I MINI-BLU

Siria: la situazione reale, vista dal campo, come non ve la raccontano

Mentre proseguono i conflitti in Medio Oriente – sempre da considerare come fenomeni collegati tra loro – la guerra in Siria, in particolare, entra nel suo quinto anno e la partita si fa sempre più complessa, anche a livello politico. Quando guardiamo una mappa del conflitto in corso, vediamo una massa di aree colorate, che rappresentano i vari contendenti.

Syria-3-Jan-2016-static1
Ma cosa stanno facendo? E perché? Vediamo se attraverso i fatti militari è possibile interpretare i fatti politici, e viceversa.

Aiutami a continuare a fare informazione libera

Prima dell’ intervento russo e i successivi rinforzi iraniani, la SAA (Syrian Arab  Army) appariva sull’orlo di una crisi; a corto di uomini, sulla difensiva, attraversata da defezioni e corruzione. Rispetto alle forze governative, gli altri contendenti (a parte IS) stavano più o meno procedendo secondo quanto prefigurato dalla strategia americana(*), ovvero suddividere il territorio siriano in sacche omogenee, manipolabili e ‘negoziabili’ tra soggetti concordi – in questo caso Turchia e Arabia Saudita (più i Kurdi di cui non parliamo ora). A quel punto l’estromissione di Assad sarebbe stata solo questione di tempo.

(*) cioè, agendo per conto proprio e con motivazioni diverse, ma rispettando gli interessi strategici americani.

http://www.brookings.edu/~/media/research/files/papers/2015/06/23-syria-strategy-ohanlon/23syriastrategyohanlon.pdf

L’intervento russo (favorito probabilmente dal nuclear deal degli USA con l’Iran) ha invece sparigliato le carte, portando la bilancia militare nettamente a favore dei governativi, e generando una serie di effetti sul piano politico, strategico e tattico, che tra poco osserveremo.

Alla luce della strategia americana, è quindi possibile capire la strategia governativa: catturare il confine con l’ostile Turchia ed eliminare la presenza jihadista verso il Libano e la Giordania; riaprire le vie di rifornimento e interrompere quelle avversarie, preparando così il terreno per l’assalto finale alle città di Idleb e Aleppo.  Tutto questo grazie al rinforzi iraniani di terra, le ‘nuove’ milizie paramilitari governative e il supporto aereo (ma non solo) Russo.
L’obiettivo è frammentare e isolare i ribelli “moderati”, visti come la minaccia prioritaria, mentre IS viene tenuto a bada.

Syria-3-Jan-2016-most-active-frontlines1-1024x885Come possiamo notare dalla mappa, i fronti più attivi sono i seguenti: 1-Latakia, 2-Damasco, 3-Aleppo, 4-pianura di Hama, 5-La zona di Raqqa e il fronte di IS con i kurdi di YPG/PKK (di cui non parliamo ora). Ebbene, malgrado l’approccio del comando congiunto Russia-Iran-Siria sia conservativo e prudente riguardo le perdite umane – e implichi perciò avanzate lente e massicci bombardamenti preparatori – i risultati militari stanno cominciando ad arrivare, inequivocabilmente.

latakia - 1

Il confine della provincia di Latakia con la Turchia sta venendo progressivamente sigillato; le posizioni avversarie lungo le colline, progressivamente erose; roccaforti strategiche come Salma sono state liberate nei giorni scorsi, e l’offensiva prosegue.

 

south aleppo

Anche qui, grazie ai bombardamenti russi, la SAA è riuscita in una impressionante progressione ad arrivare a impedire il passaggio dei rifornimenti nemici sulla strada M5 Idleb-Aleppo.

 

kuweires

A est di Aleppo, l’assedio durato due anni della base aerea di Kuweires è stato sollevato, il 10 novembre, grazie a una vera e propria campagna di soccorso compiuta dai corpi speciali Tiger Forces contro IS (e ampiamente sfruttata dalla propaganda). L’offensiva è tutt’ora ripresa, con la riattivazione dell’aeroporto.

