I MINI-BLU

Perché hanno terrorizzato internet con la Cookie Law

Che senso ha infestare ogni sacrosanto sito web di messaggi che ti avvertono che “qui si fa uso di cookie”? E’ un po’ come informare gli automobilisti che la strada che stanno per percorrere “fa uso di cartelloni pubblicitari” ogni volta che svoltano a destra o a sinistra. Non bastava obbligare i produttori di browser a imporre al navigatore di scegliere una politica di accettazione dei cookie, invece di minacciare decine di milioni di gestori di siti web, dall’imprenditore al ragazzino, con multe che possono arrivare fino a 36.000 euro? E allora, cosa c’è dietro a una delle insensatezze più assurde dell’intera storia del web? Ce lo racconta Duccio Armenise, docente di informatica e Web Project Manager.

Perché hanno terrorizzato la rete con la cookie law
di Duccio Armenise

Hai presente tutti quei banner “questo sito usa i cookie” che dallo scorso giugno infestano il web? Quei banner sono lì perché altrimenti i gestori dei siti rischiano una multa da 6.000 a 36.000 euro, a prescindere dal fatto che si tratti di una grande multinazionale o del ragazzino che ha appena imparato a farsi la sua paginetta web.

Aiutami a continuare a fare informazione libera

La legge italiana sui cookie, che prevede tali sanzioni, ha origine dalla Direttiva Europea “2002/58/CE”, relativa al trattamento dei dati personali e alla tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche.  Tutte le Direttive emanate dal Parlamento Europeo devono essere soddisfatte e recepite dai singoli Stati membri attraverso l’emanazione di leggi nazionali. Un  meccanismo giuridico altrimenti noto come: “Ce lo chiede l’Europa”. La Direttiva in questione contiene una serie di provvedimenti tesi a tutelare, per quanto possibile nel mondo iper-interconnesso di oggi, la privacy dei cittadini. Tuttavia essa non contiene indicazioni specifiche sulle modalità di adempimento e sulle sanzioni, la cui declinazione è lasciata ai singoli Stati membri e, nel nostro paese, al Garante della Privacy.

Conviene innanzitutto precisare  cosa sono i cookie di cui si parla nella Direttiva, insieme  a molti altri fattori di rischio per la privacy dei cittadini europei.

COSA SONO I COOKIE?

 Il cookie è una breve stringa di testo che un sito  web può chiedere di salvare sul browser installato nel computer dell’utente che in quel momento sta visitando il sito.  Il cookie così salvato permetterà  al sito web di riconoscere lo stesso navigatore, quando questi tornerà a visitare lo stesso sito. Puoi pensare al cookie come al timbro che alcune discoteche ti appongono sulla mano all’entrata per “loggarti”. Grazie a quel timbro sulla mano, da quel momento in poi, potrai uscire e rientrare liberamente perchè hai già effettuato il “log in”. Vai a casa e il timbrino sulla mano, nel giro di un giorno o due, sparisce. La tempistica precisa dipende dall’igiene personale. I cookie invece possono persistere anche per anni all’interno del tuo browser ed essere scritti e letti anche da tutti gli altri siti che visiterai, così come la gente che incontri può vedere il timbro sulla tua mano senza per questo comprenderne il significato.

In questo modo i grandi provider di servizi pubblicitari sul web riescono a tracciare i tuoi spostamenti nel web per comprendere quali siano i tuoi interessi e, di conseguenza, proporti annunci pubblicitari in linea. I cookie utilizzati per questo scopo prendono il nome di “cookie profilanti” e sono quelli maggiormente presi di mira dalla Direttiva europea. Ti sarà sicuramente capitato di cercare informazioni su un determinato prodotto che eri intenzionato ad acquistare, per esempio una nuova automobile, e poi di vedere pubblicità di automobili simili in tutti i siti da te visitati in seguito. Si prova la sensazione di essere stati spiati e la cosa può risultare alquanto inquietante. Un classico esempio sono le pubblicità di Google Adwors.

