I MINI-BLU

Rosa Capuozzo: adesso però non lasciatela sola.

Rosa Capuozzo - Adesso però non lasciatela sola

Conosco bene Quarto, Marano, Pianura. Sono zone dove ho passato un anno della mia vita, quando ne avevo 23 e facevo il militare. Marciapiedi scassati, linee telefoniche che di notte ammutoliscono, acqua che va e che viene. Non è certo la Svizzera. Ma soprattutto, quella cappa pesante che ricopre i tetti delle case, i quartieri, le strade, e che ti ricorda sempre che c’è una legge non scritta, superiore a quella dello Stato, cui ti devi attenere se “non vuoi avere problemi”.

Ero solo un ragazzino, un ragazzino solo, nel 1992, quando la vita mi aveva portato a confrontarmi con posti e persone completamente diversi da quella Milano dove ero cresciuto. Ricordo che una sera uscii, a Pianura. Non sapevo cosa fare, dove andare. Vidi una festa in cima al tetto di una casa, scalcinata anch’essa (niente di lussuoso). C’erano tante persone. Chiesi a un passante di cosa si trattasse. Mi guardò come se fossi un alieno e mi disse, in un dialetto che solo in seguito imparai a comprendere: “Come, non sai chi è quello? Si festeggia il compleanno del figlio di tal dei tali” (lasciando intendere che fosse il boss di un qualche clan). Frutti di mare di ogni tipo, musica napoletana, risate e pacche sulle spalle, ospiti graditi, il suono di quel vociare un po’ sguaiato e di ‘O surdato ‘nnammurato che si spandeva su tutta la città. Tutti sapevano, ma nessuno si scandalizzava: era semplicemente normale che fosse così. Perché è così che vanno le cose in certe parti di questo Paese: ci sono tante persone oneste, ma non rassegnarsi spesso costa la vita. E quelli che muoiono per non essersi rassegnati, non si guadagnano che un trafiletto nei necrologi dei quotidiani locali, anch’essi collusi.

Aiutami a continuare a fare informazione libera

Deve essere chiaro che fare politica a Quarto non è come fare il consigliere cittadino a Milano e non è come fare il parlamentare a Roma. Essere onesti a Milano è facile, volendolo, ma essere onesti a Quarto, a Pianura, a Secondigliano è eroico. Abbiamo spesso sentito dire “siamo in guerra“, in relazione al cambiamento politico di questo Paese. Ecco, sono sicuro che se c’è un posto dove questa frase ha un senso compiuto, quello è Quarto.

Leggo le intercettazioni che riguardano Rosa Capuozzo, e vedo una donna impaurita ma tenacemente decisa a non cedere, a non mollare. Sul campo da calcio, sugli appalti, sulla restituzione di Quarto ai cittadini e al bene pubblico. Nonostante le intimidazioni pesanti. Nonostante sappia che, a pestare troppi piedi, da quelle parti non si rischia un’espulsione o una domanda scomoda in uno studio televisivo, ma si finisce direttamente distesi per terra, sul cemento, coperti da un lenzuolo bianco. E’ così che leggo la sua disperazione, le sue lacrime intercettate negli sfoghi con i consiglieri comunali: la consapevolezza di chi, pur di non derogare ai principi in base ai quali è stata eletta, sa che deve accelerare a tutta forza tirando dritto verso una parete di cemento.

La guerra con la criminalità organizzata, dove sia provato che un’amministrazione pubblica non è infiltrata da malavitosi ma sta lavorando bene, non la si fa arrendendosi ogni volta che si scopre che “toh… in una città dove regna la camorra, stranamente siamo stati avvicinati proprio dalla camorra“. Sarebbe come andare in guerra contro un esercito nemico e poi ritirarsi dal campo di battaglia perché non si vuole correre il rischio di venire a contatto con il nemico. In una guerra ci sono colluttazioni, grovigli di persone che lottano corpo a corpo, si cade, ci si rialza. E tutto per guadagnare qualche metro in più. L’importante è che non ci siano infiltrati, spie, traditori. E qui, mi pare che Giovanni De Robbio, l’infiltrato, sia stato espulso.

