I MINI-BLU

Guerra in Siria – radar H24: Roulette Russa

Gli sviluppi della guerra in Siria si fanno sempre più intricati ed inquietanti. Malgrado sia stata accordata una “cessazione delle ostilità” a Monaco, i belligeranti continuano le operazioni militari quasi come se nulla fosse. Continuiamo a seguire la situazione quasi in presa diretta, con il nostro radar H24.

siria-4

A questo proposito, è molto utile consultare i tre articoli precedenti:
1- La situazione reale, dalla prospettiva del campo di battaglia, come nessuno vi racconta
2- Radar H24 su Isis, Russia, Nato e Assad
3- Colloqui di “pace”

Non è fondamentale per questa lettura, ma se volete giungere super-preparati a ciò che segue, non potete perdervi da Byoblu:

Guerra in Siria: “Cessare le ostilità” non significa “cessate il fuoco”

La settimana scorsa, a Monaco, il Segretario di Stato USA John Kerry e l’inviato speciale dell’ONU Staffan De Mistura hanno reso nota la “cessazione di ostilità” che permetterebbe di alleviare la crisi umanitaria. Gli interessati si sono rapidamente affrettati a fare strani distinguo tra “cessate il fuoco” e “cessare le ostilità”: apparentemente la prima formula vorrebbe dire sostanzialmente “tregua”, mentre la seconda solo una “sospensione temporanea dei combattimenti”. Qualsiasi cosa significhi, ci sono diverse considerazioni da fare.

La “cessazione di ostilità” prevede che vengano comunque continuate le operazioni contro al-Nusra, Ahrar al-Sham, Jaish al-Islam e “altri” come dichiarato da Gatilov, vice-ministro degli Esteri russo. Questo è un ulteriore passo della Russia in direzione della Risoluzione ONU 2254, particolarmente dura con i gruppi jihadisti e che fondamentalmente assimila ad essi chiunque gli abbia anche solo stretto la mano. L’intento è molto chiaro: lasciando (volutamente) ambigua la distinzione tra terroristi e non, una volta gettata l’esca del “cessare le ostilità”, si tenta di spaccare i gruppi ribelli, inducendoli a litigare sulle loro alleanze e affiliazioni. Per la SAA (Syrian Arab Army) questa è una ghiotta occasione per spostare uomini e mezzi verso Raqqa e Palmira: aspettiamoci quindi una nuova offensiva arrivare a breve in queste aree.

Sull’altro fronte, invece, è ormai chiaro che la “tattica procrastinatrice” seguita dai ribelli finora – ovvero il sistematico rifiuto di negoziare col regime – sia ispirata dai sauditi e finalizzata a prendere tempo. Il perché è palese: la recentissima escalation di tensione tra coalizione russa e la Turchia necessitava di tempo per maturare: al tempo dei colloqui di Ginevra era ancora presto.

In questo periodo infatti sono affluiti ai ribelli a nord di Aleppo nuovi lanciamissili provenienti dal regno saudita, nello specifico dei Grad da 122mm caratterizzati da una gittata di 400 km. I turchi avrebbero compiuto delle sortite in territorio siriano con unità motorizzate (12 pickup montati con mitragliatrici antiaeree da 12.5mm) e fanteria appiedata assieme all’arrivo di caccia sauditi alla base di Incirilik, voci di corridoio prontamente smentite.

A poco sono serviti i rimproveri di Kerry alla delegazione dei militanti per aver abbandonato i negoziati, mentre i bombardamenti da parte turca delle posizioni kurde e di SDF (Syrian Democratic Force) in Siria proseguono, i jet F-16 con la mezzaluna e la stella sfrecciano sempre più vicini al confine turco-siriano, e le minacce a mezzo stampa tra i contendenti si fanno sempre più esplicite.

Guerra nella Siria del nord: L’assedio di Aleppo

Lo stato corrente delle cose è determinato fondamentalmente dall’evolversi della situazione ad Aleppo in favore di Assad. Dopo l’interruzione di 3 km delle linee di rifornimento provenienti dalla Turchia, la situazione per i ribelli jihadisti è divenuta critica in quella che fu la città più popolosa e produttiva della Siria anteguerra: ad Aleppo Ovest si trovano isolati da rifornimenti immediati, mentre al confine con la Turchia si è creata una sacca in forte pericolo di sopravvivenza.