Purtroppo esistono anche casi in cui i cookie sono stati utilizzati dai malviventi per ricavare informazioni sensibili quali, per esempio, i numeri di carta di credito. Si tratta di casi limite già perseguiti per legge e che sicuramente non si risolvono chiedendo al malvivente in questione di apporre un banner informativo. Anzi, sono stati documentati casi di nuove truffe che cavalcano proprio la legge sui cookie: alcune facendo leva sulla paura dei proprietari dei siti di incorrere in sanzioni per estorcere loro cifre spropositate e poi sparire nel nulla, altre sfruttando l’automatismo sviluppato dagli utenti che cliccano sui banner informativi, credendo di accettare la cookie policy del sito, e invece accettano inconsapevolmente l’abbonamento a servizi a pagamento.

Fortunatamente, per risolvere il problema, basta accedere alle impostazioni del proprio browser e cancellare i cookie. Questo non solo mette al riparo dai cookie profilanti ma permette anche di difendersi dai truffatori di cui sopra. Tutti i browser offrono delle opzioni di gestione dei cookie, fra cui la possibilità di visualizzare tutti quelli che risultano  installati e di cancellarli tutti o a campione. L’unico problema è che tali impostazioni sono un po’ nascoste e non si trovano facilmente.

Ancor più interessante è il fatto che la maggior parte dei browser consentono perfino di non voler essere tracciati, mediante una opzione nota come “DoNotTrack” (non tracciarmi). Tale possibilità è ben documentata nel sito donottrack.us, gestito da due ricercatori statunitensi, che dimostra che un qualsiasi sito web visitato dall’utente può ricavare le sue preferenze in fatto di cookie direttamente dal suo browser, senza bisogno di chiedergli di cliccare su alcun banner. 

CUI PRODEST?

A questo punto penso sia lecito rivolgersi alcune domande. Perché l’Europa ha intimato agli Stati membri di arginare il fenomeno dei cookie in un modo così aggressivo e indiscriminato, al punto che anche il ragazzino che costruisce il suo primo sitarello è soggetto agli stessi adempimenti e alle stesse sanzioni dei colossi del Web? Perché la legge è stata formulata in modo tale da interessare miliardi di pagine web e  tutti i loro gestori piuttosto che una decina di Browser e qualche centinaio di grandi aziende del web?

Si possono ipotizzare diverse spiegazioni. Un giurista potrebbe dire che purtroppo le leggi non sono mai al passo coi tempi e con la tecnologia. Dall’emanazione della Direttiva, avvenuta nel 2002,  alla sua entrata in vigore nel 2015 è evidente che il passo coi tempi, e col buon senso, si è perso per strada. Un malpensante potrebbe invece dire che qualcuno può essere interessato a una legge che allontani i cittadini da un uso attivo del web e nel contempo promuova comportamenti passivi inducendo gli utenti a cliccare in modo sempre più automatico su pulsanti recanti la scritta “Accetto”. Lo stesso malpensante potrebbe addirittura insinuare che qualcuno abbia molto da guadagnare da una legge di difficile interpretazione e applicazione.

Il Garante della Privacy italiano, per chiarire le modalità di applicazione della legge, ha richiesto la formazione di un tavolo tecnico per confrontarsi con le associazioni di categoria, prima che questa entrasse in vigore. A tale tavolo ha preso parte in veste di partner tecnico anche la società “Iubenda”, che offre soluzioni a pagamento per ottemperare agli obblighi di legge.

Purtroppo, nonostante gli estenuanti sforzi semplificativi del tavolo tecnico, il risultato è che l’Italia è il paese europeo con la legge più complicata in assoluto. Negli  USA si spinge per avvicinare sin dai primi anni di scuola gli studenti all’informatica con iniziative di ogni tipo fra cui spicca code.org, sponsorizzata dal Presidente Obama e dal Premio Nobel per la pace Malala Yousafzai. In Italia, invece, uno studente a cui è stato appena insegnato come farsi una  paginetta web, se incorpora un elemento esterno quale ad esempio un pulsante “mi piace” di Facebook o un video di Youtube, senza le dovute cautele (cioè senza aver prima pagato una consulenza tecnico/legale o aver acquistato una “soluzione” come quelle offerte da Iubenda), rischia una multa da 6000 euro in su. E questo, come docente, mi tocca molto da vicino: fino all’anno scorso potevo raccontare ai miei studenti quanto fosse “facile e bello” crearsi un proprio spazio web; da quest’anno mi tocca specificare “facile, bello e pericoloso”.

