I MINI-BLU

Manifesto contro la follia neoliberista

di Marco Mori

Grazie al Sindaco di Berceto, Lucchi, il mio breve manifesto contro il neoliberismo è stato inoltrato a tutti i sindaci d’Italia. Un fatto straordinario per riuscire ad aprire sempre più le menti, verso la ragione unica della crisi.

* * * *

La crisi economica non accenna a finire, è giunta dunque l’ora che le Istituzioni comprendano quali sono le sue ragioni, altrimenti sarà impossibile risolvere questo drammatico problema.

L’analisi non può essere infarcita da ideologie o dogmi, ma deve guardare in faccia la realtà e per la comprensione della stessa nulla ci aiuta di più che studiare la genesi della nostra Costituzione.
La nostra Carta fissa i suoi principi fondamentali e poi elabora un modello economico e sociale idoneo a rendere effettivi tali principi e così raggiungere gli obiettivi su cui si fonda la Repubblica, in primis quello di garantire il diritto al lavoro in senso ampio, quale massima espressione della dignità umana.

Aiutami a continuare a fare informazione libera

Gli articoli della parte economica della Costituzione, ovvero quelli che vanno dal 35 al 47, tracciano una rotta che oggi è stata completamente tradita, tale tradimento è la causa unica della situazione che viviamo. In sostanza la crisi economica dipende da un perdurante fatto illecito che si consuma ormai da alcune decadi.

L’iniziativa privata era certamente riconosciuta dai nostri Padri Costituenti, come era riconosciuto il diritto di proprietà, ma entrambi avevano limiti. L’iniziativa privata, se si vuole rispettare la Costituzione e garantire il maggior benessere possibile, non può infatti svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà ed alla dignità umana (art. 41 Cost.). La proprietà può essere in particolare limitata allo scopo di divenire accessibile a tutti e per assicurarne la sua funzione sociale.

I Padri Costituenti in sostanza mettevano al bando il capitalismo privo di controlli democratici e di limiti, ovvero era bandito il super capitalismo, era dunque bandito proprio il modello che oggi impera nel mondo e che ha trovato addirittura in Europa una vera e propria codificazione all’interno dei Trattati Europei. Oggi siamo davanti ad un liberismo ordinamentale, ovvero all’ordo-liberismo.

Se si esamina compiutamente il ragionamento che portò i nostri Padri Fondatori a disciplinare questo modello economico si comprende benissimo che si riconosce nell’egoismo un motore di sviluppo, ma si comprende anche che se esso non viene limitato, la società ne viene interamente travolta.

Gustavo Ghidini, deputato dell’Assemblea Costituente, ci ricordava già nel 1947 che:

“Se si lascia libero sfogo alla legge della libera concorrenza e alla libera iniziativa animata solo dal fine del profitto personale, si arriva pur sempre al super capitalismo e così a quelle conseguenze (omissis…) fra le quali primeggia la guerra tremenda che fu la rovina di tanti popoli (omissis…).

Ci sono limiti, perché non si vuole che si formino delle grandi concentrazioni di proprietà che sottraggono all’iniziativa privata grandi strati di produttori e costituiscono a un tempo delle potenze economiche tali che, se anche potessero condurre ad un grado di produttività più elevato, portano altresì a quella potenza politica che, non avendo altro intento che il vantaggio patrimoniale privato, disconosce e travolge gli interessi materiali, morali e politici della collettività scatenando quelle conflagrazioni che ci hanno portato alla miseria attuale.
Noi invece vogliamo che la proprietà si conformi alla sua funzione sociale”.

Un brivido scuote quando si prende atto che, per i Costituenti, la seconda guerra mondiale fu la conseguenza del super capitalismo, proprio di quello stesso super capitalismo che domina anche i nostri tempi e che, se non fermato, anche nella sua evoluzione ordinamentale, porterà alle stesse identiche conseguenze.

Altrettanto degne di menzione le parole di Giorgio La Pira che, sempre durante l’Assemblea Costituente, invitata a cercare una terza via in economia, stante il fallimento, già acclarato settant’anni fa, del liberismo:

“l’attuale situazione di fatto, nella quale esistono larghe crisi periodiche di disoccupazione mentre non è attuata una effettiva e consapevole partecipazione della massa lavoratrice al meccanismo produttivo, sorge il problema: l’ordinamento economico liberale, che ha creato questi due fatti, ha una virtù interna tale da poterli superare? La risposta non può essere che negativa.