Guerra in Siria - situazione militare 13 febbraio 2016

 

Guerra in Siria - Assad ipoteca Aleppo

In questa mappa è visibile, cerchiato in rosso, il blocco creato dal regime per spezzare in due i ribelli (in verde) nella battaglia per Aleppo. Questo è facilitato dalla presenza del “cantone” di Afrin, controllato dai kurdi (in giallo). Ad Est, il terreno controllato da IS (in nero, notare anche la manovra governativa nell’angolo in basso a destra). Ci si aspetta una battaglia relativamente breve ma molto intensa per la città. Evidenziato in blu, il villaggio di Azaz, punto nodale logistico e difensivo.

 

Guerra in Siria - strada Turchia Aleppo interrotta

Uno zoom sul blocco governativo alle linee di rifornimento dei ribelli. Sono visibili le strade occupate, bersaglio primario sin dal 2012, e le direttrici di espansione sul terreno. In questo modo, i rifornimenti provenienti dalla Turchia per anni hanno smesso di arrivare ai ribelli ad Ovest di Aleppo. Hezbollah intanto avanza nelle cave di Tannarah ad Aleppo Nord. Le SDF (Syrian Democratic Forces) stanno ora tentando di tagliare in due la bolla ribelle rimasta isolata dalla città passando da Azaz.

 

Guerra in Siria - kurdi pongono assedio ad Azaz

Il misero villaggio di Azaz riveste un’importanza tremenda in questa fase del conflitto, e la sua caduta potrebbe innescare la reazione di terra della Turchia che vede minacciati i propri piani, come afferma il Primo Ministro Davatoglu. Nella mappa è visibile il “cantone” di Afrin controllato dai Kurdi i quali si spingono fino ad occupare la base militare di Menagh il 10 febbraio per poi catturare Tal Rifaat. La pressione sui ribelli eterodiretti ha raggiunto livelli tali che l’artiglieria dell’ esercito di Erdogan – reso malleabile da anni di “riforme” – ha da giorni e giorni continuato ad aprire il fuoco sui kurdi. Nel frattempo un centinaio di truppe d’élite SAA giungono sul posto. Per puro diletto, un piccolo viaggio nel tempo riguardo la base di Menagh: sotto assedio dall’agosto 2012, capitolò ad al-Nusra il 6 agosto 2013.

 

Guerra in Siria - accerchiamento provincia Idlib

In questa altra mappa, si noti come la provincia di Idleb sia ora fortemente minacciata e potrebbe in un futuro non immediato tornare nelle mani governative.

 

GIF-LATAKIA

In animazione è visibile il progresso dei lealisti nel liberare quasi completamente la provincia di Latakia.

 

La questione kurda

Innescati dal taglio dei collegamenti per Aleppo, già il giorno dopo sono iniziati i movimenti militari sul confine turco, evidenziati nell’articolo precedente di Radar H24.

Guerra in Siria - truppe turche al confine

Due giorni dopo, Erdogan è già in Senegal. Probabilmente per negoziare un aiuto finanziario – assieme ai già presenti sforzi della Islamic Development Bank – per contrastare i jihadisti nel nord del Paese, dove Boko Haram imperversa. Tutto questo in cerca di un supporto militare in Siria. Davatoglu, primo ministro turco, pospone una visita diplomatica in Olanda al 10 febbraio, per poter partecipare a un vertice straordinario di sicurezza. I Sauditi si mobilitano (ma poi smentiscono) e la “coalizione Sunnita” viene chiamata alle armi. Peccato che diano forfait pezzi grossi come Egitto o Pakistan. La Giordania si rifiuta di intervenire senza mandato ONU. L’ambasciatore statunitense ad Ankara John Bass è convocato da Erdogan per chiarire sulla posizione americana riguardo i kurdi. Il “dilemma che avevamo ampiamente previsto nel nostro radar H24 si è puntualmente verificato: i kurdi di PYD/YPG (Democratic Union Party/Unità di Protezione Popolare), per gli USA, non rappresentano formalmente un’organizzazione terroristica, mentre per i turchi sì. Questo ha portato il Sultano a un duro e nervoso discorso concluso con una lamentela verso gli Stati Uniti su “scegliere l’alleato tra la Turchia o i terroristi”.