Malgrado la situazione altrove sia ancora statica o – come recentemente a Palmira – in discreto miglioramento per IS, si può dire che la coalizione lealista stia vincendo la guerra, lentamente, ma la sta vincendo perché i gangli vitali degli insorti stanno cadendo uno a uno. La  vincerà se qualcosa non succede nel frattempo, qualcosa che destabilizzi il corso degli eventi.
In quest’ottica è facilmente collocabile l’abbattimento del jet russo da parte della Turchia che, per risibili motivazioni, mirava chiaramente a trascinare la Russia in una escalation con la Nato, di cui la Turchia è membro.
Curiosamente questo atto ha avuto effetti deleteri, sia dal punto di vista politico-economico che militare: non solo molti paesi hanno espresso disapprovazione nei riguardi turchi, ma la Russia ha implementato sanzioni economiche e, soprattutto, contromosse militari.
Il dispiegamento dei sistemi antiaerei avanzati S-300 e S-400 a Latakia ha de facto creato la no-fly-zone che gli americani e i turchi volevano per sé e, conseguentemente, permesso operazioni di terra nell’area. Da notare che, all’epoca, la provincia non era oggetto di offensive governative particolari.

L’andamento del conflitto ha anche provocato i primi scontri diplomatici diretti tra i due arcinemici – Iran e regno Saudita – che finora hanno agito l’uno contro l’altro tramite i loro rispettivi proxies e relativamente nell’ombra.

Se leggiamo ancora i fatti in questa prospettiva, è chiara la motivazione degli ‘incidenti’ a sciiti durante i pellegrinaggi alla Mecca, le recenti esecuzioni da parte della monarchia saudita e la reazione iraniana, che per il momento è stata blanda, ma si inserisce in questo quadro. Inoltre, Erdogan ha ordinato a una nutrita colonna di tank di penetrare in territorio irakeno, ed è tornato sui propri passi solo dopo vigorose proteste (e minacce) da parte di Al Abadi.
La Francia chiede goffamente alla Russia di cessare gli attacchi nel villaggio di Madaya (Al Zabadani) per ragioni umanitarie, come se a Putin importasse qualcosa di sospendere le operazioni in una delle vallate più importanti per la sicurezza di Damasco. Sanguinosi attentati attraversano la Turchia, ora attribuiti a IS, ora ai kurdi del PKK, i cui reali fini o beneficiari appaiono oscuri. Gli USA tentennano nell’assenza di una vera strategia (motivo per il quale i russi hanno avuto occasione di intervenire) e abbozzano nuovi piani – di cui parleremo altrove –  con la creazione del SDF (Syrian Democratic Force).

Tutte queste, forse tranne l’ultima, sono risposte irrazionali e scoordinate all’evidenza che l’intero progetto della guerra (portare la Siria sotto influenza occidentale, turca e saudita) stia per fallire ineluttabilmente.

Lungi dall’intaccare la persistenza di IS, che continuerà ad esistere per gli anni a venire, ha invece rinsaldato alleanze arrugginite e fornito nuovo vigore a situazioni apparentemente esaurite. Ecco il motivo, tra l’altro, per cui Putin attacca meno IS che Al-Nusra & co: anche se i primi rimarranno a lungo sulla scena come nemici, i secondi sono la minaccia più immediata nello scontro geopolitico. E dopotutto, ognuno è nemico di IS, per lo meno a parole.

Ma non bisogna dare nulla per scontato: la fase finale della guerra (per rovesciare Assad) sta per iniziare, quella in cui ci si giocherà Idleb e Aleppo. Solo allora ci si siederà ad un tavolo, e chi controllerà il terreno comanderà al tavolo. Almeno in teoria. A quel punto il destino di Assad non sarà garantito. Basti pensare soltanto che i russi hanno stipulato una alleanza militare e di intelligence con Israele, o che gli iraniani si stanno riappacificando con gli USA. Chissà se ciò non comprenda anche dei risvolti politici, più avanti durante i negoziati? Chi rimarrà fregato nel finale di questa guerra, quando ne inizierà una nuova, quella contro il Califfato?

