NOTIZIE DAL WEB

L’ISIS l’ho creato io. Vincent Emanuele, veterano della guerra in Iraq


Dopo 14 anni di Guerra al Terrore, oggi ridenominato ISIS, l’occidente è diventato bravissimo a fomentare la barbarie e a creare stati fallimentari. Nel corso degli ultimi anni, il mondo si è chiesto da dove fosse saltato fuori l’ISIS. Le spiegazioni sono state molte, ma più che altro focalizzate sulla geopolitica (l’egemonia statunitense), sulla religione (il mondo dei sunniti e degli sciiti), sull’ideologia (il wahhabismo) o anche su questioni ambientali (la migrazione dovuta ai cambiamenti climatici). Molti commentatori e anche ex ufficiali militari suggeriscono invece, a ragione, che la guerra in Iraq sia la prima responsabile per la liberazione delle forze che oggi conosciamo come ISIS, ISIL, DAESH e così via. Qui spero di aggiungere qualche riflessione e qualche aneddoto utili alla discussione.

Vincent Emanuele è uno scrittore, un giornalista radiofonico e un attivista che vive a Michigan City, nell’Indiana. E’ anche un veterano della guerra in Iraq. Ecco quello che riporta. 

Così nasce l’ISIS: l’incubo della Mesopotamia.

I created ISIS - Vincent Emanuele
Quando mi trovavo d’istanza in Iraq, nel primo battaglione del settimo Marines, tra il 2003 e il 2005, non immaginavo le ripercussioni che ci sarebbero state, ma sapevo che qualcuno si sarebbe vendicato. Questa punizione, altrimenti nota come fiammata di ritorno, viene attualmente inflitta in molte parti del mondo, dall’Iraq all’Afghanistan, allo Yemen, alla Libia, all’Egitto e al Libano, passando per la Siria, la Francia, la Tunisia, la California e così via, senza che se ne veda la fine.

A quei tempi, vidi e partecipai quotidianamente a molte oscenità. Certamente, la malvagità della guerra non è mai stata davvero compresa in occidente. Senza dubbio, le organizzazioni pacifiste hanno provato a descrivere gli orrori della guerra in Iraq, ma i media mainstream, il mondo accademico e le organizzazioni politiche occidentali hanno sempre ostacolato un serio esame del più grande crimine di guerra del ventunesimo secolo.

Mentre pattugliavamo la vasta regione della provincia iraqena di Al-Anbar, buttando le rimanenze del nostro cibo in scatola fuori dai veicoli, non mi sono mai soffermato a immaginare come saremmo stati ricordati nei libri di storia. Semplicemente, volevo fare un po’ di spazio nel mio Humvee. Anni dopo, durante un corso di storia universitario sulle civiltà occidentali, ascoltando il professore che parlava della culla della civiltà, ho ripensato alla spazzatura di cui abbiamo ricoperto il deserto mesopotamico.

Esaminando i recenti avvenimenti in Siria e in Iraq, non posso non pensare ai bimbi piccoli che i miei compagni marines bersagliavano come birilli, con i dolcetti contenuti in quelle scatole di cibo. I dolciumi non erano le sole cose gettate ai bimbi: bottiglie d’acqua riempite di urina, pietre, rottami e molti altri oggetti. Mi domando spesso come ricordino quelle cose, molti membri dell’ISIS e di altre organizzazioni terroristiche.

Inoltre, penso a quelle centinaia di prigionieri che abbiamo catturato e torturato in prigioni di fortuna piene di adolescenti del Tennessee, di New York e dell’Oregon. Non ho mai avuto la sfortuna di lavorare in quei campi di prigionia improvvisati, ma ricordo molto bene le storie. Ricordo molto vividamente  i marines raccontarmi di pugni, schiaffi, calci, gomitate, ginocchiate e testate agli iracheni. Non dimentico i racconti di torture sessuali: forzavano gli uomini iracheni ad avere rapporti sessuali tra di loro, mentre i marines puntavano i coltelli sui loro testicoli, qualche volta sodomizzandoli con i manganelli. 

Comunque, prima che questi abomini venissero consumati, quelli di noi che facevano parte delle unità di fanteria ebbero il piacere di radunare gli iracheni durante i raid notturni, ammanettarli con lacci di plastica, incappucciarli e gettarli nel retro degli Humvees e dei camion mentre le loro mogli e i loro bambini si gettavano ai loro piedi e piangevano. Qualche volta, li prendevamo durante il giorno. Il più delle volte non opponevano resistenza. Qualcuno si teneva per mano mentre i marines li colpivano al volto con il calcio dei fucili. Quando arrivavano al centro di detenzione, li trattenevano per giorni, settimane, anche mesi talvolta. Le loro famiglie non venivano avvisate. E quando venivano rilasciati, li portavamo nel mezzo del deserto e li rilasciavamo a chilometri e chilometri da casa.