Credo che Rosa Capuozzo, di cui le intercettazioni mostrano la totale buona fede, abbia fatto quello che umanamente poteva per resistere stoicamente, per di più restituendo un grande esempio di determinazione femminile. Forse pretendere che, oltre a resistere di fronte alle enormi pressioni andando dritta come un treno nel nome della correttezza istituzionale, denunciasse anche le intimidazioni di uno stesso membro eletto nel Movimento 5 Stelle, quando ancora si stavano delineando, magari nella sincera convinzione di riuscire a risolvere il problema con un’espulsione, senza creare troppi danni collaterali (valutazione che avrà fatto non solo lei, ma naturalmente anche chi l’avrà ascoltata e consigliata), avrebbe potuto essere legittimo ma comprensibilmente difficile nel concreto: la perfezione, l’assenza di sbavature formali, la coerenza del senno di poi vanno bene per i manuali e per le linee di principio che dimorano nell’iperuranio, ma ogni teoria, anche la più adamantina, va sempre sperimentata sul campo, e sul campo si mettono i piedi nel fango e, talvolta, i quaderni immacolati dei teorici sono costretti ad ospitare qualche asterisco non previsto e forse imprevedibile.

Detto questo, come ebbi modo di sostenere tempo addietro, il Movimento 5 Stelle è innanzitutto un principio, in nome del quale può essere lecito sacrificare qualche vittima innocente e talvolta subire delle perdite. Rosa Capuozzo è una di queste perdite e a lei va tutta la mia solidarietà, perché a differenza dei soloni o degli infangatori di professione, riesco benissimo ad immaginare a quante pressioni e a quante responsabilità sia stata sottoposta mentre era costretta a prendere decisioni per il bene dei cittadini che la avevano eletta, dell’amministrazione che doveva dirigere e del Movimento che stava rappresentando e che voleva tutelare, in un territorio difficile come quello di Quarto e rischiando la propria incolumità e quella della sua famiglia.

Credo che adesso, l’errore… anzi l’infamità più grave che potrebbe esserle inflitta sarebbe quella di lasciarla sola, dopo avere fatto in modo che si esponesse così frontalmente, nella convinzione di poter contare sul supporto e sulla difesa di un intero movimento che vuole cambiare questo Paese. Il rischio è che, nella migliore delle ipotesi, sia costretta a trasferirsi in un posto molto lontano, abbandonata da tutti, per sfuggire alle ritorsioni di chi ora potrebbe voler calpestare il suo cadavere politico, e non solo quello. D’accordo fare vittime formali in nome della purezza di un principio, ma è nostro preciso dovere morale fare in modo che non si trasformino anche in vittime reali, abbandonate a se stesse, alla mercé di chi hanno combattuto per conto di chi, adesso, non deve pensare neanche un solo minuto di poterle voltare le spalle, come spesso accade a chi non sembra più avere la benedizione dello Spirito Santo.

Da questo scambio, pubblicato da Roberto Fico e che mostra una conversazione tra il presidente della Commissione di…

Posted by Claudio Messora on Martedì 12 gennaio 2016

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

6 risposte a Rosa Capuozzo: adesso però non lasciatela sola.

  • 6
    Luca Stellin

    Claudio, come sempre riesci a tradurre e interpretare il mio pensiero,
    moderato ma deciso, chiaro e determinato. Credo che la Capuozzo avrebbe dovuto dimettersi, purtroppo, per “ragion di stato” e sarebbe stata ricordata come un “martire” per la ricostruzione morale di questo paese. Ha perso quest’occasione, ma è giusto ricordarla e se fosse possibile premiarla con altro incarico.
    Come sempre, Claudio, ottimo lavoro.

  • 5
    max
  • 4
    Enzo

    Rosa Capuozzo ha scelto lei di isolarsi dal gruppo, il m5s ha regole che non si discutono, fare il sindaco o il sostenitore e la stessa cosa, quello che conta e la trasparenza, per cambiare questo paese servono anche scelte coraggiose e dolorose. Il direttorio chiedendo le sue dimissioni ha fatto questa scelta.

  • 3

    Sarebbe stato più semplice se Rosa Capuozzo si fosse dimessa spontaneamente senza aspettare di essere espulsa e ripresentarsi alle prossime elezioni senza ombre

  • 2
    terenzio

    Articolo molto bello e condivisibile. Peccato che non sempre ci si convince che uscendo dalla solitudine i problemi possono essere meglio superati. Un vero peccato !! Comunque certi problemi etici italiani vanno combattuti formando la gioventù a modelli di società ispirati a principi morali e sociali diversi.