Questa situazione è il risultato del pressing russo sui kurdi: che ha ottenuto che il PYD (Democratic Union Party) aprisse ufficialmente, il 10 febbraio, la sua prima sede all’estero. A Mosca! Il riconoscimento dei kurdi come interlocutore ufficiale è parte della strategia di Putin per imporre nel gioco politico un contrasto tra la Turchia (che vede PYD e il suo braccio armato YPG come terroristi) e gli USA, che sono costretti ad andare dietro ai loro “ancora-forse-alleati” per impedire che entrino sotto l’influenza russa. A quel punto, un futuro eventuale Kurdistan verrebbe sottratto all’influenza della NATO, ed è esattamente questo che determinerà il corso futuro di questa guerra: l’atteggiamento americano verso la Turchia. Se saranno accondiscendenti, allora anche i Sauditi entreranno in azione al fianco degli ottomani e l’articolo 5 della NATO (che regola la mutua difesa) sarà applicato anche in caso di guerra di aggressione, utilizzando una scusa qualunque.

Russia, Iran, sauditi e Turchia si giocano il tutto per tutto.

Guerra in Siria - situazione militare kurdi

Questa ambivalenza degli USA nei confronti dei kurdi e turchi ha consentito ai primi di espandersi lungo il confine ottomano, in virtù della loro avversione per il Califfato. Nell’immagine globale che comprende sia Siria che Iraq si può vedere il territorio occupato dai kurdi. Il loro obiettivo primario è garantire continuità territoriale per poter rivendicare il Kurdistan.

La creazione del Kurdistan è il vero pomo della discordia in questa faccenda. La striscia di 90 km che si estende ad ovest di Jarablus fino alla linea Harajab-Maarea, nel nord della Siria al confine con la Turchia, assume quindi vitale importanza per la Turchia: da un lato impedire ai kurdi di ricongiungersi tra loro, dall’altro preservare i rifornimenti per i “loro” ribelli. L’accumulo di truppe turche in territorio siriano significa solo che si prepara l’invasione di terra per tentare di cambiare le sorti di un piano fallito già da tempo, da quando cioè i turchi hanno abbattuto un caccia russo. A partire da quel momento i russi hanno implementato un sistema difensivo antiaereo avanzato e diviso in tre fasce:

  1. Missili antiaerei avanzati S400 e S200VE come batterie a lungo raggio;
  2. S-300FM Fort-M + BUK-M come batterie a medio raggio;
  3. La difesa posizionale è affidata a Osa-AKM e S-125 Pechora-2M SHORAD;

Infine, i russi sono coadiuvati dal sistema Pantisir-S1 che fornisce copertura alla base operativa e alle batterie di S400 e altre contromisure elettroniche (ECM). È stato inoltre fotografato il nuovo elicottero d’attacco multiruolo Mi-35M, operativo in teatro di guerra, del quale vi risparmiamo le roboanti specifiche tecniche.

Putin si sfrega le mani perché sta cercando di attirare la Turchia in una guerra di aggressione, grazie alla quale la Russia si troverebbe dalla parte della ragione e avrebbe anche la possibilità di vendicarsi per la vicenda del jet abbattuto. Sa che gli alleati europei non permetterebbero mai alla Turchia di aggravare la crisi umanitaria che produce un flusso di migranti che è il peggiore migrazione dalla Seconda Guerra Mondiale, attingendo ed esaurendo i 3 miliardi di euro di fondi che Ankara ha già ricevuto per attenuare gli effetti del disastro. Il Presidente russo sa che un intervento turco in territorio siriano significherebbe un’ecatombe sicura. Sa che 6.000 “Al Sabereen Unit” della IRGC (Iranian Revolutionary Guard Corps) sono in dispiegamento ad Aleppo e che l’Iran farà “tutto il necessario” per garantire pieno supporto al governo di Assad in caso di aggressione.

La strategia iraniana è spiegata in un PDF, ma per ora ci accontentiamo dell’informazione secondo la quale, per contrastare i 13.000 missili TOW donati dai sauditi, siriani e iraniani avrebbero diminuito i veicoli corazzati e aumentato fanteria, veicoli veloci e supporto aereo. Putin, in ogni caso, sa anche che se la Turchia decidesse di invadere la Siria avrebbe a disposizione un’immensa quantità di uomini e mezzi in pochissimo tempo, data la vicinanza geografica. D’altro canto, il sistema di protezione russo è efficiente ma allo stesso tempo fragile, nel caso in cui parti della difesa integrata dovessero essere sabotate. Inoltre, se i kurdi dovessero cedere sul campo (anche se promettono una dura guerriglia), per la Russia questo sarebbe sicuramente un problema. Questi ultimi confidano però nell’aiuto del PKK (Partito dei Lavoratori del Kurdistan) che, dall’interno del confine turco, può sferrare attacchi alle spalle delle truppe di occupazione. Queste sono alcune delle ragioni (il sistema di difesa di Putin, i Kurdi e il PKK) per cui l’intervento turco è ancora in bilico. Un intervento, ricordiamolo, che avrebbe ripercussioni, con effetto domino, su tutto l’assetto mondiale.

I turco-sauditi avrebbero invece come principali obiettivi Raqqa e il confine turco-siriano. Per i sauditi però sarebbe rischioso, perché sono anche impegnati nello Yemen contro i ribelli Houti. A meno che USA e Russia si accordino su una spartizione delle zone operative ad Est e Ovest dell’Eufrate. Questa alternativa potrebbe incanalare e in qualche modo stabilizzare le velleità belliche. John Brennan, un alto funzionario della CIA, ha dichiarato: “Il Medio Oriente è instabile come non era mai stato negli ultimi cinquant’anni e lo spargimento di sangue è senza precedenti”.

Il ruolo dell’Italia.

Mentre gli europei non sono in grado di prendere alcuna decisione collegiale, le ringhiere in stile Auschwitz pullulano ai confini in un isterismo cieco e scomposto. Mentre Matteo Renzi invia in Iraq 700 persone, di cui 450 militari, per riparare provvisoriamente la diga di Mosul (fortemente danneggiata da irrisolvibili problemi di erosione alle fondamenta, e se dovesse cedere sarebbe un disastro per milioni di persone), il fatto è che nel caso in cui la situazione precipitasse potremmo trovarci al fronte contro lo Stato Islamico o addirittura contro i kurdi. Come sostiene qualcuno, tra cui lo Stewart and Director of National Intelligence degli USA James Clapper (qui per avere un’idea del personaggio): “Le truppe UE e saudite non potrebbero resistere efficacemente contro l’ISIS”.

Beffardamente, Gheddafi riemerge dal passato a ricordarci che l’aveva previsto, e constatiamo che l’Unione Europea in tutto questo non conta nulla. Abbiamo ceduto la nostra sovranità a un soggetto che non ne ha, che non è capace di farsi valere a livello internazionale e in cui la Merkel funge da ministro degli esteri di sé stessa – e quindi dell’Unione Europea – quando contemporaneamente rimaniamo alla mercé dei piani atlantici e di forze da noi avversate, dovendo sobbarcarci le conseguenze negative di una politica che non ci appartiene.

screenshot-syria liveuamap com 2016-02-18 13-41-52

In questa infografica costantemente aggiornata è possibile seguire gli eventi nel loro insieme:

INTEGRAZIONI:

Politica:
http://www.todayszaman.com/diplomacy_in-snub-to-turkey-us-says-syrias-pyd-is-not-a-terror-group_411808.html
http://www.dailysabah.com/diplomacy/2016/02/09/ankara-summons-us-ambassador-john-bass-over-pyd-statement
http://www.todayszaman.com/diplomacy_erdogan-to-us-choose-either-turkey-or-the-pyd-as-your-partner_411628.html
http://www.jpost.com/Middle-East/ANALYSIS-Russia-US-compete-to-ally-with-Kurds-in-ISIS-fight-444316
http://www.middleeasteye.net/news/opposition-blame-syrian-bombing-kerry-tells-aid-workers-1808021537#block-disqus-disqus-comments
http://www.reuters.com/article/us-europe-migrants-eu-turkey-idUSKCN0VH1R0
http://sputniknews.com/middleeast/20160217/1034916746/turkey-kurds-syria-crisis.html#ixzz40WEeHLxc
https://twitter.com/metesohtaoglu/status/700260442795593728?ref_src=twsrc%5Etfw

Militare:
http://www.alraimedia.com/ar/article/special-reports/2016/02/09/656002/nr/lebanon
https://twitter.com/Hamosh84/status/696445428947095552?ref_src=twsrc%5Etfw
https://twitter.com/KhaledgAlkhateb/status/700272817040965632?ref_src=twsrc%5Etfw
https://twitter.com/redaslt/status/700276204931280896?ref_src=twsrc%5Etfw

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Vota Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Mancano poche ore! Hai votato!?

macchianera internet awards 2016 vota byblu Vuoi contribuire in qualche modo a far conoscere questo blog? Ci sono tre giorni di tempo per votare Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Votate per almeno 10 categorie e usate un vostro indirizzo email reale, altrimenti il vostro voto sarà nullo. Byoblu si trova nella categoria "30....--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Renzi vs Gruber: volata finale sul Referendum

Renzi Gruber Referendum Otto e 1/2 Sintesi dell'intervento di Matteo Renzi, questa sera, a Otto e Mezzo, per la volata finale sul Referendum Costituzionale....GUARDA

La Santanché furiosa sui pallisti Pd diventa una bestia

la santanche furiosa sui pallisti pd diventa una bestia Daniela Santanché si infuria a Coffee Break sul voto di Forza Italia alla Camera sulla Riforma Costituzionale, e chiede il fact checking. Guarda anche: ...GUARDA

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì Le cojonate di Franceschini e Poletti, ministri della cultura e del lavoro, a Tribuna Politica di Semprini, nel tentativo imbarazzante di difendere le ragioni del sì al Referendum Costituzionale, fanno sembrare le forziste Laura Ravetto e Anna Maria Bernini due emerite costituzionaliste. Tante fesserie tutte insieme...GUARDA

Scontro Berlusconi Berlinguer sul Referendum: “Qualcos’altro da aggiungere?”. “Sì: sarebbe un regime!”

Berlusconi Berlinguer Referendum Scontro tra Silvio Berlusconi e Bianca Berlinguer, che non gli permette di elencare le ragioni del No al Referendum Costituzionale. - "Ha qualcos'altro da aggiungere?". - "Sì... Sarebbe un regime!"....GUARDA

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi Diego Fusaro: "Se al Referendum Costituzionale vince il sì, come vogliono le élite, distruggono la Costituzione, desovranizzano lo Stato e impongono l'Unione Europea come Banca Centrale che decide per tutti. Se vince il no l'élite ha pensato anche al piano B, perché il popolo si sta...GUARDA

MELONI A RENZI: SCIOCCATA DA QUANTO SEI BUGIARDO!

giorgia meloni vs matteo renzi sei un bugiardo Giorgia Meloni si scontra violentemente con Matteo Renzi, durante la campagna per il referendum costituzionale, sul Porcellum e sulle liste bloccate, che Renzi sostiene di avere tolto dall'Italicum....GUARDA

Silvio Berlusconi su Beppe Grillo: “Non posso parlarne bene”.

Berlusconi su GrilloSilvio Berlusconi su Beppe Grillo a Matrix: "Mi piace parlare delle persone quando posso parlarne bene. Quando devo parlarne malissimo, ...evito". ...GUARDA

Nino Galloni mena schiaffoni anche alla Presidenza del Consiglio

galloni marattin Nino Galloni si scontra con Luigi Marattin, consigliere economico della Presidenza del Consiglio di Matteo Renzi, su banche, Referendum, privatizzazioni, debito pubblico, mercati e scenari catastrofici....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>