Dopo averli liberati dai lacci e dopo avergli tolto i cappucci, molti tra i nostri marines più matti gli sparavano dietro con l’AR-15, a terra o in aria, a poca distanza, spaventandoli mentre scappavano. Si divertivano. Molti iracheni correvano, ancora in lacrime per le sofferenze patite al centro di detenzione, nella speranza di trovare un po’ di libertà, là fuori. Chi può dire quanto a lungo siano sopravvissuti. Dopo tutto, non interessava a nessuno. Sappiamo di un ex prigiorniero degli USA che ce la fece: Abu Abkr al-Baghdadi, il capo dell’ISIS.

Sorprendentemente, l’abilità di disumanizzare il popolo iracheno riusciva anche a crescere dopo che gli spari erano finiti, perché molti marines passavano il tempo libero a scattare foto dei morti , spesso mutilando i loro corpi per gioco o colpendo i loro corpi rigonfi con i manganelli per qualche risata a buon mercato. E siccome gli iPhone non c’erano, a quel tempo, molti marines vennero in Iraq con macchinette digitali. Quelle macchine fotografiche contengono una storia mai raccontata della guerra in Iraq, una storia che l’occidente spera che il mondo possa dimenticare. Quella storia e quelle macchine fotografiche contengono anche video di massacri gratuiti e di numerosi altri crimini, realtà che gli iracheni non possono dimenticare.

Sfortunatamente, posso rammentare infiniti episodi di puro orrore, relativi alla mia permanenza in Iraq, Persone innocenti non soltanto veniva quotidianamente radunate, torturate e imprigionate, ma venivano anche incenerite a centinaia di migliaia. Qualche studio suggerisce persino a milioni.

Solo gli iracheni possono capire il male puro che è stato riversato sulla loro nazione. Ricordano il ruolo dell’occidente negli otto anni di guerra tra l’Iraq e l’Iran. Ricordano le sanzioni di Clinton nel 1990, politiche che risultarono nella morte di ben oltre 500 mila persone, per lo più donne e bambini. Poi venne il 2003 e l’occidente terminò il lavoro. Oggi, l’Iraq è un nazione completamente devastata. Le persone vengono avvelenate e mutilate e l’ambiente naturale è tossico a causa delle bombe all’uranio impoverito. Dopo quattordici anni di Guerra al Terrore, una cosa è chiara: l’occidente è bravissimo a fomentare la barbarie e creare stati rovinati.

Vivere con i fantasmi

Gli occhi caldi e trasparenti dei giovani bimbi iracheni mi danno la caccia di continuo, come è giusto che sia. Le facce di quelli che ho ucciso, o almeno di quelli di cui ho potuto esaminare da vicino il corpo, non usciranno mai dai miei pensieri. I miei incubi e le riflessioni quotidiane mi ricordano da dove venga l’ISIS e perché, esattamente, ci odiano. Quell’odio, comprensibile e spiacevole, sarà diretto verso l’occidente per anni e decenni a venire. Come potrebbe essere altrimenti?

Di nuovo, la scala di distruzione che l’occidente ha inflitto al Medio Oriente è assolutamente inimmaginabile per la grande maggioranza delle persone che vivono nel mondo sviluppato. Questo punto non può mai essere enfatizzato troppo, perché gli occidentali, ingenuamente, continuano a chiedere: “Perché ci odiano?”.

Alla fine, le guerre, le rivoluzioni e le controrivoluzioni accadono, e le generazioni successive debbono coesistere con le conseguenze: civiltà, società, culture, nazioni e individui sopravvivono o muoiono. E’ così che funziona la storia. In futuro, come l’occidente gestirà il terrorismo dipenderà in massima parte dalla sua scelta di continuare o meno con il suo comportamento terroristico. Ovviamente, la maniera con la quale l’occidente cercherà di prevenire la nascita di organizzazioni future del tipo dell’ISIS è di opporvi il militarismo occidentale in tutte le sue forme più spaventose: colpi di stato orchestrati dalla Cia, guerre per procura, attacchi portati a termine attraverso i droni, campagne controinsurrezionali, conflitti economici e così via.

Nel frattempo, quelli di noi che hanno partecipato direttamente nella campagna o, meglio, nel genocidio militare in Iraq, continueranno a vivere con i loro fantasmi di guerra.

Fonte: I Helped Create Isis
Traduzione integrale del testo di Claudio Messora
Grazie a Maurizio Blondet per avere trovato questa testimonianza e averne pubblicato uno stralcio sul sul blog, spingendomi a risalire alla fonte integrale.

Guarda e leggi il testo integrale e il video dell’esclusiva videointervista al veterano dei Marines:

ISIS: ECCO PERCHÉ CI ODIANO“.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

4 risposte a L’ISIS l’ho creato io. Vincent Emanuele, veterano della guerra in Iraq

Lascia un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Traditi Sottomessi Invasi – Antonio Socci

Antonio Socci - traditi sottomessi invasi Antonio Socci, saggista e giornalista, autore su "La Verità" di un articolo dal titolo: "La religione civile della moneta unica cappio al collo della nostra sovranità", convertito sulla via di Damasco, dall'idea che lo stato fosse il problema e il mercato fosse la soluzione, alla piena...--> LEGGI TUTTO

CASSANDRO CROSSING: SALTATE GIÙ DAL TRENO – Rocco Bruno

CASSANDRO CROSSING: SALTATE GIÙ DAL TRENO - Rocco Bruno C'era una volta una società pacifica e in connessione profonda con il senso delle cose e della sua esistenza, che era ancora capace di attribuire grande importanza alla sperimentazione dell'Otium, in contrapposizione al Negotium. Poi, l'Uomo di Neanderthal fu conquistato e distrutto dall'Homo Sapiens, che poi...--> LEGGI TUTTO

Con le bombe o con i cambi fissi – Sergio Cesaratto

Sergio Cesaratto - Con le bombe o con i cambi fissi Come costringere l’Italia a ridurre il suo debito pubblico, costi quel costi? L’ossessione di Merkel e Macron emerge chiara, ancora una volta, dal documento firmato da quattordici economisti franco-tedeschi finanziati dal centro studi CEPR. Sergio Cesaratto, docente di "Politica Economica ed Economia dello Sviluppo" all'Università di...--> LEGGI TUTTO

Il totalitarismo che verrà – Maurizio Blondet

Maurizio Blondet - Il Totalitarismo che verrà Esclusiva intervista al grande vecchio eretico del giornalismo italiano, Maurizio Blondet, seguitissimo in rete, autoesclusosi dal circo mediatico italiano a causa della sua natura ostinatamente in direzione contraria e delle sue idee politicamente scorrette per antonomasia. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

Vogliono Abolire le News – Giulietto Chiesa

VOGLIONO ABOLIRE LE NEWS yt Giulietto Chiesa, giornalista e politico, torna sull'argomento delle Fake News e sulla nuova linea di Facebook, che da un lato assegna a "Pagella Politica" il ruolo di determinare se una notizia è vera o falsa, inserendo il famigerato bottone rosso, e dall'altro penalizza le pagine di...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

False Fake News: iniziano a fioccare le querele

difesa contro le false fake newsL'avvocato Giuseppe Palma ha appena inviato una diffida legale all'Huffington Post, che lo aveva citato contestualmente a un articolo dove si parlava di presunte "bufale" dei movimento contrari all'Euro. Il mercato delle cosiddette "fake news", inaugurato da Hillary Clinton e gonfiato ad arte dall'area progressista (in Italia con il...--> LEGGI TUTTO

Gli esperti di diritto sulla Catalogna? Sono dei pirla.

Catalogna Governo centrale di Paolo Becchi Eccoli alla carica sui giornaloni gli esperti del diritto, e più sono esperti e più sono dei pirla. Fantozzi docet. Il referendum per l’indipendenza della Catalogna è «illegale». Sì, lo è: è contro la Costituzione spagnola, contro l’«unità indissolubile» dello...--> LEGGI TUTTO

Due piantine di Cannabis per lenire dolori atroci: in prigione a 63 anni!

prigione malato cannabisTRENTO. Il ricorso in Cassazione è stato rigettato. L'uomo di 63 anni che a Trento era stato trovato in possesso di due piante di marijuana che coltivava per uso personale, per lenire i dolori atroci della sua malattia, è stato giudicato colpevole in via definitiva. Andrà in prigione. ...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Il gioco responsabile al tempo del mobile

casino mobile La crescente diffusione delle nuove tecnologie ha radicalmente modificato gli stili di vita e le abitudini degli individui, contribuendo alla formazione di una cultura sempre più digitale. Dal 13° rapporto Censis-Ucsi sulla Comunicazione (2016) emerge che il 74% della popolazione italiana ha libero accesso ad una...--> LEGGI TUTTO

