Un ruggito per YouTube

Mediaset ha denunciato YouTube per 500 milioni di euro. Sostiene di essere stata depredata di oltre 4000 files, e di avere perduto oltre 315.000 giornate di visualizzazione da parte dei suoi telespettatori. Ma sappiamo tutti che se mostrare dei files appartenenti alle televisioni generaliste significa violazione di copyright, lo stesso non può dirsi quando televisioni generaliste mostrano files presi dalla rete. I nostri files.

Molte volte è capitato di accendere il telegiornale e di vedere scoop da prima pagina tratti da YouTube. Contenuti filmati da noi. E non ci risulta di avere mai percepito un solo centesimo. Ma la televisione non è la sola che fa manbassa dei nostri lavori. Anche l’editoria non scherza!

In questi giorni su YouTube sta andando per la maggiore un filmato dell’associazione Born Free che racconta la storia del leone Christian. Allevato in cattività, poi liberato nella savana, reincontra dopo nove mesi di vita selvaggia i suoi addestratori. Lungi dal divorarli in un sol boccone, gli salta addosso in un effluvio di mugolii e coccole. Che cosa carina! Ecco il filmato originale.

Poteva il Corriere della Sera lasciarsi sfuggire l’occasione, servita su un piatto d’argento, di lucrare un po’ sulla rete? Io dico di no. E infatti questa mattina, scorrendo le notizie della versione online, mi ha incuriosito un video relativo al tizio che ha decapitato un uomo a bordo di un bus in Canada. Chissà se anche laggiù hanno dichiarato un’emergenza sicurezza in seguito a questo simpatico episodio. Forse avrebbero dovuto.
Tra l’altro è in corso un’epidemia, visto che proprio ieri a Santorini un emulo buontempone ha tagliato la testa alla sua fidanzata e se l’è portata a spasso per le vie del borgo, tra lo stupore generale dei turisti. Una bella vacanza! La notiza riporta il link ad un video, il quale parte solamente dopo interminabili secondi di pubblicità. Tra i video correlati, sul lato destro del player, ecco il nostro simpatico leoncino. Immancabilmente, per visionare la commovente storiella bisogna sorbirsi lo spot dei sughi Barilla. Solo dopo appare il nostro beniamino, sgranato come solo un video preso dal tubo sa essere. Abbiamo visto la stessa cosa, con un pomposo logo Corriere.TV in sovraimpressione, ma soprattutto aggiungendo un penny al salvadanaio di RCS.

Insomma: il TG5 e il Corriere, tanto per fare un paio di esempi, prelevano un filmato da YouTube (che già di per sè non è consentito), lo trasformano in una macchina mangia soldi e nessuno gli dice niente. Ma se tu prendi un pezzetto di una frase di Mentanache fa cultura e influisce sull’opinione pubblica – e la usi per argomentare una tua tesi – il sale della democrazia -, per fare cultura e influire a tua volta sull’opinione pubblica, sei un delinquente e incorri nel reato di violazione del Copyright. Mi pare tristemente buffo! E’ ora di cambiare le cose.

A proposito, per quanti di voi si chiedessero chi avesse svolto questa simpatica inchiesta per conto di Mediasetloro di rete non ci capiscono una mazza, e si vede -, quella cioè di andarsi a spulciare il web a caccia di 4000 e rotte evidenze, beh questo signore risponde al nome di Matteo Flora. Ha un sito web: LastKnight.Com: l’ultimo cavaliere! E si sente insignito di una crociata per la legalità che lo porta nel post odierno del sul blog a vantarsi della bellezza di un lavoro – quello da lui appena svolto – che va contro Google.

Vi invito a fare un salto sul suo blog, a lasciargli un commento e spiegargli cosa ne pensate, di questa sua crociata. Magari anche soltanto per dirgli: “bravo, continua così!“.

Al momento, YouTube e la rete sono l’unica vera alternativa al controllo dei canali di informazione in Italia.
Difenderli è inevitabile, perchè qualsiasi sia la nostra speranza per il futuro, …non può che passare di qui.

471 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Lo psicoNANO..trema, sà che l’informazione quì vola e nn puo’ controllarla come fà cn mediaset , rai e giornali..!!! Parlando cn persone di una certa età, ho scoperto che anke loro sono aggiornati sullo “schifo politico” grazie a figli, nipoti, conoscenti, che utilizzano il web!!!!!Perciò a BERLU’ E FINISCILA DI ROMPER…ER …ZZO…STATISTA DEI MIEI .OJONI..IL LUPO PERDE IL PELO MA NN IL VIZIO.

  • mmmm a sto giro non mi trovi troppo d’accordo con te !e ti spiego perchè, in primis quando “noi” normali utenti e persone postiamo un video su un canale come youtube, lo facciamo cedendone i diritti, se postiamo dei video coperti da diritti altrui infrangiamo la legge.Di conseguenza se io volessi che i miei video non vengano usati da terzi non li posterei su youtube, o comunque non li renderei pubblici, come fà appunto un gruppo come mediaset.Era inevitabile che si arrivasse a questi punti

  • Io cedo i diritti, non in esclusiva, a YouTube. Che può cederli a terzi. Ma nessuno può usare i video di YouTube senza un preventivo accordo con la stessa. E non mi risulta che editoria e televisioni abbiano specifici accordi. Di contro, pretendono i danni.Poi vedila in senso allargato, dobbiamo lavorare per un futuro dove non ci siano più questi squilibri di forze e poteri in virtù di un diritto obsoleto. La televisione intesa come esclusivo rapporto uno a molti, come luogo elitario non ha più senso. E’ paragonabile alla monarchia dell’informazione. Oggi l’informazione è distribuita, e di conseguenza la legislazione in materia si deve aggiornare.

  • sei grande, bravo!sono d’accordissimo, qui possono rubare solo loro.Ma poi con che coraggio mediaset chiede soldi per un sopruso ricevuto, quando sta rubando le frequenze ad un’altra emittente con l’abusivismo alla luce del sole?Siamo noi che dobbiamo chiedere i danni a sti stronzi

  • ok ma neanche mediaset cede i diritti a nessuno quindi il reato in primis è fatto dall’utenza che posta video coperti da diritti ! mi spiace ma si lotta contro i mulini a vento così.Diamo a Cesare quel che è di Cesare ! iniziamo con il dire (sia per fare chiarezza, sia per informare) che postare un video coperto da diritti è SBAGLIATO, poi possiamo ragionare sul resto.Altrimenti non si uscirà mai più dall’idea che in rete è giusto trovare materiale protetto da diritti.

  • Un altra cosa..L’open Source è il futuro (Claudio installati Lunix moooolto meglio), il concetto è quello di cedere la conoscenza, cosi come l’informazione o l’arte, pensate che Leonardo ,Mozart, Fermi, ecc.. mettessero i diritti sui loro scritti? Mi occupo di programmazione e mi faccio pagare per il lavoro che faccio, ma perchè mi viene richiesto su specifiche del cliente, cosi come viene chiesto ad un sarto un vestito su misura.Il mondo sta cambiando, Gelli non poteva immaginare Internet il suo piano era valido allora, ma oggi? Potrà arrivare a controllare i media tradizionali, ma chi o cosa ci può impedire di URLARE a bassa voce la Verità da internet. Potranno cercare di falsificare l’informazione ma nulla potrà fermare la libertà di espressione di noi bloggers, nulla potra vietare a una persona qualunque di filmare o fotografare una notizia e diffonderla in rete.Chidono iutub? Esticazzi ne apriamo altri 200Hanno bloccato il p2p? No. NON POSSONO FERMARCI !!!!

  • assolutamente d’accordo…credo anche che non ci siano vere e proprie basi per vantare i danni, almeno non in termini di “pubblico mancato”…sarebbe come dire che non mi vedo una cosa andata in onda su una rete mediaset (ad esempio “mai dire banzai”) perchè conto di vederla su youtube…. capite che la cosa non regge…. certo… c’e’ il fattpo che un’opera protetta da diritto d’autore non può essere liberamente riprodotta… ma questo vale sia per Youtube che per mediaset. cmq consiglio a tutti di andare a trovare una delle ultime leggi fatte dal governo prodi dove si rendeva esplicita la possibilità di utilizzare materiali protetti dalla grande C in maniera degradata dove per degradata si intende non riproducibile sullo stesso formato…. per intenderci se vedo un’illustrazione di un libro e la voglio mettere sul mio sito lo posso fare basta che non metta l’immagine a 300dpi di modo che quqlcuno non possa prenderla e rispamparla….un’ultimo appunto…non si può non essere a favore della liberà di informazioneconsiglio però di andare a leggere quanto ha detto l’anno scorso Robert Cailliau, uno dei ricercatori del CERN che ha contribuito a creare internet (scusate la semplificazione)http://www.oneweb20.it/15/10/2007/wikipedia-cio-che-non-volevamo/la centralizzazione dell’informazione non è mai bella… più l’informazione è centralizzata e più è possibile censurarla… voi vi immaginate una rete senza wikipedia? sarebbe una rete zoppa… ed una rete senza google o peggio (come succede in cina) con alcune parole chieve censurate?la rete funziona fino a che l’informazione è distribuita… solo cosiì può essere resistente a censure, guasti e cause milionarie…quello che voglio dire infondo è: occhio… non pensiate che basti youtube a garantire la libertà… difendiamolo certo ma non demandiamo ad un soggetto singolo la pluralità dell’informazione (il che sarebbe una contradizione evidente)

  • Ho scritto a lastknight il seguente messaggio:”Io non so quanto tu sia in grado di capire il danno che stai causando. Credo che il tuo narcisismo ti impedisca di essere obiettivo. La causa contro Google è qualcosa di cui vergognarsi, altro che articolo 24.Ti faccio una domanda: nel calcolo hai contato anche il minutaggio di Rete4? Lo sai che è una rete abusiva? E quindi che introita abusivamente denaro?”Mario Valente P.S.: complimenti per i video di Byoblu! Anche se non commento, li seguo.

  • Giustissima denuncia..bravo byoblu. L’azione di condizionare o eliminare ogni voce contraria al regime è evidente. Anche su Current si cominciano a vedere piccoli accenni….occhio!

  • Robert Cailliau…si….?prrrrrrrrrrrrrrrWikipedia è una figata perchè è COLLABORATIVA!!!!!Allora anche l’ Unione Europea è una forma di controllo, tutto è una forma di controllo, è ovvio che ci vogliono dei mezzi di controllo e NESSUNO ha mai detto che Wikipedia è verità assoluta.Robert Cailliau…si….?prrrrrrrrrrrrrrrp.s. E chi se ne frega se l’hai inventato tu internert sarebbe nato ugulmete era già prototipizzato e usato dall’ esercito americano e commerciamente da Interflora su sistemi Linux.

  • 11. Contenuto YouTube sul Sito web 11.1 Con l’eccezione dei Contributi Utente, tutti gli altri contenuti del Sito web, compreso, a titolo meramente esemplificativo, il testo, il software, i caratteri, la grafica, le foto, i suoni, la musica, i video ed elementi interattivi sul Sito web (il “Contenuto YouTube”) diviene sia di proprietà che concesso in licenza a YouTube, ed è soggetto a copyright, diritti di marchio, e altri diritti di proprietà intellettuale di YouTube o dei licenziatari di YouTube. Qualsiasi marchio o marchio di servizio di terzi presente sul Contenuto YouTube resta un marchio o marchio di servizio dei rispettivi proprietari. 11.2 Il Contenuto YouTube non può essere scaricato, copiato, riprodotto, distribuito, trasmesso, diffuso, visualizzato, venduto, concesso in licenza o in altro modo sfruttato per qualsiasi altra finalità senza il previo consenso scritto di YouTube o dei licenziatari di YouTube. YouTube si riserva tutti i diritti non espressamente concessi sul e al Contenuto di YouTube.

  • ecco spuntare i soliti buffoni, falsi paladini di una legalità che va rispettata alla lettera, ma solo quando vogliono loro. L’ipocrisia di questa gente è vomitevole, parlano di legalità quando stuprano sistematicamente ogni forma di legge , costituzione o le più basilari regole di vita. Per nn parlare della morale, che manco hanno. Youtube serve alla CONTRO – informazione, libera e gestita dagli utenti, a mostrare le magagne dela censura mediatica di regime, e loro che fanno? la denunciano con accuse pretestuose. Passi anche questo, ma perchè nn parliamo delle migliaia di filmati di cui mediaset e la tv in genere si serve, provenienti da youtube? allora, tacete, buffoni. Youtube è un canale di libertà, e per questo il regime deve soffocarlo, ma nn sarà facile, lo ostacoleremo. La giustizia, è BILATERALE. Nn esiste la legalità solo quando vi fa comodo a voi, vi piacerebbe, magari è il vostro obbiettivo dichiarato, ma ancora nn lo avete raggiunto. E nn ce la farete.

  • Finalmente! In questo post si tocca un punto nevralgico di come funziona la censura. In italia abbiamo un organismo operante con leggi del ventennio fascista che è la SIAE… Era nata per il controllo della libera stampa più che per “tutelare” i diritti d’Autore.E la cosa è bella che evidente qualora si volesse pubblicare un testo piuttosto che un’elaborato musicale. Con la musica sì è effettivamente tutelati in qualche modo: l’Autore può depositare anche da solo il suo brano o la sua sinfonia… e all’Autore, come da bollettino, va minimo il 50% dei diritti d’autore spartiti con l’Editore (anche se i pagamenti sono semestrali e con un cronico ritardo di un mese o più e la documentazione prodotta nel rendiconto è assolutamente fumosa e imprecisa… in poche parole è facile intuire che ci sono ampi spazi di lucro sui proventi ripartiti agli autori delle “opere d’ingegno”, tanto coccolati a parole… ). Ma lo sfacelo vero e proprio avviene se si vuole tutelare un libro o un testo… NON SI POSSONO DEPOSITARE OPERE SENZA L’EDITORE. Ovvero si contravviente all’articolo 6 della LEGGE 22 aprile 1941 n. 633 (“Il titolo originario dell’acquisto del diritto d’autore è costituito dalla creazione dell’opera quale particolare espressione del lavoro intellettuale”). E’ evidente che questo “ostacolo” impedisce a noi tutti di bypassare gli editori… Gli Autori (solo in questo caso!!!) sono considerati a monte come dei “dipendenti”… Quindi chi è autore di opere di ingegno scritte non può contrattare un bel niente a monte con l’editore. Gli editori infatti (se si vuole stampare un libro per esempio) propongono contratti editoriali VERGOGNOSI per un paese civile. Propongono percentuali intorno al 5%. Se non chiedono addirittura il pagamento della stampa all’Autore!E’ chiaro che si impedisce così la sopravvievenza degli autori “indipendenti”… e si impedisce di fatto la famigerata libertà di stampa…Questo è il diritto d’autore in Italia (e ci sarebbe molto altro da dire).Quanto ad impugnare ai giorni nostri il diritto d’edizione in modo così becero come fa Mediaset mi pare un’operazione di controllo poliziesco su scala mondiale totalmente ridicolo e inattuale. E’ vero, pubblichiamo materiale prodotto da un network, ma è una citazione… E’ un po’ come fa Blob… Vogliamo denunciare anche loro? Impedire i “collage”, le discariche mediatiche?”Violare” il copyright in massa come accade in rete in tanti casi, vuol dire affermare un principio di libertà di circolazione delle idee. E soprattutto, tale “violazione” avviene (quasi) sempre in “forma degradata” come sostiene quella famigerata legge fatta sotto il governo Prodi, nata per reprimere ovviamente, ma che si è autosgambettata con quella parola: “degradata”. E’ tutto degradato sulla rete!…Io non sono dell’idea che l’Autore non debba lucrare sulle opere d’ingegno… e non sono per l’abolizione completa del diritto d’Autore. Sostengo semplicemente che tale diritto dovrebbe tutelare appunto gli interessi degli Autori in primis, anziché degli Editori. E per quanto riguarda internet… beh… lasciamolo nelle mani di tutti. Dovrebbe valere la regola del fair use (in Europa, che sembra essere più tollerante dell’Italia, dicono che: la riproduzione in copie o su supporto audio o con qualsiasi altro mezzo, a fini di critica, recensione, informazione, insegnamento, studio o ricerca, «non debba essere qualificata come reato»)…

  • per davdapovigRobert Cailliau non fa riferimento alla veridicità o alla buona fede di wikipedia (che nessuno mette in dubbio) anche io ritengo che sia una figata in quanto collaborativa… personalmente uso con buon profitto mediawiki sia per scopi lavorativi che per un gruppo di studio che ho con degli amici.ti invito a riflettere solo su cosa sarebbe la rete senza wikipedia. se i governi spegnessero l’interruttire di wikipedia domani (magari revocando i dns) cosa ne sarebbe della rete….quello che dice, secondo me giostamente, Robert Cailliau è che sarebbe preferibile uno strumento distribuito invece di uno strumento centralizzato…la cosa preferibile sarebbe un aggregatore sile current. se current domani venisse spento buona parte dei contenuti sarebbero ancora presenti perchè current aggrega contenuti provenienti da altre fonti (in realtà puoi anche creare direttamente su current). questa è tutt’altro che una limitazione… è la forza dei sistemi complessi.

  • ateo, non ci siamo…..Wiki(pedia) e solo il frutto maturo di una consapevolezza globale se domani lo spengono non è importante, prima di wiki c’erano i forum e prima ancora le chat, la rete si evolve nemmeno Cailliau può prevedere cosa potrà succedere, ma unicamente perchè la rete e fuori da logiche di potere mediatico, politico e commerciale. E’ fatta dalle persone che hanno solo volglia di condividere delle informazioni e anche se domani si affermasse un super miliardario che si compra tutti i siti le cose non cambieranno, perchè saranno sempre le persone a decidere se questo o quello strumento è utile, quindi il Super Migliardario deve dare cio che gli viene chiesto non quello che secondo lui e giusto dare, o quello che gli garantisce un più alto margine di profitto.La Tivvù è alienante perchè ti propinano la pubblicità e sei costretto a vederla in un modo o nell altro, con internet basta un clilk e sparisce. La cacca di internet rimane cacca.

  • quello che dici non è sempre vero…la rete non è totalmente al di fuori delle schematizzazioni politiche e commerciali. basta guardare google… se ci pensi un bel pezzo della rete si basa sulla presunta buona fede di una multinazionale…ti dico questo e chiudo (altrimenti rischia di partire un flame) nessuno finora è stato in grado di prevedere l’evoluzione della rete proprio perchè la rete è un sistema complesso dove, cioè, non sono importanti solo gli enti in gioco ma anche, e sopratutto, le connessioni. puoi fare un paragone con una goccia d’inchiorsto in un bicchiere d’acqua… puoi prevedere a livello macroscopico che l’inchiostro si spargerà in maniera uniforme per il volume del bicchiere ma non puoi prevedere il moto di ogni singola molecola di inchiostro. per quanto riguarda l’evoluzione dei sistemi complessi il raggionamento è simile anche se interagiscono vari layer di complessità che rendono più incasinata e più imprecisa la valutazione. il punto però è che accentrando troppo le informazioni questo principio di connettività diventa sfumato… quasi si perde. quindi, ribadisco, va benissimo spendersi a favore di youtube ma attenzione… cerchiamo di moltiplicare le piattafome… solo cosi’ la rete sarà veramente libera.

  • @davdapovig sei un grande pensavo di essere l’unico pinguinaro quà in giro.@ateo spettinato per quanto riguarda wikipedia1) non è pensabile di utilizzare un sistema distribuito per la gestione di un database così ampio come wikipedia, hai una vaga idea del traffico che genererebbe.In più non mi parrebbe molto sicuro avere query sql che volano in giro per la rete.In secondo luogo nessuno dei siti veramente importanti vive senza un abbondante seguito di mirror rsync. Io nel mio piccolo ho un tera di mirror.Come tale al primo blocco dei record dns spunterebbero come funghi altri siti con instradamento dinamico ad una serie di db mantenuti in sincrono tramite backup remoto. Si perderebbe un po’ di immediatezza, ma sarebbe impossibile da fermare.Tornando all’argomento della news.Palese è palese che c’è stata una violazione, ma non certo da parte di youtube fornitore di un servizio e chiaramente impossibilitato ad un controllo preventivo su tutti i video.Chi ha commesso il reato sono le migliaia di uploaders.Ovviamente Mediaset non puòmuovere causa nei loro confronti, primo perchè il numero renderebbe infattibile la cosa, secondo perchè il 50% sono sicuramente elettori o figli di elettori dell’attuale maggioranza.Visitato e ovviamente messaggiato l’esperto di sicurezza. Per conoscenza posto a voi quanto scritto.”Credo che sia perfettamente inutile che tu ti difenda, visto che hai chiaramente posto la tua conoscenza, in cambio dei 30 denari, al servizio di un sopruso bello e buono.Mi pare palese che chi a commesso il reato di violazione del copyright sia chi ha postato il video e non chi ha fornito il servizio.Inoltre è inutile che dimostri che la RAI ha richiesto la rimozione di alcuni video (cosa per quando lecita), mi pare che i tuoi clienti nemmeno ci abbiano provato ad una soluzione conciliante.Mi consola solo che la rete ha una lunga memoria, mio piccolo Tsutomu Shimomura della rete italiana.Se sarai fortunato ti aspetterà un inglorioso ritorno all’anonimato, altrimenti verrai additato come l’italico giuda informatico.Spero ti abbiano pagato abbastanza per esserti venduto la coscienza.”

  • Impedire la riproduzione di audio video di mediaset su you tube non va contro all’articolo 21 costituzione? Non limita la libertà di espressione? Se non si possono citare fonti dirette, come si può sostenere un’argomentazione?Io credo che gli spezzoni ripresi su you tube siano semplici citazioni, ilbollino del canale è sempre in basso a destra…no?!I video mediaset non sono di proprietà mediaset nel momento in cui pubblicano o trasmettono quei contenuti.Tutti dovrebbero esser liberi di diffonderli citando le fonti, no?!!Se si rende pubblico, significa che ciascuno può usufruire di quel servizio.

  • La cosa più sconcertante è che parla di innovazione per il suo sistema di crawling (ricerca automatica di contenuti).Per i meno tecnici il crawling funziona così, carico una o più pagine di partenza, rilevo gli hyperlink presenti e applicando alcuni filtri inizio a seguire il “flusso delle informazioni”.Cavolo ma youtube ha il motore di ricerca, basta poco per ottenere tutti i link richiesti.Adesso faccio uno scriptino che ricerca su google per “byoblu” e registra in un database i link che rileva, così anch’io potro fregiarmi del titolo di pioniere del crawling italiano.Se me lo chiedeva io ho gia un programmino che scarica da gracenote la discografia di un gruppo, cerca in youtube per i titoli delle canzoni e mi carica un file html, con tutti i link ai video.Con pochi “ritocchi” avrebbe fatto il suo lavoro,magari lentamente.Lo so sono schifosamente pigro, ma farmi le compilation a mano proprio non mi va.

  • Premesso che la tua opinione è importante quanto quella di tutti, credo che stavolta sia necessario dirti che stavolta, secondo il mio modesto parere, hai toppato alla grande…Flora ha anche pubblicato una FAQ sull’argomento che rende ancora più l’ottica del tuo filmato molto vicina ad una caccia alle streghe totalmente immotivata…Un po’ come Gian Giacomo Mora di un novello Manzoni non credo proprio che tu abbia beccato la persona corretta…Al massimo dai contro a chi ha fatto l’Atto, non la perizia….http://www.lastknight.com/2008/08/04/the-very-big-faq-of-mediaset-vs-youtube/

  • Per fortuna che c’è Veltroni che deve fare YOUDEM!!!! :))))http://www.ansa.it/opencms/export/site/notizie/rubriche/altrenotizie/visualizza_new.html_732940627.html

  • per quanto riguarda il Pinguino, ragazzi, non sono un grosso esperto ma.. Dubito che riuscirei ad avere la flessibilata audio-video che la mia attività richiede, sia a livello di software che di compatibilità hardware.

  • YuoDem? Un pochino più di fantasia per il nome? Magari in Italiano….Divagazione…Byo non sottovalutare mai il pinguino soprattutto in accoppiata con VirtualBox faccio notare che Mac sotto sotto è linux.

  • per una volta sbagli byoblu esistono delle distro ad hoc per l’audio-video.io purtroppo (per esigenze di lavoro) ho dovuto relegare la mia fedora su una chiavetta :-(@gnubit faccio il programmatore e ho qualche esperienza da sistemista mi immagino il flusso di dati… è proprio questo il punto per creare una buona rete devi minimizzare il backup. ti devi mettere nella condizione in cui se un nodo viene meno non perdi tutte le informazioni ma solo una parte (possibilmente trascurabile) immaginati che figata impostare una ricerca su un sito che cerca negli altri nodi adiacenti della rete (più o meno come se fosse un dns) ed impacchetta i dati in 3des… con buona probabilità ti fumi pure le censure (in stati come cina e presto anche da noi).per quanto riguarda il topic del video in finale è vero. se io accendo la tv mica sto’ firmando un contratto (come di fatto faccio per la rai quando pago il canone) cmq mi ricordo che anni fa quando mi capitava di riempire i borderau della siae (mi è capitato di organizzare un paio di concerti) non si dovevano annotare i pezzi che duravano meno di 30 secondi. se lato server i video vengono spacchettati sotto quel taglio e poi reincollati “al volo” per farli vedeere all’utente (come se fossero tanti capitoli) secondo me si bypassa anche questa legge stupida…

  • A me sembra chiaro il tentativo di essere imparziale da parte di Matteo.Gli date dell’incoerente ma in realtà l’unico problema è che alcuni, come i politici che tanto odiano, dovrebbero leggere tre volte quanto scritto.Non voglio flameggiare, tutt’altro. Sto solo cercando di farvi ragionare. Non è che chi attacca google è nemico dell’informazione! (precisando che non sembra essere stato matteo ad attaccare..).Come ben ha evidenziato Matteo, YouTube non è mica l’unico strumento di informazione esistente eh. Oltre ai già citati servizi, sono disponibili un sacco di alternative, libere e decetralizzate, per la fruizione di contenuti.La cosa difficile da capire però forse è un altra.Ragazzi, anche io vorrei che internet venisse riconosciuto come isola felice. Dove l’anonimato e una sottospecie di anarchia rendono tutto perfetto.Purtroppo la realtà è un altra. Il diritto d’autore prova a colpire anche qui, nonostante ci sembri un offesa il fatto di non vedere ricambiato il nostro principio di condivisione…poi, ma questo è un mio parere, non è che i video incriminati facciano proprio informazione eh.L’informazine della rete dovrebbe essere totalmente distaccata da quella della televisione. Altrimenti come facciamo a dimostrare qual’è la migliore?

  • Beh sono d’accordo quasi su tutto… a parte il fatto che quel tizio lo fa per lavoro e non per scelta personale, ha fatto semplicemente una catalogazione dei filmati…

  • ho visto la risposta un po stizzita di LK….. mah…. secondo me è guerra aperta….Comunque credo che tra i video di mediaset, segnalati, ci saranno quelli che sbugiardano emilio fede…

  • per davdapovig: Osx non è linux!! Non facciamo confusione! OSX è un sistema unix a tutti gli effetti. la versaione 10.5 ha pure la certificazione.Linux è un sistela Like-unix, che è un pelino diverso 😀

  • @ il precisino Per essere precisissimi non è unix, è BSD.BSD è un derivato di unix, contrapposto alla famiglia dei system 3 e 5.GNU è un progetto a parte nato da 0 e linux è un kernel derivato da concettualmente da minix (a sua volta un derivato di BSD).Particolare che tutte le distribuzioni di linux usino un sistema init tipo system 5 tranne la più antica (fra le sopravvissute) e derivate che usa il sistema BSD.Scusate la sbavata, ma per Slackware ho un amore profondo.@io daccordissimo, se avesse fatto la sua ricerca a puri fini “culturali”, per soldi mi fa schifo. Un suo predecessore (il già citato Shimomura) viene tuttora additato come il massimo esperto di sicurezza giapponese ed uno dei maggiori infamoni dell’informatica.@ByoBlu se mi fai un elenco dell HW che usi ti dico se e come lo puoi utilizzare con linux.Potresti anche fare un esperimento con dynebolic contiene cinelerra che è uno spettacolo.Purtroppo sono di parte, se esiste l’alternativa open io la uso. Credo che comunque il mio nick mi avesse già tradito.

  • @Federico, approfitto per risponderti con il messaggio che ho pubblicato sul blog di Matteo Flora, così chiarisco la mia posizione.

              

    Devi essere per forza pressappochista se devi dire tante cose in uno spazio ridotto a meno di dieci minuti, che idealmente dovrebbero essere meno di 3 o 4 per essere davvero seguiti.Quello che mi preme è avere acceso una discussione su un tema che è molto delicato.Vedi, tutto quello che dici su YouTube, ovvero che è un servizio come un altro, che in fondo non è un convento di fraticelli e suore, il rischio privacy.. è vero.Quello che viene trascurato da tutti questi aggettivi “forensicsicistici” è però il motivo che rende il nervo tanto scoperto.Il motivo è che esiste una parte di italiani, che generalmente coincide in larga parte con quelli che si informano in rete, che crede che la televisione sia un enorme megafono di propaganda che instupidisce la gente e controlla le menti. Cosa che in generale è sempre vera ovunque, ma che in Italia assume un sapore eccezionalmente aspro grazie alla concentrazione dei mezzi di informazione nelle mani di un piccolo gruppo oligarchico, che gestisce con la bacchetta magica di un direttore d’orchestra le partiture di giornalisti di ogni colore (colore “apparente”).Non sono le farneticazioni di pochi paranoici, ma le molteplici denunce di molti, e degli stessi che lavorano all’interno del “sistema”.Dimenticare questa simpatica peculiarità nell’affrontare questa discussione è eludere completamente la radice autentica della profonda reazione emotiva.In questo senso, YouTube rappresenta un luogo dove, volente o nolente, l’immediatezza dei video e la community cresciuta attorno alle features offerte dal portale hanno un altissimo valore sociale, rappresentando un luogo simbolicamente di estrema speranza, e nella pratica un efficientissimo mezzo di confronto leale, ad armi pari.E’ inutile negare che non frega niente a nessuno se da YouTube toglieranno i milioni di spezzoni di Amici, di Grandi Fratelli e così via. Anzi, personalmente ne sarei anche lieto, così ci sarebbe più spazio per le autoproduzioni che in questo modo risalterebbero di più.Il vero pericolo è rappresentato dalla possibilità che in mezzo a queste “migliaia” di evidenze siano caduti anche quei filmati che tentano di fare un’informazione diversa da quella “ufficiale”, contrapponendo spezzoni di dichiarazioni, stralci di interviste, servizi di telegiornale a riflessioni, dibattiti, argomentazioni che realizzano quel contraddittorio che oggi è totalmente assente da Mediaset così come dai canali Rai.Questo è il vero senso del dissapore verso questa azione legale di Mediaset, perlomeno per come lo leggo io, e in quest’ottica avrei considerato con estrema attenzione e cautela la possibilità di partecipare alla creazione di un precedente che dia modo a chi vuole imbavagliare le idee non autorizzate di avere il pretesto di farlo.Il materiale sconfinato che è stato caricato relativamente agli interventi dei politici, degli opinionisti, di quello o quell’altro personaggio pubblico che hanno sostenuto questa o quella tesi, ha un valore immenso per non perdere la memoria storica di una nazione culturalmente appiattita, e ricrearlo da zero una volta perduta la piattaforma significa mandarlo in fumo.Talvolta è anche questione di coscienza.

  • @byoblu Complimentoni. Una delle più grandi badilate di letame (ma infiocchettata) che sia mai stata tirata ad una persona.Pure io che di natura sono parecchio bastian contrario e dialetticamente combattivo opterei per una umiliante ritirata.In parte nemmeno avevo intravisto questo lato della questione. Infatti ho sempre visto molto limitato il valore di Youtube come sito d’informazione, non ne avevo analizzato il valore come immane memoria storica. Immane buco nero dove storicizzare le boiate sparate dalla nostra classe politica.

  • In effetti, come ha rimarcato Claudio, non credo che il nocciolo dell questione sia l’open source o meno, o la scelta di questa o quella piattaforma di condivisione, ma la difesa della libertà della rete (e di tutti noi, bloggers e libere internet tv) contro noti interessi corporativi (in particolare quelli del premier autoimmune con mediaset in calo del 30%).Dietro la richiesta di risarcimento rivolta a Youtube io ci leggo un certo rodimento: “Ma, cribbio, li pagate voi i diritti, fannulloni sessantottini che ospitate centinaia di mie caricature?”. Dopo le intercettazioni di conversazioni private ora il padrone ha paura anche della sua ombra registrata dalle sue stesse reti e riverberata nel mondo. E, ci giurerei, dei noti video che lo discreditano all’estero… Spero che venga sommerso dalla “spazzatura” come la chiama lui. La sua paranoia cresce… Ma non si può tappare la bocca al mondo intero. Addirittura, in modo sagace, degno del miglior Peppino De Filippo, mostrando la sua agendina alla stampa, ha finito per sputtanarsi da solo (come ha rimarcato anche Travaglio)…Sfoderare la difesa del copyright è mossa molto in ritardo con la consolidata tendenza generale attuale… E sarà l’ennesimo danno all’immagine dell’Italia. Ormai sempre più rozzamente reazionaria e retriva anche agli occhi del mondo.

  • Valerio.. non ci credo.Si è sputtanato da solo. Mitico :)Orami è al delirio più totale. Si autocelebra e si autodenigra.Tra un po’ si comprerà anche YouTube e poi si querelerà da solo. :))

  • Giustissima denuncia..bravo byoblu.L’azione di condizionare o eliminare ogni voce contraria al regime è evidente.Anche su Current si cominciano a vedere piccoli accenni….occhio!

  • #11. Contenuto YouTube sul Sito web11.1 Con l’eccezione dei Contributi Utente, tutti gli altri contenuti del Sito web, compreso, a titolo meramente esemplificativo, il testo, il software, i caratteri, la grafica, le foto, i suoni, la musica, i video ed elementi interattivi sul Sito web (il “Contenuto YouTube”) diviene sia di proprietà che concesso in licenza a YouTube, ed è soggetto a copyright, diritti di marchio, e altri diritti di proprietà intellettuale di YouTube o dei licenziatari di YouTube. Qualsiasi marchio o marchio di servizio di terzi presente sul Contenuto YouTube resta un marchio o marchio di servizio dei rispettivi proprietari.11.2 Il Contenuto YouTube non può essere scaricato, copiato, riprodotto, distribuito, trasmesso, diffuso, visualizzato, venduto, concesso in licenza o in altro modo sfruttato per qualsiasi altra finalità senza il previo consenso scritto di YouTube o dei licenziatari di YouTube. YouTube si riserva tutti i diritti non espressamente concessi sul e al Contenuto di YouTube.

  • Dopo aver reso ricattabile la magistratura italiana, mister B. deposita la sua citazione tramite mediaset. L’obiettivo può essere quello di assumere il controllo della divisione italiana di youtube, se esiste una divisione italiana, e mi pare che esista il youtube.it, il che significa che questo risponde alle leggi italiane. Potrebbe avere (capa lustra) attaccato solo dopo essersi assicurato la vittoria. Se Arcorino ce la fa…sono cazzi che si sprecano…perchè checchè se ne dica, lui ha dimostrato che quando vuole ottenere il controllo su qualcosa, finisce che se la prende. 500 milioni di euro sono un bel buco da colmare, ed una eventuale rivalsa di Youtube se la dovrebbe vedere direttamente con F. Confalonieri, che fa più politica di Silvio. La ricetta è collaudata e funziona, processi +politica= Silvio avanza. Certo, le informazioni non possono essere del tutto fermate, ma sicuramente possono essere ridotte quanto basta. Lavorano sodo ragazzi, e non sono degli sciocchi. Non sono neanche degli illusi. Ce la mettono tutta. Se vincono questa causa, il potere dello psico n. assume una pericolosità internazionale, ma il vero mistero per me resta gli italiani. Non la capisco tutta questa pazienza, secondo me non è nemmeno pazienza, è ipnosi.Quella di Mister B. potrebbe essere una mossa articolata a lungo termine, calcolata e finanziata dalla massoneria per indebolire economicamente Youtube, mentre Mediaset pompa le proprie casse e le properie azioni legali attraverso i finanziamenti illeciti provenienti dai mondi occulti delle società segrete e dalle attività illegali nelle quali il premier si è già contraddistinto. Una sorta di assalto in forze per sfinire il tubo, abbattere il muro, abbassare il ponte levatoio ed assumerne il controllo. in altri termini indebolendolo economicamente si potrebbe spingerlo a vendere. Il piano di rinascita democratica è stato realizzato. Viene citato Gelli quando si parla di ciò ma non si parla per esempio del generale Westmoreland che ha contribuito enormemente alla stesura tattica del piano. Quello che voglio dire è che non bisogna farsi abbagliare dall’egoismo di Silvio Berlusconi. Egli è lontano dall’operare solo per se stesso nella misura in cui le sue gesta lo hanno reso ricattabile. Temo che l’Italia di oggi sia il modello che i poteri occulti tenteranno di esportare un pò ovunque. E temo che l’unica soluzione sia che ognuno si guardi meglio dentro, per capire laddove pure lui è un pò berlusconi. E’ li che bisogna agire. E’ così che si estirpa un mondo di ricattati ricattatori.

  • MI scuso con tutti per le divagazione ma non posso esimermi.Caro @precisino se di precisione vogliamo parlare la differenza sostanziale tra MS e Unix sta nel Kernel in quanto il primo e multikernel mentre il secondo è monokernel Linux e monokernel cosi come OSX mentre Winzozz e multikernel pertanto se linux e OSX sono base unix è sicuramente un imprecisione affermere che sotto sotto è linux ma sicuramente sono figli dello stesso papa.

  • Bhe @Alessandro,la vedo un po dura che mediaset (piccola televisione di provincia) possa vincere una causa cone GOOGLE (colosso mondiale), ma facciamo che alla fine la spunta sto tappo maledetto. Cosa puo succedere? 1 Sappiamo che non è più libero 2 Non potremo più pubblicare contro informazione (su iutub) Risposta… ESTICAZZI!!! Sapete quanti iutub ci sono in rete? Come non li conosce nessuno? E noi cosa stiamo qui a fare: a insegnare a chi non sa dove trovare la verità e a mostrargliela. Pensate che Mister B.eota si possa comprare tutti i media mondiali cos’è il Führer dei media? L’ultimo cavaliere ha ricevuto mandato x un lavoro, è stato pagato e ha fatto bene a farlo. Che sia un imbecille, senza etica è un suo problema (ballerò nudo sulla sua tobma in una notte di plenilunio cantando canzoni celtiche eurinando sulla sua fotografia). L’ informazione Vera si può fermare per un pò, puoi farci soffrire , puoi impostare un governo dittatoriale (o quasi), puoi spremerci fino a farci cagare anche l’ultimo centesimo…. ma….. VAFFANCULO NOI NON CI ARRENDIAMO!!!!! Siamo noi i “ragazzzi” dai 20 ai 40 anni che abbiamo il dovere di fare qualcosa per il nostro paese, affinche si migliore, libero e democratico.

  • Una vittoria legale è possibile, farebbe scuola, ben oltre la vicenda singola.Il problema è come fare, senza dire alla Lupo Alberto: “… vai avanti tu, che mi scappa da ridere”.

  • Da precisare credo che tra i video incriminati sono stati esclusi quelli che riportano spezzoni di programmi inferiori a 1 minuto. Fino a un minuto, quindi, sarà sempre possibile utilizzarli.

  • Ps. Io non sono d’accordo perché l’informazione dovrebbe essere libera e usufruibile da tutti, ma purtroppo la legge dice esattamente l’opposto.La legge comunque invecchia ed è limitata, perché sono gli uomini che la fanno. Quando gli uomini e le società cambiano … anche le leggi devono cambiare.

  • La legge comunque invecchia ed è limitata, perché sono gli uomini che la fanno.Quando gli uomini e le società cambiano … anche le leggi devono cambiare. YESSSSSSSSSSSSSSSS!!!!!!!!!!!!!

  • E’ quello che sta facendo Berlusconi. Cambiare le leggi, la Costituzione…NON FATEGLI RIFORMARE ANCHE LA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE per favore!!!PS: E comunque: è violazione del diritto d’autore mostrare un pezzo di telegiornale? E’ forse un'”opera di ingegno”? Mah!… Credo che sia semplicemente un fatto, ritagliato da una persona di buona volontà, ed esposta ai commenti dei naviganti. Se poi è una “gogna mediatica”, c’è chi la merita tutta.

  • In spagna Mediaset con Telecinco, aveva richiesto la rimozione dei suoi contentui a youtube, senza chiedere risarcimenti. Ovviamente con l’obbiligo di segnalare il materiale che effetivamente violava i suoi diritti d’editore.Qui in italia hanno preso una persona (che si è quasi sputtanata, anche perchè invece di vantarsi del suo operato, poteva semplicemente dire che non aveva idea dell’utilizzo che ne avrebbero fatto del suo lavoro, tralasciano l’ingenuità su un’accordo tra mediaset e youtube per i contenuti…), che ha raccatato più di 4mila video, in base a questo, mediaset ha calcolato i giorni di mancati introiti pubblicitari, chiedento un risarcimento di base di 500 miliono di euro (qualcuno sa dove sta il servizio del tg 5 sull’argomento ?). Faccio presente che per mediaset sarebbe stato molto più facile denuciare Libero Video e Dailymotion italia, che sono gestite da Infostrada e telecom italia, due aziende italiane che operano in italia con questi due portali video (che tra l’altro permetto di mettere dei contenuti un pò osè, cosa che youtube non permette…che furbi 😀 ). Invece ha puntato sul più grosso, ovvero youtube. Se riesce ha estorcerli quella grossa somma, se non di più, sarebbe un messaggio bello potente verso altri portali video, che sono più piccoli in termini di diffusione, oltre che finaziariamente, non potrebbero reggere un contezioso con cifre cosi consistenti, considerando anche la lungezza e l’incertezza dei processi italiani.Di conseguenza, per prevenire beghe legali con mediaset, cominceranno ad attuare policy più restittive, che cancellerebbero video per ogni minima cosa che potrebbe portarli nei guai……Comunque faccio anche notare, che i video che sbugiardano ad esempio certi servizi dei TG italiani, prendono tutta la trasmisione per più di un minuto….

  • Si è vero. I video che sbugiardano durano anche più di 1 minuto.. sono d’accordo che l’obiettivo mediaset sia proprio quello che dice Ciny2…e NATURALMENTE sono contraria!La legge non la deve assolutamente cambiare Berlusconi!!! Dovrebbero essere i cittadini che votano le leggi, che protestano quando le cose non vanno come dovrebbero andare. Lo dice la nostra costituzione… il potere legislativo è in mano al parlamento ( e Berlusconi non è il parlamento no?!!) e tutti i cittadini hanno il diritto-dovere di partecipare alla politica.Questo paese, a mio avviso, ha bisogno di video che criticano TG, programmi e dichiarazioni aberranti e fasulle in TV… soprattutto perche l’informazione ufficiale (sia mediaset o rai, sia corriere o repubblica etc..) non fa il suo dovere come dovrebbe;ma è anche vero che uno spazio come you tube, forse, non dovrebbe esser il luogo nel quale si caricano puntate intere di programmi ( tipo amici o i cesaroni etc) senza la minima critica.Forse basterebbe integrare il limite del tempo (1 minuto) con l’utilità della “citazione” ai fini della critica… ovvero si può riportare spezzoni di programmi i per una durata tale che sia sufficiente a far comprendere la critica che vi si vuole innestare.

  • Davdapovig, se facciamo che il tappo vince la causa col portale del video più grande del mondo, facciamo anche che la legge gli ha dato ragione e facciamo che la stessa citazione può essere mossa a tutti gli altri portali con tanto di precedenti sentenze di supporto. Inoltre prendi un’abbaglio considerando Mediaset e la holding Fininvest, una piccola televisione di provincia, persino paragonandola a quello che tu chiami il colosso Google. Mediaset è uno dei più grossi imperi mediatici del mondo, ed attraverso Fininvest opera a livello internazionale, ma la cosa che è continuamente sottovalutata è il modo in cui si finanzia. Quando avendo a che fare con un animale della razza di Berlusconi cominci a parlare trincerando le tue ragioni dietro alle leggi che ti dovrebbero tutelare, ti accorgi che la legge non tutela niente e nessuno se non c’è chi la fa rispettare, e se chi dovrebbe far rispettare è già al soldo di chi la calpesta, beh signori i discorsi da fare sono molto pochi: bisogna ricominciare d’accapo. Perchè non mi va di stare li in Italia a farmi il culo? perchè moooolto prima che questo personaggio salisse a cariche di governo, mi sono sforzato di spiegare che lo scopo del neoliberismo, (cosiddetto libero mercato, che libero non è per niente), non è assolutamente quello di produrre democrazia o libertà. E tutti quelli che come me hanno additato asfalto luccicante come il fantoccio del più alto ideale neoliberista, in italia ed in europa, si sono presi da scemi da tutti quelli che adesso, che l’acqua (o meglio la m…a) ha superato e sommerso il livello di guardia, si sentono nel cosiddetto DOVERE di mobilitarsi e di additare (e dai co sto dito) tutti quelli che non fanno nulla a riguardo. L’Italia era un paese con delle leggi costituzionali straordinarie, un baluardo da difendere. Mister B. non ha nemmeno avuto bisogno di cambiare la costituzione, l’ha bypassata direttamente con le televisioni arrivando in un colpo solo a gestire la percezione della realtà degli italiani. C’è un passo semplicissimo per togliere gran parte del potere dei Berlusconi: spegnere la tv, dimmi quanti conosci disposti a farlo.

  • Nadia, youtube ha già un limite per i video che è di 10 minuti, anche se spesso non si capisce con quale fottuto criterio opreano, visto che ogni tanto spuntano dei video che superano di poco il limite (tra la sciano moltissimi video caricati nel periodo pre google).A mio parere il limite di un minuto per sbugiardare ad esempio gli sproloqui di Emilio fede è insufficente, al meno chè uno non fa un video a più parti, ma li la praticità va a farsi benedire.

  • Cmq non ho capito una cosa..sarà che di Diritto non ci capisco un mazza perchè normalmete io sono Storto (battuttaccia…..), ma…..Google che fa sta zitta…Voglio dire un essere bruttino tappo viene da te portandosi sotto braccio il suo ultimo cavaliere (totale 2 cavalieri brutti) e ti dice io voglio un tot di sesterzi perchè ha pisciato fuori dal recinto, e tu che fai stai zitto e aspetti.

  • La quotazione in borsa di google mi pare sia stata gestita dalla Goldman Sachs. Fatevi un paio di conti su come possono girare le informazioni dietro le fila dei consigli di amministrazione.

  • Leggendo una notizia oggi mi è sorto un dubbione.Youtube trasmetterà (max 3 ore algiorno) le olimpiadi nelle nazioni dove i diritti non sono stati acquistati dalle tv.Quello che mi incuriosisce e se sia una boutade estemporanea o siano prove tecniche “di trasmissione”.Google sicuramente è economicamente imponente (per fortuna non è un ente), e basa la sua fortuna sulla pubblicità. Se stesse accarezzando l’idea di entrare nel mercato della trasmissione di eventi sportivi?Sky sicuramente potrebbe resistere al contraccolpo essendo a copertura mondiale, ma le piccole reti “nazionali” … tipo RAI e Mediaset?Non si troverebbero forse ad avere un pachidermico concorrente, se non altro in grado di portare alle stelle i costi di acquisizione dei diritti sulle manifestazioni sportive?Meditate gente, meditate …

  • @ciny2Ti assicuro che non sarebbe affatto difficile per youtube permetterti di caricare 25 file da un minuto e farteli vedere in sequenza.

  • Alessandro il 05/08/2008 alle 17.09 scrive: La quotazione in borsa di google mi pare sia stata gestita dalla Goldman Sachs. Fatevi un paio di conti su come possono girare le informazioni dietro le fila dei consigli di amministrazione.Ciny2 il 05/08/2008 alle 18.45 scrive: Che vorresti dire ???Voglio dire che all’interno della politica italiana, politica tutta inciuciata col cavaliere, è zeppo di uomini della Goldman Sachs, Prodi e Draghi compresi, perciò è molto probabile che il biscione sia altamente informato sull’andamento degli affari di google tramite gli uomini della Goldman Sachs.

  • @Ciny2A mio parere per sbugiardare Emilio Fede serve molto meno di un minuto!! 😉 Basta mandare la sua facci in you tube.. e anche senza che apra bocca … ormai si piglia le offese!!!!Cmq a parte questo. Ripeto che sono d’accordo sul fatto che il imite di un minuto sia una cavolata pazzesca! Blob forse paga i diritti d’autore a mediaset??!!!!!!!

  • Ciao. L’esempio di Corriere, può essere applicato a Repubblica ed a tanti altri editori, non solo Italiani ma mondiali dunque va oltre la querelle Mediaset vs YouTube: RAI e La 7 hanno aperto canali su YouTube, fatto accordi e chiesto a YouTube laddove ce ne era bisogno di rimuovere i propri contenuti. Non è giusto attaccare Matteo Flora, che in fin dei conti ha fatto il lavoro che gli hanno richiesto: bisognerebbe invece dedicarsi con più attenzione e dettaglio al problema del diritto d’autore applicato all’informatica. La normativa in Italia (e non solo) è sempre abbastanza ambigua e YouTube in questo caso è un fenomeno nuovo per questo la sentenza (come tutte le altre finora intentate ai danni di Google) potrebbe essere importante in futuro per i legislatori e per chi produce i contenuti.

  • I diritti d’autore sono una stronzata come i brevetti se inventi qualcosa lo devi rendere disponibile a tutti altrimenti rimaniamo al palo.OPEN SOURCE!!!!!!!!!!!Nadia non ho capito:Blob forse paga i diritti d’autore a mediasetè un avvermazione?Perchè se è cosi mi incazzo di brutto…

  • Senti… io sono un compositore… ritengo che le mie opere vadano tutelate e voglio sapere chi e come ci lucra su. Un autore dovrebbe difendersi dagli editori, parassiti di idee altrui!…Il discorso cambia quando non c’è alcun fine di lucro o non si intravede l’ombra di un’opera d’ingegno (le uniche che debbano aver diritto alla tutela, secondo me) e gli intenti dichiarati sono divulgativi, didattici o di critica. Se è per semplice informazione o se si usa uno spezzone di un servizio giornalistico non vedo né opera d’ingegno, né fine di lucro. La critica di quest’uso è politica, restrittiva della libertà di parola e di critica. E’ questo da combattere.Non sono d’accordo sul prelevare tranquillamente grafiche altrui, musiche altrui, testi altrui, video altrui, per assemblare opere (D’INGEGNO) presentate come “nuove”, a meno che non siano dichiaratamente “citazionistiche”.Per il resto la SIAE, e il diritto di autore che tutela, si mostra molto spesso gretta e inattuale. Persino un po’ troppo paranoide. Ma lo sapete che anche per i volantini (se si usano foto o grafiche non originali) si dovrebbero pagare i diritti?… Ovviamente non lo fa nessuno!… Quanto all’esclusiva di trasmissione di audiovisivi (tipo telegiornale o ciò che si è ben lungi dal definire opera d’ingegno) su ogni media diverso da quello originale è ulteriormente discutibile (e se lo si fa in forma degradata o con scopi d’archivio storico?). Questo principio dell’esclusività è secondo me un abuso del concetto di diritto d’autore… Un abuso degli editori, che dovrebbe essere stroncato in quanto palesemente illiberale (nel suo intento di sottrarsi alla storia e alla critica).

  • Complimenti Claudio,Beppe Grillo ti ha dedicato il post quotidiano,un’occasione unica di visibilità,ottimamente supportata dalla qualità del tuo spazio.Di libera informazione ce ne bisogno come l’aria da respirare.Viva la rete,sempre e comunqueSaluti,Ivo

  • Come al solito la TV si credono le migliori e doppiano senza problemi i siti come Youtube, convinte avendo tutte attacchi politici di avere pronte sempre Leggi Paraculo, e guarda caso Berlusconi è il socio di maggioranza della società che ha fatto causa a Youtube…che strano caso ke non sia stata la RAi o LA7…

  • io mi sono fatto questa idea:abbiamo a che fare contro una legge del copyright che OGGI affronta una cosa pù grande di lei di almeno 100 volte! ma che purtroppo c’è..e dobbiamo farne i conti!moralmente è quello che ci diciamo fra noi è tutto giusto e lo sappiamo tutti, ma forse per ora solo moralmente..(?) (almeno finchè non si regola questa situazione del copyright)

  • 28anni di TV MERDIASET sono servite oltre che per vendere spazi “PUBICItari”,anche per Rincoglionire (demenzializzazione di massa)un intero Paese,con Programmi Trash,Soap Opera,TetteCuli(nascono le teleseghe;la vera sega comunista),….in pratica la Dittatura oggi s’evoluta e non e’galera o manganello,ma controllo delle TV e dopo la gente fara’cio’che vuoi,perche’resa ignorante e stupida;ce lo conferma anche l’U.E.(che siamo i piu’ignoranti e stupidi d Europa)! oltre la Repubblica delle banane”

  • eh ragazzi….chi è più forte crede di poter fare quello che vuole.può prendere video di altri,ma non vuole che si prendano i suoi..è così in ogni campo.che vergogna mediaset..

  • Ecco la vera faccia dei massoni globali. Si ritengono padroni di tutto e di tutti. Unico scopo di esistenza: togliere ogni diritto possibile e poi farsi pagare per “concederli”. Cosí si sono appropriati delle risorse naturali e dei servizi pubblici: acqua, spiagge, sanitá, scuole, trasporti, energia. L’inquinamento ambientale lo fanno gratis x poi arrikkirsi x risanarlo. L’aria pulita diventerá un bene a pagamento. Cosí andrá fino all’ultima LIBERTÁ da privatizzare. RETE LIBERA! Leggete Chomsky!

  • La cosa più scandalosa non è solo il fatto che i giornali prendano i video da youtube, ma che possano guadagnare grazie ad essi. La pubblicità della Barilla prima del video dei leoni ne è l’esempio principe. E perchè chi ha messo il video non può guadagnarci?In riferimento al copyright, invece, non credo che ci sia per quei prodotti televisivi che sono stati già trasmessi in chiaro. E mediaset ancora trasmette in chiaro per la maggior parte dei contenuti.

  • la verita che quella merda di televisione ha paura di youtube e della rete,sia dal punto di vista dei media perche il futuro e su internete se funzionera come adesso gente come emilio fede non la cachera nessuno o solo insulti,e dalla libera informazione che merdaset ha paura o non puo censurare come avviene sulla tv italiana che e’ tutta del nano,che invece di informare parla di veline e di chi si sono scopate,cominciamo a difendere la liberta da qua o ci sara un punto di non ritorno

  • I really wish I knew Italian better- But from what I sort of understand your media companies are mad at youtube? Like the viacom here in america right? Copy right complaints? right?Illuminati likes to control everything

  • Copirght complaints, exactly. But claudio argues that just as youtubers sometimes post tv contents, very often other media (tv, newspapers an so on) DO USE contents taken frome the tube!!!

  • Grazie byoblu, un video molto istruttivo.Esilaranti i commenti mentre naviga: “farsi fare certe cose da un leone NON ha prezzo, con Mastercard”uauahahahahahah

  • Il potere + democratico + grande ed invinvibile é nelle nostre mani se solo ce ne rendessimo conto: BOYCOTTARE CON IL RIFIUTO. Non comprare mai giornali e altri prodotti fininvest, non vedere mai tv mediaset. Vedrai lo psiconano perdere tutti i miliardi delle mafie riciclati all’estero e moltiplicati con le tv clandestine e i giornali ottenuti da giudici corrotti. SCIOPERO DEI CONSUMATORI CONTRO SERVIZI E PRODOTTI DEI MALFATTORI. Questi sono da sempre i veri nemici dell’Italia e degli italiani.

  • Non mi sento di attaccare LK, anche se questo suo lavoro, smonta la sua figura di difesa della rete.Leggendo il suo posto, non si vanta di andare contro google, ma spiega semplicemente che è stato il primo in italia ad usare certi metodi per indagare su queste cose. Di certo non poteva immaginato che mediaset avrebbe usato tali dati facendo dei calcoli assurdi per una mega richiesta di risarcimento!!Però non si deve lamentare se viene criticato per aver fatto questo lavoro a prescindere. LastKnight adesso non sarà più ben visto come prima. Diciamo che anche volendo, non poteva nascondersi visto che mediaset aveva fatto il suo nome….Comunque non esiste solo youtube, se cade questo, ci saranno altri servizi 😀 Però è strano, fanno causa a google, ma non ha libero video e Dailymontion, che sono controllati da aziente italiane in italia….

  • sono in vacanza… mi attacco alla rete dopo una settimana di finti TG…avevo addirittura ascoltato un breve trafiletto sull’episodio, e speravo proprio che “uno di Noi” si mobilitasse per denunciare quest’indecenza.grazie Byo, non ci deludi mai!

  • P.S. Non è il primo caso di CENSURA PROCESSUALE: si querelano latori di notizie scomode per scoraggiare chi non puo’ permettersi di sostenere onerose spese legali… quando torno dalle ferie mi fiondo al Meet Up… VOGLIO UNA LISTA CIVICA!a costo di presentarmi personalmente!

  • A parte la delizia di veder confermata la mia convinzione che gli animali sono migliori di molte persone, sicuramente più grati e meno ipocriti, in fondo penso che Mediaset cominci a mostrare una certa “strizza” nei confronti della rete. Attacca senza prima aver verificato di non essere senza peccato…Chi la fa l’aspetti…chissà che questa cosa non gli si ritorca contro.E via con la diffusione

  • no, no. rainet ha visto il video, lo spezzo, ha avvisato youtube e yuotube mi ha avvisato!volevo dire a buttiglione di mettersi il gelato nel c**o, dopo la sua voglia di gelato gratisse…

  • e che cazzo centra? se tu lo imitavi che facevi di male? non capisco è assurdosicuramente a buttiglione un gelato in culo gli piace eccome (e non scherzo)

  • Bravissimo…erano giorni che mi facevo i tuoi pensieri su questa vicenda…Poi riflettiamoci e facciamoci questa domanda: il 90% delle cose che vengon riprese e messe su youtube quando mai le rivedremo su mediaset?…dovrebbero ringraziare quest’opera di divulgazione che fa della scelta oculata il modo per conservare alcune “perle”.Certo che chi ha più vuole…eeeeeh si, l’ingordigia è proprio un brutto vizio.

  • ..sei bravo, ma atteggiati di meno…saresti più credibile e meno “piacione”…continua anche tu la tua lotta…che poi è quella di tutte le menti libere…

  • avete visto il viedo CENSURATO DALLE TV ITALIANE!GUARDALO TUTTO,ILLUMINANTE!2/5al 6:45 c’è un personaggio importante del corriere che parlando ad una assemblea di giornalisti addirittura piange riferendosi alla “cacciata” di berlusconi dell’ex direttore de bortoli e di biagi…chissà perchè e che umiliazione per la democrazia lui vede..

  • GRANDE… come sempre.E no…non “atteggiarti di meno”Chi scrive simili commentinon ha capito che è… semplicemente…il TUO STILE …che rende così specificamente gradevolee/o interessante ciò che commenti…

  • Mi unisco alle tante voci di apprezzamento che ti ringraziano per quello che fai.GRAZIE BYOBLU!Cercheremo in ogni modo di non lasciare che imbavaglino anche la rete!

  • se denunciano youtube, vuol dire che HANNO PAURA! L’audience sta calando e la loro spazzatura comincia a non filarsela più nessuno, pian piano, stanno perdendo il loro potere, perchè la gente si sta svegliando

  • Mi sembra di ricordare che quando carichi sul tubo un video poi puoi scegliere se permettere che siti esterni utilizzino il tuo video. Evidentemente questo è il caso dei video presi dal corriere e compagnia bella.

  • puoi inglobare video di youtube solo utilizzando l’oggetto specifico, ovvero il player di youtube. Il corriere ha un suo player specifico e quindi opera al di fuori della legalità. Lo stesso per mediaset che scarica i filmati.

  • YouTube è un mezzo straordinario in tutti i sensi. Cos’è YouTube? E’gratis?Su YouTube si inseriscono i propri dati, si comunica tramite e.mail, tramite commenti, video, si esprimono opinioni, è una comunità… e tutto ciò viene venduto perché se ne traggano informazioni statistiche e personali.Le Corporation che vogliono psicanalizzarci per poterci vendere subdolamente meglio i loro prodotti creandoci sempre nuovi bisogni (la loro verità), pagano “oro” queste informazioni.Occorre coscienza E tutto il giochino a finto gratis avviene con i blog, meetup, forum…Stiamo facendo ciò che vogliono finché vorrano. Cosa fa Casaleggio Associati legata a Beppe Grillo e al’On.Di Pietro?In questo mondo, così come è oggi, YouTube non potrà essere “libero” per sempre.Questo Grande Fratello ha la possibilità di chiudere i giochi quando vuole, basta che apra gli occhi e veda il copyright.Ma c’è una seconda possibilità, quella che vede la gente diventare responsabile delle proprie azioni. Allora YouTube non servirà più, perché a questo serve!

  • Quello che dice Matteo nel suo Blog “è da vedersi in ottica di forensics” e’ da speculatori o da stupidi, vediamo il perche’:In una democrazia normale, lo potrei anche capire. Fai il tuo lavoro e vieni pagato. OK.Ma in questo caso, il presidente del consiglio controlla sei televisioni nazionali su sette e la maggior parte dell’editoria Italiana, e adesso sta provando ad imbavagliare la rete. 1) casoGiustificare che questo non e’ un problema e’ da speculatori (fanculo l’etica, penso prima alle mie tasche)2) casoFare finta che questo non esista e’ da stupidi, come quelli che vedono il dito e non la luna. Io penso a gente come Luttazzi che e’ andato dritto nella bocca del leone (ricordi la putata con Travaglio?) ha perso il lavoro e Berlusconi gli ha fatto causa per 20 Milioni di Euro ed e’ uscito vincitore.Penso a gente come Piero Ricca (ricordi il “Fatti Processare buffone”?) ed e’ uscito vincitore.E poi vedo la ricerca che fa Matteo e che dice “è da vedersi in ottica di forensics”.

  • vadano a fare in culo sia gli addestratori di animali selvaggi sia i cavalieri diabolici anti-youtube. Grazie per questo video ….e fate qualcosa laggiù in Italia come i francesi ( abito in Francia da due anni )che dopo le vacanze sono pronti a far scoppiare il finimondo contro Sarkozy, un altro pezzo di merda con la sua ” loi edvige “.

  • Hai detto una cosa molto interessante nel tuo intervento… La soluzione passerà dalla rete. Non c’è dubbio, anche perchè il resto è tutto suo. C’è piuttosto da stare attenti che non se la compri lui la rete, almeno a livello nazionale, impedendo a google di indicizzare determinate richieste e, guarda strano, capita già: l’altro giorno ad ogni mio tentativo di ricerca che contenesse le parole “berlusconi youtube”, la risposta era che la mia richiesta non poteva essere soddisfatta al momento.

  • Chi gestisce i mezzi di comunicazione sa bene che la rete da la possibilità agli internauti di interagire fra loro, commentare e giudicare le notizie “dando la voce” a chi ha qualcosa da dire e questo a loro non sta bene perchè il loro modo di comunicare non da a chi li ascolta la possibilità di mandarli anche la dove meritano di stare, interagire in questo periodo storico è fondamentale ai fini della sopravvivenza, in un era in cui c’è ancora chi vuol imporre il suo stile di vita.

  • siamo nell’era di internet, tutti “rubano” a tutti.Il problema è che se noi chiediamo i danni non ci caga nessuno, se lo chiede mediaset vince.E’ la legge del piu’ forte, come sempre.

  • Io penso che youtube non può(non deve),”finire” mai,perché è uno strumento innovativo,tecnologico,di libertà di parola e pensiero,insomma il futuro,che dà spazio ai nuovi talenti,e alle nuove idee,proprio per questo ieri ho messo l’anteprima del mio nuovo progetto.

  • non saprei, non ho mai clonato filmati televisivi o pezzi di film, perchè non mi interessa, io pubblico solo video o slide fatti con roba mia, e se me li clonano me ne frego perchè lo sapevo già prima che funziona così … l’ errore lo ha commesso chi ha dato l’occasione a mediaset o altri per rompere le palle agli utenti di toutube … perchè l’ occasione fa l’ uomo (d’affari) LADRO !!! però vedete, tutti loro, tv e giornali, impunemente usano nostri filmati … w l’ italia , tsè … 5*****

  • Matteo flora aka Lastknight ha fatto un nuovo post del suo blog, leggetelo 😀 Ti da del pressopochista 😀 Sarebbe bello un dibattito video tra voi due :DComunque lui è ingenuo se pensa che mediaset faccia accordi con youtube, per i motivi che ho ripetuto fino al vomito 😀

  • Certo i fortissimi interessi ci sono!! Ma ci si doveva aspettare che le rivendicazioni arrivassero. Le normative in materia non sono rinnovate ed esiste il copyright . La battaglia da fare è quella dell’aggiornamento legislativo che tuteli la pluralità realmente democratica dell’informazione soprattutto se alternativa come quella su Youtube.

  • youtube è libero..chiunque voglia può mettere sul web..la televisione si paga e ci sono più interessi. Di chi è la colpa? Youtube è innovativo, non si paga un cazzo..Allora cosa facciamo? cerchiamo scuse per questo?

  • Sempre più persone hanno preso contatto con la propria coscienza, la verità è dietro l’angolo, youtube ha dato a loro “carta e penna” ed è stato messo nero su bianco;credo che assisteremo alle più grottesche macchinazioni mai attuate prima d’ora da parte di “loro”.Ci hanno preso per il culo per cinquant’anni con la TV, cinquant’anni sono tanti…tutto però finisce prima o poi.Chi lo avrebbe mai detto che un Pc…una connessione ad internet…poi youtube…avrebbe fatto sto casino:)

  • Addirittura difendere Youtube (Google)??!!?? Cerchiamo di mantenere i piedi per terra. Google non ha bisogno nè di te nè di me per difendersi, anzi, credo che noi tutti abbiamo priorità ben più urgenti rispetto a questa. Per quanto sia d’accordo concettualmente con byoblu non posso far altro che mettermi alla finestra e vedere come finirà questo scontro tra titani commerciali dove non esiste certo un debole contro un forte come mi sembra che qualcuno sia convinto…Sveglia.

  • X NerekADSl.Forse stai un po’ sopravvalutando la questione. Se Youtube perdesse la causa contro Mediaset dovrebbe semplicemente sborsare una cifra decisa dal giudice per colmare i mancati guadagni del biscione e nel futuro ci sarebbe maggiore attenzione sulla pubblicazione di video coperti da copyright, soprattutto di mediaset. Punto. Basta. Non finisce il mondo nè Youtube, semplicemente si stabilisce cosa è liberamente pubblicabile e cosa è soggetto a copyright internazionale(e perchè).

  • quello l’ho capito, ma non potrai inserire i discorsi di uno della tv per poi controbattere e dire la tua su quell’accaduto, capisco i copyright per le canzoni, ma per le notizie no. dopo che una notizia è stata data non vedo il senso di proteggerla, è tutto per prendere soldi ad un sito libero. un inizio per tappare la bocca.

  • Non la vedo esattamente così. Determinate citazioni di qualunque programma si possono fare (altrimenti non esisterebbe blob). Il problema è che su youtube c’è ben altro, ci sono interi pezzi comici, intere trasmissioni, canzoni e via dicendo. Io sono il primo a gioire e godere di tanto materiale ma allo stesso tempo sono cosciente che i titolari dei rispettivi diritti si facciano vivi e li reclamino in qualche modo. Ci sono tanti motivi per odiare mediaset, ma stavolta qualche ragione ce l’ha.

  • e quindi noi non possiamo mettere la sigla di Lupin III ma mediaset può far vedere per esempio il video che ho fatto io dell’elicottero? e perchè?, secondo me la mediaset faceva prima a starsi zitta.. medaset vuole arrivare al punto che per vedere un loro video devi collegarti al loro sito e beccarti la pubblicità, io un periodo andavo a vedermi le iene, cavolo, ho ancora in testa da frase “arriva windows vista sta” (“sta” perchè era un diffetto del filmato)

  • La televisione è oramai morente e ha paura della rete come la vittima con il suo assassino, e se non verrà inglobata nella rete sarà destinata a morire, come una sorta di legge naturale del più forte.Il bello è che i primi esperimenti di diffusione televisiva furono tentati attraverso il CAVO TELEFONICO

  • peppeddu, mi sono permesso di cancellare il tuo commento dove dai i dati di Matteo, soprattutto il suo indirizzo. E’ vero che si trova sul WHOIS, che è pubblico, ma è anche vero che molti non sanno neppure cosa sia, il WHOIS, e non possiamo basarci sul buon senso che induce ad un uso ragionevole e civile di tali dati. Un conto è ricevere commenti in un blog, cosa che può fare perfino piacere in termini di visibilità, un conto è trovarsi della gente sotto casa. Sei d’accordo?

  • Stanno tentando di oscurare e di mettere dei limiti anche a internet. Non gli bastano tv e giornali. La rete è l’ultimo ostacolo per la realizzazione del piano di rinascita della P2. Si batteranno fino all’ultimo per riuscire a modificare l’opinione pubblica completamente. Ma, parafrasando Beppe Grillo, loro non molleranno mai, noi nemmeno.

  • hai ragione,i video di youtube fanno cultura ed influiscono sull’opinione pubblica e sono l’unico mezzo alternativo di massa alla TV convenzionale….proprio per questo a Berlusconi non va bene youtube…perchè come ho già detto controlla il 90% delle televisioni italiane in una sorta di dittatura madiatica dove può dare le notizie che vuole come vuole.

  • hai ragione,i video di youtube fanno cultura ed influiscono sull’opinione pubblica e sono l’unico mezzo alternativo di massa alla TV convenzionale….proprio per questo a Berlusconi non va bene youtube…perchè come ho già detto controlla il 90% delle televisioni italiane in una sorta di dittatura madiatica dove può dare le notizie che vuole come vuole.

  • hai ragione,i video di youtube fanno cultura ed influiscono sull’opinione pubblica e sono l’unico mezzo alternativo di massa alla TV convenzionale….proprio per questo a Berlusconi non va bene youtube…perchè come ho già detto controlla il 90% delle televisioni italiane in una sorta di dittatura madiatica dove può dare le notizie che vuole come vuole.

  • byoblumi piaci tutanto per parafrasare una pubblicità.ma del resto ha ragione Grillo, ci hanno rubato le parole.se uno si chiama casa delle libertà e poi attenta costantemente a tutte le poche piccole libertà rimaste dopo l’11 settembre e altre scuse per limitarla, cosa ci rimane?difendiamoci! anche se nessuno ci ascolterà proviamoci!

  • ragazzi berlusconi era e fa parte della p2 che è una loggia massonica coperta, che veniva pienamente appoggiata dalla massoneria che per pura operazione di immagine la rese coperta per far finta che detta loggia era lontanta dai suoi obbiettivi e modi di fare. In realtà l’apaprtenenza alla massoneria (perchè comunque è massone) ha favorito in mille modi l’ascesa di berlusconi a cominciare da incomprensibili prestiti di favore da parte delle banche… …e quando è entrato a far parte della p2 non ne parliamo..i poteri occulti hanno un enorme potere nella società italiana in particolare guardate il video “A Clockwork Orange -illuminati Kubrick” sul capolavoro di kubrick arancia meccanica in cui spiegano i simboli e la venerazione del “sole” e del “fallo” (pensate ai grembiulini e a dove somno messi). Se non si capisce questo e come sono questi poteri imbevuti di occultismo non si capisce cosa realmente accade… …e per dimostrarvi che non sono per forza anche antimassone aggiungo fra i poteri occulti i gesuiti con il vaticano e i servizi segreti (vabbè che il vaticano ha i cavalieri di malta che sono il loro servizio segreto), avete mai sentito parlare di “trance-formation of america” libro di Cathy O’Brien sulla cia fa davvero pensare.

  • redkeys ha scritto:”vabbè che il vaticano ha i cavalieri di malta che sono il loro servizio segreto”.Inesatto:l’Ordine di Malta è ANCHE un servizio segr, ma SOPRATTUTTO un CANALE OCCULTO della diplomazia vaticana.I VERI SERVIZI VATICANI SONO ALTRI.

  • mediaset che chiede i danni a youtube è come dire l’editoria della carta stampata chiede i danni ai network televisivi.è evidente che i tg di tutti prendono le notizie dai giornali.la pubblicità si è spostata tutta dai giornali alle tv quindi il danno ci sarebbe.l’hanno ripianato con le sovvenzioni alle testate.bella storia italiana

  • non è corretto, la pubblicità c’è ma puoi non guardarla.prova a fare una ricerca con la parola pubblicità qui su you tube vedrai che te ne esce una quantità pazzesca.ci sono spot degli anni 90, 80, 70 e anche di carosello.considera che c’è anche chi la studia o la ricorda con tenerezza.non credo che la pubblicità sia un male in se ma l’uso che se ne fa può essere dannoso.

  • sono troppo stanco per vedere le pubblicita’, il marketing di merda …sono solo un povero operaio; non riesco a capire,tanto ci sono abituato a sorbire ogni tipo di Kazzzzata dal Dio in terra.

  • il fatto è che sti cazzo di canali come la TV e i giornali sono morti e non lo sanno! Vedono l’avanzata e ormai ogni scusa è buona anche con 500 milioni di Euro!! Notate una cosa gente! mandano in onda i video di you tube o le notizie dai blog quando c’è qualcosa di divertente che fa ridere o cazzatine e le notizie sportive! ma quando c’è qualcosa di serio come la monnezza a Napoli o quando Grillo infama lo psiconano e le varie denunce fatte da persone comuni le notizie mica le riprendono!

  • Grande Claudio, finalmente Beppe ha messo uno dei tuoi video nel suo blog, e questo e’ uno dei migliori.Mi chiedevo da tempo quando lo avrebbe fatto,il tuo contributo in rete e’ determinante.

  • Non sanno come colpire la rete è un primo tentativo, ho paura e temo profondamente in un’inibizione solo italiana, se si è fatto una legge solo per salvare se stesso saprà fare anche il resto è un individuo senza scrupoli e molto cattivo.

  • Scusa ma i video che mettiamo su YT non sono soggetti a violazione in quanto non ne abbiamo depositato i diritti…quindi si presuppone che siano di tutti no? Mi ragguagli in proposito? Grazie ciao!!!

  • Grande Byo, penso che alla mediaset gli si ritorcerà tutto contro, incominciamo a boicottare le sue reti, e i prodotti da loro pubblicizzati, e poi i 500 mil. di euro sai dove se li ficcheranno…….?

  • la spazzatura a Napoli è sparita perchè l’hanno messa nei programmi TV.Se non prendono il nuovo dalla rete sono praticamente fermi, non hanno nulla di interessante nei loro palinsesti, le solite facce (come in politica) e le solite cose, e adesso vogliono i soldi dal Tubo, ci manca la denuncia ad Internet per aver loro tolto degli spettatori:)Questi imprenditori del cippalippa sanno guadagnare solo con i fallimenti, dalle denunce e con le truffe telefoniche, bancarie ed edili.che brùta gènt!

  • trascuri un fatto importantei filmati su youtube presi dalla rai, sono stati FINANZIATI DA NOI COL CANONE!!!assurdo… praticamente pretenderebbero che li paghiamo due volte.

  • Tutti gli italiani dovrebbero chiedere i danni a Mediaset per aver rovinato almeno tre generazioni con i loro programmi indegni, da maria de filippi a buona domenica, da ciao darwin a lucignolo, dalla corrida al bagaglino, un porcaio che offende milioni di persone ogni giorno, vergogna!!!!!!!!!

  • solidarieta’ a youtube,mediaset ha sempre usato i video dei nostri colleghi-utenti per far andare avanti i loro ridicoli tg,i bulli(ricordate gli studenti indisciplinati?),per non parlare dei motociclisti che in autostrada superavano di gran lunga la velocita’ consentita,studio aperto sopratutto ne ha usufruito a livelli giganteschi.mediaset secondo me denuncia youtube non solo per soldi,ma anche perche’trasmette video di grillo,guzzanti e travaglio e altri..un ostacolo per la dittatura mediaset

  • bravo bel video, ottimo argomento, e manco a dirlo sono andato a postare sul sito del giuda, che per trenta denari ha venduto tutti noi.Lastknight dei miei stivali, cerco che la parola cavaliere in tutte le ligue mi sta diventando indigesta.Viva il Saladino Beppe e la sua ciurma di briganti!!!!!

  • se 4.000 video sono stati visti da 2/3 milioni di utenti, un solo video di youtube mandato in onda su tg5 viene visto da 4/5 milioni di spettatori.. la differenza è enorme! a questo punto youtube dovrebbe chiedere il doppio di risarcimento a mediaset per ogni singolo video mandato dal tg5!!

  • Voglio ricordare che fino a prima del black out elettorale, sulla pagina iniziale di Youtube è stata presente per un mese l’immagine di silvio berlusconi e del PDL, adesso, silvio si vuole riprendere i soldi che ha speso in pubblicità da youtube con gli interessi?

  • Berlusconi hai rotto! Adesso anche YouTube! Ma chi l’ha votato proprio non si vergonga!Comunque se mediaset dovesse vincere credo che ci vorranno più di 3000 soldati per placarci!!!!

  • Bravo complimenti bel video e soprattutto, verissimo. Chissà dopo questo forse ci penseranno 2 volte prima di denunciare violazioni di copyright… oppure dovranno guardarsi dall’utilizzare i nostri video FREE come hanno sempre fatto per anni.

  • Bravo complimenti bel video e soprattutto, verissimo. Chissà dopo questo forse ci penseranno 2 volte prima di denunciare violazioni di copyright… oppure dovranno guardarsi dall’utilizzare i nostri video FREE come hanno sempre fatto per anni.

  • Bravo complimenti bel video e soprattutto, verissimo. Chissà dopo questo forse ci penseranno 2 volte prima di denunciare violazioni di copyright… oppure dovranno guardarsi dall’utilizzare i nostri video FREE come hanno sempre fatto per anni.

  • Penso che google(youtube)non si lasci intimidire proprio, la tv piano piano sparirà o almeno si avrà un tv connesso 24 ore a internet con cui parlare, chattare e condividere idee con il resto del mondo senza nessuno (mediaset e rai) che faccia da intermediario.

  • c’è una crociata mondiale contro youtube, non solo gli spiccioli che ha chiesto mediaset. Ultimamente Viacom ha vinto una causa con youtube che è stata costretta ha cederle tutti i suoi dati sugli utenti, una torta ben più grossa di quella che vuole mediaset. Ancora in Italia pochi capiscono il vero motore del funzionamento di questo media, di internet. men che meno la cosiddetta classe dirigente, la quale, a parte qualche eccezione, youtube l’a solo sentito nominare.

  • @Giangio19non penso proprio, stanno togliendo tutti i diritti e non vedo nessuno in piazza, e quando ci va grillo invece di 40 milioni ne siamo massimo 3.000.000. siamo un popolo a novanta, aspettiamo sempre gli altri.

  • A me fa ridere la motivazione data da Mediaset per giustificare la citazione. Secondo loro Youtube gli ha fatto perdere telespettatori. Ora mi chiedo, ma se non ci fosse Youtube, davvero la gente guarderebbe le minchiate targate Mediaset?

  • …Ma chi e’ Enrico lucci ?quelli del filamto del leone pesavano 30 kili in due ,,Con Giuliano Ferrara il finale sarebbe stato piu’ truculento e divertente .Forza GOOGLE mangiali in un solo boccone! ma come un leone Selvaggio dalla Savana ed Affamto .

  • Io spero che mediaset vinca, così la finiremo di vedere le vaccate che trasmettono. Non sentirò di sicuro la mancanza di studio aperto e lucignolo

  • ‘FAIR USE’ e’ questa la parola chiave. Fair Use e’ una dottrina giuridica in vigore in USA secondo la quale NON C’E’ MAI VIOLAZIONE DI COPYRIGHT se il materiale viene usato allo scopo di illustrare un pensiero o concetto ed in ogni caso se non c’e’ scopo di lucro. GUARDARE WIKIPEDIA

  • io ormai e mesi che non guardo piu’ telegiornali ne rai ne merdaset ho un abbonamento a sky e discovery cannell piu’national geographic sono le uniche trasmissioni televisive che guardo almeno li c’e’ un po’ di cultura e informazzionese proprio voglio farmi due risate guardo per due minuti il tg 4 di fede ma non piu’ di 2 min senno inizio ad avere i conati di vomito ma all’inizio almeno ridola rete li schiaccera’ perche’ la rete siamo noi

  • senza google, wiki e il tubo, oggi saprei 1 decimo di quello che so, e non avrei praticamente le basi per farmi delle idee tutte mie, dovrei (come fa molta gente) ascoltare cecamente la Tv e i giornali, oppure fregarmene..internet è libertà, non si possono porre freni alla libertà

  • Ha pienamente ragione mediaset e rai non vogliono che si pubblichino dei loro filmati mentre nei loro tg spesso e volentieri fanno vedere dei filmati presi da youtube tutto questo senza chiedere il permesso ai proprietari dei file.Spero che prima o poi ci sia qualcuno che li denunci e richieda risarcimento danni per svariate migliaia di euro.

  • Hai davvero ragione ma sai che proprio non ci avevo pensato a questo aspetto?! Quindi devo sempre dire viva you tube. Anche se in qualche aspetto nutro delle perplessiyà su questo tubo ma cmq lo visito spesso perchè da una grnade informazione.CONSIGLI- perchè non ci metti i sotto titoli in inglese e lo fai vedere o lo mando a you tube stessa?- perchè non fai un provino alle iene? hai proprio il loro stile bravo e complimenti.Cmq youtube non è posito al 100% in generale

  • GRANDE come sempre Byoblu, su una cosa però non sono d’accordo: è meglio correre a farsi una MEGA doccia dopo aver dato la mano a certi personaggi e non dopo aver ricevuto affetto da un animale! O no???

  • ho visto il filmato sul sito del corriere.ho deciso di segnalare la cosa a bornfree, torno sul sito del corsera e il video non c’è più!avevo ancora la finestra aperta e ho fatto uno screenshot 😉

  • scaricate dal mulo “Diario del saccheggio” di Solanasdocumentario sul crac argentino!!!!!!scaricatelo e divulgateloè uscito nelle sale italiane nel 2006 ed è rimasto in proiezione un paio di giornipoi l’hanno ritirato prima delle elezioni!!chissa come mai!!!!!

  • mediaset può intentare tutte le cause ke vuolekontro yb e i suoi fruitori tanto è una batta-glia legale già persa…mi meraviglio dei con-sulenti (il)legali di mediaset,ma non hanno pensato ke altrettanto possono fare gli youtubers nei loro konfronti…quando si dice la lungimiranza…ps:Grande Claudio,kome sempre d’altronde!!!

  • E i nostri cari politici hanno da ridere quando la Cina oscura o non fa vedere completamente cosa succede nel mondo….ma si sa che i Cinesi copiano e sono sicuro che dai nostri governi(sia di destra ma sopratutto di sinistra)hanno imparato molto

  • Si credeva, a torto, che la diffusione di Internet avrebbe moltiplicato i rendimenti delle vendite.In realtà Internet ha aumentato la condivisione delle risorse.E’ come se, invece di prestare un cd a 5 amici, lo potessi prestare a 5000 amici contemporaneamente.Il fututo è nella condivisione delle risorse, che costeranno sempre meno.Pensate se su ogni tetto ci fosse un pannello solare e l’energia prodotta si condividesse come le informazioni su Internet: sarebbe praticamente gratis!

  • Il concetto di ‘diritto d’autore’ è molto più paradossale di quanto non sembri.Nella musica, nella medicina ecc.ecc. si fa sempre ricorso al ‘patrimonio cognitivo’ dell’umanità per produrre qualcosa di nuovo, ma poi non si vuole ‘rendere’ per quanto si è ‘preso’.Non dico assolutamente che sia lecito RUBARE A MAN BASSA, ma sinceramente trovo la GPL molto più sensata e produttiva che non l’ossessione del copyright.PS: sbaglio o mediaset occupa abusivamente l’etere? Spudorati …

  • Si rete 4 occupa abusivamente le frequenze analogiche, ma grazie a leggi para chiappe trasmette ancora.comunque il copyright è diverso dal diritto d’autore.

  • A proposito il caro prodi dopo aver preso soldi dalla comunita’ europea a fondo perduto(488)per una delle sue ceramica (mirage) chiude i battenti sembra a settembre…ecco perche’ DE MAGISTRIS non poteva indagare

  • anche chomsky è americano,anche micheal moore è americano, anche centinaia di attivisti per i diritti umani sono americani.Se uno critica l’America, non critica tutta la nazione, ma la sua politica.è come se all’estero criticassero berlusconi e poi non potrebbero dire che amano l’italia.è come alla visita militare, se ti piacciono i fiori ma non vuoi fare il fioraio, ti mandavano dallo psicologo.

  • al militare a dire il vero, se dicevi che ti piacevano fiori, ti davano dell’omosessuale ma se era l’opposto per loro odiavi tua madre Oo

  • E’ noto che nel momento in cui una informazione viene resa pubblica, essa non ha più alcun valore.Con Internet ogni tipo di informazione può essere diffusa ovunque in un istante e in tempo reale questa viene condivisa.Il giornalismo quindi deve adattarsi ed il “mestiere” di giornalista non può più essere considerato un lavoro a tempo pieno che solo alcuni possono fare ma semmai una attività part time che ne integra un’altra principale.Ogni utente di Internet è un potenziale giornalista!

  • Come sempre,Byoblu posta dei video di interessante attualità.Vorrei però sapere cosa possiamo fare noi “piccoli pesci” per difendere la libera informazione e youtube..Credo ben poco..!Detesto dirlo,ma anche Mahatma Ghandi si sarebbe arreso all’ideale di non violenza ai giorni nostri.

  • stiamo già facendo tantissimo. Credimi. E se distribuirai DVD ai tuoi amici/parenti con i video tratti da YouTube, chiedendone il consenso degli autori o magari prelevando i files dai loro siti, farai ancora di più e fari ancor prima.Io credo che non esistano nemici in senso assoluto, ma solo persone poco informate, o informate male.