L'informazione assassina


In qualsiasi altro paese del mondo, Giuliani sarebbe un eroe e le sue ricerche sarebbero state immediatamente recuperate dalla scaffalatura polverosa dove Bertolaso e la Regione Abruzzo l’avevano archiviata. Con tante scuse, con una laurea ad honorem e con un ruolo di rilievo nella ricerca sulla prevenzione dei sismi.
Bertolaso dice che non sapeva, ma sapeva fin dal 15 maggio 2006. E insieme a lui sapevano gli oltre cento partecipanti del seminario pubblico tenutosi il 13 luglio 2005 presso i Laboratori Nazionali del Gran Sasso.
«I sistemi per prevedere un terremoto già esistono dice Francesco Biagi, docente di Fisica all’Università di Bari –, è che mancano i soldi per perfe­zionarli. […] Fu proprio Boschi, oggi nemico dei precursori, a fa­re la previsione del 1985. Nel 2005 abbiamo presentato un progetto al­la Regione per l’installazione di 25 cen­traline per il rilevamento di radon e sta­zioni radio a bassa frequenza (alcune an­che nel Gran Sasso). Per un punto siamo stati esclusi dalla graduatoria e le prime centraline sono state disattivate»
A qualcuno conviene sostenere che nessuno può prevedere i terremoti. Anche se il Giappone ci si mette di impegno, anche se gli scienziati russi confermano esattamente il contrario. E accusano i sismologi di non collaborare.
Perchè i sismologi non collaborano? Perchè Enzo Boschi, Presidente dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, sostiene che è impossibile prevedere un sisma, quando guardando i grafici online di Giuliani ci riesce perfino un bambino?
Chi produce sismografi in Italia? Di chi sono quelli acquistati dall’INFV? A cosa servono, se la notte tra il 5 e il 6 aprile la protezione civile, dopo l’ennesima scossa di mezzanotte, invitava tutti a tornare tranquilli a casa, perchè non c’era nessun problema? A cosa serve l’informazione, se la televisione e i giornali hanno invitato tutti a non credere ai ciarlatani? Chi, alla RAI, ha censurato un’intervista a Giuliani realizzata pochissimi giorni prima del terremoto? Un’informazione omertosa diventa un’informazione assassina.
Nessuno può prevedere un terremoto, è vero. I terremoti non si prevedono perchè non c’è n’è bisogno: si vedono benissimo così. Su un monitor. Ha funzionato per mesi, anni, con un’accuratezza nella previsione che supera l’80%.
Chi ha dato retta a Enzo Boschi e alla protezione civile adesso è morto. Chi ha ascoltato Giuliani è vivo.  E ci racconta la sua storia.
Intervista a Stefania Pace
Claudio Messora: «Stefania Pace, residente a Poggio Picense (AQ) e reduce dal grande disastro nella notte tra il 5 e il 6 di aprile. Stefania, tu conoscevi Giampaolo Giuliani. Puoi raccontarci la catena di eventi che ha condotto a quella tragica notte e come è accaduto che tu ti sia salvata?»
Stefania Pace: «Ho conosciuto Giampaolo Giuliani qualche mese fa, tramite un amico comune che lavora presso il laboratorio di fisica nucleare del Gran Sasso. Ci siamo tenuti in contatto nei giorni successivi e lui mi spiegava, a spanne, guardando i grafici, come fare per prevedere 6, 12 o addirittura anche 24 ore prima un evento sismico, addirittura sia come intensità sia a livello di localizzazione dell’epicentro. Ogni volta che successivamente si sono verificate delle scosse, io lo sapevo in anticipo perchè Giuliani mi ha sempre avvertito telefonicamente. Io guardavo il grafico, chiedevo e lui mi spiegava per esempio che ci sarebbe stata una scossa di magnitudo 2.5, e puntuale la scossa si verificava.
Quella sera, la sera del 5 aprile, verso le 20.30 ci siamo messi a cena ed è arrivata una scossa di terremoto. Ho acceso il computer, ho guardato il grafico e mi sembrava fuori da ogni ragionevole parametro, perchè raggiungeva picchi altissimi e ho addirittura ipotizzato che fosse rotto il rivelatore. Ho chiamato Giuliani, che al momento non era davanti al computer, e che dopo avere controllato mi ha confermato che la concentrazione di Radon era molto alta, e che avremmo dovuto aspettarci una scossa. Alle 23.00 si è verificata una scossa di magnitudo 4.5, se non ricordo male, al ché sono uscita di casa con mio figlio più piccolo – mio marito e l’altro figlio non erano in casa – e ho chiamato nuovamente Giuliani. Giuliani mi ha detto di non poter parlare più di tanto, purtroppo, perchè aveva il telefono sotto controllo e una denuncia a carico. Mi ha comunque rilevato che per mezzanotte attendeva una nuova scossa. Anche quella si è verificata puntualmente.
Dopo la scossa di mezzanotte c’erano tante persone che si apprestavano a trascorrere la notte in macchina. E’ arrivata una persona della protezione civile di Paganica è ha detto a tutti di rientrare in casa, perchè non c’era pericolo, di stare tranquilli. La protezione civile assicurava che era tutto sotto controllo, la situazione era normale, non c’erano allarmi. Al chè la maggior parte delle persone che erano lì fuori sono rientrate, perchè la gente si fida della protezione civile.
