I MINI-BLU

Il Treno della Memoria, viaggio nel presente di Auschwitz.

Un professore di filosofia viaggia insieme ai suoi studenti sul Treno della Memoria, il MemoTrain, fino ad Auschwitz. Dal suo racconto nasce un libro, “Il treno della Memoria”, di Antonio Rinaldis.

Il treno della memoria - Antonio Rinaldis - Viaggio nel presente di Auschwitz
di Antonio Rinaldis

Il 25 gennaio del 1945 i soldati dell’armata rossa entrano finalmente ad Auschwitz e scoprono gli orrori della “soluzione finale” alla questione ebraica. Il 27 gennaio, da qualche anno, è diventato il “Giorno della Memoria” e si è trasformato nell’occasione per ripensare e per riflettere su quegli eventi. Quest’anno, nell’immensa letteratura sull’Olocausto, sulla deportazione degli ebrei e sul nazismo, si è aggiunto anche il mio libro che si intitola: “Il treno della Memoria” (puoi leggerlo qui).

“Il treno della Memoria” vuole sottolineare l’attualità di Auschwitz. Perché il libro vuole ritagliarsi uno spazio autonomo rispetto al mainstream? Molti di questi testi non sono che il racconto delle testimonianze dei sopravvissuti, oppure sono saggi storici. Si tratta di andare a cercare la verità storica di Auschwitz, un aspetto fondamentale che io condivido pienamente, ma che a mio giudizio non è sufficiente. A me non piacciono le commemorazioni. Non mi piacciono le ricorrenze. Non mi piace quest’idea della storia che Nietsche avrebbe chiamato “antiquaria”. Mi piace piuttosto pensare che nei confronti della storia bisogna avere un rapporto creativo e vitale. Questo non significa diventare negazionisti o revisionisti. Significa un’altra cosa, che ora spiego.

I testimoni… testimoniano, è evidente! Che cosa testomoniano? I fatti, la verità. E di fronte a questo fatto, a questa verità, come se noi fossimo all’interno di un processo, di un dibattimento giudiziario, non possiamo che assistere. La maggior parte di chi ha letto libri che riguardano la vicenda di Auschwitz si è sentita in qualche modo spettatrice. Il sottotitolo del mio libro, invece, è “Viaggio nel presente di Auschwitz“. E nel sottotitolo, probabilmente, c’è l’idea del libro.

Il Treno della Memoria

Infatti “Il Treno della Memoria” è il racconto di un viaggio – che viene fatto in pullman e non in treno – da Torino ad Auschwitz, con una tappa intermedia a Budapest. Si tratta di un’esperienza che si ripete ogni anno da circa dieci anni e che coinvolge quasi duemila studenti italiani. L’idea di partenza era quella di ripercorrere, quasi con le stesse modalità, il viaggio che molti deportati fecero negli anni tragici della Seconda Guerra Mondiale, dalle principali città europee fino al luogo dello sterminio.

Anche noi siamo partiti con l’idea di ripercorrere in maniera drammatica quelle vicende. Però poi ci siamo accorti, nel corso del viaggio, che qualcosa era diverso: eravamo diventati non solo testimoni di una storia, ma anche i protagonisti. È come se la vita si fosse presa la rivincita sulla morte. Anche perchè, nel romanzo, ci sono tutte quelle cose che formano la vita, che danno luogo a un’esperienza. Parlo soprattutto di quello che hanno vissuto i miei studenti, i quali hanno attraversato l’Europa come se fosse un romanzo di formazione. E in un romanzo di formazione cè di tutto: ci sono le lacrime, c’è la commozione, ma c’è anche la gioia, c’è il sorriso, ci sono gli amori, c’è il divertimento. Insomma c’è davvero tutto quello che costituisce il patrimonio dell’esperienza di un essere umano, ma non soltanto.

Il Treno della memoria” è un viaggio nel presente di Auschwitz e soprattutto un viaggio nel presente di questa nostra Europa del 2016. Un’Europa in cui purtroppo si ripresentano, riaffiorano paure, tensioni che richiamano il periodo storico in cui il Nazismo ha trovato terreno fertile, l’humus per alimentarsi e crescere. Allora un viaggio nel presente di Auscwitz è un viaggio nel presente dell’Europa devastata dall’Euro, dell’Europa che si scopre nuovamente xenofoba e impaurita, dell’Europa che costruisce i muri tra la Serbia e l’Ungheria e che non conosce, o che ha smarrito, la parola speranza. Ecco, io penso che questo treno della memoria significhi esattamente questo. Ed averlo fatto con dei giovani studenti, che avevano voglia di scommettere su se stessi e sul loro futuro, significa esattamente questo, cioè non essere solo testimoni della storia, ma esserne protagonisti e soprattutto essere protagonisti in “questa” storia, che ha molti aspetti inquietanti e terribili.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

4 risposte a Il Treno della Memoria, viaggio nel presente di Auschwitz.

  • 3
    max

    Io voglio ricordare il popolo palestinese, massacrato dai nuovi nazisti…

  • 2
    Anas

    La prossima volta porta i tuoi allievi in Senegal, in Benin e raccontagli del “black holocaust “. morirono circa 10 milioni di africani e molti altri vennero strappati per sempre alla loro terra. fagli fare la tratta tratta atlantica degli schiavi africani via nave e una volta lì raccontagli genocidio dei nativi americani, detto anche genocidio indiano, olocausto americano (in inglese American Holocaust o Indian Holocaust) si ritene che un numero tra i 50[1] e i 100 milioni di nativi[2] morirono a causa dei colonizzatori, come conseguenza di guerre di conquista, perdita del loro ambiente, cambio dello stile di vita e soprattutto malattie contro cui i popoli nativi non avevano assolutamente difese, mentre molti furono oggetto di deliberato sterminio, poiché considerati barbari. Per altri la cifra supera i 100 milioni di morti in 500 anni, fino ad arrivare a 114 milioni.[3]… l’anno dopo porta i tuoi studenti in Australia e raccontagli delLa popolazione aborigena è stata decimata dalla colonizzazione, iniziata nel 1788. Una combinazione di malattie, perdita della terra (e quindi fonte di cibo) e omicidi ha ridotto la popolazione aborigena di circa il 90% tra il XIX secolo ed il XX secolo. Un’onda di massacri e tentativi di resistenza si mosse con la frontiera. L’ultimo massacro fu a Coniston, nel Territorio del Nord, nel 1928. Molte volte si è ricorso all’avvelenamento di cibo e acqua…. poi passa in Palestina e raccontagli della NAKBA “Letteralmente, il termine Nakba significa “catastrofe”, intesa come un terremoto, l’eruzione di un vulcano, il passaggio di un uragano…. I numeri di una “nakba”

    Nel 1948, 1 milione e 400 mila palestinesi vivevano in 1.300 fra città e villaggi: in seguito alla proclamazione dello Stato di Israele, più di 800mila persone sono state espulse dalle loro terre, spinte verso i vicini paesi arabi e altri luoghi del mondo.

    Secondo i documenti storici, gli israeliani con gli anni hanno assunto il controllo di 774 fra città e villaggi, distruggendone 531. Durante il periodo storico che vede l’affermazione dello Stato di Israele nel secondo Dopoguerra, si registrano oltre 70 episodi di violenza ai danni della popolazione palestinese, con un totale approssimativo che stima il numero di vittime in 15 mila.

  • 1
    Pierluigi Vernetto

    fate anche un giretto a Gaza, sempre che gli israeliani vi lascino passare (dubito). Tutti buoni a condannare il nazismo che e’ stato sconfitto 80 anni fa… provate un po’ a prendervela coi nazismi di oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

La vittoria dell’informazione e i pericoli del dopo Renzi

claudio messora Il No al referendum costituzionale è la vittoria dell'informazione contro chi pensava che per convincere gli italiani a votare basta una comunicazione semplificata, comprensibile a un bambino delle scuole medie. La sconfitta di Renzi passa anche per una ipersemplificazione della Comunicazione che non ha convinto e...GUARDA

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Massimo D’Alema: è grazie a noi se M5S non ha vinto da solo!

Massimo D'Alema Massimo D'Alema fa la sua analisi del voto del referendum. Parla sarcasticamente delle rottamazioni di Matteo Renzi e afferma che se non ci fossero stati loro, il M5S avrebbe vinto da solo. ...GUARDA

I Cinque Stelle alla stampa: ora elezioni subito!

m5s-conferenza-stampa-iconaLa conferenza stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati dopo la vittoria del No al Referendum Costituzionale. Davanti ai giornalisti, a tarda ora, dopo le dimissioni di Matteo Renzi, si sono presentati Vito Crimi, Danilo Toninelli, Alessandro Di Battista e Giulia Grillo, per dire al Presidente della Repubblica...GUARDA

Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!

Renato Brunetta Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!...GUARDA

Galloni e Rinaldi al Quirinale: ora Mattarella stralci il Pareggio di Bilancio

Galloni Rinaldi Quirinale Nino Galloni e Antonio Rinaldi salgono al Quirinale per chiedere simbolicamente a Mattarella che ora rispetti la volontà del popolo e si adoperi per rispettare la Costituzione italiana, stralciando subito il Pareggio di Bilancio ora Mattarella stralci Pareggio di Bilancio...GUARDA

Salvini – Vittoria del popolo contro i poteri forti di tutto il mondo

Salvini referendum La prima dichiarazione dopo gli Exit Poll che danno la vittoria del No a 55%-59% è di Matteo Salvini, che parla testualmente di "una vittoria del popolo contro i poteri forti di gran parte del mondo"....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>