%5Etfw
http://www.juancole.com/2016/02/syria-the-mother-of-all-battles-for-aleppo-is-joined.html
http://www.almasdarnews.com/article/battle-for-northern-aleppo-heats-up-as-islamist-rebels-counter-syrian-army-gains/
http://www.theguardian.com/world/2016/feb/04/syrian-rebels-losing-grip-on-aleppo
http://www.washingtoninstitute.org/policy-analysis/view/the-struggle-for-azaz-corridor-could-spur-a-turkish-intervention#.VmtWSxs7_08.twitter
http://rbth.com/defence/2016/02/03/russian-inspectors-checking-military-activity-in-turkey_564567
http://sputniknews.com/world/20160203/1034165098/turkey-russia-air-violation.html

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

Una risposta a Guerra in Siria: le prove russe sul doppio gioco della Turchia

  • 1

    PUTIN;De sta male , io i auguro rapida salute, nessuno devi star male su la tera.
    io ho , ancora fede su di lui, che farra cosa saggia per tuta nazione russa ,è che ogni russo puuo mangiare quanto voglie pane, e che puuo andare su tuta pianeta dove voggli ciaschuno.
    Ani fa ho conosciuto (ygor), la pomezia di roma ,din guardie personala de putin; mi so sentito acassa con lui, un VERRO patriota, beveva con damigela , aveva quasi oltre du metri, io detto che pure io bevo con damigella ma due, e abiamo cominceatto ridere , perche io avevo solo un metro sesanta due, epoi lui disceva a tuti in supermercato ; signiori lui mi conosce ,a conosciuto pure lui Putin.
    Belle armoni ,senza odi.
    io non puosso odiare nessuno , perche so opere de dio.
    Auguri e ffi nella salute, per tutti russi e non.

Lascia un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Miracolo della Boldrini: riesce a farmi dare ragione a Pierluigi Battista

Pierluigi Battista - Fake News - Fake What di Pierluigi Battista Peccato, che delusione. Questo dibattito sulla «post-verità», sulle fake news , sul mare di bufale che si amplificano sulla Rete ha preso una brutta piega, persino un po’ paranoica. Peccato, perché da interessante discussione sul valore e la qualità dell’informazione, il nuovo...--> LEGGI TUTTO

Gianluca Ferrara: Trump? Non cambierà niente. Ecco perché.

Trump Gianluca Ferrara - Play di Gianluca Ferrara 26.172, sono il numero di bombe che gli USA hanno sganciato soltanto nel 2016 su sette paesi. Una media spaventosa di 3 ordigni ogni ora. E Dinnanzi a questa ipocrisia che ruotava intorno al Premio Nobel per la pace Barack...--> LEGGI TUTTO

Quando non paghi nulla per l’informazione, ricorda che la merce sei tu!

Valerio Lo Monaco - Se per il tuo media non paghi nulla, la merce sei tu Quanto accaduto a Claudio Messora e al suo sito Byoblu di informazione indipendente è la prova provata di due cose importanti. Google ha deciso unilateralmente e irrevocabilmente di rimuovere tutte le procedure di monetizzazione attraverso gli annunci ADSense sul sito di Byoblu, sistema utilizzato da Byoblu...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Oggi attaccano Byoblu.com. Ma sarà presto un attacco contro tutti i dissidenti.

di Pino Cabras su MegaChip Fa molto bene Claudio Messora a sottolineare che il vero obiettivo della campagna contro le 'fake news' non erano certo quei cialtroni che infestano il web di notizie false, razziste e irresponsabili per acchiappare clic, che pure ci sono e da chissà...--> LEGGI TUTTO

Anche il ministro del Tesoro UK, contro la Brexit, adesso passa tra i grandi speculatori

Ministro del Tesoro UK - Non voleva la Brexit - Ora passa in BlackRock Un altro leader politico europeo (cfr: "E Barroso passa a Goldman Sachs! Taaaaac!") imbocca la cosiddetta “porta girevole” dell’alta finanza. George Osborne, per sei anni ministro del Tesoro britannico fino al referendum sull’Unione Europea del giugno scorso, ha accettato un’offerta della BlackRock per diventare consulente del...--> LEGGI TUTTO