Integrazioni:

militare
https://twitter.com/leithfadel/status/687178535086100480?ref_src=twsrc%5Etfw

https://twitter.com/IvanSidorenko1/status/686287622373830657?ref_src=twsrc%5Etfw

https://twitter.com/sayed_ridha/status/686614628890099712?ref_src=twsrc%5Etfw

http://www.almasdarnews.com/article/breaking-the-syrian-army-resumes-the-southern-aleppo-offensive/

http://www.almasdarnews.com/article/breaking-isis-captures-al-bayarat-in-west-palmyra/

politica
https://twitter.com/BabakTaghvaee/status/651487647379001344?ref_src=twsrc%5Etfw

http://foreignpolicy.com/2015/10/07/will-the-united-states-help-if-saudi-arabia-starts-to-fall-apart/

http://www.theguardian.com/world/2015/sep/28/saudi-royal-calls-regime-change-letters-leadership-king-salman

http://www.jewishpress.com/news/breaking-news/russia-and-israel-quietly-collaborating-on-attacks-in-syria/2015/10/09/

http://www.themoscowtimes.com/news/article/iraq-leans-toward-russia-in-war-on-islamic-state/537473.html

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

2 risposte a Siria: la situazione reale, vista dal campo, come non ve la raccontano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Miracolo della Boldrini: riesce a farmi dare ragione a Pierluigi Battista

Pierluigi Battista - Fake News - Fake What di Pierluigi Battista Peccato, che delusione. Questo dibattito sulla «post-verità», sulle fake news , sul mare di bufale che si amplificano sulla Rete ha preso una brutta piega, persino un po’ paranoica. Peccato, perché da interessante discussione sul valore e la qualità dell’informazione, il nuovo...--> LEGGI TUTTO

Gianluca Ferrara: Trump? Non cambierà niente. Ecco perché.

Trump Gianluca Ferrara - Play di Gianluca Ferrara 26.172, sono il numero di bombe che gli USA hanno sganciato soltanto nel 2016 su sette paesi. Una media spaventosa di 3 ordigni ogni ora. E Dinnanzi a questa ipocrisia che ruotava intorno al Premio Nobel per la pace Barack...--> LEGGI TUTTO

Quando non paghi nulla per l’informazione, ricorda che la merce sei tu!

Valerio Lo Monaco - Se per il tuo media non paghi nulla, la merce sei tu Quanto accaduto a Claudio Messora e al suo sito Byoblu di informazione indipendente è la prova provata di due cose importanti. Google ha deciso unilateralmente e irrevocabilmente di rimuovere tutte le procedure di monetizzazione attraverso gli annunci ADSense sul sito di Byoblu, sistema utilizzato da Byoblu...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Oggi attaccano Byoblu.com. Ma sarà presto un attacco contro tutti i dissidenti.

di Pino Cabras su MegaChip Fa molto bene Claudio Messora a sottolineare che il vero obiettivo della campagna contro le 'fake news' non erano certo quei cialtroni che infestano il web di notizie false, razziste e irresponsabili per acchiappare clic, che pure ci sono e da chissà...--> LEGGI TUTTO

Anche il ministro del Tesoro UK, contro la Brexit, adesso passa tra i grandi speculatori

Ministro del Tesoro UK - Non voleva la Brexit - Ora passa in BlackRock Un altro leader politico europeo (cfr: "E Barroso passa a Goldman Sachs! Taaaaac!") imbocca la cosiddetta “porta girevole” dell’alta finanza. George Osborne, per sei anni ministro del Tesoro britannico fino al referendum sull’Unione Europea del giugno scorso, ha accettato un’offerta della BlackRock per diventare consulente del...--> LEGGI TUTTO

