terremoto

Terremoto: la natura non uccide, la politica sì!

Abbiamo avuto molti terremoti, in Italia, dal dopoguerra ad oggi. Dopo ognuno di essi, lo Stato avrebbe potuto lavorare per mettere in sicurezza le parti più a rischio del nostro Paese e salvare così moltissime vite umane. Invece, quello che ha fatto, terremoto dopo terremoto, è stato solo una lunga lista di condoni. Eccoli. Non sono i terremoti ad uccidere le persone e non è una “natura matrigna”, ma la politica.

InternetForGiuliani-DoppioDvd-VideoIcon

di Roberto P.

I terremoti del dopoguerra

Che i terremoti non si possono prevedere, fino ad ora, è chiaro come l’acqua di sorgente. O perlomeno, non come le previsioni meteorologiche, con qualche giorno di anticipo. Tuttiava, l’Italia è uno dei paesi a maggiore rischio sismico del Mediterraneo (e non solo: rischio idrogeologico, industriale, ecc, ma limitiamoci a questo). Conosciamo tutti, addetti ai lavori e non, le mappe dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) e del Dipartimento della Protezione Civile: la sua posizione, tra l’Africa e l’Europa, la espone ad una particolare condizione di criticità, soprattutto lungo la dorsale appenninica.

Tralasciando gli eventi accaduti prima dell’ultimo conflitto mondiale (anche se comunque andavano considerati, se non altro per l’esperienza che fornivano) possiamo elencare:

  1. terremoto del Belice: 14 gennaio 1968,  360 vittime e oltre 57mila sfollati;
  2. terremoto del Friuli: 6 maggio1976, 939 vittime e 80mila sfollati;
  3. terremoto dell’Irpinia: 23 novembre 1980, 2914 morti e oltre 400mila sfollati.

Dopo eventi così tragici e catastrofici il pensiero dovrebbe essere immediato: occorre una normativa nazionale che metta in sicurezza cittadini ed edifici, con particolare riguardo ai centri storici, in quanto antichi e quindi edificati senza criteri antisismici.

Terremoto Amatrice – Accumoli. Almeno 37 morti. La conferenza stampa della Protezione Civile

Il messaggio di Fabrizio Curcio, il capo della Protezione Civile:

Protezione Civile: sono almeno 37 i morti

La conferenza stampa della Protezione Civile di fine mattina:

Terremoto: si può prevedere?

L’inchiesta che mette a confronto la scienza e la ricerca indipendente, in quattro episodi.

Matteo Renzi: conferenza stampa da Palazzo Chigi

Non lasceremo nessuno da solo…

 

Quel Che Resta di Amatrice - Terremoto nel Lazio

Un’immagine aerea diffusa dai vigili del fuoco, che mostra quel che resta di Amatrice, in provincia di Rieti

Respiri di vita

TerremotoLAquilaVideoIcon

Ieri erano 4 anni. Quattro lunghi anni durante i quali L’Aquila è cambiata poco o niente. Ero là, quella notte di 4 anni fa. Ero là, quella mattina, il 6 aprile 2009. Non dimenticherò mai quello che ho visto, il silenzio surreale, rotto ogni tanto da qualcuno che correva, un’ombra silenziosa che ti passava accanto perché credeva d’aver sentito un lamento. I volti degli studenti davanti alla loro Casa. Le loro facce immobili, i loro occhi vitrei. Non c’erano domande da fare. Non c’erano risposte da dare. Mentre la terra continuava a tremare sotto ai piedi di vecchi, bambini, disabili e di tutti quelli che non li avevano voluti abbandonare, su quel loro terzo piano dal quale non avrebbero potuto scendere. Trecento bare. L’amianto dei tetti divelti nell’aria, e sarebbe bastato respirarne una fibra. Chi l’ha inalata, lo saprà tra vent’anni. I politici che venivano, facevano un giro delle tende, senza guardare negli occhi nessuno, fissi sul display del loro smartphone, e se ne andavano, insieme ai loro comunicati stampa di sgomento e solidarietà. I campi dove si litigava per tutto, dalle coperte a una barretta di cioccolata. Nessuna informazione. Internet vietata. Le rare televisioni accese, bloccate sul TG1. La gente che non voleva lasciare la propria casa, nonostante le crepe profonde e sinistre, e nonostante le scosse continue. Gli sfollati sulle coste, sempre in ciabatte nelle hall degli alberghi un tanto a terremotato. Chi aveva perso tutto, chi tanto. Chi non smetteva di cercare. Chi ne approfittava per avere un tetto sotto cui dormire, fingendosi aquilano solo per uscire per qualche notte dal suo usuale sacco a pelo. E poi i ricchi imprenditori del nord che mettevano a disposizione le loro case in sala stampa, e poi nessuno ci andò mai veramente. E ancora i ricchi che erano pieni di case, ma approfittarono degli alloggi di fortuna, togliendoli a chi aveva veramente bisogno. I costruttori che avevano fatto case con la sabbia, e poi vinsero le gare d’appalto per la ricostruzione. I giornalisti che giravano i servizi e le alte cariche delle istituzioni che chiamavano per non mandarli in onda. E gli scienziati che facevano la guerra ai ciarlatani, ed era più importante vincere la loro guerra piuttosto che informare correttamente gli aquilani. I ciarlatani denunciati per procurato allarme, che poi venivano prosciolti perché il fatto non sussisteva. I conduttori di Porta a Porta che frugavano con le mani tra le macerie alla ricerca degli orsacchiotti. I giornalisti di Rete4 che infilavano i microfoni nei finestrini delle auto e chiedevano a chi era nell’abitacolo come mai stessero dormendo in macchina. Le promesse. La consegna di case in diretta tv, con lo spumante sul tavolo, che poi non avrebbe funzionato nemmeno il riscaldamento. I presidenti operai. La paura, La paura, e poi ancora la paura… E infine il nulla: quel velo di silenzio che, da allora, nessuno ha mai più squarciato.

I Mini Blu

Hanno radiato quest’uomo. Io invece lo voglio Ministro della Salute! Dario Miedico

Dario Miedico - Ministro della Salute - Play Questo è Dario Miedico, il medico radiato ieri dall'Ordine dei Medici. A questo mondo dove un Ordine farisaico, una casta medioevale si permette di radiare un uomo che parla in questo modo, io rispondo dicendo senza mezzi termini che voglio quest'uomo Ministro della Salute subito! E la Lorenzin...--> LEGGI TUTTO

Ecco perché non vogliono il dibattito sui vaccini: poi fanno questa fine!

Ivan Cavicci vs Virologo Pregliasco Ordine dei Medici Ecco perché non vogliono il dibattito sui vaccini: poi fanno questa fine. Il filosofo dell'Università Tor Vergata Ivan Cavicchi affronta il virologo Fabrizio Pregliasco. Il secondo è l'emblema dell'atteggiamento dei cosiddetti gran sacerdoti della scienza (anche in senso posturale, durante il confronto, fateci caso), verso il buon senso...--> LEGGI TUTTO

Cari M5S, uscite dall’angolo sui vaccini e menateje duro!

GRILLO LORENZIN VACCINIFinalmente Beppe Grillo comincia a contrattaccare sulla vergognosa strumentalizzazione delle questione vaccini ad opera del Pd farmaceutico nei confronti del MoVimento 5 Stelle. "L’oggetto della delinquenziale banda di medici, professori, lobbisti e amministratori delegati, sono le persone malate e la terapia del dolore, fare test di validazione...--> LEGGI TUTTO

Adesso vogliono privatizzare anche la Rai? Magari la diamo a Soros?

Fazio GentiloniLo ha appena detto il conduttore Fabio Fazio, riferendosi alla Rai: «ci sono Paesi che hanno dismesso o venduto le reti. Non è detto che l’assetto attuale sia quello giusto. Si può discutere, ma per farlo bisogna essere in buona fede». Cos'è.. adesso...--> LEGGI TUTTO

Stefano Montanari: “Non vogliono il confronto perché li terrorizza”.

Stefano Montanaririceviamo e pubblichiamo la lettera di Stefano Montanari al blog. di Stefano Montanari direttore scientifico di Nanodiagnostics Caro Claudio, Ho ascoltato con molto interesse il tuo intervento in cui chiami in causa il prof. Burioni. È evidente che tu Burioni non lo...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

L’ideologo di Putin: in Europa sarà presto caos, guerra civile, distruzione.

Dugin ideologo Putindi Giulio Meotti Roma. Europa e Stati Uniti hanno spesso ricambiato il favore ad Aleksandr Dugin. Un anno fa, il famoso politologo russo è stato messo alla porta in Grecia. Accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill per una conferenza sul Monte Athos, Dugin...--> LEGGI TUTTO

Il TG1 censura la Raggi. Scatenate uno #ShareStorm

Molti dei lettori di questo blog trasaliranno ascoltando alcune frasi fatte del discorso che oggi Virginia Raggi ha tenuto di fronte ai leader europei. L'Europa come "progetto visionario", come "eredità gioiosa e impegnativa", che "dobbiamo realizzare noi" perché "non poteva realizzarsi in un giorno". ...--> LEGGI TUTTO

Oggi attaccano Byoblu.com. Ma sarà presto un attacco contro tutti i dissidenti.

di Pino Cabras su MegaChip Fa molto bene Claudio Messora a sottolineare che il vero obiettivo della campagna contro le 'fake news' non erano certo quei cialtroni che infestano il web di notizie false, razziste e irresponsabili per acchiappare clic, che pure ci sono e da chissà...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie

Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter

Video dal web

Diego Fusaro: il Sacro Romano Impero della finanza e delle banche

Innanzitutto siamo entrati in un Sacro Romano impero della finanza in cui il sistema bancario detta legge, e noi sventurate plebi europee dobbiamo fare i sacrifici: "sacrum facere". Appunto qualcosa di religioso in nome del sistema bancario, una divinità demiurgica: le sofferenze sono sempre quelle del sistema bancario...GUARDA

Primarie Pd: il confronto Sky tra Renzi, Emiliano e Orlando – Integrale

Confronto Sky Renzi Emiliano Renzi Primarie Pd Integrale - PlayIl confronto Sky tra Matteo Renzi, Michele Emiliano e Andrea Orlando per le primarie Pd - Versione Integrale. ...GUARDA

Fusaro Vs Friedman – L’immigrazione è deportazione di massa: nuovi schiavi contro vecchi schiavi.

Fusaro Vs Friedman Diego Fusaro: "La storia delle ONG che vanno a prendere i poveri migranti che rischiano di annegare è la grande narrazione edulcorante con cui si mettono in pace le coscenze. Il compito della filosofia però è pensare altrimenti e criticare l'esistente, rovesciando le mappe dominanti. Continuiamo...GUARDA

Sgarbi vs Telese: Io non me ne vado, te ne vai tu!

Sgarbi Vs TeleseVittorio Sgarbi manda a quel paese la Costamagna e Luca Telese, e all'invito a lasciare lo studio risponde al conduttore di andarsene lui. Il tema è quello della legittima difesa dagli intrusori in ambito domestico. ...GUARDA

Becchi: la prova che la Germania ha creato l’euro per metterla in quel posto a noi

BECCHI PROVE EURO GERMANIA Paolo Becchi esibisce le prove in diretta tv del fatto che la Germania sapeva che grazie all'Euro "lo avrebbe messo in culo agli italiani". Potremmo svalutare la nostra moneta, e dunque tornare ad essere competitivi, ma ecco pronta la replica: svalutando crescerà l' inflazione. Vale...GUARDA

Diego Fusaro: ma quale new economy? Si chiama lavorare per niente!

Fusaro Diego Fusaro sulla cosiddetta "new economy". Dal caso Amazon in poi, è chiaro che si tratta di un nuovo sistema di sfruttamento dei lavoratori. Il lavoro prevede che ci siano dei diritti e che il lavoratore venga considerato alla stregua di un essere umano portatore di dignità e...GUARDA

Beppe Grillo a Sanremo 1989 – Le penali se dico che i socialisti rubano

Beppe Grillo Sanremo 1989 play Beppe Grillo a San Remo 1989, comunica il suo compenso in diretta e legge le penali previste dal contratto se dice che i socialisti che rubano....GUARDA

Fake news e post-verità: a chi conviene?

fake news post-verità icon play Fake news e post-verità: ormai non parlano d'altro. In Germania, dove presto ci saranno le elezioni, Facebook incarica una organizzazione (finanziata tra gli altri da George Soros) di marchiare a fuoco le notizie ritenute inattendibili. Ma "Fake news", "post-verità" e "debunker" sono solo neologismi, è la neolingua per...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>