Le fake news su Trump di Repubblica e la post-verità di Michele Serra

di Massimo Mazza L’amaca di Michele Serra è finita in cima alla prima pagina di Repubblica, ma questo non ha evidentemente incentivato il giornalista a migliorare la qualità della sua striscia quotidiana, che oggi registra l’ennesimo scivolone figlio d’approssimazione e ignoranza dei temi...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Beppe Grillo a Sanremo 1989 – Le penali se dico che i socialisti rubano

Beppe Grillo Sanremo 1989 play Beppe Grillo a San Remo 1989, comunica il suo compenso in diretta e legge le penali previste dal contratto se dice che i socialisti che rubano....GUARDA

Fake news e post-verità: a chi conviene?

fake news post-verità icon play Fake news e post-verità: ormai non parlano d'altro. In Germania, dove presto ci saranno le elezioni, Facebook incarica una organizzazione (finanziata tra gli altri da George Soros) di marchiare a fuoco le notizie ritenute inattendibili. Ma "Fake news", "post-verità" e "debunker" sono solo neologismi, è la neolingua per...GUARDA

Sovranità vs Inflazione – Scontro plastico tra Marco Mori e Salvo Cozzolino

Mori Vs Cuzzolino - Sovranità vs InflazioneMarco Mori vs Salvo Cozzolino è uno scontro che mette in scena il classico campionario degli argomenti contro la sovranità monetaria: inflazione, debito, helicopter money e tutto il resto. Solo una precisazione aggiuntiva per Cozzolino: qualcuno gli dica che dal 1946 al 1970 l'economia andava bene, anche in condizioni di...GUARDA

Lupi ai Cinque Stelle: il referendum sull’euro non lo farete mai. Solo demagogia!

Maurizio Lupi, durante le dichiarazioni di voto per la fiducia alla Camera sul Governo Gentiloni, si rivolge ai Cinque Stelle accusandoli di demagogia, e spiega perché il referendum sull'Euro non si può fare....GUARDA

CARLO SIBILIA: LA PSICOSI DEL MOVIMENTO 5 STELLE

"Io questa psicosi non la capisco: volere necessariamente addossare delle responsabilità al Movimento 5 Stelle, che ce le ha, se le stra prendendo, sta lavorando, abbiamo già fatto delle cose nel Comune di Roma e saranno i cittadini, quelli che sono deputati a decidere. È chiaro che noi...GUARDA

E PERFINO IL DIRETTORE DE L’ESPRESSO, TOMMASO CERNO, DIFENDE M5S: SOVRANITÀ AL POPOLO!

Tommaso Cerno, direttore de L'Espresso, si accalora e sostiene con passione la causa della sovranità popolare e del diritto dei cittadini di esercitarla attraverso il voto, e difende anche la posizione del Movimento 5 Stelle rispetto alla lotta che sta conducendo dentro e fuori dal Parlamento...GUARDA

TUTTI GLI UOMINI DEL PRESIDENTE… DEL PRESIDENTE PRECEDENTE – Walter Rizzetto alla Camera

Il discorso di Walter Rizzetto a Paolo Gentiloni per la fiducia del Governo Gentiloni alla Camera: "Il Partito Democratico incarica il Partito Democratico di formare un nuovo Governo del Partito Democratico, dopo le dimissioni del Governo del Partito Democratico per il referendum del Partito Democratico. Tutti...GUARDA

Come salveranno MPS passo passo, fino al decreto Gentiloni, spiegato da Dino Pesole del Sole24Ore

MPS Pesole Mes Come salveranno MPS e (probabilmente) invocheranno il Fondo Salva Stati (MES) con la scusa di mettere una pezza ai bilanci delle banche, spiegato da Dino Pesole del Sole 24 Ore.  (altro…)...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>