Di qui la domanda: qual è lo strumento economico nuovo e quindi la nuova struttura economica capace di superare questi due fatti? Respinto l’ordinamento liberale, occorre creare una struttura economica nuova, la quale realizzi quella dignità della persona umana sulla quale tutti sono d’accordo”.

Ed ancora Aldo Moro:

“è effettivamente insostenibile la concezione liberale in materia economica, in quanto vi è necessità di un controllo in funzione dell’ordinamento più completo dell’economia mondiale, anche e soprattutto per raggiungere il maggiore benessere possibile. Quando si dice controllo della economia, non si intende però che lo Stato debba essere gestore di tutte le attività economiche, ma ci si riferisce allo Stato nella complessità dei suoi poteri e quindi in gran parte allo Stato che non esclude le iniziative individuali, ma le coordina, le disciplina e le orienta”.

Oggi l’Unione Europea, ben lontana dall’essere quel sogno di pace e fratellanza di cui ci avevano parlato, è un’insieme di norme giuridiche che vieta allo Stato di fare ciò che i nostri Padri fondatori desideravano, alla luce delle tragedie che avevano vissuto.

L’Unione vieta il controllo, la disciplina ed il coordinamento dello Stato nell’economia, anzi si pone in condizione di eliminare lo Stato stesso, impedendogli addirittura di detenere una delle sue prerogative fondanti, la sovranità monetaria: il potere di creare moneta dal nulla e di imporre tale moneta come mezzo di pagamento sul proprio territorio.
La Banca Centrale europea ha l’incredibile divieto di creare moneta per gli Stati, potendolo fare solo in favore dei mercati finanziari, non è una prestatrice illimitata di ultima istanza. In sostanza siamo in presenza del massimo liberismo possibile dove lo Stato viene retrocesso al livello di qualsivoglia soggetto di diritto privato, e come ogni soggetto privato può fallire per ragioni di diritto commerciale.

Senza una Banca Centrale lo Stato non controlla l’economia, ma subisce inerme qualsivoglia attacco speculativo sia gradito ai grandi detentori di capitale, tradendo l’opposto disposto costituzionale che invece impone che la Repubblica debba disciplinare, coordinare e controllare il credito (art. 47 Cost.).

Con i vincoli di bilancio, si pensi al noto tetto del deficit, abbiamo poi trasformato la società in quella che Keynes chiamava “la parodia dell’incubo di un contabile”.
Ricordava l’economista in “Autarchia Economica” del 1933 che già nel secolo XIX, proprio come avviene oggi:

“tutta la condotta della vita era stata ridotta a una specie di parodia dell’incubo di un contabile. Invece di usare le loro moltiplicate riserve materiali e tecniche per costruire la città delle meraviglie, gli uomini dell’ottocento costruirono dei sobborghi di catapecchie; ed erano d’opinione che fosse giusto ed opportuno di costruire delle catapecchie perché le catapecchie, alla prova dell’iniziativa privata, «rendevano», mentre la città delle meraviglie, pensavano, sarebbe stata una folle stravaganza che, per esprimerci nell’idioma imbecille della moda finanziaria, avrebbe «ipotecato il futuro», sebbene non si riesca a vedere, a meno che non si abbia la mente obnubilata da false analogie tratte da una inapplicabile contabilità, come la costruzione oggi di opere grandiose e magnifiche possa impoverire il futuro”.

Uno Stato, al crescere dell’economia, avrà anche la necessità di immettere nel sistema una sempre maggiore quantità di moneta, che consenta ai cittadini sia di risparmiare che di continuare a scambiare beni e servizi.

Se lo Stato si priva della possibilità giuridica di fare politiche espansive, sarà l’intera economia che non potrà più espandersi.

Se lo Stato si indebita poi in una moneta che non può emettere, ovviamente potrà, esattamente come avviene oggi, trovarsi nella situazione di non poter onorare i suoi debiti, sarà obbligato a recuperare i soldi necessari dalle tasche dei cittadini, impoverendoli.