  • 1
    Max

    Questa è una prova difficilissima per il Movimento. E’ qui che devono mostrare che conoscono bene il Paese e le dinamiche che, ahimé, ci governano. Ed è qui che devono mostrare che oltre agli ideali esiste una concretezza basata su impegni fattivi, soluzioni e visione.
    L’Italia è quella che ha incrociato Rosa nel suo percorso purtroppo. Non è quella disegnata da Renzi nel parlare di attualità, da Berlusconi nel parlare di passato, né da Grillo nel parlare di futuro.
    L’Italia è quella degli appalti truccati, dei rifiuti sversati, delle minacce, dei ricatti, delle tangenti, delle lotte tra clan, della droga e delle armi. Ed è quella che il Movimento deve imparare a fronteggiare, perché sarà sempre un nemico.

Lascia un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Hey, Lorenzin, fai un decreto su questo! 1250 morti all’anno per il DieselGate

DieselGate - Concentrazione e MortalitàIl surplus di emissioni dei veicoli diesel, rispetto a quanto dichiarato dalle case automobilistiche, ha causato in Italia 1.250 morti all'anno. A quantificare le conseguenze del Dieselgate sono l'Istituto meteorologico norvegese e l'istituto internazionale Iiasa, in uno studio pubblicato sulla rivista Environmental Research Letters da cui emerge che il nostro...--> LEGGI TUTTO

La verità orribile che non viene detta – Gianluca Ferrara

GIANLUCA FERRARA - La verità orribile che non viene mai detta Gianluca Ferrara, direttore editoriale di "Dissensi edizioni" e blogger del Fatto Quotidiano, ha già ottenuto quasi 150 mila condivisioni con questa analisi, fatta nell'ultimo post sul suo blog. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

Crociata contro la rete. Il ministro: via i “profili sgraditi”.

Orlando - rimozione di profili sgraditi e ong governative a fare controinformazione in rete Registrazione del Facebook Live del 16 agosto 2017 Un'intervista di Andrea Orlando, sul Corriere della Sera, rivela che esiste un accordo con i social network per la segnalazione dei post e la rimozione dei profili sgraditi, e anche che il ministero ha messo delle organizzazioni a monitorare...--> LEGGI TUTTO

La vera storia di KJ2, l’orsa mamma di Francesco e Soki, del progetto Life Ursus

Un'orsa e il suo cucciolo  Registrazione del live Facebook andato in onda ieri sera KJ2 sembra il nome di una stella cadente, perfetto per la notte di San Lorenzo. Invece è caduta un'orsa, appartenente al progetto Life Ursus. Nel video qualche considerazione da fare insieme sulla vicenda, andata in onda ieri sera...--> LEGGI TUTTO

OneBarter: l’era del baratto high tech

OneBarter - Nico Allegretti Nico Allegretti, presidente di OneBarter, racconta come il baratto, nella sua nuova forma tecnologicamente assistita, possa contribuire ad abbattere la necessità delle imprese di finanziarsi con linee di credito bancarie, e possa rilanciare gli scambi e l'economia. Un settore, quello del barter (cioè "comprare pagando vendendo",...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Due piantine di Cannabis per lenire dolori atroci: in prigione a 63 anni!

prigione malato cannabisTRENTO. Il ricorso in Cassazione è stato rigettato. L'uomo di 63 anni che a Trento era stato trovato in possesso di due piante di marijuana che coltivava per uso personale, per lenire i dolori atroci della sua malattia, è stato giudicato colpevole in via definitiva. Andrà in prigione. ...--> LEGGI TUTTO

L’ideologo di Putin: in Europa sarà presto caos, guerra civile, distruzione.

