eni

I documenti UK che fanno gelare il sangue: da Enrico Mattei ad Aldo Moro

Ho intervistato Giovanni Fasanella, giornalista che da anni scava in quella storia italiana che nessuno vi racconta, autore di oltre 21 libri. Insieme a Mario José Cereghino ha scritto “Colonia Italia. Giornali, radio e tv: così gli inglesi ci controllano. Le prove nei documenti top secret di Londra“.

Sono cose che dobbiamo sapere.

Quando si pensa alle ingerenze dall’estero nei confronti del nostro Paese si pensa sempre agli Stati Uniti d’America. 

Basta aprire una cartina geografica e vedere dov’è l’Inghilterra, un’isola del Nord Europa, dove sono stati per molti decenni – a ancora oggi – i suoi interessi economici, strategici, militari. In Nord Africa, nel Medio Oriente e in Estremo Oriente. E cosa c’è tra la Gran Bretagna e i suoi interessi? C’è il Mediterraneo e, al centro del Mediterraneo, l’Italia. Quindi già dai tempi del Risorgimento, l’Italia per la Gran Bretagna era una postazione di fondamentale importanza, attraverso la quale poteva controllare i suoi domini e le sue rotte marittime.

Che cosa succede dalla seconda guerra mondiale in poi?

La nonna incatramata

 

 

Tutti hanno un sogno. Alcuni ne hanno più di uno. Uno dei miei è quello di poter viaggiare nel tempo. Mi piacerebbe tornare in un’epoca remota, dove il mondo era incontaminato. Probabilmente morirei sul colpo.

Alla prima boccata di aria pura, senza la nostra salubre quantità di piombo, nanoparticelle e gas di scarico, i polmoni ne sarebbero corrosi come da un gas venifico. Il primo sorso d’acqua, ricca come sarebbe di nutrienti e priva di cloro, di cromo, con l’aggravante di provenire da falde non arricchite dal passaggio sotto a una discarica percolante, corroderebbe l’esofago e le pareti dello stomaco in pochi secondi. Le verdure, cresciute lontano dalle purificanti piogge acide, non avrebbero sapore, e la carne di animali che pascolano liberi, senza essere costretti a vivere ammucchiati l’uno sull’altro, ricoperti dalla loro stessa urina, gonfi di antibiotici per debellare le infezioni, sarebbe sicuramente incommestibile.

Sì, un mondo senza raffinerie, inceneritori, discariche, sversamenti, fughe radioattive e tubi di scappamento sarebbe letale per noi. Per fortuna il progresso ci ha aiutati a rendere l’ecosistema compatibile con la nostra esistenza. Le centrali nucleari, con i loro piccoli e frequenti incidenti, contribuiscono a rendere le nostre terre sufficientemente radioattive da scaldarci. Gli inceneritori provvedono a diffondere salutari nanoparticelle nell’aria, che aiutano a rendere i nostri tessuti corporei meno cagionevoli e rinforzano le difese immunitarie. I nostri lungimiranti amministratori pubblici – che non smettono mai di preoccuparsi per noi – corteggiano le compagnie petrolifere e pur di sterminare questa natura selvaggia e incontaminata, che con la sua purezza costituisce una minaccia alla nostra sopravvivenza, distribuiscono concessioni di sfruttamento a destra e a manca.

I cittadini della Basilicata sono già al sicuro: a tavola possono finalmente permettersi un vino contaminato dalle emissioni di un Centro Oli che ha devastato l’ambiente. Gli abruzzesi non volevano essere da meno e sono insorti. Nei pressi di Contrada FeudoOrtona – sono infatti pieni di vigneti dai quali viene prodotto un vino pregiato come il Montepulciano d’Abruzzo: hanno preteso e stanno ottenendo l’installazione di una raffineria dell‘ENI che possa inquinarlo quel tanto da conferirgli un retrogusto tipico da idrodesulfurizzazione: l’ideale per accompagnarsi a pesce al mercurio, arsenico e cromo, e a un contorno di ortaggi geneticamente modificati.
Nelle Marche, dal canto loro, sono già a posto così. Il 4 aprile 2007, 18km di spiaggia tra Rocca Priora a Senigallia sono state ricoperta da combustibile ATZ, altamente tossico. Considerato da uno sparuto gruppo di ecoterroristi come uno dei più gravi disastri ambientali mai occorsi sul mare Adriatico, in realtà è stato un cortese omaggio di una raffineria dell’API alle amministrazioni locali allo scopo di incentivare il turismo e liberare spazio utile, facendo passare il tasso di mortalità di Falconara Marittima dal 43° posto nelle Marche al 9°.

