I MINI-BLU

La vergognosa manipolazione dei media sul caso dell’ebreo accoltellato a Milano, Nathan Graff

Pierluigi Battista - Non ce la posso fare - Nathan Graff - Milano

La vicenda dell’accoltellamento di Nathan Graff, per come è gestita dai media, è un chiaro esempio di come il “frame” voglia a tutti i costi accreditare una versione dei fatti che non solo fino ad ora non è stata confermata, ma che  anzi per il momento sembra andare addirittura in direzione opposta.

Inizia di mattina presto il Corriere della Sera, che titola in prima pagina: “Accoltellato ebreo, paura a Milano!“, e fa seguire due paginate di puro terrore, con titoli come “Noi siamo senza donne, moriremo felice per Allah”, “Il Mullah che istruiva i martiri”, “Ci sentiamo tutti minacciati: intorno a noi c’è un clima di odio ma non rinunceremo ai nostri simboli” e via dicendo. Titoli che dettano chiaramente la linea (o la ricevono). Inutile spiegarvi che ogni giorno, in Italia, ci sono Dio solo sa quanti accoltellamenti. Fuori dalle discoteche, allo stadio, nei condomini, nelle periferie degradate… Nessuno ci apre la prima pagina. Il punto è che qui ad essere stato accoltellato è un “ebreo”. E questo non è un dato, ma una sentenza. Tanto che lo scrivono proprio nel titolo, e meno male che loro sono quelli che lottano contro la discriminazione razziale.

E chi poteva essere ad aprire le danze, se non l’immancabile, immarcescebile Pigi Battista? E come poteva chiamarsi il suo editoriale da urlo, se non “I pregiudizi e l’odio“? Già ieri sera, quando il fatto era appena avvenuto e lui doveva scrivere l’articolo da dare in pasto alle rotative questa notte, il nostro infaticabile artigiano delle articolesse aveva scritto il suo bravo pezzo, pieno di frasi come “si colpisce l’ebreo come incarnazione del sionista, dovunque si trovi, per la sola colpa di esistere“, “l’Italia deve preoccuparsi“, “l’odio antiebraico cammuffato da odio antisionista“, “Un segnale, terribile, da non sottovalutare“.

Tutto chiaro, dunque, per Pigi, giusto? Sembrerebbe di sì, tranne che per il fatto che nel suo stesso articolo scrive: “È ancora tutto da verificare quello che è accaduto ieri sera a Milano, la dinamica dell’aggressione, l’identità dell’attentatore, lo spunto da cui è partito l’agguato“. Battista riesce nell’improbabile intento di ficcare nello stesso articolo la granitica certezza della matrice antisionista/antiebraica dell’attentato e la candida ammissione – dove è costretto a riportare i fatti come un qualunque reporter alle prime armi – che non si conoscono ancora i motivi dell’aggressione. Ma fa niente: la tesi doveva essere sostenuta e ci voleva qualcuno che non si facesse molti scrupoli.

Per Pigi (e per il Corriere) le cose si mettono male intorno alle 13 di oggi, quando Radio24 manda in onda una breve intervista a Milo Hasbani, co-presidente della comunità ebraica di Milano. Il quale, molto correttamente, non parla di aggressione per motivi legati alla razza o alla religione, ma anzi, al contrario, sottolinea con chiarezza che non vi è nessun elemento che possa ricondurre l’attentato alla matrice terroristica o pregiudiziale nei confronti degli ebrei. Bene, se è la stessa comunità ebraica a dire che probabilmente non è l’odio verso gli ebrei ad avere armato la mano che ha inferto 7 coltellate a Nathan Graff, allora si può tranquillamente affermare che Pigi Battista ha perso l’ennesima occasione per dimostrarsi un giornalista in gamba. Anzi, un giornalista.

Nel frattempo le dichiarazioni del mondo della politica e dell’opinione fluiscono come se piovesse. Neppure loro, ovviamente, sanno un accidenti di nulla sui veri motivi retrostanti l’aggressione, ma quando si tratta di uniformarsi al coro del politically correct, allora non si fanno scrupolo di diventare tutti complottisti convinti. Fiamma Nirestein: “L’Europa è percorsa dall’Israelofobia“. Emanuele Fiano (PD): “Aspetteremo le ipotesi degli inquirenti. Ma è ovvio che il pensiero di tutti corre verso un episodio di violenza antisemita“. Mariastella Gelmini: “Solidarietà alla comunità ebraica: clima di odio e intolleranza“. Mara Carfagna “condanna il terrorismo antiebraico“. Maurizio Lupi condanna “ogni forma di antisemitismo“. E così via… Insomma: sono tutti sicuri.

Ma non è finita, perché adesso arriva SkyTG24, che all’ora di pranzo manda in onda un servizio dove un’orda di inviati per-nulla-prevenuti, microfono alla mano, assaltano di domande viziose Milo Hasbani, cercando in tutti i modi di fargli dire che l’attentato è un atto diretto contro la comunità ebraica in quanto tale. Lui resiste stoicamente, sottolineando più volte che mancano gli elementi sostanziali per far pensare a un attentato di quella matrice (per esempio l’aggressore non pronuncia nessuna frase in arabo, cosa che invece è caratteristica delle intifade, oppure banalmente l’atto violento non è stato rivendicato da nessuno), quando si sente chiaramente un breve taglio nel montaggio e una frase che suona come “può essere che lo sia“. Ma si capisce chiaramente che quelle parole facevano parte di un ragionamento più ampio che suonava più o meno come ‘certo, se l’aggressore ce l’aveva con gli ebrei, allora può essere che lo sia‘, della serie: può essere tutto e niente, ovvero ‘nella vita non si può mai dire‘. Tant’è vero che nel video completo pubblicato sul web, questo taglio non c’è e il senso non si può fraintendere.


  Sbatti il mostro in prima pagina

Ma la parte comica deve ancora arrivare: sul posto, inviati di SkyTg24, ci sono un paio di cronisti, una donna e un uomo. La donna, forse la figlia segreta di Pigi Battista, si dà da fare in tutti i modi per dimostrare che si tratta chiaramente di un’atto antiebraico/antisionista. La prova? “Nathan Graff era un omone, e dunque [e dunque cosa?] l’aggressore voleva proprio colpire lui, in quanto ebreo“. Chi? Cosa? Come? Siccome uno è “un omone”, allora l’aggressore ce l’ha con gli ebrei? Quindi se ne deduce che se Jihadi John in persona avesse accoltellato un ebreo di piccola statura, allora nulla si sarebbe potuto dire fino al completamento delle indagini? Oppure intendeva forse dire che uno potrebbe pensare che l’attentatore se ne stesse andando in giro con l’idea di colpire qualcuno a caso, ma poi avendo visto Graff che non si poteva non vedere (in quanto omone) e aveva (pensate un po’) una bella kippah in testa, abbia accoltellato proprio lui, in quanto ebreo (o in quanto ‘omone’)?

La ragazza (che ha le idee un po’ confuse) riesce anche lei nell’improbabile impresa di mescolare frasi come quelle che avete appena sentito con affermazioni che riportano lo stato delle indagini, che al momento del suo reportage non registravano alcun elemento che facesse pensare a un attentato di matrice islamica o antisionista, ma anzi propendevano per un volgare “tentato omicidio” qualunque. Lo stesso fa il secondo cronista inviato sul luogo (uno non bastava), sottolineando come fosse chiaro il collegamento del caso in oggetto con l’intifada (su quali presupposti, lo sa solo lui), ma infilando nello stesso pezzo (senza colpo ferire, così, en passant) come lo stato delle indagini indicasse piste diverse, perfino opposte.

Dobbiamo dunque pensare che adesso le indagini le fanno i cronisti, e il parere degli inquirenti vale tanto quanto quello di uno che passava di là per caso, o peggio, degli spin doctor? Ma lo sanno, gli investigatori, che Graff è un’omone? La signorina di Sky gliel’ha detto? Non lo sa che omettere dettagli come questo potrebbe farla accusare di complicità con lo jihadismo? Tra l’altro, il fatto che l’aggressore fosse di carnagione chiara e avesse i capelli biondi, lo identifica sicuramente come un arabo. E mi meraviglia come nessuno abbia ancora tirato fuori il califfato.