La messa al bando delle politiche espansive, dietro il dogma “imbecille” dell’aver vissuto al di sopra delle nostre possibilità, ha una precisa valenza politica e sociale. Consente a quei pochissimi privati che detengono grandi strati di proprietà e capitali, di smantellare pezzo dopo pezzo tutto ciò che è pubblico, appropriandosi di ulteriori beni, di ulteriore ricchezza, ed in definitiva di ulteriore potere.

Se si gioca a Monopoli, perfetto esempio di applicazione teorica neoliberista, le ricchezze e le proprietà, in assenza dell’intervento redistributivo dello Stato, finiscono tutte in mano ad un solo giocatore, tutti gli altri perdono tutto.

Ma nella vita reale chi perde tutto si trova senza più alcuna dignità e talvolta arriva addirittura a togliersi la vita, al contrario chi detiene ogni ricchezza si trasforma in un potere politico in grado di travolgere, come ricordava appunto Ghidini, diritti e democrazia.

Così i Parlamenti, come denunciato anche di recente dal Ministro della Giustizia in carica Orlando, vengono svuotati dei loro poteri e messi di fronte a fatti compiuti che si determinano in ambito sovranazionale. Ecco come il Ministro spiegò l’inserimento del pareggio in bilancio in Costituzione, come un ricatto dei mercati finanziari e della Banca Centrale Europea che ne tutela gli interessi.

Così si dice anche addio alla sovranità, che apparterrebbe al popolo e non certo al capitalista più influente.
A questo punto è necessario porre fine a questa drammatica situazione ponendo in essere i seguenti provvedimenti con effetto immediato:

1. ripristino della sovranità monetaria ed economica dello Stato;

2. abbandono delle politiche di austerità ed immissione, attraverso la spesa pubblica in deficit, da finanziarsi attraverso una Banca Centrale controllata dallo Stato, o anche attraverso la Zecca, della moneta necessaria a far ripartire la domanda di beni o servizi oggi distrutta dalle politiche dissennate di austerità;

3. piena occupazione quale obiettivo delle politiche monetarie dello Stato, abbandono del dogma della stabilità dei prezzi imposto dall’UE;

4. applicazione del diritto del lavoratore ad una retribuzione adeguata alla quantità ed alla qualità del lavoro prestato ed in ogni caso sufficiente ad assicurare a se ed alla propria famiglia un’esistenza libera e dignitosa, fine delle politiche di deflazione salariale;

5. ripristino della funzione sociale della proprietà limitando gli accentramenti eccessivi della stessa e redistribuendo tra la popolazione le relative ricchezze, misura che dovrà riguardare i grandi gruppi di capitale nazionale ed internazionale che dovranno essere nuovamente sottoposti a regole in funzione dell’interesse pubblico, proprio al fine di raggiungere il maggior benessere possibile ed impedire che il potere economico diventi nuovamente un potere politico;

6. divieto delle iniziative private in contrasto con l’interesse pubblico e pieno potere del Parlamento di coordinare, disciplinare e controllare l’economia secondo la volontà dei rappresentanti del popolo.

In parole povere dunque ciò che va fatto è unicamente applicare alla lettera la Costituzione del 1948 e tornare a rispettare il modello economico sociale in essa contenuto. I mercati non possono nulla contro uno Stato, l’attuale nostra sottomissione ad essi è solo dovuta alla mancanza della sovranità. Se lo Stato tornerà nel possesso dei suoi elementi fondanti, tra cui appunto la sovranità, i mercati non potranno più porre in essere alcun tipo di ricatto e, esattamente come volevano i Padri Costituenti, la sovranità del popolo italiano tornerà ad essere incondizionata ed incondizionabile sul nostro territtorio fermando l’eversione dell’ordinamento democratico in corso.

Immaginiamo il futuro, immaginiamo uno Stato che torni ad essere semplicemente normale, facendo solo ciò che la Costituzione già prevede.

Fonte: Un Manifesto Contro la Follia Neoliberista

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

4 risposte a Manifesto contro la follia neoliberista

  • 4

    149 UNA INTERA STRATEGIA EVERSIVA NON CONVENZIONALE (A MATRICE ANGLO AMERICANA!) POSTA ALLO SCOPERTO dal CASO PAOLO FERRARO e DALLA GRANDEDISCOVERY [versione youtube consigliata con schede ed annotazioni in https://youtu.be/kvIXpSa-0gA%5D RICOSTRUZIONI COMPLETE SU http://www.paoloferrarocdd.eu .
    Il golpe scientifico e strisciante venne ricostruito da Paolo Ferraro a partire dal 2011 e da frammenti la cui valenza GENERALE è oggi di fronte agli occhi di tutti.
    Grillo ha in qualche modo capito, ma la consegna di non parlare di una scalata sotterranea nelle istituzioni, nella politica e nell’alveo della pubblica amministrazione, consente ancora che a livello ufficiale molti parlino SOLO della mera escrescenza politico giudiziaria cronachistica di fatti che avrebbero ed hanno una spiegazione ben più lucida e profonda.
    Ciò che accadeva nella Cecchignola, ciò che accadeva ed accade nelle caserme italiane ed è accaduto intorno e sotto l’omicidio Melania Rea, ciò che è stato fatto gestendo “il caso Marrazzo”, la scalata criminale della e nella magistratura, i coinvolgimenti e ruolo di una precisa delimitata area eversivo giudiziaria intrecciata al mondo militare, le vicende tutte ruotanti intorno all’evento MAFIA CAPITALE ed al coinvolgimento di servizi ed altro, la gestione secondo il modulo Marylin di infiltrazioni che ormai sappiamo ben più estese del prevedibile di persone manipolate con metodologie ormai portate allo scoperto con prove DIRETTE e chiare, la vicenda RAGGI prima che MARRA e FRONGIA e ROMEO, ancora poco trasparente nelle righe di quello che Grillo ha finalmente almeno fatto intendere, lasciano sottoposto al tentativo di isolamento politico chi ha visto prima ed oltre sin dal 2011, spiegato e provato con metodi e strumenti investigativi concreti e con PROVE verificabili e direttamente vagliabili..
    Nella fiera della idiozia collettiva gestita si vorrebbe ancora nascosta la spiegazione storica e globale del lungo tragitto di una strategia eversiva sostanzialmente costruita utilizzando destra e servizi militari e metodologie avanzate. Ma questa gestita trasversale realizzazione di uno pseudo fronte unico sotterraneo rosso bruno, e di un cemento su cui assisi si siedono apparente destra e apparente sinistra, è ormai compresa da molti e la consapevolezza si va estendendo.
    Noi che abbiamo adempiuto sulla nostra pelle il nostro dovere, npn attendiamo più niente altro che la gente capisca e sappia scegliere.
    L’inganno è finito, la consapevolezza cresce: ora si devono scegliere le persone cha hanno veramente a cuore istituzioni democrazia, Costituzione.
    Forse il nostro sacrificio va servendo a qualcosa. Non prestate ascolto ai falsi profeti, alle micro cordate banali ed ideologiche solo, ora avete tutti gli elementi per capire sinanche chi ancora si affanna a disinformare e manipolare, sminuire e distrarre: hanno perso.
    Paolo Ferraro
    CDD
    Grandediscovery

  • 3

    L’unico vero motivo poi della minore o mancata partecipazione riposa in realtà nelle strutturate attività di controllo, disinformazione, ma soprattutto manipolazione ed infiltrazione gestita da apparati a basamento militare anche internazionale, coperti dai servizi, e dal ruolo infiltrato affidato ad una quota eversiva d un certo tipo di magistratura. TUTTO è stato scoperchiato da Paolo Ferraro CON UN IMPIANTO DI PROVE DIRETTE UNICO NELLA STORIA e continuiamo a spiegare che solo intervenendo su quel cemento di potere si potranno ripristinare le condizioni di un libero esercizio dei diritti politici ed una espansione e ripristino di una reale sovranità . LA DESTRA e anche una destra apparentemente sovranista COPRONO quel reale articolato e potente cemento di potere, perchè ne fanno un uso CONDIVISO e sistematico in un ruolo strategico di quella eversione interna solo apparentemente trasversale che vede PD PDL e aree di destra eversiva e ocmplottista fare da ponte di un unione con una sinistra eversiva in realtà costruita e gestita a tavolino ed infiltrata dagli stessi apparati e oon le stesse metodologie e con la provata infiltrazione di soggetti anche femminili “trattati” . ,. Il M5S e le aree romane ne sono LA PROVA ulteriore . ma anche il TUO e delle aree sovraniste, infantile tentativo di coprire prove, analisi e conseguenze, semplicemente rifacendosi alla difficoltà di capire ed “alla gente” non ha più spazio. In realtà anche a quel livello la gente HA CAPITO tutto e non si fida certo di “SOVRANISTI GIURIDICI” legati a quelle realtà, e la PRESENZA DI MAFIA CAPITALE in alcuni convegni “sovranisti” ne è l’eclatante conferma.E’ così, semplice e chiaro. Rompere la eversione e infiltrazione militare ed il basamento a copertura SATANISTA trasversale .. è ormai l’unica via e l’unico strumento per la sovranità el popolo . Paolo Ferraro

  • 2

    L’approccio giuridico politico tradizionale , nel paese gestito con strategie eversive che bloccano e distruggono tutto il tessuto sociale ed istituzionale, NASCONDENDO queste ultime, e condividendo un cemento comune eversivo e accogliendo ai propri convegni MAFIA CAPITALE, è semplicemente una auto-truffa risibile e paludata con analisi giuridiche banali, e senza neanche nominare le vere dinamiche potenti in atto e sotterranee perchè a mamma destra NON FA BENE. E ovvio che di una articolata strategia di intervento sugli snodi necessari .. è TOMBA !!!

  • 1
    Clesippo Geganio

    Lo definirei sistema liberticida.

Lascia un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

La verità orribile che non viene detta – Gianluca Ferrara

GIANLUCA FERRARA - La verità orribile che non viene mai detta Gianluca Ferrara, direttore editoriale di "Dissensi edizioni" e blogger del Fatto Quotidiano, ha già ottenuto quasi 150 mila condivisioni con questa analisi, fatta nell'ultimo post sul suo blog. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

Crociata contro la rete. Il ministro: via i “profili sgraditi”.

Orlando - rimozione di profili sgraditi e ong governative a fare controinformazione in rete Registrazione del Facebook Live del 16 agosto 2017 Un'intervista di Andrea Orlando, sul Corriere della Sera, rivela che esiste un accordo con i social network per la segnalazione dei post e la rimozione dei profili sgraditi, e anche che il ministero ha messo delle organizzazioni a monitorare...--> LEGGI TUTTO

La vera storia di KJ2, l’orsa mamma di Francesco e Soki, del progetto Life Ursus

Un'orsa e il suo cucciolo  Registrazione del live Facebook andato in onda ieri sera KJ2 sembra il nome di una stella cadente, perfetto per la notte di San Lorenzo. Invece è caduta un'orsa, appartenente al progetto Life Ursus. Nel video qualche considerazione da fare insieme sulla vicenda, andata in onda ieri sera...--> LEGGI TUTTO

OneBarter: l’era del baratto high tech

OneBarter - Nico Allegretti Nico Allegretti, presidente di OneBarter, racconta come il baratto, nella sua nuova forma tecnologicamente assistita, possa contribuire ad abbattere la necessità delle imprese di finanziarsi con linee di credito bancarie, e possa rilanciare gli scambi e l'economia. Un settore, quello del barter (cioè "comprare pagando vendendo",...--> LEGGI TUTTO

Vota Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2017

Vota Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2017Anche quest'anno avete inserito Byoblu in nomination nella categoria "27. Miglior sito Politico-d'Opinione" dei Macchianera Internet Awards. Si tratta degli Oscar della Rete, dove ognuno segnala i migliori siti in ogni categoria, e i primi dieci in tutta Italia entrano nella fase finale.Come tutti i premi, il suo valore è simbolico....--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Due piantine di Cannabis per lenire dolori atroci: in prigione a 63 anni!

prigione malato cannabisTRENTO. Il ricorso in Cassazione è stato rigettato. L'uomo di 63 anni che a Trento era stato trovato in possesso di due piante di marijuana che coltivava per uso personale, per lenire i dolori atroci della sua malattia, è stato giudicato colpevole in via definitiva. Andrà in prigione. ...--> LEGGI TUTTO

L’ideologo di Putin: in Europa sarà presto caos, guerra civile, distruzione.

Dugin ideologo Putindi Giulio Meotti Roma. Europa e Stati Uniti hanno spesso ricambiato il favore ad Aleksandr Dugin. Un anno fa, il famoso politologo russo è stato messo alla porta in Grecia. Accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill per una conferenza sul Monte Athos, Dugin...--> LEGGI TUTTO

Il TG1 censura la Raggi. Scatenate uno #ShareStorm

Molti dei lettori di questo blog trasaliranno ascoltando alcune frasi fatte del discorso che oggi Virginia Raggi ha tenuto di fronte ai leader europei. L'Europa come "progetto visionario", come "eredità gioiosa e impegnativa", che "dobbiamo realizzare noi" perché "non poteva realizzarsi in un giorno". ...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Lettere al blog: bimbi dimenticati in auto? L’idea semplice di una nonna.

bimbi auto Lettera al blog di Stefania Gentile Sig. Claudio, seguo il suo blog su "youtube" e la ringrazio per le tante cose che si imparano. Questa mattina ho ascoltato il pezzo sulla tragedia, fortunatamente solo sfiorata, per l'ennesimo bambino lasciato in macchina dalla mamma....--> LEGGI TUTTO

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Ilaria Bifarini – L’Ocse dice che tra 60 anni siamo fritti

Ilaria Bifarini, nota al pubblico di Byoblu per la sua intervista di esordio "Neoliberismo e Manipolazione di massa - storia di una bocconiana redenta", approda a Coffee Break, su LA7. "Il modello a tendere degli economisti dell'OCSE da qui a 60 anni, in un report che ho visto personalmente, sarà sempre peggiore: salari sempre più passi e sempre più disuguaglianza". Ilaria Bifarini, nota al pubblico di Byoblu per la sua intervista di esordio "Neoliberismo e Manipolazione di massa - storia di una bocconiana redenta", approda a Coffee Break, su LA7. "Il modello a tendere degli economisti dell'OCSE da qui a 60 anni, in un report che ho...GUARDA

Diego Fusaro: il Sacro Romano Impero della finanza e delle banche

Innanzitutto siamo entrati in un Sacro Romano impero della finanza in cui il sistema bancario detta legge, e noi sventurate plebi europee dobbiamo fare i sacrifici: "sacrum facere". Appunto qualcosa di religioso in nome del sistema bancario, una divinità demiurgica: le sofferenze sono sempre quelle del sistema bancario...GUARDA

Primarie Pd: il confronto Sky tra Renzi, Emiliano e Orlando – Integrale

Confronto Sky Renzi Emiliano Renzi Primarie Pd Integrale - PlayIl confronto Sky tra Matteo Renzi, Michele Emiliano e Andrea Orlando per le primarie Pd - Versione Integrale. ...GUARDA

Fusaro Vs Friedman – L’immigrazione è deportazione di massa: nuovi schiavi contro vecchi schiavi.

Fusaro Vs Friedman Diego Fusaro: "La storia delle ONG che vanno a prendere i poveri migranti che rischiano di annegare è la grande narrazione edulcorante con cui si mettono in pace le coscenze. Il compito della filosofia però è pensare altrimenti e criticare l'esistente, rovesciando le mappe dominanti. Continuiamo...GUARDA

Sgarbi vs Telese: Io non me ne vado, te ne vai tu!

Sgarbi Vs TeleseVittorio Sgarbi manda a quel paese la Costamagna e Luca Telese, e all'invito a lasciare lo studio risponde al conduttore di andarsene lui. Il tema è quello della legittima difesa dagli intrusori in ambito domestico. ...GUARDA

Becchi: la prova che la Germania ha creato l’euro per metterla in quel posto a noi

BECCHI PROVE EURO GERMANIA Paolo Becchi esibisce le prove in diretta tv del fatto che la Germania sapeva che grazie all'Euro "lo avrebbe messo in culo agli italiani". Potremmo svalutare la nostra moneta, e dunque tornare ad essere competitivi, ma ecco pronta la replica: svalutando crescerà l' inflazione. Vale...GUARDA

Diego Fusaro: ma quale new economy? Si chiama lavorare per niente!

Fusaro Diego Fusaro sulla cosiddetta "new economy". Dal caso Amazon in poi, è chiaro che si tratta di un nuovo sistema di sfruttamento dei lavoratori. Il lavoro prevede che ci siano dei diritti e che il lavoratore venga considerato alla stregua di un essere umano portatore di dignità e...GUARDA

Beppe Grillo a Sanremo 1989 – Le penali se dico che i socialisti rubano

Beppe Grillo Sanremo 1989 play Beppe Grillo a San Remo 1989, comunica il suo compenso in diretta e legge le penali previste dal contratto se dice che i socialisti che rubano....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>