Uno di questi ecoterroristi che cercano di seminare il panico mi ha scritto una lettera, che ho deciso si pubblicare a dimostrazione dell’insensatezza di questi disadattati sociali.

Ciao, innanzitutto i soliti complimenti che riceverai a raffica da molti appassionati della rete e che penso non facciano mai male.
In secondo luogo leggendo il tuo servizio sulla raffineria in Abruzzo (che mi sono permesso di divulgare ai miei ex compagni di liceo e agli amici del calcio a 5) mi è venuto a mente di parlarti di una cosa che mi ha sempre infastidito, chissà se un po’ di sana informazione comincerebbe a cambiare le cose almeno nella testa della gente…

Vivo a Torino ma sono nato in un paesino vicino ad Ancona, ogni estate i miei mi portavano dai nonni, passavo le giornate in quella casa in cui ho un mucchio di ricordi e qualche volta andavamo al mare.

Il mare in quel tratto, (tra la località di Marzocca, vicino Senigallia, ed Ancona) è fatto di tratti di spiaggia con i sassi.

Se provi a stenderti però rischi di ritrovarti incatramato…
Immaginati su quella spiaggia, sei li che stai leggendo il tuo libro, e a un certo punto della lettura noti che una pagina è sporca di nero. Tu stavi giochicchiando con un sasso e la tua mano… guardi la mano con cui hai girato la pagina, si… è sporca anche quella.

Sei li che ti chiedi il perchè…
Guarda alla tua destra… laggiù…la vedi???
E’ una raffineria dell’Api.

Tra l’altro in passato è esploso un serbatoio lasciando una densa colonna di fumo nero e forse qualche vittima.

Ora mi chiedo: quali sono le ragioni che hanno spinto un paese come l’Italia e una regione come le Marche a tollerare un simile scempio?

Lo stabilimento penso dia lavoro a un centinaio di persone. Lo stabilimento e la ferrovia, che in alcuni tratti divora la costa talmente gli è vicina, proibiscono però lo sviluppo turistico della zona. Due o tre anni fa c’è stata addirittura una perdita da un serbatoio ed é fuoriuscito petrolio in mare che poi ha invaso la costa.

Quel tratto di mare, quelle colline se non ci fosse la raffineria prometterebbero uno sviluppo turistico stellare…

Byoblu, serve il tuo aiuto… se tornerò a trovare la nonna e non la troverò incatramata ti manderò un video!

Andrea Lucchetti

Attenzione: se trovate una nonna incatramata che si aggira esangue in un paesino nei pressi di Ancona, non datele subito fuoco: il nipote è un pericoloso ecoterrorista contrario allo sviluppo, al progresso scientifico e tecnologico, che vorrebbe far passare le compagnie petrolifere per delle associazioni a delinquere che non lavorano per il nostro bene, come vorrebbero farci credere, ma che starebbero addirittura distruggendo ogni cosa al solo scopo del profitto personale.

Pedinate di soppiatto la nonna e… se per caso il nipote dovesse commettere un’imprudenza e avvicinarsi, avvolgetelo nel bitume e consegnatelo immediatamente alla security dell’API o dell’ENI perchè venga sacrificato al Dio Oro Nero.

SOS Ortona – Fermate il Centro Oli.

Fermate il Centro Oli
Istantanee prima della devastazione

Conoscere significa sperimentare attraverso i sensi. Tutto il resto è una proiezione mentale. Per esempio, la guerra vissuta attraverso i giornali fa male, ma andare dove la gente rischia la vita tutti i giorni, incrociare i loro sguardi, parlare con loro fa molto di più: rende partecipi. L’esperienza diretta spoglia le frasi della loro più appassionata retorica e le riempie di significato. Dopo avere visto, difficilmente si può dimenticare.

Mi sono caricato in spalla il candidato presidente alle regionali d’Abruzzo, Carlo Costantini, e l’ho portato a Contrada Feudo, vicino a Ortona. Dovevo vedere i luoghi dove si vuole costruire una raffineria petrolifera. E ho creduto che dovesse vederli anche lui, toccare quella terra con le sue proprie mani, sentire il profumo dei suoi frutti, parlare con chi sta combattendo quella guerra. La guerra dei mostri meccanici, delle piogge acide, della desertificazione, contro l’intima vocazione di un territorio dalla bellezza inequivocabile, che colpisce i sensi e lo stomaco lasciando senza fiato, a bocca aperta.

Ho effettuato qualche ripresa strada facendo, vi ho fatto vedere la sterminata sequela di vigneti che caratterizza quelle zone, da cui tra l’altro si ricava il rinomato montepulciano d’Abruzzo. Vi ho fatto vedere il panorama, le colline, i prati, i volti induriti dal sole e perfino le mosche che si inseguono pigramente, nell’ozio di un pomeriggio di fine ottobre. Ve l’ho messi davanti agli occhi perché è proprio lì che i poteri forti vogliono costruire una raffineria. L’hanno chiamata Centro Oli, perché possa sembrare innocua come un frantoio. Ma non è un frantoio: è l’apocalisse. Come è stato in Basilicata, genererà piogge acide e renderà non più commestibili tutte le coltivazioni circostanti, in un raggio di sessanta chilometri. Consumerà milioni di metri cubi di acqua, in una terra dove l’acqua è preziosa e già oggi non c’e n’è abbastanza per gli uomini, le donne e i bambini che la abitano. Renderà l’aria irrespirabile e rappresenterà il cavallo di troia grazie al quale in Abruzzo scenderanno squadroni di petrolieri, inviati da generali banchieri, che bucheranno tutta la regione come un groviera, distruggendola e impedendogli di valorizzare la sua selvaggia, a tratti incontaminata e sconvolgente bellezza.

Sì, l’Abruzzo è meraviglioso. Forse… ancora per poco.

I Mini Blu

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie

Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter

Video dal web

Massimo D’Alema: è grazie a noi se M5S non ha vinto da solo!

Massimo D'Alema Massimo D'Alema fa la sua analisi del voto del referendum. Parla sarcasticamente delle rottamazioni di Matteo Renzi e afferma che se non ci fossero stati loro, il M5S avrebbe vinto da solo. ...GUARDA

I Cinque Stelle alla stampa: ora elezioni subito!

m5s-conferenza-stampa-iconaLa conferenza stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati dopo la vittoria del No al Referendum Costituzionale. Davanti ai giornalisti, a tarda ora, dopo le dimissioni di Matteo Renzi, si sono presentati Vito Crimi, Danilo Toninelli, Alessandro Di Battista e Giulia Grillo, per dire al Presidente della Repubblica...GUARDA

Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!

Renato Brunetta Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!...GUARDA

Galloni e Rinaldi al Quirinale: ora Mattarella stralci il Pareggio di Bilancio

Galloni Rinaldi Quirinale Nino Galloni e Antonio Rinaldi salgono al Quirinale per chiedere simbolicamente a Mattarella che ora rispetti la volontà del popolo e si adoperi per rispettare la Costituzione italiana, stralciando subito il Pareggio di Bilancio ora Mattarella stralci Pareggio di Bilancio...GUARDA

Salvini – Vittoria del popolo contro i poteri forti di tutto il mondo

Salvini referendum La prima dichiarazione dopo gli Exit Poll che danno la vittoria del No a 55%-59% è di Matteo Salvini, che parla testualmente di "una vittoria del popolo contro i poteri forti di gran parte del mondo"....GUARDA

Renzi vs Gruber: volata finale sul Referendum

Renzi Gruber Referendum Otto e 1/2 Sintesi dell'intervento di Matteo Renzi, questa sera, a Otto e Mezzo, per la volata finale sul Referendum Costituzionale....GUARDA

La Santanché furiosa sui pallisti Pd diventa una bestia

la santanche furiosa sui pallisti pd diventa una bestia Daniela Santanché si infuria a Coffee Break sul voto di Forza Italia alla Camera sulla Riforma Costituzionale, e chiede il fact checking. Guarda anche: ...GUARDA

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì Le cojonate di Franceschini e Poletti, ministri della cultura e del lavoro, a Tribuna Politica di Semprini, nel tentativo imbarazzante di difendere le ragioni del sì al Referendum Costituzionale, fanno sembrare le forziste Laura Ravetto e Anna Maria Bernini due emerite costituzionaliste. Tante fesserie tutte insieme...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>