Le fake news su Trump di Repubblica e la post-verità di Michele Serra

di Massimo Mazza L’amaca di Michele Serra è finita in cima alla prima pagina di Repubblica, ma questo non ha evidentemente incentivato il giornalista a migliorare la qualità della sua striscia quotidiana, che oggi registra l’ennesimo scivolone figlio d’approssimazione e ignoranza dei temi...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Beppe Grillo a Sanremo 1989 – Le penali se dico che i socialisti rubano

Beppe Grillo Sanremo 1989 play Beppe Grillo a San Remo 1989, comunica il suo compenso in diretta e legge le penali previste dal contratto se dice che i socialisti che rubano....GUARDA

Fake news e post-verità: a chi conviene?

fake news post-verità icon play Fake news e post-verità: ormai non parlano d'altro. In Germania, dove presto ci saranno le elezioni, Facebook incarica una organizzazione (finanziata tra gli altri da George Soros) di marchiare a fuoco le notizie ritenute inattendibili. Ma "Fake news", "post-verità" e "debunker" sono solo neologismi, è la neolingua per...GUARDA

Sovranità vs Inflazione – Scontro plastico tra Marco Mori e Salvo Cozzolino

Mori Vs Cuzzolino - Sovranità vs InflazioneMarco Mori vs Salvo Cozzolino è uno scontro che mette in scena il classico campionario degli argomenti contro la sovranità monetaria: inflazione, debito, helicopter money e tutto il resto. Solo una precisazione aggiuntiva per Cozzolino: qualcuno gli dica che dal 1946 al 1970 l'economia andava bene, anche in condizioni di...GUARDA

Lupi ai Cinque Stelle: il referendum sull’euro non lo farete mai. Solo demagogia!

Maurizio Lupi, durante le dichiarazioni di voto per la fiducia alla Camera sul Governo Gentiloni, si rivolge ai Cinque Stelle accusandoli di demagogia, e spiega perché il referendum sull'Euro non si può fare....GUARDA

CARLO SIBILIA: LA PSICOSI DEL MOVIMENTO 5 STELLE

"Io questa psicosi non la capisco: volere necessariamente addossare delle responsabilità al Movimento 5 Stelle, che ce le ha, se le stra prendendo, sta lavorando, abbiamo già fatto delle cose nel Comune di Roma e saranno i cittadini, quelli che sono deputati a decidere. È chiaro che noi...GUARDA

E PERFINO IL DIRETTORE DE L’ESPRESSO, TOMMASO CERNO, DIFENDE M5S: SOVRANITÀ AL POPOLO!

Tommaso Cerno, direttore de L'Espresso, si accalora e sostiene con passione la causa della sovranità popolare e del diritto dei cittadini di esercitarla attraverso il voto, e difende anche la posizione del Movimento 5 Stelle rispetto alla lotta che sta conducendo dentro e fuori dal Parlamento...GUARDA

TUTTI GLI UOMINI DEL PRESIDENTE… DEL PRESIDENTE PRECEDENTE – Walter Rizzetto alla Camera

Il discorso di Walter Rizzetto a Paolo Gentiloni per la fiducia del Governo Gentiloni alla Camera: "Il Partito Democratico incarica il Partito Democratico di formare un nuovo Governo del Partito Democratico, dopo le dimissioni del Governo del Partito Democratico per il referendum del Partito Democratico. Tutti...GUARDA

Come salveranno MPS passo passo, fino al decreto Gentiloni, spiegato da Dino Pesole del Sole24Ore

MPS Pesole Mes Come salveranno MPS e (probabilmente) invocheranno il Fondo Salva Stati (MES) con la scusa di mettere una pezza ai bilanci delle banche, spiegato da Dino Pesole del Sole 24 Ore.  (altro…)...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>