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Guest post

La storia degli appendiabiti

quadro appendiabiti cappotto cappello Si possono appendere le scarpe al chiodo quando si smette di giocare a pallone. Si possono appendere i panni al sole, le speranze a un filo, i quadri al muro, i condannati a un legno e i festoni sulle porte. Poi si possono appendere i vestiti...--> LEGGI TUTTO

Realizzata la prima video chiamata quantistica intercontinentale al mondo

Chiamata quantisticaIl satellite cinese Micius torna a far parlare di sé e stabilisce un nuovo record, quello della prima videochiamata quantistica della storia tra Vienna e Pechino. Circa tre settimane è avvenuto un evento eccezionale che modificherà totalmente il sistema di comunicazioni come lo...--> LEGGI TUTTO

Il Messico a meno di 40 euro al giorno!

Messico Amo il Messico. E' pieno di vibrazioni, è un paese meraviglioso, pieno di gente amichevole, con una energia speciale che vi fa riscoprire l'amore per la vita, con un'architettura spettacolare, con una storia che affonda le radici nelle profondità dei millenni e... con un cibo davvero...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Vi spiego Casapound – Marco Mori

Vi spiego Casapound - Marco Mori Marco Mori, avvocato ligure noto per le sue battaglie in difesa della Costituzione, spiega a Byoblu il programma di Casapound Italia e perché ha accettato di candidarsi.  (altro…)...GUARDA

Sei contro l’Europa? Non lo sai, ma in realtà ne vuoi di più! Rocco Buttiglione

Sei contro l'Europa? In realtà non sai che vuoi di più! - Rocco Buttiglione Alla presentazione del libro "Ordoliberismo e Globalizzazione", Rocco Buttiglione sostiene che la gente è contro l'Europa perché non c'è abbastanza Europa, ma che se ci fosse più Europa la gente invece sarebbe contenta. (altro…)...GUARDA

Il plusgodimento erotico del neolibertino sessuale – Diego Fusaro

Diego Fusaro - Il plusgodimento erotico del neolibertino sessuale C'è un nesso tra la disarticolazione dei rapporti tra i cittadini e lo Stato e la disgregazione delle strutture sociali in cui la sessualità si esprime? Esiste una forma di relazione possibile tra i contratti occasionali prediletti dal neoliberismo economico e il sesso occasionale, di una...GUARDA

Debunker di Stato: la conferenza stampa di Minniti e Gabrielli sui nuovi poteri della polizia postale

DEBUNKER DI STATO Sintesi della conferenza stampa di ieri, a Roma, del Ministro dell'Interno Marco Minniti e del capo della polizia Franco Gabrielli, che presentano il nuovo nucleo operativo di debunking della Polizia Postale, la quale avrà il potere di verificare e certificare le notizie, e anche di chiedere...GUARDA

Diego Fusaro su Papa Francesco: ispirato da George Soros

Diego Fusaro su Papa Francesco - Ispirato da Goerge SorosDiego Fusaro, filosofo noto ai dibattiti televisivi, critico sulla globalizzazione e sulle élite che la sostengono, analizza e critica il discorso di Papa Francesco sull'accoglienza dei migranti. ...GUARDA

Diego Fusaro contro il Black Friday: l’apice della mondializzazione, come Halloween.

Diego Fusaro - Black Friday no grazie Analisi lucidissima e impietosa di Diego Fusaro sul Black Friday...GUARDA

L’ex capo di Stato Maggiore in Iraq: “Bush Jr e Berlusconi erano nella stessa loggia massonica, ma salvarono Nassiriya”.

NICOLO GEBBIA - L'invasione degli Ultra Massoni - Video Il Generale in pensione dell'Arma dei Carabinieri, Nicolò Gebbia, parla della pervasività delle infiltrazioni massoniche, a tutti i livelli, e rivela che persino durante la guerra del Golfo, la città di Nassiriya venne risparmiata grazie al fatto che Silvio Berlusconi e Bush jr. appartenevano alla stessa...GUARDA

Antonio Ingroia: “Fuori dai trattati, costi quel che costi”.

INGROIA - FUORI DAI TRATTATI - 1280 Per Byoblu, da Roma, Eugenio Miccoli Oggi alla Camera dei Deputati, Antonio Ingroia e Giulietto Chiesa hanno presentato “Lista Del Popolo”, un’alleanza della società civile per il ripristino della sovranità nazionale, l’attuazione della Costituzione, la rinegoziazione o lo stralcio dei trattati europei, l’abolizione del Fiscal...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>