La rete ESISTE. Finalmente.

La grande balla di Berlusconi in Abruzzo

Video correlati

 

Lettera a Soru Dalla P2 alla RETE Il Discepolo 1816

 

Iscriviti alla newsletter

 
Ecco i risultati del vostro impegno e della vostra partecipazione. La grande balla di Berlusconi in Abruzzo approda sui quotidiani. Ora sarà più difficile sostenere che LA RETE non serve. Ma soprattutto, qualcuno dovrà cominciare a dare delle spiegazioni. Grazie a voi.
Dopo l’articolo su L’Unità di ieri, riporto il testo dell’articolo apparso oggi su IL CENTRO.
«Le promesse all’Abruzzo? Un trucco ben documentato»
Sul sito dell’Unità il video del discorso di Berlusconi a Chieti il 12 dicembre

PESCARA. «Cari abruzzesi, che avete cantato felici “Meno male che Silvio” c’è, il 12 dicembre 2008 a Chieti; lo avete proclamato re in casa vostra» ma lui «vi ha tolto mezzo miliardo di euro promettendovene sedici in cambio del vostro voto». Inizia così il video di Byoblu.com ripreso dall’Unità di ieri, nel quale si attacca la politica del premier fatta di «promesse non mantenute». Per l’Unità è l’occasione per avvertire i sardi, in procinto di rinnovare il consiglio regionale, di non cadere nella trappola delle false promesse: «Per la Sardegna», scrive il quotidiano di Renato Soru, presidente uscente della Sardegna e candidato presidente alle elezioni, «Berlusconi ha parlato di un piano Marshall (un suo must). L’Abruzzo insegna. E il video di Byoblu insegna». Il nodo della polemica è nella promessa fatta da Berlusconi dal palco di Chieti di far approvare dal Cipe, il Comitato interministeriale per la programmazione economica, il 18 dicembre scorso i fondi per le infrastrutture regionali.
«Ma il Cipe», si commenta nel video, «si è riunito come previsto e nel verbale che riporta gli esiti della seduta si apprende che ha stanziato 7,3 miliardi di euro per le infrastrutture, non sedici. Ci sono fondi per la Calabria, fondi per le aree montane, fondi per la tratta autostradale tirrenica Rosignano – Civitavecchia, fondi per il sistema Mose di Venezia. Perfino la Moratti è venuta giù a chiedere dei soldi per l’Expo di Milano. Non figura da nessuna parte la velocizzazione della Pescara – Roma. Di più, non c’è un solo euro per l’Abruzzo!». La questione dei fondi sottratti è stata sollevata più volte dai parlamentari abruzzesi del Pd. In occasione del primo Consiglio regionale il Pd ha chiesto a Chiodi di farsi promotore per far restituire all’Abruzzo i fondi della ex 488 garantiti con un decreto da Prodi.
 

Guardatevi bene questo spezzone tratto da Quinto Potere. Poi, quando la pelle d’oca vi è passata, prendete una webcam, iniziate a registrare e gridate:

 

“Sono incazzato nero. E tutto questo non lo accetterò più!”.

Mettete lo spezzone su YouTube con il tag ‘BYOBLU‘ e mandatemi il link. Vi pubblicherò sul blog, uno ad uno!

39 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Caro Claudio,

    innanzitutto complimenti e grazie per la tua opera di Informazione (l’unica volta che si possa usare a ragione la I maiuscola!). Non solo la Rete ESISTE, ma direi anche che, come la ‘goccia’, anche la Rete ‘scavi la pietra’.

    Pian piano sempre più gente si sta accorgendo che i media tradizionali non bastano più per avere una informazione realmente pluralista e ‘completa’. Procediamo su questo fronte!

    p.s. segnalo questa iniziativa: http://zerointernet.wikidot.com/start

  • Ho visto la lettera aperta a Soru…
    Ottime e pertinenti osservazioni.
    Purtroppo il pifferaio magico gode di ottima salute e ha sempre uno stuolo di topi che lo seguono con il paraocchi, che non sanno dire molto più che "E’ talmente ricco che non ha nessun interesse a rubare!"…
    … Ma non bisogna perdere le speranze!
    ciao
    Roberto Cadeddu
    sardo ‘non residente’ in Sardegna, e pertanto non elettore, ahime!
    (L’ahimè era riferito più alla prima che non alla seconda situazione)

  • Sei un grande, fossero tutti come te gli italiani, ora questo paese non farebbe cosi schifo..Sono una sarda che confida nell’intelligenza dei suoi conterranei e spera che la sua terra si possa ancora salvare..

  • COMPLIMENTI. Ci vuole coraggio ad andare pubblicamente contro quel nano malefico!! !e tu con i tuoi video sei riuscito…e spero farai capire alla sardegna che e solo un cialtrone!!!sei un grande!!!MEGLIO SORU!!

  • Straordinaria la videolettera. E’ noto il fatto che nel campo della comunicazione Berlusconi abbia pochi pari… Il fatto è che i Sardi si trovano di fronte ad una scelta tra promesse che potrebbero essere false e cinque anni di governo regionale molto negativi ( e questi purtroppo sono veri) . Grandissimo colpo di teatro la gufata finale…..

  • Grazie mille, Claudio,

    per ciò che stai facendo per la mia Regione la nostra Italia.

    Stiamo crescendo…

    Stiamo svegliando…

  • ok,ora bisogna bisogna incominciare a preparae una lettera per Obama,Comunità Europea per quando il ns Governo vorranno oscurare la rete.

     

    ciao a tutti

     

  • Abbiamo bisogno di informare la maggior numero di persone nonostante la loro pigrizia. Ma che cosa farà DiStefano? Quali le nuove?

  • Sei molto gentile a scrivere che "parlano di noi".

    Ti ringrazio perchè questo seppur piccolo particolare è un gesto molto bello. Il merito più grande però è tuo caro Claudio!

    ps. bella la frase di Alfiere :-): "Quando sarò vecchio potrò dire: io c’ero, io ero fra quelli che hanno iniziato!"

    Ciao a tutti.

  • credo che solo la storia ti darà ragione per questo lavoro meraviglioso di rendere veramente corte le lunge gambe delle bugie della clase politica di questa nazione… grazie garzie grazie…

  • Ciao Claudio,
    Volevo mandarti un messaggio di profondissima stima per tutto quello che fai, per il tuo impegno e anche per il talento nell’esposizione che non ti manca.

    Hai una dizione perfetta e a quanto ho capito fai tu i montaggi video, che sono mooolto carini.

    Sei grande, sei grande davvero.

  • Ho una proposta: viste le tante iniziative gia messe in atto da parte di associazioni e cittadini singoli, perchè non fornire anche il supporto della rete?
    Se le redazioni dei giornali hanno deciso di dare un minimo di vilibilità quando sono state invase dalle mail, perchè non utilizzare questo sitema, periodicamente?

    Subject:
    Mozione di Matera al Presidente della Repubblica

    Mailto:
    repubblicawww@repubblica.it; larepubblica@repubblica.it; unitaonline@unita.it; stampaweb@lastampa.it

    Caro Presidente,
    Il 22 novembre 2008, a Matera, si è tenuta una riunione denominata “Assemblea popolare per la giustizia in Basilicata”.
    Cinquecento persone – avvocati, docenti universitari, cittadini – e una decina di associazioni hanno firmato un documento che è una radiografia impressionante dello stato dell’amministrazione della giustizia in quella regione. Dove, com’è noto, i vertici della magistratura sono in grave crisi di credibilità da tempo. E dove, tuttavia, il procuratore di Matera, Giuseppe Chieco, e il procuratore generale di Potenza, Vincenzo Tufano, ancora adesso esercitano le loro funzioni, come se nulla fosse accaduto, e come se la cosa non li riguardasse direttamente.

    Leggi tutto:
    http://www.carlovulpio.it/Lists/PRIMO%20PIANO/DispForm.aspx?ID=12&Source=http%3A%2F%2Fwww%2Ecarlovulpio%2Eit%2Fdefault%2Easpx%3FPaged%3DTRUE%26p%5FData%5Fx0020%5Farticolo%3D20090122%252023%253a00%253a00%26p%5FID%3D16%26View%3D%257bB6E44987%252d7E33%252d493A%252dBB5E%252dA3A11130EEAD%257d%26PageFirstRow%3D6

    Testo della mozione:
    http://www.carlovulpio.it/Documenti/VentoPZMT/01-22nov2008-MozioneSullaGiustiziaInBasilicata.pdf
     

  • Non so come funzioni una redazione, ma oggi abruzzo24ore ha mostrato un’intervista a Chiodi in cui però non si è parlato delle false promesse agli abruzzesi… ora mi chiedo… visto che un’intervista ufficiale sull’argomento probabilmente non verrà mai concessa… non era il caso di "inchiodarlo", magari alla fine, chiedendogli della questione, anche se magari non si era lì per quello?

    Voi che ne pensate?

  • Caro Claudio ,le tue informazioni sono come sempre eccezionali ,tanto che i tuoi video li posto a tutti i miei amici.Visto che siamo in tema di "pubblicita’",il nostro sig. Bean. sta’ martellando al ritmo di 1 spot ogni 1/2 ora ,tutte le stazioni radio della provincia di Venezia ,sul fatto che il giorno 8 Febbraio sara’ all’inaugurazione della bretella autostradale sulla A4. Per l’ occasione terranno chiusa l’A4  dal casello di DOLO a quello di SAN DONA’ per ben 32 ore…hai capito bene…32 ORE.Alla faccia del debito pubblico.Ma guarda un po’…lo snodo autostradale piu’ trafficato e discusso del nordest…inaugurato dal sig. Bean.  PUBBLICITA’ ECCO COSA SA FARE…PUBBLICITA’. Un abbraccio FEDERICO

    PS : SEI GRANDE

  • Ormai a Berlusconi non gli basta più fare promesse in stile Abruzzo nella nostra Sardegna e parlare male del candidato del centro sinistra cosi blocca tutto quello che può bloccare: il polo chimico a Porto Torres , l’Euralluminia a Porto Vesme  ed è notizia di oggi il blocco dei lavori per il G8 a La Maddalena. Quello che segue è l’articolo che appare sul sito della Regione Sarda:

     

    CAGLIARI, 6 FEBBRAIO 2009 – Il Governo ha bloccato l’operatività dell’ordinanza firmata il 29 agosto 2008 dal Presidente del Consiglio dei Ministri, Silvio Berlusconi, con la quale venivano impegnati 10 milioni di euro dei fondi FAS resi disponibili dalla Regione per il completamento dei lavori di potenziamento dell’aeroporto di Olbia e l’adeguamento della viabilità di accesso allo scalo gallurese, opere previste nel Protocollo d’intesa del 10 luglio 2008 siglato dal Presidente della Regione, Renato Soru, e dal Presidente Berlusconi.

    Il Vicepresidente della Regione, Carlo Mannoni, questo pomeriggio ha inviato una lettera al Ministro dello Sviluppo economico, Claudio Scajola, prendendo atto della nota n. 0002015 con la quale il Dipartimento per lo Sviluppo economico e la coesione economica informava la Regione che non sono più disponibili quei fondi.

    "Si apprende in via ufficiale – scrive il Vicepresidente Mannoni nella nota – che l’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri non è più operativa, dal momento che il legislatore ha ridefinito il quadro degli interventi relativi al G8, e che l’utilizzo delle risorse FAS 2007–2013 da assegnare alla Regione Sardegna non può essere autorizzato in assenza di una nuova delibera CIPE che confermi l’ammontare di risorse destinate alla Regione".

    "Il venir meno della disponibilità finanziaria di 10 milioni, su cui la Regione poteva contare, rende ora prive di copertura due importanti opere. In particolare non può essere realizzata la nuova viabilità di accesso all’aerostazione, per un importo di 7 milioni 400mila euro e, soprattutto, viene meno la copertura finanziaria che avrebbe consentito lo spostamento di un tratto della S.S. 125 che oggi interferirebbe con la nuova pista di volo quale prolungamento della pista attuale", spiega Mannoni nella nota.

    Con quei fondi, però, verrebbero a mancare anche quelli (ben più consistenti) riguardanti tutte le altre opere legate all’evento del G8. Non più operativa l’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri, si registrano effetti ancor più gravi per tutte le altre opere, alla cui copertura finanziaria contribuiva lo stanziamento di 522 milioni di euro stanziato dall’ordinanza stessa, vale a dire:
    – 470 milioni di euro – Rete Fondamentale della Sardegna: S.S. 597–199 Sassari – Olbia (realizzazione della nuova 4 corsie);
    – 10 milioni di euro – Lavori di deviazione della S.S. 125 in prossimità dell’aeroporto di Olbia e lavori di connessione della S.S. 199 alla stazione portuale;
    – 2 milioni di euro – S.S. 125 "Orientale Sarda", in prossimità di Olbia, e messa in sicurezza del ponte sul Rio Padrongianus;
    – 10 milioni di euro – Nuova stazione FF.SS. passeggeri di Olbia e arretramento dal centro urbano;
    – 30 milioni di euro – Porto Torres: realizzazione del molo di levante.

    Nel Protocollo d’intesa sottoscritto nel novembre 2008 dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, dal Coordinatore istituzionale per il Grande evento del G8, dal Coordinatore della Struttura di missione, dal Presidente della Regione Sardegna, dal Presidente dell’Enac e dall’Amministratore delegato della Geasar Spa, la Regione interveniva con un apporto finanziario di 10 milioni di euro a valere sui fondi resi disponibili dall’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri, che liberava risorse finanziarie per le opere collaterali al G8 pari a 522 milioni di euro "quale anticipazione a valere sulle attribuzioni del programma attuativo FAS 2007–2013".

    Tutto ciò, sottolinea il Vicepresidente Mannoni, "si pone in palese contrasto con alcune recenti e ripetute dichiarazioni della Presidenza del Consiglio dei Ministri che, in merito ai lavori relativi alla realizzazione della nuova Sassari–Olbia a 4 corsie, per i quali sono state già bandite le gare d’appalto relative agli 8 lotti ed effettuata la prequalificazione delle imprese, parrebbero invece confermare la vigenza del relativo finanziamento".

    "Nel sottolineare l’estrema gravità per la Sardegna della mancata messa a disposizione di una importante fonte finanziaria, peraltro già attribuita alla Regione con la deliberazione n. 166/2007 del CIPE, si comunica che non si è in grado in questo momento di reperire fonti finanziarie alternative che consentano di supplire al venir meno del citato finanziamento di 10 milioni di euro destinato al potenziamento dell’aeroporto di Olbia ed all’adeguamento della relativa viabilità di accesso. E ciò anche in ragione dei poteri di ordinaria amministrazione che in questo momento sono attribuiti alla Giunta regionale".

     

     

    Caro Claudio, ecco come ragione il Premier: se non riesci a piegare i sardi 

    spezzali, schiacciali ma non permettere che sollevino la testa. 

    Un saluto da Cagliari dove stai diventando un mito. 

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi