eurostat

Poveri noi, come ci hanno ridotti

Per capire come ci hanno fregati basta chiudere gli occhi e ripensare a quando eravate piccoli. In famiglia, quasi sempre lavorava solo papà, nel senso che era l’unico a percepire un reddito. Mamma si sbatteva tanto quanto, forse anche di più: faceva funzionare la famiglia. In un certo senso produceva reddito eccome: quello che non si era costretti a spendere in baby sitter e colf, oltre all’inestimabile valore di essere un punto di riferimento affettivo e organizzativo costante. I bambini andavano a scuola, erano vestiti bene e avevano i libri per studiare e i giocattoli a Natale e per il loro compleanno. Una o due volte l’anno ci scappava anche una vacanzina tutti insieme. C’era una sola automobile e prenderla per fare una gitarella o per andare a trovare un parente non comportava una lunga pianificazione di bilancio.

tasto_newsletter

I MINI-BLU

L’arroganza del potere: Roberto Formigoni all’aeroporto.

Formigoni scaglia il telefono all'aeroportoQuindi se un senatore della Repubblica si incazza al gate di un aeroporto, urla, prende a male parole i dipendenti e scaglia il telefono del bancone a terra, non succede niente. Se invece voi per caso vi permettete di alimentare il sospetto che potreste anche solo vagamente essere adombrati per...leggi

La grande rinuncia di Mattarella

La Grande Rinuncia Di Mattarella Apprendiamo da giornali come il Corriere della Sera del taglio del trattamento economico di Sergio Mattarella. Ecco il titolo: "Dallo stipendio di Mattarella sottratta la pensione da docente".  Oh poer Crist!, direbbe Iannacci. Sottotitolo: «Il presidente avrebbe diritto a un vitalizio per il suo lavoro universitario, ma vi...leggi

Il favoloso mondo di Sergio

Mattarella Corruzione Ai Giovani Sergio Mattarella ai giovani sulla corruzione: "E' un fenomeno che vediamo diffuso. E' come se vi fosse una sorta di concezione rapinatoria della vita." E sull'Europa, invece, solo la celebrazione degli ultimi decenni di pace. E' il favoloso mondo di Sergio e, prima ancora, di Napolitano....leggi

Categorie