Dugin ideologo Putindi Giulio Meotti Roma. Europa e Stati Uniti hanno spesso ricambiato il favore ad Aleksandr Dugin. Un anno fa, il famoso politologo russo è stato messo alla porta in Grecia. Accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill per una conferenza sul Monte Athos, Dugin...--> LEGGI TUTTO

Il TG1 censura la Raggi. Scatenate uno #ShareStorm

Molti dei lettori di questo blog trasaliranno ascoltando alcune frasi fatte del discorso che oggi Virginia Raggi ha tenuto di fronte ai leader europei. L'Europa come "progetto visionario", come "eredità gioiosa e impegnativa", che "dobbiamo realizzare noi" perché "non poteva realizzarsi in un giorno". ...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Guest post

Il gioco responsabile al tempo del mobile

casino mobile La crescente diffusione delle nuove tecnologie ha radicalmente modificato gli stili di vita e le abitudini degli individui, contribuendo alla formazione di una cultura sempre più digitale. Dal 13° rapporto Censis-Ucsi sulla Comunicazione (2016) emerge che il 74% della popolazione italiana ha libero accesso ad una...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Pigi Battista a Paragone: i bambini non sono proprietà dei genitori.

Paragone Pigi Battista Nell'annoso dibattito sui vaccini, ci sono i Free Vax, i No Vax, e poi i Pigi Battista. Quelli che "i bambini non sono di proprietà dei genitori". Certamente non sono una proprietà, così come si intende un oggetto acquistato e privo di diritti. Ma il sottinteso...GUARDA

Rula Jebreal a Porro: tu, uomo bianco sessista!

PORRO VS RULA Scontro tra Rula Jebreal e Nicola Porro: "tu uomo bianco sessista che punti il dito contro una come me"....GUARDA

Barbara Lezzi maltratta Luigi Marattin a Omnibus

Barbara Lezzi Luigi Marattin Barbara Lezzi (M5S) si confronta duramente con Luigi Marattin, consigliere economico della Presidenza del Consiglio, sui dati della disoccupazione che vede l'Italia, nonostante la "cura Renzi", aumentare il distacco rispetto alla media europea. Ricordati di VOTARE Byoblu ai Macchianera Internet Awards...GUARDA

Ilaria Bifarini – L’Ocse dice che tra 60 anni siamo fritti

Ilaria Bifarini, nota al pubblico di Byoblu per la sua intervista di esordio "Neoliberismo e Manipolazione di massa - storia di una bocconiana redenta", approda a Coffee Break, su LA7. "Il modello a tendere degli economisti dell'OCSE da qui a 60 anni, in un report che ho visto personalmente, sarà sempre peggiore: salari sempre più passi e sempre più disuguaglianza". Ilaria Bifarini, nota al pubblico di Byoblu per la sua intervista di esordio "Neoliberismo e Manipolazione di massa - storia di una bocconiana redenta", approda a Coffee Break, su LA7. "Il modello a tendere degli economisti dell'OCSE da qui a 60 anni, in un report che ho...GUARDA

Diego Fusaro: il Sacro Romano Impero della finanza e delle banche

Innanzitutto siamo entrati in un Sacro Romano impero della finanza in cui il sistema bancario detta legge, e noi sventurate plebi europee dobbiamo fare i sacrifici: "sacrum facere". Appunto qualcosa di religioso in nome del sistema bancario, una divinità demiurgica: le sofferenze sono sempre quelle del sistema bancario...GUARDA

Primarie Pd: il confronto Sky tra Renzi, Emiliano e Orlando – Integrale

Confronto Sky Renzi Emiliano Renzi Primarie Pd Integrale - PlayIl confronto Sky tra Matteo Renzi, Michele Emiliano e Andrea Orlando per le primarie Pd - Versione Integrale. ...GUARDA

Fusaro Vs Friedman – L’immigrazione è deportazione di massa: nuovi schiavi contro vecchi schiavi.

Fusaro Vs Friedman Diego Fusaro: "La storia delle ONG che vanno a prendere i poveri migranti che rischiano di annegare è la grande narrazione edulcorante con cui si mettono in pace le coscenze. Il compito della filosofia però è pensare altrimenti e criticare l'esistente, rovesciando le mappe dominanti. Continuiamo...GUARDA

Sgarbi vs Telese: Io non me ne vado, te ne vai tu!

Sgarbi Vs TeleseVittorio Sgarbi manda a quel paese la Costamagna e Luca Telese, e all'invito a lasciare lo studio risponde al conduttore di andarsene lui. Il tema è quello della legittima difesa dagli intrusori in ambito domestico. ...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>