Per questo ho formulato una proposta di miglioramento della legge in questa petizione su change.org che puoi leggere, considerare e, magari, condividere.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

3 risposte a Perché hanno terrorizzato internet con la Cookie Law

Lascia un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Gianluigi Paragone si toglie qualche sassolino dopo la chiusura de La Gabbia

Gianluigi Paragone Andrea Salerno Intendiamoci: La Gabbia era pur sempre una trasmissione televisiva. E come tutte le trasmissioni televisive, ne rispettava il linguaggio, i tempi, le liturgie e i limiti. Quelli che internet era nata per travalicare. Tuttavia, tra tutte le trasmissioni televisive era certamente la più libera. E Paragone,...--> LEGGI TUTTO

Giulietto Chiesa: siamo stati formattati

Giulietto Chiesa - Siamo Stati Formattati - Play Intervento di Giulietto Chiesa al primo congresso fondativo di "Attuare la Costituzione", tenutosi a Napoli. Giulietto parla di come l'informazione sia la prima battaglia da combattere per rientrare in una democrazia compiuta.  (altro…)...--> LEGGI TUTTO

La Glaxo nel 2015 ha dato 11 milioni di euro a medici e ricercatori italiani

Glaxxo La EFPIA (European Federation of Pharmaceutical Industries and Associations) è una associazione delle industrie farmaceutiche che incoraggia i propri affiliati alla trasparenza. Per ottemperare alle sue richieste, la Glaxo-Smith-Kline ha reso pubblici, fra le altre cose, anche gli elenchi dei medici italiani che nel 2015 hanno ricevuto finanziamenti...--> LEGGI TUTTO

Cedere sovranità è reato! A dirlo finalmente è un tribunale.

Marco Mori - Cedere sovranità è reato - Play Marco Mori, avvocato di Genova, spiega un decreto del Tribunale di Cassino che afferma finalmente a chiare lettere che cedere sovranità è reato! Sulla base di questo decreto si aprono praterie giuridiche, e soprattutto si potranno chiamare criminali coloro che, a qualunque titolo, hanno invocato, invocano o...--> LEGGI TUTTO

La crisi della sinistra, spiegata dal grande vecchio socialdemocratico, Klaus von Dohnanyi.

La crisi della sinistra europea klaus Von Dohnanyi è un giurista nonché uno storico membro dell'SPD. Dal 1971 al 1974 è stato ministro della cultura, nonché parlamentare tra il 1969 e il 1981, poi sindaco di Amburgo dal 1981 al 1988. È stato uno dei protagonisti della vita politica tedesca nel periodo...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Gli esperti di diritto sulla Catalogna? Sono dei pirla.

Catalogna Governo centrale di Paolo Becchi Eccoli alla carica sui giornaloni gli esperti del diritto, e più sono esperti e più sono dei pirla. Fantozzi docet. Il referendum per l’indipendenza della Catalogna è «illegale». Sì, lo è: è contro la Costituzione spagnola, contro l’«unità indissolubile» dello...--> LEGGI TUTTO

Due piantine di Cannabis per lenire dolori atroci: in prigione a 63 anni!

prigione malato cannabisTRENTO. Il ricorso in Cassazione è stato rigettato. L'uomo di 63 anni che a Trento era stato trovato in possesso di due piante di marijuana che coltivava per uso personale, per lenire i dolori atroci della sua malattia, è stato giudicato colpevole in via definitiva. Andrà in prigione. ...--> LEGGI TUTTO

L’ideologo di Putin: in Europa sarà presto caos, guerra civile, distruzione.

Dugin ideologo Putindi Giulio Meotti Roma. Europa e Stati Uniti hanno spesso ricambiato il favore ad Aleksandr Dugin. Un anno fa, il famoso politologo russo è stato messo alla porta in Grecia. Accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill per una conferenza sul Monte Athos, Dugin...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Guest post

Realizzata la prima video chiamata quantistica intercontinentale al mondo

Chiamata quantisticaIl satellite cinese Micius torna a far parlare di sé e stabilisce un nuovo record, quello della prima videochiamata quantistica della storia tra Vienna e Pechino. Circa tre settimane è avvenuto un evento eccezionale che modificherà totalmente il sistema di comunicazioni come lo...--> LEGGI TUTTO

Il Messico a meno di 40 euro al giorno!

Messico Amo il Messico. E' pieno di vibrazioni, è un paese meraviglioso, pieno di gente amichevole, con una energia speciale che vi fa riscoprire l'amore per la vita, con un'architettura spettacolare, con una storia che affonda le radici nelle profondità dei millenni e... con un cibo davvero...--> LEGGI TUTTO

Negli Uffizi dei Medici: itinerario mediceo all’interno della Galleria più famosa di Firenze.

Scoprire Firenze La Galleria degli Uffizi è il sito museale più famoso di Firenze, nonché uno dei più frequentati d’Italia: quelli che riescono a superarlo per visitatori, infatti, si contano sulle dita di una mano. Gran parte dei turisti scelgono un hotel su portali come expedia proprio per...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Rimozione forzata. La libera rete chiude!

Rimozione forzata - la libera rete chiude - Play ORE 19. Live su Salvo 5.0, con Claudio Messora, Antonio Rinaldi, Tommaso Minniti e Salvo Mandarà....GUARDA

Becchi: è l’era delle piccole patrie. Me ne batto il ca@@o di quanti hanno votato al referendum catalano.

Becchi Referendum Catalogna Matrix Becchi a Matrix perde le staffe sul referendum in Catalogna. "Al di sopra di ogni Costituzione ci sono due diritti fondamentali. Il diritto di resistenza e il diritto di secedere. Non sappiamo come andrà a finire, ma la responsabilità di una guerra civile...GUARDA

Il giorno in cui la democrazia in UE gettò la maschera

Il vero volto della democrazia nell'Unione Europea Il giorno in cui la democrazia in UE gettò la maschera, e apparve finalmente a tutti, solare, radioso, il suo vero volto....GUARDA

E dopo le “primarie” M5S, il PD torna in testa: 1,2 punti in meno.

Sondaggio M5S 25 settembre - play Sorpresa: dopo le "primarie" del Movimento 5 Stelle, Di Maio perde subito 1,2 punti percentuali e torna in testa il PD. A darne notizia, Mentana al TG7. Il calo, e il sorpasso del Partito Democratico, vengono attribuiti al modo in cui le cosiddette primarie sono state...GUARDA

Becchi: e adesso in Parlamento arriva CasaPound

Becchi - Movimento 5 Stelle - CasaPound A Omnibus (LA7) questa mattina, Di Pietro spiega che, secondo lui, il Movimento 5 Stelle in realtà non vuole affatto governare, perché non gli conviene, e Becchi prevede che, grazie all'abbandono della critica forte su Euro, Europa e finanza, e al rigetto dell'etichetta di "populismo", avremo...GUARDA

Pigi Battista a Paragone: i bambini non sono proprietà dei genitori.

Paragone Pigi Battista Nell'annoso dibattito sui vaccini, ci sono i Free Vax, i No Vax, e poi i Pigi Battista. Quelli che "i bambini non sono di proprietà dei genitori". Certamente non sono una proprietà, così come si intende un oggetto acquistato e privo di diritti. Ma il sottinteso...GUARDA

Rula Jebreal a Porro: tu, uomo bianco sessista!

PORRO VS RULA Scontro tra Rula Jebreal e Nicola Porro: "tu uomo bianco sessista che punti il dito contro una come me"....GUARDA

Barbara Lezzi maltratta Luigi Marattin a Omnibus

Barbara Lezzi Luigi Marattin Barbara Lezzi (M5S) si confronta duramente con Luigi Marattin, consigliere economico della Presidenza del Consiglio, sui dati della disoccupazione che vede l'Italia, nonostante la "cura Renzi", aumentare il distacco rispetto alla media europea. Ricordati di VOTARE Byoblu ai Macchianera Internet Awards...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>