Io invece ho richiamato Giuliani, prima dell’una, e lui mi ha detto che ci sarebbe stata una scossa più forte. Mi ha detto che avrei dovuto restare in macchina, di non rientrare. Io e la mia amica Patrizia abbiamo pensato che era il caso di avvertire tutte le persone che erano rientrate. Anche perchè ci trovavamo in località Il Colle di Paganica, un posto dove ci sono tutte case vecchie, in pietra, magari mai ristrutturate, per cui si sarebbero sbriciolate come poi è avvenuto. La mia amica e suo marito hanno cominciato a fare su e giù per i vicoli, cercando di tirare fuori le persone dalle case, suonando tutti i campanelli. Molte di loro si sono ancha arrabbiate, perchè dicevano “Ma come! La protezione civile ci ha detto di rientrare, e tu adesso ci chiami e ci fai uscire di nuovo di casa?“.
Con vari escamotage Antonio, Patrizia e io siamo riusciti a farle uscire di casa, almeno quelle che ci hanno dato retta, tra cui tre o quattro famiglie macedoni con bambini piccoli. La mia amica ha inviato messaggi anche ai residenti delle località Sant’Antonio, una parte molto vecchia di Paganica. Le persone sono uscite di casa anche da lì. Alle tre c’è stata la scossa. Abbiamo visto le case che ci si sbriciolavano davanti agli occhi, i fili della corrente prendere fuoco. Un inferno, ma le persone che erano lì con noi erano vive.
 Giuliani, indirettamente, ha salvato molte vite. Anche se lo hanno messo a tacere in questo caso è riuscito a dare un allarme e a salvare tantissime persone. Tutte quelle persone gliene sono grate, compresa me.
Eravamo disperati perchè non arrivava un’ambulanza, non arrivava una macchina dei Vigili del Fuoco. Non arrivava nulla. Cercavamo di chiamare i Vigili del Fuoco, le ambulanze, ma le linee erano intasate. L’unica telefonata che siamo riusciti a fare è stata al 118, ma ci hanno detto di non avere macchine, mezzi nè uomini e che appena si fosse liberato qualcuno l’avrebbero mandato.  La protezione civile ha sempre cercato di non creare allarme, ma in realtà l’allarme c’era. Bastava soltanto far uscire le persone di casa almeno dai centri storici per non causare tutte quelle vittime. Poggio Picense è un paese di circa 700/800 abitanti. Ci sono stati cinque morti, tutti nel centro storico cioè vicino casa mia, tra cui tre bambini. Quello poteva essere evitato!
Avevo parlato, un paio di giorni prima dell’evento sismico catastrofico, con l’Assessore all’Ambiente di Poggio Picense, che tra l’altro fa parte della protezione civile di Poggio Picense, e gli ho detto che avremmo dovuto montare qualche gazebo, che avremmo dovuto iniziare a preoccuparci perchè quegli eventi sismici avrebbero potuto essere preludio di qualcosa di più grande. Lui lo sapeva che io ero in contatto con Giuliani, ma non mi hanno mai chiesto nulla. Per tutta risposta, si è messo a ridere e mi ha detto: “I terremoti non si possono prevedere! Nessuno è in grado di farlo.”.
Ci sono state persone che comunque si erano preoccupate di avvisare le istituzioni e la popolazione che qualcosa stava succedendo. Nessuno ha dato loro retta. Io mi chiedo a questo punto chi pagherà per tutte quelle vite che sono state perse?
Claudio Messora: «Invece, nei giorni precedenti all’evento catastrofico addirittura sui TG regionali e sui quotidiani passava un messaggio…»
Stefania Pace: «Sì, passava il messaggio: “Non date retta ai ciarlatani! I ciarlatani dicono che prevedono i terremoti, e invece i terremoti non si possono prevedere”.
Questo ci fa capire quanto l’informazione sia stata in qualche modo complice di tutte queste morti. Un’informazione che dice state tranquilli, ci sta dicendo che pure se c’è un terremoto del quarto grado non c’è bisogno di uscire di casa tanto non c’è nessun pericolo. Io mi ricordo di quando ero bambina e c’erano terremoti – nel nostro territorio ce ne sono sempre stati -, beh: appena si sentiva la scossa di terremoto si usciva in strada, si dormiva nelle macchine. E nessuno ti veniva a dire Dormite nella case perchè non c’è pericoloLa gente si è fidata. Sbagliando, si è fidata!
Claudio Messora: «Tu hai seguito gli eventi del caso di Sulmona per i quali Giuliani ha ricevuto l’avviso di garanzia? Sai com’è andata?»
Stefania Pace: «In quei giorni ci siamo sentiti spessissimo. Io so che lui non ha mai detto che ci sarebbe stato un terremoto fortissimo a Sulmona. C’era stato un sisma, mi sembra alle 11 o alle 13 di due domeniche precedenti al nostro, e Giuliani mi aveva detto per telefono che se ci fosse mai stato un altro evento, ma doveva ancora verificarlo, sarebbe stato di minore o di pari intensità. Stiamo parlando di magnitudo 4.3. Quindi non ha procurato nessun allarme perchè un terremoto di magnitudo 4.3 può causare qualche lesione ma nessun danno grave.»
Claudio Messora: «Sai se Giuliani ha benificato di fondi, per le sue ricerche?»
Stefania Pace: «Non ha beneficiato assolutamente di nulla, anzi io so addirittura che ha acceso dei mutui anche contro il parere dei suoi familiari. E’ una persona assolutamente in buona fede, che agisce per il bene della collettività e non per interessi personalistici, a differenza di molti altri invece, tra politici e non.»
Claudio Messora: «Quindi se tanta gente, la notte tra il 5 e il 6, all’Aquila e dintorni si è salvata, lo si deve anche a Giuliani.»
Stefania Pace: «Credo proprio di sì… Credo proprio di sì!»

54 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Claudio, devi assolutamente calcare la mano con Annozero. Rompigli le palle, manda loro 400 mail al giorno… basta con questi FANTOCCI che blaterano di scienza seduti in parlamento grazie ad un GOLPE… basta.

    Sono sempre più basito dell’inefficienza della macchina statale, dell’ottusità dei responsabili, delle loro scuse prettamente "umane" e prive di logica (come si fa a dire "allora bisognerebbe allertare ogni notte tutta l’Italia"? Non ho parole…), basta veder SPARIRE MILIARDI DI EURO destinati alla ricerca ed alla prevenzione ogni anno per poi ritrovarsi con gli stessi problemi di sempre. Fatelo per rispetto di chi ci è morto a L’Aquila. ASCOLTATE chi ha buone cose da dire e mandate a cagare i personaggi di caratura squisitamente politica.

  • Sono FELICE di sapere che queste VERITA’ sono ormai FISSATE nella RETE e che IO ne posso USUFRUIRE….. E’ MERAVIGLIOSO: pensate cosa sarebbe stato di Giuliani se non ci sarebbe stato INTERNET! Sarebbe stato ingniottito dalle SABBIE MOBILI

    Veramente GRAZIE

  • direi che siamo veramente alla "frutta", il nostro paese stà semplicemente diventando inspiegabile. o no, non so, forse le spiegazioni sono molte? troppe?
    aiuto

  • Ribadisco il link.
    http://www.jma.go.jp/en/warn/

    Con metodi addirittura meno sottili di quelli di Giuliani, i Giapponesi prevedono i terremoti da anni, alcuni addirittura "a livello istituzionale":
    http://www.jma.go.jp/en/quake_tokai/

    In questo caso, si tenta di fare previsioni a medio termine.

    Quando dicono che nemmeno i giapponesi "prevedono" i terremoti, mentono, o giocano sul significato della parola giapponese "yokan" che indica previsioni precise e di amipa portata. Quando uno studioso giapponese sostiene che "non è possibile prevedere i terremoti", ha in mente il fatto che non si può avere la certezza di luogo, tempo e intensità con anni di anticipo. Le previsioni a brevissimo termine sono realtà quotidiana in Giappone. Chi usa la frase "nemmeno in Giappone…" lo fa o in malafede, o in completa ignoranza. Certo, questi metodi non erano ancora disponibili per Kobe, ma i Giapponesi non sono persone che stanno a guardare passivamente ciò che succede senza reagire…

    • i morti di un terremoto(soprattutto se anziani)contribuiscono alla richezza nazionale.se si prevedono i terremoti,come si farà a chiedere aiuto?

  • E’ un pò off-topic, ma voglio comunque segnalare questo articolo:

    ——————————–
    Terremoto – Ladri di macerie interviene la Procura

    di Pietro Orsatti

    «Confermata la denuncia dei giorni scorsi: lo strano movimento di camion che nel giorno di Pasquetta ripulivano i posti più chiacchierati ha insospettito anche l’autorità giudiziaria, che sulla vicenda ha aperto un’inchiesta…» [continua]
    ——————————–

    Ringrazio, oltre a Byoblu, tutti gli intervenuti per le preziose informazioni che hanno fornito.

  • La domanda è: se uno dice che ci sarà un terremoto, poi il terremoto avviene, può essere solo fortuna?

    Io non credo, ovvio che la sismologia non è una scienza esatta, ma più o meno precisamente qualche indicazione la dà, è abbastanza inutile negare l’evidenza!

  • Sono disponibili su internet i dati in tempo reale degli esperimenti condotti dal sig.Giuliani? Mi piacerebbe verificare di persona il margine di errore delle previsioni effettuate… ma non trovo nessun link in giro per la rete!

    • Erano disponibili in maniera open, poi da circa due o tre settimane sono stati resi disponibili solo a persone selezionate, mediante user e password, per evitare strumentalizzazioni.

  • Vista la situazione di totale fuori controllo circa lo stato di rischio del patrimonio edilizio e la totale incapacità predittiva (riconosciuta da ultimo ieri ad annozero dal Capo della Sala Italia della Protezione Civile Titti Postiglione), in ossequio ad elementari principi di prudenza, per salvarci la vita ci converrà diventare tutti fuorilegge.

    Potremo allora appellarci allo stato di necessità ed invocare il diritto di assecondare un cattivo presagio a fronte di nessun elemento noto (ivi e per prime incluse, impossibili rassicurazioni)? Potremo mantenere i diritti e le libertà inviolabili di credere e di autodeterminarci (art. 2 e art. 13 Cost.)? Di tutelare la nostra salute insindacabilmente (art. 32 Cost.)? Di circolare e soggiornare liberamente in qualsiasi parte del territorio nazionale giustappunto in difesa della nostra sicurezza ed incolumità personale (art. 16 Cost.) ed infine di manifestare liberamente il nostro pensiero con la parola, lo scritto, ed ogni altro mezzo di comunicazione (art. 21 Cost.) perché abbiamo a cuore al vita degli altri come un ennesimo valore di diritto naturale ed inviolabile?

    Potremo, sotto tali pressanti circostanze, legittimamente contravvenire al potere d’imperio di uno Stato che promana dalla società civile in tanto e in quanto sia capace a provvedere alla sua migliore tutela, e che invece si dimostra, sin d’ora, costituire una minaccia non diversamente evitabile?

  • ..FIGURATEVI CHE IERI C’ERA UNA PERSONA A CUI STAVO DICENDO CHE FORSE I TERREMOTI SI POSSONO PREVEDERE..MI STAVA PICCHIANDO E CONTINUAVA A RIPETERE GRIDANDO CHE I TERREMOTI NON SI POSSONO PREVEDERE…LA FORZA DEI MEDIA è STRABILIANTE!NON POTEVA CREDERE A QUELLO CHE GLI STAVO DICENDO SOLO PERCHè IN TV DICEVANO IL CONTRARIO!

  • Grande Cludio…

    Inanzitutto, ancora una volta grazie per il tuo lavoro…

    e poi COMPLIMENTI di cuore… sono un fan del tuo lavoro, del tuo sito, e della tua caparbietá…. il fatto che Beppe abbia pubblicatro un tuo video mi fa felice..

    ancora una volta ha vinto la vera informazione…. Bravo.

  • è assurdo che i migliori studiosi al mondo siano italiani e devono andare all’estero e che i peggiori polici del mondo devo essere in italia ("i" minuscola perchè non mi definisco + cittadino di questo paese. E questi polici, che dovrebbere rappresentare questo paese pur di avere auto fantastiche, ville gigantesche, jet privati, barche private, benefici di tutti i tipi, ecc…. se ne fregano delle persone arrivando alla morte delle stesse per ottenere il potere. Sentirsi i padroni di questo paese. Le persone muoiono, le case crollano e loro tagliano i fondi alla prevenzione, alla ricerca, allo studio, al lavoro con lo scopo di  accrescere il loro patrimonio e noi diventiamo sempre più poveri, sempre più inutili. Io abito a 50km dall’Aquila mio fratello è della casa dello studente e si è salvato per miracolo e vedo che miei concittadini non gli frega un cazzo della catastrofe, delle persone che hanno perso tutto,  continuano a vivere come se niente fosse accaduto. Faccio i complimenti a tutto il menefreghismo che fa parte di quella fascia di cittadini italiani, e faccio loro un augurio per la nuova mega villa fatta sulla vita delle persone. Bravi Ragazzi, si uccidono italiani per avere case più belle e macchine più lussuose. Se si avesse la possibilità di ridare la vita a quelle persone e far pagare il menefreghismo a molte altre….. Io è dà molto che non vedo più la tv fatta da puttane,isterismi vari, finti e venduti giornalisti (hanno persino sputtanato sul terremoto e sulla povera gente) , non sento più politici, e non dò loro più importanza. Si sfrutta un grande cataclisma per fare propaganda politica, farsi vedere intenti nei lavori e protagonisti anche loro, ragazzi in una settimana gli unici che hanno prestato aiuto sono la povera gente che ha aiutato la povera gente. Il resto se nè praticamente fregato, grazie imprenditori,politici, non state e avete cacciando 1€ di tasca propria per aiutare la povera gente.  Stipendi miliardari guadagnati sulla pelle della povera gente….e noi gente comune senza lavoro dobbiamo dare, oltre alle tasse che paghiamo, anche altri soldi ed aiuti vari a queste persone. Ma Dove Sono Gli Italiani Con Le Palle…..sono quasi tutti scappati da questo paese o messi in un angolo. GRAZIE AI POLITICI ITALIANI DI MERDA PER AVERCI DATO LA DISPERAZIONE, LA POVERTÀ, IL MENEFREGHISMO SU QUELLO CHE CI CIRCONDA, IL NON RISPETTO DELLA GIUSTIZIA. GRAZIE DI TUTTO IL MARCIO CHE CI DATE OGNI GIORNO.

  • Io sono scandalizzata. Maledizione fossi uno di quelli dell’Abruzzo nelle tende arriva qualsiasi esponente del governo e gli tiravo le maceri addosso, tanto che avevo da perdere??? anzi meglio finivo in galera, vitto e alloggio!!!

    Mi mandate in confusione! Adesso che faccio? Non ascolto più le istituzioni neanche quando c’è un pericolo? di chi cavolo mi devo fidare!! Maremma!! 🙁 volta buona che me ne vado da sto paese.

  • Vorrei sapere:
    nel caso in cui avessi familiari vittime di crolli, è possibile deunciare per omicidio colposo chi era a conoscenza dei fatti ma ha fatto ostruzionismo?

    se non omicidio colposo, quale altro reato? Come consigliate di procedere vista la portata "politica" dell’evento?

    grazie a Claudo Messora, un Giornalista serio e corretto come ormai pochi in questo sciagurato paese di lacchè.

    • Diciamo che, se ha fatto ostruzionismo, essendo l’ostruzionismo una declinazione del "conoscere gli effetti del proprio comportamento" (= crollo) e nonostante questo dar corso a tale comportamento, addirittura si passa all’omicidio doloso, come sta ipotizzando attualmente la magistratura…
      La colpa è altra cosa: sapere che una cosa NON si deve fare, ignorandone il perchè.
      Una persona competente, sa benissimo come si deve tirar su un’abitazione. Se metti meno ferro o troppa sabbia, sai benissimo che cosa succede.

      Premetto di non essere un esperto qualificato, ma l’avvocato Nicola Todeschini – Responsabile giuridico del progetto RIHOIR di cui sono fondatore –  lo è, ed è persona molto seria – anche perchè non ha conflitti di interesse né legami clientelari con nessun lobby politica o economica.

      Se il tuo problema fosse concreto o dovesse rivelarsi tale in futuro, sono sicuro che un suo consiglio ti sarà di aiuto.

      Claudio Solarino

  • BASTA PERLARE DI EVAQUARE UNA INTERA CITTA’!!!
    E’ UNA PALLA!!! NON BISOGNAVA SPOSTARE UNA INTERA CITTA’, BASTAVA SEMPLICEMENTE DIRE AI CITTADINI DI DORMIRE FUORI PER UNA NOTTE!
    QUANTA GENTE SI SAREBBE SALVATA SEMPLICEMENTE DICENDO QUESTO??
    SEMPLICEMENTE FACENDO DORMIRE FUORI CASA I CITTADINI.
    NESSUNA EVAQUAZIONE. NESSUNO SPOSTAMENTO.
    CITTADINI FUORI DI CASA INVECE CHE SOTTO LE MACERIE DELLA CASA.
    PIU’ SEMPLICE DI COSI’…NON CI VUOLE UNA LAUREA PER FARE UNA COSA COSI’ SEMPLICE.
    SCUSATE LO SFOGO, MA QUANDO CI VUOLE CI VUOLE!

    • HAHAHAH!
      EVAQUAZIONE CON LA Q!!! E’ vero!!
      Ma quanto sono ignorante??
      Scusate, è stato un "errore di sbaglio"  😀

    • Caro Marco,
      la tua  precisazione non è sottile e non è di poco conto. Eppure tanti hanno posto (e seguito pedissequamente) due sole alternative. Rischiare di morire in casa (che comunque è l’ultimo dei rischi che si deve correre – non è solo la probabilità dell’evento che conta, ma anche la sua magnitudo di danno), o sloggiare intere zone a carissimo prezzo.
      Bastava esattamente quello che hai detto tu.
      Ma di certo, una tale sfumatora calssificatoria non appartiene al pensiero bianco-nero del nostro nuovo Napoleone e dei suoi non pochi seguaci.
      E’ bello poter semplificare il mondo a slogan, ma è infine solo una suggestione che non fa i conti con la realtà e che dalla realtà viene spesso severamente punita.

      A conti fatti, dovremmo dire che il Governo, in questa mania di onnipotenza binaria, ha scelto questa volta il nero del lutto, sbagliandosi clamorosamente.
      Forse il vero partito della morte si è svelato in tutta la sua realtà ai nostri occhi, e forse oggi, più che mai, avremmo il diritto di poterlo chiamare così.

      Claudio S.

  • Bravo continua cosi..La cosa che rende piu tristi è il senso di abbandono risultante da una situazione di assoluta mancanza di difesa, data sia da un deficere di informazione sulla verità sia dalla difficoltà di coalizzazione di tutta la gente perchè credimi, chi è condizionato e lavato nel cervello favorisce tutto questo scempio..Complimenti per i video pubblicato su grillo.it

  • Premetto che sono sicuro che il metodo del Sig. Giuliani abbia una certa fondatezza scientifica, e che sia stato avversato, come sempre avviene, perchè avrebbe potuto dare fastidio ai latori della "scienza ufficiale", gradirei che definitivamente ci fosse spiegato nei minimi dettagli la metodica seguita dal Sig. Giuliani, in modo tale che ognuno di noi possa farsene un’idea ben precisa e quindi parlarne con cognizoine di causa. Grazie anticipatamente.

  • Ciao Claudio.
    Ho appena visitato il sito di Antonio Di Pietro. Non ho ancora bene capito qual’è il vostro tipo di collaborazione. Su quel sito ormai trovo spesso tuoi video, ma senza il logo del tuo blog e, nel caso dell’intervista a Giuliani, il tuo nome è stato sostituito addirittura con ‘inviato Idv’. Trovo irrispettoso questo tipo di atteggiamento da parte del sito di Di Pietro, politico che stimo e voto. Mi auguro che tu abbia già preso provvedimenti in merito per non lasciare che il tuo prezioso lavoro venga usato senza riguardo.

  • Ma è vero che Giuliani ha previsto un forte terremoto in molise, per fine aprile? Oppure sono voci di…sciacalli per sputtanarlo?

  • Perché Giuliani, nell’intervista con Bruno Vespa, ha affermato di aver passato la notte all’aperto mentre in realtà era in casa?

