I MINI-BLU

Rosa Capuozzo: adesso però non lasciatela sola.

Rosa Capuozzo - Adesso però non lasciatela sola

Conosco bene Quarto, Marano, Pianura. Sono zone dove ho passato un anno della mia vita, quando ne avevo 23 e facevo il militare. Marciapiedi scassati, linee telefoniche che di notte ammutoliscono, acqua che va e che viene. Non è certo la Svizzera. Ma soprattutto, quella cappa pesante che ricopre i tetti delle case, i quartieri, le strade, e che ti ricorda sempre che c’è una legge non scritta, superiore a quella dello Stato, cui ti devi attenere se “non vuoi avere problemi”.

Ero solo un ragazzino, un ragazzino solo, nel 1992, quando la vita mi aveva portato a confrontarmi con posti e persone completamente diversi da quella Milano dove ero cresciuto. Ricordo che una sera uscii, a Pianura. Non sapevo cosa fare, dove andare. Vidi una festa in cima al tetto di una casa, scalcinata anch’essa (niente di lussuoso). C’erano tante persone. Chiesi a un passante di cosa si trattasse. Mi guardò come se fossi un alieno e mi disse, in un dialetto che solo in seguito imparai a comprendere: “Come, non sai chi è quello? Si festeggia il compleanno del figlio di tal dei tali” (lasciando intendere che fosse il boss di un qualche clan). Frutti di mare di ogni tipo, musica napoletana, risate e pacche sulle spalle, ospiti graditi, il suono di quel vociare un po’ sguaiato e di ‘O surdato ‘nnammurato che si spandeva su tutta la città. Tutti sapevano, ma nessuno si scandalizzava: era semplicemente normale che fosse così. Perché è così che vanno le cose in certe parti di questo Paese: ci sono tante persone oneste, ma non rassegnarsi spesso costa la vita. E quelli che muoiono per non essersi rassegnati, non si guadagnano che un trafiletto nei necrologi dei quotidiani locali, anch’essi collusi.

Aiutami a continuare a fare informazione libera

Deve essere chiaro che fare politica a Quarto non è come fare il consigliere cittadino a Milano e non è come fare il parlamentare a Roma. Essere onesti a Milano è facile, volendolo, ma essere onesti a Quarto, a Pianura, a Secondigliano è eroico. Abbiamo spesso sentito dire “siamo in guerra“, in relazione al cambiamento politico di questo Paese. Ecco, sono sicuro che se c’è un posto dove questa frase ha un senso compiuto, quello è Quarto.

Leggo le intercettazioni che riguardano Rosa Capuozzo, e vedo una donna impaurita ma tenacemente decisa a non cedere, a non mollare. Sul campo da calcio, sugli appalti, sulla restituzione di Quarto ai cittadini e al bene pubblico. Nonostante le intimidazioni pesanti. Nonostante sappia che, a pestare troppi piedi, da quelle parti non si rischia un’espulsione o una domanda scomoda in uno studio televisivo, ma si finisce direttamente distesi per terra, sul cemento, coperti da un lenzuolo bianco. E’ così che leggo la sua disperazione, le sue lacrime intercettate negli sfoghi con i consiglieri comunali: la consapevolezza di chi, pur di non derogare ai principi in base ai quali è stata eletta, sa che deve accelerare a tutta forza tirando dritto verso una parete di cemento.

La guerra con la criminalità organizzata, dove sia provato che un’amministrazione pubblica non è infiltrata da malavitosi ma sta lavorando bene, non la si fa arrendendosi ogni volta che si scopre che “toh… in una città dove regna la camorra, stranamente siamo stati avvicinati proprio dalla camorra“. Sarebbe come andare in guerra contro un esercito nemico e poi ritirarsi dal campo di battaglia perché non si vuole correre il rischio di venire a contatto con il nemico. In una guerra ci sono colluttazioni, grovigli di persone che lottano corpo a corpo, si cade, ci si rialza. E tutto per guadagnare qualche metro in più. L’importante è che non ci siano infiltrati, spie, traditori. E qui, mi pare che Giovanni De Robbio, l’infiltrato, sia stato espulso.

Credo che Rosa Capuozzo, di cui le intercettazioni mostrano la totale buona fede, abbia fatto quello che umanamente poteva per resistere stoicamente, per di più restituendo un grande esempio di determinazione femminile. Forse pretendere che, oltre a resistere di fronte alle enormi pressioni andando dritta come un treno nel nome della correttezza istituzionale, denunciasse anche le intimidazioni di uno stesso membro eletto nel Movimento 5 Stelle, quando ancora si stavano delineando, magari nella sincera convinzione di riuscire a risolvere il problema con un’espulsione, senza creare troppi danni collaterali (valutazione che avrà fatto non solo lei, ma naturalmente anche chi l’avrà ascoltata e consigliata), avrebbe potuto essere legittimo ma comprensibilmente difficile nel concreto: la perfezione, l’assenza di sbavature formali, la coerenza del senno di poi vanno bene per i manuali e per le linee di principio che dimorano nell’iperuranio, ma ogni teoria, anche la più adamantina, va sempre sperimentata sul campo, e sul campo si mettono i piedi nel fango e, talvolta, i quaderni immacolati dei teorici sono costretti ad ospitare qualche asterisco non previsto e forse imprevedibile.

Detto questo, come ebbi modo di sostenere tempo addietro, il Movimento 5 Stelle è innanzitutto un principio, in nome del quale può essere lecito sacrificare qualche vittima innocente e talvolta subire delle perdite. Rosa Capuozzo è una di queste perdite e a lei va tutta la mia solidarietà, perché a differenza dei soloni o degli infangatori di professione, riesco benissimo ad immaginare a quante pressioni e a quante responsabilità sia stata sottoposta mentre era costretta a prendere decisioni per il bene dei cittadini che la avevano eletta, dell’amministrazione che doveva dirigere e del Movimento che stava rappresentando e che voleva tutelare, in un territorio difficile come quello di Quarto e rischiando la propria incolumità e quella della sua famiglia.

Credo che adesso, l’errore… anzi l’infamità più grave che potrebbe esserle inflitta sarebbe quella di lasciarla sola, dopo avere fatto in modo che si esponesse così frontalmente, nella convinzione di poter contare sul supporto e sulla difesa di un intero movimento che vuole cambiare questo Paese. Il rischio è che, nella migliore delle ipotesi, sia costretta a trasferirsi in un posto molto lontano, abbandonata da tutti, per sfuggire alle ritorsioni di chi ora potrebbe voler calpestare il suo cadavere politico, e non solo quello. D’accordo fare vittime formali in nome della purezza di un principio, ma è nostro preciso dovere morale fare in modo che non si trasformino anche in vittime reali, abbandonate a se stesse, alla mercé di chi hanno combattuto per conto di chi, adesso, non deve pensare neanche un solo minuto di poterle voltare le spalle, come spesso accade a chi non sembra più avere la benedizione dello Spirito Santo.

Da questo scambio, pubblicato da Roberto Fico e che mostra una conversazione tra il presidente della Commissione di…

Posted by Claudio Messora on Martedì 12 gennaio 2016

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

6 risposte a Rosa Capuozzo: adesso però non lasciatela sola.

  • 6
    Luca Stellin

    Claudio, come sempre riesci a tradurre e interpretare il mio pensiero,
    moderato ma deciso, chiaro e determinato. Credo che la Capuozzo avrebbe dovuto dimettersi, purtroppo, per “ragion di stato” e sarebbe stata ricordata come un “martire” per la ricostruzione morale di questo paese. Ha perso quest’occasione, ma è giusto ricordarla e se fosse possibile premiarla con altro incarico.
    Come sempre, Claudio, ottimo lavoro.

  • 5
    max
  • 4
    Enzo

    Rosa Capuozzo ha scelto lei di isolarsi dal gruppo, il m5s ha regole che non si discutono, fare il sindaco o il sostenitore e la stessa cosa, quello che conta e la trasparenza, per cambiare questo paese servono anche scelte coraggiose e dolorose. Il direttorio chiedendo le sue dimissioni ha fatto questa scelta.

  • 3

    Sarebbe stato più semplice se Rosa Capuozzo si fosse dimessa spontaneamente senza aspettare di essere espulsa e ripresentarsi alle prossime elezioni senza ombre

  • 2
    terenzio

    Articolo molto bello e condivisibile. Peccato che non sempre ci si convince che uscendo dalla solitudine i problemi possono essere meglio superati. Un vero peccato !! Comunque certi problemi etici italiani vanno combattuti formando la gioventù a modelli di società ispirati a principi morali e sociali diversi.

  • 1
    Max

    Questa è una prova difficilissima per il Movimento. E’ qui che devono mostrare che conoscono bene il Paese e le dinamiche che, ahimé, ci governano. Ed è qui che devono mostrare che oltre agli ideali esiste una concretezza basata su impegni fattivi, soluzioni e visione.
    L’Italia è quella che ha incrociato Rosa nel suo percorso purtroppo. Non è quella disegnata da Renzi nel parlare di attualità, da Berlusconi nel parlare di passato, né da Grillo nel parlare di futuro.
    L’Italia è quella degli appalti truccati, dei rifiuti sversati, delle minacce, dei ricatti, delle tangenti, delle lotte tra clan, della droga e delle armi. Ed è quella che il Movimento deve imparare a fronteggiare, perché sarà sempre un nemico.

Lascia un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Deficit Strutturale? Avevo ragione: nient’altro che numeri arbitrari.

Gutgeld - Deficit Strutturale parametro arbitrario Il 17 gennaio, durante un'intervista rilasciata a Giulietto Chiesa, vi raccontavo di come funziona quella particolare branca della disciplina economica che attraverso la Commissione Europea ci impone regole severe e inappellabili. Si tratta di assiomi (principi veri a priori, dogmi ritenuti religiosamente inoppugnabili) che la corte dei...--> LEGGI TUTTO

Che cos’è il sovranismo? – di Paolo Becchi

bandiera italiana di Paolo Becchi Il “ritorno” degli Stati-nazione. Si dice che dopo Donald Trump il mondo sia destinato a cambiare. Ma il mondo, in realtà, è già cambiato. Se lui, infatti, è diventato il Presidente degli Stati Uniti d’America non è...--> LEGGI TUTTO

Borrelli (M5S): incentivare lavori meno stabili.

Borrelli Incentivare popolazione a svolgere lavori meno stabili Qual era il mantra dei neoliberisti in salsa JP Morgan all'attacco della Costituzione e delle libertà fondamentali dei cittadini? Semplice: abbattere l'articolo 1 che dice che l'Italia è una Repubblica fondata sul lavoro, magari aggiungendo l'aggettivo "precario" o "saltuario" in coda. Ci hanno provato, riuscendoci, negli...--> LEGGI TUTTO

Equacoin? Parliamone – Mirko Da Corte, DigiCanDo

MIRKO DA CORTE - EQUACOIN PARLIAMONE - Play Marco Saba ha presentato sabato 28 ottobre, su questo blog, il suo progetto di moneta democratica e decentralizzata: Equacoin. Oggi Mirko Da Corte, esperto di criptovalute e cofondatore di DigiCanDo, raccoglie in questo video una serie di domande e di critiche costruttive con...--> LEGGI TUTTO

Sovranità Perduta for Dummies – Live domande e risposte Con Marco Mori

Sovranità perduta for dummies - Marco Mori - Play La registrazione del lungo e interessante live andato in onda oggi, alle 14:30, sulla sovranità svenduta, sul decreto del Tribunale di Cassino e su quello che si può fare da qui in avanti. Ospite di Claudio Messora, l'avvocato di Rapallo Marco Mori, che insieme a Niki...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Gli esperti di diritto sulla Catalogna? Sono dei pirla.

Catalogna Governo centrale di Paolo Becchi Eccoli alla carica sui giornaloni gli esperti del diritto, e più sono esperti e più sono dei pirla. Fantozzi docet. Il referendum per l’indipendenza della Catalogna è «illegale». Sì, lo è: è contro la Costituzione spagnola, contro l’«unità indissolubile» dello...--> LEGGI TUTTO

Due piantine di Cannabis per lenire dolori atroci: in prigione a 63 anni!

prigione malato cannabisTRENTO. Il ricorso in Cassazione è stato rigettato. L'uomo di 63 anni che a Trento era stato trovato in possesso di due piante di marijuana che coltivava per uso personale, per lenire i dolori atroci della sua malattia, è stato giudicato colpevole in via definitiva. Andrà in prigione. ...--> LEGGI TUTTO

L’ideologo di Putin: in Europa sarà presto caos, guerra civile, distruzione.

Dugin ideologo Putindi Giulio Meotti Roma. Europa e Stati Uniti hanno spesso ricambiato il favore ad Aleksandr Dugin. Un anno fa, il famoso politologo russo è stato messo alla porta in Grecia. Accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill per una conferenza sul Monte Athos, Dugin...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Guest post

Realizzata la prima video chiamata quantistica intercontinentale al mondo

Chiamata quantisticaIl satellite cinese Micius torna a far parlare di sé e stabilisce un nuovo record, quello della prima videochiamata quantistica della storia tra Vienna e Pechino. Circa tre settimane è avvenuto un evento eccezionale che modificherà totalmente il sistema di comunicazioni come lo...--> LEGGI TUTTO

Il Messico a meno di 40 euro al giorno!

Messico Amo il Messico. E' pieno di vibrazioni, è un paese meraviglioso, pieno di gente amichevole, con una energia speciale che vi fa riscoprire l'amore per la vita, con un'architettura spettacolare, con una storia che affonda le radici nelle profondità dei millenni e... con un cibo davvero...--> LEGGI TUTTO

Negli Uffizi dei Medici: itinerario mediceo all’interno della Galleria più famosa di Firenze.

Scoprire Firenze La Galleria degli Uffizi è il sito museale più famoso di Firenze, nonché uno dei più frequentati d’Italia: quelli che riescono a superarlo per visitatori, infatti, si contano sulle dita di una mano. Gran parte dei turisti scelgono un hotel su portali come expedia proprio per...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Antonio Ingroia: “Fuori dai trattati, costi quel che costi”.

INGROIA - FUORI DAI TRATTATI - 1280 Per Byoblu, da Roma, Eugenio Miccoli Oggi alla Camera dei Deputati, Antonio Ingroia e Giulietto Chiesa hanno presentato “Lista Del Popolo”, un’alleanza della società civile per il ripristino della sovranità nazionale, l’attuazione della Costituzione, la rinegoziazione o lo stralcio dei trattati europei, l’abolizione del Fiscal...GUARDA

Giulietto Chiesa: “La Mossa del Cavallo”

GIULIETTO CHIESA - LA MOSSA DEL CAVALLO Per Byoblu, da Roma, Eugenio Miccoli Oggi alla Camera dei Deputati, Giulietto Chiesa ha presentato "Lista Del Popolo", un'alleanza della società civile per il ripristino della sovranità nazionale, l'attuazione della Costituzione, la rinegoziazione o lo stralcio dei trattati europei, l'abolizione del Fiscal Compact,...GUARDA

Capocciate e Generali

Pappalardo Giornalisti OstiaGiornalisti che si prendono le capocciate dai capetti di Ostia... E Generali dell'Arma che se la prendono con i giornalisti che si prendono le capocciate... ...GUARDA

“Stretta di Putin sulla rete!”, ma i media non vi dicono che…

Stretta di Putin sulla rete Tutti i media denunciano la stretta di Putin sulla rete, ma di quello che varerà lunedì la Camera non vi dicono niente... (altro…)...GUARDA

Ecco chi sono gli europeisti “de coccio”, che vogliono gli Stati Uniti d’Europa subito.

STATI UNITI D EUROPA Ecco chi sono gli europeisti de coccio, che ancora adesso, ancora e sempre, nonostante tutto, e anche a queste condizioni attuali, continuano a volere a tutti costi gli Stati Uniti d'Europa. Le prossime elezioni politiche si giocheranno su questa battaglia esiziale. Mi piacerebbe...GUARDA

Il Generale Pappalardo contro tutti, anche in Tv.

pappalardo Dalla Vostra Parte Rete4 Il Generale Pappalardo contro tutti a "Dalla Vostra Parte", di Maurizio Belpietro, andato in onda stasera su Rete4....GUARDA

Rimozione forzata. La libera rete chiude!

Rimozione forzata - la libera rete chiude - Play ORE 19. Live su Salvo 5.0, con Claudio Messora, Antonio Rinaldi, Tommaso Minniti e Salvo Mandarà....GUARDA

Becchi: è l’era delle piccole patrie. Me ne batto il ca@@o di quanti hanno votato al referendum catalano.

Becchi Referendum Catalogna Matrix Becchi a Matrix perde le staffe sul referendum in Catalogna. "Al di sopra di ogni Costituzione ci sono due diritti fondamentali. Il diritto di resistenza e il diritto di secedere. Non sappiamo come andrà a finire, ma la responsabilità di una guerra civile...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>