Ovviamente non finisce qui. Ne sentiremo ancora molte, sulla vicenda e, sicuramente, mille-mila sono le articolesse e le prodezze degli inviati che mi sono perso in questa disamina, ma il punto non è questo. Potrebbe anche saltare fuori che l’attentatore era il pronipote di Bin Laden o di Adolf Hitler, questo non cambierebbe le cose: il mondo dell’informazione mainstream italiana reagisce ad alcuni elementi chiave, ad alcuni attivatori semantici, esattamente come il cane di Pavlov iniziava a salivare quando suonava il cicalino. Per cui, nella migliore delle ipotesi, giornalisti che non sanno fare il loro lavoro si prodigano per ficcare una tela in una cornice, anche se quella cornice è troppo stretta, troppo larga o di forma diversa, molto tempo prima di avere gli elementi per stabilire cosa rappresenta e chi l’ha dipinta. Nella peggiore delle ipotesi, invece, tutte le scuse sono buone per compiacere azionisti sensibili ad alcuni temi e al modo di presentarli.

Chi non l’ha ancora vista, si guardi la mia intervista a Marcello Foa: “Come gli spin doctor manipolano i giornalisti usando il frame“.

marcello foa frame

Centomila visualizzazioni per questa pietra miliare sul mondo dei media, che per primi i giornalisti dovrebbero guardarsi.

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

3 risposte a La vergognosa manipolazione dei media sul caso dell’ebreo accoltellato a Milano, Nathan Graff

  • 2
    Lor

    “E così via… Insomma: sono tutti sicuri.”

    Compresi i famosi “garantisti”. Che pagliacci

  • 1
    anon1mo

    La presidente della Comunità ebraica di Roma, Ruth Dureghello: “Dobbiamo constatare che l’appello dell’Isis di colpire gli ebrei ovunque si trovino purtroppo sta facendo proseliti”.

    Quindi non meravigliarti troppo, il califfato l’hanno già tirato fuori.

    • 1.1

      Fanno comunque sempre la parte dei deboli perseguitati, per poter dar meglio sfogo alle loro sopraffazioni, che non sono certo solo “verbali”!
      Mi riferisco ad un atteggiamento standard, non a questo caso. Ma si tratta sempre della stessa storia, che in troppi fanno finta di non conoscere, nel mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

La vittoria dell’informazione e i pericoli del dopo Renzi

claudio messora Il No al referendum costituzionale è la vittoria dell'informazione contro chi pensava che per convincere gli italiani a votare basta una comunicazione semplificata, comprensibile a un bambino delle scuole medie. La sconfitta di Renzi passa anche per una ipersemplificazione della Comunicazione che non ha convinto e...GUARDA

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Massimo D’Alema: è grazie a noi se M5S non ha vinto da solo!

Massimo D'Alema Massimo D'Alema fa la sua analisi del voto del referendum. Parla sarcasticamente delle rottamazioni di Matteo Renzi e afferma che se non ci fossero stati loro, il M5S avrebbe vinto da solo. ...GUARDA

I Cinque Stelle alla stampa: ora elezioni subito!

m5s-conferenza-stampa-iconaLa conferenza stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati dopo la vittoria del No al Referendum Costituzionale. Davanti ai giornalisti, a tarda ora, dopo le dimissioni di Matteo Renzi, si sono presentati Vito Crimi, Danilo Toninelli, Alessandro Di Battista e Giulia Grillo, per dire al Presidente della Repubblica...GUARDA

Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!

Renato Brunetta Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!...GUARDA

Galloni e Rinaldi al Quirinale: ora Mattarella stralci il Pareggio di Bilancio

Galloni Rinaldi Quirinale Nino Galloni e Antonio Rinaldi salgono al Quirinale per chiedere simbolicamente a Mattarella che ora rispetti la volontà del popolo e si adoperi per rispettare la Costituzione italiana, stralciando subito il Pareggio di Bilancio ora Mattarella stralci Pareggio di Bilancio...GUARDA

Salvini – Vittoria del popolo contro i poteri forti di tutto il mondo

Salvini referendum La prima dichiarazione dopo gli Exit Poll che danno la vittoria del No a 55%-59% è di Matteo Salvini, che parla testualmente di "una vittoria del popolo contro i poteri forti di gran parte del mondo"....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>