  • giuliani deve essere ascoltato…le sue ricerce devono essere valutate bene perche la scienza "uficiale" nn ha trovato sino ad ora delle risposte utili a prevedere i terremoti….FACCIO UN INVITO ALLA SCIENZA
                            SIATE MENO ARROGANTI E PIU UMILI
                            PERCHE ANKE VOI AVETE DELLE COLPE 
     sopratutto a riguardo delle costruzioni sopra le faglie

  • CIAO CLAUDIO,
    ANCHE IN ITALIA QUALCUNO HA RISPOLVERATO GLI STUDI ARCHIVIATI DA BERTOLASO.
    ALL’UNIVERSITA’ DI PISA, IN PARTICOLARE IL DOCENTE GIORGIO CURZIO DEL DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA MECCANICA, NUCLEARE E DELLA PRODUZIONE, STA SVOLGENDO STUDI PROPRIO NELLA STESSA DIREZIONE DI GIULIANI.
    PURTROPPO I MEDIA SONO TROPPO IMPEGNATI A RACCONTARCI LA DRAMMATICITA’ DELLA TRAGEDIA, LA STORIA DELLA GENTE CHE HA VISSUTO IL TERREMOTO (IL PRIMO BAMBINO NATO DOPO LA TRAGEDIA, IL PRIMO MATRIMONIO, LA NONNA CENTENARIA CHE NE HA VISTI E SUPERATI DUE ETC.).

    IN ITALIA C’E’ COME SEMPRE UNA PARTE DI PAESE CHE PENSA, COSTRUISCE, SEGUE E MOLTE VOLTE GUIDA IL FUTURO DELL’EUROPA. PURTROPPO QUESTA PARTE SANA VIVE E LAVORA NELL’OSCURITA’. E SI SA, QUELLO CHE NON SI VEDE IN TV SI CONSIDERA COME INESISTENTE.

    LA TELEVISIONE CI DISINFORMA, MA SOPRATTUTTO CI HA FATTO DIMENTICARE CHE QUALCOSA  PUO’ ESISTERE ANCHE SE NON L’ABBIAMO MAI VISTA.  QUESTO SIGNIFICA CHE CI HA FATTO PERDERE LA CAPACITA’ DI VEDERE OLTRE, DI CREDERE CHE L’ITALIA POSSA RISCOPRIRE LA PROPRIA FORZA NASCOSTA E RINASCERE COME PAESE MODERNO, DEGNO DI STARE IN EUROPA.

    IL CAMBIAMENTO DEVE INIZIARE PROPRIO DA QUI. INTERNET FA VEDERE CIO’ CHE LA TELEVISIONE NASCONDE. MOSTRA IN MODO DISINTERESSATO REALTA’ LOCALI PERDUTE. RICONQUISTIAMOCI LA VERITA’.

  • Ciao Claudio, ho pubblicato, come ti avevo annunciato, il mio post sulla censura del tuo video… se devo aggiungere altro non c’è problema! Lo troverai al link 
    http://giunglaitalia.blogspot.com/2009/04/la-libera-informazione-infastidisce.html sul blog giunglaitalia.blogspot.com
    Non sono riuscita a trovare il video della trasmissione "Chi l’ha visto" con l’intervista alla signora Pace…se hai notizie su come rintracciarlo mi farebbe integrarlo nel post.
    Sconfiggeremo tutti….la rete è infinita e compatta di fronte a queste porcate! Ringrazio Grillo e Di Pietro per essersi interessati alla questione (sono una che è sempre dalla loro parte)!

  • 1) in Giappone si prevedono i sismi con qualche ora d’anticipo? Scusate, ma un paio d’anni loro ebbero un isma di 6.8 gradi (come irpinia 1980) con 28 morti…com’è che non l’hanno previsto’ù
    2) la classe politica italiana fa schifo? Si, è sacrosanto, ma questi politici (cosa che sembra sfuggire a tutti!!!) sono eletti dagli italiani! Forse i primi a far schifo siamo proprio noi!  C’è da scommettere che quando il governo ha presentato il piano casa (cioè licenza di fare ogni possibile porcata in campo edilizio…) una buona porzione di italiani brava gente s’è fatta calare la bava dalla bocca in attesa che tal scempio potesse diventare legge. Insomma, abbiamo esattamente  ciò che meritiamo di avere, niente di più, niente di meno!

  • Attenzione!!
    La provincia dell’Aquila è ancora bombardata da terremoti che vanno dal 2.5 al 4.0. Appello a Giuliani. Salva quello che ce rimasto. Non ti tirare indietro adesso. Bertolaso è pronto solo a raccogliere vittime dove si può, altrimenti tombe a domicilio.

    Appello possibilmente da divulgare…
    Non ascoltate la protezione civile se vi dice che è tutto normale nella provincia dell’Aquila in questi giorni. La gente dorme in tende, anche in città che sono rimaste leggermente lesionate. Il pericolo più grande resta Avezzano e Sulmona con annessi comuni limitrofi. Non dormiamoci sopra. Potrebbe ripetersi quanto accaduto all’Aquila. Ogni ora ci sono scosse. Ogni notte ne arrivano di forti. La televisione già se ne frega e di questo non parla. L’ultima proprio ieri sera e questa mattina sentita nelle città menzionate… Dove li troviamo altri miliardi di euro se dovesse ripetersi la tracedia? L’Italia TUTTA è in pericolo… [questo non è allarmismo e/o ridicolamente definito da Bertolaso (terrorismo)] Terrorista è chi fa vittime pur sapendo di poterlo evitare….

    Firmato da:
    http://ingiustiziecomuni.blogspot.com/

  • Possibile che pochi  uomini che non si fanno scrupoli usando il potere possono  ingannare tanti  Uomini.
    E’ diventata  un’abitudine  aggiustarsi le situazioni  per  non  prendersi  responsabilità, CHI  VA  CON  LO  ZOPPO  IMPARA A ZOPPICARE. 
                                    BUON    PROSEGUIMENTO  …..  ai  molti  Uomini 

  • Possibile che pochi  uomini che non si fanno scrupoli usando il potere possono  ingannare tanti  Uomini.
    E’ diventata  un’abitudine  aggiustarsi le situazioni  per  non  prendersi  responsabilità, CHI  VA  CON  LO  ZOPPO  IMPARA A ZOPPICARE. 
                                    BUON    PROSEGUIMENTO  …..  ai  molti  Uomini 

  • Possibile che pochi  uomini che non si fanno scrupoli usando il potere possono  ingannare tanti  Uomini.
    E’ diventata  un’abitudine  aggiustarsi le situazioni  per  non  prendersi  responsabilità, CHI  VA  CON  LO  ZOPPO  IMPARA A ZOPPICARE. 
                                    BUON    PROSEGUIMENTO  …..  ai  molti  Uomini 

  • Nessun complotto ragazzi.
    Al momento non è possibile prevedere DOVE, QUANDO e che INTENSITA’ avrà un terremoto. E quasi sicuramente non lo si saprà mai. Dobbiamo invece impegnarci a costruire secondo criteri antisismici.

  •  
     
    IL metodo giapponese cui avete fatto riferimento (http://www.jma.go.jp/en/quake_tokai/guide.html) non ha nulla di scientifico.
     
    Quanto a Sergey Pulinets,non è il primo nè l’ultimo tra gli studi sul radon. Non ci sono ancora le basi scientifiche sulle quali attribuire al radon il ruolo di precursore effettivo dei terremoti. Un metodo,per essere scientifico,deve basarsi sulla ripetibilità,in ogni quando e dove,di un dato esperimento.L’esperienza induce ad usare cautela…del resto,se fosse certo questo sistema,perchè Sergey Pulinets non ha lanciato l’allarme PRIMA del terremoto o perchè non ha sostenuto le previsioni di Giuliani (a Sulmona,una settimana prima della data effettiva)? Coma mai parla DOPO? Che razza di previsioni sono??
     
    Inoltre vorrei sapere a che pro i sismologi non dovrebbero dire che si possono prevedere i terremoti se fosse possibile prevederli. Le teorie del complotto spopolano su internet,questa si va ad aggiungere con onore alla lunga serie.
     
     
  • Complimenti, Claudio, bella intervista.
    Ti ho votato per il premjo Ischia, ti auguro di vencerlo.
    Che voi sappiate, qualche televisione nazionale ha mai trasmesso un’analoga intervista a Stefania Pace?
  • Ho apprezzato la determinazione con la quale avete affrontato il problema del terremoto. Continuate ad essere presenti perchè le notizie ufficiali non corrispondo alla relatà che L’Aquila sta vivendo.

  • Io non sono uno scienziato ,ma all’universita’ ci è stato sempre detto che è impossibile prevedere i terremoti ,adessso però esistono nuove tecniche che sono acclarante da diversre universita’ nel mondo ,trovo dunque irragionevole e sospetta questa chiusura da parte dei nostri esperti e politici ai nuovi metodi di previsione.Grazie Claudio per cio’ che fai .PER UNA INFORMAZIONE LIBERA SEMPRE HO VOTATO PER TE AL PREMIO iSCHIA. 

  • A distanza di anni ancora nessuno dei responsabili sembra aver pagato per le proprie colpe….

    Quello che è successo tra la notte del 5 e 6 Aprile non deve più accadere, ma in Italia ci sono ancora moltissime abitazioni e edifici pubblici a forte rischio..

     

  • I più visti

    Sostieni l’Informazione Libera

    Hot News

    Top

    Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi